(navigation image)
Home American Libraries | Canadian Libraries | Universal Library | Community Texts | Project Gutenberg | Children's Library | Biodiversity Heritage Library | Additional Collections
Search: Advanced Search
Anonymous User (login or join us)
Upload
See other formats

Full text of "Rivista geografica italiana"

This is a digitai copy of a book that was preserved for generations on library shelves before it was carefully scanned by Google as part of a project 
to make the world's books discoverable online. 

It has survived long enough for the copyright to expire and the book to enter the public domain. A public domain book is one that was never subject 
to copyright or whose legai copyright term has expired. Whether a book is in the public domain may vary country to country. Public domain books 
are our gateways to the past, representing a wealth of history, culture and knowledge that's often difficult to discover. 

Marks, notations and other marginalia present in the originai volume will appear in this file - a reminder of this book's long journey from the 
publisher to a library and finally to you. 

Usage guidelines 

Google is proud to partner with libraries to digitize public domain materials and make them widely accessible. Public domain books belong to the 
public and we are merely their custodians. Nevertheless, this work is expensive, so in order to keep providing this resource, we bave taken steps to 
prevent abuse by commercial parties, including placing technical restrictions on automated querying. 

We also ask that you: 

+ Make non-commercial use of the file s We designed Google Book Search for use by individuals, and we request that you use these files for 
personal, non-commercial purposes. 

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort to Google's system: If you are conducting research on machine 
translation, optical character recognition or other areas where access to a large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the 
use of public domain materials for these purposes and may be able to help. 

+ Maintain attribution The Google "watermark" you see on each file is essential for informing people about this project and helping them find 
additional materials through Google Book Search. Please do not remove it. 

+ Keep it legai Whatever your use, remember that you are responsible for ensuring that what you are doing is legai. Do not assume that just 
because we believe a book is in the public domain for users in the United States, that the work is also in the public domain for users in other 
countries. Whether a book is stili in copyright varies from country to country, and we can't offer guidance on whether any specific use of 
any specific book is allowed. Please do not assume that a book's appearance in Google Book Search means it can be used in any manner 
any where in the world. Copyright infringement liability can be quite severe. 

About Google Book Search 

Google's mission is to organize the world's Information and to make it universally accessible and useful. Google Book Search helps readers 
discover the world's books while helping authors and publishers reach new audiences. You can search through the full text of this book on the web 



at |http : //books . google . com/ 































Rivista geografica italiana 



Digitized by 



Google 



w 



^io^ \HH^.\ 



I - . 
AUG 1 




l^arbart College 2.tbrarg 



FROM THE 



BRIGHT LEGTACY. 

Dcscendants of Henry Briphtjr., who dicd at Water- 
town, Mass., in i(a6,ureentitled toholdscholarshipsin 
Harvard College, cstablished in iS8o under the will of 

JONATHAN BROWN BRIGHT 

of Waltham, Mass., wilh one half the income of thU 
I^gucy. Such dcscendants failing, other persons are 
ellgible to the scholarships. The will rcquirea that 
this announcemcnt shall be made in every hook added 
to the Library under its provisions. 




Digitized by 



Google 



Digitized by VjOOQIC 



V 



Digitized by VjOOQIC 



Digitized by VjOOQIC 



^^ 








rA.' 


S <°l 


' 1 « 




X^ 


5 1 


ù> (D 0} 




■0^ 


M ^ 


! 


4- a> •*- 

■r- 02 (D 




& 


S S' d 


^ 


0) ;:^ l: 




H 


<• 


1 a> o o 

m H -H *^^ 
M *40 4- 


• 


0^ 
U 


1 1 . 

9 U 
Si. ^ 

"2 ^ 


) 


o o o 

O / ci 

H H o Q 

'-5 -H (.J 


4- 


(4 

H 

(0 1 

d 


S 1 




H H 60 

o 4 « r. • 

^ M rc^ -H n 


co 


s 




^ ^ ^ ^ 1=^ 


rf 




s * ?^ 




o c3 o C3H 
; ^ o o +j o 


>i 




l't * 










4^' O H H-J 






^" ir 




, ^ -i- U 3 






o S X • 










U ...c3 2 S 








Ul w tT J" e 


1 


•;^ P.-+-' n ^ 






E i: ^ *? 


1 


T'i Lì O O 






0^ 52:'r i2 4, 


• • 








BRA 
Stai 
ospi 
uè d 


•H 
C 








u ^XX 




^ -H a>' o - 






S -io- 


s 


> M > « 






«^ EnC^Ì 




'^ O (y .':^ 







Digitized by 



Google 



Annata VII. Fascicolo I. 





^(AAZ^i*l 



^^ Gennaio 1900. 



:fd,. 




r£3 



16 ffiOQt Iettino 

i^ELLA SOCIETÀ DI STUBI GEOGRAFICI E COLONIALI 



FIRENZE 



Direttore: Prof. G. MARINELLI, Plaaa d'AiegUo, 12"* Firenze. 

Redattore: ATTILIO MORI, Via .S. Gallo, 81, Firenze. 



K%V>.XX>.X,'\,X,X«KXXX< 



Sommario del presente fascicolo. 



■•■i*rie •rf^laali. — Olinto Marinelli, Cavita di erosione nei terreni gessi- 
feri di Fabriano. — Michele Rajna, Appendice a una discussione su Vuni- 
ficatione del calendario^ il meridiano iniziale per le longitudini e Vora 
universale. — Antonio Lopkrfido, Misura della latitudine col metodo di Tal- 
cott. — Pietro Griraudi, La Patagonia secondo recenti studi, — R. B., Il 
XII Congresso Inter-nazionale degli Orientalisti. 

■•tisi». — Geografia fisica. — Statistica. — Varia. 

9IMI«Kr«lla. — Christian Garnier, MtHhode de transcription rationnelle gène^ 
vale des noms géographiques (G. Grasso). — Ug olino Ugolini, Nota prelimi- 
na-re sulla flora degli anflteatri morenici del Bresciano^ con speciale riguardo 
al problema delle glaciazioni (Carlo Errerà). — E. Rodocanacchi, Aventures 
d'-^n gì*and seigneur italiesi à travers l'Europe i606 (Guido Bigoni), 

■l¥l»4« del Peri««iiei. — Società Geografica Italiana « Bollettino » (Novembre, 1899). 
IdLem. (Dicembre 1899). — Idem. (Gennaio 1900). — Aunales de Geographie. 
(15 Novembre 1809). — Petermanns Mitteilungen, (X, 1899). — Idem. (XI, 1899). 
Idem. (XII, 1899). — The Geographical Journal, (Voi. XIV, N. 4, Ottobre). — 
Idem. (Voi. XIV, N. 5). — Idem. (Voi. XIV, N. 6). — The Scottish Geographical 
llagazine, fV^ol. XV, N, 12, Dicembre 1899). 



.X.XXX.^^.'^-W^.'WW'WX'VX.XXXX.^.'* 



ROMA 
Società Editrice Dante Alighieri 

Gorgo (angolo del Oaravita N. 6) 

' 1900 



Digitized by 



Google 



SOCIETÀ EDITRICE DANTE ALIGHIERI 



PUBBLICAZIONI PERIODICHE PEL 1899 

^j^ 

Biblioteca Storica del Risorgimento Italiano 

diretta da T. CASINI e V. FIORINI. 

Di questa Biblioteca si sono pubblicati i seguenti volumi: 

1. y. Fiorini. — Oli atti del Congresso Oispadano. Voi. di pag. 206. — L. 2. 

2. G. Carduooi. — I*e prime vittime di Franoéseo XV, daca di Modena. Notisie di A. Pa- 

nizzi. Voi di pag. 280. — L. 2. 
8. T. C A SIITI. — Z.a rivoluzione di Milano nell'aprile 1814. Kelazioni storiche di L. Arm.a> 

roU e C. Verri Voi. di pag. 200. — L. 2. 
4. QiovAvni SroBZA. — Oaribaldi in Toscana nel 1848. Voi. di pag. 72, L. 1. 
5-6. T. Gasinu — Memorie di nn veootiiò carbonaro ravennano. (P. Ucoellini). Voi. di 

pag. 300, ti. 3. 

7. D. Zanichelli. — Z.O Statuto di Carlo Alberto. VoL di }>ag. 150, Ij. 2. 

8. P. S. Mancini. — Belazione sni fatti del 16 ICasrerio 1848. Voi. di pag. 200. L. 2. 

9. Alessandro Luzio. — I*e oinqne grlomate nelle narvasioni austriache. L. 2. 

10. Baffasle Belluzzi. — La ritirata di Oaribaldi da Berna nel 1848. 

11. Luiai Bava. — D. A. Farini e la eoa *' Memoria atortoa „ «olla Homaffna dal Ì7e8 

al 1828. 

12. V. Fiorini. — OU scritti di earlo Alberto sul 1881. 

Bella BIBLIOTECA STORICA DEL RISORGIMENTO ITALIANO si pubblica un vo- 
lume ogni mese, posto in vendita a prezzo proporzionato alla sua mole. Dodici 
numeri formano una serie. — Chi si abbona ad una intera serie pagherà sola- 
mente lire 12 e cioè Lire una per ogni numero, la quale si può anche versare al- 
• l'atto del ricevimento del volume. — Per abbonarsi basta inviare alla Società 
Editrice Dante Alighieri^ Via del Corso angolo del Caravita, n.^, Eoma, una 
cartolina vaglia di L. 12 ceto la dichiara^ione di associarsi a tutta la 1* serie 
e si riceveranno subito franchi di porto i volumi fino ad ora pubblicati. 

(GIÀ ITALIA e VITA ITALIANA) 
diretta da DOMBXICO GIVOLI 

Pubblicazione illustrata mensile nella qua le collaboran o 1 più illustri scrittori ed artisti italiad 

Por r Ralla un semestre L. Il ; un anno L. 20. 
Per rutilone Postalo, un sem. (oro) L. 18; un anno L. 25. — Fuori dell'Uà, pattale, un anno L. 88 
Prezzo di un fascicolo separato Lire IHIE , __^__ 

~ Tua N tTn nGEOGRTplc FT lementare 

PEB LE VABIE BEGIONI D'ITALIA 

composto e diretto dal professor GIOVANNI MARINELLI 

Ordinario di Geografia nel B. Istituto di Studi Superiori in Pirence 

Disegnato dal cav. G. E. Pbitzschr 

Un atlantblO per ciascuna delle seguenti Begioni : 
Piemonte, Liguria-Nizea-Coraica, Lombardia-TicinOy Veneto-Trentino e Litorale, Emiliaf 

Toscana, Marche e Umbria, Laeio-Abbruzzi e Molise, Campania, Puglie e Basilicata, 

Calabria, Sicilia, Sardegna. 

Ogni atlantino contiene le seguenti carte : 
1. Carta topografica, speciale : pianta e prospetto della Scuola, pianta e prospetto di una 
piazza prinoipale, pianta della Città principale della regione, tipo di paesaggio ; — 
2. Carta della regione divìsa per provinole e relativi confini, scala 1:1600000; — 8. Carla 
fisica d'Italia; — 4. Carta politica d'Italia colle divisioni regionali e per Provincie; — 
5. Carta fisica e oofltiCA d'Eureoa: -- 6. Carta fisica a nolitlca dairasia: — 7. Carta fisica 



Digitized by VjOOQIC 




RIVISTA GEOOBAFiCA ITALIANA Aono VII. Fase. I. • Gennaio 1900 



MEMORIE ORIGrNALI ^^Oé\ 



I 

Cavità di erosione nei terreni gessifori di Fabriano | 

di OZiINTO MARINBLI.I ^^ 

M 

Uno studio morfologico da me fatto, tre anni or sono, nella Sicilia, ^^ 

metteva in luce quale numerosa serie di fenomeni analoghi a quelli >^ 

carsici, presentassero le regioni gessifere dell'Isola (1). Sembrava 
naturale il pensare che qualcosa di analogo si dovesse trovare an- 
che nella Penisola dove continua, più o meno saltuariamente, la stessa 
zona circumappenninica di terreni terziari. Per quanto sviluppata 
assai diversamente da luogo a luogo e spesso mancante per tratti 
relativamente estesi, ovunque compare quella fascia miocenica di for- 
mazioni gessifere, presenta caratteri geologici e litologici tanto simili, 
da destare meraviglia, quando si pensi al suo decorso, che dalla 
regione trapanese al Piemonte, misura oltre 1500 chilometri di 
lunghezza. Né molto diverse da quelle geologiche potevano, presu- 
mibilmente, essere le risultanti condizioni morfologiche. Però dal 
punto di vista ultimamente indicato e più precisamente da quello 
della formazione di cavità superficiali e sotterranee, per azione di- 
retta od indiretta della presenza dei gessi, quei terreni erano stati 
ben poco studiati, nel mentre d'altro canto avevano dato occasione 
'a molte ricerche geologiche; anche perchè spesso all'interesse scien- 
tifico, si univa l'utilità pratica. 

Le mid indagini bibliografiche, intese a rintracciare tutte le no- 
tizie che si avevano su fenomeni di tal natura nell'Appennino, riu- 
scirono scarsamente fruttuose. Pochi autori, infatti, ricordano feno- 
meni d'erosione nei gessi o da essi causati, e sempre incidenzialmente. 
Tuttavia vale la pena di tenerne conto, non solo perchè talora sono 



Digitized by VjOOQIC 



iijj.nup^ii «»i" • - • ' •** ^^msnwRm^" ^r^^ipippippi 



2 "U 



descrìtte delle particolarità assai degne d'attenzione, ma anche sem- 
plicemente per lo studio della distribuzione geografica del fenomeno 
e per ricavare norme per ulteriori ricer<5he. Anzi qui credo conve- 
niente accennarne brevemente. 

Anzitutto trovai una notizia la quale concerne una regione adria- 
tica, non propriamente appenninica, e precisamente il Gargano, ove 
con la locale presenza di gessi (di età non veramente ancora con 
sicurezza irssata) sono collegati dei singolari fenomeni di spro- 
fondamento, i quali si manifestarono durante alcuni movimenti si- 
smici avvenuti nel 1894. In tale circostanza (1) si formarono nelle 
sabbie dei pressi del lago di Lesina alcune buche, a forma di campana, 
di piccole dimensioni, che furono dallo Squinabol giudicate conse- 
guenza del crollo di volte, ricoprenti cavità dei gessi sottostanti. La 
caduta di tali volte e la conseguente formazione degli imbuti nella 
sabbia sovrapposta, avrebbero avuto quale causa determinante la vio- 
lenta vibrazione del terremoto. La natura mobile del materiale in cui 
erano scavati tali imbuti, non permise, a quanto credo, la loro con- 
servazione, per cui evidentemente si trattò di forme estremamente 
passeggiere. 

Passiamo ora alla fascia dei terreni gessiferi appenninici, certa- 
mente terziari. 

Alcuni fenomeni d'erosione nei gessi miocenici dell'Appennino bo- 
lognese, furono studiati già parecchi anni or sono dal Cappellini, che 
ne rende brevemente conto nella memoria intitolata: « Sui terreni ter- 
ziari di una parte del versante settentrionale dell' Appennino » (2). 
I fenomeni descritti ed illustrati dal Cappellini si osservano nei gessi 
dei dintorni di Monte Donato e Miserazzano, sulla destra del Reno. 
Sono spucialmente interessanti delle cavità risultanti da numerosi 
solchi (talora simili a crepacci) disposti radialmente e convergenti 
verso un punto piii depresso, dove sono assorbite le acque piovane, 
che scavarono i solchi medesimi. Alcune di queste cavità sono ab- 
bastanza profonde. In una, descritta dal Capellini, furono misurati 
15 metri di profondità. 



(1) Wdi in proposito: Del Viscio G., I terremoti di Lesina *Bìi\ì. mens. del- 
r Oss. di Moncalieri » Serie li, N. 9. Voi. XIV. Sett. 1894. 

Bassani C. Sulle piccole cavita formatesi nella spiaggia garganica col terre- 
moto del ^5 marzo 1894. Ibid. Nov 1894. 

S. Sqlinabol, Dal Fortore al Gargano. Note di escursioni. Estr. d. « Ri- 
nascimento » Anno I. fase. I. 1895. 

(2) Estratto dalla Serie III, Tomo III, delle « Memorie dell' Acc. delle Scienze 
dell' Istituto di Bologna ». Bolo^rna, 1876, pag. 15 (599), nota 2, tav. I. 



Digitized by VjOOQIC 



Presso i numerosi altri aatori, che si ocouparono dei terreni ter- 
ziari dell'Appennino centrale e settentrionale, dove lungo il versante 
adriatico sono tanto sviluppati i terreni gessiferi messiniani, non 
trovai altra indicazione, tranne un brevissimo cenno del prof. Tra- 
bucco (1) il quale ricorda come nell'Alto Monferrato, all'erosione 
delle lenti di gesso corrispondano € scompigli di strati, caverne, 
condotti ecc. » 

Del resto questa scarsezza di notizie, intorno a cavità più o meno 
analoghe a quelle carsiche, relativa ad una regione dove i terreni 
gessiferi hanno tanto sviluppo, si doveva presumere dipendente, ol- 
treché forse dalla incompletezza delle mie ricerche bibliografiche, 
in massima parte dalla trascuranza con cui, in generale, i geologi (di 
geografi esploratori in Italia si può appena parlare) considerano 
queste ricerche morfologiche, non già dell'effettiva rarità di quei fe- 
nomeni. 

Ciò è provato anche dalle ricerche da me di recente fatte nei ter- 
reni gessiferi dei dintorni di Fabriano e di cui rendo brevemente 
conto nella presente nota. 

Già dell'esame della carta topografica (tavoletta « Fabriano ») 
avevo ricavato come in quella regione, dove sapevo esistere una 
breve area di formazioni messiniane, si dovessero trovare delle 
cavità, le quali, dal disegno, si potevano ritenere più o meno vi- 
cine alle note doline carsiche. Un esame diretto era necessario per 
fissarne la vera natura e la presunta relazione loro con i terreni 
gessiferi. Ne il risultato di una escursione, da me fatta nello scorso 
ottobre, poteva ^ssere più convinciente. 

I fenomeni morfologici, appena accennati dalla carta topografica, 
si osservano in un gruppo di piccole e basse colline, poste a nord- 
ovest di Fabriano, che costituiscono, con i piatti loro culmini, una 
specie di poco esteso altipiano ondulato, elevato quasi ovunque fra 
i 350 ed i 400 m. (punto culminapte colle Batello, m. 424 secondo la 
tavoletta). Accanto ad essi abbiamo un notevole sviluppo di gessi, 
coi quali sono, nel modo più evidente, collegati. 

I giacimenti di gesso trovansi disposti a guisa di grosse lenti, 
più meno collegate fra loro, in modo da formare quasi uno strato, 
qua e là discontinuo e di variabile spessore, fra due depositi argil- 
losi. Tale strato è incurvato a forma di sinclinale a conca assai poco 



Digitized by VjOOQIC 



accentuata, per cui tutto intorno abbiamo deboli indicazioni (non più 
di lo"*) convergenti presso a poco verso un centro comune, dove do- 
mina una quasi perfetta orizzontalità dei terreni. La parte piii pro- 
fonda di tale conca geologica (periclinale) è occupata dalle argille 
più recenti, le quali formano quasi per intero V area superiore del 
piccolo altipiano prima indicato (Vedi fig. 1.* e 2.*). I gessi alla 
lor volta affiorano perifericamente, formando quasi una cintura con- 
tinua, esternamente alla quale si trovano le argille più antiche. Que- 
ste sono di potenza molto superiore alle prime e vanno a sovrapporsi 




Fig. 1.^ — Schizzo doU'area g*esalf&ra fabrianeee oon le relative cavità di ero- 
sione. — (Scala 1 :5C000). 

Avvkrtknzh: Con lineette parallele oblique è sognata la zona anulare di affiora- 
mento dei terreui {jessi/eri; con tratteggiate orizzontali la regione formata dalle 
marne scagliose langhiane; le superficie lasciate in bianco sono occupate dalle argille 
(superiori od inferiori ai ^ossi) qua e là ricoperte da alluvioni quaternarie ed attuali, 
le quali non sono in alcun modo distinte nello schizzo. Lo cavità dì erosione nei gessi 
sono indicate schematicamente con un tratteggio topografico; le grotte assorbenti 
terminali cuu dei circi.letti. La numerazione progressiva trova riscontro nel testo. 

Jja punteggiata A A sogna il decorso del profilo disegnato, in maggioro scala, 

alla fig. 'J.^ 

alle marne scagliose, certamente langhiane, assai sviluppate nei din- 
torni di Fabriano. Tali argille inferiori, salvo che per la loro pesi» 
zione stratigrafica, non si distinguono gran che da quelle sovrapposte 
ai gessi. Questi poi presentano caratteri perfettamente analoghi a 
moki del resto deirAppennino centrale, sono cioè raramente puri 



Digitized by 



Google 



e a cristalli ben distinti, ma in genere sabbiosi e variamente intra- 
mezzati da marne fissili bituminose e, nella parte saperiore, da 
qualche banco di melassa. Talora mostrano Taspetto come di una 
breccia. Le argille che racchiudano i gessi sono in generale di co- 
lore scuro ed abbastanza pure. 

La serie anulare degli affioramenti gessosi è accompagnata da una 
corona di cavità caratteristiche, molto analoghe ai zubbii da me os- 
servati in Sicilia (Vedi fig. 1.*). Si tratta di conche, in generale asim- 
metriche, a guisa di valloncelli chiusi morfologicamente, il cui sfogo 
idrografico è sotterraneo ed ha luogo mediante delle voragini o fes- 
sure, aprentesi nel fondo. Tali grotte finali (dette pozzilli) si tro- 
vano sempre scavate nel gesso e corrispondono quindi al contatto 
fra questa roccia e le argille. 

Le cavità esterne (dette buche) sono per conseguenza incise in 
entrambi queste formazioni, ma mentre in generale i gessi interven- 
gono, per lo più, solo a formare una ripida parete o pìccolo dirupo, 
superiore alla grotta di sfogo, il vero fondo della vallecola e i suoi 
fianchi sono completamente argillosi. Anzi è notevole il fatto che le 
buche da me esaminate, diverse per dimensione e per particolarità 
nella forma, nel complesso si assomiglino assai fra di loro, pure es- 
sendo in parte scavate nelle argille inferiori ai gessi, in parte, e sono 
le più, in quelle superiori (Vedi fig. 2.*). Il fatto qui notato mi sembra 
importante per lo studio del fenomeno dal punto dì vista genetico. Se 
le buche fossero state tutte scavate nelle argille superiori, e in quel 



Cavità d'erosione 
T. Bono n.® 5. 



Cavità d'erosione 
T. Putido n.» 8. 






-''^-~---r- -,- - -jr_r.""::--:^ 



':1€V<' 



Fig. 2.* — Profilo ffeoloirioo attraverso l'area sroaslfera fkbrlaneao. 

(Scala 1:20000). 

Avvkstbszk: Il decorso del profilo è segoato dalla panteggiata A A della fig. 1^. 

Sono indicate con la lettera a: le argille superiori ai gessi; con b: lo strato gessi- 
fero; con e: le argille inferiori; con d: le marne scagliose langhiane. 

caso topograficamente si sarebbero trovate tutte nelP interno della 
cintura gessosa, si avrebbe potuto pensare subito alla loro origine 



Digitized by 



Google 



per sprofondamento di volte, superiori a cavità, precedentemente 
formatesi nei gessi. Il trovarsi esse anche nelle argille più antiche 
esclude che questa sia l'unica e la principale causa del fenomeno. 
D'altro canto un altro fatto va rilevato, che esse, quasi in ogni caso, 
sono collegate con gessi affioranti, non con quelli sotterranei, ciò che 
è indicato fra altro dalla loro disposizione a corona tangente l'anello 
dei gessi. Perciò bisogna andare a cercare la causa principale della 
loro origine unicamente nelle azioni fisiche esteme. E qui è facile 
pensare all' erosione chimica delle acque superficiali, le quali pro- 
fittando di fessure preesistenti nei gessi, formano dei piccoli con- 
dotti e cunicoli sotterranei i quali divengono man mano più larghi. 
Essi emungono le acque superficiali di un bacino, originariamente 
limitatissimo, ma che pure tende ad ingrandirsi ed approfoDdir^i 
via via maggiormente. Quando le grotte assorbenti, infatti, hanno rag- 
gianto una certa ampiezza, sono in grado di esportare con le acque, 
non solo sostanze disciolte chimicamente, ma anche, sotto forma di 
torbide, dei materiali meccanicamente sospesi. Perciò Fingrandire di 
una qualunque di queste cavità superficiali può essere relativamente 
rapido ed è favorito dalla facile erodibilità delle argille e dalla sotti- 
gliezza dei loro elementi. Le forme che ne risultano, quando il pro- 
cesso è un po' avanzato, devono essere assai simili; alla grotta di 
sfogo convergono una o più vallecole, che non possono mai avere 
ripide sponde perchè le argille, più o meno imbevute di acqua, per 
successivi smottamenti e scivolamenti, mantengono una pendenza di 
equilibrio non molto forte, e che non è mai definitiva, per il con- 
tinuo approfondirsi della cavità. Questi assestamenti dei materiali^ 
lasciano traccia nella forma delle pareti delle cavità, che osservai 
spesso irregolari per successive ondulazioni (specialmente buche 
2 e 3) ed a profilo nell'insieme convesso. Se poi le zolle di argilla 
franate raggiungono il fondo, tendono ad ostruire la grotta ed im- 
pedire in tal modo il libero efflusso delle acque, le quali ingolfan- 
dosi formeranno una pozza. Sembra ohe questo sia un fenomeno 
comunissimo nelle buche da me osservate, a quanto mi riferirono 
alcuni del luogo, da me interrogati. In più di un caso in epoche 
di pioggia si ostruirono i pozzilli e le acque rigurgitate formarono 
un ristagno, il quale però durò in genere poche ore, perchè la pres- 
sione delle acque salienti, raggiunse ben presto un valore cosi 
forte da vincere la resistenza opposta dal tappo argilloso. Alcune 
delle buche però, a quanto mi fu riferito e si può anche giudicare 
dalle condizioni locali della vegetazione del fondo, presentano siffatti 
rigurgiti in occasione di tutte le pioggie più abbondanti, forse per- 



Digitized by VjOOQIC 



^F 



che rorificio di sfogo è troppo stretto, anche se non temporaneamente 
ostruito. Comunque sia, in pochissime delle buche da me osservate 
(numero 4 ed 8 dello schizzo) potei vedere veramente sgombra quasi 
del tutto la bocca della grotta assorbente, per lo più essa era, in 
maggiore o minor misura, ricoperta da smotte argillose e zolle er- 
bose. 

Sorvolo sulle dimensioni delle cavità da me osservate, tanto 
più che sarebbe assai difiBcile offrire dei dati precisi, perchè un 
vero margine manca nella maggior parte di esse e, del resto, a 
ciò può servire lo schizzo annesso (fig. l.*"), per quanto esso si debba 
ritenere schematico e solo largamente approssimativo. Basti dire 
che la maggior parte delle buche per la parte veramente cava 
(nella quale cioè potrebbero ristagnare le acque) il diametro medio 
raggiunge e talora supera i 100 metri, con profondità in generale 
non superiore a 20. Avverto poi come non possa dire se idrografica- 
mente le cavità, che formano tre gruppi topografici, sieno collegate 
fra loro in modo da dar origine ad una sola od a più sorgenti. Ri- 
cordo solo come, con fenomeno che trova riscontro in molte altre 
regioni, la presenza dei gessi sia collegata a quella di una sorgente 
solforosa (detta « acqua putida ») che ho segnata nello schizzo. Il 
31 ottobre 1899 presentava una temperatura di Ib"* (ore 12). 

E qui forse potrebbero trovar posto alcuni paragoni fra i feno- 
meni, ora da me brevemente descritti e quelli di Sicilia, di cui mi oc- 
cupai altra volta; né pochi sarebbero i riscontri. Ma rimando ciò ad 
altra occasione, poiché attendo prima di avere pubblicato i risultati 
di una serie di ricerche da me fatte lo scorso autunno nelle Alpi 
del Cadore, dove pure potei riscontrare un complesso di fenomeni 
collegati coi gessi, che possono essere in buona parte confrontati 
con quelli dei dintorni di Fabriano. Perciò chiudo questa breve nota 
insistendo specialmente sul fatto, che in questa ultima regione man- 
cano traccie di veri fenomeni di sprofondamento. Il manto di ar- 
gille ricoprenti i gessi ha forse protetto questi ultimi dalle azioni 
esterne e le cavità sotterranee non poterono avere sviluppo suffi- 
ciente per rendere possibili crolli di volte e successivi avvalla- 
menti dei sovrastanti terreni. Se ciò fosse avvenuto noi non avremo 
soltanto delle buche, del tipo di quelle esaminate, col pozzillo di 



Digitized by VjOOQIC 



8 

conclusione; che i fenomeni di sprofondamento sono una eccezione 
e che r azione delle acque esterne è sempre preponderante su quella 
diretta delle sotterranee. In ogni modo nelle ulteriori ricerche, ohe 
dovrebbero man mano venir estese a tutte le regioni d'Italia, che a 
ciò si prestano, non si dovrà trascurare di tener presenti le poche 
conclusioni finora da me formulate, per quanto di valore ancora lo- 
cale Ne, d'altro canto, si potrà mai fare astrazione dalle diverse 
questioni dibattute a proposito dei fenomeni carsici, allo studio dei 
quali deve essere informato anche quello delle cavità dei terreni ges- 
siferi, perchè le ricerche condotte parallelamente si lumeggino a 
vicenda. 



Digitized by 



Google 



IT. 

APPENDICE A UNA DISCUSSIONE 

sa FuniOfazione del calendario, il meridiano iniziale per le longiludini e Fora universale 



del Dott. MIOKEItE BAJNA 



Grazie alla cortesia dell' illusi re direttore della Rivista Geografica 
ho potuto leggere tardivamente Tarticolo della Lega Lombarda^ fi- 
nito di pubblicare pochi giorni avanti che uscisse nella Perseveranza 
il mio articolo del 19 luglio 1899 (1). In questa Appendice esami- 
nerò le cose che il P. Tondini non ha riportato nel sunto che di 
quel suo articolo egli fece per la Perseveranza e che è stato ripro- 
dotto nella Rivista^ a pag, 529-533 del voi. VI. Poiché ci sono en- 
tratOj nella polemica, bisogna pure che vada fino in fondo; cioè, fino 
in fondo alla presente Appendice [2) , Ma avverto che io nelT opu- 
scolo del P. Tondini farò delle semplici spigolature. Non mi sento 
davvero di seguire passo per passo il mio contradittore attraverso 
tutte quelle sue pagine, parecchie delle quali contengono soltanto 
divagazioni inutili o ricordi autobiografici interessanti solo per chi 
li ha scritti. Vi si è trovato perfino il modo di fare della reclame a 
un romanzo. Vedere per credere! 



(1) Ristampato a pag. 469-480 del volume VI della Rivista. L'articolo del 
P. Tondini, dapi-riraa distribuito io quattro iiumi^^ri della Legi (dal 25 giugno 
airil luglio 1899), uscì poi in forma di opuscolo (38 paginette in-24.'') col titolo: 
La questione del meridiano di Gerusalemme; V Italia e la Russia (sic),' >tudio 
d*»! P. CfcSARR Tondini de Q^jarenoiii, barnabita (Milano, tip, Pulzato e Giani, 
1899). 

(2) lì P. Tondini sa benissimo che io nella discussione non sono entrato spon- 
taneamente, ne per spirito di saccenteria. La polemico nacque in «eguito a 
un'usanza speciale del P. Tondini, che gli fu giù rimproverata — e a ragione 
— nel 1891 {Geografia per tu(ti, voi. I, pag. 75). L'usanra è quella di man- 
dare uno stesso articolo, con preghiera di pubblicazione, a più giornali contem- 
fKiraneamente; ben inteso, senza che uno sappia dell'altra 



Digitized by VjOOQIC 



r,>«^r:' 



10 



* 



È abbastanza naturale supporre che qualche pagina del nuovo 
opuscolo del P. Tondini non sarebbe stata scrìtta) se egli avesse 
già avuto conoscenza del mio articolo del 19 loglio 1899. Alludo 
speoialmente alle pag. 21-24, nelle quali si torna ad insistere sulle 
« infelicissime condizioni meteorologiche di Greenwich », dove e ne- 
gli anni 1890 e 1891 il Sole fu invisibile al meridiano per due 
terzi dell'anno e nel 1895 un po' meno di due terzi ». 

Qui, di passata, osservo tre cose: 
I. — Nel 1891 il Circolo meridiano di Greenwich fu in ripa- 
razione per due mesi nella buona stagione (Rivistaj voi. VI, pag. 475), 
e quindi quell'anno va lasciato da parte, almeno quando si piglian 
le cose cosi al^ingrosso come fa il P. Tondini. 

IL — Se si impiegano i numeri annuali definitivi, che ho dato 
nella Perseveranza del 20 luglio e nella Rivista a pag. 464 e 475 
del voi. VI, e si fa il rapporto tra quei numeri e il numero totale 
dei giorni dell'anno rispettivo (1), si trovano i seguenti risultati: 



Proporzione tra II numero del giorni In cui II Sole fu osservato al Circolo meri- 
diano dì Greenwich, e II numero totale del giorni dell'anno. 



Anno 


Proporsione 
per 100 


Anno 


Proporzione 
per 100 


1889 


37 


1893 


57 


90 


44 


94 


53 


91 


48 


95 


58 


92 


49 


96 


52 



Di qui si vede che, fatta eccezione per l'anno 1889, nel quale il 
rapporto è più vicino a '/s (®^^^ ^^ ^^ 7o) che a '/i (cioè al 50 ^j^), 
negli altri 7 anni il rapporto oscilla intorno al valor medio */• = ^ °/o> 
che è precisamente il risultato che si ricava dal numero annuale 
medio 183 corrispondente ai suddetti 8 anni. 

III. — Se si fa un calcolo analogo paragonando le medie men- 
sili (che ho dato nella Perseveranza del 20 luglio e a pag. 475, 
voi. VI, della Rivista, ultima colonna del quadro), col numero 



(1) Per il 1891 preado p«r numero totale 303 invece di 365, per causa della 
lacuna dal 6 agosto al 7 ottobre (strumento in riparazione). 



Digitized by VjOOQIC 



fl" 



11 

totale dei giorni dei mesi rispettivi, si ottengono i seguenti ri- 
sultati : 



Proporzione tra il numero medio dei giorni in cui il Soie fu osservato ogni mese 
ai Circoio meridiano di Green wicii e il numero totale dei giorni dei mese, 
nei periodo degli 8 anni 7S89-1896 (1). 



Mese 


Proporzione 
l>er 100 


Mese 


Proporzione 
per 100 


Gennaio 


35 


Luglio 


58 


Febbraio 


43 


Agosto 


58 


Marzo 


48 


Settembre 


60 


Aprile 


57 


Ottobre 


48 


Maggio 


61 


Novembre 


43 


Giugno 


57 


Dicembre 


32 



Questi numeri mostrano che la proporzione è sensibilmente supe- 
riore al 50 ^Iq nei 6 mesi da aprile a settembre (ambi inclusi), che 
differisce di poco dal 50 ^|^, nei mesi di febbraio, marzo, ottobre e 
novembre, e che soltanto nei mesi di gennaio e dicembre il rapporto 
scende a esser prossimamente uguale al 33 ^/o ossia a */,. 

Adunque, in base all'esperienza degli 8 anni 1889-96, il Sole può 
esser osservato al Circolo meridiano di Greenwich una volta ogni 
3 giorni, in media, nella stagione più cattiva. Non occorre di certo 
una gran dose di competenza in materia per convincersi, dopo ciò, 
che qualora a Greenwich si determinasse il tempo (cioè ai determi- 
nasse la correzione dell'orologio) unicamente col passaggio del Sole 
al meridiano, se ne avrebbe, di Sole visibile, in media^ più che a 
sufficienza per quello scopo. A questo proposito non sarà inutile ri- 
peter quello che ho già detto un'altra volta (Rivista j voi. VI, pag. 475): 
che se il cielo non è sereno, dei buchi nelle nuvole co n'è abba- 
stanza spesso, e che la nebbia e le nubi, quando son poco dense, 
non impediscono che si osservi il passaggio del Sole al meridiano. 
Dove l'occhio nudo non vede quasi nulla, il cannocchiale vede abba- 
stanza, e il passaggio riesce osservato benissimo. 

Quanto alle deviazioni dalle condizioni medie, deviazioni che am- 
metto benissimo poter esser notevoli e talvolta anche forti, ripeto 
quel che scrissi nella Perseveranza del 22 luglio (pag. 477, voi. VI, 
della Rivista): 



(1) Per i mesi di agosto, settembre e ottobre la media è di 7 anni invece che 
di 8, in causa della già citata lacuna del 1891. 



Digitized by VjOOQIC 



12 

In un grande Osservatorio, com'è quello di Greenwich, manche- 
ranno forse orologi a pendolo, collocati in buone condizioni di am- 
biente e ben studiati nel loro andamento (e, aggiungo qui, control- 
lantisi reciprocamente), per conservare con precisione il tempo? E 
non si potrà quindi a Greenwich avere ad ogni momento il tempo 
esatto entro limiti di precisione esuberanti, o almeno sufficienti, per 
tutte le applicazioni, sia scientifiche che della vita civile? 

Inoltre fo notare un'altra volta che io non dico che il clima di 
Greenwich sia da classificarsi come favorevole alle osservazioni 
astronomiche. Dico soltanto • — e l'esperienza lo prova — che anche 
in quel clima si può osservar molto in cielo, purché non si perda 
nessuna occasione propizia {Rivista^ voi. VI, pag. 478). 



A 

Ma ho detto che queste cose le facevo osservare di passata, e 
la ragione è ben chiara. Il P. Tondini parte dalla premessa affatto 
gratuita che per determinar il tempo non ci siano altri astri dispo- 
nibili air infuori del Sole. Questo egli ha detto, più o meno espli- 
citamente, nella sua lettera del 27 aprile 1899 (Rivista, voi. VI, 
pag. 462), e lo ha ripetuto a pag. 13 deiFopuscolo, dove dice: « non 
suggerisce forse il buon senso che il meridiano dell'ora universale 
sia determinato da un punto donde il Sole sia visibile più spesso e 
più nettamente che sia possibile (1)? Ora ogni discussione su questo 
punto, della maggiore o minore visibilità del Sole a Greenwich, è 
resa completamente inutile dal fatto che l'Osservarono di Qreenwich 
è lino di quei tanti dove il tempo si determina mediante passaggi di 
stelle f e non mai per mezzo del passaggio del Sole al meridiano. Per 
determinare la correzione dell'orologio, a Greenwich osservano delle 
stelle appositamente scelte (clock stars, ossia stelle orarie), le quali 
nelle 24 ore di ascensione retta sommano al numero di 211, cosicché 
in media se ne hanno disponibili quasi 9 ogni ora. 

A rimanere, quanto a cognizioni astronomiche, nel campo cosi ri- 
stretto dove sembra confinato il P. Tondini, ciò equivale a dire che 
dal tramonto al levar del Sole si hanno disponibili ogni ora, in me- 
dia, altri 9 Soli da osservare al meridiano, per la determinazione 
del tempo. E non è escluso nemmeno che di tali osservazioni se 



(1) Il carattere corsivo non lo metto io, ma ce lo ha messo il P. Tondini. 



Digitized by VjOOQIC 



.j"^]4»r— «uj^pLH ;.i, i ■^ui^w." ■ ijiii^ilPJ.^r-!-"^" 



13 

ne possan fare durante il giorno: almeno quelle che dipendono da 
stelle di 1.* e di 2.* grandezza. Il cannocchiale del Circolo meri- 
diano di Greenwich ha l'apertura libera di pollici 8, 1 (206 milli- 
metri) e la lunghezza focale di 11 piedi e 7 pollici (metri 3,63). 

* * 

Il fatto testé ricordato, che a Greenwich si determina il tempo 
con le stelle e non col Sole, io lo citai nella Perseveranza del 22 lu- 
glio 1899 (Rivista, voi. VI, pag. 476), sapendo di dir cose ben note 
a chi si occupa di queste materie. Ma il P. Tondini non ne sapeva 
nulla, altrimenti non avrebbe seguitato, da parecchi anni, a pren- 
dersela col € Sole itterico » di Greenwich. Recentemente egli ha 
detto di non aver negato che a Greenwich si possa avere il tempo 
esatto. Ma allora, che scopo ha il suo stereotipato ritornello sulle 
« infelicissime condizioni meteorologiche di Greenwich »? Se ne 
poò forse trarre una conclusione diversa da questa, che a Green- 
wich non si deve poter determinare il tempo con una precisione 
sufficiente, e che quindi è sbagliata la scelta del meridiano di Green- 
wich come regolatore per l'ipotetica ora universale e per le ore 
del sistema dei fusi? 

Quali fondamenti abbia la campagna del P. Tondini contro il 
Sole di Greenwich, ora lo abbiamo visto da vicino, e tanto basta. 

Riguardo agli altri astri e alle parecchie migliaia di passaggi che 
se ne osservano annualmente al Circolo meridiano di Greenwich 
[Rivista, voi. VI, pag. 405), si capisce che per il P. Tondini non 
contano nulla: difatti egli dice di non volere neppur fare osserva- 
zioni « sul numero dei transiti ecc. » (opuscolo, pag. 24). Egli non 
sa che « il transito o di una stella ben conosciuta di posizione e 
abbastanza lontana dal polo dà la correzione dell'orologio con una 
precisione non inferiore, anzi leggermente superiore, a quella che 
«i ottiene col Sole ! 



* * 

Un altro sproposito del P. Tondini è quello di credere che l'Os- 
servatorio di Greenwich « avrebbe la missione di regolare costan- 
temente l'ora su tutta la faccia del globo ». (pag. 24 dell'opuscolo). 
Ànòhe qui basta una competenza molto limitata nella materia per 
sapere che in qualunque Osservatorio del mondo si conosce la dif- 
ferenza di longitudine con Greenwich, con una precisione più o 



Digitized by VjOOQIC 



«■ 



u 

meno grande a seconda dei luoghi, e che quindi in tutti gli Osser- 
vatorii, come in tutti i luoghi di posizione nota in longitudine, si è 
in grado di passare dal tempo locale al tempo di Greenwich, come 
si passa al tempo di un altro meridiano esattamente definito (nel 
sistema dei fusi orarii) rispetto a Greenwich. S'immagina forse, il 
P. Tondini, che da GreenAvich dovrebbero telegrafare ogni giorno 
il segnalo del mezzodì a tutti gli Osservatorii sparsi sulla faccia 
del globo, o almeno a un numero conveniente di stazioni ad hoc? 
Le sue parole, letteralmente, non sono queste, ma in sostanza au- 
torizzano a credere che questo sia il senso da lui attribuito alla 
scelta del meridiano di Greenwich come regolatore dell'ipotetica ora 
universale. 

La verità, anche qui, è contraria alle opinioni del P. Tondini. 
Quand'anche si avesse ad introdurre, in un futuro più o meno re- 
moto, l'ora universale regolata sul meridiano di Greenwich' (come 
raccomandavano le risoluzioni votate a Roma nel 1883 e a Washin- 
gton nel 1884), le cose non muterebbero di un pelo dallo statu quo 
antCf per quel che concerne il meccanismo della determinazione e 
della distribuzione dell'ora esatta nei paesi civili. Mediante la co- 
noscenza delle differenze di longitudine con Greenwich, si passe- 
rebbe dal tempo locale al tempo di Greenwich, sia negli Osserva- 
torii dove il tempo si determina con precisione, alTistruraento dei 
passaggi, sia in quegli altri luoghi dove non importa conoscer Torà 
esatta trasmessa telegraficamente o telefonicamente da un Osser- 
vatorio, ma basta l'approssimazione di qualche minuto concessa dai 
buoni orologi solari rettamente utilizzati. Precisamente cosi si fa 
adesso nel Belgio e in Olanda per dare il tempo di Greenwich; cosi 
appunto si fa adesso nell'Europa centrale, in Rumania, Bulgaria e Ru- 
melia, in Australia e Nuova Zelanda, nel Giappone e nell'America 
del Nord (Canada e Stati Uniti), per dare il tempo dei diversi fusi 
orarii. E precisamente allora come adesso i naviganti che arrivano 
a un porto, di posizione nota in longitudine, vi troverebbero a mez- 
zodì medio locale il segnale del tempo, segnale che permette loro 
di passare al tempo di Greenwich, mediante la conosciuta diffe- 
renza di longitudine, e di verificare così la correzione e Pandamento 
dei singoli cronometri di bordo. 



A pag. 4 del suo opuscolo il P. Tondini, insistendo nuovamente 
sulla distinzione tra l' unificazione delle longitudini e quella delle 



Digitized by VjOOQIC 



15 

ore — cosa intorno a cui rimando, per la sostanza, a pag. 473, 
voi. VI, della Rivista — dice testualmente cosi: 

< Si è osserTaio, contro una tale distinzione, che le differenze di longitudine 
dei luoghi terrestri sono preventivamente determinate con operazioni astronomi- 
che e geodetiche; in altri termini, che le carte geografiche non ci piovono bei- 
Te fatte dal cielo. Nulla di più vero, etc. ». 

Ma nossignore! Quella mia osservazione non era fatta contro 
quella tal distinzione; essa contradiceva — ed era chiarissimo — 
la frase da scolaretto emessa dal P. Tondini, che la misura delle 
longitudini ò € un' operazione grafica che, salvo pei laboriosissimi 
lavori della Geodesia, si fa sulle carte, a tavolino » (Rivista, voi. VI, 
pag. 462). 

Quanto poi all'essere il P. Tondini l'autore della distinzione tra 
l'anificazione delle longitudini e quella delle ore (1), creda pure 
che nel giusto senso in cui va intesa — cioè di distinzione tra due 
cose affini e non di separazione tra due cose eterogenee — molti 
altri la fecero prima di lui, e probabilmente tutti quelli che si sono 
occupati della questione. Ma se lo stesso P. Tondini cita in propo- 
sito (pag. 5) delle parole pronunziate alla Conferenza di Washin- 
gton da uno dei delegati inglesi, e quindi nel 1884, mentre il suo 
Indìcateur uninersel de toutes les heures du globe, pure citato da 
lui, è del 1889! E nel Rapporto del prof. Hirsch, presentato alla 
Conferenza di Roma del 1883 e da me citato a pag. 472 e 473, vo- 
lume VI, della Rivista^ non è forse fatta quella tal distinzione tanto 
nettamente quanto si può desiderare? 

« « 

Parecchie pagine dell' opuscolo del P. Tondini sono dedicate, 
naturalmente, alla Conferenza di Washington. A pag. 7 egli am- 
mette che furono votati gli articoli IV e V (proposta di un' ora 
universale, regolata sul meridiano di Greenwich; vedi Rivista, vo- 
lume VI, pag. 470); ma osserva che sul IV la Germania si astenne 
e che sol V, fra gli Stati d'Europa, votarono per l'affermativa sol- 
tanto l'Inghilterra e la Russia: gli altri, o votarono contro, o si 
astennero (2). E con questo, e con citazioni di cose che furono dette 
nel corso delle discussioni, il P. Tondini vuol provare che la Con- 



Digitized by VjOOQIC 



^^^^^^^^^^^^^m^mmmm 



16 

ferenza eli Washington non ha preso nessuna risoluzione circa Vora 
universale. Niente di meno! 

Ma da quando in qua Tunanimità dei voti in un'assemblea legal- 
mente costituita è diventata la condizione sine qua non per la va- 
lidità delle deliberazioni? Piirono votali, si o no, gli articoli IV e V^ 
il primo quasi alT unanimità e il secondo a grandissima maggio- 
ranza? Non vale arzigogolare sulle cose dette da Tizio e da Cajo 
durante le discussioni: le risoluzioni furono prese, e come tali ri- 
mangono. 

Se ne vuole una testimonianza non sospetta? Si legga la Noi ice 
sur le méridien et Vheure itniversels deirastronomo Janssen, che fu 
il delegato scientifico della Francia alla Conferenza di Washington 
ed ivi fu il principale avversario della scelta del meridiano di Green- 
wich per le longitudini e per l'ora universale (1). Egli usa espres- 
sioni come queste* <<:... le méridien de Greenwich fut adoptó » (per 
le longitudini, pag. 871): « le Congrès a adoptó en principe Tin- 
stitution d'une heure universelle...., il a donne puur origine au jour 
universel le minuit moyen de Greenwich » (pag. 873). E riassu- 
mendo a pag. 877 « F oeuvre du Congrès », il Janssen prosegue: 

« L*institution d*un méridien unique hi d'une heure tiniverselle, runificatiori 
dts jours astronomique et civil, Testensìon du systfeme decimai, sont des réfor- 
mes que le progrès de la Science et des relations internationales rendaient op- 
portunes et désirables. — Mais, dans Tapplication des principes, le Congrua a 
été moins heureux. — Pour le choix d'uu premier méridien, il s'est laissé trop 
séduipe par les avantages pratiques et immediats que lui otVrait un méridien 
déjà très répandu, et il a mèconnu les conditions qui auraient assuré à son 
oeuvre une adoption universelle et definitive ». 

Eesta da vedersi se un'altra soluzione qualunque avrebbe potuto 
ricevere un'adozione universale e definitiva. Ma comunque, heureuses 
o no, le risoluzioni della Conferenza di Washington furono prese, 



(1) Annuario 1886 del Bureau des longitndes, pag. 835-881. Quanto alle pre- 
ferenze francesi di quell'epoca, nella questione del primo meridiano, il Janssen 
diceva così: « . . . il n' y a, au point de vue géographique, que deus solutions 
possibles. toutes deux très naturelles. La première solution consisterait à reve- 
nir, en la modifiant un peu, à la solution des anciens. en pla^ant notre méri- 
dien vers les Agores. La seconde, de le rejeter dans Timmense nap])e d'eau qui 
separé TAmérìque de TAsie, vers ces confina du Nord où le nouveau raond.^ 



Google 



Digitized by V^OOQ 



17 

bien et dàment e a grandissima maggioranza, anche sulla proposta 
dell'ora universale*; piaccia o non piaccia al P. Tondini. 

*** 

MI pare che le idee del P. Tondini circa la Conferenza di Wa- 
shington non richiedano ulteriori confutazioni. Ma a scopo istruttivo 
sarà bene sentire anche un altro scrittore autorevole, il prof. Ce- 
loria, in un suo interessante articolo, molto imparziale e obiettivo (1): 

« La questione (del primo raeridìaoo per le longitudini) fu portata nelPautunno 
del 1883 avanti la Conferenza geodetica internaiionale tenutasi in Roma, e gli 
Inglesi Tinsero a mezzo ; fu riportata nell'ottobre del 1884 avanti a un Congresso 
internazionale appositamente radunato a Washington, e gli Inglesi vinsero ap- 
pieno ». 

£ qui riporta gli articoli II e III (meridiano di Greenwich e lon- 
gitudini contate da a 180^ verso est e verso ovest). 
Circa l'ora universale, ecco come prosegue il Celoria: 

« Con la questione del primo meridiano è intimamente connessa quella dei- 
Torà universale o cosmopolita, che meglio direbbesi appunto ora del primo me- 
ridiano ». 

Poi riporta gli articoli IV e V (2), e aggiunge: 

« Il tempo, che dietro queste risoluzioni dovrebbe essere cosmopolita od uni- 
versale, sarebbe quello'del meridiano di Greenwich, ossia del primo meridiano 
scelto. Ma il disaccordo esistente fra le diverse nazioni sovra quest'ultimo, si 
rinnovò a proposito delle due risoluzioni or ora trascritte, e contro alla prima 
di esse votò la Germania (3), contro alla seconda l'Austria, mentre sovr'essa 
si astennero Francia, Germania e Italia ». 



Riassumendo, io torno a chiedere come si possa decentemente 
sostenere che la Conferenza di Washington non ha preso una riso- 
luzione circa Fora universale, e dire che non ha valore la dichiara- 



(1) Il primo meridiano e Vora universale^ nell'Annuario pubblicato per cura 
della Società meteorologica italiana (anno I, 1886, Torino, edizione Loescher). Si 
vedano anche gli articoli del Celoria neW Annuario scientifico e industriale 
(volumi del 1883, 84 e 85, Milano, edizione Treves). Si noti poi che tanto il 



Digitized by VjOOQIC 



m^ 



18 

zione di Friburgo del 1890 (1), perchè è la conclusione di un sillo- 
gismo basato su false premesse, le quali deriverebbero da imperfetta 
conoscenza dei precedenti. Sicuro! II P, Tondini arriva perfino a 
dire (pag. 9) che la Commissione permanente deirAssociazìone geo- 
detica internazionale, quando emise quella dichiarazione a maggio- 
ranza di 7 voti contro 2, non conosceva i Processi verbali della 
Conferenza di Washington! Egli poi s'immagina che la Commis- 
sione permanente fosse composta di soli geodeti, mentre vi erano 
5 geodeti e 4 astronomi (2). Lui si che non conosce i Processi ver- 
bali della riunione di Friburgo! 

Ma il P. Tondini non conosce nemmeno quelli della Conferenza 
di Roma del 1833. E infatti a pag. 9 egli scrive: « ... il solo fatto 
della convocazione della Conferenza di Washington Tanno susse- 
guente a quella di Roma, prova che quest'ultima lasciò indecisa 
la questione dell'ora universale ». Ora, ecco qua l'ultima delle riso- 
luzioni di Roma (la IX, adottata da 27 voti su 28): 

« Ce8 réaolutions seront portées à la connaiesance des GouvernemenU, et re- 
commandées à leur bienveillante considération, en leur exprimant le voeu 
qu' une Convention Internationale, consacrant runìfication des longitudes et des 
heures, soit concine le plus tòt possìble, par les soins d'une Conférence spe- 
ciale, telle que le Gouvernement des États-Unis Ta proposée ». 

Come già dissi con maggiori particolari a pag. 472, voi. VI, della 
Rivista^ la Conferenza di Roma del 1883 fece un lavoro scientifico 
e preparatorio, il quale nelle sue linee essenziali fu ratificato diplo- 
maticamente, l'anno appresso, a Washington, e ribadito nel 1890 a 
Friburgo. 

* 

Contro il voto di Friburgo il P. Tondini oppone (pag. 10-12) il 
voto unanime dei rappresentanti di 43 Stati alla Conferenza tele- 
grafica internazionale di Parigi (1890). La Conferenza, « tout en 
ne se reconnaissant pas competente pour trancher la question du 
méridien initial devant fixer l'heure universelle, » plaude agli sforzi 
dell'Accademia di Bologna etc. e fa voti che si arrivi, finalmente, 
all'unificazione nella misura del tempo. Ebbene, quella competenza 



/o*^ xrr.\ Vr T.!IIT i7() 



Digitized by VjOOQIC 



'^HP 



19 

•che i telegrafisti modestamente non si riconoscono, bisogna ricono- 
scerla negli astronomi) che sono quelli che determinano il tempo 
(problema che non si risolve col semplice « buon senso pratico » in- 
vocato dal P. Tondini). Ora gli astronomi, nella loro grandissima mag- 
gioranza, sono concordi nel ritenere che l'ipotetica ora universale do- 
vrebbe regolarsi sul meridiano dì Oreenwich. Quanto all'unificazione 
del tempo, vi provvede, relativamente bene e senza i difetti del- 
l'ora universale, il sistema dei fusi orarii, che ha fatto tanti pro- 
gressi dopo il 18^. Lasciamo tempo al tempo, e quando la logica 
delle cose avrà esteso il sistema a tutti i paesi civili, anche il voto . ' 

della Conferenza telegrafica intemazionale del 1890 sarà completa- 
mente sodisfatto. 

(Continua), 



Digitized by 



Googkj 



- «TJir^ -y^jwwr'W'^ "^ì^v^wti^M 



20 



III. 

Isnra della latltndlne col metodo di Talcott 



Nata deir Ingegnere ANTONIO LOPERFIDO. 



Il metodo di Talcott, per la sua semplicità e per la precisione 
che consegne nei risultati, è oggidì universalmente adoperato, sia 
nelle determinazioni isolate, sia nelle ricerche sistematiche per le 
variazioni delle latitudini. 

Il princìpio su cui è fondato, non richiede la misura di distanze 
zenitali assolute, poiché se S., ^„ sono le declinazioni di due stelle 
culminanti a sud ed a nord dello zenit, e 9 la latitudine ignota di 
un luogo, si ha: 

9 = d(5.+5„)+.i('r,-a 

Epperò, in questo metodo, viene soltanto misurata la differenza fra 
le distanze zenitali vere corrispondenti alle due stelle, la quale non 
deve superare l'ampiezza del campo ottico. 

Quindi gli strumenti richiesti a tale scopo, oltre ad un cerchio 
di grossolana approssimazione per le puntate, sono provvisti di ocu- 
lari con micrometro e di una livella sensibilissima collocata perpen- 
dicolarmente alPasse di rotazione del cannocchiale. 

Si supponga intanto che si abbia uno strumento dei passaggi a 
cannocchiale spezzato; richiedendo il metodo per una semplice de- 
terminazione di latitudine, l'osservazione di due stelle conveniente- 
mente scelte rispetto alle posizioni di catalogo, sMmmagini di os- 
servare (oculare ad ovest) prima la stella a sud; di avere l'origine 
del micrometro lateralmente al campo di visione e lo zero della li- 

'1 - ~:~*>.^..n ^/%11'/%aaA«*vraf nt*o 



Digitized by VjOOQIC 



21 

Ma essendo 9 }a distanza senitate a coi è puntato il oannoochiale, 
« sapponendo lo zero del micrometro a destra di ohi osserva e di 
bisecare la stella in meridiano, si avrà aneora: 

2, = e-f-|uZ.-f-vc, (2) 

in cui ^ rappresenta la costante del micrometro ed l^ la lettura cor- 
rispondente, V il valore angolare di una parte di livella e e, la po- 
sizione del centro della bolla. 
Dunque avremo: 

9 = ^-4- 5, -f- jui/, -I- ve, -4- r^ (3) 

Per Tosservazione della stella a nord, bisogna invertire ristru- 
mento senza cambiare il puntamento; occorre solo riportare la bolla, 
con la vite di richiamo del cannocchiale, prossimamente alla posi- 
zione iniziale, ed il filo mobile nella regione del campo che dovrà 
attraversare la stella. 

Adottando notazioni analoghe alle precedenti, avremo: 

«n = 5. — 9 — r„ (4) 

«„ = e-4-/ixZ„-4-ve„ (5) 
« quindi f 

9 = — e -H S„ — |ui„ — vc„ — r„ (6) 

Ora si ha per le (3) e (6): 

9 = X (J. -H SJ ^ l (/.-/,) fx 4- i (e, - cj V 4- i (r^--r;) (7) 

la quale mostra che 9 è indipendente da 0. 

Tolendo osservare anche lateralmente al meridiano, bisognerà di- 
stribuire i puntamenti in modo simmetrico rispetto al filo di mezzo 
per eliminare gli errori sistematici dovuti ad un imperfetto orien- 
tamento del i'eticolo, ed introdurre nelle equazioni (3) e (6) la cor- 
rezione per la riduzione delle distanze zenitali al meridiano stesso. 

Questa correzione viene calcolata con la formola: 

2 sonori t ^ ^ ,,^ 

m= rfr- sen 5 cos (1) 

sen 1" ^ ^ 

essendo i l'angolo orario in cui è bisecata la stella. 

Siccome il segno di m dipende da quello della declinazione, avremo: 

9 = 6 -4- S. -4- /mZ, -h ve, H- m, -t- r, 
9 = — e-f- 5, -- pl„ — vc„-f- m„ — r„ 
e quindi : 

9 ='Ì(5.-^„)-haa--ia)^-H.i(c.-««)v-HÌ(»^.-^n)-^-d(^ -^«) (^) 



Digitized by VjOOQIC 



ed alle declinazioni delle stelle; è quindi necessario determinare con 
molta precisione la costante ^ ed osservare il maggior numero pos- 
sibile di coppie, affinchè la somma algebrica delle difiFerenze l^ — l^ 
corrispondenti ad ogni coppia, sia nulla o una quantità piccolissima. 
Rimarranno parimenti eliminati gli errori di puntamento e quelli 
dovuti alla flessione del cannocchiale. 

Le distanze zenitali delle stelle non devono differire fra loro per 
più di 15' e non superare ciascuna 30'j quindi la rifrazione si cal-^ 
colerà con la formola: 

r^a tang z 

la quale permette di trascurare l'osservazione di temperatura e della 
pressione atmosferica. Del resto, gli errori di rifrazione sono gene- 
ralmente piccolissimi, e come quelli inerenti alla lettura della livella, 
seguono la legge degli errori accidentali. 

Infine per avere modo di osservare con comodità e la calma oc- 
corrente in tal genere di misure, e per evitare sensibili variazioni 
nello stato dell' istrumento, le ascensioni rette delle stelle di^iascuna 
coppia devono differire da 6" a 10*". 

* 

* * 

Ricordando le ipotesi fatte e supponendo c^ :^ c„ :^ ^ &; (condizione 
facile a realizzare in pratica) k essendo il numero delle divisioni 
della livella, risulta per le (2) e (5) 

epperò (l^ — l^) fx rappresenta in valore e segno la differenza delle 
distanze zenitali apparenti delle due stelle. 
E poiché: 

consegue che la stella di distanza zenitale maggiore, attraverserà il 
campo nella regione più lontana dallo eero del micrometro. 
Se poi si assume per d il valore approssimato: 

si ha ancora dalle citate equazioni: 



h = 



L = 



2|ui 2|a 

2. — «:„ kv 



2/Ji 2(x 



Digitized by VjOOQIC 



23 

ossia ohe le traiettorie peroorse dalle due stelle sono simmetriche 
rispetto al centro del campo ottico. Epperò le equazioni: 



L = l- 



2^ 
2^ 



2/UL 

2|a 



nelle quali l rappresenta la lettura del micrometro al centro sud- 
detto, danno il luogo del filo mobile, prima dell'osservazione. 

.*• 

Se la stella a nord ha l'ascensione retta minore, sarà: 

9=8 + 5, — ^l^ — ve, -+- fw, -4- r, 

e, 

9 = — 8 -+- 5„ -+- p^„ + vc„ + fii„ — r„ 

E quindi: 

la quale differisce dalla (8) solamente per il segno dei termini di- 
pendenti dal micrometro e dalla livella. 
Raggruppando queste due formolo nella seguente: 

?=^(S.-4-^n)=tè(^.-4-^„)^=bi(c.-cJv+i(m,-+-mJ+i(r,-rJ (10) 

si deduce che: avendo lo zero del micrometro a destra, lo zero della 
livella a sinistra dell'osservatore e l'oculare ad ovest, il -+- vale 
quando s'incomincia l'osservazione con la stella a sud, il — quando 
s'incomincia invece con la stella a nord. Se l'oculare è ad est la 
regola precedente rimane invertita. 

Suppongasi infine che lo zero del micrometro sia a sinistra del- 
l'osservatore e l'oculare ad ovest ; si avrà, tenendo tutte le altre, 
convenzioni fatte: 

9 = 6 -h 5, — /u^, -h ve, -4- m, -h r, 
(p = — e -h 5„ -h fx/„ — vc„ -h m„ — r„ 

ovvero: 

(p == 6 -i- S, -f- jui, — ve, -4- tn, -h r, 
9 = — 8-h5„ — /x^„H-vc„ -h Wn — r„ 

Quindi la formola unica: 



Digitized by 



Google 



24 

in cui i segni superiori valgono quando la stella a sud ha Tascen- 
sione retta minore; i segni inferiori nel caso opposto. 
Supposto Toculare ad est la regola enunciata dev'essere invertita. 

L'applicazione del metodo richiede adunque: 

1.** Il calcolo approssimato di z^ e s^, dalle equazioni: 

«« = ^.. — 9 
nelle quali 9 è data al 1'. 

2.*^ Il puntamento del cannocchiale alla distanza zenitale 

per ciascuna coppia. 

3.° Il calcolo approssimato delle letture l^ l^ per aver modo di 
disporre a priori il filo mobile nella regione del campo che dovrà 
essere attraversato dalle stelle da osservarsi. 

Le letture del micrometro, le livellazioni, prima e dopo il passag- 
gio di ogni stella, e le indicazioni relative alla posizione dello zero 
del micrometro e del livello devono essere notate su di un libretto 
a parte: e, nel caso che l'astro venga osservato lateralmente al me 
ridiano, bisogna anche notare i fili su cui è convenuto di bisecare 
la stella. 

L'angolo orario per il calcolo di m si dedurrà in tal caso con la 

formola : 

F 
t= j 

COS ò 

in cui jP è la distanza equatoriale del filo sul quale è bisecata la 
stella, dal filo di mezzo. 

* 

Nell'estate 1898 in Firenze, a solo scopo di esercitazione, furono 
osservate 4 coppie di stelle fondamentali (tratte dal B.A.l) ad un 
piccolo Bamberg provvisto di due livelle delle quali il valore ango- 
lare di una parte è per ciascuna: 

v^ = 1/^04 ± 0".01 

« -^ 1 09. H- n ni 



Digitized by VjOOQIC 



25 

rie per le distanze dei fili, e con letture alle coincidenze del filo 
mobile con ciascuno dei fili fissi risultò di: 
|UL = 56",86=bO",05 

Nei quadri seguenti sono trascritte le posizioni medie delle stelle^ 
i singoli risultati di osservazione e di calcolo, ed è infine messo in 
evidenza il valore medio ottenuto per la latitudine del centro di 
osservazione. 

Gli errori probabili calcolati con le formolo corrispondenti al me- 
todo di Talcott (1), risultarono cosi: 

Errore probabile unitario ... db 0".70 
> » complessivo . ± .32 

» » accidentale. . ±^ .31 



» » 


sistematico. . =+r .08 




Grandesza 


Posizioni medie 1898,0 


STELLE 


AR. 


5 


y Urs. Minoris 

/? Seroentis 


3.0 
3.3 

40 
4.1 

3.8 
5.1 

5.0 
4 1 


l5^2o^9 

41 .6 

16 . 5.6 
30 .8 

18 . 3.6 

22 .4 

19 . 3.7 

27 .1 


+ 72Mr 49M6 
+ 15.44.27 .83 

+ 46 . 12 . 8 . 22 
+ 42 . 38 49 . 89 

+ 28.44.54 .01 
+ 58.44.29 .14 

+ 35.56.24 91 
+ 51.30.44 .35 


\o Herculisl 


(7 Herculis ... 

Herculis 


6 Draconis 

[i Lyrae] 

i Cygni 



Le declinazioni apparenti di 9 Herculis e di i Lyrae, trascritte 
nel quadro che segue, furono calcolate con la nota formola. 

^,c=^ -h tm' -^ Aa' -h Bb' -^ Ce' -h Dd' 



STELLE 


Data 
1806 


5, 




Differenze 


9 Herculis 

i Lyrae 


Luglio 9 
19 

29 
Agosto 8 

Agosto 7 
17 
27 

Settembre 6 


+ 45-. 12' 9". 62 
11 .67 

13 .15 

14 .11 

+ 35.66.39 .95 
42 .42 
44 .55 
46 .33 


1". 96 

1 .68 

.96 

2". 47 

2 .13 

1 .78 



(1) Cfr. P. L. Cattolica. Determina s ioni della Latitudine dell' Osservatorio 
della R. Accademia di Livorno fatte secondo il metodo di Talcott, Genova, 1897. 



Digitized by 



Google 




00 



o 



o 



O -H 



g 


IO 


lO iO 


IO O 
1-» Cq 


t-- o 


SS 


s^ 




S2 


tH 


g 


«CO 


SS 


83 SS 


ss 


S2 




OQO 

1-1 T-H 


s 


8 


Qi IO 

cqo 


SS 


g_S 


ss 


^ 


SS 


8S§ 



Ci o "^ -^ oo -^ -^ 

thCN CNOq CTCT CM(M 



OQ P OS t- ir- c 

Ofl ^ ^ T-( ^ l-( T 



IO 

1—1 



lO 1-4 

O (N 



:3! 



O 

IO 



00 



IO 



L-- CO 



2 S 






enoTZTsoj^ 



a H V 1 n D 



^ 



i 



3 



.2 
1-3 



^ 



cq 



g 


a 




<0 


^ 


r^j 



a 

o 
(Il 



<5l 

I 

à 
2 






Q 
I 

CO 

1 

w 

o 



Ti 







^ 



S 



T3 



co 



IO 



o 






3 =1 § 



Digitized by 



Google 



27 



COPPIA 

9 Hercalis - or Her- 
culis 

y Urs. min. - P> ser- 
l^pentis 

O Herculis - h Dra- 
conis 



i Liyrae - i Cygni. . 



9 - 9 



9 + 8 



2 9 



42*46' 1".04 

45 58 .26 

27 .35 



15 46 27 .44 



28 32 54 .47 

29 1 6 .24 



85 46 2 .60 

86 18 22 .85 



44«47' 89".86 

51 .48 

48 14 .35 



71 47 13 



59 52 .40 
58 32 37 .80 



51 47 41 .05 
20 17 .88 



87*33'40".90 
44 .74 
41 .70 



41 .04 



46 .87 
44 .08 



48 .65 
40 .23 



43*46' 50". 45 

52 .37 
50 .85 

43 46 51 .223 

50 .52 
43 46 5G . 520 

53 .43 
52 .04 

43 46 52 . 735 

51 .83 
50 .12 

43 46 50 . 975 



Valore medio della latitudine al centro di osservazione: 
9„=.43'>46'5l''.45=t0".3l 

La latitadine dello stesso punto, determinata nel 1888 con misure 
zenitali a stelle in vicinanza del meridiano, risultò di 
43«46'51".84zbO".28 

che rappresenta la media di 128 valori parziali. 
Firenze, Settembre 1899. 



Digitized by VjOOQIC 



28 



IV. 

LA PATAGONIA SECONDO RECENTI STUDI 



Nota del Prof. PISTA O QRIBAUDI. 



Man mano che progredisce la conoscenza de' paesi, la cui impor- 
tanza economica e politica è, o si crede, maggiore, l'attenzione dei 
geografi, e degli scienziati in generale, si rivolge anche a quei paesi, 
la cui importanza economica e politica è forse minore, ma che pure 
presentano molti problemi scientifici di varia natura e degni di so- 
luzione pel progresso della conoscenza scientifica del nostro globo 
e dei fenomeni relativi. 

Cosi è, che, in questi ultimi anni, noi vediamo moltiplicarsi gli 
studi e le spedizioni verso le regioni artiche ed antartiche, e spe- 
cialmente si prendono di mira le estremità settentrionali e meridio- 
nali del continente americano colle isole limitrofe. 

È definitivamente chiusa Péra delle grandi e sensazionali scoperte, 
dei grandi viaggi di esplorazione attraverso paesi sconosciuti: tanto 
quelle che questi poco servivano, in generale, pel progresso della 
scienza, la quale, solo fondandosi su minute e prolungate osserva- 
zioni, ha bisogno di quiete e di calma, che favoriscono una retta 
analisi. E lavoro di analisi direi che è appunto quello che fanno ora 
i geografi, ristudiando quei paesi, che, nelle loro linee generali, vor- 
rei dire sintetiche, già sono conosciuti. 

La Patagonia e la Terra del Fuoco, cogli arcipelaghi adiacenti, 
benché note da vari secoli, non erano ancor state studiate sistema- 
ticamente da esplorazioni scientifiche, sia perchè il loro valore eco- 
nomico non sembrava molto grande, sia perchè gli Stati politici di 
cui fanno parte, essendo di recente formazione, hanno troppi biso- 
gni d'altro genere da soddisfare prima d'intraprendere l'esplorazione 
di paesi che, per ora, non possono dare utile diretto. In questi anni 
però gli studi sulla Patagonia si sono moltiplicati in modo che, se 
proprio non si può affermare che su di essa si sia detto l'ultima 



i. 



Digitized by VjOOQIC 



29 

parola, siamo però in grado di formarcene an'idea molto più com- 
pleta che pel passato. 

È poi assolatamente necessario che Tltalia, la quale ha tanti in- 
teressi neir America meridionale e specialmente nella Repubblica 
Argentina, è necessario, dico, che studi anche la Patagonia, dove po- 
tranno forse un giorno trovare lavoro onorato e ricchezze tanti Ita- 
liani. Troppe volte abbiamo imparato a nostre spese che, prima 
d'imprendere un'operazione militare o commerciale in lontani paesi, 
è necessaria una retta e profonda conoscenza dei luoghi, se non vo- 
gliamo andar incontro a quelle disgrazie dolorosissime per la patria 
nostra che molto volentieri si tacciono, nella speranza che non s'ab- 
biano più a ripetere. (1). 

Si è parlato nei mesi scorsi, e si parla ancora, di una grande co- 
lonizzazione della Patagonia per mezzo di contadini italiani, e, come 
sempre avviene, tale proposta ebbe sostenitori troppo esaltati e de- 
nigratori troppo arrabbiati: ciò si deve, evidentemente, alla scarsa 
coltura geografica del nostro gran pubblico, il quale non ha una 
chiara idea di quello che realmente sia Patagonia, del suo clima, 
de' suoi prodotti, ecc. M'avvenne infatti di udire gente, che passa 
per fornita di molta istruzione, la quale parlava della Patagonia, 
come di un paese molto simile alla Siberia e più freddo ancora. Se 
il popolo italiano, pel basso livello della sua cultura geografica, non 
può farsi da sé un'idea delle condizioni del paese in cui potrebbe 
trovar lavoro e benessere, è almeno conveniente, anzi è un dovere 
che tutti devono sentire, di illuminarlo come meglio si può, affin- 
chè non vada incontro ad illusioni dolorose, e al pericolo di essere 
sfruttato ignominiosamente, come purtroppo già avvenne, da mercanti 
di sangue italiano. 



(1) Sono lieto di potere annunziare in queste pagine un'opera recente e di 
capitale importanza, da cui chiunque può formarsi un'idea chiara ed esatta della 
Patagonia. Intendo p;<rlare di « La Patagonia^ studi generali * del direttore 
deir osservatorio di Patagones Lino Del valle Carbajal. Si pubblica contempora- 
neamente in italiano ed in ispagnuolo e già ne è uscito il primo volume (Storia 
Topografia, Etnografia). Il 2.^ volume tratterà della Climatologia e Storia natu- 
rale (Fauna, Flora, Geologia); il 3.'' delT Economia (Vie di ci)municazione. Con- 
dizioni economiche ecc.); il 4.'^ del Governo, Amministrazione, Colonizzazione e 
dell'avvenire della Patagonia. Come si vede il piano dell'opera h addirittura 
grandioso, e dal primo volume si può facilmente arguire ch'esso sarà molto bene 
condotto a termine dal Carbajal. 1/ Italia dev'essere grata al giovane scienziato 



Digitized by VjOOQIC 



PF^ 



BO 



Storia della scoperta. — Prime colonie. — Conquista. 

Il primo europeo (1) che abbia visto ed esplorato le coste della 
Patagonia fu Magellano, il quale, partito dalla Spagna il 23 settem- 
bre 1519, collo scopo di cercare il passaggio tra l'oceano Atlantico 
ed il Pacifico, ai primi di aprile delPanno seguente gettava le an- 
core nel porto che chiamò di San Julian (lat. 48**15') sulle coste 
orientali della Patagonia. Il Pigafetta, che scrisse una relazione del 
viaggio fortunoso, portò pel primo in Europa la notizia, che quel 
paese era abitato da giganti dai piedi enormi: per il che quelli fu- 
rono chiamati Patagones (piedi grandi), e Patagonia i paesi da essi 
abitati. Dal porto di San Julian, Magellano mandò alcune navi ad 
esplorare verso il sud, di cui una, la caravella « Santiago >, naufragò 
alla foce dal Rio Santa Cruz: agli 11 d'ottobre salpava con tuttala 
squadra da San Julian, ed alla fine dello stesso mese scopriva quello 
stretto, che da lui prese il nome e che lo rese immortale. Il pas- 
saggio, pel mare burrascoso e pei frequenti scogli, fu molto difficile, 
ma lo compì felicemente e potè cosi penetrare nell'Oceano, che fu 
detto Pacifico, e dirigersi verso le isole dell'Oceania, dove doveva 
miseramente perire. 

Al Magellano tennero dietro molti altri navigatori specialmente 
spagnuoli: il Laiza (1526), l'Alcazaba (1534), il Camargo (1539), il 
Ladrilleros (1551). Gli Inglesi, che vedevano con invidia crescere 
il dominio e le ricchezze degli Spagnuoli, inviarono verso TAmerica 
l'audace Drake (1574), il quale, in due diverse spedizioni, costeggiò 
si può dire tutta l'America orientale e nella seconda di queste si 
fermò a lungo sulle coste patagoniche e saccheggiò le colonie spa- 
gnuole del Cile e della Bolivia. Ad inseguirlo fu mandato dal viceré 
del Perù il capitano Pedro Sarmiero da Gamboa, il quale pel primo 
esplorò minutamente lo stretto di Magellano e fondò poi nel 1584, 
a 50 km. dall' attuale Punta Arenas, la disgraziata colonia di San 
Felipe (lat. 53 o 38'), i cui abitanti morirono quasi tutti di fame. 

Il fortunato viaggio di Drake spinse molti capitani inglesi a ten- 
tare la fortuna, dirigendosi verso l'America meridionale, anche col 
fine dì saccheggiare i bastimenti spagnuoli che incontrassero sul 
loro cammino. Il primo fu Cavendish (1587) che estese le sue 



Digitized by VjOOQIC 



81 

rapine fino al Perù, poi Merlitk (1589), Chidley (1591), Davis 
(che visitò le isole Malvine), Hawkins (1595) e Cardes (1800): tatti 
costoro furono più che altro audaci corsari, i quali recarono danni 
immensi alle colonie spagnuole poste sulle coste dell'Oceano Faci- 
fico. Tra il 1598 ed il 1645 si diressero invece verso le coste pata- 
goniche varie squadre di navi olandesi, sotto la condotta prima di 
Noart (1598), che compi felicemente un viaggio di circumnavigazione 
attorno al mondo, poi del Vaart, dello Spilberg (1615), di Schouten 
e Le Maire, che scoprirono quel capo ch'essi chiamarono Horn, dal 
nome della loro città natale. I fratelli Nodales (1619) spagnuoli, co- 
steggiarono diligentemente la Terra del Fuoco, scoprirono le isole 
Diego Ramirez e fecero molte altre importanti scoperte. Nel 1624 un 
altro olandese, L'Hermite, fu inviato nelle acque patagoniche: egli 
osservò che il capo Horn non era la punta più meridionale del con- 
tinente, come avevano creduto Le Maire, Schouten ed i Nodales, 
ma si trovava sopra ungisela che fu chiamata L'Hermite. A lui 
tennero dietro Tolandese Brower (1643-1644) e gli inglesi Narbo- 
roogh (1660) e Strong (1688), che esplorò quelle isole a cui diede 
il nome di Lord C. Falkland. 

Tutte queste spedizioni, però, avevano solamente contribuito, quali 
più, quali meno, a far meglio conoscere le coste patagoniche: nes- 
sun tentativo ancor s' era fatto per penetrare nelF interno del 
paese. Un grande incentivo a farlo era la leggenda del Paia do- 
rado, che, secondo la tradizione, si doveva trovare ai piedi della 
Gordigliera dal lato d'oriente, confinante col paese degli Araucani. 
Essendo impossibile per un esercito il viaggio attraverso le Ande, 
fu affidato ai missionari Gesuiti Tincarico di evangelizzare gl'Indi, 
che abitavano le sponde del lago Nahuel-Huapi, ch'erano quelli che 
la leggenda designava come più ricchi. I FP. Gesuiti fecero molti 
viaggi nell'interno, e specialmente il p. Niccolò Mascardi, italiano 
(1660), il p. Filippo Van der Mieeren, noto sotto il nome di padre 
Laguna; ma tante furono le opposizioni che ad essi fecero gli Indi, 
che per più di un secolo non andò più fra quelli alcun missionario. 

Tuttavia va ancora ricordato il p. Falkner, il quale fece nella sua 
lunga dimora nella Patagonia molte osservazioni sul paese, sul 
clima, sugli abitanti e pubblicò nel 1774 a Londra una « Descri- 
zione della Patagonia » che invogliò il governo inglese a mandare 
colà una nuova spedizione, per conquistare quei luoghi; ma in ciò 
l'Inghilterra fu prevenuta dalla Spagna. 

n governo spagnuolo, infatti, avvisato degli intendimenti inglesi, 
nel giugno 1778 ordinò al viceré del Rio della Piata di fondare co- 



Digitized by VjOOQIC 



32 

Ionie sulle coste orientali della Patagonia, che assicurassero alla 
Spagna il dominio di cosi estese regioni. Don Juan de la Piedra 
fonda, il 4 gennaio 1779, la colonia di San José (42<»18' lat. nord) 
a nord della foce del Rio Ohubut, ed a lui poco dopo si unisce D. Fran- 
cisco Biedma. Incominciarono allora per opera del De la Piedra, del 
Biedma, e poi del Villarino le esplorazioni del Rio Negro e del Rio 
Colorado; e si fondarono le nuove colonie di Patagones (27 Aprile 
1778), e di Mercedes (16 Giugno 1778) ed i forti di San Julian e di 
Porto Deseado : essi però furono ben presto, per le tristi condizioni 
finanziarie della Spagna, lasciati nel più completo abbandono, si che 
solo Patagones potè mantenersi abbastanza in fiore. Sul finire del se* 
colo XVIII si fecero, per opera della Spagna, di nuovo alcune esplo- 
razioni sulle coste e nelP interno della Patagonia; tra queste spe- 
ciale importanza ebbe quella comandata dal Malaspina, che rilevò 
molto bene tutte le coste patagoniche (1788) e quella del naturalista 
Azara (1795). 

Intanto gli Indi, cessate le guerre fra tribù e tribù, si uniscono 
per opporsi ad oltranza agP invasori spagnuoli : i danni eh' essi fe- 
cero colle loro scorrerie alle colonie furono immensi, anzi la più 
parte di esse fu distrutta. Solo la spedizione militare del generale 
Rosas (1833) riusci a farli stare per un poco a segno (1); ma ben 
presto, essendo il governo centrale Argentino occupato a sedare le 
intestine discordie, gli Indi si riunirono di nuovo, e sotto la con- 
dotta di abili cacichi, tra cui il celeberrimo Yanquetruz, riuscirono 
per molti anni a tener ancor testa agli Europei, sino a che, cioè colla 
grande spedizione militare organizzata dal governo Argentino, si 
riusci ad imporre loro colla forza il rispetto alle proprietà dei co- 
loni europei (1879-80). La spedizione militare era però accompagnata 
anche da dotti scienziati, quali il Lorentz, il Doering, il Niederlin 
e lo Schulz, che studiarono il paese sotto i suoi vari aspetti, ed 
aprirono l'èra delle vere spedizioni scientifiche, che negli anni se- 
guenti vennero continuate dal Moyano, dal Winter, dal Fontana, da- 
gli italiani Com Oneto e Ten. Bove, da F. Moreno e da cento 
altri; mentre i missionari Salesiani, percorrendo tutta la Patagonia 
e la Terra del Fuoco, iniziarono gli Indi alla civiltà cristiana ed 
all'agricoltura. 



(1) Contemporaneamente alla spedizione militare del Rosas visitava la Pata- 



Digitized by VjOOQIC 






33 

Colla creazione da parte del governo Argentino dei territori della 
Patagonia e Pampa (1883), il paese ricevette nn assetto definitivo 
e se ne favori sempre più la conoscenza scientifica, la qnale, se 
ancora non si può dire perfetta, è già, per altre, molto avanzata (1). 



Confini — Superficie — Morfologia — idrografia. 

Non è cosa troppo facile stabilire i confini di quella regione che 
va sotto il nome di Patagonia (2). Politicamente infatti la Provincia 
di Buenos Aires si estende fino al "Rio Negro verso sud; mentre la 
Patagonia, se si tenesse conto unicamente de* caratteri geologici e 
morfologici del terreno, dovrebbe, nella sua parte orientale, avere per 
confine nord il Rio Colorado (3). 

Entro questi confini essa ha una superficie di circa 1,000,000 kq., di 
cui 831,187 appartengono alla Repubblica Argentina (25.700 alla Prov. 
di Buenos Aires) e 145,000 alla Repubblica del Cile: aggiungendo 
la superficie delF Arcipelago Fueghino e delle isole Malvine (79,299 
kq.) si otterrebbe un totale di 1,081,186 kq. 

La Patagonia ad oriente è bagnata dall' Oceano Atlantico, ad 
occidente dall'Oceano Pacifico. Grande però è la differenza fra la 
configurazione delle coste occidentali e quella delle orientali: queste 
infatti presentano rade ma larghe insenature (Golfo de S. Matias, 
G. Nuevo, G. de S. Jorge) e sono in generale piane (eccetto che 
tra i paralleli 44° e 47° ove sorgono alcune leggiere prominenze do- 
vute ad eruzioni vulcaniche), e non ricche di porti; le coste occiden- 
tali invece sono oltre modo frastagliate da insenature strette, ma 
molto lunghe e ramificate, veri fiordi insomma, dalle coste molto alte 
ed accompagnate da un gran numero di isole di vario dimensioni 
e fornite di uguale forma e caratteri fisici. Le coste patagoniche 

(1) Le questioni di confine tra la Repubblica Argentina ed il Cile contribuirono 
grandemente a completare lo studio di regioni che prima erand quasi atìatto 
ignorate. Cfr. in proposito W. Sievbrs, Fortschritte der Lànderhunde in ró- 
manirchen Amerika in « Geog. Jabrbuch » del Wagner XX, 1897 pp. 168-171. 

(2) Sull'origine del nome Patagonia vi sono due opinioni: alcuni vogliono che- 
derivi dallo spagnuolo ed allora significherebbe « piedi grandi » denominazioDe 
che si spiegherebbe, ammettendo che i primi visitatori europei siano stati ìm- 



Digitized by VjOOQIC 



34 

del Pacìfico coi loro fiordi e colle loro isole ci richiamano alla mente 
le coste occidentali della Norvegia ed ancor meglio quelle dell'Ala- 
ska, perchè anche qui, dal parallelo 44°30', abbiamo ghiacciai che si 
versano nel mare e tre quarti delle montagne coperte di ghiaccio e 
di neve; i fiordi alle volte si spingono tanto entro terra da attra- 
versare completamente la stessa catena delle Ande, come al 52° di 
latitudine: il loro aspetto è mirabilmente pittoresco. 

L'attuale stato morfologico e fisiografico della Patagonia, e, in ge- 
nerale, della Cordigliera delle Ande, è molto recente; anzi da varie 
considerazioni siamo indotti a credere, ch'esso abbia mutato anche 
in tempi storici non troppo lontani da noi. Cosi il Moreno trovò 
all'altezza di 14 mila piedi, sulla Pnna de Atacama al 26° parallelo, 
resti di un esteso villaggio, in un luogo ov'è attualmente impossi- 
bile la vita ad un gruppo qualsiasi di uomini: molti resti di grandi 
mammiferi furono trovati nelle formazioni argillose degli altipiani 
boliviani ad un'altezza, ove noi difficilmente possiamo credere ch'essi 
potessero vivere. Bisogna adunque ricorrere alla teoria d'una recente 
sollevazione di tutto il sistema Andino meridionale; sollevazione da 
cui dipende l'orografìa, e la confusa ed incerta idrografìa della Pa- 
tagonia. Anzi è molto probabile che al tempo dei primi viaggi degli 
esploratori in questi paraggi, l'attuale penisola Brunswich fosse 
un'isola; che qualche resto ancora vi fosse del canale che doveva 
unire la Bahia S. Sebastian alla Bahia Inutil, dividendo la grande 
isola della Terra del Fuoco in due parti; e che infine alcuni fiumi, 
che ora dal versante est delle Ande e dagli stessi terrazzi della 
Patagonia scorrono nell'Oceano Pacifico, si versassero allora nel- 
l'Atlantico. 

Del resto, se ben si studia la tettonica e la morfologia della 
Terra del Fuoco e dell'adiacente Patagonia si vedono tante e tali 
somiglianze, che si è indotto a credere che, come ora vi è lo 
stretto di Magellano, che divide tra loro le due terre suddette, 
cosi vi fossero vari canali, che dividevano l'intera Patagonia quasi 
in tanti gruppi di isole. Un generale sollevamento ed i depositi 
d'immensi ghiacciai a poco a poco fecero si che i canali cedes- 
sero il posto a vallate più o meno estese, attraverso le quali 
scorrono i fiumi Negro, Chubut, Santa Cruz, Coyle, Gallegos co' suoi 
affluenti, e molti altri, che non hanno più una corrente permanente. 

Le eruzioni vulcaniche recenti si estendono dal 41° parallelo in 
una stessa zona fino agli stretti, ed il periodo di eruzione sembra 
che sia stato identico, essendo i resti vulcanici dell'Aymond simili 



TT x._ 



Digitized by VjOOQIC 



8& 

formìtà è del resto generale: le stesse formazioni geologiche, la 
stessa flora, la stessa fauna; e solo essa si altera al nord, ove 
ancor vi sono resti di catene longitudinali, che appaiono al sud 
del Rio Negro coi loro graniti, porfidi, trachiti ed antichi scisti, 
e sì estendono, in masse più o meno imponenti fino al fiume detto 
Deseado, dividendo la Patagonia ed i suoi tavolati in due parti 
a settentrione di questo parallelo. È poi quasi certo che, sul finire 
del periodo terziario, la Patagonia era molto più estesa che non 
attualmente, avanzandosi verso oriente neirAtlantico, il cui fondo, 
tra l'attuale linea di costa e le parti orientali delle isole Falkland, 
era in quel tempo niente altro che un tavolato, il quale, sommerso 
in un'epoca relativamente recente, è ora di nuovo in via di sol- 
levamento. 

Il caratteristico rilievo a terrazzi della Patagonia è intimamente 
connesso, oltre che coi successivi sollevamenti, anche colle erosioni 
dei grandi fiumi e dei grandi laghi, di cui la maggior parte è 
ora scomparsa. Questi terrazzi sono propriamente linee di livello 
lasciate da questi fiumi e laghi, i quali non ebbero tutti origine 
nell'attuale Cordigliera; ma alcuni anche nell'interno della regione, 
che ora è priva d'acqua (1). 

Dal Rio Negro allo stretto di Magellano dominano formazioni 
terziarie con qualche tavolato cretaceo, interrotte nella loro unifor- 
mità dalle antiche roccie eruttive e schisti arcaici di S. Antonio, 
Punta Alta, Santa Helena, e Porto Descado, che costituiscono la di- 
strutta catena centrale della Patagonia, i cui resti sono i monti 
Colgadept, Talaguepa, Los Martires e quelli presso il lago Musters. 

Da quanto ho detto circa la genesi e la geologia della Pata- 
gonia chiaramente risulta ch'essa, quanto alla morfologia, si può 
dividere in due parti di diverso aspetto ed estensione: 1' orientale 
costituita di terrazzi e di tavolati rotti qua e là da depressioni in 
cui scorrono o scorrevano fiumi o si trovavano laghi, ed anche va- 
riati, specialmente nella parte centrale tra il Rio Negro ed il lago 
Musters, da una serie di basse sierre, resti della grande catena pa- 



(1) Sulla geologia della Patagonia oltre le opere del Moreno e del Carb 
(voi. Il) cfp. anche Mercerat A., Un vtaje de csploracion en la Patagonia 
aitstral, in « Boll. Inst. Geog. Argentino » 1893, XIV, 5 e segg.; IIatcber I. B., 
On the geologie of Southern Patagonia^ in « American Journal Science CLIV, 
1897, pp. 327-354; Semiradski I., Eine Forschungsreise in Patagonien, in x Pe- 
term. Mitteil. » 1893; Mercerat, Essai de classifìcation des terrains sed. du 
versant or. de la Patagonie Au&trale, in « Anal del Museo N. de Buenos 
Avre», 1896, 102-130; e Nuevos datos geologicos sobre la Patagonia Austral io 
« Bui. deirinst. Geog. Argentino » XVll, 363-404. 



Digitized by VjOOQIC 



' ^-^-TTiVTv iiiuivjiiw Hrw 



36 

tagonica scomparsa ch'era la continuazione diretta meridionale della 
Sierra di Cordoba; e l'occidentale, che si potrebbe piuttosto chia- 
mare Ad dina, perchè formata dalla sezione sud delle catene Andine 
e dalle loro dipendenze. 

Ho detto apposta catene Andine, perchè realmente, partendo dal 
deserto di Ataoama, il sistema Andino è costituito da due catene, 
le quali corrono parallele verso sud: la catena occidentale si po- 
trebbe chiamare Catena costiera Cilena, quella orientale è la Cor- 
digliera delle Ande. Una grande valle tettonica corre tra di esse 
nella stessa direzione, la quale a nord è specialmente colmata di 
prodotti di recenti vulcani, e poi si allarga, formando la fertilissima 
vallata del Cile, che discende gradualmente a mezzodì sino a che 
si sprofonda nelFOceano, allargandosi o contraendosi, come al nord, 
e coperta di depositi alluviali e ceneri persino sotto le acque co- 
stiere del Pacifico. Parallela a questa, ma al di là della Cordigliera, 
corre un^altra valle che è più o meno contratta; ma non completa- 
mente sepolta sotto le acque, come accadde alla valle occidentale. 
La valle Cilena s'affonda nel mare al 43° di lat.; ma tre gradi sopra 
essa è per la massima parte occupata da una serie di laghi, per lo 
più trasversali, che sembrano riempire quelle cavità, che coincidono 
con profonde spaccature o burroni della Cordigliera: la vallata Argen- 
tina non si sprofonda nel mare che al 53® di latitudine (1). 

In questa la serie di laghi copre lo spazio compreso tra i paral- 
leli 38^* e 52^: di tanto in tanto però i laghi sono separati da acci- 
denti tettonici locali, che ebbero origine dopo il periodo della forma- 
zione dei laghi, o per fenomeni vulcanici o per l'accumularsi di 
detriti glaciali. 

La grande vallata Argentina costituisce una delle più belle, più 
fertili e più interessanti zone dell' America meridionale, sia per la 
sua morfologia, sia per la tettonica e la geologia, ed anche per gli 
immensi ghiacciai, che mandano cristallini blocchi di ghiaccio nelle 
ver<li od azzurre acque dei laghi. 

Una breve descrizione topografica di questa vallata, partendo dal 
suri, ci porgerà occasione di dare qualche ulteriore idea sulla mor- 
fologia, e di trattare, sommariamente s'intende, dell'idrografia del- 
l'intiera Patagonia. 

Benché, come già fu osservato, la Terra del Fuoco non sia che 
la diretta continuazione dei tavolati patagonici ed i suoi monti la 
continuazione delle Ande, tuttavia l'aspetto dei due paesi ha non 



(1) Moreno, Expl. in Patagonia, 251 e segg. 



Digitized by VjOOQIC 



. | i! i j . i iMPiqfyfpF 



87 

poche differenze^ anche quando si prenda per termine di paragone 
la Patagonia a sud del fiume Gallegos, ohe ha colla Terra del Fuoco 
più numerose analogie (!)• La Terra del Fuoco è in buona parte co- 
perta di dense foreste vergini di piante sempreverdi, che pel loro 
aspetto richiamano alla mente le foreste vergini delle regioni tropi- 
cali: le piante più comuni sono la Fagus antartica e la Fagus betu- 
loid^s, la Drimys Winteri e varie altre di alto fusto, ai cui piedi poi 
strisciano, formando un inestricabile labirinto, molte piante rampicanti 
che rompono il monotono verde intenso convivaci colori dei loro 
fiori. Nulla di tutto questo nei tavolati della Patagonia: essi sono 
coperti di ghiaia, la quale per lo più riposa su strati terziari in cui 
si trova una fauna assai ricca di molluschi marini ed in certi luoghi 
alcuni stretti banchi di carbone contenente un certo numero di fos- 
sili vegetali. I^a vegetazione è povera: non vi sono alberi; ma solo 
qualche piccolo arbusto, tra cui molto caratteristico è il Chilotri- 
chum amelloides, dai fiori bianchi simili ai crisantemi. Tal povertà 
di vegetazione si deve, in parte al clima, che è molto secco, ed in 
parte pure alle tempeste patagoniche, che sono forse le più violenti 
e le più persistenti della terra (2). 

Tornando al primitivo soggetto, dirò che fin dall'estremo limite 
meridionale della Terra del Fuoco è facile distinguere le due valli 
che corrono parallele alla catena Andina e specialmente la valle 
orìent-ale. Essa infatti comincia col bellissimo lago Fagnano che 
riempie colle sue acque cristalline la depressione posta a nord della 
catena dei monti Apoca e Darwin, che formano la diretta continua- 
zione del sistema Andino, il quale ad essi si spinge per mezzo delle 
alture dell'isola Clara e dell'isola Dawson. Il lago Fagnano, cosi 
chiamato per onorare l'illustre missionario italiano, che spende la 
sua vita per l'istruzione delle tribù fueghine, è alto circa 60 metri 
sul livello del mare, e profondo forse 200 m.: tutt'intorno è circon- 
dato da massicci alti e dirupati, attraversati solamente dal fiume 
che vi porta lo scolo d'un altro lago importante, il lago Solier (3). 

La depressione del lago Fagnano continua verso nord-ovest per 



(1) NoRDENSKJÒLD 0., Vexpedttton suèdoise a la Terre du Feu, in « An- 
nalea d€» Góographie » VI, 15 luglio 1897, pp. 348; Dosbn ?., Ueben die Vegeta- 
tionem der Feuerlàndisohen Inselgruppe^ ia « Eogler botan. Jahrb » XXIV, 
18OT, pp. 179-196. 



Digitized by VjOOQIC 



38 

la baia Ammiragliato. la parte centrale dello stretto di Magellano^ 
il basso istmo che unisce la penisola di Brunswick al continente e 
poi pel canale Fitzroy, molto ramificato e stretto. Il tavolato com- 
preso tra il canale Fitzroy, lo stretto (Ji Magellano, PAtlantico e 
la depressione trasversale segnata dal Rio Gallegos, forma un paese 
di transizione tra la Terra del Fuoco e la vera Patagonia: nella 
sua parte meridionale, lungo lo stretto di Magellano s'inalzano i 
vulcani Orejas de Burro, monte Aymond e La Picana dell'altezza 
media di 200 a 300 metri: tra questi ed il Rio Gallegos si estende 
una superficie ondulata, erbosa; sparsa di arbusti, con gole profonde 
intagliantisi a vicenda, e coni vulcanici che hanno eruttato lava in 
tempi antichi ed anche recenti. Centinaia di migliaia di pecore vi 
stanno ora pascolando, mentre i cercatori d'oro vanno frugando nei de- 
positi glaciali delle profonde gole presso le coste dell'Atlantico (1). Sul 
confine occidentale del tavolato trovansi il lago Balmaceda ed il 
lago Pinto di origine molto recente, e alcuni altri minori, situati tra 
varie linee di morene, più o meno ben conservate, le quali separano 
le acque, che dall' altopiano settentrionale e meridionale scorrono 
verso occidente ad alimentare questi laghi, e ad oriente, formando 
il Rio Gallegos. Questo fiume occupa ora l'antico stretto che si 
estendeva dalla baia Ostruzione all'Oceano Atlantico, e che fu riem- 
pito da detriti glaciali: esso è lungo circa 440 km. e la sua valle è 
stretta, ma abbastanza fertile, data la sua latitudine: è navigabile 
per circa 40 km. e termina con un estuario che forma il porto Gal- 
legos, ben riparato e sicuro dai venti (2). 

Continuando verso nord, la grande valle Argentina è costituita 
prima dal Canal de las Montafi^as, che separa la catena centrale delle 
Ande dalla catena laterale più frammentaria, e poi da una serie di 
laghi situati tra la stessa catena Andina e l'altopiano patagonico. I 
principali sono il lago Maravilla (il più grande, le cui morene sono 
perfettamente conservate), il Paine, l'Hauthal ed il Tyndall, il Nor- 
denskjòld, il Dickson e molti altri, la cui esistenza è già nota; ma 
che non furono ancora studiati. Tutti i laghi di questa regione, come 
pure le lagune orientali, non sono che resti di un unico lago che 
si versava nel fiume Coyle; nello stesso tempo che i canali del Pa- 
cifico ne originavano altri, che alimentavano colle loro acque il fiume 



(1) La frontiera Cileno-Argentina taglia questo tavolato da ovest ad est sopra 



Digitized by VjOOQIC 



iqil^pil.ilMP I 



39 

Gallegos e prima che T erosione, consumasse le roccie, per lo stretto 
Kirke connettevano l'antico lago col Pacifico, che convertiva le loro 
acque dolci in salate. Il paesaggio è estremamente pittoresco in 
questa regione. Ad occidente si hanno le alte montagne della ca- 
tena granitica centrale coi loro ghiacciai e nunatacks; più basso 
vallate boscose e laghi montani tra i fiordi tempestati di icebergs 
staccatisi dai ghiacciai. La catena laterale composta di schisti meta- 
morfici è tutta coperta di boschi, ed a* saoi piedi si stendono nella 
loro limpida calma laghi d'origine glaciale, che occupano rantica 
bocca dei fiordi scomparsi e sono ad oriente circondati da alture 
moreniche. Il contrasto poi tra la Cordigliera ed il piano patagonico 
è più che mai violento in questa parte della depressione longitudinale 
di cui si parla. Ad occidente dall'elevata Sierra Dorotea comincia a 
comparire i terziari depositi, che si estendono fin qui dallo stretto 
di Magellano, qua e là interrotto da depressioni trasversali di ugual 
carattere fisiografico, di cui la più settentrionale circonda la base 
delle Sierre Baguales e Viscachas. Questa arenaria è alla sua volta 
coperta da tufi neovulcanici e da ghiaie glaciali, che formano la cosi 
detta Latorre Cordigliera che non è poi nient' altro che l'estremo limite 
del tavolato patagonico, che sale gradualmente dall'Atlantico verso 
la Cordigliera, a cui, del resto, un tempo era unito (l). 

Tra la Sierra Dorotea e Punta Alta scorre il principale affluente 
del fiume Oallegos, la cui valle è occupata da importanti estancias, 
come pure le vicinanze dei laghi Maravilla, Sarmiento e Paine. II 
tavolato Gallegos Coyle si volge ad oriente diminuendo in altezza, 
eroso dall'azione glaciale che vi produsse delle cavità piene d'acqua 
dolce salata, vestigia lasciate dall'Atlantico al tempo deirultimo 
sollevamento del tavolato. Procedendo verso nord, attraverso un 
paese continuamente ondulato e coperto di erbe, che potrebbero dar 
nutrimento a migliaia di pecore, si penetra nella regione posta ad 
est della Sierra Viscachas, che è uno dei luoghi dove lo strato di 
ghiaia glaciale che Io copre è più visibile. 

E poi da notarsi che tutto questo tavolato della Patagonia è molto 
più accidentato ad occidente che ad oriente : là infatti vi sono pro- 
fonde gole, più meno vaste, in cui scorrono torrenti, resti dei fiumi 
che in tempi più lontani alimentavano il grande sistema di scolo 
del Coyle, ma che ora non hanno più corso continuo durante tutto 
l'anno. Le valli degli affluenti del Coyle formano la bella Valle de 



(1) P. Moreno, Explorations in Patagonia^ 259. 



Digitized by VjOOQIC 



40 

lo8 GuanacoSy cosi detta per le numerose torme di questi animali 
che vi pascolano tranquillamente (1). 

Dall'aperto altopiano si scorge la larga vallata del fiume Santa 
Cruz, che è più profonda di quella del Gallegos e del Coile, ma 
anche più sassosa e sterile. E questa un'altra depressione trasver- 
sale del continente, la quale fu anche occupata da un ghiacciaio che la 
coprì de' suoi detriti. Il fiume Santa Cruz nasce dal lago Argentino 
e corre fra una catena di cerros tortuosamente fino all'Atlantico: è 
lungo circa 300 km., e siccome ha un letto ben incassato, è navi- 
gabile per piccole imbarcazioni fino al lago da cui nasce (2). 

Il lago Argentino ha una superficie maggiore di quella del lago 
Maravilla e partecipa della tettonica dei laghi glaciali. 

Si estende per 60 miglia verso occidente, terminando con tre 
bracci molto stretti e ramificati che ricevono le acque del monte 
Stoke e del monte Agassiz (3281 m.) a nord, e della principale ca- 
tena Andina ad occidente. Ai fiordi del lago Argentino fanno simmetria 
nell'altro versante i fiordi oceanici: le sue acque poi vanno rapida- 
mente ritirandosi, si che il Moreno potè vedere asciutto nel 1898 un 
largo tratto della spiaggia meridionale» che nel 1877 era ancor coperta 
dalle acque (3 . Il paese lasciato libero dalle acque è molto fertile, co- 
perto di erba buonissima ed abbondante. Il fiume Leona, corrente 
maggiore dello stesso Santa Cruz e facilmente navigabile, manda 
nel lago Argentino le acque del lago Viedma, che si trova alquanto 
più a nord, diviso dal primo dal monte Hoble e dal monte Castle. Esso 
è più grande del lago Argentino e di una forma molto più regolare, 
(benché sembri possibile che anch'esso abbia dei fiordi come gli 
altri laghi già ricordati), ed occupa una depressione tettonica che si 
estende fino all'Atlantico ed ha un'estensione molto maggiore di 
quella del lago Argentino. Un largo braccio si vede all'estremità 
orientale, che continua fino alla più angusta valle del fiume Shehuen 
che sbocca nel fiume Chico, prima che questo raggiunga la baia 
Santa Cruz. Varii letti di fiumi secchi, ch'erano gli affluenti del 
Bio Santa Cruz, sono probabilmente gli ultimi residui del bacino 
di scolo settentrionale, prima che questo fosse interamente effet- 
tuato dal fiume Leena, come è dimostrato dal fatto, che alcune pa- 
ludi vicine, piene d'acqua ancora nel 1877, nel 1898 furono viste 
dal Moreno completamente asciutte. 



(1) Caubajal, Op. cit, I, 189. 

(2) Carbajal, Op. cit. I, 188. 

<y) F. Moreno, Explorations in Patagonia^ 261. 



Digitized by VjOOQIC 



41 

Il fiume Shehuen forma, rispetto al Iago San Martin, una depres- 
sione analoga a quella del Santa Cruz, rispetto al lago Argentino 
ed al lago Viedma: però esso attualmente non riceve più le ac- 
que del lago San Martin; mentre è certo che n^era remissarie an- 
cora pochi anni fa. A nord-est del lago San Martin, che, come molti 
altri di questa regione, è destinato a scomparire, si trova la palude 
Tar, che è un resto delPantica sua estensione. Attualmente esso non 
rappresenta che una parte piccola, un fiordo dell'antico lago che co- 
priva tutta questa depressione; ed ha una superficie che certamente 
è inferiore a quella del lago Viedma e del lago Argentino: ha rami 
molto stretti e lunghi e da uno di questi, dal ramo settentrionale, 
nasce un fiume che ne versa le acque nel Pacifico. Il lago ha un 
aspetto molto pittoresco e le sue rive coperte di ricca vegetazione 
{FaguSj Drimys, Libocedrus ecc.) rappresentano un paese che può 
essere con utilità grandissima coltivato. Il paese compreso fra il 
Shehuen ed il Rio Chico non è che un vasto campo di lava, rela- 
tivamente piano, attraversato da correnti che nascono per lo più 
da piccoli laghetti, e si riversano in un gran lago contenuto da 
strati di lava, chiamato lago Cordiel: non ha emissario conosciuto. 

Il fiume Chico di Santa Cruz nasce nell'altipiano presso il lago 
Qniroga, tra correnti di lava a 1240 metri, e ripiega a nord-ovest, 
ingrossandosi delle acque di alcuni laghetti, residui di un unico 
grande lago, che occupava tutto il paese in cui si trovano ora il lago 
Nansen, il Vulcano, il Belgrano, l'Azera e cento altri (1). 

Il lago Vulcano è situato a 781 metri il Belgrano a 760 e 
TAzara a 843: quest'ultimo si versa violentemente nel lago Nansen 
(700), il quale alla sua volta versa per mezzo del fiume Mayer le 
sue acque nel lago San Martin. Il fiume Mayer ci presenta un esem- 
pio dell'incostanza dello spartiacque, molto frequente del resto in 
queste regioni: mentre infatti riceve a sinistra alcuni affluenti che 
sono in comunicazione col fiume Chico che si getta nell'Atlantico, 
mentre esso, gettandosi nel lago San Martin, versa le sue acque nel- 
l'Oceano Pacifico (2). 

Seguendo le rive del fiume Belgrano verso nord, si lascia ad 
oriente il tavolato patagonico co' suoi elevati contorni coperti di lave 



(1) La valle dei Rio Chico e molto fertile ed adatta airagricoltura. Cfr. Mohler, G., 
Etplorations dans la Patagonie AvstraU in « Boi. de la Soc. de Paris » 1891, 
pp, 138 e segg. 

(2) Il Rio Mayer fu scoperto dalla spedizione Hatscher nel 1897 (Geog. Zeit- 
•ehrift, 1899). 



Digitized by VjOOQIC 



42 

basaltiche, i quali raggiungono la loro massima altezza nel Monte 
Belgrano (2000 m.), e s'incontra una delle maggiori depressioni la- 
custri della Patagonia occupata principalmente dal lago Puirredon; 
nello stesso tempo la parte orientale del n'aito patagone si abbassa, 
si che lo spartiacque si trova ad una buona distanza verso est. Il 
lago Puirredon versa le sue acque, per mezzo del Rio Las Heras 
nella baia Calen che è pure V emissario dei laghi Buenos Aires, 
Soler e di molti altri minori situati nelle vicinanze di questi e non 
ancora esplorati. Lo studio di questa regione è quanto mai inte- 
ressante per farsi un'idea dell'antica distribozione delle acque e del 
loro attuale abbassamento. Lo stesso numero di terrazze si può ge- 
neralmente contare dalla superficie del tavolato: cinque alte in media 
50 metri più o meno e quattro variabili da 20 a 7 metri. 

Il Lago Buenos Aires è alto 174 m. sul livello del mare, largo da 
sud-sud-ovest a nord-nord-est 75 miglia, ed ha una forma simile a 
quella già riscontrata negli altri laghi ricordati, e cioè molto rami- 
ficata in tutte le direzioni; ma specialmente verso nord. 

Col suo ramo occidentale occupa una parte della depressione lon- 
gitudinale che dalla baia Calet si estende fino alla depressione del 
fiume Aysen che separa i cretacei monti Castillo e Ap. Ywan ^2630 m.) 
dalla Cordigliera propria. Certamente la depressione del lago Buenos 
Aires è la più larga di tatta la Patagonia. Attualmente esso si sca- 
rica nel lago Soler che si trova a sud del suo ramo occidentale; ma 
prima le sue acque correvano pel Rio Deseado all'Oceano Atlantico, 
cioè quando il Rio Deseado non era stato chiuso ad occidente da 
recenti eruzioni vulcaniche e da detriti glaciali. Si getta nel lago 
Buenos Aires invece il fiume Fenix, che nasce dalle montagne Ap- 
Ywan, e che presenta lo strano fenomeno, non insolito in questi 
paesi, di correre per 30 miglia ad E S E e poi improvvisamente 
volgere ad ovest, gettandosi nel lago Buenos Aires; ma il Moreno af- 
ferma che con un lavoro di pochi giorni si potrebbe di nuovo ob- 
bligare le sue acque a scorrere verso l'Atlantico, ridonando la fer- 
tilità a centinaia di miglia quadrate di terreno (1). 

Tra la depressione del lago Buenos Aires e quella in cui scorre 
il fiume Sangnerre che è V emissario del lago La Piata e del lago 
Fontana, esisteva una volta un'altra depressione lacustre che fu vuo- 
tata delle sue acque dal fiume Aysen; e fino ad essa pure si pro- 



Digitized by VjOOQIC 



43 

II bacino orientale delFAysen è formato ad ovest dalla catena cen- 
trale delle Ande ricca di ghiacci ed a nord delle alture giurassiche 
e cretacee che racchiudono i laghi Fontana e La Piata (1). In que- 
sta depressione vi sono belle terre lavorabili, ed abbondano i pae- 
saggi realmente pittoreschi, ricchi di alberi e di belle praterie, come 
del resto tutto il paese percorso dal fiume Sanguerre e dal suo af- 
fluente il Genua o Quiana. Il Sanguerre scorrendo prima verso 
SSE fino al 46^ parallelo, poi verso nord si getta nel lago Colhue, 
che qualche volta solamente comunica col lago Musters, il quale non 
è, come il Colhue, che un resto di un lago molto più grande che 
riempiva tutta la depressione che è attualmente segnata da alcune 
paludi dalle acque salmastre (2). 

Procedendo verso nord s'incontra un paese sempre molto acciden- 
tato cosparso di laghi, e intagliato da profonde valli ove passano 
numerosi fiumi, di cui alcuni si dirigono verso oriente come il Cher- 
que ed il Tecka, che si perdono nelPaltipiano patagonico; altri invece 
vanno verso occidente, rompendo la catena principale delle Ande 
come il Cisne, il Pico, il Palena e molti altri. Tutte le valli di 
questi fiumi in generale sono molto fertili e di aspetto assai pitto- 
resco, e rappresentano parte della grande depressione che divide i 
terrazzi patagonici dal sistema Andino. S'incontra poi la bellissima 
valle € 16 Ottobre » ove prospera già una fiorente colonia Argen- 
tina. Questa vallata segna un'altra depressione occupata già da un 
lago: le sue acque sono ora raccolte dal fiume Ftaleufu, nel quale si 
riconobbe il fiume Yelcho e che si getta nel Pacifico al sud della baia 
Relihique, dopo aver ricevuto anche le acque di un' altra vasta val- 
lata posta più a nord, circondata da colline moreniche, che separano le 
acque che si gettano nel lago Oholile (550 m.) e poi nel lago Puelo 
(168 m.), il quale alla sua volta si getta, pel fiume omonimo, nella baia 
di Reloncavi sulla costa occidentale del continente (B). Il Ftaleufu 
riceve ancora le acque di una serie di bei laghi, di cui i principali 



(1) DusEN P., Frati Patagoniens vestkust till pampasouiradet pa Kordille- 
rans astra tida^ in « Ymer » 1897, pp. 199, con una bella carta dei corso di 
tutto il Rio Aysen, (1:200.000) V. anche « Olobua » LXX, pp. 51, 1899. 

(2) Garba JAL, Op. cit. 1, 1891. Mohler M. G. Esplorations dans la Patago- 
nie Australe, in « Boll, de la Soc. de Góog. de Paris » 1891, pp. 128 e segj^. 
Tanto la valle del Senguerre quanto quella del Rio Mayo è ricchissima di ve- 



Digitized by VjOOQIC 




44 

sono il Ftalanquen (477 m.), il Menendez (480 m.), il Ridavia (500 m.) 
e Cholila, che ricevono le acque della catena principale delle Ande 
e sono i resti di un antico lago esistente fra la catena principale 
Andina suddetta ed i monti della Patagonia centrale, situati ad 
oriente del fiume Tecka, che si versa nel Chubut, ed una volta emis- 
sario anche delle acque contenute nella depressione « 16 Ottobre ». 
Questa poi si estende verso nord, unendosi a quella segnata dalPnltimo 
braccio del Rio Chubut, la quale penetra attraverso la depressione 
longitudinale, che arriva fino all'alto tavolato che separa la depres- 
sione del Chubut da quella che corrisponde al fiume Limay, e simil- 
mente ad un' altra depressione trasversale in cui esisteva il fiume 
per cui le acque del lago Nahuel-Huapi si versavano neir attuale 
baia Sant'Antonio (1). 

Il lago Nahnel-Huapi si trova ad 886 m. sul livello del mare, 
ha una superficie di 950 Kq. circa e, come tutti i laghi di queste 
regioni, è molto ramificato specialmente verso occidente (2). Le sue 
rive sono coperte di una vegetazione lussureggiante, e le acque d'un 
beir azzurro contrastano vivamente col grigio delle lave o dei tufi 
vulcanici delle alture che lo circondano. Benché la sua estensione 
sia ancora relativamente grande, tuttavia era molto maggiore nel 
passato, non essendo i piccoli laghi del fiume Manso, che antichi 
bracci suoi, come pure i laghi Vidal Garmas (700 m.), Guillelmo, 
Mascardi (780 m.), Gutierrez ed altri molti che alimentano i nume- 
rosi afiBuenti del Lima}»-, il quale è pure l'emissario del lago Nah- 
uei-Huapi. Il monte Tronador, il re di questa sezione della (/ordigliera 
(3312 m.), distribuisce le acque de'suoi ghiacciai al lago Nahuel- 
Huapi ed al lago Todos los Santos, che gli fa simmetria nell'altro 
versante. Nel bacino del fiume Chemehuin, che riceve tutte le acque 
del versante orientale di questo tratto delle Ande per mandarle al 
Collon Cura, afiBuente del Liraay, è situata la città di Junin de los 
Andes (770 m.), eh' è destinata a diventare V emporio di tutta 
questa ricca e fertile regione, quando vi saranno braccia sufficienti 
per coltivarla, e la ferrovia transoceanica sarà costrutta secondo il 
tracciato proposto dal Cap. Fitz Roy, come il più facile modo di co- 



(1) Caubajal, Op. cit., I, 195, — Il Moreno dice che il paesaggio che circonda 
il lago Nabuel-Huapi è molto simile a quello della Svizzera, e che il suolo per 
molte miglia di raggio è quanto mai adatto alia coltivazione. Cfr. Must^e de la 

Pl/rfn .V>»//>*> «t'^/fm.» ♦»/»/**>»# ff)y>« ^jn^ #»•/»'!/ «"ot/i*! ntif ffiv^vitnivm» tini. 7V7]#«#/y«jL#«t 



Digitized by VjOOQIC 



45 

municazione tra T Atlantico ed il Pacifico, che è quello del porto 
Sant'Antonio nella baia di S. Mattia. 

Tatto il paese sitaato attorno a Junin de los Andes è destinato 
ad un grande avvenire, possedendo vaste e ricchissime pasture, 
dense foreste dal fantastico fogliame. Ad aumentare la bellezza del 
paesaggio concorrono anche colla loro tremenda maestà i coni vul- 
canici del Lanin (3700 m.) del Guetrupillon (2800 m.) e del Villa- 
rica che si specchiano nelle acque di numerosi laghetti che per mezzo 
del fiume Albumina si riversano nel Limay. Tutto il Governo del 
Neuqnen in generale è abbastanza montuoso (600 p.) anche nella sua 
parte orientale; ma nello stesso tempo è la parte più fertile e più bo- 
schiva di tutta la Patagonia settentrionale. Il fiume Limay ha una 
lunghezza di 480 km.: nel suo corso superiore ha una larghezza di 
60 m. con la velocità media di 5 metri per secondo. Riceve a de- 
stra il Traful che scende dal lago omonimo, poi a sinistra il Colica 
Cura dopo la confluenza del quale la sua velocità si riduce a 2 me- 
tri circa al secondo, ma si allarga fino a 100 metri con una profon- 
dità variabile da un metro a quattro (1). Le sponde sono coperte di 
alberi di alto fusto che le rendono molto amene; come pure le rive 
del Rio Neuqnen, che col Limay costituisce il Rio Negro. Il Rio 
Negro dalla confluenza del Limay e del Neuqnen all' Atlantico ha 
un corso di circa 720 km. in mezzo ad una ricca valle che si re- 
stringe e si allarga senza mai superare però i 25 km. L'nltimo fiume 
patagonico a nord è il Rio Colorado formato del Rio Grande e dal 
Barrancas che scendono dalla Cordigliera: esso ha un corso di circa 
1300 km. e non è navigabile che per brevissimo tratto; ma il ter- 
reno piano fra cui corre permette che con relativa facilità siano 
scavati lungo il suo corso canali irrigatori, che renderebbero alla col- 
tivazione estese terre, ora sterili e deserte (2). 

(Continua). 



(1) Carbajal, Op. cit., I, 164. 

(2) Semiradski I., Eine Forschungsreise in Patagonien^ in « Peterni. Mitleil. 
1893, pp. 55 e segg. 



Digitized by VjOOQiC 



46 



V. 

Il XII Congresso Internazionale degli Orientalisti 




Quasi 700 convenuti sopra circa 1100 inscritti: queste due cifre 
danno il diritto di dichiarare pienamente riuscito il XII Congresso 
Internazionale degli Orientalisti, tenuto in Roma dal 3 al 15 otto- 
bre. Il Comitato ordinatore composto, per la cortese decisione del 
precedente congresso di Parigi (1897), di tutti italiani, aveva il se- 
natore Geaziadio Ascoli, del quale il mondo dei dotti celebra in 
questo 1899 il giubbileo per il suo 70^ anno d' età, per presidente 
onorario, il Prof. Angelo De Gubernatis per presidente effettivo, 
il Prof. Fr. Lor. PuLLÉ, segretario generale, e i Prof. F. Lasinio, 
C. SciilAPPARELLl, e L. NOCENTIKI come vice-presidenti. Tutte le 
nazioni europee e americane e i loro Istituti Scientifici furono 
largamente rappresentati e nessuno mancò delle dotte e giovani 
schiere di inglesi, tedeschi, francesi e americani che continuano, 
collettivamente, lo studio delle questioni aperte dalle audacie rivo- 
luzionarie di quelli che sono ornai vecchi. Anzi l'universalità e l' in- 
ternazionalità del geniale Convegno fu completata dalla participa- 
zione dello stesso Oriente. E questo è veramente un fatto della più 
alta importanza, tanto più che i lavori dei professori Hozumi e Tsu- 
boi, giapponesi, di Rajendranath Seal e Shrimant Madhau Rho in- 
diani, di Yuen Chen, cinese, competono per importanza scientifica 
con quelli degli europei, e il risveglio per la prima volta notato nei 
Persi, negli Armeni (70 intervenuti), negli Americani meridionali, 
mostra tenace nazionalità © spirito neofilico in popoli che si ama 



Digitized by VjOOQIC 



47 

foroQO dedicati alle sedate generali di tutte le sezioni riunite, con 
conferenze di interesse generale e per decisioni di varia ìndole. 

La 1.* sezione, Linguistica generale indo-europea, richiamava l'at- 
tenzione dei dotti sulle lingue italiche, Petrusco, l'albanese, le lingue 
tracoil liriche e le lingue antiche dell' Asia Minore: La 2.* Sezione, 
destinata alla Geografia ed Etnografia delV Oriente, (Cartografia sto- 
rica dei paesi orientali; viaggi in Oriente, rapporti dell'Oriente col- 
rOccidente; osi e costumi), accolse molti lavori importanti, primo 
tra i quali quello sulla « Geografia storica e cartografica antica del- 
l'India » del prot. PULLÈ, che fu esposto nella prima seduta gene- 
rale e che mise fra l'altro in rilievo il merito degli italiani (Cantino, 
Vesconte, Danti, Gastaldo) nel raffigurare la penisola indiana, in 
confronto alle contemporanee prodazioni di origine tolemaica o por- 
toghese. 

Per la 3* Sezione, Storia comparata delle religioni d'Oriente, Mito- 
logia comparata e Folk-lore, Tillustre Max Mììlleb mandò notizie 
sulla Mitologia e sul Folklore Tibetano, il Dott. Dvorsak fece uno 
studio comparato di Confucio e Lao-tse, il Prof. S. Prato ri feri su 
< Il sole, la luna e le stelle, immagini simboliche di bellezza nei 
canti orientali e popolari », la signora R. Listes parlò delle Pietre 
fatate della Toscana. 

Nella 4.* sezione Cina e Giappone, si tentò di risolvere la diffi- 
cile questione della trascrizione in lettere latine dei caratteri cinesi, 
e si udirono varie comunicazioni sulla letteratura delle due nazioni, 
mentre i giapponesi si occuparono specialmente della storia delle 
antiche loro conoscenze sull'Occidente. H. Cobdibb riferi « Sugli studi 
cinesi in Italia nei secoli XVI e XVII ». Disgraziatamente però il 
Congresso non potè esaminare e discutere la monumentale Chiave 
Sinica del prof. Severini, che una malaugurata infermità tenne lon- 
tano da Roma. 

La Sezione 5.^, fu specializzata alla letterata alla storia e alla ar- 
cheologia della Birmania^ Indocina, Malesia e Madagascar 

Le Sezioni 6.* e 7.* dedicarono la loro attività aWIndia e all'/rat?, 
e furono naturalmente tra le più ricche di comunicazioni, specialmente 
linguistiche. È interessante segnalare quelle del signor Hambaetzoum 
Arakélian sulla < Futura religione dell'Iran; il Babismo » e sulle 
« Relazioni degli Armeni cogli Italiani nei secoli XVI e XVII ». 

IjAsia Centrale, nella Sezione 8.% mostrò quanto ferva in quei 
luoghi V attività scientifica dei russi e dei tedeschi, rappresentata 
al congresso dei nomi eminenti di Radloff, Hibth, Donneb, Huth, 

HOERNLE. 



Digitized by VjOOQIC 



Colla successiva Sezione, lingua e letteratura semitickey e colla Se- 
zione 9 *, Mondo MonsulmanOy incontriamo pure un numero molto 
notevole di note e comunicazioni, tra le quali ci limitiamo a ricor- 
dare quelle suirorigine della Scrittura » del Seroi « sull'Astronomia 
di Habash secondo un ms. della Biblioteca di Berlino » del prof. Nal- 
UNO, « Sui manoscritti arabi che esistono nelle Biblioteche del- 
l' Oriente » di Ohebib Abslàn. 

Una 10.^ fu Sezione destinata ^W Egittologia e lingue africane; un'al- 
tra ancora, che protrasse i suoi lavori sino all'ultimo momento, alla 
Grecia e Oriente, studiati sopratutto nel periodo bizantino e mus- 
sulmano e nei loro rapporti coiritalia. In quest'ultima spiccarono 
le memorie di Krumbacher, Tooilescu, Reinach, Venturi, Lam- 
BROS, che sono i più noti studiosi dell' epoca bizantina. Nell'ultima 
sezione, destinata alle Lingue, popoli e civiltà dell* America, in quanto 
si collegano a quelle dell'Asia, fu specialmente notevole un contri- 
buto del prof. Sergi, all' « Antropologia Americana > ove l'attivis- 
simo scienziato applicando la sua nuova analisi craniologica alla 
soluzione delle origini americane, giunse a dare un po' più di luce 
alla tenebrosissima questione. 

Il senatore Ascoli, che presiedette le sedute generali, fu oggetto 
di entusiastiche manifestazioni di onore, da parte di tutti i convenuti. 
Ed egli ringraziò il Congresso in un discorsetto breve quanto ge- 
niale, di cui riproduciamo alcuni periodi salienti sicuri della loro ec- 
cezionale importanza. 

« Gli studi glottologici, egli cominciò, di regola son limitati, quasi 
per forza, alla mera, se pur grandiosa, descrizione delle diverse fa- 
miglie linguistiche, movendo per ciascuna da quelle condizioni che 
risultuno originali del suo particolare organismo e della sua parti- 
colare suppellettile verbale. Più in su o più in là par vietato d'an- 
dare. Pare che a noi linguisti debba rimanere come rimota o super- 
flua quella meditazione per la quale il pensiero tenta di formarsi un 
concetto razionale del come i vari tipi di favelle primamente si for- 
mino e si maturino, del come 1' uomo arrivi a conseguire uno stro- 
mento così meraviglioso e cosi vario, il quale è insieme un requisito 
immancabile della natura umana e il prodotto necessario di partico- 
lari convenzioni. E insieme pare che ci rimanga pressoché rimoto 
lo studio dei motivi e dei modi, pei quali avviene che nel tempo 
e nello spazio segua variamente la diffusione e l'alterazione dei di- 
versi tipi di linguaggio. Cediamo il campo, salvo poche e tanto più 
meritorie eccezioni, cediamo il campo ai filosofi di professione per 
una parte di codesti assunti e agli etnologi e antropologi di pro- 
fessione per l'altra. 



k.. 



Digitized by VjOOQIC 



4» 

« Orbène, per quanto sia il rispetto ool quale un linguista ascolti 
i responsi della filosofìa, dell' etnologia e dell' antropologia, avvien 
però di rado che egli comunque s'acquieti pure a quelli tra codesti 
responsi che egli sente men lontani dalla verità; avvien di rado che 
egli non senta molto profondamente che il filosofo, l'antropologo e 
l'etnologo parlerebbero in tntt' altro modo se insieme essi fossero 
altrettanti linguisti. 

« Perchè è dunque cosi scarsa tra i cultori della glottologia 
la considerazione di quanto esce dall'indagine meramente descrittiva 
dei fatti che la tradizione ci porge? La ragione di questo riserbo 
ognuno facilmente la vede. La descrizione scientificamente rigorosa 
dei filoni tradizionali della parola portò al riconoscimento di una 
quantità infinita di veri, al conquisto di una dottrina molto larga 
e sicura, in un campo, dove in tempi a noi ancora assai vicini, 
la fantasia sbizzariva senza freno; e molto legittimamente si pre- 
sume che questo corpo di dottrina si abbia ad assodare e allar- 
gare sempre più. Onde può facilmente parere che ogni altro in- 
dirizzo, sia pur d'ordine induttivo, minacci di turbare gli avan- 
zamenti della disciplina, o almeno parere che sia malamente sot- 
tratta a una molto sicura utilità ogni forza che si spenda intorno a 
problemi, ì quali per loro natura non consentano soluzioni definitive. 
L'indagine della parola, afferrato come ha finalmente, dopo tanto 
aberrare, un terreno sicuro e spazioso, si direbbe presa dal conti- 
nuo timore di esser distratta da nuove seduzioni. Gli ardimenti 
delle scienze naturali l'hanno piuttosto sgomentata che inanimita. 
Ci sono certi idoliy come le origini delle radici, i rapporti tra due 
diverse famiglie di lingue, e altrettali, che le mettono paura. 

€ Ma lo sgomento è stato eccessivo e vien cedendo. Di certo, le 
indagini, che non sieno meramente descrittive, posson difficilmente 
gareggiare con le altre per sodezza o precisione di risultati. Ma l'in- 
telletto umano non può rinunziare a intuizioni ulteriori, solo perchè 
non gli sia dato conseguire la certezza assoluta. La persuasione, via 
via più ferma e ragionata, è anch'essa una risultanza apodittica, una 
vittoria della ragione e della conoscenza. D'altronde, il lavoro me- 
ramente descrittivo non deve punto perdere alcuna parte della sua 
rigorosa finitezza, perchè altri lavori gli procedan di conserva: né i 
confini della storia vera e propria della parola si potranno mai im- 
punemente oltrepassare da chi non s'addestri a tutti i rigori della 
indagine strettamente descrittiva. 

€ La quale, del rimanente, è troppo chiaro che in sé non porti 
luce sufiBciente. 



Digitized by VjOOQICj 



50 

<c Prendiamone qualche esempio dalPindagine indoeuropea. Qui ai 
nota la molta differenza che intercede tra V organismo impoverito 
del latino, da una parte, e Torganismo greco dalFaltra, il quale si 
può dire identico alForganismo indoiranico e insomma rappresenta 
suppergiù la condizione dell' ultimo periodo unitario. Si pensi, per 
esempio, alPaumento e al mediopassivo, comuni al greco e alPindo- 
iranico e estranei al latino, oppure alla confusione in cui il latino tra- 
volge il perfetto e Taoristo. La mera descrizione si restringerà ad 
avvertire che ci sono alcuni secoli di differenza tra i più antichi 
testi greci ed i latini. Ma la differenza tra i due linguaggi rimane 
presso che uguale pur quando arriviamo a scrittori greci e latini di 
una stessa età, e d'altronde il grado cospicuo della congruenza or- 
ganica tra greco e indoiranico ci si afferma non ostante che i più 
antichi monumenti letterari del greco sottostieno di più secoli a quelli 
delPAsia ariana. Dovrà dunque pur esserci una causa deirinferiorità 
del latino che non istia nel tempo o nel clima; e quale potrà essere 
se non una causa etnologica, cioè particolari o nuovi incrociamenti 
di stirpi ? 

« Un altro esempio, e ancora dal campo indoeuropeo. Il mero de- 
scrittore avverte la regolarità che governa i vart riflessi per cui un 
dato elemento fonetico del patrimonio originale si ripercuote nelle 
diverse lingue della famiglia. Avverte questa regolarità e Pammira, 
ma non la comprende. Ora, il supposto etnologico potrà anche av- 
viare alla spiegazione di questa tanto larga distesa di fenomeni fon- 
damentali. Si tratterà della favella ariana che s' imbatta successiva- 
mente in favelle diverse e le dehelli, ma non senza restarne offesa 
o alterata. Una gente domata e conquisa perde, in certe condizioni 
la propria lingua, ma assoggetta la lingua del vincitore alle abi- 
tudini del proprio organo orale. Il caso, a un di presso, del Gallo 
che s'adatta il latino. S'ha allora come un trasporto musicale, che 
va con naturale precisione attraverso tutta quanta la suppellettile 
del linguaggio. 

« Cosi dunque si costruisce l'ipotesi della formazione di parecchi 
complessi d'Indoeuropei, incrociati con genti diverse, che s'irradias- 
sero dalla prima sede. Ma come ce li raffigureremmo questi com- 
plessi, in ispecie per la loro importanza n omerica? Siamo qui al pro- 
blema sovrano, che incalza sempre più vivamente la etnologia, l'an- 
tropologia, la glottologia e tutt'intiera la storia, il problema d'ar- 
guire quale sia la quantità degli uomini da assegnar razionalmente 
alle varie contrade nelle epoche diverse. La credenza, che una serie 
di nazioni belle e fatte movesse da un centro comune a popolar 



i 



Digitized by VjOOQIC 




51 

d'Indoearopei una larga parte del mondo, è tramontata o per tra- 
montare, con una quantità d'altri favolosi pensieri intorno a migra- 
zioni di intieri popoli nelle varie età propriamente storiche. 

Codesti complessi antichissimi di gente dal linguaggio indeuro- 
peo dobbiamo ben piuttosto imaginarli molto esigui. La terra ha 
stentato a popolarsi. Un povero clan diventa, coi millenni, una na- 
zione. La imaginazione degli scrittori ha sempre veduto un' Europa 
antica, piena zeppa di gente; e il pregiudizio non è spento ancora. 
Cosi, siccome per la combinazione fonetica KV, V osco e 1' umbro 
vengono a P, mentrov il latino resta a KV (quod, pod. ecc.), e si- 
milmente, lasciando la Grecia, fanno i Britoni di contro agli Iberni, 
voi sentite ancora parlare di popoli del KV e di popoli del P, in 
contrasto isterico tra di loro. Si tratterà ben piuttosto d' un mero 
vezzo di pronancia, proprio di una famiglia, che è diventata un po- 
polo ! 

« Ma io mi devo interrompere. Se mi fosse dato, o signori, di 
continoare, vorrei tra l'altre mostrarvi, come un Italiano, che nessun 
linguista estero ha di certo mai citato e non è stato un vero lin- 
gaista, ma era un uomo di genio, il milanese Cablo Cattaneo, cui si 
sta ora innalzando, per tutt'altre ragioni, un superbo monumento, 
ha scritto, più d'un mezzo secolo fa, intorno agli argomenti qui da 
me accennati, delle sentenze da vero precursore. Onore al nome 
suo ! > 

Le parole dell'Ascoli, il nestore e il principe dei moderni glotto- 
logi, confermano con ciò quanto era già indiziato dal carattere ge- 
nerale degli ultimi Congressi di Orientalisti e in special modo da 
questo : l' evoluzione sempre più decisa della linguistica verso i 
metodi e le risorse delle scienze naturali. E questo aumenta la 
speranza di veder sempre più rischiarato il problema delle origini 
umane, e mostra nel tempo stesso tale scienza in uno stato di vi- 
gorosa maturità. Tutti i rami d' altronde di quel vasto e non poco 
caotico complesso di studi che compongono quanto con denomina- 
zione storica si chiama « orientalismo », fanno sentire il fremito che 
precede una vita nuova e indipendente. E se il rimanere fino ad ora 
riuniti giovò ad ognuno di essi per superare le incertezze della prima 
età, altrettanto giustificati sono i loro odierni reclami per ottenere 
dei posti distinti nella famiglia delle scienze antropiche. 

R. B. 



Digitized by VjOOQIC 



52 



NOTIZIE 



G-eografla fisica. 

Un atlante dei laghi italiani. — Nel 8.» Congresso Geografico Italiano adu- 
natosi a Firenze nella primavera del 1898, in seguito alla comunicazione 
fatta dal Dott. De Agostini sugli studi batimetrici eseguiti in Italia, il 
chiarissimo Prof. Elia Millosevich proponeva, e la sezione scientifica 
unanimemente approvava, un ordine del giorno, col quale si esprimeva 
il voto « che gli studi limnologici di già ben avanzati in Italia siano 
completati e ne derivi da essi un Atlante ed una Monografia da essere 
presentati in un prossimo Congresso geografico internazionale ». Siamo 
ora assai lieti di annunziare che mercè l'opera assidua e diligente del 
Dott. De Agrestini che non risparmiò, per il conseguimento dello scopo, 
considerevole spesa, e Pefficace concorso della Società Geografica Italiana, 
il voto avrà presto pieno e completo esaudimento. I lettori della « Ri- 
vista » già sanno come in questi ultimi mesi il Dott. De Agostini avesse 
mandato a compimento il rilevamento batimetrico dei laghi italiani che 
da pubblici uffici o da privati studiosi non erano stati per lo innanzi 
studiati, onde ormai si posseggono tutti gli elementi morfologici dei no- 
stri laghi. 

La prima parte del voto del Congresso ha quindi già avuto esecuzio- 
ne, e presta pure potrà averlo V altra parte che riguarda la pubblica- 
zione dell' Atlante. Nella seduta tenuta il 20 dicembre u. s. dal Consi- 
glio Direttivo della Società Geografica Italiana veniva presentata una 
domanda, che il Dott. De Agostini avanzava, per avere dalla Società me- 
desima il concorso morale e finanziario alla pubblicazione di un Atlante 
dei laghi italiani da lui progettato. 

Appoggiata con lusinghiere parole dall' illustre Prof. Dalla Vedova, 
venne approvato all'unanimità lo stanziamento, a questo fine, a titolo di 
primo contributo, della cospicua somma di 5000 lire. La pubblicazione è 
quindi assicurata, e siamo in grado di annunziare che il Dott. De Ago- 
stini si pose sollecitamente all'opera che confida poter mandare a com- 
pimento entro 1' anno corrente. 

L'Atlante conteiTà i rilievi batometrici e le sezioni di tutti i laghi com- 
presi entro il territorio del Regno, aventi un' estensione non inferiore a 
mezzo chq. e una profondità non minore di 5 m. Restano quindi esclusi, 
con opportuno consiglio, tutti gli stagni e lagune costiere di scarsa pro- 
fondità, che d' altronde già trovansi rappresentati nelle carte idrografiche 



Digitized by VjOOQIC 



58 

marine. Naturalmente il Dott. De Agostini terrà conto, oltre che delle 
determinazioni proprie, anche di quelle eseguite dalP Ufficio Idrografico 
e da privati studiosi. 

L'Atlante verrà stampato a tre colori: il bistro per le curve altime- 
triche, il nero per la planimetria e le scritture, il bleu per le acque. 11 
fondo dei laghi sarà rappresentato in azzurro con diverse intensità di 
tinta secondo le profondità. 

Oltre le curve batimetriche, tracciate con diversa equidistanza secondo 
la morfologia di ciascun lago, saranno pure riportate moltissime quote 
di profondità. I laghi saranno disegnati alla scala unica di 1 : 50.000. 

Lo stesso Dott. De Agostini, che nell' eseguire le sue determinazioni 
batimetriche non trascurò altresì le osservazioni fisiche, si propone pure 
di riassumere in una speciale monografia da pubblicarsi nelle Memorie 
della Società Geografica, tutte le cognizioni che attualmente si posseggono 
intomo allo studio fisico e alle condizioni biologiche dei laghi italiani, 
la quale sarà opportuno complemento alla pubblicazione del suo Atlante. 

Quanti in Italia si interessano allo studio scientifico della penisola 
apprenderanno con piacere la notizia e saranno grati alla benemerita 
Società Geografica che seppe si degnamente incoraggiare e coadiuvare la 
nobile iniziativa del Dott. De Agostini. 



Statistica. 

Il censimento della popolazione del Regno. — Il disegno di legge per Pese- 
cuzione del nuovo censimento della popolazione del Regno nel dicem- 
bre 1899, presentato alla Camera dei deputati nella seduta del 1.» dicem- 
bre 1898, non potè essere, come prevedemmo, discusso e approvato, onde 
un nuovo disegno di legge è stato testé presentato al Parlamento, per 
l'esecuzione del censimento nel dicembre 1900. Mentre ci auguriamo che 
questa volta le vicende parlamentari non impediscano l'approvazione 
della legge, da tanto tempo invocata da tutti gli studiosi, rileviamo che 
il testo del disegno proposto non differisce, nel suo complesso, dal disegno 
precedente quale fu da noi già riportato. Una modificazione nel nuovo 
testo richiama per altro la nostra attenzione. Nell'articolo 8, il quale 
nel primitivo disegno suonava testualmente: « H Governo del Re, con 
apposito Regolamento darà le norme per la esecuzione della presente 
legge > è sostituita la dicitura seguente: « Con regolamento da appro- 
varsi con decreto reale saranno determinati i quesiti da comp^^enderH neUe 
schede del censimento e saranno stabilite le norme ecc. ». Ci auguriamo 
perciò che nello stabilire tali quesiti il Ministero tenga conto dei vari 
desideri espressi dagli studiosi, e dei quali la « Rivista » già si fece eco. 



Digitized by VjOOQIC 



54 

un capitale versato di 9,600,000 fr., ha dato uno splendido saggio di ciò 
che pnò ottenere una amministrazione e una politica prudenti e tenaci. 
Ne ofire una prova la tabella seguente: 





Entrate 


Spese 


Importasioni 


Esportacioni 




(et.) 


(Bt.) 


(doli.) 


(doU.) 


1882-83 


16,922 


79,716 


429,919 


169,127 


1885 


19,268 


43,921 


648,318 


401,640 


1887 


23,273 


37,580 


958,642 


536,267 


1889 


40,962 


63,834 


1.799,620 


701,433 


1891 


69,759 


81,339 


i;936,547 


1,238,277 


1893 


32,816 


43,874 


1,116,714 


1,780,693 


1895 


40,738 


39,726 


1,663,906 


2,130,600 


1897 


45,487 


37,660 


1,887,498 


2,942,293 



La scarsità di capitale non permetteva alla Compagnia, quando comin- 
ciò, di intraprendere vaste operazioni commerciali. Risolse essa dunque 
di non fare la concorrenza ai privati, ma di aprire loro largamente il 
paese e di attirarvi i capitali e i lavoratori, rimanendo sopratutto un or- 
gano amministrativo che dirigeva e incoraggiava gli sforzi dei partico- 
lari. Inutile aggiungere che il paese, che nel 1881 giaceva nell'anarchia» 
era affatto incolto e costituiva il covo preferito dei pirati, oggi è sede 
di grande attività agricola e commerciale, è percorso da steamers, da fer- 
rovie, da linee telegrafiche. 



Varia. 

La riforma del calendario russo. — A proposito delle notizie che su que- 
sto argomento abbiamo dato nel fascicolo precedente (voi. VI, pag. 627), 
togliamo quanto segue dal fascicolo di dicelnbre 1899 del jSiriua, prege- 
vole rivista di Astronomia popolare che esce mensilmente a Lipsia sotto 
la direzione del dott. H. J. Klein di Colonia: 

« Le conferenze della Commissione per V unificazione del calendario 
giuliano col gregoriano, cominciate in aprile di quest'anno, sono rima- 
ste senza risultato. Già fin dal tempo dello Czar Nicolò I l'Accademia 
delle Scienze di Pietroburgo aveva elaborato un progetto sul sistema da 
usarsi nell'esecuzione della riforma. La cosa sembra esser ora tanto più. 
urgente, in quanto che la differenza tra i due calendari! salirà presto da 
12 a 13 giorni, per la ragione che il 29 febbraio 1900 esiste solamente 
nel calendario russo e non in quello delle altre nazioni civili. Malgrado 
questo, la Commissione speciale nominata dalla Società astronomica di 
Pietroburgo e presieduta dal prof. Glasenapp (direttore dell'Osservatorio 
dell'Università di Pietroburgo) non potè giungere alla desiderata condu- 



Digitized by VjOOQIC 



55 



BIBLIOGRAFIA 



CHRISTIAN GARNIEB. - Méthode de transcrìption rationnelle generale 
des nome géographiques. — Paris, 1899, pag. 148. 

Cristiano Gamier, ventiduenne appena, concepì il disegno dell'opera 
al Congresso intemazionale di Geografìa a Londra, del 1895. E, benché 
minacciato dalla tubercolosi, fece dei viaggi, si procurò grammatìclie 
di tutte le lingue, studiò con tanto amore e con tanta ammirevole per- 
severanza V importantissima questione che, per il primo Aprile del 1898, 
potè presentare il suo lavoro manoscritto al concorso Volney e meri- 
tare il premio di 1000 lire dall'Istituto di Francia. Sperava anche po- 
ter presentare personalmente il suo lavoro completo al Congresso di 
Berlino di quest'anno; ma moriva, tisico, il 4 Settembre ultimo, a soli 
26 anni (1). Ed alla madre infelice era riserbato il pietoso compito di 
pubblicare in edizione elegantissima gli studi e le proposte del figlio 
circa la trascrizione generale dei nomi geografici. 

Neil' introduzione, l'A., con argomentazioni ed esempi dimostra, che 
il processo puramente fonetico non risolve il problema della trascri- 
zione; che la trascrizione ortografica pura è un metodo assurdo per le 
lingue moderne; che lo stabilire norme convenzionali per ciascuna lìn- 
gua, rispettando suono ed ortografia, come ha fatto, p. es., l'ATtofi' per 
i nomi russi, urta contro la difficoltà di ritenere le convenzioni stabi- 
lite per ciascun dialetto del globo terrestre. A questi tre metodi difet- 
tosi, quindi, egli si propone di contrapporre il suo, un metodo, cioè, che 
riesca a trascrivere ortograficamente e foneticamente insieme, con un 
alfabeto generale di trascrizione, e senza introdurre, come fece il Lep* 
sius, lettere greche in un testo con lettere latine. E la chiave di questo 
metodo il Garnier la trova nella trascrizione del serbo in croato, giac- 
ché, per la trascrizione dell' alfìibeto di S. Cirillo in latino, il serbo- 
croato è la sola lingua che abbia una trascrizione ufficiale. 

Con questo caposaldo, egli mette insieme un primo quadro di lettere 
alfabetiche, che giova trascrivere integralmente, nella speranza che le 
esigenze tipografiche non impediscano una riproduzione, il pi{i che sia 
possibile, esatta. 



(1) Vedati il cenno necrologico pubblicato a pag. 494 dell'annata V, 
della Rivista. 



Digitized by VjOOQIC 



66 



I 







• o 


08 












• 08 


O 












>> 


•»H 












"^ 


•M 












S 














a 














> 














•t-t 














u* 














<D 














ra 














o 














t-4 














o 














1— 1 








.— V 






a> 


- 


• 

1 




'•2 

o 
o 






?3 


SS 


tì 






^ 




o 


53 
<D 


O 


»'^H 


^ 


e 
ti 


i 


MS 


*5 


1 


•• u 




fi 


^ 


J3 


o 


VJ 

4> 






^ 


© 






-a 






d 


• 
t4 


o 


o 






1 


9 




- 


— 


> 




co 

2 






o 


<0 


1 




O 






03 


08 


ài 


— 









fl 






ir-a 


>> 






o 














bO 














08 






:^ 


Ti 






^ 


S 












N 


0) 












2 


c 

i 




^ 



O 






H 


^ 




•• 


•• 








d 






^ 






6 


"^ 




ò 


^ 






rt 


o 
-3 




rf 


a 






&^ 


t> 




&^ 


> 















Digitized by 



Google 



57 

Qaìodi il nostro autore passa in rassegna tutte le lingue di Europa, 
di Asia e di Africa aventi carattere di scrittura speciale, e vi aggiunge 
le lettere, che in questo quadro possano mancare. 

Per le lingue di Africa e di Oceania, prive di alfabeto, stabilisce i 
segni necessari per rendere i loro suoni. Ed in ultimo, come agli eser- 
cizi più svariati e più noiosi di scala musicale seguono le semplici ed 
armoniche composizioni musicali, il nostro autore fa seguire alla varia 
e lunga rassegna di lingue di tutti i paesi Tapplicaziose del suo me- 
todo, trascrivendo la parabola del fìgliuol prodigo dal francese, dal te- 
desco, dair inglese, dall' italiano, dallo svizzero-tedesco. 

Egli ci presenta, p. es.: 

Francese: Un homme avait deux fils, dont le plus jeune etc. 
T. R. G.: tJ nomm ava dò fis do le pili zone etc. 



Tedesco: Ein Mensch batte zwei Sdhne und der juogste etc. 
T. R. G.: Ajn Mans àt-te ovai z6 ne und dar j un. gate etc. 

Inglese: A certain man had two sons; and the youoger etc. 
T. R. G : A sert9,n mS.n 9,d tu sans; and e jonger etc. 

Italiano: Un uomo aveva due figliuoli, ed il minore etc. 
T. R. G.: Uu wo.mo ave.a du.è fil'iuo.li, ed il mino.re etc. 

Ed esempi di trascrizione FA. ci offre non solo dal russo, dai bul- 
garo, dal greco, dall'albanese, dal turco, dalFarabo, dal persiano, dal- 
l'indiano, dal cinese, dal giapponese, ma anche da molte altre lingue 
meno note. Chiude il volume un indice amplissimo di autori e di libri. 

Avrà il Congresso di Berlino fatto buon viso alle proposte del Gar- 
nier? 

Son troppo ampie cotesto proposte, troppo novatrici, perchè non ab- 
biano a porgere, per qualche riguardo, il lato debole alla discussione, 
alla critica, alla diffidenza. L'A. non ha potuto sostenere a voce ciò che 
nel suo scritto sarà sembrata una volata ardita. Non era un pontefice 
massimo della scienza glottologica e geografica, perchè il dubbio del let- 
tore si potesse risolvere a favore dell'autore. Non potrà ritornarci sopra 
per tener conto delle osservazioni e dei consìgli. 

Ma, quale che sia la sorte destinata a questo lavoro, i Congressisti 
di Berlino avranno certamente reso il debito omaggio all'abnegazione 
sapiente di uno studioso, cui nella paterna villa di Bordighera, per 
quattro anni continui, la febbre nobilissima del lavoro è servita a ren- 
dere meno grave la febbre opprimente della malattia. Dalle pagine della 



Digitized by VjOOQIC 



58 

Rivista geografica italiana la nota bibliografica serva anche di mesto 

ben meritato rimpianto (1). G. Grasso. 




TJGOLINO UGOLINI. Nota preliminare sulla flora degli anfiteatri morenici 
del Bresciano, con speciale riguardo al problema delle glaciazioni. {Dai 

Commentari delV Ateneo di Brescia pel 1899). — Brescia 1899. 

Credo opportuno richiamare l'attenzione degli studiosi sulPimportanza 
di questa Nota, la quale, riassumendo indagini e osservazioni nuove su 
una questione fino ad oggi affatto trascurata di geografia botanica, getta 
nuova luce sul problema importantissimo della formazione dei nostri 
grandi anfiteatri morenici. 

Lo studio della distribuzione geografica della flora negli anfiteatri 
è, si può dire, tentato per la prima volta in questo opuscolo dell'Ugo- 
lini, e con singolare fortuna, poiché dalle osservazioni fatte risulta evi- 
dente la possibilità di trovare nel tipico variare della flora un nuovo 
argomento per la classificazione cronologica delle diverse cerchie mo- 
reniche. 

Le principali conclusioni, alle quali V Ugolini è giunto, possono cosi 
essere brevemente riassunte: 

V Negli anfiteatri morenici del Bresciano non esistono specie ende- 
miche, ma parecchie specie che appaiono tuttavia localizzate nella sta- 
zione morenica, ed altre che in codesta stazione acquistano uno svi- 
luppo caratteristico. 

2° Le formazioni vegetali degli anfiteatri del Bresciano apparten- 
gono specialmenttt a due tipi: flora calcicela, e flora silicicola. La prima 
caratterizzata, per le essenze arboree, dalla quercia, la seconda dal ca- 
stagno; la prima rada e brulla, sviluppata in regioni scoperte erbose 
o al più cespugliose ed in querceti, la seconda fitta e sviluppata quasi 
sempre in boschi (castagneti), raramente in brughiere. Ove sono colti- 
vazioni, queste appaiono di gran lunga più lussureggianti nelle zone a 
flora silicicola. 

3" L'aridità dèi terreno calcareo, a ciottolame grosso o minuto, e 
rispettivamente V umidità del terreno siliceo-argilloso, molto o tutto 
terroso, giustificano il divario tra le due flore rispettive, rupicola o 
psammofila la prima, terricola la seconda. 

Nelle morene calcaree, fresche, ancora poco alterate dagli agenti di 



Digitized by VjOOQIC 



59 

delle vallette. Rispetti vameute le morene siliceo-argillose, ferra ttiz ss ate, 
e a forme arrotondate o appiattite per l'alterazione subita, hanno ancora 
querceti nei pendii opposti al lago che sono i meno alterati, flora in- 
teramente silicicola nel rimanente. 

Notevoli ancora elementi di flora alpina e montana, in proporzione 
maggiore di quella che ci si aspetterebbe: residui forse di flora fluitata 
dagli antichi ghiacciai, quasi piante erratiche. Elementi di flora medi- 
terranea appaiono solo nelle morene calcaree. 

4° Questo diversificare della flora è un nuovo elemento per la clas- 
eifìcazione cronologica delle cerchie moreniche, oltreché por la distin- 
zione delle formazioni moreniche dalle alluvionali. La flora calcicela 
corrisponde alla cerchia più recente, la silicicola alle due meno recenti; 
tra queste due ultime le differenze della flora sono difficili a cogliere 
per la scarsezza degli affioramenti della cerchia più antica, ma tutta- 
via il morenico più antico appare, per la maggiore alterazione, più 
esclusivamente rivestito di flora silicicola. 

Nell'anfiteatro del Garda, le morene recenti prevalendo di gran lunga 
sulle altre, quasi tutto l' ammanto vegetale è calcicolo (cespuglio, o 
querceto); la flora silicola, corrispondente alle morene anteriori, è svi- 
luppata soprattutto sull'orlo occidentale (tra il Garda e il Chiese), meno 
sull'orientale (tra il Garda e l'Adige). 

Nell'anfiteatro del lago d'Iseo, predominando le morene della prima e 
seconda glaciazione, tutta la cerchia esteriore e anche la pianura esterna 
sono ferrettizzate e rivestite di flora silicicola; le cerchie interne e più 
piccole sono invece fresche e a flora calcicola. 

Neiranfìteatro di Rivoli il prevalere delle cerchie moreniche x e y è 
ancora più manifesto. 

Le morene laterali e insinuate lungo la conca del Sebino presentano 
i cordoni superiori ferrettizzati e a castagneti, i cordoni inferiori fre- 
schi e a flora calcicola, con evidente connessione con quel che si riscon- 
tra nella Franciacorta. 

5^ Le differenze tipiche riscontrate nel Bresciano si potranno veri- 
ficare dappertutto dove il morenico risulti originariamente di elementi 
calcarei, tali cioè da dar luogo alla flora calcicela e, quando largamente 
alterati, alla flora silicola; non si potranno verificare invece, almeno 
in codesta forma, quando il morenico risulti tutto da elementi origina- 
riamente silicei. 

Queste, brevemente riassunte» le conclusioni alle quali giunge l'Ugo- 
lini in questa sua Nota, che, cosi densa di fatti e di deduzioni, può 
tener degno posto accanto agli altri studi di valore capitale dedicati in 
questi ultimi anni alla questione delle glaciazioni e delle formazioni 
moreniche circostanti al Benaco. 

In attesa dello studio di maggior mole che la Nota preannunzia» 
dovrebbero già queste pagine, invogliare altri studiosi ad imitare l'esem- 
pio, che r Ugolini ha dato per gli anfiteatri morenici del solo territorio 



Digitized by VjOOQIC 



60 

bresciano. La messe promette in questo campo (come in tutto il campo^ 
così poco curato, della geografìa botanica italiana), di essere assai ricca 
e feconda, 

Carlo Errerà. 



E. RODOCàNàCHI. Aventures d'un grand seigneur italien à traverà TEh- 
rope 1606. — (Paris, Flammarion 1899). 

Trattasi propriamente d'un diario di viaggio di Vincenzo Giustiniani 
marchese di Bassano dettato da Bernardo Bizoni Romano € il quale 
fece compagnia al marchese in quel viaggio come camerata ed amico 
antico confidente ». Detto diario contenuto nel Cod. Ottoboniano "Vati- 
cano 2646 poteva anche rimaner inedito, ma poiché il B. s'è dato cura 
di riassumerlo e d' annotarlo, diremo che qualche notizia utile anche 
per noi può spigolarsi qua e là. Da Roma a Verona per ]a via di Lo- 
reto, Bologna e Venezia: poi nel Trentino per il lago di Garda. Poi 
attraverso, il Tirolo e la Baviera sul Reno; attraverso i Paesi Bassi 
fìno a Dunquerque; poi Londra e Parigi; alcune escursioni qua e là 
per la Francia; poi per Lione a Marsiglia e per Genova a Roma: ecco 
il viaggio. Non mancano d' interesse storico alcuni fatti particolari 
notati dal Bizoni specialmente in Germania, poiché in quei periodo, 
abbastanza breve < catholiques et protestants offraient le spectacle 
curieux d'une réciproque tolórance; » in Francia città e campagne mo- 
stravano dovunque tracce desolanti lasciate dalle guerre di religione; 
cosi sulla torre di Londra aveano i nostri viaggiatori viste, confitte su 
lanci e, le teste del padre Garnet e de' suoi complici nella famosa con- 
giura delle polveri. 

Del paesaggio vi sono ben poche e secche descrizioni, o non le ha il 
Bizoni dettate, o le ha omesse il R. il quale ha illustrato il testo con 
alcune note per lo più esatte. Non riusciamo però a capire quale sia 
a Genova « la tour rouge de l'eglise San Sparviere » (sic) e ci pare 
che il R. ignori la popolarità che la Musa del Pulci ha dato al perso- 
naggio di Marquette (V. la nota a p. 283). 

Fauno seguito al diario due brevi racconti di viaggi a Parigi e Ver- 
saglia fatti nel corso di quello stesso secolo XVII e propriamente il 
primo durante il ministero del Cardinale Mazzarino e il secondo nel 1698. 

Non nuocerebbe una maggiore correzione nella stampa, e sarebbe 
stato utile che il R. dicesse donde son tratte quelle due brevi re- 
lazioni. Guido BiaoNi. 



Digitized by VjOOQIC 



61 



RIVISTA DEI PERIODICI 



SoeletA Geografica Italiana. — Bollettino — Novembre, 1899. 

Pasanbsi Fr. M. — La popolazione della Spagna nel 1897, L' A. im- 
prende ad esaminare i risultati del censimento generale del Regno di 
Spagna eseguito al 31 dicembre 1897, valendosi della relazione preliminare 
teste pubblicata da quel GK>vemo. La popolazione generale del Regno 
(comprese le Canarie e i Presidi) risultò di 18,089,600 ab. con un aumento 
effettivo di 2,614,157 rispetto al censo del 1857 ciò che conùsponde ad un 
aumento del 16,80 ®/o. La densità della popolazione, che era quindi 
di 31 ab. per chmq. al 1857, sali nel 1897 a 36 ab., densità sempre bas- 
sissima che eguaglia quella delle nostre più spopolato provincie. Le città 
!)iù popolose sono Madrid (512,150 ab.), Barcellona (509,589 ab.). Valenza 
204,768), Siviglia (146,205), Malaga (125,579), Murcia (108,408). 

Idem* — Dicembre 1899. 

BoNCAQLi G. — La spedizione Andrée e la nautica dell'aria. L' A. di- 
mostra come allo stato attuale delle nostre coguizioni resti insolubile 
nella navigazione aerea, il problema delle determinazioni complete delle 
coordinate geogprafiche, onde allo sventurato Andrée sarebbe mancato il 
mezzo di accorgersi del suo passaggio dal polo. 

Morris Davis W. — Balze per faglia nei Monti Lepini, 

Idem* — Gennaio, 1900. 

Col primo fascicolo del nuovo anno il Bollettino torna a pubblicarsi come 
in passato accogliendo cioè oltre alle solite rubriche: Notizie^ appunti e 
bibliografie^ le più diffuse comunicazioni e relazioni che trovavano sin ora 
posto nelle Memorie. Degli scritti che eccedessero in mole i limiti stabi- 
liti, saranno pubblicati eventualmente speciali volumi di « Memorie ». 

Il fascicolo di Gennaio contiene una diffusa relazione dei delegati Pro- 
fessor Dalla Vedova, Dott. De Agostini e Prof. Viezzoli sul 7.» Congresso 
Geografico Internazione di Berlino. 

Amnales de Géograpliie. — 15 Novembre 1899. 

Davis W. M. — La • Pénéplaine » (2.' articolo). 

Martonnb (De) E. — Un* escursione di Geografia fisica nel Morvan e 
neWAuxois con una cartina fìsiografìca e splendide fototipìe. 

Oppbl a. — America ed Americani (1."* articolo). Illustrazione ampia 
ed interessante delle condizioni fisiche ed economiche degli Stati Uniti. 

Il fascicolo contiene inoltre un' ampia recensione dell'opera del Col. Ber- 
thaut sulla Storia della Carta di Francia, la 1.° parte di una relazione 
di L. Gallois sul Congresso Geografico di Berlino e altri scritti e no- 
tizie di interesse minore. 

Petermann^s Mitteilimsen. — X, 1899. 

Langhans P. — Viaggi di mons. Lechaptois air altipiano di Ufipa ed 
al lago Rikua, Mons. Lechaptois della missione cattolica dell'Africa Orien- 



Digitized by VjOOQIC 



62 

tale percorse replicatamente negli anni 1893-97 la regione ad Est del Tan- 
ganika meridionale compresa entro i limiti dell'Africa Orientale Tedesca 
arricchendo considerevolmente le nostre cognizioni sa quella parte poco 
nota deirAfrica Centrale. Il noto cartografo Langhans vi unisce una carta 
della regione ad 1:500000. 

Krahmer D. — Il distretto delVAnadir secondo A, W. Ohsufjew (con- 
tinuazione). 

Nelle Piccole comunicazioni notiamo i programmi d'insegnamento di 
geografia nelle scuole superiori dei paesi di lingua tedesca, un articolo 
di WiCHMANN sui nuovi confini fra la Guiana inglese e il Venezuela ecc. 

Idem. — XI, 1899. 

Bue KING H. — Contributo alla Geologia di Celebes (con carta). 
Krahmer D. — Il distretto delVAnadir (fine). 
Philippson a. — Sulla morfologia della Russia Europea. 

Idem. — XII, 1899. 

BuCKiNG H. — Contributo alla geologia di Celebes (fine). 
PoLAKOWSKY. — / dtscussi Confini tra il Cile e V Argentina. 
WiCHMANN A. — Le isole Miangas. 

The Geographleal Journal. — Voi. XIV, N.» 4, Ottobre. 

Moreno I. — Esplorazioni nella Patagonia. (Continuazione e fine). Con 
stupende fotoincisioni. 

Fred. W. Carey. — Una gita negli Stati cinesi Shan o Sip Song 
Panna. (Con una carta). Il Carey descrive un suo breve viaggio nei do- 
dici distretti Shan nel bacino del Mekong superiore. Il principale pro- 
dotto è il the, specialmente nei distretti di J-Wu ed J-Bang. 

H. Benkst. — Burroni sottomarini^ foci di fiumi, e correnti di acqua 
dolce sotto il limilo del mare. Il B. studia le cause delle frequenti rot- 
ture dei cavi sottomarini. 

H. ArctowSki. — Il clima antartico. Il mese più freddo fu luglio: la 
sua temperatura fu di — 23®,5 e. e la più bassa di — 37o,l e. H massimo 
freddo fu riscontrato in settembre — iS^jl e. Il mese più caldo fu feb- 
braio con una temperatura media di — l^jO e la minima di — 9'>,6. L'A. 
viene poi a più minuti particolari, rendendo conto dei principali studi 
climatici eseguiti dalla spedizione antartica Belga tornata da poco tempo 
in Europa. 

E. Headwood. — L^ Australia fu scoperta nel secolo decimosesto? 

John Murray. — Oceanografia. Discorso presidenziale alla sezione 
geografica dell' Associazione Britannica, tenuto a Dover il 14 settem- 
bre 1899. (Con una carta). Il M. parla magistralmente dei risultati otte- 
nuti nelle ultime spedizioni oceanografiche e specialmente del « Chal- 
lenger » circa la profondità dell'Oceano, la sua temperatura superficiale, 
i depositi marini, la vita, ecc. e termina accennando alFevoluzione delle 
aree continentali ed oceaniche, dei progressi nelle ricerche oceanogra- 
fiche, e delle esplorazioni antartiche proposte. 

Idem. — Voi. XIV, N.» 5. 

Cl. Markham. — Le spedizioni antartiche. Parole dette dal M. al Con- 
gresso geografico internazionale di Berlino il 29 settembre u. s. Studia 
i lavori geografici che le spedizioni dovrebbero fare, e discute i piani da 
adottarsi per giungere ai risultati che si desiderano. Divide le parti ignote 
della regione antartica in quattro quadranti: 



Digitized by VjOOQIC 



•^•^r* jjf" t. 



63 

/ Victoria, 90o al 180" merid. dell'Australia e 
Sezione Austrolasiana . . | Nuova Zelanda. 

V Ro88^ ISO'jO a 0" merid. deirOceano Pacifico. 
Sezione del Capo Horn e i Weddelly 90®,0 a 0® merid. del Capo Horn. 
del Capo di Buona Spe- \ Enderhyy 0» a 90® merid. del Capo di Buona 
ranza I Speranza. 

Ciascuno di questi quadranti presenta lavori da eseguirsi di grande im- 
portanza. 

W. M. Davis. — Il Ciclo geografico, L* illustre professore di Geografia 
fisica nell'Università di Harvard tratta in questo articolo con ammirabile 
chiarezza e precisione, di un importantissimo problema di Geografia fisica 
cioè le variazioni della forma del terreno come risultato di tre quantità 
variabili, la struttura, il processo ed il tempo. 

E. GiiNTHBR. — Contributi alla geografia del lago Urmi e delle sue vi- 
cinanze. (Con una carta). Il lago Urmi o Urmia è lo ETraura di Strabene 
ed è situato sopra un altopiano di circa 5000 piedi sopra il livello del 
mare, che è lo spartiacque tra i fiumi che scorrono nel mar Caspio e 
quelli che si gettano nel Golfo Persico: ha una superficie di 19,340 mi- 

flia quadrate di cui 1795 appartengono al lago di Urmi ed alle sue isole, 
l G. nell' estate del 1898 ne esplorò la fauna, la flora e le acque dolci 
che in esso si gettano. Come appendice al lavoro del Giinther, T. Prior 
pubblica un breve studio litologico sui saggi di roccia raccolti dal G. nelle 
vicinanze del lago Urmi (Persia). 

Otto G. Klotz. — Note sui ghiacciai dell* Alaska sud-orientale ed il ter- 
ritorio circonvicino (Con una carta). 

J. J. Buchanan. — Sui lavori fisici e chimici di una spedizione antartica» 
La scuola di Geografia di Oxford. Il prof, di Geografia H. I. Mackin- 
der tratterà della Geografia storica delle Isole Britanniche; il prof, di 
Geografia fisica Mr. Dickson del clima delle Isole Britanniche, il prof, di 
Geografìa antica G. B. Grundy della topografia storica generale della 
Grecia, e l'assistente Dott. A. Herberston della geo-morfologia dell'Europa. 
L'assistente nel laboratorio tratterà pure della cartografia e della geo- 
grafìa pratica. Un' ora per settimana è dedicata alla letteratura geogra- 
fica più recente. 

Idem. — VoL XIV, N.*» 6, Dicembre 1899. 

Discorso d* apertura della sessione 1899-1900. 

Willy Hickmer Rickmers. — Viaggi a Dokhara^ con una carta. Nar- 
razione di due viaggi compiuti nel 1895 e nel 1898. Molte notizie inte- 
ressanti. 

C. Raymond Beazlky. — Nuova luce su alcune carte medievali. L' A. 
prende di nuovo a studiare il gruppo di cai*te del Beatus pubblicate 
nel 1895 dal celebre ed erudito Konrad Miller (Die Weltkarte des Beatus ^ 776 
n. Chr.). Il Beatus fu autore di un commentario sull'Apocalissi che ap- 
partiene al 776, nel quale si trova pure una carta del mondo che si deve 
quasi certamente allo stesso autore. Il Beatus fu molto celebre al suo 
tempo (mori nel monastero benedettino di Vallecava nelle Asturie nel 798) 
e secondo una leggenda fu pure maestro di Alenino. La carta del mondo 
del 776 fu disegnata per illustrare la divulgazione della fede cristiana 
sulla terra, specialmente secondo i testi di S. Matteo XIII, 1-9, 18-23, 
24-34, ed altri paragoni del mondo al regno dei cieli. L'A. parla delle 
carte derivate dal prototipo del Beatus dividendole in due famiglie: quelle 
che si collegano alla carta dell'* Osma » del 1203; e quelle che derivano 



Digitized by VjOOQIC 



^nr 






64 

dalle carte di Yalcavado, tra cui è pur quella di Torino del sec. XII. Il 
Beatus deve essersi sei^vito specialmente di due fonti: una carta provin- 
ciale romana simile alla Peiitingeriana, e le opere di S. Isidoro di Si- 
viglia, S. Gerolamo, Tolomeo, Orosio e Giulio Onorio furono fonti se- 
condarie. 

LicH H. MosBLEY. — Regioni del BenuCy con una carta. Il paese è molto 
fertile e pieno di risorse naturali, si che coll'andar del tempo necessaria- 
mente vi prenderà un grande sviluppo il commercio delravorio, della 
gomma arabica, dell'indaco, della guttaperca, del riso ecc. Le strade sono 
libere e non difficili. 

La spedizione di Jenner da Kismayu a Lugh sul Givòa, con una carta. 

A. M. S. "VViNGATE, Recente viaggio da Sciangai a Bhamo attraverso 
rHiinan. Narrazione d'un viaggio compiuto nel 1898. 

Ricerche oceanografiche internazionali. 

Recensioni deW Atlante di Geografia fisica del Bartolombw (Hugh Ro- 
bert Mill); della Geografia internazionale (L. Darwin), dei Risultati della 
missione lionese d'esplorazione commerciale nella Cina, deìVHist^ry of Euro- 
pean Botanical Discover ies in China del Bretsohnbidbr e del Cekiang 
del Dott. M. Cauli (Geo. G. Chisholm). 

The Scottisi! Geo^raphical Masazine, Voi. XV, N.' 12, Di- 
cembre 1899. 

Alfred G. Nash, Giamaica, con note su altre isole delle Indie occiden- 
tali^ con una carta. Studio molto importante. 

T. Hill, Schizzo geologico della Giamaica, Studio che completa molto 
bene il precedente, ed estratto da The Geology and Phisical Geography 
of Jamaica dello stesso autore (Bulletin of the Museum of Comparative 
Zoology, Harvard College, Voi. XXXIV). 

Uno studio antropologico sulla Corsica. Sunto dell'articolo del Profes- 
sor Ratzel {Annales de Géographie, N."* 40). 

Recensioni del Nuovo Atlante di Meteorologia del Bartolomew. 



Digitized by VjOOQIC 



Opere pabblicate dalla Società Editrice Dante Alighieri 



Doti. -F. M. -F^JLSA-NIQI 



TESTO DI aEOaRA.FIA 

PER UE SCUOLE SECONDARIE SUPERIORI 

(Licei, Istituti Tecnici, Collegi Militari, Scuole Normali) 
Un grosso volume di circa 660 pag., illustrato con numerose figure originali L. 5. 

Dello stesso autore: 

EI.EMENTI DI GEOGRAFIA 

P€r le Scuole secondarle Inferiori (Ginnasi, Scuole tecniche, complementari, ecc.) 

Un elegante volume riccamente illustrato L. 2,75. 

GEOGRAFIA PARTICOLARE DELL'ITALIA 

TESTO PBE LA IV CLASSE GINNASIALE 
Un volume illustrato di circa 180 pagine, L. 1»50. 

Geografia particolmlelk Regiofli d'Eorop 

TESTO PER LA V CLASSE GINNASIALE 
Un volume illustrato di siroa 160 pagine Lire 1,50. 

ATLANTE PEL DISEGNO CAUTOORAFICÒ 

ad uso delle scuole secondarie classiche^ tecniche e normali 

Introduzione metodica e testo metodico con 26 figure ed 8 carte 

Volume con 1* introdiudone metodica L. 2. — Senza l'introduzione metodica L. 1 50» 



I»rof. FFiANGESOO I»OFlI=lO 



NOZIONI DI COSMOGRAFIA 

per le icuole secondarie it\feriori e per i maestri 
Un Volume di oltre cento pagine I^ire 1. 



Professor GIOVANNI MARINELLI 
Ordinario di Geografia nel B. Istituto di Studi superiori di Firenze, Dep. al Parlamento 

LE PROVINCIE lyiTAJLIA. 

Brsvi cenni geografici, statistici e storici raccolti in 6$ qucidemiper lo studio delia geografia 
patria nelle scuole elementari e complementari, secondo i programmi governativi 

Ogni quaderno è destinato ad una Provincia e contiene: 
Oon&ii -> Soperfioie e popolazione — Circondari o Distretti — Situazione topografica — 
Confiffuranone orizzontale — Configurazione verticale — Idrografia — Strflkde — Clima 

— Ciuture principali e prodotti — Coltura intellettuale, previdenza, eoo. — Ciroosori- 
sioni Varie — Cenni sul capoluogo di provincia e sui principali centri di popolazione 

— Note gpeoiali sulla provincia — Cenni storici. 

Ogni quaderno si vende separatamente al prezzo di Cent, M o di Cent. |K 
secondo il numero dei fogli. 



■■• — ^e pubblica» ioni qui annunsiate si trocano presso i principali librai, 
e si spediscono franco di porto a chi le richiede direttamente alla 

IIHrltt Moli AHi^ni in Berna» Ceno (aag de del CaraflU n. •). 



Digitized by VjOOQIC 




A V -V I S O 



Per una recente dìsposizioae presa dal Consiglio di Direzione della 
Società di Studi Geografici e Coloniali d'accordo con la Società Editrice 
Dante Alighieri, la collaborazione alla « Rivista Geografica > è limitata^ 
di regola^ ai soli Soci di detta Società di Stadi Geografici e agli abbo- 
nati alla € Rivista ». . 

Si raccomanda ai collaboratori la massima brevità conciliabile con la 
trattazione esauriente del soggetto. Di regola le memorie non devono ol- 
trepassare le 16 pagine di stampa. 

Sono gradite le brevi comunicazioni e notizie originali sa tutto il vasto 
campo della geografia, le bibliografie^ sia semplicemente obiettive, come 
anche critiche. I manoscritti non si restituiscono. 



La Società di Studi Geografici e Coloniali, trovandosi in possesso di 
alcune diecine di copie della Raccolta completa del ^ Bollettino della 
Sezione fiorentina della Società Africana d'Italia ,, (Dieci annate 
1885-1894), ha stabilito di cederle ai propri Soei e a quelli delle altee 
Società Geografiche italiane e straniere, e agli abbonati della < Rivista 
Geografica Italiana » al prezzo di L. 10 per l'intera Raccolta. 

Tale Raccolta consta di 10 volumi, di quasi 3000 pagine complessive, 
arricchiti di carte geografiche^ ritratti e fotogra^e. Contiene numerosi ed 
importanti articoli originali riguardanti l'Africa ed una copiosa e minuta 
rivista del movimento geografico e coloniale africano e specialmente dei- 
Fazione italiana nell'Eritrea e nell'Africa in generale, in tutto il deoen- 
nio 1886-1894* 

Le richieste potranno essere inviate con cartolina vaglia di L. 10 alla 
presidenza della Società (Piazza S. Marco 2, Firenze). 



l.« AiTuiTA •! pulililleA m ftimeie^ì llluflirali 41 «4 p«siift«, unm mgmì 
mese, eeeotluaU Sedemliro ed Ottobre. 

L'abbonamento annuo è di L IO» oon faooltk di patria anche In due rate anti- 
cipate. Per l'estero L ttt» — Un fasoloolù separato L i^SO. 

Ili MIGLIOa MODO DI ADDOMADSI ÉS OUELIiO DI SPBDIDC AI,I»A 
OOC^fiTA CDITDICC: € DAIVTE ALICiHIfiDr» Doma, €«r«o («■«•U Caro- 
vita, •) ViiA €ADTOlJiMA-¥A«2l.lA ooUa Semplice spesa 41 cent. 15. 

I recflfunl per manoate spedizioni ai rivolgano sempre all'AimnliiMraiiOM in 
Corso (angolo del Caravita n. 6) 



Firenze, 1900. — Tip. M. Biooi. 



Vittorio Tom a», gtr, rstp. 



Digitized by 



Google 



.& 



Annata VII. 



Fascicolo II-III* 



Febbraio-Mano im 



IHillJlllirill ITlUllll 



MAR 29 19C 




OLLETTINO 

DI STUDI GEOGRAFICI E COLONIALI 

IN FIRENZE 



Direttore: Prof. G. MARINELLI, Piazza d'Azeglio, li"'' Fibenze. 

RedaUore: ATTILIO MORI, Via S. Gallo, 31, Firenze. 



Sommario del presente fascicolo. 

■ i #rlc •rlgiBAli* /^ P. Timoteo Bertbllc, Appunti storici intorno cUfuso to- 
pografico ed astronomico della bussola fatto anticamente in Italia, — Henry 
Harrisss, Per Amerigo Vespuoci, — Michele Rajna, Appendice a una discus^ 
sione su Vunificasione del calendario, il meridiano iniziale per le longi- 
tudini e Vera universale, — Gunto Marinelli, Superficie geologiche e su- 
perficie geografiche, A proposito di alcuni termini d'uso promiscuo. — Pietro 
Gbibaudi, La Patagonia secondo recenti studi. 

é% «••^•flA €#loiftÌale — Colonia Eritrea. — Somalia Italiana. 
— Geografia matematica e fisica, — Geografia economica e statistica. — 
Società geografiche. — Insegnamento geografico. — > Notizie bibliografiche. 
erttlo|ii«. — Cornelio Desimoni. — Carlo De Amezaga. — Manfredo Camperio. 

— Filippo Paulitschke. — Alessio Tillo. 
{•Srafla* — Luigi Einaudi, Un principe mercante (Bernardino Frescura). — 

Carlo Zeaden, Trattato elementare di Geografia Commerciale (G. Costantini). 

ilvlsia #•! Periodlei. — Bollettino della Società Geografica Italiana (Febbraio 1900). 

La Géographie (N. 1 e 2, 1900). — Revue de Géographie (Febbraio 1900). — 

Ajukalea de Géographie (15 Gennaio 1900). — Petermanns Mitt«ilungen (1, 1900). 

— The Geographical Journal (Voi. XV, N. 1, Gennaio 1900). — Idem. (Voi. XV, 
N. 2, Febbraio 1900). 



>«%%%%X%%%%%<V%%%%X%XX'W%^ 



ROMA 
SocibtX Editrice Dante Alighieri 

Cprfo (angolo del Caravita N. 6) 

1900 



Digitized by 



Google 



SOCIETÀ EDITRICE DANTE ALIGHIERI 



PUBBLICAZIONI PERIODICHE PEL 1899 

: ei5i3 

Biblioteca storia del Risorgimento Italiano 

diretta da T. CASINI d V. FIORINI. 

Di questa Biblioteca si sono pubblicati i seguenti volumi: 

1. y. FioRiKj. — Oli atti del OonirrMao Cispadano. Voi. di pag. 906. — L. 2. 

2. O. CARDuocr. — !.• prime ▼Ittlma di Franoeseo ZV, daoa di Modena. Notisie di A. Pa- 

nizzi. Voi di pag. 230. — L. 2. 
8. T. Casini. -> Xrft xivolnzione di miane nell' apiUe 1814. Kelazioni storiohe di L. Ama- 

roli e C. Verri. VoL di pag. 200, — L. 2. 
4. GiovAMKi SroRKA. — Garibaldi in Toscana nel 1848. Voi. di pag. 72, L. 1. 
5-6. T. Casini. — Kèmorle di un vecchio carl>oaaro rave^raano. (P. Uccellini). VoL di 

pag. 300, L. 8. 

7. D. Zanichblu. — ImO Statuto di Oarlo Alberto. Voi. di pag. 150» L. 2. 

8. P. S. Manciki. — Belazione aiti fatti del 15 Xaffglo 1848. Voi. di pag. 200. L. 2. 

9. Alessandro LuKto. — X»e olnqne i^lornate nelle narrazioni anatriaone. L. 2. - 

10. Bafpaiclb BKLi.uzzr. — I.a ritirata di Garibaldi da Berna nel 1849. 

11. Luigi Bava. — D. A. Farini e la eoa '* Memoria atorloa „ anlla Bonagraa dal 1788 

al 1828. 

12. V. Fiorini. -^ OU scritti di Oarlo Alberto sai 1821. 

Della BIBLIOTEBA, STORICA DEL RfSOtìS/ MENTO tTAUAHO si pubblica un vo- 
lume ogni mese, posto in vendita a prezzo proporzionato alla sua mole. Dodici 
numeri formano una serie. — Chi si abbona ad una intera serie pagherà sola- 
mente lire 12 a cioè Lire una per ogni numero, la quale si può anche versare ai- 
Tatto del ricevi mento, del volume. — Per abbonarsi basta inviare alla Società 
EAitrlèe l^antA Alighieri^ Via del Corso angolo del Caravita, n. 6, Roma, una 
cartolina vaglia di L. 12 con la dichiarazione di associarsi a tutta la 1* serie 
e si riceveranno subito iVanchi di porto i volumi fino ad ora pubblicati. 

I^liriSTA. JD' IT? A.LI A. 

(aiÀ fTAUA e V/TA ITALIANA) 
diretta da DO.MBIVICO OIVOU 

Pubblicazione illostrata mensile nella qua le collaboran o i più illustri scrittori ed artisti ItaBaid 

Por ritalla un semestre L. Il; un anno L. 2e« 

Por IDnlOne Postalo, un sem. (oro) L. 13; un anno L. 85. — Fuori dell'Uà, postai*, un anno L. Ot 

i Proz io di un f ascicolo scpi rato Lire OUE^ . - ^ 

AffANTINO GÌoIrÌFICO EUMEm 

PER LE VARIE KEGiONI D'ITALIA 
composto e diretto dal prC(ft89or GIOVANNI MARINELLI ' ' 

Ordinario di Geografia nel R. Istituto di Studi Superiori in Firenze 
Disegnato dal cav. G. E. Fbitzsohb 

tJu aUantiiio per oiasouna delle seguenti Regioni : 
Piemontef Liguria-Nizza-Coraica, Lombardia-Ticino, Veneto-Trentino e Litorale, BmHio, 

Toscana, Marche é Umbria, Laeio-Abbrtuszt e Molise, Campania, Puglie é BasUicata, 

Calabria, Sicilia, Sardegna, 

Ogni atlantino contiene le seguenti earte : 
1. Carta lopooraflca, spoclalo: pianta e prospetto della Scuola, pianta e prospetto di una 
niazsa principale, pianta della Città principale della regione, tipo di paesaggio ; — 
2. Carta della rogioao divisa per provincie e relativi confini, scala 1 : 1600000; ---\ Carta 
flsiea d* Italia; — 4. Carta poUtica d'iUlli colle divisioni regionali e per Provincie: -^ 
5. Carta fisica o politiea d'Earopa; — 6. Carta fisica o poUUca doli Asia; - 7. Carta fMot 
politica doirAfrkaodoir Australia; 8. CarU dorAmorlca Sottontrlonale o «orldiORtlo; - 
9. Ptanisforo in proiesione omaiografìca e in proiezione di Marcatore, profilo di mon- 
tagne, fiumi prioipali, eoo. — 10. Carta di olomenti cosmografici: sistema pUnetario, cielo 
stellato, eclissi di sole e di luna, rivoluzione della terra attorno al sole, comete, 
pianeti nella loro grandezza proporzionale rispcftto al 'sole, zone della terra. Saturno 
in varie posizioni rispetto alla terra, fasi lunari, sole, luna, la terra nelle quattro 
stagioni, ecc. 

Proizo di ciascmo Atlantiiio: [ HUegat? T^' .' ! .' ^^^ ì SS 



Digitized by VjOOQIC 



■i m i -t 



MAR 29 ILO- 
RIVISTA fiBOeiUWCA ITALIANA . ^■^■'^Htììniririr Km ll-lfl. - PebbraiihMarzo 




MEMORIE ORIGINALI 



APPUNTI STORICI 
INTORNO ALL'USO TOPOGRAFICO ED ASTRONOMICO DELLA BUSSOLA 

PATTO ANTICAMENTE IN ITALIA 

del P. TIMOTEO BEBTELI.I Barnabita 



Capitolo I. 
Di un rilievo topografico di Roma antica intrapreso da Raffaello d'Urbino. 

Ad occuparmi di questo argomento mi ha indotto una re- 
lazione di Raffaello d'Urbino diretta in forma di Lettera al 
Papa Leone X, nella quale espone il metodo da lui seguito 
pel rilevamento topografico dei fabbricati e delle vie di Roma 
antica, per mezzo di una specie di goniometro ad ago ma- 
gnetico. 

Veramente, in ordine cronologico, questo documento l'avrei 
dovuto posporre ad altri più antichi che reco appresso; tut- 
tavia lo premetto perchè fu esso il primo a porgermi occa- 
sione di queste mie ricerche. Innanzi però di riferire i passi 
della Lettera di Raffaello che s'attengono al mio argomento 
premetto intomo ad essa i seguenti appunti storici. 

Intorno all'autenticità di questo documento si dubitò da 
prima per ragione della sua forma letteraria, la quale trova- 
vasi discordante dalla incolta scrittura, ben nota, del Sanzio. 
A onesta circostanza essendosi noi ace^iunta l'altra d'essersi 



Digitized by 



Google 



66 

secolo passato. Se non che a rivendicare al Sanzio per lo 
meno il concetto e la parte tecnica di quello scritto, sorse pel 
primo e con assai convincenti prove (1), l'erudito Abb. Da- 
niele Francesconi, Bibliotecario dell'Università di Padova (2), 
colla sua Memoria, modestamente da lui intitolata: Congettura 
che una Lettera^ creduta di Baldassarre Castiglione, sia d% 
Raffaello di Urbino (3). Tornò poi con qualche ritocco ed ag- 
giunta di documenti su questo argomento nell'anno seguente 
l'Abb. Iacopo Morelli, Bibliotecario della Marciana di Vene- 
zia (4). In conferma di quanto dice il Francesconi egli riporta 
ancora dai Diari allora inediti di Marino Sanuto la testimo- 
nianza di Marcantonio Michiel contemporaneo del Sanzio. Ma 
anche più copiosamente discusse lo stesso argomento l'erudito 
Conte Luigi Bossi, nelle sue Note critiche alla traduzione che 
fece dall'inglese della Vita e Pontificato di Leone X, di Gu- 
glielmo Roscoe, Milano 1817 (6). Del resto al presente tutti 
gli eruditi, compreso il chiarissimo Prof. Rodolfo Lanciani (6), 
ritengono che sebbene per dare miglior forma letteraria al suo 
lavoro da presentarsi al Pontefice, il Sanzio si servisse pro- 
babilmente del letterato suo amico Baldassarre Castiglione (7), 
pure tutti convengono che i concetti, e la sostanza di quella 
Lettera siano realmente di Raffaello (8). 



(1) Fra queste, sarebbe stata più che sufficiente ad escludere tale ipotesi anche 
il solo Epigramma del Castiglione stesso, intitolato: De 'morte Rapkadis 
Pictors, nel quale a lui soltanto attribuisce V impresa descritta in quella 
Lettera. 

(2) Vedi Vita e studi delVAbb. Francesconi delVAbh. Fortunato Francc" 
schini. Venezia, 1836. 

(3) Il Francesconi lesse questo suo discorso il 4 Luglio 1799 all'Accademia 
Fiorentina, della quale egli era Socio. 

(4) Vedi Notizia di opere di disegno della prima metà del secolo XVI. Bas- 
sano, 1800, pag. 210. 

(5) Veggasi la nota a pag. 265 del Tomo XI, e più specialmente nel Tomo XI, 
le seguenti pagine: 88-94, 172-180, 242-259. 

(6) Vedi la sua Nota : La pianta di Roma antica^ e i disegni archeologici di 



r* ... j.* ^ 



Digitized by VjOOQIC 



67 

Ciò posto, e tenuto conto di alcuni passi di essa, non che 
dell'indole del Sanzio notata da tutti i suoi biografi, non si 
può supporre un falso o un plagio là dove dice (senza però 
attribuirne a sé Pinvenzione) di essersi servito come era suo 
solito^ del metodo dei moderni (i), cioè della bussola per il ri- 
levamento di Boma da lui intrapreso, ma poi lasciato inter- 
rotto per la morte. Che se egli si valse pure nella sua intra- 
presa di Andrea Fulvio per V identificazione e la ubicazione 
degli antichi monumenti di Roma; e per la parte letteraria 
descrittiva, dell'opera di Fabio Calvo, non trovo la ragione di 
attribuire a quest'ultimo anche la parte del rilevamento geo- 
metrico. Tanto più che il metodo indicato da Raflfaello nella 
sua Lettera, non poteva condurre a quella storpiatura di rap- 
presentazione planimetrica che vedesi nell'opera: M. Fabius 
Calvus. € Antiquae Urbis cum regionibus Simulacrum, > Anno 
a partu Virginis MDXX Vili; e tanto più nell'altra edizione 
dell'opera stessa del 1632, che riusci anche più imperfetta per 
le ragioni molto probabili recate dal Lanoiani (2). Del resto 
dietro le considerazioni sopra esposte non potrei invero dare 
quel peso che alcuni hanno dato a qualche espressione del 
Fulvio nella dedica a Clemente VII della sua opera: De Ur- 
bis antiquitatibus, Roma 1627. Infatti ivi, egli quasi dimen- 
tico del suo mecenate, morto da 7 anni, mentre attribuisce 
soltanto a se l'aver messi in luce quei monumenti per iscritto, 
quasi per grazia (honoris causa), non dà a Raffaello altro me- 
rito che di averne dipinto qualcuno dietro le sue indicazioni. 
Ora ammessa l'autenticità della Lettera di Raffaello a Leone X, 
mi pare che bisogna per lo meno dubitare della veracità del 
Fulvio in codeste espressioni. 

Ho voluto mettere^ questi appunti soltanto per servire alla 
storia, perchè del resto, riguardo al mio assunto, di dimo- 
strare cioè che al principio del secolo XVI si faceva anche 



(1) Non ò improbabile che il Sanzio, come discepolo, apprendesse tal metodo 



Digitized by 



Google 



€8 

uso della bussola per rilievi topografici, poco montava che ciò 
si fosse eseguito piuttosto da Raffaello che da altri suoi con- 
temporanei. 

Quanto poi al non essersi potuto sino al presente trovare 
traccia alcuna autografa di Raffaello di quel rilevamento di 
Roma antica, da lui iniziato, per quante diligenti ricerche si 
siano fatte, specialmente dagli illustri archeologi Giambattista 
De Rossi e Rodolfo Lanciani, mi permetto qui di esporre una 
mia opinione. A me sembra probabile che il Sanzio nell' ese- 
guire il suo rilevamento abbia seguito esso pure il metodo 
che si userebbe anche oggidì. Esso consiste nel formarsi da 
prima uno schizzo lineare di campagna, notando cioè sopra 
ciascuna linea la distanza misurata ed il rombo, ed ai vertici 
per mezzo di una sigla o cifra convenzionale i monumenti: 
in appresso poi sovra altrettanti altri schizzi si sarà presa la 
pianta e le altre misure di ciascun monumento. Ma natural- 
mente dopo la morte di Raffaello dei suddetti schizzi non si 
sarà tenuto conto da' suoi eredi, ma soltanto della parte da 
lui ridotta a compimento in pianta e in disegno. Di questi 
studi è sperabile ancora che alcuno si trovi e forse in qual- 
che collezione di disegni sott'altro nome. 

Ma qui tornando alla Lettera di Raffaello, dall'opera sopra 
citata del Bossi, ove trovasi riportata per intero, tolgo qui 
soltanto ciò che spetta al mio argomento. E primieramente 
al T. XI, pag. 246 si legge: 

« Essendomi adunque comandato da Vostra Santità che io 
ponga in disegno Roma antica, quanto conoscere si può per 
quello che oggidì si vede, con gli edificii che di sé mostrano 
tali relique, che per vero argomento si possono infallibilmente 
ridurre nel termine proprio come stavano.,,, > 

Da queste parole si rileva che Raffaello si teneva sicuro del 
mezzo del quale si serviva, cioè della bussola (della quale 
parla appresso), anche riguardo alla direzione, computata an- 
golarmente a partire dalla linea Tramontana Ostro, ossia N-S. 
segnata dall'ago magnetico, come dice nel suo rapporto. Ivi a 
pag. 250 così continua: 

« .... resta che io dica il modo che ho tenuto in misurarli 
e disegnarli, acciocché Vostra Santità sappia se io avrò ope- 



Digitized by VjOOQIC 



rato l'uno e l'altro senza errore; e perchè conosca che nella 
descrizione che seguirà, non mi sono governato a caso e per 
sola pratica, ma con vera ragione (1). E per non avere io' sino a 
mo (sic) veduto scritto né inteso che sia appresso d'alcuno an- 
tico il modo di misurare con la bussola della calamita (il quale 
modo soglio usare io), stimo che sia invenzione di mo- 
derni.... » 

Quanto a ciò che qui da ultimo dice il Sanzio, cioè che il 
modo di misurare con la btissola della calamita sia invenzione 
dei moderni, non è esatto né ammissibile se non nel senso che 
anticamente, cioè avanti il secolo XII, per lo meno, tal me- 
todo era probabilmente sconosciuto. A tal uopo infatti era 
necessaria non solo la conoscenza dell'azione direttrice del- 
l'ago magnetico, quale probabilmente fu da prima importalo 
dalla China, cioè galleggiante per mezzo di una festuca sul- 
l'acqua, ma si richiedeva di più che l'ago stesso fosse imper- 
niato: il che si fece naturalmente alquanto tempo dopo l'in- 
troduzione della primitiva bussola nel Mediterraneo. Ma di 
questo argomento riparlerò più innanzi, limitandomi ora a 
descrivere in compendio l'istrumento adoperato da Eaflfaello 
ed il modo da lui tenuto nella sua rappresentazione topogra- 
fica. Questi però dicendo di averne egli fatto uso anche prima 
e specialmente chiamandolo invenzione dei moderni, viene ciò 
ad escludere l'aflfermazione del Giovio, il quale attribuisce 
a Raffaello stesso questo trovato. 

Riporto qui le parole di Paolo Giovio, anche perchè esse 
mi danno luogo a qualche altra riflessione. Queste trovansi 
nell'Elogio di Raffaello, e sono riportate pure dal Tiraboschi 
nella sua Storia della letteratura italiana: « Novo quodam ac 
mirabili invento, ut integram Urbem archi tectorum oculis 

considerandam proponeret: id facile consequebatur descri- 

ptis in plano pedali situ ventorunque lineis, ad quorum nor- 
mam, sicuti Nautae ex pictae tabulae(2) magnetisque usu 



(1) Queste parole confermano quanto ho detto sopra» riguardo alTaffidamento nel 
metodo da lui usato. 

(2) Cioè i così detti Portolani o Carte marine (dette giustamente dal Lele- 
wel Carte della bussola) perchè appunto costruite pur esse ed usate (come ve- 
desi qui confermato anche dal Giovio) a mezzo della bussola. Però si servivano 



Digitizedby VjOOQIC m 



70 

maris ac littorum spatia deprehendunt, ita ipse laterum an- 
gulorumque naturam, ex fundamentis certissima ratione col- 
ligebat ». 

Passo ora senz' altro ad esporre la parte tecnica della let- 
tera di Raffaello Da prima egli descrive minutamente la bus- 
sola; e riguardo al modo di imperniarne l'ago, è notevole che 
egli ne cita ad esempio quello usato negli orinoli a Sole che 
tutto dì vediamo. Questi orologietti che poi furono detti sia- 
terici o scioterici, alcuni esemplari dei quali si conservano an- 
cora oggidij si orientavano da prima secondo il piano del me- 
ridiano astronomico contrassegnato, come si credeva, dall'ago 
magnetico, e cosi, per mezzo di una specie di gnomone for- 
mato in alcuni di essi da un filo teso a modo di ipotenusa 
nel piano NS^ per mezzo dell'ombra di questo si aveva sul 
lembo esteriore della bussola il mezzodì e le altre ore. 

Noto qui di passaggio che i modelli più antichi che riman- 
gono di questi orologietti solari della prima metà del secolo XVI, 
non hanno sul fondo della scatola, a lato della linea NS, la 
traccia lineare indicante la correzione di declinazione magne- 
tica (creduta allora invariabile nello spazio e nel tempo) (1) : 
questa notazione non si riscontra che negli esemplari di epoca 
più recente, e ciò è pure un altro argomento che la declina- 



pure di una specie di grafometro derivato dai Greci, come dirò; e questo me- 
todo era sostanzialmente simile a quello usato da Raffaello; il che, a quanto si 
vede, il Giovio ignorava, giacché ne dà tutto il merito a Rat!'aello come di una 
nuova sua invenzione. 

(1) Il primo che notò la correzione da farsi a codesti orologietti riguardo alla 
declinazione magnetica fu Oronzio Fineo (Fine) nel 1522. Infatti nella sua opera 
intitolata Protomathesis Opus varium. Parisi is, 1532 (il privilegio di stampa 
però porta la data del Giugno 1522), e precisamente nelTultima Parte di essa, 
sotto il titolo: De solarihus horologiis ed quadrantihus^ in fine della prop. II 
del libro I leggesi: « Imposita igitur (ut solet) acu, et suis tandem partibus or- 
nata, ponatur rursum horologium (scioterico) super inventam lineam meridianam, 
eo modo quo nunc expressimus, noteturque contingens eiusdem acus ab AE li- 
nea (meridiana) declinatio. Tantundem enim divertenda erit ipsius acus directo- 
ria (linea) subscrifitaque formula (traccia della declinazione segnata in fondo 
alla scatola della bussoletta), atque sub hoc situ Agenda: hac enim observata 
cautiuncula. verara rationem borarum ex ipso deprehendes horologio, quoties lu- 
cente sole eandem acum in rectum ipsius formulae coUocaveris. » Da queste 
ultime parole poi si rileva che l'autore non conosceva ancora la variazione della 
declinazione nello spazio e nel tempo. 



v. 



Digitized by VjOOQIC 



71 

zione suddetta era sino allora ignorata dai più, non escluso lo 
stesso Raffaello, come si deduce dal metodo stesso goniometrico 
da lui seguito e descritto. 

La Lettera di Raffaello però, scritta nel 1616, della quale 
ora ci occupiamo, è il primo documento che io sinora abbia 
trovato, nel quale si fa menzione di codesti orologietti a Sole. 
Ora dall'esser questi già volgari nel 1515, e dalPessere chia- 
mati nostrae aetatis da Enrico Glareano nel 1529 (1), può ri- 
tenersi che l'ignoto primo costruttore dei medesimi fiorisse 
tra la fine del secolo XV ed il principio del secolo XVI. 
Che poi in questo secolo codesti orologetti provenissero di 
Germania, si rileva da parecchi autori di quel secolo e da 
alcuni anche del seguente (2). 

Ritengo però che per lo meno il concetto fondamentale 
della costruzione di codesti orologi solari ad ago magnetico 
fatti in Germania fosse tratto da un istrumento geodetico già 
usato nel medio evo dai marini italiani per il rilievo delle 
Carte marine o Portolani, Da essi, a quanto pare, sino dal 
1268 Pietro Peregrino di Maricourt trasse il concetto di quel- 
Fistrumento che descrisse nei Capitoli I e II della Parte II 
della sua famosa Lettera De Magnete (3). 



(1) Vedi De Geographia liber unus ecc., nella 1.* edizione di Basilea, 1587, C. 9. 

(2) Mi limito a notare soltanto i seguenti autori del secolo XVI: — 1524, Pietro 
Àpiano (Benewitz). — 1529, Enrico Glareano, Ranieri Genama, detto comune- 
mente Gemma Frisius. — 1546, Niccolò Tartaglia: Quesiti et inventioni.,,. Ve- 
netia, 1546, pag. 132. 155. — Lanteri Giacomo : Sul modo di disegnare le piante ecc. , 
pag. 78-79. Dai passi dei quali autori si rileva altresì che essi ignoravano an- 
cora la declinazione magnetica (Vedi la nota 6, pag. 46-47 della mia Memoria 
sopra Cristoforo Colombo inventore della declinazione ecc. nella Raccolta Co- 
lombiana, P. IV, voi. II. Roma 1892. Ivi feci pure notare Terrore di quelli che 
attribuirono al monaco Gerberto (poi Papa Silvestro II) fuso dell'ago magnetico 
per la costruzione delTorologio solare di Magdeburgo. Qui aggiungo soltanto il 
seguente documento che ho rilevato di poi: Ne 11^ operetta: Compositio Barolo- 
giorum in plano^ muro ecc.... di Sebastiano Munster, pubblicata per la prima 
volta a Basilea nel 1531, sotto il titolo Vtilitas compassi, a pag. 5 leggesi: 
« Unde horarium illud quod vulgo eompassum vocant, habens magnetinum (sic) 
indicem, praecellit sua nobilitate omnes cylindros, anulos, quadrata, quadrantes 
et quaecuoque alia viatoria pensilia in quibus horae, ex solis ascensione atque 
descensiooé. non ab elongatione eius ab oriente, quaeruntur. » 

(3) É noto come nel secolo XVI esistevano pure in Germania diversi esemplari 
manoscritti deìV Epistola del Pellegrino, la quale fu poi pubblicata per la prima 
Tolta ad Asburgo da Achille Gasser nel 1558. Codesto prezioso documento, pa- 



Digitized by VjOOQIC 



^ 



72 

Ivi infatti egli espone due specie di grafometri^ nei quali 
prende per base goìiiometrica il meridiano magnetico^ che 
l'autore riteneva (come da tutti allora) coincidesse esattamente 
colla linea dei poli, cioè col meridiano geografico locale. Il 
primo dei grafometri descritti è ad ago magnetico galleg- 
giante ; ed il secondo (che l'autore stesso chiama giustamente 
migliore) è ad ago imperniato. In entrambi il limbo è diviso 
in 360", e nel secondo al centro delia bussola è imperniata 
esteriormente una diottra^ alle due estremità della quale però, 
invece dei due soliti traguardi a fessura (quali sono, dice 
l'autore stesso, nel dorso dell' Astrolabio (1) ), erano impiantati 
due stiletti. Ciò posto, soggiunge, si giri la bussola sino a 
che l'ago venga a giacere colla sua estremità settentrionale 
sulla linea meridiana tracciata sulla scattola. Ciò fatto, dice 
egli, se vuoi avere Vazimuth del Sole, tenuta ferma la bussola, 
muovi la diottra sino a che l'ombra dello stilo volto al Sole 
cada parallelo sulla linea mediana della diottra stessa. Di 
notte poi farai altrettanto per mezzo dei due stili della diot- 
tra rivolti alla Luna o alle stelle. Quindi cosi conchiude: 

« Per mezzo poi àoiVazimuth cosi determinato (si sottin- 
tende dalla graduazione) conoscerai le ore (2) F ascensione (retta) 
e la declinazione (dei corpi celesti), e tutt'altro che occorre e 
completamente, secondo la dottrina à%\V Astrolabio ». E con- 
chiudendo soggiunge: « Per mezzo di questo istrumento diri- 
gerai il tuo cammino alle città ed alle isole ed in qualunque 
luogo in terra ed in mare, purché dei luoghi stessi ti sia nota 
la longitudine e la latitudine ». Così il Pellegrino (3) ; ove è da 



recchi anni sono, fu da me ridotto a miglior lezione col confronto di parecchi 
codici e commentato, nel voi. I del Ballettino di bibliografìa e di storia delle 
scienze matematiche e fìsiche di B. Boncompagni, Roma, 1868. — Vedi nel 
voi. I a pag. 1-32, 65-99, 101109, 319-420; e nel voi. IV a pag. 303 339. Lo stesso 
documento è stato poi recentemente ripubblicato dal Prof. G. Hellmaun, sotto 
il titolo; Rara magnetica N.° 10, nel l* opera: Neudru^ke von schriften nnd 
karten uber meteorologie und erdmagnetisvnus^ Berlin, A. Asher, 1898. 
(1) Vedasi da ciò che sin d'aUora era già volgare Tuso di questo istrumento 



Digitized by VjOOQIC 



^^T^-KIB r."^- 



78 

notarsi specialmente l'ultima clausola riservativa: purché ecc., 
dalla quale può dedursi che gli antichi nostri naviganti, m 
mare si servivano altresì di tali cognizioni, comunque allora 
imperfette, oltre Fazione direttiva dell'ago magnetico e delle 
Carte nautiche. 

Quindi, riepilogando, da questo documento, e specialmente 
dalle parole: con questo istrumento si possono conoscere le 
ore (1) ; e dalle altre che per mezzo di esso possiamo rilevare 
la posizione di qualunque luogo o isola in terra ed in mare, si 
può dedurre: 1^ che almeno sino dal secolo XIII presso i ma- 
rini in Italia si faceva servire la bussola anche da orologio 
solare; 2^ che la medesima veniva pure adoperata come go- 
niometro per uso geodetico. 

Ho detto in Italia, perchè, come si deduce dalla Lettera, fu 
da Lucerà di Puglia del 1269, che Pietro Peregrino di Mari- 
court la scrisse ad un suo amico ùltimo di Provenza, infor- 
mandolo confidenzialmente come di un segreto delle cognizioni 
intorno alla calamita attinte forse da qualche commilitone 
della marina italiana (2), che trovavasi insieme con lui all'as- 
sedio di Lucerà, occupata dai Saraceni, sotto Carlo d'Angiò. 
Tanto più se si pensa che sin d'allora, e già da tempo, un 
grafometro, si usava già nelle miniere di rame in Toscana. 
Ma di questo argomento, come pure dell'altro importantissimo 
che con questo si collega, del rilevamento cioè delle coste 
marittime per mezzo di tale istrumento per la costruzione 
delle Carte nautiche o Portulani, parlerò nei Capitoli seguenti. 

Ma qui egli è ormai tempo di far ritorno alla Lettera di 
Eaffaello: la lunga discussione però che precede mi era ne- 
cessaria anche per ciò che mi resta a dire in appresso. Ecco 
pertanto in qual modo pratico il Sanzio procedeva nella sua 
operazione di rilevamento. 

Stesa una carta sopra un piano orizzontale sostenuto da un. 



(1) Nel codice ms. della Biblioteca Riccardiana di Firenze, n. 923, che é scrit- 
tora del secolo XVI, trovasi notato in margine che delle cose dette dal Pelle- 
grino: « digna ut construantur prò horologiis et aliis ». 

(2) È noto che le Repubbliche e i Ducati marittimi meridionali d*Italia, ed in 
particolare Amalfi e Salerno mandavauo anch'essi il loro contingente nelle guerre 
di quel tempo. 



Digitized by VjOOQIC 
À 



74 

trespolo, poneva al centro di esso una bussola, rotandola in 
modo che la punta Nord dell'ago coincidesse con una traccia 
lineare Nord-Sud segnata nella scattola, e cosi pure con 
un' altra traccia rettilinea condotta prima sulla carta e con- 
trassegnata pur essa N-S. Quindi tenuta ferma la tavola e la 
bussola, volgeva la diottra^ mobile concentricamente alla bus- 
sola stessa, traguardando per le fenditure delle due alidade 
la superficie verticale dei muri giacenti nello stesso piano vi- 
suale, e cosi dicasi delle strade traguardate per diritto sino 
al punto di loro svolta. Per le singole visuali poi notava il 
corrisponde rombo di vento^ o frazione di rombo rispetto alla 
b(i8e di operazione, espresso in gradi, non che le distanze re- 
ciproche, in valore numerico, dei luoghi osservati, coi loro 
nomi antichi. 

Dietro poi questo primo schizzo di rilevamento (che noi di- 
remmo di campagna) passava alla rappresentazione grafica in 
pianta. Sopra di un' altra carta tirata una retta assiale, faceva 
da prima coincidere con questa la linea N-S di un disco di 
cartone, sul quale era disegnata la Rosa dei venti e la solita 
graduazione; e poi, secondo gli appunti presi, dal centro di 
quel disco, conduceva altrettante rette divergenti (come le vi- 
suali prese e secondo al loro valore angolare) dalla linea N-S, 
e per mezzo di una scala convenzionale fissava le loro rela- 
tive distanze. 

Questo, in breve, era il metodo, benché invero non nuovo, 
ohe venne adoperato dal Sanzio, stando alla relazione a 
Leone X, pel rilievo che intraprese delle principali vie e de- 
gli edifici di Koma antica. 

Prima però di conchiudere questo Capitolo, noterò che an- 
che soltanto da quanto sinora ho esposto si rileva un errore 
storico assai comune, che trovasi pure registrato in tutti i 
trattati di topografia, nei quali si attribuisce esclusivamente 
a Giovanni Praetorius alemanno, morto nel 1616, l'istrumento 
planimetrico (al quale forse egli non recò che qualche perfe- 
zionamento) e che tuttodì anche qui in Italia va comune- 



Digitized by VjOOQIC 



75 

Gemma Eanieri, detto comunemente Gemma Frisio, nel suo 
opuscolo: « Libellus de locorum deacribendorum rattone, et de 
eorum distantiis inveniendts, nunquam antehac visus, per Gem- 
mam Phrysium-Antuerpiae MDXXXIIL Lo stesso sistema tro- 
vasi descritto a pag. 132 nel libro: (pesiti et inveniioni di- 
verse de Nicolò Tartalea (Tartaglia) BriscianOj Venetta 1646, 
e cosi in quello di Cosimo Bartoli: Del modo di misurare le 
distantie,..., le piante, le provinde ecc. (1). 

Alla fine anzi del Capitolo VI a giustificare codesto metodo 
da lui seguito, dice che Gemma Frisio et molti altri V hanno 
usato prima di lui. Ma al certo tale sistema di rilevamento, 
che va ora erroneamente sotto il nome di Tavola Pretoriana^ 
anche dopo il Bartoli seguitò ad usarsi in Italia, come ad 
esempio può vedersi nei Trattati di Aritmetica e di Geometria 
di Giov.-Francesco Peverone di Cuneo. Lione 1558, pag. 74 
e 128 (2), e del Geografo P. Ignazio Danti Domenicano, nei 
suoi Commentari aZ Trattato del Radio latino dell' Orsini. 
Roma 1583. 



Capitolo II. 
Esame di un passo delb Statuto Minerario di Massa Marittima (Toscana) (3). 

Passando ora a ragionare di quest'altro documento importan- 
tissimo, esso trovasi in un manoscritto in pergamena (che io 
pure ho consultato) nell'Archivio di Stato di Firenze, e fa 
parte del Codice intitolato: Constituttonum Comunis et populi 
Civitatis Massae. Fu per la prima volta ivi rinvenuto, e poi 
pubblicato per intero ed annotato noiV Appendice, n. 27, AqW Ar- 
chivio Storico Italiano, Tom. Vili. Firenze, 1860, dall'erudito 
sig. Francesco Bonaini. Però alla ricerca di questo documento 
egli fu condotto, come leggesi nella Prefazione, da alcuni cenni 

(1) La prima edizione fu fatta circa nel 1550. 

(2) Di quest*opera mi fu data gentilmeute notizia dall'egregio sig. A. Botto Co- 
lonnello del Genin 



Digitized by VjOOQIC 



76 

che ne diedero prima Leopoldo Pilla (1), poi Teodoro Haupt (2), 
Giovanni Targioni Tozzetti (3), ed anche da ultimo, Ema- 
nuele Repetti (4). 

Però il codice descritto dal Targioni, e quindi anche dal 
Repetti che da lui attinse tale notizia, sarebbe, come giusta- 
mente nota il Bonaini, un esemplare diverso, incompleto e 
scritto da mano di epoca posteriore. 

L'esemplare che si conserva ora a Firenze^ come ho detto, 
è scrittura della prima metà del secolo XIV; ma dalla data 
stessa più antica, cioè dal 1294, ove si legge in una delle 
varie addizioni le quali, dopo la prima compilazione di co- 
desto Statuto vi furono fatte sino al 1311 e mano mano in- 
serite nel medesimo dal Magistrato di Massa, si ricava che la 
compilazione del testo primitivo di quello Statuto si deve ne- 
cesmriamente riportare ad epoca anteriore, e come noi credior 
mo antichissima (5) come dice giustamente il Bonaini. Ciò 
quindi è a dirsi in particolare di quelle Rubriche dello Sta- 
tuto nelle quali non è segnata alcuna data, mentre delle altre 
invece è detto l'anno nel quale furono fatte ed aggiunte. 

Ora tale è appunto (cioè senza data) la Rubrica o Capitolo 
n. XVIII che io qui riporto dal Bonaini (op. cit , pag. 648), 
dove appunto si tratta dell'uso topografico della bussola in 
quelle miniere. Riporto da prima il testo tale qual' è nel suo 
latino barbaro (6), e quindi ne darò pure la traduzione, stando 



(1) Breve cenno della ricchezza minerale della Toscana. Pisa, 1845, pag. 62. 

(2) Trattato delle miniere della loro industria in Toscana. Firenze, 1847, 
pag. 93. Le relazione però dell'Haupt h inesatta. Errò pure il sig. Simonìn, il 
quale ignorando ciò che aveva scritto il Bonaini 17 anni prima, diede per 
nuova e sua la conoscenza di quel documento che attribuì al 1325 (Vedi Les 
Mondes, Ser. II, T XV, 1867. 

(3) Relazione di alcuni viaggi fa^ti in diverse parti della Toscana. Ediz. 2^, 
T. IV, pag. 196-197. 

(4) Dizionario fisico-storico^geografico della Toscana. T. III. pag. 147. 

(5) Nel 1200 le Cave minerarie di Massa Marittima erano già da tempo in 
grande floridezza, come si desume da alcuni contratti relativi a quella Miniera, 
dei quali si conservano le scritture: uno di questi è del 1225. (Vedi Targioni, 
op. cit. Firenze, 1770, T. IV, pag. 198). 



Google 



Digitized by VjOOQ 



77 

al senso della dizione che a me è sembrato il più probabile. 
Ecco intanto il testo: 

€ De partitis ataniialibus positis et ponendis. > 

XVIIT. 

« Item (ordinamus) quod omnia partita stantialia posita et 
ponenda inter aliquas foveas, tam per magistros quam arbi- 
tros et arbitratores et amicos comunes electos a partiariis de 
voluntate et concordia partium, debeant calamitari et cum 
calamita signari (1), post quam posita et facta erunt, et scri- 
bantar in instrumento sententiae ad quem ventura partita re- 
spiciunt (2), et ut, si dieta partita mutarentur, possint refici et 
reformari in pristinum statum (3): quae calamita et artificium 
cum quo calamitàbit stare debeat penes Camerarios Comunis. 
in Camera Comunis Massani, prò praestando et exibendo, 
quando et quoties necesse fuerit ad praedicta partita ponenda 
et scribi facienda, et videre ad quem ventum partiantur (4) ». 
Segue qui la traduzione di questo passo: 



Du Gange. Di alcune di tali parole il Bonaini cercò di indagare il senso; ma 
per altre non vi riuacì. Bisognerebbe forse compararle con quelle usate a* nostri 
dì dai minatori toscani; al certo ciò sarebbe ad ogni modo utilissimo a fine di 
avere una traduzione fedele e completa di tutto codesto Statuto Minerario, il 
che riuscirebbe di non piccolo vantaggio alla Storia dell'arte mineraria, e get- 
terebbe molta luce a far conoscere la sapienza pratica, giuridica ed ammi- 
nistrativa delle antiche società operaie, anche nei secoli di minore coltura in 
Italia. 

(1) E U prima volta che incontro questa forma di dire, per indicare una de- 
terminazione topografica fatta per mezzo della bussola. (Veggasi la mia Nota: 
Suir origine della parola Calamita usata dagli italiani ad esprimere la ma- 
gnete^ Vago e la bussola negli Atti deWAccad. Pont, de* Nuovi Lincei. Di- 
cembre 1891. 

(2) Qui, come si vede, si accenna alla Rosa dei venti della bussola marina, e 
quindi si deduce che sin da quell'epoca essa era ad ago imperniato. 

(3) Questa supposta stabilità della primitiva indicazione magnetica conferma 
ciò che ho detto altrove, che era affatto ignorata la declinazione magnetica 
nello spazio e nel tempo. 

(4) n verbo calamitare non Taveva mai incontrato prima in nessun altro do- 
cumento, Lei senso che qui é usato, cioè di ottenere per mezzo della bussola un 
dato effetto, vale a dire, nel caso nostro, la direzione di un cunicolo o galleria, 
ad quem ventum respiciat: ed era appunto questa indicazione fornita dalla ca- 
lamita, e che dovevasi registrare nelTistrumento di contratto, sia per iscritto, sia 



Digitized by VjOOQIC 



n 



78 



€ Dello stanziamento dei riparti (della miniera) assegnati o 
da assegnarsi. XVIII. 

« Tutti i riparti stanziali assegnati o da assegnarsi entro 
qualche galleria, sia per parte dei mastri d'arte, sia per mezzo 
di arbitri, di mezzani (1), o di amici comuni scelti dai parti- 
tari a loro piacere e .di comune accordo, si debbano (tali ri- 
parti) determinare nella miniera per mezzo della bussola^ e 
colla atessa altresì segnare (i riparti) dopo che saranno deter- 
minati ed eseguiti: e si scriverà nell' istrumento giudiziario a 
qual rombo dì vento sia rivolto ciascun riparto, affinchè se a 
questo venisse fatta qualche alterazione, si possa poi rifare e 
restituire allo stato di prima: la qual bussola ed il suo con- 
gegno per la determinazione delle direzioni, debbano essere 
depositati presso gli Archivisti del Comune, nell'Archivio Co- 
munale di Massa, da prestarsi poi e da esibirsi quando e 
quante volte sia duopo per l'assegnamento dei detti riparti, 
per farne scrittura (o disegno) e per verificare a qual vento 
ciascun riparto sia diretto ». 

Ora, riepilogando, mi pare che dal passo qui recato si pos- 
sano trarre le seguenti deduzioni: 

Qui si parla, e per la prima volta che io mi sappia, ed al 
certo prima di Pietro Peregrino di Maricourt (1268), dell'uso 
topografico della bussola al rilevamento delle direzioni; e questa 
operazione si denota con un vocabolo nuovo in questo senso, 
cioè calamitare e calamita signare, vale a dire in un significato 
molto diverso da quello usato di poi sino a' nostri giórni, del 
magnetizzare l'ago. Infatti tale denominazione ad evidenza 
qui non è usata, come si è detto, che per indicare l'impiego 
della bussola per conoscere a qual vento ciascun riparto fosse 
diretto. 

Per ciò ottenere erano necessarie le seguenti operazioni: 



Digitized by VjOOQIC 



79 

mettere da prima la bussola in piano orizzontale, e ciò si fa- 
ceva per mezzo àeìVarchipemolo, come si rileva dalla Rubri- 
ca V dello Statuto, dove, trattandosi di prendere in piano 
orizzontale la distanza fra due imbocchi di gallerie posti a 
diversa altezza, si prescrive questo modo: € supra mensurando 
ad planum et archipendtUum ». Le diverse parti poi o riparti 
delle gallerie, assegnati o da assegnarsi, a diverse società o 
imprese di scavamento minerario, venivano determinate per 
mezzo di pali o puntelli limiti conficcati (1), e se ne misura- 
vano le distanze in linea retta colP unità di misura di quel 
tempo chiamata corda (2), come a' nostri di, prima delle mi- 
sure metriche, si usava la pertica, la canna ecc. 

Cosi anticamente il cordeggiare ed il cordeggiamentum nel 
nostro codice non indicava che Foperazione del misurare da 
un palo all'altro ciascun riparto della miniera. Il vocabolo 
cordeggiare^ benché ora riferito per lo più al metro, si usa 
anche al presente in Toscana dai minatori, dai muratori e dai 
contadini. 

La linea retta poi cosi cordeggiata sulla visuale rettilinea 
indicata dalla diottra^ sembra che servisse anche come base o 
asse delle ordinate che sovra di esse si conducevano a fine di 
meglio ritrarre le anfrattosità dei cunicoli e delle gallerie. 

Cosi sopra quella cordeggiata pare che per mezzo anche di 
squadre si conducessero delle ordinate perpendicolari, e che 
dalla misura di queste e delle ascisse corrispondenti si traesse 
un rilievo o in iscritto o in disegno proporzionale, il quale 
rappresentasse gli svolti, le curve e le minori irregolarità 
della Miniera stessa. Tale descrizione poi doveva inserirsi nel- 
l'atto notarile dei contratti, e nell'Archivio Comunale : < seri- 
bantur in instrumento sententiae ». 

Di codeste squadre infatti si parla alla Rubrica XXj la 



(1) Co;sì alla RvòricaXXl si legge: « Si vero astam vel puntellum alicuius 
partici..,, mutaverit sive corruperit.... puniatur ecc. » 

(2) Così nel Glossario del Du Gange vi sono diversi esempi del menxurare ad 



Digitized by VjOOQIC 



'"-^'^'^■iil 



80 



quale è appunto intitolata: « De isquadris ferreis faciendis 
prò partitis cordegiandis ». Quindi di queste squadre^ come 
d'istrumento destinato ad una misurazione legale, si prescrive 
nella medesima Rubrica che: stare debeant penes Camerarium 
del Comune di Massa. Lo stesso è detto nella Rubrìca XVIII 
riguardo alla Bussola topografica e a tutti gli accessori di 
essa, cioè diottra^ corda ecc., usati nelle misurazioni, dicen- 
dosi: € quae calamita et artificium cum quo calamitabit stare 
debeant penes Camerarios Comunis in Camera Comunis Mas- 
sani ». 

L'altra prescrizione poi del doversi segnare la direzione di 
ciascun cunicolo o riparto di scavamento (indicata dalle pa- 
role : ad quem ventura partita respiciat) pare che anche allora, 
come in antico, si prendesse per base o asse della valutazione 
angolare la linea meridiana (il cardo maximtis dei Gromatici 
romani) la quale poi, come si sa, si credeva segnata esatta- 
mente dalla direzione dell'ago magnetico. L'altro lato dell'an- 
golo veniva probabilmente indicato dalla visuale della diot- 
tra diretta nell'interno della galleria ad un lume posto presso 
ad uno dei limiti di riparto, o presso ad uno svolto della gal- 
leria. Questa visuale direttiva era chiamata vento, come si è 
notato sopra, perchè corrispondente alla indicazione della Rosa 
dei venti della bussola marina. Però codesta direzione e le 
misure del cordeggiamento non solo venivano registrate in 
carta (per iscritto o per disegno, come si è detto), ma inoltre, 
a quanto pare, veniva impresso sui pali stessi limitanti le 
diverse proprietà entro la miniera, come si rileverebbe da 
diverse altre espressioni, come ad esempio da quelle sopra 
recate della Rubrica XXI. 

Del resto quest' uso era antichissimo in Italia, come può 
vedersi da quanto ne dice il famoso archeologo Giambattista 
De Rossi (1). 

Noto ancora che ciò che ho detto sopra sulla parola vento, 






Digitized by VjOOQIC 



81 

et laboratores alterius foveae ipsum ventura sibi non aufe- 
rant (1).... et si contra factum fuerit, ventum ablatum dominus 
Capitaneus ipsi foveae fadai restituì ecc. ». 

Questa frode poi naturalmente egli poteva riconoscere facil- 
mente dal confronto dei documenti legali scritti e disegnati, 
come si è detto, i quali si conservavano nell'Archivio del Co- 
mune. 

Nel conchiudere questo Capitolo richiamo nuovamente l'at- 
tenzione del lettore sopra la somma importanza storica di 
questo documento, il quale sinora non era stato abbastanza 
studiato, e che nella sua origine risalirebbe ad un' epoca non 
posteriore al 1200. Da esso infatti si traggono le seguenti im- 
portanti deduzioni : I Massesi si servivano già da quel tempo 
tanto remoto, (un secolo prima del supposto Flavio Gioia) 
della bussola, quale era usata dai marinai italiani, cioè colla 
Rosa dei venti^ coli' ago imperniato e munito di traguardo. 
Anzi è assai probabile che dai marinai stessi i Massesi ap- 
prendessero quella parte almeno dell'uso topografico della bus- 
sola che loro era sufficiente per fare il rilevamento o pianta 
della loro Miniera. Questa osservazione mi serve di trapasso per 
dedurre qui appresso il modo usato dai Cartografi del medio 
evo nel prendere il rilievo delle coste nelle loro Carte marine. 



Capitolo III. 

Dell'antico uso del goniometro a traguardo, e della prima applicazione della Bussola 
al rilievamento topografico delle Carte marine. 

L'uso di un traguardo (diottra o alidada) rotabile centralmente 
ad un circolo graduato, e da potersi ridurre in piano orizzon- 
tale verticale col filo a piombo o col livello ad acqua, è 
molto antico. Il primo cenno infatti intorno a tale grafome- 
tro si ha da-Bitone, matematico greco, il quale fioriva 
Tanno 336 avanti l'era volgare (2). 



Digitized by VjOOQIC 



82 

Ma assai più compiutamente di questo istrumento goniome- 
trico trovasi descritta la forma e Fuso in Erone di Alessandria, 
il quale fioriva circa un secolo prima dell'era volgare. Può ve- 
dersi questo Trattato di Erone sul Traguardo in una prege- 
volissima Memoria di Giambattista Venturi, il quale pel primo 
lo tradusse e lo commentò con molto criterio ed erudizione, 
aggiungendo pure altre notizie storiche riguardanti la Geo- 
desia (1). Può vedersi ancora descritta e disegnata la forma 
più probabile di questo istrumento di Erone nell'opera: Cenni 
della storia della Geodesia in Italia del Prof. Pietro Ric- 
cardi (2). Il Venturi poi, nell'opera sopra citata, a pag. 434, 
435, nota opportunamente al nostro proposito, che nei para- 
grafi XV, XVI e XVII dello scritto di Erone contengonsi 
pure come i primi passi infantili della Geometria pratica 
delle Miniere. 

Ma qui limitandomi a dire dell'uso planimetrico che Erone 
faceva del suo istrumento per ottenere il rilievo o disegno 
della posizione relativa e della distanza lineare di due punti 
dati di una regione, noto che egli (applicando i teoremi geo- 
metrici di Euclide) procedeva in tale ricerca collo stesso si- 
stema, cosi detto di triangolazione, quale si usa anche al 
presente. 

Presa infatti per base dell'operazione una retta visuale di 
allineamento fra due dati punti del terreno, ben determinata 
in lunghezza e direzione, da ambi i suoi estremi si dirigevano 
le visuali a ciascuno dei due punti lontani non accessibili, 
dei quali si ricercava la posizione e la distanza, e si notava 
per mezzo di quel goniometro 1' angolo che ciascuna di que- 
ste visuali faceva colla linea presa per base. In tal modo quei 



(1) Questa Memoria é intitolata: Considerazioni sopra varie parti deWOttica 
presso gli antichi, dal Cav. Giambattista Venturi^ presentata all'Istituto delle 
Scienze di Bologna nel 181 i, e pubblicata neWe Memorie di queiristituto nel 
1813, Tomo I, Parte li, pag. 236 e seguenti. E qui, benché ciò sia estraneo al 
presente mio argomento, non posso a meno di far rilevare una importantissima 
notizia storica che egli ivi riporta, di un documento cioè dal quale chiaramente 
apparisce come la prima giusta spiegazione deW iride solare, sia principale, sia 
secondario, non che degli aloni, fu data per la prima volta, in un suo manoscritto 
da Fra Teodoro di Sassonia Domenicano del principio del secolo XIV. 

(2) Questo lavoro è inserito nelle Memorie dell'Accademia delle Sciente del- 
V Istituto di Bologna, Serie III*, Tomo X. Bologna 1879. 



HkliAAj 



Digitized by VjOOQIC 



83 

due punti inaccessibili venivano fissati per intersezione di 
visuali, e riuscendone nota la distanza e la positura, si aveva 
cosi una nuova base di operazione, sorgente delle successive 
basi. 

Era poi facile, coi dati ottenuti ridurre i rilievi eseguiti 
in disegno, dietro le teorie Euclidiane delle figure simili, es- 
sendo note le posizioni di tutti i punti osservati (1). 

A tal fine per riprodurre gli angoli si usava, come faceva 
pure il Sanzio a' suoi tempi, di un circolo riportatore; e per 
le lunghezze, di una scala convenzionale, proporzionata alla 
grandezza del disegno, come vedesi pure nei Cartografi del 
medio evo. 

Quanto poi al rilievo delle minori irregolarità che talora 
apparivano nel perimetro limitante di un ristretto terreno, 
trovasi pure indicato in Erone l'uso delle ordinate ortogonali 
e delle ascisse sopra una stessa linea assiale scelta per ha^e (2). 
In tal caso per la rappresentazione grafica bastava la squa- 
dra, il compasso ed una scala di proporzione. Codesto sistema 
topografico, benché molto meno esatto, fu adottato quasi 
esclusivamente dai Romani, ed anche per vaste estensioni (3). 
A tal fine essi adoperavano una specie di squadro agrimen- 
sorto assai grossolano, formato di due diottre ad angolo retto, 
dalle estremità delle quali pendevano quattro fili a piombo. 
Dall'uso appunto di questo istrumento, chiamato groma^ gli 
agrimensori romani ebbero il nome di Gromaiici; e tal metodo 



(1) V. OoESio, Rei agrariae auctores, Amsterdam, 1674, p. 43 — Lachman. 
Gromatici veteres^ Berlino, 1848, p. 26, dove è riportato quanto lasciò ecriito 
Frontino. 

(2) Giambattista De Rossi neir erudita sua opera: Piante icnografiche e pro- 
spettiche di Roma ecc. Roma 1879, pag. 17-18, ritiene che questo metodo sia an- 
che piìj antico. 

(3) Il Riccardi nella Mem. sopra citata (C. I, n 5, pag. 455-456) dice che per 
lo stanziamento e per la partizione del suolo fra le colonie romane si procedeva 
così: « Tracciati sul terreno da dividersi due assi, Tuno chiamato car(/oma^t> 
tnus, corrispondente al meridiano di un dato punto del terreno, Taltro decn- 
vnanus maa^imus, perpendicolare al primo e corrispondente al i)ara//Wo di quel 
punto (cioè in direzione Est-Ovest), si compartivano i quattro spartimenti indefiniti 
così risultanti, in tante aree quadrate. La direzione poi del cardine massimo 
si determinava mediante la eguaglianza delle ombre proiettate da un gnomone 
verticale sulla periferia di un cerchio ». 



Digitized by VjOOQIC 




81 

di rilievo topografico prevalse comunemente in Italia sino a 
tutto il basso impero. Nella Grecia però ed in Alessandria 
d^Egitto seguitò ad usarsi altresì nella sua forma essenziale, 
il goniometro a traguardo di Erone l'antico (1). Ma non es- 
sendo, del mio assunto trattenermi di più su questo argo- 
mento storico speciale, rimando il lettore all' erudita Memo- 
ria del Prof. Pietro Riccardi sopra citata (2). 

Gli appunti storici sin qui recati intorno all'uso puramente 
geometrico fatto in antico del goniometro a traguardo e dello 
squadro agrimensorio pei rilievi topografici, mi erano neces- 
sari a fine di poter rilevare induttivamente come, in seguito, 
a codesti istr amenti, opportuuameute modificati, venisse poi 
applicata la bussola, dopo che questa nel medio evo fu intro- 
dotta e perfezionata dai marini italiani, e quindi usata pel 
rilievo delle loro Carte marine. Sarebbe stato certamente de- 
siderabile che il Eiceardi nel suo lavoro storico sulla Geode- 
sia in Italia ('posto anche che egli non siasi proposto con esso, 
come affermò, di dare una monografia completa), non avesse 
troppo leggermente sorvolato su tale argomento, al quale si 
collega un'epoca gloriosa di rinascimento dell'arte geodetica 
greco-latina nella marina italiana. 

A poter dedurre con maggiore probabilità quale fosse il 
metodo seguito dai nostri antichi piloti e cartografi nel no- 
tare sui loro Portolani scritti o disegnati i peripli dei mari 
frequentati nelle loro navigazioni, noterò innanzi tutto che 
nel secolo XI essi poterono aver cognizione dell'antico siste- 
ma di rilevamento topografico dei Greci, da questi seguito 
anche allora, e ciò sia direttamente per mezzo delle colonie 
italo-greche e del vivo loro commercio con Bisanzio, sia indi- 

(1) Intorno a questo argomento sono assai importanti gli appunti che fa il 
De Rossi nell'opera sopra citata, a pag. 17 e 18. 

(2) E però a dolere che in questo erudito lavoro, così pregevole per tanti lati, 
il Riccardi si mostri fautore di alcuni pregiudizi di Gugliemo Libri nella sua 
Storia delle matematiche, nel disconoscere cioè, ad onta di tante nrove st^iriche 



Digitized by VjOOQIC 



85 

rettamente per le relazioni commerciali che in modo parti- 
colare gli Amalfidani avevano cogli Arabi di Sicilia e di 
Alessandria. Inoltre è da notarsi che di già nel secolo X un 
greco cattolico, il quale va sotto il nome di Erone di Bisan- 
zio, aveva composto un Trattato sul Traguardo, riproducendo 
in esso in gran parte, benché più imperfettamente, quanto su 
tale istrumento e sul suo uso aveva già scritto il primo Erone 
di Alessandria (1). Ritengo tuttavia anch' io col Nordenskiold 
e col Fiorini come assai probabile che i primissimi cartografi 
italiani del medio evo si valessero pure del Periplo di Scilace, 
e delle Carte ed istruzioni di Marino di Tiro (2). 

Ora da questi argomenti induttivi, e dalla stessa maggiore 
esattezza relativa che apparisce ad evidenza nelle stesse più 
antiche Carte nautiche italiane che ci rimangono e che sono 
di gran lunga superiori a tutte le Carte geografiche di altra 
origine, io inclinerei a credere che i metodi topografici sopra 
descritti entrassero in uso presso i marini italiani in epoca 
non posteriore alla fine del secolo XI, cioè poco dopo che da 
essi furono introdotti nella bussola i perfezionamenti dell' ago 
imperniato, della rosa dei venti e della divisione del limbo in 
360 gradi, riguardo alla bussola di uso topografico, come si 
vede in quella descritta nel 1268 da Pietro Peregrino (3). 

Ho nominato, sopra, i marini italiani, perchè tutti quei 
documenti medioevali che abbiamo di autori esteri non ci 
parlano che della primitiva bussola ad ago galleggiante, 
di origine cinese, quale cioè fu da prima introdotta ed 
usata nel Mediterraneo, anteriormente alla costruzione delle 
suddette Carte nautiche. Codesta rozza bussola infatti ri- 
mase per molto tempo ancora in uso fuori del Mediterraneo, 



(1) Vedi Heronis Liher de mackinis hellicis^ nec non liher de Geodesia^ a 
Francisco Barocio cnm etusdem scholiis.,,, Veneti is 1572. — Vedi il Venturi 
neU'opera citata, pag. 30, 100 e 126. — Così il Vincent: Extraits desi manuscr ita 
rélatifs a la Geometrie pratique des Greos, — Th. Martin: Eecherches sur la vie 
et les ouvrages d'Héron d^Alexandrie ecc. Paris 1854. 

(2) Vedi M. Fiorini. Il Periplus di A. E. Nordenskiold. (Bollettino della So- 
cietà Geografica italiana, Ser. Ili, Voi. XI, n. 3. Roma 1898. 



n\ V-j: 1- 



Digitized by VjOOQIC 



talché persino nel secolo XVII essa era ancora adoperata nei 
mari settentrionali di Europa (1). 

Quanto all'impiego topografico della bussola il Riccardi, 
nella Memoria (2) sopra citata, si limita a dire: € Non è ben 
conosciuto quando e cui si debba Tapplicazione della bussola 
alla topografia. Certo è però che Tapplicazione della bussola 
alla determinazione dell' orientamento dei limiti dei campi è 
assai antico », e ne cita in prova gli Statuti minerari sol- 
tanto della Repubblica Toscana di Massa Marittima, dei quali 
ho parlato sopra, e che egli riferisce al secolo XIV, stando 
forse alla data delle ultime giunte fatte a quel Begolamento. 
Questo però, come è ben naturale, preesisteva innanzi di quel- 
r ultima aggiunta^ e molto probabilmente un secolo prima del 
tempo nel quale vi furono inserite le più antiche addizioni. 

Similmente il Riccardi non fa alcun cenno dell'altro impor- 
tantissimo documento del 1268, àeWEpistola cioè di Pietro 
Peregrino, del quale ho parlato sopra, ne tiene abbastanza 
conto in questo punto storico tanto importante, delle Carte 
marine italiane, come ho detto. Queste infatti, colla loro ge- 
nerale disorientazione che presentano, mostrano chiaramente 
l'uso che si faceva della bussola, non corretta dell'errore di 
declinazione magnetica (3). 

D'altra parte, come si è notato, la maggiore esattezza delle 
figure elementari perimetriche delle rappresentazioni grafiche 
dei serpeggiamenti di capi e di golfi delle coste del Mediterraneo 
e del Mar Nero specialmente, addimostrano un improvviso ra- 
pido progresso dell' arte topografica, se si mettono a confronto 



(1) Vedi Riccioli. Geographiae et Hydrographiae reformatae. Bononiae J661. 
— Hydrographie par le P. (r, Fournier, Paris 1667. 

(2) Vedi Gap. Il, n. 7, pag. 475. 

(3) Quanto alTuso topografico fatto dai Cinesi colla bussola abbiamo soltanto 
il seguente accenno che ne dà il P. Antonio Oaubil, missionario gesuita, il quale, 
in qualità d'interprete dell'imperatore, dimorò per ben trent*anni a Pechino. 
Cosi egli scrive nella sua Discription de la ville de Péking. Paris 1763, p. 8: 
« .... les murs orientai et Occidental de Péking construits sous le second empe- 
reur de la djnastie des Ming (cioè al principio del secolo XV), ne tendent pas 
exactement du nord au midi, et déclinent de 2^ 30' du sud à Test. Il parali 
qu'on les a seulement orientés avec la boussole, sans se soucier de la variation 
(declinazione) de cet istrument. » 



Digitized by VjOOQIC 



i^lppif II PII. 



87 

con tatte le altre rappresentazioni antiche di tal genere siano 
continentali, siano marine sovra tutto. 

H Riccardi si ristringe ad accennare soltanto in generale il 
fatto della notevole esattezza relativa di queste Carte, verso 
la fine del Gap. Ili (1), senza rilevare che ciò stesso fa natu- 
ralmente supporre qualche metodo topografico speciale usato 
dai nostri marini : tanto più che le stesse Carte arabe contem- 
poranee che abbiamo, sono assai al di sotto di quelle di ori- 
gine italiana, come si è già osservato. 

Ora dietro quanto ho esposto sopra, riguardo alle probabili 
conoscenze topografiche dei nostri marini, da essi ricercate 
studiosamente, essendovi spinti dalle stesse necessità della 
loro estesa ed attiva navigazione, facilmente si deduce che a 
tal fine si giovassero altresì della bussola, da loro già perfe- 
zionata, come di un mezzo più semplice e più spedito di 
orientazione e di valutazione angolare, pel rilievo delle coste 
marittime e per la costruzione delle Carte nautiche, appli- 
cando alla bussola stessa il traguardo secondo il doppio me- 
todo topografico Eroniano. Tanto più che essi erano nella 
ferma persuasione (come apparisce ad evidenza anche dalla 
sola Epistola di Pietro Peregrino) che Pago fosse sempre e 
dovunque diretto nel piano del meridiano astronomico locale, 
e di avere cosi un mezzo egualmente sicuro e ad un tempo 
più agevole per fissare la direzione delle visuali topografiche. 

Ciò posto, e tenuto conto altresì del cenno che abbiamo 
intomo a codesti rilievi marini nelP Isolarlo di Bartolomeo^ 
cosi detto, de li Sonetti, benché si tratti di un autore di epoca 
molto posteriore, cioè del 1477, mi sembra probabile che an- 
che i piloti ed i Cartografi antichi tenessero il metodo se- 
guente : 

Presa prima per base una retta visuale congiungente due 
Capiy o due Promontori, o in generale due punti principali 
della costa, ne determinavano la direzione azimutale o rombo 
di vento rispetto al meridiano supposto segnato dall'ago ma- 
gnetico. Poi di tal base prendevano (approssimativamente) la 
misura per mezzo del cammino della nave, valutato con una 



(\) Vedi op, cit., pag. 521-522. 



Digitized by VjOOQIC 



à 




specie di odametro o solcometro, del quale istrumento parla 
pure Erone di Alessandria, ed altri dopo di lui. 

A partire poi da questa base, si determinavano i punti del 
lido traguardati col metodo della triangolazione, già dichia- 
rato sopra: e per i minori serpeggiamenti littoranei o si ser- 
vivano delle ordinate ortogonali^ o li disegnavano semplice- 
mente ad occhio, facendosi più d'appresso al lido. Di poi, 
passando avanti man mano da uno dei Capi già rilevato nella 
prima operazione, ad un terzo, e cosi di seguito per ciascun 
lato di codesta poligona limitante, procedevano oltre nel loro 
rilievamento (1). 

Quanto poi alla rappresentazione in disegno di codesto ri- 
lievo di campagna, si servivano, a quanto pare, di un metodo 
che in qualche modo sembra avvicinarsi di vantaggio alla 
proiezione cilindrica equidistante, come si rileva dalle loro 
L'arte, Infatti le operazioni che ho detto venivano ad essere 
comprese nel disegno fra due rette parallele corrispondenti a 
due supposti meridiani, che credevansi indicati senza variazione 
alcuna dall'ago magnetico. Ortogonalmente poi a codesto si- 
stema di meridiani magnetici, riguardati come paralleli, si 
conducevano quindi, ad infervolli uguali, altre rette perpendi- 
colari alle prime, a guisa di paralleli geografici, nella dire- 
zione cioè (supposta) degli altri due punti cardinali Est-Ovest. 

Per tal modo tutta la Carta marina risultava divisa e scom- 
partita in un reticolato rettilineare di altrettanti quadrati 
eguali. Entro questi quadrati poi (secondo le misure scritte in 
valore angolare e lineare) per mezzo di un circolo riportatore 
e di una scala, si inserivano al loro posto relativo, come si 
farebbe delle pietruzze in un mosaico, le singole parti del pe- 
riplo marino proposto o della Carta geografica. Ciò dico si 
eseguiva, benché taluno di quei rilievi parziali di complemento 
inseriti appartenesse ad operazioni fatte in diverso tempo e 
da diversi operatori. In alcune Carte infatti chiaramente ciò 



Digitized by VjOOQIC 



5*- ■iP'^iB^; 



89 

apparisce dalle stesse leggende e nomi che vi si trovano, che 
appartengono certo a date storiche discordanti dall'anno se- 
gnato sulla Carta; e cosi pure dalla manifesta discordanza 
d'orientazione di alcune parti, come per esempio delle isole 
di Corsica e di Sardegna rispetto al prossimo continente, co- 
me dirò. 

Ho detto che riguardo alla direzione tale rappresentazione 
grafica riusciva naturalmente alquanto disorientata nel suo 
complesso generale e variamente anche in parecchie delle 
sue parti, cioè di un angolo eguale a quello della declinazione 
magnetica locale secondo il valore ed il segno che questa aveva 
all'epoca del primitivo principale rilievo topografico e al tempo 
di quegli altri rilievi parziali, che in appresso furono presi ed 
inseriti nell'antica Carta. Quanto poi al senso di questa di- 
sorientazione, essa in generale riusciva sempre sulle Carte in 
verso opposto alla declinazione magnetica: cioè, se questa era 
orientale riguardo alla direzione dell'ago magnetico, nel disegno 
la rappresentazione topografica subiva, senza che ciò fosse av- 
vertito dai cosmografi, una rotazione angolare contraria, come 
notai altre volte, eguale bensì in valore, ma diretta invece 
verso Ponente, cioè da N ad W, come appunto si vede in 
tutte le Carte anteriori al secolo XVI. 

Infatti se la declinazione magnetica era per esempio di 10"' 
Est, e l'ago della bussola giaceva per ciò in questa direzione, 
un punto di mira traguardato sul lido in coincidenza con 
tale linea assiale deìVago declinante era giudicato e segnato 
come un Nord, appunto perchè tale si credeva che fosse in- 
variabilmente la direzione dell'ago magnetico. 

Cosi nel caso nostro mentre quel punto era invece a Nord 
10"* Estf quel punto (e cosi dicasi degli altri) veniva a subire 
sulla Carta un trasporto angolare di IO"* verso W, cioè in 
senso opposto alla declinazione magnetica, e lo stesso natural- 
mente avveniva per tutti i rombi dei venti. La medesima diso- 
rientazione si trova altresì nelle Rose della bussola che i Car- 
tografi avevano cura di mettere in diversi punti più impor- 
tanti del mare, a fine di giovare alla navigazione verso quei 
porti specialmente nei quali allora più fioriva il commercio 
marittimo. Infatti in tutte queste Rose le linee dei venti sono 



Digitized by VjOOQIC 



90 

parallele a quelle che esprimono i medesimi venti presso i 
lidi, e quindi ne ritraggono pure necessariamente Terrore 
d'orientazione, e cosi pure nelTinterno dei continenti. Che poi 
questo metodo cartografico non possa dirsi imaginato ad arte 
per la navigazione lossodromica, lo dichiarerò nel seguente 
Capitolo. 



Capitolo IV. 

Altre considerazioni intorno agli antichi rilievi cartografici fatti per mezzo della 
bussola, e se da essi possa arguirsi quale fosse albra la declinazione 
magnetica. 

Riguardo alle Carte nautiche mi è duopo, per servire alla 
storia, accennare ancora Topini one dell'erudito Prof. Norden- 
skiòld, che cioè il catalano Raimondo Lullo (il quale fioriva 
nella seconda metà del secolo XIII) fosse autore di un pri- 
mitivo Portolano che il Nordenskiold chiama normale^ e sul 
quale, secondo lui, si vennero poscia modellando tutte le altre 
Carte e Mappamondi sino al secolo XVI. Ora sebbene anche 
in questo Capitolo, come dirò fra breve, io confermi l'opinione 
dell'esistenza di un prototipo cartografico (ciò che ho più 
"volte affermato in altre mie pubblicazioni prima del Norden- 
skiold) (1), non posso però convenire con lui neirattribuire a 
Raimondo Lullo questo lavoro. Oltre i validi argomenti contro 
quest' affermazione, già recati dagli illustri Professori Mari- 
nelli e Fiorini (2), cioè che esistono Carte molto anteriori al 
Lullo e di origine certamente italiana, aggiungo qui le se- 
guenti ragioni le quali rendono al tutto improbabile l'ipotesi 
che a quell'autore in particolare possa attribuirsi la paternità 
di codesto primitivo lavoro cartografico. 

A tal fine basta invero por mente ai seguenti passi (i soli 



(1) Su questo argomento, e contro rorigine catalana delle primitive Carte nau- 



Google 



Digitized by V^OOQ 



I "i ^4'».' 



91 

riguardanti la marina) che trovansi nell'opera che s' intitola 
Arbor scientiae (1), dove egli parla delle Carte nautiche, come 
di mezzo direttivo già noto e comunemente usato dai marinai 
al tempo suo, e non già come di cosa sua, e dove inoltre 
dalle stesse sue parole apparisce invece Pimperfettissima e 
confusa cognizione ch'egli aveva dell'arte nautica (2). 

Ecco infatti quanto ivi si legge sotto il titolo: De arte 
nuuiarum (fol. XLII recto): « Marinarius considerat galeam 
et barcham: et considerat velum et arborem et celerà que 
ezpectant {sic) ad navem: et postmodum considerat tempus 
navigandì et portus ad quos habetur refugium: stellam, acum, 
magnetem, ventos et miliaria et cetera que spectant ad suam 
artem >. E qui nient*altro dell'arte navigatoria! 

Niente di meglio trovasi ivi in un altro articolo (fol. CXCI, 
recto)j intitolato: De questionibuM geometrie,,,, « Q. Marinarli 
quomodo mensurant miliaria in mari? — S. Marinarii consi- 
derant IIII ventos generales, videlicet ventum orientalem, oc* 
cidentalem, meridionalem et ventum septentrionalem : similiter 
alios mi ventos qui ex primis exeunt considerant: videlicet 
grecum, exalochum, lebeig et maestre (3): et centium circuii 
considerant, in quo venti angulos faciunt (4): demde per ven- 
tum orientalem navem euntem centum miliaria a centro quod 
sunt miliaria usque ad ventum de exaloch, et miliaria duplicant 
usque ad ducenta miliaria, et cognoscunt quot miliaria sunt 
multiplicata, que sunt ducenta, a vento orientali usque ad ven- 
tum de exaloch, per multiplicationem miliarium: qui sunt de 
termino centenario orientis usque ad terminum de exaloch (!?). 



(1) Lo stesso dicasi delle altre opere attribuite al Lullo che ho consultate. 

(2) I passi che qui appresso riporto, li ho tolti dall'edizione di Lione del 1515: 
in quella rifatta ivi nel 1636» essi trovansi alle pagine 114 e 570. 

(3) Veggasi qui come il Lullo rechi malamente storpiati i nomi prettamente 
italiani della Uosa dei venti^ cioè i mezzanini greco, scirocco, libeccio e mae- 
stro. In altri miei lavori, parlando della Rosa marina dei venti^ dimostrai che 
tali nomi ed in particolare quelli chiamati greco e lihecciOy perché spiranti dalla 



Digitized by VjOOQIC 



92 

Et ad hoc instrumentum (?), habent Chartam (1), compassum, 
aoum et stellam maria >*■ 

Al certo l'argomento propostosi dall'autore sarebbe riuscito, 
specialmente a'nostri giorni, importantissimo; ma le vaghe, 
nebulose ed inconcludenti espressioni da lui usate, mentre 
non servono punto a risolvere il problema, manifestano inol- 
tre chiaramente l'imperizia sua nell'arte marinaresca, e molto 
più nella cartografica. A proposito poi delle antiche misure 
itinerarie marine, accennate, ma non punto spiegate da Rai- 
mondo Lullo, si sa che recentemente, dal 1895 in poi, parec- 
chi geografi si sono occupati a ricercare il valore dell'unità 
di misura delle diverse scale che trovansi segnate in alcuni 
Mappamondi e Portolani antichi. Ingegnoso è certamente a 
tale riguardo il sistema cartometrico proposto dal Nordenskiòld 
nella sua opera pregevolissima sopra citata. Nondimeno con- 
verrei anch'io nella riserva che a tale proposito fa il chiaris- 
simo Prof. M. Fiorini nella recensione dell'opera suddetta (2). 

Ma qui tornando ancora sull'argomento più volte da me 
trattato (3), della disorientazione generale che si riscontra nei 
Mappamondi e nelle Carte nautiche antiche, per difetto della 
correzione della declinazione magnetica^ allora ignorata, debbo 
ora aggiungere che vi s'incontrano pure molte e varie discor- 
danze parziali di orientazione nella posizione geografica rela- 
tiva fra diversi punti notevoli ed anche vicini; e ciò, sia fra 
loro, sia coU'asse maggiore principale del Mediterraneo. Per 
citarne qui un solo esempio, il quale riesce evidente a chiun- 
que volga lo sguardo a codeste antiche Carte, è notevolissima 
in esse la disorientazione speciale, per diversità di valore 



(1) Dunque queste Carte esistevano presso i marinai anche prima del Lullo. 

(2) Vedi Bollet. della Società Geografica italiana. Voi XI. N.o 3. Roma 1898. 

(3) Vedi Bullet. di Bibliografia e di Storia delle Scienze Mat. e Fisiche del 

l3>^.>»»«»,%orpn.' P/xmn 1 fiAQ ^ T t>an- QflT OOA A(\X. « A\'i. ^ »<«l T 1\7 IQ^I 



Digitized by VjOOQIC 



93 

(benché sia nello stesso senso) delle isole di Corsica e di Sar- 
degna, rispetto al prossimo continente italiano, e rispetto al- 
l'asse del Mediterraneo. 

Questi fatti, connessi pure coli' altro di diversi nomi e leg- 
gende che si trovano in talune di quelle Carte, come ben fu no- 
tato dal Prof. Marinelli, le quali sono certamente di epoche di- 
verse rispetto alla data scritta sulle Carte stesse, mi persuasero 
(benché in senso diverso del Nordenskiold) che queste rappre- 
sentano un lungo lavoro raccogliticcio di compilazione. Esse 
cioè derivarono da molti successivi rilevamenti topografici 
parziali, fatti in diversi tempi e da diversi autori, ma inse- 
riti man mano in un medesimo primo tracciato più antico e 
più semplice del periplo del Mediterraneo. Così questo tipo 
cartografico nelle sue linee fondamentali si conservò di poi 
(per lo meno sino a tutto il secolo XVI) come si rileva dal 
Nunez nel suo libro De arte navigandi^ e da Bartolomeo Ore- 
scenzi nella sua Nautica Mediterranea, 

Questo fatto della persistenza costante, in un intervallo di 
più di tre secoli, di tale errore d'orientazione assiale delle 
Carte nautiche medioevali, e ciò sia riguardo al valore medio, 
sia riguardo al segno della declinazione, egli è questo, dico, 
per me l'argomento più valido in appoggio all'ipotesi dell'esi- 
stenza cioè di un prototipo cartografico, sul quale siano state 
poi modellate, per una successione di trapassi, tutte le Carte 
nautiche susseguenti, e nelle quali perciò rimase pure conser- 
vato presso a poco l'errore che ho detto (1). Infatti tale co- 
stanza tipica di formati successivi sarebbe inammissibile se il 
periplo del Mediterraneo si fosse di tanto in tanto rifatto per 
intero rilevandolo di nuovo per mezzo della bussola, in quel 
lungo lasso di tempo, durante il quale la variazione magnetica 
con ogni probabilità da orientale, qual'era da prima, passò 
poi ad occidentale, e quindi di nuovo ad orientale, quale ap- 
punto sappiamo che ella era nel secolo XVI, passando inoltre 
per tutti i valori dal massimo al minimo e viceversa, e pro- 



Digitized by VjOOQIC 



94 

babilmente per due volte (1), durante un cosi lungo periodo, 
trisecolare per lo meno. 

Ne a ciò osta che i rilievi parziali di complemento, ese- 
guiti ad intervalli in quel lungo lasso di tempo, non ne ab- 
biano alterata la direzione generale per effetto della diversa 
direzione magnetica che esisteva al tempo della loro compo- 
sizione. Infatti tali discordanze più notevoli di orientamento 
dei nuovi rilievi parziali venivano necessariamente a sparire 
in gran parte al momento stesso che ciascuno di essi veniva 
innestato, come ho detto altrove, alla inquadratura generale 
del periplo primitivo. Cosi questo, anche dopo tali inserzioni, 
conservava costante la sua antica disorientazione, alla quale 
perciò venivano a partecipare altresì le aggiunte posteriori. 
Questo coordinamento però, riguardo alle isole, doveva natu- 
ralmente riescire più malagevole e più imperfetto, attese le 
diflScoltà pratiche di congiungimento col tracciato generale, 
ed è infatti in esse che sulle Carte antiche apparisce più va- 
riata e più viziata Torientazione, e anche rispetto b,\ Capi 
principali. Ciò apparisce specialmente, come ho accennato, 
nelle isolò di Corsica e di Sardegna, quali veggonsi rappre- 
sentate nelle Carte stesse; però tale difetto trovasi anche 
nelle altre isole mediterranee, benché disegnate in epoca po- 
steriore, come vedesi neWholario di Bartolomeo de li Sonetti, 

Non istarò qui a ripetere per esteso le risposte da me già 
date in passato alle due obiezioni: 1.* I marinai dovevano ne- 
cessariamente accorgersi della declinazione; 2.** Senza tener 
conto di questa era impossibile in pratica la navigazione in 
altura. 

Quanto a queste obiezioni noto innanzi tutto che nessuno 
degli oppositori ha risposto sinora alla somma di quei molti 
e gravi argomenti da me già recati altrove (2) in prova 
deir ignoranza del fenomeno cosmico (3) della declinazione sino 

(1) Quest'errore di orientazione è, per Tasse mediterraneo fra 5^ ed 8^ W, il 
che fa supporre che all'epoca della costruzione del prototipo cartografico la de- 
clinasione magnetica fosse fra 5^ ed 8° Est, 

(2) Veggasi principalmente la Memoria sopra Cristoforo Colombo scopritore 



Digitized by VjOOQIC 



^pj^SWT'Wi;*! k ■ , 



96 

al secolo XVI; mentre non vi è forse fatto storico scientifico 
sinora più dimostrato di questo, come lo è pure quello del- 
l'uso topografico fatto della bussola dal medio evo in poi. 
Concedo bensì che i navigatori dovessero trovare delle discor- 
danze, e lo affermano pure il Nunez ed il Crescenzi, tra le 
indicazioni delle loro Carte e quelle della bussola e del cielo, 
e col quale pure si governavano, specialmente viaggiando in 
altura^ e ciò specialmente quando la variazione cominciò a 
farsi notevole e di opposto segno ; ma tali discrepanze essi le 
attribuivano soltanto, come ho detto, o a difetto istrumentale 
della bussola, o a moto di deriva ecc., del che abbiamo testi- 
monianze positive. Essi poi cercavano di correggere pratica- 
mente tali discordanze in vari modi, ed anche per mezzo del- 
l'osservazione del cielo, la quale pure si faceva per mezzo del- 
Yastrolabio (1) e di altri istrumenti. Cosi delle loro Carte si ser- 
vivano in tal caso come di tipo di riferimento per le correzioni 
di rotta che man mano eseguivano. Convien pure notare che 
prima di Cristoforo Colombo la navigazione era più d'ordi- 
nario costiera o di cabotaggio, e che ad ogni modo essa era 
di corso assai limitato: perciò a tal uopo bastavano per lo 
più quei soli criteri pratici che si usano anche al presente 
dai nostri navicellai. 

Non ostante però le ragioni addotte contro le obiezioni so- 
pra accennate, vi è pur stato taluno che impressionato dal- 
l'apparente gravità delle medesime, non che dal fatto della 
quasi costanza (riguardo al valore ed al segno) della disorien- 
tazione dell'asse principale del Mediterraneo nelle Carte ma- 
rine medioevali, anziché riconoscere in queste un eflfetto spon- 
taneo inavvertito della ignorata declinazione magftetica, cercò 



(1) A proposito deìV astrolabio non sarÀ discaro ai lettori che io noti qui il 
seguente appunto che trovo neireccellente nuova Rivista di Fisica, Matematica 
e Sciente Naturali, pubblicata dal Prof. Can. Pietro Maffi di Pavia. Nel n.^ 2 
di Febr. di quest' anno, a pag. 170, si annunzia che l'erudito Ab. F. Nau, Pro- 
fessore air Istituto Cattolico di Parigi « ora ha riprodotto il testo siriaco e la 
trad. francese del trattato sulV astrolabio piano di Severo Sabokt. La pubblica- 
zione è importantissima, come quella che dà il più antico trattato suirargomento, 
e permette al Nau di dimostrare che l'astrolabio piano è detto arabo perchè gli 
arabi Io usarono abbondantemente, che però esso é greco di origine, e forse di 
Eudosso od almeno di Apollonio di Perga ». 



Digitized by VjOOQIC 



96 

invece di spiegare ingegnosamente tale fatto, non già come 
un errore, ma come un puro effetto della proiezione conica, 
supponendo che a questa possa in certo qual modo . assimi- 
larsi la delineazione delle carte nautiche imbasate sulla na- 
vigazione lossodromica. 

Ma a qualunque metodo di proiezione si vogliano riferire 
le antiche Carte, ciò che è ancora discutibile, l'ipotesi della 
lossodromica non sarebbe ammissibile per le seguenti ragioni: 

È soltanto a Pietro Nunez (1) celebre matematico porto- 
ghese, il quale fioriva nella prima metà del secolo XVI, che 
noi dobbiamo la teoria e Fuso della lossodromia nella navi- 
gazione. Anzi a questa sua ingegnosa teoria egli ricorse per 
l'appunto a fine di spiegare, com'egli credeva, Verrore mani- 
festo di disorientazione delle Carte marine la quale durava an- 
che a suo tempo, e che egli pel primo riconobbe e pubblicò, 
ma che supponeva derivato soltanto dal non avere gli anti- 
chi conosciuta ed applicata la sua nuova teoria. Egli infatti, 
come pure parecchi altri marini e scienziati di quel tempo (2), 
non ammetteva, o per lo meno dubitava ancora dell'esistenza 
della declinazione magnetica scoperta da Colombo nel 1492. 

Però la teoria del Nunez non era applicabile che in minima 
parte alle Carte del Mediterraneo, attesa la relativa ristret- 
tezza ed orientazione di questo mare, ne essa valeva per ciò 
a correggere che ben poco l'errore di quelle, il che pure ri- 
conobbe a ragione ed attestò il Crescenzi, come or ora dirò. 
Infatti colla sola lossodromia non si può spiegare ne il valore 
troppo grande della disorientazione del Mediterraneo propria- 
mente detto, né la notevolissima discordanza di direzione di 
questo con quella del Mar Nero; e cosi dicasi pure in gene- 
rale delle isole rispetto ai prossimi continenti e rispetto al- 
l'asse principale dei mari ne'quali esse si trovano. 



(1) Era chiamato latinamente Nonius, ed in italiano Nonio: da lui siooa'no- 
•tri giorni, prese il nome quella scala proportionale che dà le frazioni di di- 
visione nelle graduazioni, benché sembri dimostrato che tale utile artificio 
appartenga invece al Vernier, da cui queiringegno prende anche il nome di ver' 



Google 



Digitized by V^OOQ 



97 

Quindi giustamente, ripeto, Bartolomeo Crescenzi, che fu 
uno dei primi luminari delia marina italiana della seconda 
metà del secolo stesso XVI, nella sua pregevolissima opera: 
Nautica Mediterranea nota: € Pietro Nonio nel suo libro De 
arte navigandi confessa Terrore (1) ma né però l'accomoda ». 

Infatti il Nonio ivi, nel Capitolo intitolato: De Charta ma- 
rma, nautarum planispha^rio, dice (2): € Hinc fit ut saepissime 
decipiantur nautae cum ex uno loco alium petunt, eam posi- 
tionem secuti quam ostendit marina Charta. Quam cum minime 
ea navigatione repererint, erroris causam putant esse vel aqua- 
rum celerem in aliam partem defluxum (moto di deriva o di 
scarroccio) j vel polorum magnetis a veris polis mundi decli- 
natioiiem » . Dal riprovare poi che qui fa il Nuiìez anche que- 
sta seconda spiegazione, si conferma quanto ho detto sopra, 
che egli stesso sconfessava tuttora il fatto della declinazione. 

Inoltre che la disorientazione delle Carte antiche fosse 
dovuta principalmente a difetto di orientazione magnetica, lo 
dimostra pure il fatto che in alcune di quelle Carte, come 
p. e. in quelle del 1527 e del 1629 che si conservano a "Wei- 
mar, si trova inserita da mano posteriore una nota marginale, 
nella quale, per norma dei naviganti, si segna la correzione 
di orientazione da farsi alle medesime (3). 

Fu Bartolomeo Crescenzi, Comandante della Marina militare 
Pontificia, il primo che nella seconda metà del secolo XVI si 
accinse alla correzione generale della disorientazione magne- 
tica delle Carte nautiche del Mediterraneo (4), come risulta 
dalla sua opera, pregevolissima per la storia della marina, da 
lui compiuta nel 1696, ma pubblicata a Roma pochi anni ap- 



(1) (della disorieDtazione delle Carte marioe). 

(2) Tolgo questo passo dalla traduzioDe latina (dalla prima edizione portoghese 
deU* opera del Nonio) fatto a Basilea nel 1536, e precisamente dal Libro II, 
Gap. I, pa>r. 19. 

(3) Quest'unica correzione però, era, come si sa, imperfetta, perchè supponeva 
ch^da per tutto la declinaxione magnetica fosse la stessa e sempre costante. 

(9 Per il suo luugo, difiScile e rischioso lavoro, specialmente riguardo alle 
coste deirAffrica infestate dai pirati e in potere dei Musulmani, egli fu animato 
ed efficacemente coadiuvato da ben nove Romani Pontefici che si successero, 
cioè da S. Pio V a Paolo V, ai quali altresì la scienza va perciò debitrice an- 
che di questo primo importante lavoro geografico di correzione. 

8 



Digitized by VjOOQIC 



in tutte quelle Carte anche a'tempi suoi, nota fra gli altri i 
seguenti: € .... quasi in un medesimo ■parallelo et grado.,,, (si 
trovano) Alessandria ed il Monte Seuta (1), alVincontro dd 
monte di Gibilterra,,,. ». Questa infatti è realmente presso a 
poco la disorientazione dell'asse maggiore del Mediterraneo 
anche in tutte le Carte medioevali; ma appresso, riguardo pure 
alle disorientazioni parziali, il Crescenzi soggiunge: « .... z7 
piloto et il marinaro,.,, nel pigliar due capi per Vaguglia per 
saper dove si trova col vascello, egli vede che quei venti {per 
che gli restano detti capiy secondo che la bussola gli dimostra) 
sono di/ferenti da'venti in che la carta gli fa restare detti capi 
in quella notati ». 

Questo passo, come ognun vede, è per più ragioni molto 
importante: infatti da esso si rileva 1.** l'uso conservato sino 
a quel tempo di determinare la giacitura dei lidi dirigendo 
ai diversi Capi di essi il traguardo della bussola, servendosi 
cioè dello stesso mezzo col quale un secolo prima Bartolomeo 
de li Sonetti diceva nel suo Isolario di aver fatto colla bus- 
sola il rilevamento delle isole mediterranee j;er i loro Capi; 
2.** Il Crescenzi stesso, vecchio e valente marino, riconosce e 
dimostra, come si vede, l'errore delle Carte; dunque queste 
non erano cosi foggiate ad arte soltanto e per servizio della 
navigazione lossodromica; 3.° Il Crescenzi, il quale, a diffe- 
renza del Nuilez, ben conosceva il fenomeno della declinazione 
magnetica (ed anzi ne aveva a Roma assegnato il valore di 
9^ Est)j fu il primo ad abbandonare l'antico sistema di rile- 
vamento, sino allora seguito, cioè per mezzo della bussola, e 
si valse invece del metodo geodetico astronomico, a fine di 
correggere la disorientazione delle Carte, appunto per aver 
riconosciuto che questo errore era in esse derivato da non 
essersi tenuto conto dai Cartografi della declinazione nelle loro 
costruzioni. 



(1) Il monte Abila presso Ceuta nel Marocco. 



Digitized by VjOOQIC 



99 

Nondimeno, come giustamente dimostrò il Prof. Fiorini (1), 
è a Gerardo Mercatore che si deve la principale correzione 
delle Carte nautiche. Fu egli infatti che dopo aver dimostrata 
la causa degli errori nei quali incorrevano i marini nella so- 
luzione dei problemi nautici, servendosi della proiezione ci- 
lindra equidistante nelle grandi navigazioni, propose invece 
a tal fine le Carte a proiezione cilindrica isogonica, cioè a 
latitudini crescenti. 

Ma le osservazioni sin qui esposte intomo alla disorienta- 
zione generale e parziale delle antiche Carte per la causa 
suddetta, mi riuscirono pure confermate da uno studio spe- 
ciale più minuto che, per la gentile ed abile cooperazione del- 
l'Istituto Geografico militare di Firenze (al quale rendo qui 
pubbliche grazie) potei fare sopra alcune di quelle Carte, 
come ora dirò. 

Le principali ricerche comparative di disorientazione le feci 
da prima sulla famosa Carta di Angelino Dallorto del 1325, 
recentemente illustrata dal prof. Alberto Magnaghi per in- 
carico datogli dal chiarissimo prof. Giovanni Marinelli (2). In 
questa Carta si osserva il solito spostamento di direzione del 
Mediterraneo e nello stesso senso delle altre Carte medievali. 
Eiguardo poi a diversi punti del periplo di esso mare, tro- 
vansi altre speciali orientazioni variamente errate in valore, 
ma tutte nel senso medesimo dell'asse principale del Mediter- 
raneo, come ho già notato per altre Carte antiche. Sovra tutto 
è singolare, come ho notato sopra, la solita anomalia per la 
quale la linea assiale condotta fra Capo Corso e Cagliari nelle 
isole di Corsica e di Sardegna, presenta una disorientazione 
di Q'^.SO' da Est ad Ovest del Nord, mentre invece la linea 
fra il Capo Lilibeo di Sicilia e Roma non è deviata che di 4"* 
nello stesso senso, ed il meridiano di Tolone di 3®.30'. Ancor 
maggiore poi è lo spostamento nel senso medesimo dell'isola 



(1) V. la Memoria: Gerardo Mercatore e le sue Carte geografiche nel Bollet. 
della Società Geografica, 1890. 

(2) Questa Carta di proprietà del Principe Tommaso Corsini, fu egregiamente 
riprodotta ìd fototipia dall'Istituto Geografico suddetto, ed offerta in dono dal 
Principe stesso ai Congressisti del Terzo Congresso Geografico, tenutosi a Fi- 
renze neìl*Aprila del 1898. 



Digitized by VjOOQIC 



iìS5^ 



100 

di Candia, poiché giunge a 13^.30': questo valore va poi gra- 
datamente scemando sino a Cipro. 

Consimili discordanze, benché di valore un pò* diverso, ho 
pure riscontrato nella Carta di Ottomano Freducci, conser- 
vata neir Archivio di Stato di Firenze, sulla riproduzione fo- 
tografica eseguita pure dall'Istituto Geografico. 

Dal medesimo Istituto avendo ottenuto altresì una fedele 
riproduzione ingrandita di alcune delle isole principali dise- 
gnate neWIsolario di Bartolomeo de li sonetti del 1477, intor- 
no alle loro orientazioni* diressi più speciali ricerche nella 
speranza di dedurre con qualche approssimazione il valore ed 
il segno della declinazione magnetica in quel tempo, giacche 
l'autore afferma di avere egli stesso fatto tale rilevamento 
per mezzo della bussola diretta ai Capi di esse. Rimasi però 
deluso nella mia speranza, dalle notevoli e varie discordanze 
parziali e generali che trovansi in ciascuna isola. Di queste, 
come saggio, pongo qui appresso il seguente prospetto, con- 
trassegnando in esso col segno (+) le disorientazioni ad IF, 
e col segno ( — ) quello ad E^ delle linee diametrali condotte 
per i seguenti Capi (C°.) principali rispetto al vero meridiano 
locale (1): 

Isola di Candia 

C^ S. Giovanni (o Krio), C^ Xarco . . . -(- 6'' 

C". Malata, C^ Sidero —20'' 

C°. Buzo, C^ Sidero — 10. 

G\ Buzo, G\ Malata + 2° 

C°. Sidero, Isoletta di Standia + 8. 

Avendo quindi riconosciuto che nemmeno per questo mezzo 
àeWholario suddetto poteva ottenere il fine proposto, rivolsi 



(I) I seguenti valori furono gentilmente rilevati dallo stesso Istituto Geografico 
col confronto della Carta del Mediterraneo fatta nel 1845 dal R. Officio Topo- 
grafico di Napoli. 

Isola di C'pro 

C<». Salizano, C°. S. Andrea -♦- 22o. 

CO. Gatti, C<>. Greco -t- IS^. 

C». Greco, C<*. Cornachiti -t- W, 

C^ Gatti, CO. Salirano -f- S®. 



Digitized by VjOOQIC 



PBifPl^ „j^^ . -'--ir^l T -ZT—r r;^ r^r^ 



101 

da ultimo il pensiero al rilievo di Eoma fatto dal Sanzio col- 
Tuso della bussola, e del quale ho parlato da prima, nella 
speranza di potermi procurare almeno qualche riproduzione 
di tale disegno. Veramente a questa via di ricerca della de- 
clinazione magnetica aveva già pensato molto prima di me, 
come poi conobbi, l'erudito Ab. Daniele Francesconi, e ciò per 
Tappunto nelle Annotazioni poste in &ne della sua Memoria: 
Congettura che una lettera creduta di Baldassarre Castiglione 
aia di Raffaello di Urbino. Ivi infatti a pag. 114-116 leggesi 
quanto segue: «... Ma per la Fisica, ossia per la storia delle 
variazioni magnetiche, gioverebbe che cotesto uso di Raffaello 
e de' tempi a lui vicini (1), fosse perpetuo: perchè se si 
avesse un gran numero di piante della stessa fabbrica, fatte 
in diversi tempi, vedendosi in esse variare i gradi de' venti 
segnati dai lati, e questi essendo immobili, cioè lati dell'edi- 
fizio, la variazione osservata sarebbe quella che cercasi di sa- 
pere della declinazione magnetica da un'epoca all'altra. Per 
quanto le misure degli angoli, prese dagli architetti, si vo- 
lessero supporre inesatte, la moltitudine dei casi in ciascuna 
carta, e perciò dai confronti di una coU'altra, darebbe campo 
a trovare il giusto mezzo, o a notare l'errore. Forse di tali 
documenti se ne potranno anche raccogliere, giacché la este- 
sissima pratica del Bossolo ha durato forse due secoli (2) ; ma 
non so se i fisici abbiano pensato che le Piante possono dare 
un simil frutto ». 

Veramente io non so che alcuno prima del Francesconi sia 
entrato nel concetto qui esposto; ma per quanto ingegnoso, 
giusto ed utile esso apparisca in teoria, non l'ho poi trovato 
attuabile in gran parte nella pratica. 

Riguardo sigli antichi Portolani e Mappamondi, ciò è ma- 
nifesto, posto che essi siano, come con grande probabilità si 
deduce e come ora dai più valenti geografi si ammette, un 
lavoro di compilazione fatto in diversi tempi sopra un tipo 
primitivo di epoca non esattamente determinata. Che se poi 
da codeste rappresentazioni grafiche di estensioni maggiori, 



(1) Cosi egli allora credeva. 

(2y Egli allora non conosceva quei dati storici più recenti i quali fanno risa- 
lire Tuso della bussola nel Mediterraneo molto probabilmente al secolo X. 



Digitized by VjOOQIC 



102 

ma espresse in piccola scala, passiamo a quelle parziali più 
ristrette, ma disegnate in iscala maggiore, come è ad esempio 
Vlsolario sopra citato, in tal caso gli errori e le discordanze 
locali di orientazione appaiono invece anche in maggior nu- 
mero e più manifeste. In questo caso siamo quindi costretti 
ad ammettere, almeno come molto probabile, che siano pure 
intervenuti altri errori nel rilevamento topografico. Si di- 
rebbe cioè che alcune sinuosità perimetriche minori siano 
state supplite e poste in disegno ed occhio soltanto, e che 
per alcuni punti per lo meno, le visuali indicate dall'ago ma- 
gnetico riuscissero falsate anche per difetto puramente istru- 
mentale. 

Ora che quest'ultima ipotesi sia molto probabile, lo desumo 
dalle seguenti circostanze, già da me accennate in altre Me- 
morie: 1°. Anticamente l'ago era spesso di semplice ferro, e 
questo veniva calamitato ad ogni osservazione (il che anche 
dicevasi dare aiuto all'ago), e ciò si eseguiva presentando sol- 
tanto esternamente alla scattola della bussola, e da un lato 
solo il polo settentrionale della pietra magnete. Questo me- 
todo tendeva naturalmente a produrre una dissimetria di po- 
sizione nei due poli magnetici cosi indotti nell'ago, e ciò sia 
rispetto al suo asse di figura, sia rispetto all'asse di rotazio- 
ne; 2^. I difetti di questo metodo dovevano poi riuscire an- 
che maggiori quando invece della primitiva forma dell'ago, 
lineare o lanceolata, o cruciforme al polo Nord, in epoca meno 
remota cominciò a foggiarsi l'ago a forcella divaricata o a 
triangolo; e quest'ultimo composto di due pezzi distinti di filo 
d'acciaio. Sotto tali forme, oltre la dissimetria dei due poli 
principali, probabilmente s'ingeneravano nell'ago anche dei 
poli conseguenti, pur essi dissimetrici,<*ome difatti io stesso ho 
riscontrato in alcuni esemplari di tali antiche bussole; 3°. In 
tutte qu<3ste poi l'ago era allora di piccole dimensioni, men- 
tre l'attrito del cappelletto metallico sul perno era invece re- 
lativamente notevole, talché, anche per solo questo motivo, la 
direzione dell'ago poteva variare, come ho sperimentato, anche 



Digitized by VjOOQIC 



if j pi i iJ i My. ' ^*. 



103 

dotte dovevano naturalmente derivare in tutti i rilievi topo- 
grafici fatti in antico per mezzo della bussola, mi rimaneva 
ancora qualche speranza di poter dedurre, almeno con larga 
approssimazione, un valor medio della declinazione magnetica 
contemporanea, riguardo a quelle piante meno antiche di città 
e di edifici, le quali furono eseguite in un dato tempo, da 
un medesimo autore e per mezzo di una stessa bussola. In 
tale speranza per l'appunto mi rivolsi da prima alla ricerca 
dei disegni della pianta di Roma antica intrapresa, come dissi, 
da Raffaello d'Urbino, dalla quale presi le mosse in questo 
mio lavoro. Nulla però mi fu dato di rinvenire sinora di ciò 
nelle Biblioteche e negli Archivi, non ostante le nuove ac- 
curate ricerche, dopo quelle già fatte inutilmente dall'illustre 
compianto Prof. Giambattista De Rossi, e più recentemente 
dall'erudito Prof. Rodolfo Lanciani. 

Lo stesso mi avvenne pure riguardo alla pianta di Firenze 
e dei suoi dintorni, la quale, secondochè afferma il Vasari, fu 
ritratta per mezzo della btissola^ al tempo di Clemente VII, 
da Lorenzo della Volpaia e da Nicolò Tribolo. Vi sono bensì 
altre piante antiche di Firenze, ma molto grossolanamente ri- 
tratte, e come suol dirsi a volo d'uccello^ le quali naturalmente 
non si prestavano alla mia ricerca. Tali sono pure alcune 
piante di Roma (oltre quelle riprodotte dal De Rossi nell'im- 
portantissima sua opera : Piante iconografiche e prospettiche di 
Roma anteriori al secolo XVI, Roma 1879) le quali inoltre 
non presentano alcun indizio di essere state ritratte per mezzo 
della bussola. 

In quest'opera trovansi bensì, a pag. 130 e seguenti, notati 
per Roma dei valori di rapporti angolari di orientamento di 
fabbricati, segnati da Leon Battista Alberti nel 1467; essi 
però non furono presi colla bussola, ma sibbene per mezzo 
del cosi detto Radio latino^ come apparisce dal testo medesi- 
mo del codice (Vedi op. cit., pag. 130-138). Ciò si conferma 
pure da quanto lasciò scritto lo stesso Alberti al n. XVI dei 
suoi Ludi matematici, a proposito del Modo di misurare il 
circuito ambito di una terra (1). 

(l) Vedi Opere volgari^ annotate ed illustrate dal dolt. Amicio Bonucci. — 
Firenie. 1847, T. IV. pag. 430 • 434. 



Digitized by VjOOQIC 



104 

Un ultimo documento mi restava ancora a consultare in 
ordine alle accennate ricerche, nel quale trovansi invece real- 
mente segnate (in valore angolare) e rilevate per mezzo di 
un grafometro a bussola (minutamente descritto) le direzioni 
di diversi edifici di Firenze e de' suoi dintorni. Questo im- 
portante documento è in un' opera di Cosimo Bartoli (1) che 
ha per titolo: Del modo di misurare le distantie.,,, le piante, le 
Provincie ecc. 

In quest'opera è da notarsi innanzi tutto, in conferma sem- 
pre del ritardo che vi fu, anche presso parecchi dei dotti del 
XVI secolo, nell'adottare la correzione dp'lla declinazione ma- 
gnetica, che il Bartoli pure o ignorò, o non ne tenne conto, 
come apparisce dal suo stesso lavoro topografico. Invece altri 
due dotti toscani coetanei al Bartoli, cioè il monaco Benedet- 
tino Vincenzo Borghini, e l'Olivetano D. Stefano Bonsignori 
(senza però servirsi della bussola) ci lasciarpno disegni topo- 
grafici di Firenze e di alcune parti della Toscana molto più 
esatti (2). 

Prima però di discutere i valori angolari assegnati dal Bar- 
toli, riguardo alla posizione relativa di diversi fabbricati di 
Firenze e dei dintorni, noto che fra essi ne ho tralasciati al- 
cuni evidentemente errati, o per parte dell'editore, o per parte 
dell'autore stesso, o perchè, a quanto sembra, alcuni di tali 
edifici presi di mira hanno forse subito col tempo cangiamento 
di nome o di forma. 

Limitandomi pertanto alle indicazioni più attendibili, trovo 
che le diverse visuali condotte dall'autore a partire dai due 
punti da lui scelti a ba^e della sua operazione (che sono il 
Campanile di Giotto ed il Palazzo Pitti) codeste visuali, dico, 
presenterebbero in media una disorientazione da E ad TTper 
N di circa 7^. 

Ora riferendoci al meridiano astronomico locale, tale indi- 
cazione porterebbe ad ammettere che a quel tempo la dedi- 
nazione magnetica fosse presso a poco del valore di 7^ Est 



(1) Egli era Priore della Chiesa di S. Giovanni in Firenze. Dalla prefazione 
poi di quest'opera si rileva che fu da lui composta verso il 1550: IVdizione però 
della quale mi sono servito è di Venezia 1614. 



Google 



Digitized by V^OOQ 



-J^ 



]06 

Tale valore invero non discorderebbe gran fatto, tenuto conto 
dei difetti istrumentali, da quella di circa 9*^ Est^ che una 
trentina d'anni prima, veniva osservata a Firenze da Fra 
Mauro Servita. Questi infatti nella sua Sphera volgare^ Fi- 
renze 1537, a carte 56 dice : « la calamita volge verso levante 
circa 9 gradi ». E in vero mentre per una parte da molti 
documenti, alcuni dei quali ho già recato sopra, si rileva 
che nel secolo XVI la declinazione era realmente orientale in 
Italia, e nel suo periodo di decremento (1), applicando d'altra 
parte al computo il valore della variazione media annuale, 
quale è al presente, cioè di circa 6'.30", si otterrebbe per 
l'appunto per Firenze il valore medio della declinazione nel 
1550 quale si deduce dalle osservazioni del Bartoli. 

Aggiungo ancora qui da ultimo i seguenti appunti che gen- 
tilmente mi furono comunicati dall'erudito sig. cav. Antonio 
Botto, Colonnello del Genio' militare, e già addetto all'Isti- 
tuto Geografico di Firenze, intorno all' opera, altrove da me 
citata, del Peverone (2) : « Quest'autore nel Libro I di Geo- 
metria, a pag. 74, tratta del Planisfero Geometrico (vera ta- 
voletta con bussola); e nel Libro III, a pag. 128-129, dà un 
primo esempio di triangolazione eseguita colla bussola, tra le 
città di Cuneo, Fossano, Saluzzo, Carmagnola e Cervera.... Le 
indicazioni sono abbastanza precise, tanto che raffrontandola 
con la nostra Carta itineraria^ alla scala del 250 mila, mi è 
parso si possa dedurre che in quel tempo 1' autore commise 
un errore medio di circa 13°.30' nella lettura degli angoli, di- 
pendente forse dal fatto di non aver tenuto conto della de- 
clinazione magnetica. Infatti a pag 128, parlando dell'ago 
della bussola, dice: < .... lo fisserai (l'istrumento) con tale arte 
che la calamita stia sopra la linea meridiana ». 

In fine, a conclusione di queste ricerche storiche intorno 



(1) Girolamo Kracastoro {De aympatia et antipatia rerum. — Venezia, 1546, 
Carta 8*) pone a Venezia la declinazione di ^ circa ad Est, Livio Sanuto nella 



Digitized by VjOOQIC 



106 

all'antico uso topografico ed astronomico della bussola, metto 
qui il seguente riepilogo degli argomenti principali che ho 
trattato : 

1.** All'antico goniometro ad alidada o traguardo dei Greci 
fu applicata la bussola imperniata dai marinai italiani, iu 
epoca non posteriore al 1200, come si desume dagli Statuti 
minerari di Massa marittima; ma più probabilmente ciò av- 
venne nella seconda metà del secolo precedente, cioè non molto 
dopo l'introduzione nel Mediterraneo dell'imperfetta bussola 
cinese ad ago galleggiante. Anche il sistema geometrico di 
rilevamento per mezzo di triangolazione e di ordinate^ pare 
che i marini meridionali d'Italia lo desumessero dai Greci, i 
quali tali metodi topografici appunto usavano ancora a quel- 
l'epoca. Del secondo di questi e di una specie di goniometro 
a bussola colla rosa dei venti della marina italiana si servi- 
rono, i Massesi sin dal principio del secolo XIII per la 
pianta della loro miniera. Ma già della fine di quel se- 
colo abbiamo qualche Carta marina abbastanza accurata e 
minuta, la quale fa ragionevolmente supporre altri rilievi 
antecedenti eseguiti coll'istrumento indicato. Di questo parla 
altresì nel 1268 nella sua famosa Epistola de Magnede^ Pie- 
tro Peregrino, ed allo stesso accenna pure nel suo Isolarlo 
pel rilevamento topografico delle isole Bartolommeo de li So- 
netti nel 1477. La prima minuta descrizione però di una vera 
tavoletta planimetrica ad ago magnetico, colla indicazione 
pure del metodo pratico di rilevamento topografico l'abbiamo 
per la prima volta nella famosa Lettera di Raflfaello d'Urbino 
a Leone X sulla pianta di Roma antica. Dello stesso metodo 
continuarono poi a servirsi anche altri in Italia nel secolo XVI. 
Da tutto ciò pertanto si rileva ad evidenza l'errore storico 
del chiamarsi anche oggidì codesto istrumento Tavoletta Pre' 
toriana, dal nome dell'alemanno Pretorius, il quale viveva al 
principio del secolo XVII, ed al quale al più non si potrebbe 
forse attribuire che qualche miglioramento nell'uso di essa. 

2.° Sembra inoltre che la bussola a traguardo, sino dal se- 
colo Xin, venisse talora usata pure come astrolabio per rilevare 
l'ascensione retta e la declinazione dei corpi celesti non che 
l'ora del giorno, e per mezzo di tali indicazioni ricono- 



Digitized by VjOOQIC 



^^m ^mHmfi^ 



107 

scere altresì le posizioni geografiche in terra ed in alto mare, 
come rilevasi daìVEpv<tola di Pietro Peregrino (1268). È pro- 
babile ohe dalFaecenno che ivi trovasi della indicazione oraria 
per mezzo di codesta bussola (1), avesse origine in Germania, 
verso il 1600, la costruzione degli orologetti solari ad ago 
magnetico, propagati poi ben presto in tutta Europa, come 
rilevasi pure dalla Lettera di Raffaello, dove appunto se ne 
incontra la prima menzione, per quanto io sappia; 

3.** Il valore della disorientazione generale del Mediter- 
raneo che si osserva nelle antiche Carte, e la coesistenza di 
altri errori assai diversi da quello, ed anche di opposto se- 
gno , che si riscontrano nei rilievi topografici minori, e spe- 
cialmente in quelli delle isole e delle città, non si possono 
altrimenti spiegare come prodotti dalla rappresentazione losso- 
dromica, ma essi accennano invece ad un tempo e ad errore 
proveniente sulla declinazione magnetica ignorata e non cor- 
retta, ed anche a probabili errori istrumentali e personali ; 

4.° Dalla costanza poi del segno e, presso a poco, anche 
del valore della disorientazione, quali si riscontrano in tutte 
le antiche Carte sino al secolo XVI, si desume l'esistenza di 
un prototipo cartografico antico, dal quale tutte quelle Carte 
siano derivate. Si esclude però che codesto primitivo lavoro 
possa attribuirsi a Raimondo Lullo; 

6.° Si spiega poi come, non ostante le variazioni trise- 
colari nello spazio e nel tempo, si conservasse tuttavia quasi 
inalterato il tipo unico primitivo delle Carte nautiche, e come, 
non ostante il vero errore di queste, i marini potessero in 
pratica governarsi nelle loro navigazioni; 

6.** Si dimostra da ultimo per qual ragione, o non si 
possa, o per lo meno tomi assai malagevole dedurre dagli 
antichi rilevamenti topografici fatti colla bussola, un valore 
numerico abbastanza esatto della declinazione magnetica cor- 
rispondente all'epoca dei rilievi stessi. Soltanto riguardo al 



(1) Si ooti che anche il Peregrino riteneva che l*ago magnetico segnasse sem- 
pre ed esattamente la linea meridiana, ignorandosi allora, e sino a Cristoforo 
Colombo, il fenomeno della declinatione. La corretione di essa non cominciò 
ad apparire che dopo 30 anni, ed in alcuni esemplari soltanto, negli orologi sud- 
detti ed in alcune Carte nautiche. 



Digitized by VjOOQIC 



108 

j presupposto prototipo cartografico, del quale però non può 

\. precisarsi Fepoca, si può dedurre che la declinazione era al- 

lora orieìitale, e di un valore compreso fra 6 ed 8 gradi. Ora 
appoggiandosi a questi dati, e supposto che la variazione tri- 
secolare abbia tenuto presso a poco lo stesso andamento nei 
secoli che precedettero il XVI, sembra potersi ritenere che 
la prima Carta marina fosse probabilmente della seconda metà 
del secolo XIL L'altro dato che può trarsi dai rilevamenti e 
dalle osservazioni del secolo XVI è che allora la declinazione 
magnetica in Italia era di nuovo orientale ed in diminuzione 
e che in media presentò in quel tempo un valore compreso fra 
7 e 10 gradi. 



^ 



Digitized by VjOOQIC 



10» 



II. 
PER AMERIGO VESPUCCI 



Una lettera di HENRY BARRISSE 



La Sezione Storica del Terzo Congresso Geografico Italiano 
nella sua adunanza del 16 Aprile 1898, udita la Comunica- 
zione del Prof. G. Uzielli: Amerigo Vespucci davanti la cri- 
tica storica emetteva unanime il voto « che per togliere le 
contradizioni le quali esistono fra le stampe e i manoscritti 
Vespucciani, prima di procedere oltre nella discussione circa 
l'autenticità dei viaggi, si pubblichino quei manoscritti Ve- 
spucciani, di cui si riconoscerà la necessità collazionandoli 
colle stampe ». 

Nella comunicazione anzidetta il Prof. Uzielli aveva spe- 
cialmente rilevato V importanza, che, per la storia dei viaggi 
del Vespucci, presenta il Codice Riccardiano 1910 autografo 
di Pietro Vaglienti, il quale contiene la lettera dei quattro 
primi viaggi di Amerigo e il testo delle lettere pubblicate 
dal Bandini, dal Bartolozzi e dal Baldelli, cioè tutte le let- 
tere geografiche del Vespucci finora note, meno quella tra- 
dotta in latino ed inserita nel Mundvs Novus, di cui la 
1.* edizione sarebbe, secondo molti, quella stampata a Parigi 
nel 1503-4 per cura di Giovanni Lambert. 

Contro Topinione del Varnhagen, il quale nella sua opera 
su Amerigo Vespucci credette di affermare la nessuna atten- 
dibilità di questi codici, e contro anche l'incuranza di altri 
biografi, il Prof. Uzielli, aveva già in sue precedenti pubbK- 
cazioni insistito nel dimostrarne T eccezionale valore, giacche 
Piero Vaglienti, commerciante fiorentino nato nella prima 



Digitized by VjOOQIC 



110 

metà del secolo XV, morto verso il 1614, e contemporaneo 
perciò del Vespucci, fu uomo che godette di molta stima e 
riputazione, onde è da escludersi affatto l'opinione che egli 
possa considerarsi quale un falsario. Più di qualsiasi altra 
stampa o scrittura, il codice sincrono, per quanto non auto- 
grafo del Vespucci, delle lettere Vespucciane, trascritte da 
persona stimata ed autorevole, deve servirci di base per raf- 
frontare fra loro i vari testi discordanti delle relazioni del 
grande navigatore fiorentino. « D'ora in avanti — affermava 
giustamente 1' Uzielli — ogni studio su Amerigo Vespucci 
dovrà ritenersi vano, finché non sia stampata la raccolta di 
tutte le relazioni dei suoi viaggi secondo i vari testi, pren- 
dendo come base fondamentale il codice Vaglienti, il Mundus 
Novus, edizione 1503-4 e il Nuovo Mondo di Vicenza, 1607, e 
ponendo in calce le varianti degli altri testi principali ». 

Vano è infatti il volere discutere intorno al valore dell'im- 
presa compiuta da Amerigo, ed al merito che gli compete 
nella scoperta del continente cui legò il proprio nome, finche 
tutti i documenti più autorevoli non siano posti in luce e 
studiati al lume di una serena critica, avvertendo che la mag- 
gior parte delle interminabili discussioni vertono sopra nomi 
e cifre che sono diverse nei vari testi. 

Quanto la pubblicazione di un documento possa valere a 
risolvere questioni controverse, basti a provarlo, per non uscire 
dal campo della questione Vespucciana, la pubblicazione della 
fede di battesimo del navigatore fiorentino, la quale mostrò 
in modo indiscutibile che Amerigo era il suo vero nome, onde 
venivano a crollare di un tratto tutte le fantastiche induzioni 
di coloro che sostenevano non trarre l'America il proprio 
nome da quello del Vespucci, che non si sarebbe mai chia- 
mato Amerigo ma sibbene Alberigo ecc. 

Col suo voto unanime la Sezione Storica del Congresso 
mostrò di condividere pienamente le considerazioni esposte 
dal Prof Uzielli. Ne il voto poteva rimanere inesaudito. 

H Comitato Permanente dei Congressi Geografici, cui spetta 
di curare che i voti emessi nelle diverse Sessioni abbiano 
esaudimento, si rivolgeva con lettera del 16 Luglio 1899 al 
Prof. Uzielli, pregandolo ad esporre in qual modo egli ripu- 



Digitized by VjOOQIC 



i;»-!"* "W "^ T-.f* I — »v - ■ ..T — I i Pj.^ijMl^>fif|ln,MLJ.ii ■' 



111 

tasse provvedere alla pubollbazione raccomandata. Rispose il 
Prof. TJzielli di aver già pronto il lavoro di trascrizione e di 
coUazionamento, potersi perciò procedere alla stampa tosto 
che i fondi necessari venissero assicurati. Confidare a tale 
uopo nel concorso del Governo, delle Società scientifiche, dei 
privati studiosi di ogni paese. 

A sollecitare il quale, lo stesso Prof. TJzielli curò altresì 
che si stampasse un primo foglio di saggio dell'opera, con- 
forme in tutto per quanto riguarda i tipi, la carta ed il for- 
mato allo splendido volume contenente la nuova edizione 
della Vita di Amerigo Vespucei del Bandini, curata ed anno- 
tata dallo stesso Prof. Uzielli ed edita a spese del Comune 
fiorentino per le onoranze centenarie del 1898. 

Tale saggio fu dal Prof. Uzielli inviato ai più distinti cul- 
tori della Storia della Geografia in Europa ed in America per 
richiederli del loro parere intomo alla proposta pubblicazione. 

Fra le molte lettere ricevute in proposito, e tutte plaudenti 
all' impresa divisata, ci è grato pubblicare frattanto la se- 
guente scritta dall' illustre storiografo Enrico Harrisse, cui 
le molteplici e dottissime opere consacrate alla storia della 
scoperta dell'America conferiscono sull'argomento un'autorità 
veramente superiore. 

La lettera dell' Harrisse non ha soltanto importanza per il 
giudizio favorevole pronunziato circa alla pubblicazione dei 
nuovi codici Vespucei ani, ma essa presenta altresì un valore 
peculiare per la critica illuminata di alcuni fatti riflettenti 
il periodo delle scoperte, valore che non sarà per sfuggire ai 
lettori della « Rivista ». 

Ciò posto ecco la lettera: 

Monsieur Gustavo Uzielli, à Florence. 

Démontrer ranthenticité des lettres d'Amerio Vespuoe relatant ses 
Yoyages au nouveau monde ; Pauthenticité établie, déterminer la date 
des qnatre ezpéditions; pnis, identifier les pays visités oa découverts, 
constitaent un des problèmes les plas ardus de la géographie his- 
torìqne. 

Pnisqne vous voulez bien m' interroger, je répondrai franchement 



Digitized by VjOOQIC 



112 

qn'à moD avis la qaestion ne pent étre résolue avec les docnments 
qu'on possedè aujourd^hui; du moina dans Pótat où ils ont été pu- 
bliés ou signalés. Mais un grand pas sera fait quand toutes les pièces, 
inédites et imprimées, se trouveront róunies en un corpus, colligées, 
comparóes, analysées, avec le soin scrupuleux, le savoir et l'impar- 
tialité que la critique moderne exìge. Tout eflFort dans cette voie 
morite Tapprobation du géographe et de Thistorien. Aussi ne fera- 
t-elle pas faute, j*en ai le ferme espoir, à la publication que vous 
annoncez dea écrits de Piero Vaglienti concernant Amerio Vespuce 
et ses voyages. 

A rinverse de Sébastien Cabot, qu*une étude consciencieuse des 
faits moDtre maintenant avoir joui pendant plus de troie siècles d'une 
considératioD absolument imméritée, comme navigateur, comme sa- 
vant, comme homme, Amerio Vespuce semble n'avoir rien à craindre 
des futures révólations de 1' histoire. 

Si j'en juge par les documents mis en lumière depuis qu'on s'efforce 
sérieusement d'élucider les annales des découvertes maritimes et la 
vie de ceux qui y participèrent au XV® siècle, de nouvelles fouilles 
dans les archives, suivies d'un recensement impartial de tous les 
faits connus, viendront confirmer Popinion favorable des juges éclairós 
sur le caractère róel du navigateur florentin. En effet, le premier 
résultat des recherches entreprises par MuRoz et Navarrete à Si- 
mancas, à Séville, à Madrid, fut la publication de la lettre par la- 
quelle Christophe Colomb, le 5 février 1504, recommande à son fils 
DiegOy Araéric Vespuce qui se rendait à la cour. e II eut toujours, 
dit le grand Génois, le désir de m'étre agréable. C'est un très hon- 
nète homme ; la fortune lui a été contraire, comme à beaucoup d'au- 
tres j ses travanx ne lui ont pas profìté autant que Téquité Texigeait: 
= El siempre tuvo deseo de me hacer piacer; es mucho hombre de 
hien ; la fortuna le ha sido contraria corno a otros muchos , sus ira- 
hajos no le kan aprovechado tanto corno la razon requiere. » Et n'ou- 
blions pas que Colomb parlait ainsi plusieurs annóes après l'epoque 
où, selon une odieuse legende, Vespuce, par des récits impri- 
més et rópandus partout, aurait cherché à lui ravir la gioire d'avoir 
découvert TAmérique ! 

C'est encore une étude approfondie des documents, comme celle 
doDt vous préparez en ce moment les moyens, qui permit à Hum- 
boldt de laver Vespuce de cette imputation. 

Il est temps qu'on cesse de répondre par des objurgations et des 
épithètes aux diflficultés que l'oeuvre imprimée du navigateur florentin 
soulève. Je ne croie pas que ce soit en qualifiant, par exemple, Vespuce 



Digitized by VjOOQIC 



pyrgpy^ -- ^jw p' 



113 

de « fonroissenr de viande de boucherie {heef contractor) » comme 
l'a fait nagaère l'éininent président de la Societé royale de Géogra- 
phie, de Londres, qu'on arriverà à prouver que les quattro viaggi 
80Dt un tissn d' impostares imaginées et propagées par Vespuce Iqì- 
méme. Peut ètre ]*auteur de cette qualification bìzarre et inatteudae 
se fat-ìl exprimé en d*autres termes, si un peu plus de soin avait 
été apporté dans Texamen des documents qui servent de base à ses 
conclusions. 

Aiosi, air Clements Markham prétend que lors du voyage de 
1497-99, Amóric Vespuce, loin d'étre occupé à explorer les còtes du 
nouveau monde, débitait fort prosaiquement à Séville du boeuf salé(lì. 
Le savant anglais va mème jusqu'à cìter des autorités à Pappui 
de sa singulière assertion, mais sans les comprendre. 

Comme curieux specimen d'érudition et d'esprit critique, ces pré- 
tendues preuves méritent d*étre examinées à cette place. 

Des documents publiés par Navarrete d'après les originaux con- 
servés aux Archives des Indes démontreraient, parait-il, que « Ve- 
spucci continued his business of provision merchant at least until 
May 149S: = que Vespuce continua à exercer son commerce de mar- 
chand de comestibles jusqu'au mois de mai 1498(2). 

Dono il n'était pas en Amériqne à cette epoque, et c'est un infame 
imposteur, un boucher, de Tavoir pretendu ! 

D'abord, il n'y a pas la moindre preuve qu'Améric Vespuce ait 
jamais été provision merchant^ à Séville ou ailleurs. Il fut chargé de 
la liquidation de la succession de Parmatenr Juanoto Berardi, dont 
il était le compatriote, l'ami et Fexécuteur testamentaire (3). 

Navarrete, ni d*après ses propres informations, ni « on the autho- 
riiy of Mufioz », ne dit un mot de ce que Mr. Markham lui attribue. 
Tout ce qu'on lit dans la Coleccion de documentos (t. iii. page 317), 
e' est que Vespuce continua à s'occuper de V armement de la flotte 
jasqu' à son appareillage de San Lucar ; e Siguió Vespucio dispo- 
niendo iodas las cosas hasta despachar la armada en Sanlucar >. 

Navarrete, se rapportant à deux mentions documentaires de dé- 
cembre 1495 et janvier 1496, cito à Tappui, un relevé fait par Mufioz 



(1) The Letters of Amerigo Vespucoi; Londres, Hakluyt Society, 1894, pa- 
get T et VI. 

(2) Op. eit., page 12. 

(3) « Amerigo Vetpuchi^ mi fator,..^ mi albacea, e especial amigo ». Acte du 
15 décembre 1495, dressé in aniculo mortis et publié par M*"* la duchesse d*Albe, 
Doeumentoi escogidos del Archivo de la Casa de Alba; Madrid, 1891, in-S**, 
page 202. 



Digitized by VjOOQIC 



114 

daDS le registro des Gastos de las armadas de las Indias, conserve 
autrefois à la Casa de Contratacion de Séville. La première mention 
est en ces termes : 

« Vespuche se encargó de tener la cuenia con los,»., Maestres... del 
fletè y sueido que hobiesen de haber, segun el asienio que el dicko 
Juanoto fizo con ellos y del mantenimiento, etc, = Vespuoe s*est chargé 
de régler les comptes avec les commandants de la flotte, aìnsi qne 
les gages qui peavent ètre dùs, aax termos des stipulations conven- 
nues, et les vivros, etc. ». 

Voici le texte de la seconde mention : « Para lo cual recibió.,., 
Amerigo de Pinelo 10 [000] mrs. en 12 de Enero de 1496: = A cet 
efiPet, Amerio a re9u de Pinelo 10,000 raaravédis le 12 janvior 1496 >. 

C'ost tout! 

Quant à la flotte dont il est ici quesiion, ce sont les douze navìres 
que Berardi s'était engagé à armer et à expédìer avant la fin de 
Fannée 1495. Le ròle de Vespuce s'est boruó à surveiller T équipe- 
ment ainsi que Tenvoi de cette escadre et do recevoir, le 12 janvier 
1496, des mains du trésorier ce que TÉtat devait de ce chef à la 
snccession de Juanoto Berardi. 

J*ai cru devoir entrer dans ces détails, non pas tant pour montrer 
le caractère superfìciel des commentaires de Mr. Markham sur Ame- 
rio Vespuce et citer un exemple du genre d'arguments employés dans 
cette controverse, que pour signaler deux faits de la plus haute im- 
portance par rapport à la questìon. 

Le premier fait, c*est que les agissements précités ne se conti- 
nuèrent pas « at least iintil May 1498 ». Ils s'arrètent au contraire 
entiérement plus de deux années auparavant, le 12 janvier 1496. 
Le second fait, c'est qu^aucun document connu ne laisse memo soup- 
9onner la présence d'Améric Vespuce en Espagne, voire en Europe, 
dans les trois ans qui suivirent. Conséfjiiemment, rien sur ce point 
n'empèche qu'il ait navigué sans interruption depuis mai 1497 jusqu'à 
octobre 1499, comme nous le lisons dans le récit de son premier 
voyage transatlantique. 

J'aurais encore beaucoup à dire sur ce sujet, mais le temps presse 
et mes propres travaux m'appellent dans un antro direction. Per- 
mottez moi d'espérer que vous continuerez vos rocberches et vos 
savantes publications. Donnez-nous un pendant au beau livre que 
vous avez consacré à Toscanelli. Nul ne Paccueillera avec plus de 



Digitized by VjOOQIC 



■ it,i«Lii'".i'iii(iMiin|i|!*5iPP*i.ii (i,.m'y"-r' ir "-""^ •^'•'fiii^v' 



115 



III. 

APPENDICE A UNA DISCUSSIONE 

SD l'unìficuìooe del calendario, il meridiano iniziale per le longitadini e Fora oniFersale 

del Doti. MICHELE SA.JVA 



{Continuazione e fine, vedi numero precedente) 



È ben certo che sarebbe nn errore Tattribuire alle risolazioni di 
Washington una portata di efficacia pratica che non ebbero e nem- 
meno potevano avere, dato il fatto che non vi furono in prevenzione 
vincoli impegnativi e obbligatorii. Ma non bisogna nemmeno cadere 
in nn altro errore, che è quello delle minoranze faziose, le quali 
ammettono la validità delle decisioni della maggioranza solamente 
quando fa comodo a loro. Non dissimile è il procedimento del 
P. Tondini rispetto alle risoluzioni della Conferenza di Washington. 

Per far poi la corte ai francesi, egli vorrebbe (pag. 16) che il 
voto della Francia fosse « pesato molto più che contato >. Ma una 
tal pretesa i delegati francesi a Washington si sono ben guardati 
dal metterla innanzi! E la deve ora metter fuori il P. Tondini, 
precisamente lui che accusa i suoi avversari italiani di essere < più 
inglesi che gli Inglesi? » (1). 



(1) Dice il P. Tondini (pag. 18 dell'opuscolo, in nota): « .... ben si compren- 
derà che Tessere trattati dalle altre nazioni come inferiori a Oreenwicb fsio') 
debta tornare ai francesi insoffribile.... » Ma chi è che tratta i francesi «; come 
inferiori a Greenwicb? » È un fare offesa alla Francia il constatare che dei quattro 
meridiani che sotto Taspetlo puramente scientifico si equivalevano come iniziali 
(Oreenwich, Parigi, Berlino e Washington), ragione d'indole pratica hanno fatto 
prevalere quello di Greenwicb f Ed è un'offesa per i francesi il pregarli di os- 
tervare che il meridiano di Greenwicb, per il quale si ha da moltissimi di loro 
un'antipatia tanto profonda quanto ingiustificata, é un meridiano piìi francese 
che inglese, per lunghezza di percorso, e che passa per uno dei principali porti 
della Francia, Le Havre, percorrendo tutta la Francia occidentale fino a Tarbesf 



Digitized by VjOOQIC 



116 

Del resto, le risoluzioni di Roma e di Washington circa Torà 
universale appartengono adesso alla storia antica. Data la sterilità 
di quei voti, dovuta ai profondi dissensi esistenti non solo fra na- 
zione e nazione, ma anche fra gli uomini competenti e aatorevoli di 
una stessa nazione (1), e dovuta soprattutto al grande successo che 
ha avuto da quel tempo in poi il movimento in favore di un'altra 
soluzione più comoda e più pratica, che è quella dei fusi orarli, 
credo che per un pezzo non si sentirà più a parlare dell'ora uni- 
versale, se non da qualche voce isolata, clamantis in deserto^ di quei 
tali che non si arrendono nemmeno all'evidenza. Peggio poi riguardo 
all' idea del meridiano di Gerusalemme, che da otto anni in qua si 
può ritener morta e sepolta. (2j. 



(1) Alludo ypricialinente alla Spagna. Il P. Tondini dà un gran peso a certe 
proposte fatte a Washington dai delegati spagnuoli, contro Torà universale re- 
golata sul meridiano di Greenwich. Ebbene, Tanno prima, a Roma, uno dei due 
delegati spagnuoli, il Generale Ibaùez, firmava come Presidente della Commis- 
sione permanente il già citato Rapporto del prof. Kirsch (che è sottoscritto anche 
da Oppolzer), e votava in favore dell'insieme delle risoluzioni proposte, che fu- 
rono adottate da 30 delegati, con una sola astensione (Vedi Rivista, voi. VI, 
pag. 474). I voti dei singoli delegati sui diversi articoli non risultano dai Pro- 
cessi verbali, ma è impossibile supporre che Ibaùez e l'altro delegato spagnuolo, 
il Colonnello Barraquer, abbiano votato discordi fra loro. 

Qualche cosa di simile si può ripetere per la Francia. Alla Conferenza di Roma 
la delegazione francese, composta degli astronomi Faye e Villarceau e dei geodeti 
Perrier e Bassot (insieme ai quali v'era, come invitato dalla Commissione per- 
manente, l'astronomo Loewy, direttore della Connaissance des Tcmps], prese 
parte molto attiva ed efficace alle discussioni, sostenendo delle idee che, dietro 
ciò, si sarebbero potute ritener prevalenti in Francia; ma poi tutti, eccetto il 
Loewy che si astenne, finirono per votare l'insieme delle risoluzioni « en réser- 
vant leurs opinions dissidente^ sur plusieurs points » {Comptes rendus della 
Conferenza di Roma, pag. 199, o pag. 45 AeW Estratto speciale). Anzi il signor 
Faye aveva proposto, senza fortuna, di semplificare l'articolo VI (quello con cui 
si raccomandava il mezzodì medio di Greenwich come origine dell'ora univer- 
sale e delle date cosmopolite), dicendo semplicemente: « l'heure de Greenwich 
est choisie pour heure universelle » [Ibidem, pag. 197-198, o pag. 43 dell'^- 
stratto). Abbiamo visto, invece, poco addietro quali idee radicalmente diverse 
abbia sostenuto, appena a un anno di distanza, il sig. Janssen a Washington. 

Bisogna dunque andar adagio prima di dire, in questioni come queste: «l'opi- 
nione della Spagna, della Francia, ecc. » Bisogna dire semplicemente: Topi- 
« nione del rappresentante (o dei rappresentanti) della Spagna, della Fran- 
cia, ecc., nella tal occasione. » 

(2) Nella prima pagina del suo opuscolo, in nota, il P. Tondini avverte mode- 
stamente che la proposta del meridiano di Gerusalemme non è sua, ma che fa 
fatta fino dal 1875 al Congresso geografico internazionale di Parigi dai signori 
Salomon, De Morsier e De Laharpe. E in un'altra sua pubblicazione, di cui il 
recente opuscolo è in parte una semplice rifrittura, il P. Tondini cita le se- 



llK^ 



Digitized by VjOOQIC 



117 



* 
* « 



Nella penaltìma mia risposta al P. Tondini (in data del 2 settem- 
bre 1899, Rivista, voi. VI, pag 640), ho già detto che con )a scelta 
di Greenwich per il meridiano iniziale non ha nulla a che fare la 
questione della maggiore o minor perfettibilità del Nauiical Almanac. 
Non è davvero il caso di riassumere qui quest'altra discussione, av- 



guenti parole dei suddetti proponenti: « II y a quelque lieu de s'étonner que 
ceux qui ont pris tant de soin et faits de ei grands travaux pour obtenir un 
calcul régulier du temps, n*aient pas porte leur attention sur la détermination 
scientifique du point de la surface terrestre à partir duquel on doit compier les 
jour», ces jours doni se composent les années et les siècles et, en definitive, no- 
tre chronologie elle-méme.... Les jours, les semaines, les mois, Tannée etc. doi- 
veni, par conséquent, commencer au méridien de Jérusalem, qui reclame ainsi 
le titre de premier méridien universellement accepté. » (Atti del Congresso 
geogr. internazionale di Berna, 1891; Annea^e XI; pag. 19 ^éiVEstratto conte- 
Dente il discorso del P. Tondini). 

Questo concetto è stato sviluppato più chiaramente in una Memoria del pro- 
fessor D. Santagata, intitolata: Il meridiano di Bologna in relazione con la 
doppia data sulla superficie del glòbo, e Vattitudine dell'Italia nella questione 
del meridiano iniziale (Memorie della Sezione di Scienze fisiche e matemati- 
che deirAccademia di Bologna, serie V, tomo li, pag. 143). Piti esplicitamente 
ancora fa chiarito quel concetto nell'interessante e dotto « Riepilogo dei lavori 
deirAccademia di Bologna circa il meridiano iniziale e Torà universale », 
fatto dal veramente illustre Presidente del T Accademia, il prof. F. P. Ruffini 
(Rendiconto delle Sessioni, anno 1889-90, pag. 164). Ecco che cosa vi si legge : 
« .... ricorderò essere stato e da noi e da altri avvertito che assumendo a me- 
ridiano zero il meridiano di Gerusalemme, si mette in armonia la misura delle 
longitudini in rispetto al tempo con la nostra cronologia, la quale conta i giorni 
e le ore dalla nascita del Nazareno avvenuta alla mezzanotte di Betlemme, cui 
si può benissimo sostituire la mezzanotte di Gerusalemme che ne differisce in 
tempo appena di qualche minuto secondo. » 

AlPemi Dente matematico che ha scritto queste righe e verso il quale nessuno 
mi supera nelKossequio e neirestimazione, io mi permetto di domandare se gli 
anni della nostra cronologia si contano forse a partire dal giorno di Natale, e 
»a quali dati storici, o anche semplicemente tradizionali, si può fissare Tepoca 
precisa della nascita di Gesii Cristo. Questo è un problema intorno al quale 
hanno lavorato molti eruditi, senza venirne a capo in una maniera del tutto 
sodisfacente. Si sa soltanto che la nascita di Gesù Cristo h anteriore di alcuni 
anni alFepoca in cui la suppose Dionisio il piccolo (quegli che nel 525 cominciò 
a numerare gli ^nuì ab Inoamat ione Domini nostri Jesu Christi); ma la con- 
clusione a cui arrivò Ideler e piii tardi Zumpt, cioè che Terrore sia stato di 
6 anni, non è di quelle che Fautore stesso presenta come stabilite con una si- 
curfxza assoluta. 

Ritornando poi alle parole dei sigg. Salomon e soci, e lasciando stare l'ine- 
sattezza deirespressione « contare i giorni a partire da un punto della superficie 
terrestre », osservo che « ceuz qui ont pris tant de soin et fait de si grands 



Digitized by VjOOQIC 



118 

venuta una decina d'anni fa in Inghilterra (1). Osservo solamente 
che essa basta al P. Tondini per fargli credere che le critiche ri- 
volte al Nautical Almanac dipendessero specialmente da mancanze 
nei dati necessarii per la navigazione. Ma anche qni il P. Tondini 
si sbaglia. 

Il Generale Tennant, astronomo e geodeta, considerava le cose 
principalmente dal punto di vista astronomico, ed alcuni de' suoi 
desiderata si riferivano unicamente a un diverso ordinamento nella 
materia dell'effemeride (2). Quanto agli scopi speciali della Geogra- 
fia e della Nautica (cioè quanto alla determinazione delle posizioni 
geografiche ed ai problemi di orientamento), il Tennant dichiarava 
desiderabile in Inghilterra una pubblicazione ufficiale che fosse nn^edi- 
zione ridotta del Nautical AlmanaCj omesso tutto quello che è inutile 
per i viaggiatori. Egli citava come modello il Nautisches Jahrhuch 



travaux pour obtenir un calcul régulier du temps » non potevano mutare le con- 
dizioni di tatto che si son mantenute per secoli sulla faccia del globo e tuttora 
vi si mantengono. Quando si parla di ore nella cronologia delTantichità e del 
medio evo, si tratta generalmente delle ore tevnporarie o ineguali, conservate 
ancora oggi dagli Arabi (Riihl, Chronologie dea MittelaXters und der Neuzeit, 
Berlino, 1897, pag. 215). Nei tempi moderni si tratta di ore del tempo vero lo- 
cale, contate secondo i tempi e i luoghi da diverse origini (mezzanotte o mez- 
zodì, levare o tramonto del Sole). Più tardi ancora, cio^ nel nostro secolo (e in 
Italia solo dopo il 1851), si tratta di ore del tempo medio locale, o regionale, o 
nazionale, oda ultimo internazionale. Vasto campo d*erudizione percorso con mano 
maestra da Gustavo Bilfinger {Die mittelalterlichen Horen und die modernen 
Stunderiy Stuttgart, 1892; dove nella prefazione Fautore ìndica gli altri suoi la- 
vori pubblicati). 

(1) La discussione fu aperta dal Generale Tennant neir Ohservatory, voi. XI 
(1888), pag. 120. Egli poi la riprese due anni dopo, mentre era Presidente della 
Royal Astronomical Society; vedi Monthly Noticesy voi. L (1889-90), pag. 349-357. 

(2) Dice il P. Tondini (a pag. 19) che il Tennant, nella sua Nota delle Mon- 
thly Notices, confessava francamente che il Nautical Almanac « era alquanto 
addietro al suo tempo (is (so) little hehind the times) »; — il corsivo e la doppia 
parentesi sono del P. Tondini — . Ora queste parole, messe lì così staccate, fanno 
un effetto ben diverso dal senso inteso dalTautore. Questi, dopo aver detto non 
esser possibile che l'esperienza di uno o due « officiala in London » (i direttori 
del Nautical Almanac) possa sodisfare le esigenze di tutti coloro che usano 
quell'effemeride, aggiungeva: « Non intendo dire, adunque, che quelli che hanno 
avuto la direzione della nostra effemeride non siano riusciti perfettamente in un 
compito impossibile; difatti. Tessere il Nautical Almanac, dopo circa 60 anni 
di condotta non controllata, così poco addietro al suo tempo (so little behind 
the times) y h la miglior testimonianza della cura che gli fu dedicata (t> the 
beat testimony to the care wìch has been given to it) ». Questo è un nuovo 
esempio, da mettersi insieme con quello che ho già dato nel voi. VI della Ri- 
vista^ a pag. 460, della disinvoltura con cui il P. Tondini fa le citazioni. 



k. 



Digitized by VjOOQIC 



mim^l^^ ■ -■ 1. Mf ■ fi, j i ^ i ^i f I p wi n i jja|u^ti 



119 

di Berlino, del quale diceva che tolte piccole eccezioni, contiene 
tatto qaello che può abbisognare a un geodeta, o ad un viaggiatore 
di terra o di mare. Ebbene, il Nautisches Jahrbuch è un volume di 
poco più che 200 pagine, di formato un pò* minore che il Nautical 
Almanac; mentre quest'ultimo passa le 600 pagine! 

Fra le critiche del Tennant vi era questa, che la lista delle stelle 
fisse nel Nautical Almanac era scarsa. Egli diceva che avrebbe do- 
vuto esser aumentata di molto, e citava come modello il Beriiner 
Jahrbuch, che dà le posizioni medie di 622 stelle (con effemeridi 
per 450 di esse) e la Connaissance dea Temps, che dà le posizioni 
medie e apparenti di 382 stelle (1). Ma i desiderii espressi dal Ten- 
nant furono sodisfatti, almeno in parte. La lista delle stelle nel 
Nautical Almanac è cresciuta da 229 a 350 nel volume del 1897 
(pubblicato alla fine del 1893), e successivamente fu portata a 456 
nei volumi 1898 e 1899, e da ultimo a 460 nei volumi 1900, 1901 
e 1902 (pubblicato quest'ultimo alla fine del 1898). Dunque, dal vo- 
lume del 1898 in poi, le effemeridi stellari sono più ricche nel 
Nautical Almanac che nella Connaissance des Temps, Non avrebbe 
dovuto badare a questo, prima di scrivere, il P. Tondini? 

Con quei miglioramenti del Nautical Almanac si ò inteso di so- 
disfar sempre meglio alle esigenze deirAstronomia e della Geodesia 
astronomica, ma non si è creduto di certo di provvedere a bisogni 
della Nautica. Per questi bisogni la lista di 229 stelle principali 
contenuta nei volumi anteriori al 1897 era più che esuberante. Il 
Nautisches Jahrbuch, indicato a modello dal Generale Tennant, ne 
contiene 75 (se non le hanno aumentate, cosa improbabile, in questi 
ultimi anni); e appena quarantuna ne contiene qneWÉxtrait della 
Connaissance des Temps che il Bureau des Longitudes pubblica an- 
nualmente « à l'usage des Écoles d'Hydrographie et des Marins dn 
Commerce », e che quanto a volume è appena un' ottava parte della 
Connaissance, Si noti che di queste 41 stelle, che sono le principalis- 
sime nei due emisferi, nessuna mancava nel Nautical Almanac degli 
anni avanti al 1897: sono stelle di 1.^ e di 2.^^ grandezza, cioè le 
sole praticamente osservabili in mare. 

Ma il P. Tondini ignora tutte queste cose. Egli legge superficial- 
mente — senza capirne abbastanza la portata — le critiche del 
Generale Tennant, e s'immagina non solo che duri tuttora quella 



(1) Veramente il Tennant diceva 350 invece di 382, perchè non considerava le 
stalle circumpolari le quali, per entrambi i poli, sono date in numero di 22 nei 
volumi della Connaissance des Temps posteriori al 1892. 



Digitized by VjOOQIC 



120 

relativa scarsità di stelle notata nel Nautical Almanac, ma che ab- 
biano a nascerne gravi pericoli per la navigazione. Detto fatto, 
brandisce la penna e scrive il seguente squarcio, che mi astengo 
dal qualificare, ricordandomi a tempo che egli ha ringraziato la Per- 
severanza del tono con cui da essa (ossia da me) la polemica era 
stata condotta: 

« Se il sig. Tennani domandava che venisse 2i\imeniaiia nei Nautical Almanac 
« ta lista delle sielle con le relative effemeridi, se domandava che lo fosse gran- 

• demente {greatly), egli non lo faceva cenaroente per la platonica sodisfaziooe 
« di sapere in che plaga del cielo si trovasse nella (ale ora la tale stella, bensì 
« indottovi da un motivo di umanità, perchè un'indicazione di più o di meno, 
« nelle elfemeridi nautiche, può in certi casi decidere il naufragio o la salvezza 

• di una nave. 

« Il caso non è troppo raro in cui, a causa di tempeste o di nebbie troppo 
« prolungate, un capitano ha smarrito, malgrado la bussola, ogni nozione del 
m punto in cui si trova, né più sa dove la violenza del vento e dei flutti ha tra- 
« ^portato e 8|)inge la nave. Eccoti a un tratto, nel bujo della notte, una lieve 
« squarciatura nelle nubi gli discopre un gruppo di stelle fra le quali ravvisa 
« una a lui ben nota, ma di cui nulla si trova nel Navtical Almanac. Per buona 

• sorte v'è a bordo la Connaissance des Temps che ne dà le coordinate e da 
m cui rileva che alla tale oca dello scorso giorno quella stella trovavasi al roe- 
« ridiano di Parifii. Un rapido colpo d'occhio dice al capitano di quanti gradi 
« essa sia discosta verso E. o W. dal meridiano della nave; ' ol sussidio del 
« cronometro egli conosce immediatamente la propria longitudine; con un facile 

• calcolo deduce dairaltezzH della stella la latitudine; }:u;irda la carta e constata 
« con raccapriccio ch'era spinto contro una vicina costa irta di scogli. Eccolo 

• salvato, e con lui tutto l'equipnggio, grazie a quell'indicazione che avrebbe 

• invano ceicato nel Nautical Almanac » {!). 

Con questa bella pagina il P. Tondini dimostra che anche in fatto 
d'Astronomia nautica egli ha delle idee tutte sue particolari. In 
mare si preferisce sempre, appena sia possibile, ricorrere al Sole 
(determinazione del tempo locale e calcolo della longitudine al mat- 
tino o alla sera, e determinazione della latitudine con Taltezza me- 
ridiana del Sole). In mare le stelle si osservano di rado, cioè sola- 
mente nei casi dì necessità, perchè le loro altezze si posson prendere 
quasi unicamente nei crepuscoli, quando esse sono visibili e insieme 
è visibile nettamente la linea dell* orizzonte. Di notte questa linea 
è troppo poco visibile, a meno che non ci sia un bel chiaro di Lana. 
Per questa ragione, e per le piccole dimensioni dei cannocchiali dei 
sestanti (in cui l'ingrandimento non è di solito superiore a 7 volte), 
in mare non si può osservare che stelle grosse. Ora di queste ce 
n'era d'avanzo, come s*è visto, anche nella vecchia lista del Nautical 
Almanac 



(1) Opuscolo del P. Tondini, pag. 19 20-21. 



Digitized by VjOOQIC 



121 

Ma andiamo avanti. Nel caso attuale Tosaervazione di un astro 
consiste necessariamente nella misura della sua altezza sull'orizzonte, 
operazione che in mare non si può far altrimenti che col sestante, 
con un altro strumento a riflessione. Ma invece, a sentire il P. Ton- 
dini, « un rapido colpo d'occhio dice al capitano di quanti gradi la 
stella sia discosta, verso E. o verso W., dal meridiano della nave. > 
Non è una cosa grottesca questa misura degli angoli a colpo d'oc- 
chio? E che cosa intende di misurare, in questo bel modo, il P. Ton- 
dini ? L'azimut, o l'angolo orario, o l'arco di circolo massimo perpen- 
dicolare al meridiano? E da che cosa è poi indicata a colpo d'occhio, 
in alto mare, la direzione del meridiano della nave? E l'altezza 
extra-fneridiana della stella, dalla quale e con un facile calcolo > si 
deduce la latitudine, come la ottiene il P. Tondini? La misura an- 
che quella a colpo d'occhio? Smarrita ogni nozione del punto in cui 
la nave si trova, uno sguardo gettato in cielo sopra una stella 
che appare fra le nubi nel bujo della notte e di cui son date ascen- 
sione retta e declinazione nella Connaissance dea Tentps^ basterebbe 
per dedurne la longitudine e la latitudine della nave! La navigazione 
astronomica a colpo d' occhio ^ senza strumenti per misure angolari, 
ecco un'altra bella trovata del P. Tondini (1). 

Nel 1883 il prof. Hirsch citava il fatto che oltre all'Inghilterra 
(la coi marineria, tra militare e mercantile, supera d'importanza l'in- 
sieme di tutte le altre), molte altre marine, tra cui quelle importanti 
degli Stati Uniti, della Germania, dell'Italia e dell* Austria, fanno 
uso anch'esse del meridiano di Greenwich per la loro navigazione, 
e diceva potersi affermare che il 90**,o elei navigatori di lungo corso 
calcolano le loro longitudini rispetto al meridiano di Green wich (Rap- 
porto citato, pag 15-16 deìV Estratto). Leviamo pur via la marina 
degli Stati Uniti, che si regola sul meridiano di Greenwich, ma che 
impiega V American JEphemeris and Nautical Almanac: resta sempre 
una gran maggioranza di navigatori che usano il Nautical Almanac 



(l) Qualcbeduno potrebbe supporre, con molta buona volontà di stiracchiare, 
che il P. Tondini abbia voluto intendere un rilevamento delFastro alla bussola. 
A ogni molo si sarebbe espresso molto male. Ma d'altra parie è ben vero che 
U misura dell'azimut di un astro (di not** coordinale) equivale teoricamente alla 
misura d^^U'altezca; ma a nessuno può venir in mente di voler sostituire la bus- 
sola al sestante, cioè di voler sostituire i rilevamenti azimutali alle misura d'al- 
tezza, con una perdita marcatissima di precisione. Ma dato anche (e non con- 
cesso) che un rilevamento azimutale alla bussola potesse supplire una misura 
d'iltezza col sestante, che co.sa se ne ricaverebbe? Nient* altro che una indica- 
zione sulla possibile posizione della nave. Si sa bene qual partito si cava, nel 
metodo di Sumner, dalla misura di una sola altezza. 



Digitized by VjOOQIC 



M 



122 

inglese, oppure effemeridi minori derivate da questo, come sono il 
Nautisches Jahrbuch di Berlino e le Effemeridi astronomico-nautiche 
di Trieste. Questi sono volumi più piccoli, più maneg/2;evoli, desti- 
nati unicamente ai navigatori: sono, in sostanza, il Nautical Alma- 
nac adattato agli usi speciali delle diverse marinerie, e spogliato 
delle parti che interessano puramente gli astronomi. Nella stessa 
American Epkemeris vi è una sezione speciale calcolata per il me- 
ridiano di Greenwich, appunto per i bisogni della navigazione, e 
questa sezione, che è propriamente Valmanacco nautico^ non contiene 
niente di più di quel che c'è, insieme a molte altre cose, nell*eflFe- 
meride inglese. Orbene, tutti quei navigatori di lungo corso (il 90 */o 
del totale) non si sono mai accorti di aver sempre arrischiato la 
vita e i beni, prima del 1898, perchè usavano il Nautical Almanac 
inglese o i suoi equivalenti. Che peccato che essi, insieme coi di- 
rettori e calcolatori di quelle effemeridi, non abbiano potuto andar 
a scuola di navigazione astronomica dal P. Tondini! 

IN 
4: ♦ 

La già citata Nota del Generale Tennant sui perfezionamenti da 
introdursi nel Nautical Almanac chiudeva con queste parole: < Una 
nazione che ha navi in tutti i mari e le cui colonie abbracciano il 
globo, non dovrebbe contentarsi di restar indietro, ma dovrebbe es- 
sere fra le prime nel fornire facilitazioni ai disseminati suoi astro- 
nomi, marinai e geografi ». Secondo il P. Tondini (pag. 34 dell*opu- 
scolo, in nota), la modestia di queste parole fa strano contrasto con 
ciò che si stampa sul € primato scientifico che Greenwich avrebbe 
procurato all'Inghilterra ». Il dire che Greenw^ich ha procurato al- 
l'Inghilterra il primato scientifico è di certo un'esagerazione: ma 
sarebbe bene sapere se e da chi questa frase sia stata detta real- 
mente. Il dire invece, come ha detto Otto Struve, che € l'Osserva- 
torio di Greenwich si è acquistato tali titoli di merito per la geo- 
grafìa e la nautica, come nessun altro Istituto ne può esibire anche 
solo in via approssimativa », è semplicemnte dire una verità che 
acquista maggior peso dal fatto che non sono gli Inglesi che la di- 
cono (l). 

Vogliamo sentire in proposito qualche altra autorità non inglese? 
Eccone qua una non sospetta di sicuro. L'eminente geografo fran- 
cese Vivien de St. Martin, nel suo grande Nouveau Dictionnaire de 



(1) Vedi la citazione completa a pag. 480, voi. VI, della Rivista. 



Digitized by VjOOQIC 



123 

Oéographie moderne, all'art. Green wich (voi. Il, Parigi, Hachet- 
te, 1884), si esprime cosi: 

« Sur la colline berbeuse qui domine TEcoie navale, audessus d'un beau jardin 
dessiné par Le Nóire, un édifice peu élevé, fonde en 1676, rap|>elle aussi (cioè 
oltre airAccademia navale, col suo museo consacrato alle glorie della nazione) 
la gioire de TAngleterre et Tune dea plus nobles, car c'est là qu'ont vécu les 
astronomes Flamsteed, Hallej, Bradley, Maskeijne, là qu*a été prt^paré le Nau^ 
tieal Almanac^ ie document le plus précieux pour la connaissance des temps, et 
que se poursuivent encore les étudea les plus approfondies sur les pbénomèoes 
dea cieux ». 

E un altro straniero, il dott. Galle (deiristituto geodetico eli 
Potsdam), accennando alle esigenze moderne in fatto di collocazione 
e di isolamento degli Osservatorii astronomici, scriveva recentemente: 
« H primo Osservatorio che abbia sodisfatto alle vedute odierne 
circa una posizione favorevole, è stato l'Osservatorio di Qreenwich, 
fondato nel 1676. » (1). 

A pag. 26 del sno opuscolo il P. Tondini vuol far dello spinto, 
senza riuscirci, contro certe osservazioni che fece alla Conferenza di 
"Washington il sig. Rutherfurd, delegato degli Stati Uniti (2). Que- 
sti faceva notare che l'Osservatorio di Parigi è situato al centro di 
una gran città, che secondo alcuni astronomi francesi non avrebbe 
dovuto rimanervi, che era soggetto alle trepidazioni del suolo e cir- 
condato da un'atmosfera impura, ostacolo alla pienezza della sna uti- 
lità; e poi aggiungeva: « Greenwich è nel centro d'un gran parco, 
posto sotto il controllo del Governo >. Qui il P. Tondini esclama: 
« Povero controllo del Governo inglese, a cui si attribuisce anche 
rimpero sull'atmosfera ! » 

Ma da che cosa risulta che il Rutherfurd abbia inteso di attribuire 
al Governo inglese l'impero suiratmosfera? Egli, secondo la più ma- 
nifesta verosimiglianza, intendeva dire che l'Osservatorio di Green- 
wich, essendo circondato da un gran parco che è sotto il controllo 
del Governo, è al sicuro dall'eventualità di costruzioni di nuovi quar- 
tieri, di aperture di nuove strade, di impianti di nuove industrie nei 
dintorni dell'Osservatorio. Cosa c'entra l'impero sull'atmosfera? E 



(1) Vedi Himmel und £rd^, rivista mentile pubblicata a Berlino dalla Soci«'tà 
« Urania », U. Paetel editore; voi. XII, annata 1899-1900, pag. 89. 

(2) Lewis Morria Rutherfurd, di Nuova York, fu uno d^i princiitali promotori 
della fotografia astronomica e della spettroscopia stellare. Nel 1864 costruì il primo 

elescopio acromatico per i raggi chimici (Con l'apertura di 11 pollici := 28 cm.). 



Digitized by VjOOQIC 



d 



124 

che cosa autorizza il P. Tondini a voler far credere che uno scien- 
ziato di valore, rappresentante gli Stati Uniti nella Conferenza di 
Washington, abbia inteso dire una cosa tanto priva di senso co- 
mune? A questo modo, cioè attribuendo agli avversari delle espres- 
sioni sciocche che essi non hanno mai proferito, si fa presto ad aver 
ragione! (1) 

Nel Rapporto del sig. Christie, Astronomo Reale, sui lavori del- 
rOsservatorio di Greenwich durante Tanno 1888, è detto che in se- 
guito alla proposta di una nuova linea ferroviaria sotterranea, furono 
fatte delle esperienze sui disturbi recati al Circolo meridiano dal- 
l'esercizio delle ferrovie esistenti. Un osservatore notava i tempi di 
tutte le perturbazioni che avvenivano nell'immagine dei fili visti per 
riflessione nel bagno a mercurio, mentre altri osservatori sui treni 
o nelle stazioni notavano la posizione e i movimenti di tatti i treni, 
per quanto era possibile. Comparando le due liste di osservazioni, 
affatto indipendenti fra loro, risultò che dei tremiti (tremors) erano 
cagionati dai treni alla distanza di almeno un miglio inglese (1^09 
metri), che a distanze minori il turbamento dell'immagine riflessa 
diventava cosi grande da renderla invisibile, e che il disturbo cre- 
sceva al passaggio dei treni attraverso a gallerie (2). 

2,\:1 riportare rjueste parole del direttore dell'Osservatorio di Green- 
wich, il P. Tondini osserva che « quasi non bastassero, a combat- 
tere la visibilità del Sole al meridiano, la nebbia e la fuliggine (3), 
eccoti venir loro in aiuto le stesse ferrovie » (pag. 26 delPopuscolo}. 
Come sia possibile che dei tremiti del suolo, prodotti dal raoviinento 



(1) Durante la correzione delle bozze ho potuto verificare esser incompleta la 
citazione fatta dal P. Tondini, delle parole del sig. Rutberfurd. 11 quale disse 
Così: « Greenwich est situé au centre d*un gran pare place sous le contròie du 
Goveurnement. d'oii il résulte oue rien de nuisible n'en peut approcher sans son 
consentenaent » (Processi verbali della Conferenza di Washington, edizione 
francese, pag. 42). Come si vede, la mia interpretazione (affatto ovvia) è la giu- 
sta, e non c'entra per niente « T impero sull'atmosfera ». 

(2) Monthly Notices della Reale Società Astronomica, voi. XLIX. 1888-1889, 
pag. 175. 

(3) Secondo il P. Tondini (pag. 24), la fuliggine a Londra « imbianca le ca- 
micie ed i colli ». La fuliggine che imbianca! Che miracolo è questo? Ma 



Google 



Digitized by V^OOQ 



»-^»ILi 



126 

dei treni, possano « combattere la visibilità del Sole al meridiano >, 
lo sa appena il P. Tondini. L'influenza nociva dei tremiti del suolo 
si manifesta specialmente nella misura delle distanze zenitali, quando 
si stabilisce la posizione del nadir mediante Tosservazione dei Ali 
riflessi nel bagno a mercurio: ma sarebbe ridicolo il credere che per 
causa dei tremiti del suolo risulti male determinata a Greenwich la 
correzione deirorologio. Il lettore sa che questa correzione si deter- 
mina a Greenwich con passaggi di stelle e non coi passaggi del 
Sole: d'altra parte è ovvia la riflessione che nemmeno nei dintorni 
di Greenwich i treni non si succederanno poi incessantemente, di 
minuto in minuto, giorno e notte (l). 

Alle parole del sig. Christie il P. Tondini fa seguire questa rifles- 
sione: < Non trapela forse chiaramente da queste sole righe il pro- 
getto di trasferire altrove TOsservatorio nazionale inglese? > Ma nos- 
signore, non c'è niente che trapela! Questa è anch'essa una gra- 
tuita supposizione del P. Tondini. Che si sappia, non si è mai 
trattato seriamente in Inghilterra di rimovere l'Osservatorio da Green- 
wich, e nessuna traccia v'è d'una simile idea nei Rapporti dell'Astro- 
nomo Heale pubblicati nelle Monthìy Notices dal 1889 fino al presente. 
Anzi, le nuove e importanti costruzioni che sono state fatte a 
Greenwich in questi ultimi anni, per metter a posto nuovi e grandi 
strumenti, indicano chiaramente che non si pensa affatto a un tra- 
sferimento dell'Osservatorio (2). 



(ì) Nessuno si h mai sognato di dire che airOsservatorio di Parigi si deter- 
mina male il tempo, eppure a Paripri. quanto a tremiti del suolo, si sta molto 
pestio che a Greenwich. « l/observation du nadir a toujours ètè considérée 
comme à. peu prfea impraticable à TObservatoire de Paris, à cause des trèpida- 
tiona du sol produites par le passpfre dea voitures dans les rues voisines. et 
i'on a depui» bien loni.'temp8 cherché, snns y reussir, le moyen d'obvier à ce 
très prave inconvénient. à l'aide de diverses modifications du bain de mercure. 
M. Gauiier, le irés habile artiste de TObservatoire, vient de résoudre complfele- 
ment ce problème de la manière la plus simple et la plus pratique ». Così scri- 
veva nel 1885 l'ammiraglio Mouchez, direttore dell'Osservatorio di Parigi, in 
un articolo intitolato: Nouvelle disposition du bain de mercure, en vue d'attf'- 
nuer Veffet drs trf'pidations du sol {Bulletin astronomìque, voi. II, pag. 549). 
I/invenzione del %w. Oautier fu riconosciuta ottima anche all'Osservatorio di 
Melbourne (Ibidem, voi. Ili, 1886. pag. 377). Cred»» forse il P. Tondini che a 
Greenwich, «e avevano bisogno di cambiare il bagno a mercurio, non avrebbero 
trovato i denari per acquistarne uno del modello Gautier? 



Digitized by VjOOQIC 



126 



»** 



Riguardo alle garanzie di una stabile conservazione del pnnto pre- 
ciso che definisce il meridiano di Greenwich, non si dia pensiero il 
P. Tondini. La questione è già stata trattata fino dal 1883, alla Con- 
ferenza geodetica internazionale di Roma. Quando venne in discas- 



cause d'errore « les réfractions irrégulières qui doivent se ppoduire dans un 
Observatoire au midi d'une grande ville, dont les feux peavent raréfier diverse- 
ment Fair par oìi passent les rajons des étoiles septentrionales. » {Bulletin 
astronomtque, voi. X, 1893, pacr. 150). Questa è una delle ragioni per le quali 
81 dovette pensare nel nostro secolo a un trasferimento. Appartiene alla storia 
abbasranza recente (di poco più che 30 anni fa) la lotta fra Leverrier e Villar- 
ceau, a tale proposito (Ibidem^ pag. 163). Secondo poi lo stesso BuUettn, voi. I, 
pag. Ili, Tammiraglio Mouchez presentava nel 1884 al Consiglio dell'Osservato- 
rio una memoria « snr la nécessité urgente d'établir les princìpaux services 
actifs de TObservatoire dans une succursale hors de Paris, conformément aux 
voeux de tous les astronomes depuis trente ou quarante ans et au vote de la 
Gommission académique et de l'Acadéraie en 1869. Depuis lors, en effet, les in- 
convénients signalés n'ont fait que s'accroitre cbaque année par la construction 
de tout un nouveau quartier autour de l'Observatoire et par Timpossibilité où 
nous nous trouvons aujourd'hui d'obtenir de TÈtat les fonds nécessaires, soit 
pour mettre au niveau des progrès modernes de la Science tous nos anciens in- 
struments, soit pour nous procurer ceux qui nous manquent et terminer notre 
grande lunette, soit enfin pour empécher la construction de nouvelles maisons 
trop près dans le sud de l'Observatoire. Le terrain Arago, acheté à la Ville il 
y a quatre ans, s'est trouvé telleraent mine par les catacombes, qu'il serait 
impossible d' y établir la grande coupole de Téquatorial de m. 0,74 sans des 
travaux de consolidation dispendieux.... Tous les grands Observatoires étran- 
gers. qui ont passe par des difficultés à peu prés semblables, ont reconnu et 
subi la nécessité d'émigrer hors des villes. L'Observatoire de Paris seul 
reste dans son ancienne situation, qui le place dans un état d' infèriorité 
relative très regrettable. » Chi scriveva queste parole cosi coraggiose era 
il direttore dell'Osservatorio di Parigi. Egli aveva studiato il problema da tutti 
i lati, anche da quello finanziario, e con la vendita dei due terzi dei « jardins 
et terrains vagues en contre-bas qui entourent l'Observatoire sans autre utilité 
que de le maintenir d:ins un cértain isolement des maisons voisines » faceva 
conto di procurarsi 2 milioni e mezzo o 3 milioni, da consacrarsi al nuovo Os- 
servatorio da erif^ers' < sur un des domaines de l'Etat des environs de Paris » 
L'ammiraglio Mouchez conchiudeva ritenendo prossima « l'adoption de ce tran- 
sfert, depuis longtemps sollicitee par tous les astronomes, qui a dejà recu la 
sanction de l'Académie et qui doterà la France d'un Observatoire coroplet et 
puissamment organisé. » Come poi quel progetto non abbia avuto seguito, non h 
qui il caso di voler riferire: ho già deviato abbastanza dal mio argomento. Piut- 
tosto farò notare che la costruzione di nuovi quartieri attorno all'Osservatorio 



Google 



Digitized by V^OOQ 



127 

sione la Risoluzione III, che raccomandava come meridiano iniziale 
per le longitadini qaello di Oreenwich, definito dal panto di mezzo 
tra i pilastri del Circolo meridiano, il compianto Helmholtz domandò 
quali garanzie si sarebbero avute per la conservazione indefinita e 
precisa del meridiano di Greenwich; egli faceva notare che gli stru- 
menti astronomici e i loro impianti non durano eternamente e che 
col tempo si operano dei cambiamenti negli Osservatori!. Rispose il 
sig. Christie dicendo che a Greenwich, come probabilmente in tutti 
gli altri Osservatorii, quando si cambia qualche cosa nell'impianto 
di un istrumento, si prendono le cure più minuziose per fissare, me- 
diante dei capisaldi, l'antica posizione dell'istrumento, e che per con- 
seguenza non c'era nulla da temere da questo lato. 

Il prof. Hirsch aggiunse che TOsservatorio di Oreenwich essendo 
collegHto geodeticamente alla rete di 1.^ ordine, e soprattutto essendo 
collegato astronomicamente, per mezzo di determinazioni telegrafiche 
di longitudine, a numerosi altri Osservatorii, la collina di Greenwich 
potrebbe anche venir distrutta da un terremoto, senza che il meridiano 
fondamentale fosse compromesso o reso incerto. Qui obiettò il Co- 
lonnello Perrier (uno dei delegati francesi), che il collegamento geo- 
detico tra l'Inghilterra e la Francia riposava necessariamente su 
pochi triangoli e che quindi r08>ervatorio di Greenwich era geode- 
ticamente meno ben determinato che altri punti. Tuttavia lo stesso 
Perrier soggiungeva che questo non era per lui il principal motivo 
contro la scelta proposta. Egli, che aveva sostenuto i vantaggi di 
un meridiano oceanico, propose Temendamento che si scegliesse il 
meridiano situato a 18' a occidente di Greenwich. Questa proposta, 
che avrebbe introdotto il meridiano di Greenwich nascondendone il 
nome, fu respinta da 18 voti contro 4, specialmente in seguito alle 
ragioni esposte dal prof Foerster, il quale conchiuse il suo discorso 
dicendo che il Rapporto e la discussione avevano esuberantemente 
stabilito che il meridiano di Greenwich sodisfaceva nel modo migliore 
a tutte le esigenze della scienza e alle considerazioni pratiche. E 
l'articolo III fu approvato da 18 voti contro 5 (1). 

A questo proposito credo istructivo di riportare qui qualche brano 
del Rapporto del prof. Hirsch, che ho citato tante volte: 

« Bisogna confessar francamente che dal punto di vista puramente scientifico 
e di principio, la scelta del meridiano iniziale è arbitraria e indifferente, a patto 
che, da una parte, esso sia definito in una maniera abbastanza precisa e con le 



Digitized by VjOOQIC 



128 

necessarie garanzìe d*invariabiIitA, e d'altra parte, che sia situato in modo da 
offrire tuUe le facilità volute per le determinazioni delle differenze di longitudine, 
sia con le linee telegrafiche terrestri e sottomarine, sia col trasporto dei crono- 
metri. )» 

« Quanto alla prima condizione, h evidente che il meridiano iniziale deve es- 
ser determinato da un Osservatorio astronomico di primo ordine; giacché, anche 
per i bisogni pratici della navigazione moderna, si domanda un'esattezza di ud 
mezzo minuto d'arco o di 2 secondi in tempo, corrispondenti sotto l'equatore a 
circa 1 km., e le scienze geodetiche e astronomiche esigono e permettono di rag- 
giungere una precisione di alcuni centesimi di secondo (d*arco), corrispondenti 
a una decina di metri (1). Non è dunque più permesso di voler fissare il meri- 
diano iniziale per mezzo di un'isola, o di uno stretto che esso traverserebbe, e 
nepimre per mezzo di una cima di montagna o di un edifizio monumentale; bi- 
sogna definirlo materialmente per mezzo del pilastro delTistrumento principale, 
o per mezzo del centro di un Osservatorio, che offra ogni guarentigia deirinal- 
terabilità della sua costruzione e della sua stabilità geografica. Infatti, sarebbe 
imprudente di sceglierlo in una regione di natura vulcanica o che sia esposta 
marcatamente ai movimenti secolari del suolo. E siccome nulla è strettamente 
immutabile e noi impariamo sempre più che esistono quasi dappertutto dei pic- 
coli moti lenti del suolo a periodi più o meno lunghi, bisogna che il punto di 
partenza delle longitudini terrestri sia collegato direttamente, con osservazioni 
astronomiche, ad altri Osservatorii vicini, e che sia collegato a una rete di trian- 
goli di primo ordine della regione circostante. » 

« Ecco, in poche parole, tutte le esigenze della scienza per la scelta del primo 
meridiano » {2}, 

In base a ciò, il prof. Hirsch escludeva dalla scelta l'isola del 
Ferro, il cui meridiano fu dal geografo Delisle, al principio del se- 
colo XVIII, ridotto arbitrariamente ad essere nient'altro che il me- 
ridiano di Parigi mascherato; poi escludeva il picco di Teneriffa e 
lo stretto di Bering, e cosi riduceva la scelta a uno dei quattro 
grandi Osservatorii che pubblicano le principali effemeridi astrono- 
miche e nautiche, cioè Green wich, Parigi, Berlino e Washington. Dal 
punto di vista scientifico questi quattro meridiani si equivalevano: 
ma dal punto di vista pratico la questione doveva esser risolta in 
favore di Greenwich, perchè questo meridiano aveva le maggiori pro- 
babilità di esser accettato generalmente o almeno dalla quasi totalità 
delle nazioni civili, e perchè avrebbe cagionato il minimum possibile 
di lavoro per introdurre cambiamenti nelle carte, nelle effemeridi 
nautiche e nelle opere geografiche. 



(1) Sopra un meridiano terrestre 10 metri uorrispondono a 32 ceDtesimi di 
secondo, ossia a quasi un terzo di secondo (d*arco). 

(2) Luogo citato, pag. 13-14. 



Digitized by VjOOQIC 



^n* 



129 



* 



Ciitja la questione della riforma del calendario russo — origine 
della presente polemica — io riportai (Rivista, voi. VI, pag. 459) le 
conclusioni di una Commissione del R. Istituto lombardo la quale 
nel 1888 non approvò la proposta del P. Tondini per una iniziativa 
delPIstituto in proposito, ritenendo che l'iniziativa dovesse partire 
dai paesi che vi sono direttamente interessati. E qui aggiunsi che 
anche a me il lasciar fare a chi tocca è sempre parso una gran buona 
regola. 11 P. Tondini, a pag. 35 delFopuscolo, dice che soltanto chi 
non conosce TOriente può patrocinare quei principii, e che cosi, in 
ogni caso, non la pensava un uomo di Stato russo che nel 1888 gli 
scriveva per esortarlo a procurare, lui italiano, un punto d'appoggio 
alla Russia neiriniziativa di qualche altro Stato ortodosso. Ma l'Isti- 
tuto lombardo e TAccademia di Bologna, a cui si rivolse il P. Ton- 
dini, erano forse degli Stati ortodossi? E la Commissione dell'Isti- 
tuto lombardo non venne appunto a dire che l'iniziativa doveva 
partire dalla Russia o da qualche altro Stato ortodosso? 

Nello stesso luogo, in nota, il P. Tondini scrive: « se dissi, e 
confermo, che riconosco la saviezza della decisione dell'illustre Com- 
missione del R. Istituto lombardo, quando declinava di prender l'ini- 
ziativa della generale adozione del Calendario Gregoriano, fo tutte 
le mie riserve sulle ragioni addotte in proposito e di cui il compianto 
Stoppani, che era stato un pochino in Oriente, non fu che il fedele 
relatore >. In altre parole, il P. Tondini riconosce la saviezza della 
decisione, ma' non approva le ragioni addotte nella Relazione Stop- 
pani. Bisogna dunque dire che secondo il P. Tondini ci sono delle 
ragioni migliori a sostegno di quella savia decisione e che egli le 
conosce. Non si potrebbe pregarlo di farle conoscere anche al pub- 
blico? 

Il dire poi che lo Stoppani non fu che il fedele relatore di quelle 
ragioni che il P. Tondini trova sbagliate, non equivale forse a dire 
che lo Stoppani, nello scrivere la Relazione della Commissione, si 
lasciò guidar la mano da altri, abdicando alle sue convinzioni per- 
sonali? (1). Ecco un bell'omaggio che rende il P. Tondini alla me- 
moria del suo < caro e venerato amico » Stoppani! 



(1) Ricordo che il P. Tondini ha scritto questo: « dichiaro che annovero lo 
Stoppani tra quelli che più hanno simpatizzato coi miei poveri sforzi » (Rivista^ 
▼ol. VI, pag. 461). 



Digitized by VjOOQIC 



?SFSr7n 



130 



Vi è tuttavia un punto sul quale sono perfettamente d'accordo col 
P. Tondini. A pag. 9 deiropuscolo egli dice: « tutti siamo soggetti 
a prendere qualche abbaglio, e la lista dei miei riempirebbe non so 
quante colonne della Perseveranza >. In questo egli ha perfettamente 
ragione. Ma quando si sa in che acque si naviga, quanto a competenza 
in date materie, non basta dire che tutti siamo soggetti a prendere 
qualche abbaglio, non basta confessare che i proprii abbagli sono 
molto numerosi; bisognerebbe invece astenersi dall' assumere una 
veste che non si può portare, la veste dell'apostolo e del riformatore, 
appunto in quelle materie dì cui si sa di avere una cognizione affatto 
superficiale. 

Nell'esordio del suo opuscolo il P. Tondini esprime la speranza 
che la discussione avvenuta fra lui e la Perseveranza^ ossia fra lui 
e me, abbia a segnare un reale progresso verso la felice soluzione 
di una questione agitata da tanti anni. Per me la questione non è 
più aperta se non per quel che riguarda Tunificazione del calendario; 
e qui tocca alla Russia e agli altri Stati ortodossi a pensarci. Quanto 
al meridiano iniziale per le longitudini e per la problematica ora 
universale, ripeto che la questione fu già risolta scientificamente a 
Roma nel 1883 e diplomaticamente a Washington nel 1884. Nessun 
motivo vi è per rimettere in discussione quelle legittime e ben pon- 
derate deliberazioni, e nessun fatto nuovo è intervenuto a consigliare 
una revisione. 

Per me la polemica col P. Tondini non può segnare alcun progresso 
verso la soluzione di una questione già risolta. Le mie speranze 
sono d'altra natura. Io spero soltanto che la presente discussione 
possa servire d'ammaestramento ad altri, affinchè non abbiano a ri- 
petere l'errore in cui son caduto io, di prender sul serio gli spro- 
loquii scientifici del P. Tondini de Quarenghi. 



Digitized by VjOOQIC 



131 



IV. 
SUPERFICIE GEOLOGICHE E SUPERFICIE GEOGRAFICHE 



A PROPOSITO DI ALCUNI TERMINI D' USO PROMISCUO 
Per OZ^INTO ACikFilNBI^Z^I. 



Accade spesso di trovare, in opere geografiche, dei termini scien- 
tifici generici (1) che possono essere usati promiscuamente in senso 
geologico ed in senso geografico, senza quelle spiegazioni, neces- 
sarie per fare comprendere precisamente, in quale dei due signi- 
ficati sieno dall'autore impiegate. Si tratti di effettiva confasione di 
concetto da parte di chi scrive, ovvero di semplice impreciso uso di 
un vocabolo, Tincouveniente, il quale necessariamente ne deriva, e 
cosi grave, che mi sembra non fuori di proposito richiamare su di 
esso Tattenzione, perchè, quando è possibile, si cerchi di evitarlo. 
Non starò qui a specificare i singoli casi di equivoca terminologia da 
me osservati, poiché per ciò dovrei fare un elenco assai lungo, né 
riuscirei certo a darlo completo; invece credo più opportuno esaminare 
in generale le cause di tali possibili confusioni di fatto o di voca- 
boli, perchè in tal modo riuscirà più evidente dove ed in che ri- 
sieda il pericolo di incorrervi. 

Anzitutto la maggior parte di quelle voci promiscue, si riscontrano 
nello studio tectonico delle regioni da un lato, in quello orografico 
da un altro. Da che dipende la facilità di confondere i concetti spet- 
tanti a quei due ordini di fenomeni sensibilmente diversi? 

Evidentemente dall' idea che ci sia un costante ed immediato 
nesso fra di loro, concetto il quale, si dimostra sempre maggior- 
mente errato, col progredire dello studio morfologico della super- 
fìcie terrestre. Le vere coincidenze fra tectonica e morfografia, sono, 
almeno nei nostri paesi, una eccezione. Ma non è qui il luogo di 



Digitized by VjOOQIC 



^mm 



132 

insistere su confusioni dipendenti, come quelle di cui ora faccio 
cenno da ignoranza di chi descrive una regione. Molti di coloro i 
quali usano di quei vocaboli promiscui, ne conoscono esattamente il 
significato, ma ora li asano in un senso, ora nelP altro ed in en- 
trambi appropriamente. 

Da che deriva questa possibilità di usare lo stesso vocabolo nei 
due sensi diversi? Mi pare che sia facile trovare la spiegazione di 
questo fenomeno. 

Vediamo anzitutto in che consiste lo studio morfografico di un 
paese e la conseguente sua descrizione. Evidentemente noi possiamo 
dire di conoscere una regione qualsiasi, dal punto di vista delle 
forme presentate dalla sua superficie, quando ne possediamo una 
perfetta rappresentazione topografica, cioè una carta a grande scala, 
con fìtte curve di livello. Essa ci mostrerà ogni piccolo rilievo, ogni 
depressione, ogni variazione di livello e di pendenza di quel fram- 
mento di superficie terrestre considerato. Vi distingueremo ciascun 
monte, con le relative cime, creste, passi, ciascuna valle, conca e 
via dicendo, fenomeni tutti che potremo poi descrivere, nella loro 
forma e nelle loro dimensioni. 

Quando invece noi passiamo dalla orografia alla tectonica di una 
regione, cominciamo subito col prescindere dalla superficie geogra- 
fica, rappresentata minutamente in una carta topografica. Noi, allorché 
ci troviamo nel caso più comune di roccie stratificate, prendiamo in 
esame uno strato, che vediamo in generale affiorare qua e là sal- 
tuariamente, lo seguiamo attraverso valli e monti, ricostruiamo 
quello che vi manca ed, in base agli elementi interrottaraente 
raccolti, ne deduciamo T andamento superficiale. Se vogliamo pos- 
siamo rappresentare anche questo stereograficamente (stratorilievi) 
cartograficamente, in modo perfettamente analogo a quello con coi 
si rappresenta la superficie terrestre dì. Come abbiamo fatto per uno 
strato possiamo fare per altri più o meno lontani da quello. Data poi 



(1) Le rappresentazioni del penere di quelle a cui si allude, sia stereografiche 
(in rilievo), che cartografiche, sono piuttosto rare. Vedi in proposito: De Mar- 
OGRIE, Sur les proc'd'-s graphigurs et plastiques empfoy 's po\fr representer 
Valh'ì'e rfr,y dislocntions 'in Mauofrte et Heim, L's dislorations de V-'corce ter- 
restre. Es^aì de d '/i'ìitioyì et de noìììenelnfìf.re. Zurijro 188^, pajr. 126-12S); 
LroKO\\ Stratorelìef des lìauges. (« l.e Globe » Numero v^pecial XII"' Congres 
des Socìótós Suisses de Géopraj)hie. Genève 1898). Non bisogna confondere jfoi 
i molelU di superficie di strali (stratorilievi) a cui si accenna, coi plastici co- 
loriti geologicamente. Questi ultimi sono assai più comuni e vennero impiegati 
giti da parecchio tempo. Vedi per esempio: BorÉ, Guide du Géologue-Voyageur. 
Tome I. Bruxelles, 1837, pag. 104. 



Digitized by VjOOQIC 



133 

la comune successione abbastanza regolare delle formazioni, per aree 
non molto estese, noi troveremo che le superficie geologiche di di- 
versi strati risultano sensibilmente parallele fra di loro. Perciò non 
sarebbe necessario per una regione fare un gran numero di siffatte 
rappresentazioni cartografiche, per poter dire di conoscerne la strut- 
tura interna (1). Più comunemente poi a rappresentazioni in rilievo 
ovvero mediante curve isometriche in piano, per quello scopo, si so- 
stituiscono semplici profili geologici (2). Ma, comunque sia, è evidente 
cbe se noi prendiamo in esame una qualunque di quelle superficie o la 
corrispondente rapprentazione, noi vedremo delle aree più depresse, 
delle altre più rilevate, delle pendenze più o meno notevoli, sincli- 
nali od anticlinali, rispetto a linee più rialzate o depresse. In quelle 
superficie noi potremo riscontrare tutte le accidentalità di quella 
terrestre e quindi applicarvi la relativa nomenclatura. Cosi distingue- 
remo delle cime, delle creste, delle eelle, delle valli (sinclinali), delle 
catene (anticlinali) geologiche e via di seguito. 

Ecco qui trovata la causa iniziale dell'esistenza di molti termini di 
uso promiscuo, geologico e geografico, perchè la stessa parola può es- 
sere applicata tanto ad una superficie geologica quanto ad una geo- 
grafica Ne deriva spesso non solo la incertezza sul vero senso, in cui 
viene impiegata, ma anche in via indiretta, la facilità presso molti 
geografi, quasi profani di scienza geologica, di confondere addi- 
rittura i due concetti, i quali possono essere espressi dalla stessa 
parola, nella persuasione che una superficie geografica debba quasi 
sempre coincidere con una geologica. Errore questo, come indicai, 
assai grave e dal quale bisogna guardarsi attentamente. Oasi in cui 
le pendenze e direzioni degli strati trovino perfetto riscontro nella 
morfografìa di una area limitata, sono certamente assai comuni, ma, 
quando si consideri una regione abbastanza estesa, è raro che tali 
coincidenze abbiano un reale predominio. Alludo in generale ai no- 
stri paesi montuosi, che devono la loro plastica configurazione spe- 
cialmente alle varie azioni di erosione. In regioni tabulari, in aree 
deserte forse le coincidenze possono essere più rilevanti. 

Ma, comunque sia, i due concetti di superficie geologiche e geo- 
grafiche si devono mantenere fondamentalmente distinti. E per fortuna 
la nomenclatura tectonica, la quale avrebbe potuto del tutto foggiarsi 






Digitized by VjOOQIC 




134 

sulla orografica, che in gran parte è tolta dalla fraseologia volgare, 
ci presenta un grande numero di voci proprie, introdotte dagli stu- 
diosi di geologia, talora derivate dal greco e foggiate a tipo scien- 
tifico. Cosi si parla più comunemente di pieghe, di sinclinali, di 
anticlinali, di elissoidi, non già di catene geologiche, di valli, di 
conche, di selle, di cavità geologiche. Ed è strano come più spesso 
i moderni geografi o psendogeografì, forse per dare una impronta 
scientifica alle loro descrizioni, che non ne avrebbero il carattere, 
usurpino le prime parole e le usino in senso puramente morfogra- 
fìco, di quello che i geologi facciano l'inverso, ciò che sarebbe spesso 
assai più giustificabile. Poiché, il frasario tectonico di per sé ò asso- 
lutamente insufficiente e deve necessariamente ricorrere a quello 
orografico, quando vuole descrivere tutte le più minute accidentalità 
di una pila di terreni piegati. Poiché quando io indicai precedente- 
mente come, in fondo, lo stadio tectonico di una regione si riduca a 
fissare Pandamento approssimativo di poche superficie subparallele, 
ognuna delle quali risnlta dall' artificiale raccordamento di pochi ele- 
menti che noi riconosciamo direttamente, io prendevo in esame uno 
dei casi più semplici di regioni, costituite da terreni uniformemente 
e regolarmente stratificati, ripiegati o no. Ma quando ci troviamo 
in presenza di terreni non stratificati o disposti in ammassi o lenti, 
con intrusioni altrimenti irregolari o presentanti frequenti varia- 
zioni litologiche, il compito del geologo nel decifrare il vario an- 
damento di ciascuna formazione, diviene più difficile e non basterà 
più fissare le varie inflessioni di un scarso numero di superficie geo- 
logiche, ma di molte (1). Queste poi andranno via maggiormente al- 
lontanandosi, nella forma loro, da superficie geografiche e non sempre 
sarà neppnre possibile rappresentarle coi soliti sistemi cartografici, 
proiettandole cioè sul piano (superficie del geoide). Poiché non si 
tratta di superficie, le quali mollemente si inflettono, come lo spec- 
chio di un lago lievemente ondulato od appena increspato, ma piut- 
tosto di superficie paragonabili con quella scompigliata dì un mare 
in burrasca, con i suoi cavalloni, i suoi frangenti, con gli sprnsii 
d'acqua proiettati in aria. Cioè possono essere comuni, non solo salti 
e strapiombi, dovute a pieghe ribaltate e coricate (2), ma delle 



Digitized by VjOOQIC 



186 

▼ere discontinnità, per masse variamente iniettate nei terreni adia- 
centi e rimaste come sospese od in esse natanti. Man mano poi che 
codeste saperficie geologiche, per le circostanze indicate, diventano 
più complesse, rimane maggiormente arbitrario pel geologo, il fis- 
sarne l'andamento. Ed è qai fondamentalmente, che si scorge come 
la rappresentazione tectonica di una regione sia sempre teorica o 
schematica, che dir si voglia, a differenza di quanto avviene per 
quella topografica. 

Dieci geologi diversi studiando la stessa regione possono inter- 
pretarne la tectonica in modo diverso, perchè diverso è il criterio 
con cai raccordano in superfici continue i pochi elementi raccolti sal- 
tuariamente. Invece, qualunque sia il numero di topografi, che rileva 
accuratamente la stessa regione, ne devono risultare delle carte to^ 
pografiche, più o meno perfette, ma sempre sensibilmente corrispon- 
dente alla realtà e le quali non variano punto col variare delle idee 
individuali di ciascun rilevatore. Il geologo non fa che interpretare 
o meglio ricostruire degli edifici, di cui non vede che dei ruderi, i 
qnali, non solo non rappresentano che i resti della crollata costru- 
zione, ma ne mascherano spesso più o meno completamente la parte 
rimasta intatta; il topografo rappresenta superficialmente, e solo 
nelle linee esterne, cotesto rovine. Induzioni geologiche ed indu- 
zioni archeologiche hanno lo stesso carattere di incertezza. 

Ecco perchè fa spesso sorridere ^incosciente fiducia con cui ai- 
cani geografi, accettano assiomaticamente delle affermazioni geolo- 
^che, tatt*altro che indiscutibili, come se nell'interpretare i com- 
plicati ripiegamenti degli strati terrestri, ci fosse la stessa si- 
curezza, la quale si può avere nell'osservare la topografia di una 
regione montuosa. Ma uscirei dalPargomento se insistessi su ciò, il 
compito mio era semplicemente di rilevare un inconveniente deri- 
vante dall'impiego di voci di doppio uso geologico e geografico, senza 
specificare in quale dei due viene nei singoli casi adoperata. Tro- 
vata la causa iniziale di tale inconveniente, bisognerebbe cercarne i 
rimedi Né mi sembra che sieno difficili a trovarsi. 

Da un lato basta guardarsi da usare in senso geografico vocaboli^ 
creati artificialmente per uso geologico (piega, sinclinale, anticlinale, 



Digitized by VjOOQIC 



isoclinale, terreno, elissoide ecc.) dall'altro conviene, in tutti i casi in 
cui si deve ricorrere ad uno dei comuni termini orografici (cresta, 
sella, scoglio ecc.) in senso geologico, indicarlo chiaramente. Cosi io 
potrò dire, per esempio, fra due elissoidi intercede una sella tedo- 
nica (sinclinale aperto) ovvero in un terreno si trovano intercalati 
degli scogli geologici j (masse isolate eterogenee a forma di scoglio), 
né in questo caso ci può essere confusione alcuna. D'altro canto non 
trovo alcuna necessità di chiamare piega ad una catena, sinclinale ad 
una valle, terreno ad una regione orografica, elissoide ad un gruppo 
montuoso e via di seguito. Non occorre introdurre nuovi concetti e 
nuove parole, per evitare simili confusioni, basta che colui che scrive 
tenga presente la facilità di incorrere in equivoci o false interpre- 
tazioni e la causa iniziale da cui gli uni e le altre derivano. 

Mi terrò pago se con queste poche osservazioni avrò raggiunto, 
almeno in piccola parte, lo scopo di richiamare su ciò I' attenzione 
di qualcuno dei nostri scrittori di cose geomorfologiche. 



Digitized by VjOOQIC 



137 



V. 

LA PATAGONIA SECONDO RECENTI STUDI 



Nota del Prof. PIBTRO GRIBAUDI. 

{Coniinuazione: vedi numero precedente). 

Clima della Patagonia e della Terra del Fuoco. - Salubrità. 

Il clima è certo uno dei primi fattori del valore economico di un 
paese; da esso infatti dipende, oltre che l'abitabilità, anche la pos- 
sibilità di questa o quella cultura, che vivamente può interessare Tin- 
dastria ed il commercio. Un paese, quindi, non si può con ragione 
chiamare scientificamente noto se non quando si ha una sufficiente 
idea delle sue condizioni climatiche. Ora avviene per uno strano fe- 
nomeno intellettuale, che si è, quasi senza accorgersene, portati a 
giudicare del clima di vari paesi molto erroneamente: così FAfrica 
la s'immagina sempre caldissima; l'India sempre piovosa: la Siberia 
tutta fredda; la Patagonia pure freddissima, ed immersa in un tur- 
bine incessante. 

A poco a poco però, col progresso e collo sviluppo delle osserva- 
zioni meteorologiche, queste leggende vanno scomparendo; ma tutta- 
via, senza una certa difficoltà, essendo fortemente radicate in noi fin 
dall'infanzia. Cosi confesso che non seppi nascondere un senso di 
meraviglia quando, trovandomi pochi giorni fa col sig. B. Vacchina, 
che da venti anni dimora nella Patagonia, questo ebbe a dirmi, in 
un giorno di vento, ma non troppo freddo: « ecco mi pare d*essere 
in Patagonia >. Come, domandai, lei paragona il clima della nostra 
bella Città dei fiori a quello della Patagonia? Non vede che inverno 
mite, che cielo sereno? Il paragone certo è troppo spinto ». Ma do- 
vetti ricredermi dinanzi alle prove di fatto ch'ei mi portò, e convenni 
con lui che realmente il clima della Patagonia ha molte somiglianze 
con quello dell'Italia. 

Fino a pochi anni fa in verità, non v'erano ancora per quelle re- 
gioni dati meteorologici sicuri; ma ora, benché essi non siano molto 



Digitized by VjOOQIC 



138 

abbondanti, bastano tuttavia a darci un' idea sufficientemente giusta 
delle loro condizioni climatiche. Mi servirò specialmente delle osse^ 
vazioni raccolte dal Carbajal (1) mettendole a confronto coi dati me- 
teorologici di questa o quella regione dell'Italia: cosi sarà più facile 
togliere dalle nostre menti quei pregiudizi molto radicati, e nello 
stesso tempo assai dannosi, di cui parlai poco sopra. 

Nel territorio del Neuquen, posto al piede delle Ande tra il Limay 
ed il Colorado superiore, si fecero osservazioni a Chosmalal, Junin 
de los Àndes, Lago Nabuel-Huapi, confluenza del Collon-Gurà col 
Limay, e confluenza del Limay col Neuquen. Le più sicure però e 
più prolungate sono quelle eseguite a Chosmalal (866 m. sul livello 
del mare) nel quinquennio 1891-96, da cui si deducono le seguenti 
medie: 



Gennaio 


21^96 


Luglio 


7053 


Febbraio 


22^76 


Agosto 


8^03 


Marzo 


17063 


Settembre 


10033 


Aprile 


13061 


Ottobre 


12088 


Maggio 


9044 


Novembre 


18065 


Giugno 


5053 


Dicembre 


20087 



Il mese più freddo adunque è Giugno (507O) ed il più caldo Feb- 
braio (22076) con un'escursione termica annuale di 170O6. I venti 
più caldi poi in queste regioni procedono da W, i più freddi da NE. 
La pressione atmosferica minima fu di mm. 679.13, la massima di 
698.20 mm., la media di 689.18 mm.; il 24 Agosto 1893, però, si ebbe 
una pressione massima di mm. 701.26 ed il 31 Agosto 1896 una 
pressione minima di mm. 676.08, con una variazione estrema di 
mm. 25.16. 

La media annuale della pioggia caduta fu di soli mm. 151.86. Le 
stagioni più piovose — e questa regola vale per tutta la Patagonia 
— sono rinverno e l'autunno, durante le quali cade una quantità di 
pioggia quasi quadrupla che nell'estate e nella primavera. 

A Junin de los Andes (39^54 di lat. S e 70o59 di long. O da Or.) 



(1) Sono in dovere di rÌDgraziare sentitamente 1* egregio amico Lino Delvalle 
Carbajal, direttore delFOsservatorio meteorologico di Patagones, per avermi ftilt*' 
avere le bozze di quella parta del secondo volume della sua grande opera « La 
Patagonia » che tratta della climatologia della Patagonia. Queste mie note non 
lonu che una spigolatura di quella vera miniera d'interessantissime notìzie che 
sarà il secondo volume della splendida opera del Carbajal; ed io sarei felice se 
avessi con queste mie pagine invogliato qualcuno a conoscere piò d^avvicino 
l'opera del mio amico. 



Digitized by 



Google 



p^p^pr"P" '•■ 1- '*' ' "?••• ■ if py pi r.' -^ .'^ , ■ Ti'"""!* ■^*-i'"* '^« .iiiiiifipi*,»4t^** 



139 

il maggior T. Sztyrle fece nel 1883 varie osservazioni secondo le 
quali la temperatura media di Marzo risaltò di 9^5; quella di Aprile 
di 9^,38; quella di Maggio di 5^04. La minima fu di — 8^ (26 Mag- 
gio) e la massima di 26^ (21 Aprile). 

Sulle sponde del lago Nahuel-Huapi situato a 886 m. sul mare 
(41W di lat. e 70^49 di long. 0) durante una spedizione militare 
8Ì fecero (1881) delle osservazioni e si constatarono temperature di 
26® e (K) centigradi. In Dicembre la temperatura sali a Sb^'à^ ed in 
LiQglio discese a — 6^2. Notevole è l'escursione termica diurna, la 
quale nei mesi di Gennaio e Febbraio raggiunse rispettivamente i 
20^ e 24^ centigradi. I venti soffiano specialmente di giorno; ma la 
loro intensità non è molto grande. Le precipitazioni atmosferiche 
sono più abbondanti che a Ghosmalal ed a Junin de Ics Andes. 

Presso la confluenza del Limay e del Collon-Curà (lat. 40°31' — 
long. 70°24' Gr.) il comandante E. Obligado trovò nei mesi di No- 
vembre e di Dicembre una temperatura media che variò da 13*^21 
(13 Die.) a 26^62' (17 Die ): allo stesso comandante si devono altre 
osservazioni compiute alla confluenza di Limay col Neuquen, punto 
donde comincia ad esser navigabile il Bio Negro, e quindi quanto 
mai importante, specialmente quando fra poco sarà il centro delle 
ferrovie del Limay e del Neuquen. Nel mese di Aprile la minima 
temperatura osservata fu di 5^ (29 Febb.), la massima temperatura 
23^6 (5 Aprile); nel mese di Maggio la minima di 7*^ (25 Maggio), 
la massima di 15^5 (4 Maggio). Piuttosto rilevante è rescursione 
termica giornaliera, come si può facilmente osservare dalla seguente 
tabella: 



Digitized by VjOOQIC 



TEMPERATURA CENTIGRADA (1881 - Comonflante E. OBLIGADO) 



r 



s 

Q 



Apr, 

1 
2 
3 
4 
6 
6 
7 

8 ' 

9 ' 
10 I 
11 

12 : 

13 , 

14 I 

15 I 

16 . 

17 i 

18 ; 

19 ' 

20 

21 

22 

23 

24 

26 

26 

27 

28 

29 

80 



3 

3 
2 
3 
2 
3 
3 
2 
3 
2 
2 
1 
3 
2 
2 
1 
2 
1 

1 
1 
3 
2 
1 

1 
3 
8 
1 
1 



ORE 



.2 1 

•d « 



6 am. — 



12 m. 
6 am. 

♦ 
8 am. 



12 m. 
8 am. 

> 
6 pm. 



8 am. 



8 am. 



6 pm. 


19". 3 


> 


18.3 


» 


19.5 


» 


17 .6 


• 


23.5 


* 


19.0 


- 


16.0 


— 


22.5 ' 



— 12 m. 

» 

— 12 m. 

— 6 pm. 

— 12 am. 

— 6 pm. 

— 6 pm. 



6 pm. 
12 m. 



6 pm. 



12 m. 



19.3 
17,5 
16.5 
16.0 
17.0 

10 
16.5 

7.0 
14.6 
19 

21 
13.0 
17.0 
14.5 
12.0 

14.0 
13.8 

11 .6 
5.0 

17 



26". 
27.0 
25 . 
25 . 

20.0 
23 . 

26.0 



23 

15, 



16.6 
16 
21 .0 
14.0 
17.0 



16.0 



6».0 

2.5 

11,0 

9.0 

6.0 
2.0 
3 



22 , 


9.0 


23.0 


8.0 


„_ 


9.0 




7.0 



4.0 
6.0 
4.0 
0.0 
1.0 



6.0 
4.0 
4.0 
5.0 
5.0 
5.0 
4.0 
4 4 
0.0 
0,0 
2.0 



Digitized by 



Google 



.141 

Come si vede la temperatura del Neuquen è molto mite: il ter- 
mometro non discende quasi mai per le località per cui si hanno 
osservazioni al disotto di — 10** e non solo oltre i Bb^ o 36°. Per 
l'Italia continentale invece abbiamo dei minimi più bassi e dei mas- 
simi che per lo meno uguali ed anche superiori: 

Località Minimi Massimi 

Torino —15^5 32^5 

Alessandria — 17°7 37n 

Novara — 11^2 35^6 

Milano — 15^8 37^5 

Belluno — 15^6 37«6 

Treviso ~ 11°4 35"5 

Padova — 13^4 35''3 

Vicenza —14° 37^5 

Verona — 15° 38°3 

Bologna —10° 39°5 

I dati pluviometrici ohe abbiamo circa il Neuquen non ci permet- 
tono, per la loro scarsità, di istituire un paragone fondato: le pre- 
cipitazioni atmosferiche però in generale sono molto scarse e si hanno 
alle volte dei lunghi periodi di siccità. Ne viene quiadi spontanea la 
conclusione, che luoghi più fertili ed adatti alla coltivazione sono 
quelli posti presso i laghi ed i fiumi e che possono facilmente es- 
sere irrigati; e se tanta parte della Patagonia ora è deserto non si 
deve già alla sterilità del terreno, ma alla mancanza d'acqua. 

Pel territorio del Rio Negro (tra i 37° e 42° di lat. e G2° 47' e 
72^12 di long.) si hanno solo osservazioni eseguite lungo il corso 
del fiume dalla foce alla confluenza del Limay e del Neuquen. 

Neirisola Choele Choel (pr. Cioele-Cioel) formata dal Rio Negro (1) 
si ottenne nel mese di Novembre una temperatura media di 19°, mas- 
sima di 30° e minima di 9°4. 

Per Carmen de Patagones si hanno le seguenti medie annuali: 





Media Mass. ann. 


Min. ann. 


Temperatura . . 


. 13° 41°2 


— 4°2 


Pressione atmosf. 


. 758,22 776,04 


744,88 


Acqua caduta . . 


. 310 mm. — 


— 


Venti dominanti . 


. NV^. 





(1) Dista circa 200 km. da Roca e 450 km. da Carmen dì .Patagoaes. 



Digitized by VjOOQIC 




142 

Conviene notare che Patagones, benché posta poco lungi dal mare, 
ha un'escursione termica abbastanza rilevante ed una temperatura 
media relativamente bassa: ciò ai deve certamente alla corrente 
fredda antartica, che, doppiando il capo Horn, lambe le coste pata- 
goniche orientali, ed alla sua posizione sul Rio Negro, la cui valle 
segna la direzione del vento predominante che viene dalle Cordi- 
gliere. 

Maggiori dati si hanno per la Baia San Blas posta a 90 km. a 
NE di Patagones cioè al 40^ 32' di lat. S e 62'* 08' di long. O di 
Green wi eh. Da essi risulta una grande variabilità nella temperatura 
diurna dovuta specialmente ai venti antartici nella stagione calda; 
ed ai venti del nord nella medesima stagione e nella fredda: i primi 
sono freddi, i secondi caldi. 

La massima temperatura riscontrata a San Blas fu di 34°, 5 
(23 Gen. 1883), la minima fu di -^3^ (21 Luglio 1883). La tempe- 
ratura media annuale è di 14°26, con un'escursione termica di soli 
13%80. 

Molto varia è pure la pressione atmosferica, la cui media annuale 
è di mm. 760,652. Il vento predominante è quello di NW, poi ven- 
gono quelli di SW e di SE. 

Per l'interno si hanno solo le poche osservazioni termometriche 
compiute dalle spedizioni militari negli anni 1879-83. Una di queste 
attraversando la Travesia de Balcheta ottenne la temperatura media 
di 14*^9 in Marzo (1). 

Ancora più scarsi sono i dati su cui stabilire il clima del terri- 
torio del Chubut: si hanno infatti solo le osservazioni eseguite nella 
capitale Rawson fra il 1880-1888, da cui resulta che i mesi più freddi 
furono Aprile e Settembre, i più caldi Gennaio e Dicembre. L'escur- 
sione termica annuale è di 22'\27. Il valore decadico 37^,73 della 
temperatura massima di Gennaio fa presumere temperature assolute 
maggiori di 40° (2). La pressione atmosferica media fu di mm. 758, 
la minima di mm. 739, e massima di mm. 767,25. 



(1) L'interno di questo territorio non h già piano; ma percorso da piccole 
sierre di colline vulcaniche tra cui la principale è appunto la sierra de Balchi- 
tas colta sua continuazione la sierra de Uttak. La Travesia de Balcheta è lo 



Digitized by VjOOQIC 



r >-j p Myy V." "?■ ' ' ' ■ — y^ i 



143 



Circa i venti si ha la seguente rosa termometrica: 






MESI 


N 


NE 


E 


SE 


S 


SW 


W 


NW 


Gennaio 

Aprile 

liUglio 

Ottobre 


28*.8 

12.6 

7.1 

16.6 


19M 

11.6 

7.1 

13.6 


17«.l 

11.8 

6.1 

13.2 


20.2 

10.1 

6.1 

11.8 


19-.6 
9.6 
4.7 

11 .3 


210.6 

11.6 

4,8 

11.5 

12.4 


22«.4 

11 .1 

6.9 

16.0 


23*.6 

12.9 

8.7 

16.2 


Media. . . 


14.6 


12,8 


12.1 


11.8 


11.2 


13.8 


16.1 



Predominano i venti di W e di NW (caldo) nell'estate e quelli 
di SW ed S (freddo) neirinvemo. H soflSare dei venti porta delle 
variazioni di temperatura abbastanza forti come risulta dalla se- 
dente tabella: 



MESI 


2 

1 

8 


s 

o 

8 

u 


2 

1 

s. 

s 
5 


o 

§ 

8 

u 
Q 


Differenss 


Gennaio 

Aprile 

Luglio . 

Ottobre 


23».6 

12.9 

8.7 

16 6 


NW 
NW 
NW 

N 


170.2 
9.6 
4.7 

11.3 


E 

S 

s 
s 


6«.4 
3.4 
4.0 

4.3 



Come giustamente osserva il Carbajal, importa assai conoscere le 
differenze della temperatura e dell* intensità dei venti per prevenire 
i dannosi effetti sulla salute, e per la fabbrica delle case. 

La pioggia caduta raggiunge la media di mm. 238,5, con un mas- 
simo di mm. 386 nel 1881, ed un minimo di mm. 118,6 nel 1887. I 
mesi più piovosi sono marzo e giugno: vengono poi dicembre, mag- 
gio, novembre e settembre: i più secchi sono luglio e gennaio. 
I mesi di maggior pioggia coincidono dunque col principio delle 
stagioni. 



Digitized by 



Google 



144 

Per Pinterno si hanno pochi dati dovuti al colonnello Lino Roa, 
che percorse il centro dei territori della Patagonia settentrionale e 
centrale fino al parallelo 46°. Nel corso medio ed inferiore del Chu- 
but nei mesi di gennaio e di febbraio egli trovò una temperatura 
di 23°, e conchiuse che la temperatura media annuale era di 12* 
tra il Rio Negro ed il Chubut, e di 10° tra il Chubut ed il Rio 
Degeado (1). 

Il territorio di Santa Cruz (tra i 46° e 52^ 24' di lat. e 66*» 35' e 
73^* 30' di long.) è quello per cui si hanno meno osservazioni. La 
temperatura di Porto Deseado varia da una massima di 29** ad una 
minima di — 5,8 con una media di 9°; a Santa Cruz si ha una me- 
dia di 7° (minima — 6,6; massima 27*), e presso le Cordigliere una 
massima di 30*; una minima di — 10*1, ed una media di 7(2). 

Più numerosi sono invece i dati per le Regioni Magellaniche cioè, 
la punta estrema del continente e le isole della Terra del Fuoco. 
Il quadro seguente darà un' idea della temperatura annuale di Punta 
Arenas colle sue variazioni durante il quinquennio del 1891-95 (Os- 
servatorio dei PP. Salesiani in Punta Arenas). 





MEDIA 


MASSIMA 


Gradi 
Cent. 


MINIMA 

DATE 


AMPIEZZA 


ANNI 


Gradi 
Cent. 


- -- 

DATE 


Gradi 
Cent. 


Giorni 
tra- 
scorsi 


1891 


60.44 


220.4 


Gennaio 6 


~6«.0 


Giugno 30 


28«'.4 


170 


1892 


6.69 


22.4 


Marzo 26 


-6.5 


Giugno 6 


28.9 


71 


1893 


7.29 


26.0 


Febbraio 7 


-6.6 


Giugno 24 


32.5 


134 


1894 


7,02 


22.0 


Marzo 5 


-5.2 


Luglio 4 


27.2 


125 


1895 


7.04 


22.6 
23.08 


Febbraio 23 
Febbraio 


-6.9 


Luglio 13 
Giugno 


29.5 


130 


Media 


6.89 


—6.22 


2:).70 


126 



(1) « Sebbene, egli scriveva, cadano nevi in alcuni paraggi (dal 46<* lat. S.), il 
freddo che perciò si fa sentire è meno intenso che nelle provincie settenlrionali 
spagnuole di Catalogna, Aragona, Navarra, Asturie e Gallizia, e 'meno intenso 
ancora di quello che si sente durante la medesima stagione nelle provincie 
italiane di Torino^ Milano, Parma, Bologna ed altre. » 

(2) Il coram. Oneto scrisse nel 1883 che « nella colonia Porto Deseado (lat. 47*,45) 
il periodo più freddo decorre tra giugno e luglio, oscillando la temperatura not- 
turna fra 3<* e 5° centig. e la diurna fra 2° e 5^. 



Digitized by 



Google 



P* ••■"*■. I. ^ ■■T. '"'P.-^IT?»' -'■ p*»" ■•. • "^t.'.' ■•.-.■■ ^ - - *M.^'pj^H'*IWf i>- 



145 

Si ha, come si vede, un'escursione termica rilevante; non cosi 
grande però come quelle dellltalia continentale, essendo molto mi- 
nore il calore e minore pure il freddo. Nel periodo 1887-96 la tem- 
peratura delle stagioni va cosi ripartita: estate, 10^64; autunno, 4^04; 
inverno, 2^60; primavera, 6° 96. 

La media delle precipitazioni atmosferiche è di mm. 370 all'anno; 
la stagione più piovosa è Tautunno, la più secca la primavera. 

Quante leggende sono da distruggersi circa il clima siberiano della 
Terra del Fuoco! Non credo di esagerare, dicendo che se si parlasse 
di fare un viaggio a Ushnaia, per esempio, la capitale, minuscola dav- 
vero, di queste regioni, molti correrebbero subito colla loro mente 
alla necessità di spesse maglie di lana, di pellicoie, di alpenstocks 
e magari di navi rompighiaccio, di slitte ecc. ecc. E che? Non si è 
forse in piena regione antartica? Ebbene a costoro si dovrebbe con- 
sigliare se non hanno bisogno di sudoriferi di lasciar da banda e 
pelliccie e spesse maglie di lana ed alpenstocks, perchè di tutte co- 
teste cose ad Ushuaia non ce n'è punto bisogno: si può passeggiare 
per le vie di quella capitale di 225 ab., vestiti allo stesso modo 
come quando si passeggia sotto i Portici di Po a Torino, od in 
Piazza del Duomo a Milano. Anzi se si dovesse fare un paragone 
quasi quasi la piccola Ushuaia vincerebbe. 

Ma veniamo ai fatti. Nel 1885 il Nognera, ufficiale della marina 
Argentina, trovò ad Ushuaia (54*^49 lat sud e 68*» 20 long., da Gr.), 
le seguenti medie: gennaio, IP 72; febbraio, 9® 55; marzo, 5^80: 
ottobre, 7** 77; novembre 8** 08; dicembre 7^ N^ 1894 la tempera- 
tura media invernale fu di 1° sopra zero e quella estiva di 10® 5 
sopra zero. La massima osservata in queir anno fu di 28® e la mi- 
nima — 7®. Non è però improbabile che la temperatura scenda qual- 
che volta anche a — 20®; ma quelli sono casi eccezionali Anzi il 
Nordenskjold dice già eccezionale una temperatura di — 15® e nota 
che durante gli inverni del 1892 e 1893, nei quali egli fece una serie 
di osservazioni regolari a San Sebastiano, la temperatura più bassa 
non fu che di — 10® (1). 

Ed il governatore del territorio della Terra del Fuoco D. Pedro 
Godoy scriveva nel 1893 alla « Nacion > giornale di Buenos Ayres: 
« Rispetto al freddo (della Terra del Fuoco) è un' altra fandonia, 
un'altra esagerazione. Quella terra non ha più o meno freddo che 



(1) NoRDENSKJÒLD, L* ExpedUton suèdoise a la Terre du Feu in « Annales de 
Oéographie, VI, 1897, pag. 351. 



Digitized by VjOOQIC 



146 

il nord della Francia.... La prova del mio asserto sono i boschi ed 
i pascoli, che coprono que) territorio. Questi ultimi sono cosi ri- 
gogliosi, che appena sono maturi cadono e si depositano a strati sol 
suolo ». 

« Perciò è difficile il camminare in quella regione, e si corre rischio 
di sprofondarsi fino al collo in quella specie di torba. Quando vi 
sono tempeste di neve. nelP inverno, il clima è poco gradevole in 
verità, ma non è mai insopportabile >. Anche Nordenskjòld parla 
dell'abbondante e rigogliosa vegetazione che copre la Terra del 
Fuoco e dice ch'essa ha molti punti di somiglianza colle foreste 
vergini tropicali (1). 

Le piogge della Terra del Fuoco sono molto abbondanti special- 
mente in primavera ed in autunno: si calcola che ogni anno cadono 
1200 mm. di pioggia. Quindi v* è nella Patagonia il detto: « Dei 
dodici mesi dell'anno, tredici si ha qui vento secco, ed altrettanti di 
pioggia ne conta la Terra del Fuoco ». 

Neir Isola degli Stati, che forma come la continuazione orientale 
della grande isola della Terra del Fuoco la precipitazioni atmosfe- 
riche hanno nel periodo 1886-1893 raggiunto la media di mm. 1425,5 
e la temperatura media fu di 8°64 in estate, 6** 18 in autunno, 2* 89 
in inverno e 5^ 25 in primavera La più alta temperatura riscontrata 
fu di 19^ la più bassa di — 10° (2). 



(1) NoRDENSKiÓLD, U ExpeditioTis suèdoise ecc,^ pag. 348. « La vegetazione che 
s*è adattata a questo clima, che non ha estate, ma che non ha neppure invenio 
da temere, consiste in gran parte di piante sempreverdi che formano foreste 
vergini altrettanto dense quanto quelle dei tropici, colle quali del resto banoo 
molti punti di contatto ». 

(2) L* Isola degli Stati ha circa 65 km. di lunghezza da nord-ovest a sud-«st; 
ed è separata dalla Terra del Fuoco per lo Stretto Lemaire largo 26 km. L'i- 
sola è montuosa; le cime più elevate raggiungono un* altezza di 800 a 900 m. 
Il suo aspetto è uniforme essendo coperta di foreste impenetrabili, m cui si tro- 
vano alberi che raggiungono 12 m. di altezza, con uno spessore di 1 metro. Al 
sud l'isola è bagnata da una corrente marina fredda d*una temperatura di 4^ 
al nord da una corrente calda che ha una temperatura più elevata di circa 6*. 
Per questo Taria é umida ed i cambiamenti sono rapidi. Nel 1884 vi si costrussa 
un faro sopra un capo all'estremità nord-est dell'isola ad un'altezza di 61 m.: ^ 
là che si è stabilita la stazione meteorologica fornita dì scelti strumenti. Il 
clima dell'Isola degli Stati è un clima oceanico: la differenza di temperatura 



Google 



Digitized by V^OOQ 



147 
Sol clima della Patagonia occidentale si hanno pochissimi dati. Si 
pnò però in generale stabilire che ad ugnale latitudine la Patagonia 
occidentale è piti fredda primieramente per la vicinanza delle Ande, 
e poi perchè le sue coste sono lambite da una corrente oceanica 
fredda che dal polo antartico si dirige verso nord. Del resto la tem- 
peraCnra invernale non scende molto sotto zero, anche per quella 
parte posta a sod del 47^ di latitudine. Abbondantissime sono le piog- 
gia specialmente in giugno ed in luglio; ed in Valdivia (39"" 53' lat. 
sud e 78" 25' long. Ovest Gr.) la quantità annuale di pioggia è di 
mm. 2694. Del resto questa abbondanza di precipitazioni atmosferi- 
che si constata in tutta la zona Andina della Patagonia, la quale è 
quindi ricchissima di vegetazione, mentre la parte orientale ne è 
quasi priva. Ecco un parallelo della quantità di pioggia che cade 
a Valdivia e nel Chubut, il quale spiega molto bene anche la diver- 
sità della vegetazione: 



STAGIONI 


VALDIVIA 


CHUBUT 
pioggia mm. 


DIFFERENZA 
mm. 


Primavera 


446 


53 


393 


Estate 


288 


53 


235 


Autunno 


797 


74 


723 


Inverno 


1168 


60 


1104 


Totale 


2694 


239 


2455 



Da quanto si è detto si può concludere, che non c^è in tutta la 
Patagonia alcun luogo, ove vi sia un clima più freddo o più caldo 
di quello che pur si prova in Italia e specialmente nelP Italia set- 
tentrionale. 

Dove la media della temperatura è piuttosto bassa^ ciò non si 
deve già alla maggiore intensità del freddo, quanto piuttosto alla 
mancanza di elevato calore: di questo fatto bisogna tener conto spe- 
cialmente per quel che riguarda la coltura dei cereali. Le variazioni 
di temperatura sono piuttosto forti ed improvvise: le precipitazioni 
atmosferiche, scarsissime nella Patagonia orientale, sono invece ol- 
tremodo abbondanti nella Terra del Fuoco e nella zona Fatagonica 
Andina. 



Digitized by 



Google 



ì: 



if»UL>ic; opiuoLijj^/uci, Olio juiioobauu i\illk3 pai. t/i uoix xiiiioi ioa luci iuiuu aio* 

Invece i repentini cambiamenti di temperatura sono causa di fre- 
quenti bronchiti e polmoniti; del resto le cifre della mortalità non 
sono alte in queste regioni e molti sono i casi di longevità non 
comuni altrove. 

Gli Europei facilmente si acclimatano^ anzi vanno soggetti ad una 
mortalità inferiore a quella degli stessi Americani. 

{Continua) 



h 



Digitized by VjOOQIC 



^fWTT^HTW 



149 



VI. 

RASSEGNA DI GEOGRAFIA COLONIALE 



Colonia Eritrea. — Somalia Italiana. 



Il R. Commissario straordinario per l'Eritrea con funzioni di Governa- 
tore Civile ha fatto un lungo soggiorno in Italia, dove rimase dal luglio 
fino ai 7 febbraio, e ciò all'intento di meglio concretare col Governo Cen- 
trale quei provvedimenti e quelle disposizioni atte a dare alla nostra 
Colonia lo sviluppo e l'incremento di cui può essere suscettibile, ora che 
la colonia stessa è finalmente potuta entrare in un periodo di pace e di 
tranquillità, che confidiamo possa essere stabile e duratura. 

Non si conosce con precisione di quale portata siano queste disposi- 
zioni, ma dal fatto che l'on. Martini ha consentito a riassumere il go- 
verno della colonia, cui si annunziò egli avrebbe rinunziato ove alle sue 
proposte il governo non avesse annuito, si può logicamente inferire che 
egli ottenne — forse non senza superare qualche difficoltà - - tutto 
quanto desiderava. 

Confidiamo perciò che egli possa, con crescente successo, seguitare an- 
cora per qualche tempo l'opera di savio riordinamento cui egli ha dedi- 
cato il suo raro ingegno e la sua attività e competenza, e della quale 
già furono constatati benefìci frutti. 

Noi dobbiamo a questo proposito lamentare che di quello che avviene 
laggiù tanto poco si sappia in Italia, sia in via ufficiale sia per pri- 
vate corrispondenze. È vero che i giornali politici pubblicano, anche con 
qualche frequenza, lettere provenienti dalla colonia; ma invano il lettore 
vi cercherebbe notizie atte a ragguagliarlo sulle condizioni reali della 
regione, laddove quasi sempre sono intieramente consacrate e vane po- 
lemiche, che spesso mal tradiscono sfoghi di particolar risentimento, ov- 
vero a ipotetiche congetture sugli avvenimenti politico-militari di oltre 
confine. Perchè poi da alcuni anni a questa parte il Governo non pre- 
senta al Parlamento i consueti rapporti annuali sulla Colonia, che pure 
servirebbero ad illuminare il paese su ciò che ivi si compie? 

Ne questo silenzio è da attribuirsi a mancanza di fatti degni di esser 
raccolti e resi noti; ma solo alla nessuna importanza che, chi scrive, crede 
a torto dovervi accordare. Crediamo perciò che non riescirà discaro ai 



Digitized by VjOOQIC 



^^'^?r 



160 

lettori della « Rivista » trovar qui riunite alcune di quelle notizie che 
ci parvero di maggiore interesse e che desumiamo dal • Bullettino uffi- 
ciale della Colonia Eritrea > che si pubblica in Asmara e da altre pub- 
blicazioni di carattere ufficiale o privato. 

— Il Consiglio di Stato ha approvato un nuovo regolamento organico 
della colonia per il quale sono meglio determinate ed accresciute le fa- 
coltà al governatore civile, stabilendo che da lui dipende assoluta- 
mente anche il comandante delle truppe; disposizione ragionevole ed 
opportunissima inquantochè tende ad eliminare ragioni di conflitti ine- 
vitabili tra i due poteri. Venne poi aumentato il numero degli ufficiali 
e commessi coloniali, e ciò evidentemente allo scopo di affidare ad essi 
tutte quelle mansioni per le quali si doveva già ricorrere agli ufficiali 
dell'esercito, distogliendoli dalle loro naturali attribuzioni. 

— Un accordo doganale è intervenuto tra il governo anglo-egiziano 
ed il governo italiano circa gli scambi tra il territorio anglo-egiziano 
nel Sudan e il territorio italiano dell'Eritrea. 

Le disposizioni principaH di questo accordo, che avrà la dorata di 10 
anni, stabiliscono: che sulle merci importate dalla Colonia italiana del- 
l'Eritrea nel territorio anglo-egiziano del Sudan e reciprocamente sulle 
merci sudanesi importate in Eritrea, non verranno esatti dazi diversi o 
maggiori di quelli che sono o potranno essere pagabili secondo la tariffa 
egiziana del tempo per l'importazione delle stesse merci in Egitto da 
qualsiasi terzo paese ammesso per tali merci al trattamento della na- 
zione più favorita, e che in ogni caso tali dazi non potranno eccedere 
il 5 o/g per le merci per le quali potrà essere provato soddisfacentemente 
per le autorità delle rispettive dogane sudanesi o eritree del luogo d'en- 
trata trattarsi dì merci prodotte in buona fede nell'Eritrea o nel Sudan 
secondo il caso. 

L'importazione nel Sudan del tabacco eritreo è legalmente ammessa 
alle stesse condizioni applicabili al tabacco importato in Egitto; l'im- 
portazione del sale e delle bevande alcooliche sarà invece soggetta alle 
restrizioni che stabilirà di tempo in tempo il Governatore Generale del 
Sudan, e potrà essere anche proibita, come è proibita l'importazione delle 
armi. 

Il commercio di cabottaggio tra il territorio sudanese ed eritreo sarà 
soggetto al trattamento garantito alla nazione più favorita da entrambi 
le parti contraenti. 

Altre clausole regolano il transito delle merci e l'introduzione della 
gomma elastica dell'avorio e delle penne di struzzo. 

— Il problema ferroviario, sulla cui importanza per l'incremento fu- 
turo della Colonia non è il caso di insistere, pare che finalmente si awii 
ad una parziale soluzione. 

Il R. Governo ha infatti autorizzato l'on. Martini a servirsi dei resi- 
dui attivi del bilancio della colonia per il prolungamento della ferrovia 
da Saati verso l'altipiano. 



Digitized by VjOOQIC 



151 

Gli studi per la nuova ferrovia sono già stati fatti per 12 chilometri, 
dei quali 8 sono stati appaltati alla ditta Paganelli. 

Il primo impianto dei lavori si sta già facendo, poiché la consegna 
all'appaltatore fu fatta il 2 gennaio. 

Questi otto chilometri di ferrovia vanno da Saati fino al torrente Dig- 
digta, attraversando un ponte di 42 metri. 

Con la costruzione degli altri quattro chilometri di ferrovia già stu- 
diati — e i fondi per costruirli si crede possano ottenersi coi residui 
del bilancio in corso — si arriverebbe dal torrente Digdigta alPingresso 
della pianura di Saberguma. 

Colà la ferrovia verrebbe a sboccare sulla strada ordinaria per Saber- 
guma, larga 6 metri e fornita d'opere d'arte solidissime, da poco com- 
piuta. Su questa strada fino a Saberguma si può porre una ferrovia De- 
cauville, che è già nei magazzini della colonia. 

Il progetto che si viene attuando risolve il problema importante delle 
spedite comunicazioni fra Massaua e l'altipiano. Là dove la progettata 
ferrovia verrà prolungata, finisce la zona del caldo o delle febbri e si 
trova la catena dei Dongollo tutta coperta di boschi. 

Saberguma è congiunta con Ghinda da 16 chilometri di strada ordi- 
naria, già costruita e che ora si viene rettificando e migliorando. 

— I tributi da corrispondersi dalle popolazioni indigene della Colonia 
durante l'esercizio 1899-900, stabiliti con K. Decreto del 25 giugno 1899 
presentano nel loro complesso un aumento di L. 140.669 rispetto a 
quelli fissati per l'esercizio precedente; aumento che vogliamo credere 
corrisponda ad un reale miglioramento nelle condizioni economiche della 
Colonia. 

Ne riassumiamo, aggruppandole secondo le grandi circoscrizioni ammi- 
nistrative della Colonia, le singole partite: 

Commissariato regionale di Massaua L. 192,850 



> > » Asmara 

> > > Assab . 
» » » Cheren 

Residenza del Barca Mogareb. . . 

» > Mareb 

» dell'Accalè Guzai . . . 



90,000 
5,400 
82,500 
76,900 
40,000 
100,000 



Totale L. 587,650 

— Gli introiti doganali della Colonia ascesero durante l' esercizio 
1898-99 a lire 1,194,838 con una diminuzione di lire 128,377 rispetto* 
all'esercizio precedente. La diminuzione è quasi uniforme in tutti i di- 
ritti doganali, specialmente nei diritti di importazione e di esportazione, 
con qualche aumento, invece, nelle sopratasse sugli spiriti, nel mono- 
polio dell'importazione dei sigari nazionali, nei diritti di magazzi- 
naggio ecc. 



Digitized by VjOOQIC 



■^^n^EV* 



^■^W 



152 



Un aumento abbastanza notevole si ebbe invece nei diritti marittim:, 
che da lire 19,152 quanto risultarono nell'esercizio 1897-98 salirono nel 
1898-99 a Lire 28,422. 

— Con R. Decreto del 18 ott. 1899 vennero concessi per la durata di 
20 anni a titolo gratuito a Benedetti Fausto a scopo di cultura e di al- 
levamento di bestiame un terreno di figura irregolare della superficie di 
metri quadrati 14810 presso Asmara e altro terreno di mq. 17595 par 
presso Asmara fu conceduto a Roscetti Carlo a scopo di coltivazione. 

Una concessione simile fu pure fatta con altro R. Decreto di pari 
data a Pieggi Bartolommeo, di un terreno di 3250 mq. anch'esso presso 
Asmara. 

Queste concessioni sono un modesto indizio che la colonizzazione a^- 
coia dell'altipiano va prendendo un qualche sviluppo; onde è da confi- 
dare che spesso ne pervengono delle richieste al Governo 

^ La questione del confine tra i possedimenti italiani e francesi al 
sud di Assab, che come già annunziammo fu oggetto di discussione 
fra i due governi in seguito all'incidente di Raheita è stato amiche- 
volmente risoluta mediante un protocollo formato a Roma il 25 gennaio 
dal Ministro degli affari Esteri italiano e dall'ambasciatore francese. Già 
era stato convenuto che come punto di partenza di detta linea fosse pre- 
scelto il Ras Dumeira a sud di Raheita; si trattava di fissarne il trac- 
ciato verso l'interno, del che fu dato incarico ad una commissione mi- 
sta franco- italiana. 

La commissione riconobbe che il Ras Dumeira e l'isola che gli sorge 
di fronte sono di origine vulcanica, senza che tuttavia l'isola apparisca 
realmente quale un prolungamento del Capo, il quale alla sua volta è 
im'antica isola riunita al continente da una zona sabbiosa che al tempo 
delle alte maree resta intieramente sommersa. In seguito ai rapporti 
della predetta commissione il tracciato venne fissato in modo da seguire 
partendo dal Ras Dumeira lo spartiacqua del promontorio dirigendosi 
indi verso sud-ovest, in guisa da lasciare all'Italia le strade carovaniere 
che da Assab tendono all'Aussa. Le parti contraenti si riservarono poi 
di regolare ulteriormente la situazione della piccola isola deserta e brulla 
che sorge di fronte al capo, impegnandosi intanto entrambi a non oc- 
cuparla o a non lasciarla occupare da altra potenza. 

— Destò particolare interesse in Italia la scoperta annunziata nei 
dintorni di Asmara di alcuni depositi auriferi, onde se ne riprometteva 
grandissimo vantfliggio alla Colonia. L'esistenza di questi depositi ver»^ 
mente era già stata segnalata da tempo, e lo stesso Ing. Baldacci nella 
sua pregiata relazione comparsa or sono 10 anni, e che è pur troppo tut- 
tora l'unico saggio di lavoro scientifico compiuto in Eritrea, ne aveva fatta 
menzione (1). Crediamo anzi opportuno riportare integralmente quanto 



(1) « Memorie descrittive delia Carta Geologica d* Italia ». — Otaervaxioni 
fatte nella Colonia Eritrea da L. Baldacci. Roma 1891. 



Digitized by VjOOQIC 



M ^ I liJil' m^ :■*'■ .^^IgW!.'! '.H^.'-t""- iry;** - - i- ■ ^i .■ ■■7 



168 

ìq proposito egli ebbe a scrivere. Dopo constatato come malgrado la 
presenza di numerosi filoni di quarzo in tutte le roccie della serie ar- 
caica avesse riscontrato dappertutto una deficienza quasi assoluta di 
ogni traccia di metallizzazione il Baldacci dice: < Tuttavia sono d^ opi- 
nione che quando le condizioni della colonia permetteranno di pensare 
a questo genere di lavori, si faccia qualche lavoro serio di ricerca nel 
filone quarzoso Asmara-Vokitba non essendo fuori di probabilità che esso 
possa contenere quantità apprezzabili di oro. Devo dichiarare tuttavia 
che in tutti i campioni di detto filone che mi furono mostrati ad Asmara 
e che si davano come auriferi non potei scorgere traccia veruna di detto 
metallo; ma è pur noto che spesso una quantità di oro apprezzabile e in- 
dustrialmente ricavabile, se è uniformemente diffusa nella massa senza 
concentrazioni, è affatto impercettibile all' esame esterno e può ricono- 
scersi solo coU'an alisi. 

« Devo anche osservare che se questi filoni contenessero oro, si do- 
vrebbe trovare oro d'alluvione nelle vallate dell'Anseba e dei suoi af- 
fluenti, ma della presenza di simili campi auriferi più o meno ricchi non 
esiste nel paese alcuna notizia. 

* I corsi d'acqua a Ovest di Adua che scendono al Takazzè, hanno 
fama di essere auriferi. II citato ingegnere Russ che abitò lungamente 
quelle regioni, appunto con intendimenti minerari dice però che benché 
l'oro vi esista realmente esso non è in sufficiente quantità per pagare 
le spese di una lavorazione industriale. D'altra parte invece quelle re- 
gioni sono fuori dei nostri possedimenti » (1). 

Le conclusioni pel momento negative dell'ing. Baldacci, sembra siano 
state smentite da ulteriori scoperte le quali richiesero nuove e più ac- 
curate indagini. Del risultato di questo ultime poco invero sappiamo 
con precisione; tuttavia stando alle notizie riportate dai giornali di so- 
cietà e sindacati i quali avrebbero avanzato domanda di concessioni per 
l'esercizio delle scoperte miniere, è da credersi che effettivamente i de- 
positi auriferi rinvenuti siano tali da prestarsi ad una proficua lavora- 
zione industriale. Se cosi fosse senza dubbio l'Eritrea ne riceverebbe 
notevole vantaggio; ma confessiamo non potremmo condividere gli ap- 
prezzamenti di coloro che, dopo avere denigrato eccessivamente quel 
nostro possedimento, mostrano di convertirsi ora ad un esagerato otti- 
mismo pel solo fatto di questa scoperta nurifera. Con o senza miniere 
d'oro, l'Eritrea può essere un non spregevole possesso coloniale solo che 
si sappia veramente trarne profitto, non trascurando cioè da parte del 
governo il compimento di quelle opere atte a rendere più facili e spe- 
dite le comunicazioni, e secondando per quanto e possibile le private 
iniziative a scopo agricolo o commerciale. 



(1) Baldacci op. cit. pag. 97- 



Digitized by VjOOQIC 



154 



*** 



Il Parlamento è stato finalmente chiamato a discutere la conven- 
zione con la Società pel Benadir della quale tenemmo parola e che già 
era in vigore in attesa della sanzione legislativa — sino dal l.** mag- 
gio 1898. Avendo già riassunte le disposizioni principali della conven- 
zione stessa — che tutte furono approvate dalle due camere e sanzionate 
dal potere esecutivo, crediamo inutile ritornare nelPargomento. Daremo 
invece alcune notizie sulle condizioni attuali dei porti del Benadir e sul 
governo che già da due anni vi ha istituito la società concessionaria; 
notizie che desumiamo da un recente rapporto ufficiale del ft. Console 
Generale d'Italia in Zanzibar (1). 

La prima stazione a nord della costa, denominata Itala o AdaU fii 
istituita dagli italiani ; essa consta di un fabbricato in muratura e di 
una cinquantina di capanne. Vi si sono concentrati pescatori indigeni 
e somali insieme a qualche schiavo liberato che cercano d'industriarsi 
sotto la protezione italiana. Vi furono iniziate con profitto coltivazioni 
di palme suscettibili di incremento. Commercialmente la stazione va 
pi-endendo sviluppo per le sue relazioni coll'interno, donde traggono alla 
costa le popolazioni rivierasche dell'Uebi Scebeli, apportatrici di dura di 
pelle e di burro. Tale commercio è esercitato da due arabi agenti di 
negozianti di Mogadiscio. 

L'ancoraggio è poco frequentato da velieri indigeni che preferiscono 
sostare a Uarsceik. Il Console Pestalozza si mostra del resto sfiduciato 
circa al possibile miglioramento nautico dell'ancoraggio a causa della ten- 
denza all'insabbiamento. Ciò non toglie — egli scrive — che continuan- 
do una buona amministrazione, con il lento modificarsi dell'indole delle 
popolazioni dell' interno, anche questa stazione di Itala possa diventare 
centro di un discreto movimento commerciale per la relativa maggiore 
sicurezza che offrono i suoi ancoraggi e per la sua popolazione mite. La 
stazione è presidiata da 50 ascari comandati da un aghida che rappre 
senta l'autorità. 

A 50 miglia a sud di Itala è posta Uar-eak, che presenta dal mare 
un gi-adevole aspetto. Alcune case in muratura innalzate sopra antiche 
rovine ricoprono il piccolo promontorio; l'ancoraggio però anche qui vi 
è mal sicuro. Le popolazioni rivierasche dell'Uebi Scebeli, che dista da 
Uarsceik 10 ore di mare, fanno centro a questa stazione la quale per 
altro è sempre tributaria di Mogadiscio, cui dà un contributo per via di 
terra di 30 o 40 mila talleri. 

La popolazione somala vi è ignorante e fanatica e talvolta si dà ad 
atti di barbarie contro i forestieri. 



(1) / Commerci del Benadir, — Rapporto del Cav. G. Pkstalozza R. Con- 
sole Generale in Zanzibar « Bollettino del Ministero degli Affari Esperi » No- 
vembre 1899. 



Digitized by VjOOQIC 



■WiP^Wi'M ■' 



155 

Per quanto la stazione di Uarsceik non prometta molto sviluppo — 
scrive il R. Console — la sua conservazione si impone e dovranno tanto 
più esserne migliorate le condizioni di sicurezza per la sua posizione 
rispetto a Mogadiscio e per il contributo commerciale che porta a questo 
scalo. Anche in Uarsceik è mantenuto un presidio di 50 ascari arabi. 

Mogadia :to, il capoluogo della colonia, resta a 40 miglia (per la rotta 
più breve) a sud di Uarsceik. 

La città si presenta bene dal mare con aspetto quasi maestoso. E di- 
visa in due quartieri: Sciangani a nord e Amarueni a sud collegati 
dalla piazza del mercato. 

L'ancoraggio vi è per altro anche qui poco sicuro, e le opere portuali 
dì difesa da erigervi richiederebbero pure una spesa sproporzionata al 
benefizio. 

Li Mogadiscio molte sono le case in muratura, ma poche quelle in 
buono stato di conservazione. Il terreno all*intomo mostrasi favorevole 
alle coltivazioni, specialmente della sanse vera, dell'agave e del cocco, e 
più nell'interno verso Gheledi, della dura, del granturco, del sesamo e 
del cotone. Tuttavia l'indole selvaggia del somalo e la sua mala fede 
rendono per ora impossibile ogni pacifico tentativo di usufruire di quei 
terreni. 

11 commercio è in via di considerevole aumento come lo provano le 
statistiche doganali. L'importazione (nella quale prevalgono le cotonate, 
il cafl;^, il tabacco ecc.) sali nel 1897-98 a T. 242.177 contro 203.823 
quanti furono nell'esercizio precedente. L'esportazione (cereali, pelli, burro, 
avorio, ecc.) sali invece da T. 184.520 a T. 369.682. Questo aumento 
mostrasi ancor più notevole nell'esercizio 1898-99, e ciò nonostante la 
deficienza delle comunicazioni tra il Benadir e Zanzibar ed Aden, onde 
è da sperare che lo stabilimento di comunicazioni regolari debba col 
tempo diventare di sommo vantaggio per quella colonia. 

Attendono al commercio negozianti indiani, arabi, e zanzibaresi. La 
popolazione è di oltre GOOO ab. ed è composta di razze promiscue nelle 
quali però domina l'elemento somalo. 

La sicurezza nella città e suoi immediati dintorni è pressoché com- 
pleta; e ciò tanto per l'indole più tranquilla delle popolazioni, quanto 
per la maggior vigilanza e i maggiori rapporti che gli indigeni vi hanno 
coi rappresentanti delle autorità italiane. Il merito maggiore spetta per 
altro — secondo il R. CJonsole — alla ponderata prudenza e al senso 
pratico del rappresentante della società italiana Comm. Dulie, che da tre 
anni regge il governo della colonia con abilità veramente straordinaria. 
È mantenuto in Mogadiscio un presidio di 200 ascari. 

A soli 20 eh. a sud di Mogadiscio sorge la piccola stazione di Ges^ra 
fondata nel 1897 al solo scopo di assicurare la via dell'interno alle ca- 
rovane che passano di qui per attraversare i Bimal. 

Merca, posta a 43 miglia a sud di Mogadiscio giace in ridente posi- 
zione addossata alle dune che corrono parallele a tutta la costa del Be- 



Digitized by VjOOQIC 



^^!^"P>W^ 



156 

nadir. Le numerose case in muratura si elevano sul piccolo promontorio 
a terrazzo che sporge in mare, e formano la parte alta della città verso 
ovest, mentre dal lato opposto si estendono le capanne. 

Dal punto di vista nautico l'ancoraggio presenta gli stessi inconve- 
nienti di Mogadiscio ; ma forse più facilmente sarebbe suscettibile di 
miglioramento notevole. 

Il commercio, esercitato da negozianti indiani ed arabi, è per se stesso 
abbastanza importante e suscettibile di sviluppo maggiore. Nel 1897-98 
le esportazioni ascesero a T. 247 046 contro 180 050 dell'anno precedente 
e l'esportazione salì da T. 223 492 a T. 290 548. La popolazione è di 
circa 5000 ab. con prevalenza dell'elemento somalo. 

A 71 miglia da Merca sorge, anch'essa in ridente posizione, Brava in 
mezzo a terreni atti ad una cultura rimunerativa. L'ancoraggio per le 
grandi navi non è migliore dei precedenti, e come quelli è aperto a tutti 
i venti; i velieri indigeni vi trovano invece un sicuro riparo a ridosso 
degli isolotti. Lo sbarco alla spiaggia con mare agitato, come lo è sem- 
pre, resta invece più difficile, ma vi si rimedierebbe con un pontile 
ben riparato. 

H console avverte che la R. nave Staffetta stava terminando il piano 
completo e preciso dell'ancoraggio di Brava. Ciò permetterà alle grandi 
navi di j)rescegliex'e l'ancoraggio più opportuno, mentre le navi più pic- 
cole potranno mettersi a ridosso degli isolotti scillani basandosi su scan- 
dagli sicuri. Questi lavori idrogi-afici della costa somala, che sino ad ora 
non esistevano o erano deficienti, sono della più grande utilità e vanno 
grandemente incoraggiati. 

Il Cav. Pestalozza descrive quindi una gita da lui compiuta, unita- 
mente al Comm, Dui io. da Brava verso l'interno in direzione del corso 
dell'Uebi Scebeli, e si diffonde a parlare della feracità dei piani che si 
distendono su quella valle e della ricchezza che se ne potrebbe ricavare 
mediante opportune opere d'irrigazione, un tempo ivi largamente curata. 
Il Comm. Dulio — egli scrive — che ha tutta la voluta esperienza dalle 
cose agricole, intende dar mano senza ritardo agli studi di preparazione 
per un progetto di irrigazione il quale a primo aspetto non dovrebbe in- 
contrarsi in difficoltà serie; e le modificazioni all'antico, suggerite da 
condizioni speciali di vicinato, ossia dall'intolleranza dei Bimal, saranno, 
credo, possibili. 

Anche gl'indigeni a quanto afferma il R. Console, si interessano molto a 
questo lavoro dal quale giustamente se ne ripromettono sentiti vantaggi. 

L'industria in Brava, come negli altri porti del Benadir, è insignifi- 
cante; e modesta è pure il commercio il quale nell'anno 1897-98 fu rap- 
presentato da un movimento di T. 122 466 di importazione e di T. 76 311 
di esportazione. Esso mostra per altro un aumento notevolissimo rispetto 
agli anni precedenti. 

La popolazione di Brava ammonta a circa 4000 ab. di origine araba 
o somala. 



Digitized by VjOOQIC 



157 

L'ultima stazione del Benadir è Glumho a 136 miglia a sud di Brava 
alla foce del fiume Giuba di fronte alla stazione inglese di Kisimaio. 
L'approdo diretto vi è difficile perchè lungo quella spiaggia non esiste 
alcun riparo e la foce del fiume è ostruita dalla barra, cosicché occorre 
portarvisi passando per via di terra da Kisimaio, e attraversando quindi 
il Giuba in barca. 

Il posto è per ora soltanto una stazione di confine per sorvegliare il 
contrabbando. La popolazione è poca e misera, ma occorre tener pre- 
sente che la stazione non ha che due anni di vita. Il R. Console crede 
d'altronde che per la sua posizione allo sbocco di una ricca valle, la cui 
sponda sinistra spettante all'Italia è popolosa e molto coltivata, Giumbo 
sia chiamata ad un prospero avvenire. 

Concludendo la sua importante relazione il Caf. Pestalozza cosi rias- 
sume i suoi giudizi e le sue impressioni : 

< Il Benadir anche come è al presente non è da disprezzare; è però 
necessario migliorarne le condizioni, facilitando da una parte le comu- 
nicazioni di mare, e creando dall'altra nuove risorse in paese nell'in- 
teresse del pubblico sotto l'efficace protezione dell'autorità; per ciò otte- 
nere occorre: 

l.» Buona ed equa amministrazione come già esiste. 
2.<» Scelta di buoni funzionari. Stabilità degli impiegati che hanno 
saputo guadagnarsi la stima ed il rispetto della popolazione. 

3.0 Assodata la possibilità di fare opera utile di irrigazione nei din- 
tomi di Brava, darvi mano senza ritardo, 

4.0 Approfittare dei reali vantaggi che offre l'ancoraggio di Brava 
almeno per i piccoli piroscafi per eseguire ogni possibile miglioramento 
ad esso relativo. 

6.® Continuare da Merca con tatto e con pazienza l'opera non facile 
di ridurre man mano i Bimal e farseli amici; mentre da Mogadiscio, 
sede centrale del Governo, un'alta e savia direzione continuerà a far sen- 
tire sin nei più estremi limiti della colonia quella omogeneità di azione 
diretta al medesimo ed unico scopo del benessere e dell'incremento di 
quel paese. 

E cosi credo che assicurata la buona riuscita dell'impresa in Brava, 
ove tutto si presenta più facile, l'avvenire potrà sorridere prospero an- 
che per la rimanente colonia. 

D'altro canto sarà necessario pensare sin d'ora a collegare il Benadir 
con la Somalia italiana del Nord, rivolgendo seria attenzione ai nostri 
protetti di Obbia e di Alula, e cercando di utilizzare quanto quei loro 
approdi possono offrire di buono ». 

Sulla necessità di importanti opere intese non solo a migliorare le 
condizioni nautiche e gli approdi della costa, ma altresì a regolare il 
corso dei fiumi a promuovere grandi opere di irrigazione ecc. ebbe pure 
ad esprimere savi concetti il Commissario di Marina Sig. Augusto Tor- 
resin in un suo notevole scritto pubblicato di recente nella < Nuova An- 



Digitized by VjOOQIC 



158 

tologia ». — « Recarsi laggiù egli scrive, per lasciare che i Somali con- 
tinuino a coltivare infingardamente il solito campo di dura senza intro- 
durre i nostri attrezzi ; che il Giuba e lo Scebèli vadano come da secoli 
sono andati, senza regolare il corso con opere fluviali o strappare loro 
il canale d'irrigazione con dispendiosi sacrifici e che le carovane coi pro- 
dotti viaggino lente come sempre, attraverso le medesime strade insi- 
cure e primitive, senza sostituire alle prime, mezzi più solleciti e ren- 
der le seconde più atte ai trasporti; recarsi laggiù per vivacchiare sfrut- 
tando gli introiti di Merca, Brava, Mogadiscio, privi di quelle larghe 
vedute che fanno trascurare i miserabili profitti dell'oggi per i larghi 
compensativi guadagni del domani ; senza la forza di operare aspettando 
serenamente, sicuramente, non incalzati giorno per giorno dal desiderio 
morboso della rimunerazione a breve scadenza; recarsi laggiù — dico 
— m queste condizioni sarebbe poco serio per una grande nazione che, 
come l'Italia deve sentire alta la dignità di sé stessa. * (1). 

Concetti giustissimi ai quali sottoscriviamo pienamente, esprimendo 
l'augurio che la società del Benadir, cui la convenzione testé conclusa 
col Governo Italiano conferisce ampi poteri, sappia ragionevolmente in- 
spirar visi onde abbia proficui risultati questo primo tentativo di colo- 
nizzazione civile da parte di una società commerciale italiana. 

A. M. 



(I) ToRRESiN. — Vltalia al Benadir in « Nuova Antologia » 1.* nov. IS&9, 



Digitized by VjOOQIC 



159 



NOTIZIE 



O-eografia matematica e fisica. 

Lavori topografici neiUndia. — Nell'anno 1897-98 furono eseguite delle 
triangolazioni nel Belucistan, ma vennero interrotte da gravi disturbi 
che quivi ebbero luogo. Furono eseguiti rilievi topografici sopra 15,109 
Mq. nel Burma, Sind, sui monti Lushai, sugli Himalaya e nel Beluci- 
stan, e 9976 Mq. sulle frontiere occidentali ed orientali vennero studiati 
geograficamente. Simili osservazioni furono continuate, secondo il solito, 
in tredici stazioni nell'India, nel Burma, sul Golfo Persico, nelle isole 
Andaman e nel Mar Bosso. Si è rifatta la triangolazione dei monti 
Kbasi e Garo per vedere quali dislocamenti furono causati dal terre- 
moto del Giugno 1897. Furono fatte osservazioni sulla configurazione 
orizzontale e verticale in tredici stazioni sparse sopra un'area di 1020 
Mq. I risultati mostrano che tutte le stazioni giacciono nell'area scossa 
dal terremoto, cosi che è impossibile il dire quanto ogni stazione sia stata 
dislocata rispetto all' area posta fuori del raggio del terremoto. Il dislo- 
camento orizzontale medio sembra essere stato di 7 piedi, mentre che il 
cambiamento in altezza varia da un abbassamento di 43 piedi ad un 
inalzamento di 24 piedi; ma questi possono essere considerati come cam- 
biamenti relativi. 

Il Magg. Longe dà alcuni ragguagli sul paese a nord -ovest di Bhamo : 
egli accompagnò la missione pei confini Birmano-Cinesi. Furono man- 
dati distaccamenti a continuare la serie delle triangolazioni dell' Ira- 
waddi da Elatha, e la serie secondaria degli stati Shan dal fiume Salvìn, 
alla prossimità della frontiera. 11 paese in cui si svolsero le operazioni 
di questa sezione della commissione giace tra i fiumi Tapìng al nord ed 
il Namwan al sud. Questi scorrono paralleli l'uno all'altro, ad una media 
distanza di 30 miglia circa. Il primo è di gran lunga il più grande, ed 
è una profonda e rapida corrente, che scorre fra montagne boscose, e 
forma un serio ostacolo pei viaggiatori. L'ultimo scorre pacificamente 
per una considerevole distanza attraverso la fertile valle di Mongwan, 
e passando a' piedi delle montagne a sud-ovest fa un brusco giro a 
Kamkhai per raggiungere lo Shweli. Fra questi tre fiumi scorrono due 



Digitized by VjOOQIC 



160 

alte catene di montagne, di cui la più elevata è quella posta fra il Ta- 
ping ed il NamAvan. 

Le montagne vanno gradualmente diminuendo di altezza dal Namkhai 
Puan (8687 p.), immediatamente sopra il Taping a nord-est, alle alture 
che sovrastano la valle dell'Irawaddy. Le montagne sono ripide ed aspre» 
le valli profonde, e, ad eccezione del Kulong Kha^ solo piccola parte del 
paese è coltivato. Un'enorme area è priva di foreste e coperta di densa 
erba kaing e piccole jungle. L'acqua è abbondante. Non vi è nulla di no- 
tevole oltre le piccole correnti, eccetto, forse, la Kulong Kha, il cui letto 
è per alcune miglia ad un livello di oltre 4400 piedi, e poscia versa le 
acque con impetuosi torrenti nel Taping. Benché vi sia abbondanza di 
acque in queste correnti e molti bei laghi, non un pesce fu visto più 
lungo di un pollice. La selvaggina non è abbondante. 

[Heport of the Operationa of the Survey Department, 1897-98). 

Studi e determinazioni dì S. A. Principe di Monaco allo Spitzberg. — S. A. R. 

il principe Alberto di Monaco presentò all'Accademia delle Scienze di 
Parigi nella sua seduta del 5 febbraio decorso, un succinto rapporto 
sulla nuova campagna oceanografica da lui recentemente condotta nei 
mari boreali. 

Sebbene lo scopo della spedizione fosse sempre quello di proseguire 
le intraprese ricerche zoologiche e biologiche, egli volle inoltre iniziare 
un lavoro idrografico di precisione che si imponeva dal lato della navi- 
gazione, e i risultati del quale serviranno ai geologi dell'avvenire per 
conoscere i muovimenti del suolo. A tale effetto venne aggregato alla spe- 
dizione, composta totalmente di naturalisti, un ufficiale della marina mili- 
tare francese munito di istrumenti tornitigli del Deposito di carte e 
piani. L'itinerario stabilito dal Principe condusse dapprima la spedizione 
al nord dello Spitzberg ove una parte del mese di luglio e quasi tutto 
l'agosto venne assorbito dallo studio della baia E.ed, il contomo esatto 
della quale non figurava su di nessuna carta, e di un gran lago scoperto 
nella parte nord-est della baia e battezzato col nome di Richard, uno dei 
naturalisti componenti la spedizione. 

Quantunque la zoologia non dovesse assorbire questa volta tutte le 
cure della spedizione non furono trascurate le pesche ed i dragaggi sulle 
coste della Norvegia ed in alcune baie dello Spitzberg fino alla latitudine 
dì 79° 57'. Le esplorazioni delle acque dolci mostrarono che il lago Ri- 
cliard è molto povero a crostacei, ma il ISalmo alpinus, suo visitatore in 
estate vi trova, per nutrirsi, molte larve d'insetti. All'incontro non dette 
alcun risultato nei dintorni della baia di Treurenberg a 79*67' di lati- 
tudine. 

I componenti della spedizione, Dott. Portier e Dott. Chauveau si occu- 
parono rispettivamente di studi fisiologici e bactoriologici che furono 
condotti con tutto lo scrupolo e le garanzie necessarie. 

II rilevamento della baia Red e delle terre circostanti fu compiuto in 



Digitized by VjOOQIC 



^ ■«! ^ 



161 

tre settimane grazie ad un lavoro quotidiano incessante di 16 a 18 peri>one 
guidate dal tenente Guissez. Furono eseguiti 2400 scandagli e compiute 
inoltre alcune determinazioni di declinazione magnetica di ampiezza della 
marea e di posizioni geografiche assolute. Per queste ultime la longitu- 
dine fu ottenuta con l'impiego di 6 cronometri ed un contatore studiati 
dal 21 giugno all'll luglio dando un massimo di errore probabile di ± 3",4. 
La latitudine di un segnale eretto sulla punta Bruce, determinata da 
4 osservazioni risultò di 79»45' 22."6 e la longitudine da 13 osservazioni 
risultò da 9» 66' 12". E da Parigi. 

L'applicazione della fotografia alla topografia permise di eseguire i ri- 
levamenti con ogni precisione. Il Dott. Bruce se ne valse specialmente 
nelle sue esplorazioni all'interno in ascensioni che raggiunsero quasi 
1000 m., permettendo quindi di collegare il rilevamento idrogiafico ad 
un rilevamento topografico che comprende un gran numero di vertici 
sino a 20 chilom. nell'interno. 

L'ancoraggio della baia Red, cosi determinato costituisce — scrive il 
principe — il riparo più sicuro che io conosca allo Spitzberg. 

Alla fine della stagione il principe fece misurare col Teodolite la 
fronte dei ghiacciai delle Volpi e dell'Est nella baia della e Recherche » 
per poter stabilire un raffronto colle posizioni che questa fronte occu- 
pava nel 1838 e nel 1892 e rilevate in quelle due epoche della € Re- 
cherche » e dalla e Manche ». Quello dell'Est ha avuto un ritiro medio 
di 460 m. dal 1892 al 1899, quello delle Volpi mostra un leggero ritiro 
della sua metà settentrionale, mentre la metà Sud ha avuto un ritiro di 
circa 440 m. sempre dal 1892 al 1899. 



Gt-eografia eoonomica e statistica. 

Halianì e tedeschi al Brasile. — La < Koloniale Zeitschrift » (N.» 3, 1900) 
dopo aver riportato dalla nostra e Rivista » i dati relativi alla emigra- 
zione italiana in America si occupa più specialmente dell'emigrazione al 
Brasile paragonata a quella tedesca, ed espone in proposito alcune con- 
siderazioni che crediamo opportuno di riprodurre: « Precisamente code- 
sta emigrazione italiana in Brasile — scrive il periodico di Lipsia — ha 
per noi Tedeschi un interesse non indifferente, perchè quel paese è da 
un pezzo l'obbiettivo della tendenza colonizzatrice tedesca. Gl'Italiani 
hanno per lo più in Brasile sostituito i lavoratori tedeschi della terra. 
Nel decennio 40-60 di questo secolo i colonizzatori tedeschi in San Paulo 
erano molto oppressi, causa il sistema di mezzadria dominante nelle 
grandi piantagioni del caffè: con questo sistema era loro tolto il modo 
di acquistar terreni e c€iddero nelle condizioni quasi di servi delia 
gleba .... 



Digitized by VjOOQIC 



162 

« Il posto dei Tedeschi lo presero gritaliani. 

€ L'Italiano in Brasile non è colonizzatore — scrive il Dott. Ermanno 
Mayer, il quale studiò accuratamente le condizioni in Brasile dal punto 
di vista economico — ma egli a buon conto si accomoda molto presto, e 
per i suoi pochi bisogni che ha, riesce e guadagnarsi un buon peculio. 
Egli però non si affeziona al paese che gli rende possibile farsi bene- 
stante e se ne ritoma in patria per godersi il guadagnato. Ciò non im- 
pedisce che le colonie italiane non siano per lo più molto fiorenti, grazie 
alla assiduità loro, ma quel crescente sviluppo, di generazione in gene- 
razione, senza bisogno dell' alimento della madre-patria manca in loro. 

e Impossibile dunque a questo modo — seguita l'articolista — che colà 
si formi una Nuova Italia. E questo per noi Tedeschi è importante, 
perchè resta cosi escluso in quei bei torritorii coloniali un cozzo degli 
interessi italiani coi nostri. 

« Verso gl'Italiani predomina una certa indifferenza — dice il Lantberg 
nella sua bella opera or ora pubblicata, sul Brasile. — Non si amano, 
né si temono o si odiano. Nemmeno si lascia loro la minima influenza 
sulla vita pubblica, la qual cosa può però anche derivare, che persino 
nelle città, ove sono in gran numero, ben pochi appartengono al ceto 
colto, o alla mercatura un po' più elevata. Ciò non pertanto — secondo 
lo stesso scrittore competente — gl'Italiani in Brasile, tengono molto 
all'unione. Egli calcola il loro numero in 1.300.000. I Tedeschi sono circa 
260.000, i quali per la loro posizione economica potrebbero costituire un 
gran fattore, ma non lo costituiscono, e ciò perchè, seguendo il costume 
tedesco, non formano un complesso unito. Gli Austriaci non sono molto 
numerosi e si unirebbero volentieri ai Tedeschi, se ciò fosse loro per- 
messo. Se ciò si potesse all'estero, allora questa triplice lega potrebbe 
avere in Brasile un valore. Gl'Italiani sarebbero il numero, i Tedeschi, 
cui si unirebbero gli Austriaci formerebbero la parte intellettuale ed 
economica. non potrebbe cosi, con un' abile direzione, sviluppare in 
Brasile condizioni invidiabili? Vtdeani consules ». . . . 

Lourenzo Marquez. — Mentre il conflitto anglo-boero richiama la comune 
attenzione all'Africa Australe crediamo opportuno di riportare dalla 
stessa « Koloniale Zeitschrift » (18 gennaio 1900) che alla sua volta la 
toglie dalla recentissima opera di Waldemar Werther, < Dalla città 
del Capo ad Aden » la seguente descrizione della città di Lourenzo Mar- 
quez e della baia di Delagoa: 

€ Chi conosce Funchal (in Madera) conosce anche Lourenzo Marquez; 
è un tipo di città coloniale portoghese: una piazza per la passeggiata 
con varii caffè, alcune vie alquanto larghe e decenti ed un maggior nu- 
mero di vie strette e sudicie. Lungo il margine settentrionale alquanto 
più elevato della baia vi sono delle jville, ove dimorano i Portoghesi del 
ceto distinto e i forestieri. Un meschino^ servizio di omnibus unisce la 
città a codeste ville. Nella città domina ^alquanto la malaria, mentre 



Digitized by VjOOQIC 



168 

sana è la dimora nelle ville, perchè ventilate dalle brezze marine. Il 
prezzo del terreno va sempre aumentando in seguito alla importanza 
sempre crescente della baia, quale porto d'importazione sul territorio del 
Trans vaal. 

€ La baia di Delagoa può accogliere un'intera flotta, e facendovi al- 
cuni lavori potrebbe diventare uno dei migliori porti della Terra. Se 
questo finora non è avvenuto dipende dal fatto che la baia è portoghese, 
e che i governatori pensano a tutt'altro. . . . 

• 11 sud della baia è occupato dalla foce alquanto impaludata del pic- 
colo fiume Maputu. 

« Lourenzo Marquez è pieno di Suaheli di Zanzibar e della costa 
orientale tedesca dell'Africa, i quali, specie come servitori, vengono ben 
pagati e guadagnano il quadruplo di quel che guadagnerebbero a casa. 
Vi sono parecchie ditte tedesche, che fanno buoni affari, e parecchie in- 
glesi che stanno anche meglio. La città si fa ognor più fiorente ed offre 
buon campo ai negozianti intraprendenti ». 



Società O-eograflche. 

Società geografica italiana. — Numerosi soci convennero domenica 25 Feb- 
braio all'Assemblea indetta dalla Società geografica italiana, nella quale, 
oltre che procedere alle elezioni annuali ed all'approvazione dei bilanci, 
dovevasi prendere una deliberazione intorno alla rinuncia offerta dal sena- 
tore marchese Giacomo Doria dall'ufiicio di Presidente, che egli copre 
dal 1891. Il prof, comra. Luigi Bodio che presiedeva l'Assemblea, comu- 
nicò che il Consiglio direttivo della Società aveva fatto viva istanza al 
marchese G. Doria perchè egli volesse recederò dalla presa decisione, ma 
che non essendo riuscito nell'intento, aveva deliberato di sottoporre la 
questione all'Assemblea dei soci. Il dottor Lamberto Loria propone al- 
lora il seguente Ordine del giorno: « L'Adunanza generale dei soci, udite 
le comunicazioni della Presidenza sulle dimissioni offerte dal marchese 
Giacomo Doria fa suoi i voti del Consiglio direttivo e prega il marchese 
Doria a rimanere a capo della Società. » Quest'ordine del giorno fu vo- 
tato, dietro proposta del prof. G. Dalla Vedova, per acclamazione ed 
un lungo applauso dimostrò quanta fiducia riponessero i soci nell'opera 
dotta e sapiente dell'eminente uomo, sotto la cui direzione si compierono 
due spedizioni che rimarranno a dimostrare quanto possa e valga l'Italia 
nel campo della Geografia esploratrice. 

Approvata quindi la gestione finanziaria della Società, l'Assemblea 



Digitized by VjOOQIC 



^9P?^y^-- 



164 

Forel deirUniversità di Losanna ed al prof. Cosimo De Giorgi di Lecce 
fu aggiudicata la medaglia d'argento con l'omaggio delle pubblicazioni 
sociali. 

Le elezioni parziali alle cariche sociali, a cui parteciparono 232 soci 
ebbero il seguente risultato : fu confermato nelPufficio di Vice-Presidente 
il generale conte Luchino dal Verme, deputato al Parlamento con voti 216; 
a Consiglieri riuscirono eletti: il prof. Elia Miìlosevichj vice Direttore 
dell'Osservatorio astronomico del Collegio Romano, con voti 226, il dottor 
Vittorio Vi/lavecchia, con voti 210, il prof. Luigi Pigorini, direttore del 
Museo preistorico ed etnografico, con voti 206, il senatore comm. Giulio 
Adamoli con voti 156. In sostituzione del prof. Giovanni Marinelli, il 
quale per motivi di salute, aveva offerto le sue dimissioni, fu eletto il 
comandante Roberto Mazzinghi, direttore della e Rivista Marittima t, 
con voti 127. 



Insegnamento geografico. 

L'insegnamento della Geografia nelle Università del Belgio. — Si annunzia 
che sulPesempio del P Università Nouvelle, presso cui fiorisce l'Istituto 
geografico sotto la direzione delP illustre Réclus, il ministro dell' Istru- 
zione pubblica del Regno del Belgio ha deciso d'aprire pel prossimo anno 
accademico una facoltà di geogi'afia a Gand ed una a Liegi, presso quelle 
università dello Stato. 

Anche l'Università cattolica di Louvain e la libera di Bruxelles fa- 
ranno altrettanto. Il programma dei corsi sarà più completo di quello 
adottato in Germania e porrà l'insegnamento geografico universitario del 
Belgio a quel grado che a questo insegnamento compete. 

A dirigere la facoltà di Gand sarà chiamato il Lecointe Comandante 
in seconda la spedizione antartica belga o specialmente incaricato dei ri- 
lievi idrografici e topografici e delle determinazioni magnetiche e pen- 
dolari, e a quella di Liegi l'Arctovsky, anch'egli reduce da quella spedizione 
nella quale ebbe l'incarico delle osservazioni geologiche oceanografiche 
e meteorologiche. 

Notizie Bibliografiche. 

Nella « Rassegna Nazionale » fase. 1.» Die. 1899 il nostro collabo- 
ratore Prof. P. Sensini pubblica: LHnsegnamento della Geografia negli 
Istituti Tecnici, che salvo poche varianti è il cappello del programma 
particolareggiato del corso di Geografia da lui svolto all'Istituto Tecnico 
di Firenze e trasmesso al Ministero per essere inviato all'Esposizione 
di Parigi. 

— Ha iniziato la sua pubblicazione a Pavia una nuova e Rivista di 
Fisica, Matematica e Scienze ^l aturali » che uscirà mensilmente in ele- 



Digitized by VjOOQIC 



■ lUJVL^i .■■ 



165 

ganti fascicoli sotto la direzione del Sac. Prof. Maffi. Il periodico intende 
occuparsi anche di Geografìa e conterrà quindi una cronaca geografica 
affidata all' egregio nostro amico ed operoso e valente collaboratore 
Prof. Pietro Gribaudi del quale nel primo fascicolo publicato troviamo 
pure una prima parte di una importante memoria: La Geografia nel se- 
colo XIX specialmentt in Italia. 

— « L'Universo > l'antica « Geografia per Tutti » che ebbe vita tanto 
rigogliosa ed utile sotto la direzione del Prof. Arcangelo Ghisleri, e che 
da alcuni anni era passato in proprietà della Casa Editrice Fr, Vallardi, 
la quale ne aveva affidata la direzione al Prof. L. Cerio, ha cessate le 
pubblicazioni. 

— Ha pur sospese le sue pubblicazioni la « Cultura Geografica » re- 
datta come già annunziammo dai nostri collaboratori Dott.: C. Battisti e 
R. Biasutti. 

— Continua invece a pubblicarsi a Bologna, ma in fascicoli mensili 
anziché quindicinali, T* In Giro pel Mondo » diretto dal Prof. Assunto Mori. 
Il periodico, pur conservando il suo carattere popolare, intende dare un 
maggior incremento alla trattazione di argomenti riflettenti la geografìa 
astronomica, fìsica e biologica. 

— Lo stesso Prof. Assunto Mori ha intrapreso la pubblicazione per la 
Casa Editrice Antonio Vallardi di Milano, di una serie di Carte semi- 
mute per lo studio della Geografìa in Italia, delle quali colla scorta di 
alcune indicazioni fondamentali (contomi, monti e passi principali, sor- 
genti e foci dei fìumi, nomi abbreviati di città e luoghi notevoli ecc.) lo 
scolare deve completare il disegno. 

— Col 1900 è stata iniziata a Roma la pubblicazione di una nuova 
grande rivista col titolo: L* Italia Coloniale, Il periodico esce in grossi 
ed eleganti fascicoli mensili di oltre 150 pagine, ed è diretto dal pub- 
blicista G. Gobbi Belcredi. Esso intende illuminare lo spirito pubblico 
sui vari problemi coloniali, studiare lo sviluppo, gli errori, il valore 
delle nostre colonie, raccogliere in proposito una larga messe di notìzie 
e di giudizi ecc. I due fascicoli sin* ora apparsi presentano un interesse 
veramente rilevante. Notiamo due scritti delPAvv. Monzilli su L'Emi- 
grazione e Vespanaione coloniale e su La Legge suir Emigrazione; una breve 
relazione dell'ammiraglio Grenet, comandante la divisione navale ita- 
liana dell* estremo oriente su II Giappone quale è oggi; altra relazione 
del deputato Fazi sul Venezuela ecc. 

— Una pubblicazione consimile è pure stata iniziata in Germania per 
cura dell'Istituto Bibliografico di Lipsia col periodico Kolonìale Zeìt- 
schrifly diretto dal Dott. Hans Wagner, che esce in fascicoli quindicinali 
riccamente illustrati. Il periodico si prefigge seguire il movimento colo- 
niale di tutto il mondo specialmente dal punto di vista degli interessi 
tedeschi. 



Digitized by VjOOQIC 



r 



166 



ECROLOGI A 



Le scienze geografiche lamentano in questi ultimi mesi numerose e 
gravissime perdite, tanto in Italia quanto nel resto d*Europa, delle quali 
la € Rivista > reputa doveroso tener parola. 

Ricordiamo dapprima quella dell'insigne storico ligure Cornelio 
IDesìmoni deceduto a Genova il 29 luglio 1899 quando era prossimo 
a compiere il suo 86** anno di età. Al Desimoni, sovraintendente degli 
Archivi liguri, la storia della Geografia e della Cartografia è debitrice di 
numerosi e dotti lavori, che segnano veramente progressi notevoli nel 
campo di questi studi. 

Ricordiamo gli scritti su Giovanni di Verrazzano, su Giovanni Caboto, 
sui fratelli Zeno, l'illustrazione àeìVAflante Luxor^ la dotta monografia 
sulle Questioni Colombiane redatta per la pubblicazione nazionale « Rac- 
colta di documenti e studi » pel centenario del 1892 ecc. (1) 

Pure a Genova moriva il 2 ottobre 1899 il contrammiraglio Carlo 
"Db Axn.B.ZB>g€ij da alcuni anni ritiratosi dal servizio attivo nella 
marina, e già Direttore della scuola Superiore Navale di quella cittó. 
'' Intrepido e valoroso comandante, il De Amezaga si era acquistato nella 

> marineria italiana un nome veramente popolare. Né all'abilità marina- 

4' resca e al carattere ardimentoso di cui egli aveva dato si larga prova, 

I andava in lui disgiunto un acuto spirito di osservazione che ci ha 

f trutta to relazioni di viaggio di molta importanza. Ricordiamo i suoi 

^ scritti Assabj e II lì. avviso Hapido nel Mar Rosso e nel Golfo di Aden 

\ pubblicati nel e Bollettino della Società Geografica Italiana » e più. spe- 

\ cialmente i 4 bei volumi contenenti la relazione del viaggio di circuni- 

/ navigazione della R. Corvetta Coracciolo, compiuto sotto il comando del 

«^ De Amazaga negli anni 1880*84 ricchi di notizie e dì dati di alto inte- 

I- resse geografico. 

^ A Napoli il 29 dicembre decorso si spegneva, ancor esso in grave età, 



• _ j}-. 



Digitized by VjOOQIC 



"▼ — - — --rw — -'• T - 



167 

sidente della Società di Esplorazione Commerciale in Africa sedente in 
Milano, del Consorzio industriale italiano per il commercio con Vedremo 
oriente. Viaggiatore e scrittore infaticabile, promotore di esplorazioni 
geografiche, l'Italia non ebbe in questo ultimo trentennio apostolo più 
fervente e convinto dell'espansione coloniale e commerciale oltre i con- 
fini della penisola. La sua scomparsa dalla scena del mondo sulla quale 
egli ebbe parte cosi attiva è veramente un lutto per la Geografia e per 
la patria (1). 

A Vienna il 6 Dicembre decorso moriva in età di soli 45 anni il dot- 
tor Filippo Petulitscllke professore di etnologia presso quella Uni- 
versità, dotto e deligente illustratore della etnografia africana, special- 
mente dalla sua parte nord-est, alla quale dedicò una lunga serie di 
scritti importantissimi, alcuni dei quali pubblicati per la prima volta in 
Italia nei * Bollettini • della Società Africana di Napoli e di quella di 
Firenze. Egli è pure autore di un' operetta: Le comunicazioni mondiali 
che fu pure tradotta in italiano per cura dei proff. Marinelli e Salvoni. 

E pure in età ancora virile dobbiamo lamentare la perdita del Gene- 
rale russo AJessio Tillo, avvenuta a Pietroburgo il 12 gennaio. 
Geografo e geodeta operoso e distinto dobbiamo al Tillo importanti la- 
vori nel campo specialmente delle determinazioni ipsometriche e della 
statistica territoriale. 

A. M. 



(1) Una luDga e diffusa uecrologia sui Camperio venne inserita da A. Blessich 
nel « Bollettino della Società Geografica Italiana», dei Febbraio 1900. 



Digitized by 



Google 



168 



BIBLIOGRAFIA 



LUIGI EINAUDI, Un principe mercante (Studio suir espansione coloniale 
italiana). — Bocca, Torino, 1899 (pag, 316, Lire 6). 

In una prefazione del libro VA. afferma, che la galleria degli Hal4anì 
alVEsteroy all'Esposizione Nazionale di Torino del 1898, destinata a rac- 
cogliere le prove della multiforme opera scientifica, economica, coloniz- 
zatrice e commerciale dei milioni di italiani sparsi nelle varie parti del 
mondo al di fuori della patria, poteva dare una visione netta e precisa 
della importanza e della grandiosità dell'opera compiata nell'ultimo tren- 
tennio dalla nostra forte e vigorosa popolazione. E lo dimostra passando 
in una assai succinta e rapida rassegna quanto gli Italiani hanno 
operato nello varie parti del mondo, come pure si è cercato di fare nei 
parecchi articoli, che la Rivista ha pubblicati nei fascicoli di febbraio, 
marzo, aprile, giugno dell'anno scorso. E si ferma con questo volume a 
parlare specialmente dell'America latina, e sovratutto dell'Argentina, 
dove fra i tanti soldati emergono anche molti « capitani dell' Industria » 
e sceglie poi tra questi numerosissimi e self made men » uno, il quale 
è l'incarnazione viva delle qualità intellettuali ed organizzatrici desti- 
nate a trasformare la piccola Italia attuale in una futura < più grande 
Italia », pacificamente espandente il suo nome e la sua schiatta gloriosa 
in un continente più ampio dell'antico impero Romano. Ed il capitano 
dell'industria, il principe mercante (e non perchè mercante principe?) 
scelto è Enrico Dell'Acqua, un esempio singolare di organizzatore di 
capitali e di uomini, il più grande rappresentante dell'industria coto- 
U'Ora nell'America del sud. 

Narra quindi TA. (Gap. I), come il Dell'Acqua sostituendo all'antica 
massima « il traffico va dietro la bandiera », la nuova e le correnti del 
traffico devono seguire le correnti dell'emigrazione dall' Italia: le colonie 
libere e non le officiali devono attirare i commercianti desiderosi di 
creare uno sbocco ai prodotti dell'industria della madre patria», non 
peusò già all'Africa, alle « inospitali terre dell'Africa, abitate da barbari 
poco vestiti ed insensibili ai bisogni della civiltà moderna »; non all'Asia, 
dove se vi sono nuclei abbastanza compatti ed agiati di connazio- 
nali, questi sono nuclei vecchi in gran parte di persone dedite esse stesse 
al piccolo od al grande traffico, aventi proprie consuetudini di vita e di 
relazioni economiche, risalenti ancora talvolta ai secoli scorsi; non al- 



Digitized by VjOOQIC 



169 

TAmerica del Nord, Anglo-sassone, dove i nostri, deboli, sfruttati, igno- 
ranti, sono come annegati e dispersi nella massa variopinta di un popolo 
di 70 milioni . Né pensò ad iniziare relazioni commerciali, colle colonie 
temporanee e fluttuanti dei braccianti, muratori, scalpellini, mereiai e 
suonatori ambulanti sparpagliati in tutta Europa per alcuni mesi dei- 
Panno, nel Caucaso, nelTAsia Minore; perchè gli emigranti temporanei 
vanno fuori del loro paese collo scopo dì risparmiare la maggior parte 
dei loro guadagni e di comprare la minor quantità di roba possibile. 
Pensò invece all'America del Sud, dove vivono e si agitano milioni di 
italiani; e procuratesi privatamente quelle notizie commerciali, che non 
aveva potuto trovare nei libri di geografìa solo ricchi « di nozioni sulla 
altimetria delle varie regioni, sulla direzione delle giogaie, sul corso 
dei fiumi > là decise di lanciare i prodotti della sua industria ; non og- 
getti di lusso, ma articoli di grande consumo, di poco prezzo e special- 
mente cotonate italiane. 

Dopo avere cosi esaminata la formazione dell'idea nel Dell'Acqua, 
l'A. passa allo studio dell'ambiente in cui l'idea si trasformò in azione 
(cap. I-IX). E colla >corta delle cifre statistiche (che qui non ripeto, 
perchè i lettori della Rìxista le possono anche trovare negli articoli so- 
pra nominati, a pag. 121 del fascicolo II-III dell'annata scorsa), l'A. di- 
mostra come l'ambiente argentino sia saturo di italianità, perchè gli 
italiani superano il milione, e nelle vene di un terzo dei rimanenti abi- 
tanti scorre sangue italiano, ereditato da almeno uno dei genitori; fe- 
nomeno avvenuto in virtù della forte emigrazione, le cui fluttuazioni 
(rappresentate graficamente da un cartogramma) sono contrassegnate 
da eventi famosi nella storia argentina. Quindi l'A. raccoglie in alcuni 
gruppi tipici i nostri emigranti, mettendo in rilievo le individualità 
eminenti, che seppero emergere dalla folla grigia ed anonima per al- 
tezza d' ingegno, per intraprendenza audace od anche per fortunata 
combinazione di circostanze favorevoli. 

E seguendo, credo, come unica fonte, talora anche sunteggiando e ri- 
portandone le stesse parole, la splendida pubblicazione Gli Italiani nel- 
V Argentina (Buenos Aires, 1898), che i nostri connazionali presentarono 
all'Esposizione di Torino, l'Einaudi studia le varie forme successiva- 
mente assunte dall' Emigrazione italiana nell'Argentina: prima quella 
dei Marinai (Capo III), poi quella dei Coloni (Capo IV), dei Fabbri e 
degli industriali metallurgici (Capo V), degli Artigiani e dei Fabbricanti 
(Capo VI), dei Muratori ed Architetti (Cap. VII-VIII) e finalmente dei 
Mercanti (Capo IX). 

Sono certo queste le forme che meglio ci possono dare l' idea della 
importanza della vita economica degli Italiani nell'Argentina ; ma non 
avrebbe forse nociuto allo scopo prefissosi dall'A. nella sua pubblica- 
zione, il rammentare almeno succintamente altri gruppi tipici di emi- 
granti italiani, che avrebbero potuto lumeggiare più completamente la 
vita dei nostri connazionali in quei paesi che essi fecondano. Non è 



Digitized by VjOOQIC 



170 

infatti da trascurarsi Tel emento dei professionisti (medici, avvocati, 
professori e maestri), dei letterati, giornalisti, impiegati, artisti (pittori, 
scultori, musicisti, comici) che pure spiccano nell'ambiente italo-ar- 
gentino, e la cui esistenza ornai necessaria dimostra come la vita sì 
svolga secondo i costumi e le tradizioni della nostra patria. Né meno 
sarebbe stato opportuno lo studio dello sviluppo morale della colletti- 
vità, che Antonio Franzoni tratteggiò eflScacemente da profondo cono- 
scitore, suscitando una profonda e lieta impressione nell'animo del 
lettore. 

Ad ogni modo l'Einaudi, tratteggiato, come meglio credette, l'ambiente 
argentino, e ricordate le principali individualità, che emergono da cia- 
scuno dei gruppi tipici d'emigranti da lui scelti, ritorna al Dell'Acqua, 
al modesto industriale cotoniero di Busto Arsizio, e ne racconta l'arrivo 
e il programma, le prime conquiste dei piccoli mercanti dell'interno, 
essendo stato dapprima respinto dai grossisti di Buenos- Aires (Capo X): 
le prime vittorie dovute anche agli eccellenti collaboratori, impiegati e 
commessi viaggiatori di cui egli seppe circondarsi; lo sviluppo del com- 
mercio che dall'Argentina si estese all'Uruguay e al Brasile, e quindi 
lo scoppio improvviso della crisi argentina del 1889 (dovuta all'orgia 
dei progetti e delle costruzioni fatte senza denari e alla folle e spen- 
sierata emissione della carta-moneta), che mise a mal partito l'impresa 
ardita del nostro industriale (Capo XI). E continua narrando la lotta 
accanita del Dell'Acqua colla fortuna avversa, coi creditori impazienti di 
essere pagati in oro, contro le oscillazioni dell'aggio che distruggevano 
tutti i suoi calcoli, e col capitale che fuggiva dall'Argentina spaventato 
dalle perdite subite (Capo XII, XIII, XIV, XV >. 

É una lotta epica che se non riguarda direttamente il geografo, ma 
più l'economista, puro si legge con grande interesse e con vero orgo- 
glio d'italiani o si desidererebbe che ben nota fosse tra di noi la storia 
di quest» uomini energici e meravigliosi, la cui influenza morale sulla 
folla avvilita e scoraggiata sarebbe davvero etìdcace e proficua. 

Ed è con un senso di sollievo, che si arriva al racconto della vitto- 
ria economica del Dell'Acqua (Capo XVI), quando la marca italiana in- 
trodotta trionfalmente da quest'uomo singolare nell'America del Sud, 
entrò nel gusto dei consumatori, e le case concorrenti dovettero per 
forza importare articoli italiani od imitazioni loro. La parte del volume 
che esaminiamo scritta dall'Einaudi, si chiude colla descrizione dell'or- 
ganismo industriale (Capo XVII) e Commerciale (Capo XVIII) di que- 
sta Società per V Esportazione dei prodotti italiani nelV America del Sud^ i 
cui prodotti sono conosciuti in tutta l'Argentina e il Brasile, nell'Uru- 
guay, Para-Guay, Venezuela, Columbia, Equador, Perù, Bolivia, Cile, 
nell'isola di Curacao; che ha conquistate 729 piazze, importando in un 
decennio 48,000.000 e più di lire in tessuti di cotone, distribuiti su cen- 
tinaia o centinaia di località, lontanissime tra loro, e ripartitamente 
affidati a circa 10,000 clienti; che nelle sue fabbriche e nei suoi fondaci 



Digitized by VjOOQIC 



171 

ha saputo irreggimentare una massa di 2000 uomini, non automi inco- 
scienti, ma ruote consapevoli e intelligenti di un potente organismo 
economico. E finisce FA. sfatando la leggenda che dipinge gli italiani, 
come un popolo di neghittosi e di pusilli, dei e Cinesi d'Europa >; il fatto 
che gli attuali colonizzatori dell'Argentina sono quei nostri poveri emi- 
granti, che dal porto di Genova salparono colla miseria e colla dispera- 
sdone in cuore, dimostra che essi non sono da meno degli Inglesi, che 
colonizzarono immensi territori colla virtù, di un capitale copioso e a 
buon mercato, e di un ceto operaio ahile e hen nutrito. Per cui i capi- 
talisti italiani non dehhono lasciarsi attirare dalPillusione patriottica di 
riscattare il debito pubblico dai detentori stranieri, di colonizzare le terre 
incolte e da altre simili imprese feconde di un magro interesse varia- 
bile dal al 4 0[0: ma organizzati in potenti consorzi, dovrebbero lan- 
ciarsi, non in Asia, nò in Africa, ma nelle Americhe, dove il saggio 
corrente dell'interesse è del 10 0(0, e dove al lavoro solido ed onesto 
si aprono dinanzi indefinite prospettive di guadagni; riconquistando la 
funzione di banchieri intermediari, i quali lasciano sfruttare da altri 
una parte del proprio territorio per potere, coi capitali cosi liberati, 
utilizzare con maggior profitto territori vergini stranieri. 

Tale il lavoro delPEinaudi, che sopratutto è un'opera buona, perchè 
non è male, che in mezzo allo scoraggiamento generale che aleggia nel 
nostro paese, e fra tante incertezze, che dominano la nostra politica co- 
loniale, ondeggiante fra i miraggi dell'oro eritreo e delle sete asiatiche, 
ci sia una voce improntata all'ottimismo e alla speranza in una Italia 
futura più. grande, rinnovellata per le forze dei vigorosi suoi figli, ri- 
sorgenti in lontani paesi ad un florido avvenire economico. Nò vogliamo 
fiu: un appunto all' A. per essersi fermato solamente attorno ad un solo 
€ capitano dell'industria >, benché forse, a nostro modesto avviso, avrebbe 
giovato di più al nobile scopo prefissosi dall'autore, il non fermarsi a 
sviluppare tutta l'opera d'un uomo e d'una casa commerciale, ma piut- 
tosto lo studio di altri self-made men^ pel quale non solo il libro e Gii 
italiani nell'Argentina » gli poteva prestare la materia, ma molti altri, 
con cui avrebbe rimpolpato il suo lavoro. Non voglio tacere però l'er- 
rore di metodo, in cui, a mio avviso, è caduto l'A. Egli premette (png. 14 
in nota) che per non * sprecare lo spazio del volume e gli occhi del 
lettore con continue citazioni del libro e Gli italiani nell'Argentina >, di 
cui egli confessa di essersi valso e ripetutamente nella descrizione del- 
l'ambiente italiano nell'Argentina > (pag. 93), non fa richiami, ma il 
lettore deve immaginare, che le citazioni comprese nel presente libro fra 
virgolette « sono tratte dal suddetto volume >. 

Non sempre però egli cita le pagine (Cfr. ad es. a pag. 72, 78, 78, 82, 
47, 48, ecc. ecc.), nò egli ci avverte quando il concetto ò preso da quello 
o da altri libri. Per esempio a pag. 89, dove vien descritto l'organi- 
smo commerciale nell'America del Sud, una mezza pagina intera è 
tolta, senza citazione, ad liUeram^ dalla pag. 22 dell' opuscolo del Del- 



Digitized by VjOOQIC 



172 

L^ Acqua, Proposta d'aumento del capitale sociale ecc. (Busto Arsizio, 1897): 
ed a pag. 90 e 91 non ricorda che quasi due pagine virgolate sono prese 
dalla pag. 28 e 25 dell'opuscolo citato: cosi a pagg. 146, 151, 153, 156. 
É vero che egli avverte a pag. 87 (nota 1), che i capitoli dal X in giù 
« sono stati scritti su materiale in gran parte manoscritto, fogli vo- 
lanti, bilanci, relazioni stampate e dirette agli azionisti ecc. »; ma il 
lettore ha il diritto di conoscere almeno queste relazioni stampate, per 
avere modo di allargare le sue conoscenze, se gli torna comodo, su quel 
dato punto del soggetto. 

Come posso io, per esempio, orientarmi a cercare dove sono stampate 
(se sono stampate) le giuste parole riportate dall' A. a pag. 128-124 e da 
lui attribuite ad un Argentino, mentre l'unica indicazione che TA. mi 
dà è questa « Cosi scrive un Argentino » ! Non sono certo da approvare 
quelli che impinguano i loro volumi con citazioni inutili, di seconda 
mano, per far pompa di una indigesta e inopportuna erudizione; ma a 
mio avviso non si deve trascurare la bibliografìa, quando questa non 
solo è testimonio della serietà delle ricerche degli scrittori, ma anche 
può riuscire ieconda di altre indagini sullo stesso o su argomenti affini 
a quelli trattati da uno studioso. 

Il volume comprende ancora (da pag. 171 alla fine), come appendici, 
alcune relazioni di parecchi viaggiatori della casa Dell'Acqua, i quali 
veramente, come dice l'A., si mostrano intelligenti ed abili a sorpren- 
dere i gusti e le abitudini dei paesi lontani, a saggiare le minime va- 
riazioni della domanda, a fare delle diagnosi acute degli stati di crisi 
e di prosperità economica (pag. 19). Infatti le informazioni minute, 
esatte e pratiche che essi ci danno sui vari Stati dell'America del Sud, 
sono di grande interesse anche pel geografo; il quale intento a coordi- 
nare, a condensare, a descrivere le varie regioni attraverso le relazioni 
e le notizie dei viaggiatori, ha bisogno di altre informazioni analitiche, 
anche d'indole economica, per sorprendere la vera fisonomia dei paesi 
e conoscerne l'importanza nel commercio del mondo. 

Bernardino Frescura. 



Dott. CARLO ZEHDEN. — Trattato elementare di Geografia Commerciale, 

tradotto dal tedesco dal dott. Guido Ottorogo Ragusa, G. Destefano 
tip. editore 1898. 

Il dottor Guido Ottorogo ha tradotto dal tedesco il bel trattato ele- 
mentare di geografia commerciale del dott. Carlo Zehden, professore 
alla i. r. accademia di commercio, di Vienna, e ispettore per l'insegna- 
mento commerciale presso il ministero dell'istruzione in Austria. 

Il traduttore poi non si è limitato alla semplice versione, ma ha ri- 
fatto in huona parte il libro, adattandolo ai programmi delle scuole 
italiane. Ha rettificato parecchi dati statistici, fatta di sana pianta la 



Digitized by VjOOQIC 



i»iP.P'iti|>V ■ ' k 



17S 

parte che si riferisce all'Italia, e riassunta quella che tratta dell' Au- 
stria-Ungheria, pur mantenendo una giusta armonia tra le diverse 
parti del libro» il quale sarà certamente bene accetto dalla nostra pro- 
duzione scolastica libraria, ora specialmente che il rainìstro Baccelli 
accenna d'occuparsi della trasformazione di alcune scuole tecuiche de' 
nostri centri di commercio (1). 

Lo stile facile e sciolto non lascerebbe sospettare d'aver fra le mani 
una traduzione; ed è questa una qualità tutt'altro che trascurabile. 

Quanto alla sostanza c'è qualche svista, ma sono nei: il protendersi 
del deltoide del Po non sarebbe, secondo le più accurate determina- 
zioni, di m. 100 (come afferma l'Ottorogo), ma di m. 70 all'anno; e la 
Cina e la Corea fin dal 1897 fanno parte dell'unione postale, mentre 
(secondo l'Ottorogo) non vi avrebbero ancora aderito. Sono, ripeto, nói 
che non tolgono pregio al libro nel quale è assegnata una giusta im- 
portanza alle ferrovie a ai mezzi di comunicazione, nozioni queste utili 
a qualunque persona ed indispensabili al commerciante, il cui compito 
principale è di mettere in relazione fra loro consumatori e produttori 
d'ogni paese. 

G. Costantini, 



RIVISTA DEI PERIODICI 



Bollettino della Società Geograflen italiana. — Feb- 
braio 1900. 

Pasanisi F. M. La popolazione deWEuropa. L'A. riassume e discute 
i risultati della pubblicazione Die fìevòlkerung der Erde — Europa — 
pubblicato dal Supan nelle appendici delle t Pet. Mitt. ». 

Baldacci a. La popolazione dell* Epiro. Secondo un recente censimento 
ufficiale, i sangiaccati in cui il viVayet dell'Epiro si suddivìde, avreb- 
bero una popolazione complessiva di 499,102 ab. Ma secondo il B. questo 
numero non può esser che approssimativo, scarsissima attendibilità avendo 
i censimenti turchi. 

Conti Rossini C. Ricerche e studi sìdVEtìopia, Il Dott. C. R. che ha 
fatto un soggiorno di alcuni mesi nell'Eritrea espone in questa memoria 
i resultati delle sue osservazioni specialmente linguistiche e storiche. 

BuLATOViCH A. K. DaWAhissinia al Lago Rodolfo per il C-tffa con note 
di G. Roncagli. Il B. riproduce dal Giornale della I. Società Geografica 
russa la conferenza del B. nella quale narrò il suo viaggio nelle regioni 
meridionali dell'Etiopia corredandolo di numerose ed opportunissime note 
atte a rettificare alcune asserzioni del viaggiatore sulla scorta delle 
osservazioni dei viaggiatori italiani che li precedettero. 



(1) 11 trattalo in discorso h adottato oella r. Scuola tecnica, con indirizzo com- 
merciale, « Salvator Rosa » di Napoli. 



Digitized by VjOOQIC 



'"^i^^^^'^^mmm 



^ 



174 



p. La Géosraphie* — Bulletin de la Socièté de Géoarapkie de Patii. 

;f N. 1 e 2. 1900. 

La Società Geografica di Parigi, una delle più antiche e potenti so- 
cietà geografiche d'Europa ha cambiato col l'anno nuovo la forma delle 
Rsue pubblicazioni. Anziché i Cumpten-r'^ndiis des fn^avces e i BnìUHim 
trimestrali che dava in luce sin ora, curerà la pubblicazione di una bella 
rivista geogi-afica mensile di grande formato col titolo « La Géographie » 
la quale sarà edita dalla casa editrice Mason e C. — I due primi fasci- 
coli sin ora distribuiti sono veramente notevoli por Pimportanza ed il 
valore degli scritti che contengono. Segnaliamo primieramente una dif- 
fusa memoria del Gen. Galmhni su Àfadif/uscar corredata di carte e 
figure; le note di viaggio di Makoel Monnier A traverso la Corea con 
belle illustrazioni; un rapporto di E. Racovitza, sui Rhuìtaii della spt- 
dìzione antartica heìga cui egli partecipò come naturalista; la relazione 
di viaggio di G. Saint- JvES nel Turkestan cinese e n^l Pam ir corredata 
di carte e di illustrazioni ; due artìcoli uno del Gen. Dkrhecagaix ed 
uno di H. Froidrvm'x su In-Salah^ nei quali si parla della recente oc- 
cupazione di quella oasi da parte della Francia segnalandone Fimpor- 
1^ tanza politica economica e geografica. — La « Géographie » dedica pure 

una diffusa recensione al volume I/Omo nella quale si pone in luce bel- 
lissima l'operato della seconda spedizione Bottego e si esalta il valore 
dell'opera che « onora la scienza italiana ». 

Re vile de Géog^rapliie. — Febbraio 1900. 

' Xknopol. L'azione j^^ "ionica in Oriente. L'A. professore dell'Università 

t di Jassy tratta dei movimenti sismici nella penìsola balcanica. 

t De Harrasovskv. Ferrara. Impressioni personali e ricordi storici 

^ dell'Autrice. 

>j Continuazione degli scritti del Drapeyi*on sulla Germania del Nord, 

p del Barre sulla Cina, dell'Ibos sui diritti della Francia al Siam. 

Fra le recensioni segnaliamo quella assai diffusa dedicata dal direttore 
della « Kevue » Drapeyron, sempre tanto benevolo verso l'Italia, all'opera 
del Dott. Carli sul Cekiang, ed un'altra dedicata all'opera del De Filippi 
sulla spedizione al Sant'Elia, che viene qualificata una delle più ricche 

' fra le recenti pubblicazioni geografiche apparse in Europa. 

Annales de Géographie* — 15 Gennaio 1900. 

L. Caullery. Le scogliere coralline, (primo articolo). L'A. si propone 
dì riassumere i risultati dei recenti studi intrapresi circa alla forma- 
zione delle scogliere coralline, studi che in questi iiltimi anni fecero 
progressi notevolissimi. 

Cora, Onservazioni sulla strada da Charnonnix al Alt nife Biann**. 

Flahault. La ve (let azione del Caucaso. Riassunto dei numerosi ed ac- 
curati studi compiuti su questo argomento dal naturalista tedesco dot- 
tor Radd. Vi è annesso una Carta della vegetazione del Caucaso alla 
scala di 1 a 4 milioni. 

Bussox. Le vallate delVAarés. L'Aurés è secondo l'A. il sollevamento 
montano più interessante dell'Atlante algerino. La memoria illustrativa 
è adorna di numerose e belle fototipie. 



Digitized by VjOOQIC 



«".••■"iwr^ 1 ■•■, .• 



175 

sultAti della spedizione danese dell' « Ingolf » che furono ^ià resi di 
pubblica ragione in una relazione ufficiale apparsa in lingua danese a 
Copenhaghen nel 1898. Sono annesse alla memoria due carte della re- 
gione con le indicazioni di profondità, salsedine e temperatura del mare. 

Kramer. / probabili solUvamenti ed abbassamenti del suolo a Samua eoa 
alcune notizie geografiche. 

Nelle « Piccole notizie » E. Bretschnkidbr riferisce sul viaggio com- 
piuto dal Potanine nella Cina Occidentale e nella zona di confine del Tibet 
orientale nel 1893; P. Langhans, parla dei Boeri nell'Africa tedesca del 
Sud-Ovest (con carta); A. Wichmann, sulla geologia del Minahassa ecc. 

The Oeosraphical Journal. — Voi. XV, N.» 1, Gennaio 1900. 

Vaughan Cornish. Sulle dune di sabbia che circondano il delta del 
Nilo, — L'A. dopo aver studiato la formazione delle dune {Geographi- 
cal Journal^ Marzo 1897) in generale, si recò nella primavera del 1899 
in Egitto per studiare le dune che circondano il delta del Nilo. Il pre- 
sente lavoro è un resoconto de' suoi interessantissimi studi, reso più at- 
traente da numerose e ben riuscite incisioni. 

Marakoff. Il rompighiaccio Jermak, Il M. vice-ammiraglìo della flotta 
rassa racconta il viaggio della nave rompighiaccio Jermak lungo le co- 
ste orientali delle Spitsbergen, dimostrando Putilità di simili navi pei 
viaggi polari. Crede che una nave della forza di 2500 cavalli possa fare 
molto viaggio attraverso il ghiaccio; però osserva che sarebbe più con- 
veniente, per varie ragioni, adottare un combustibile liquido. 

J. LUBBOCK. Sulla configurazione della superficie della terra, con speciale 
riguardo alle isole britanniche. 

Un ricordo d^ esplorazione neW Africa nord-orientale. Recensione del- 
l'opera di C. Vanndtelli e C. Citerni. VOmo. Milano, Hoepli 1899. 

A. S. Hbrbrrtson. Distribuzione dei prodotti agricoli e centri di vita 
intertropicali. 

Recensione di Die Lnndbauzonen der aussertropischen Ltinder, Auf Grund 
der statistichen Quellewerke dargesteUt von Th. H. Engelbrecht. In tre 
volumi: Voi. I. testo pp. XI, 279; Voi. II. statistica, i^ip. X. 383; Voi. III. 
Atlante, pp. Vili, 79 carte Berlino, 1899, Dietrich Reimer. 

Spedizione del luogotenente Kozloff nelVAsia centrale. 

Iflcni. — Voi. XV, N.' 2, Febbraio 1900. 

Herbert Weld Blundell, Un viaggio attraverso VAhissinìa al Nilo. 
lì Blundell accompagnò prima l'ilarrington nella sua missione diplomatica 
alla corte di Menelik, percorrendo la via Zeila-Harrar-A«i(Hs-Abeba (mar- 
zo-maggio 1898). Ottenuto da Menelich il permesso di viaggiare ne' suoi 
stati, il Blundell, dopo un breve ritorno in Inghilterra, adunò a Berbera 
una piccola spedizione composta di Lord Lovat, dott. Knettlitz, Mr. Har- 
dod (naturalista) sotto la sua direzione (7 dicembre 1898). Da Berbera si 
recò ad Arghesa, attraversando quella catena di montagne su cui s'eleva 
il Gar Liban (1920 m.), e quindi ad Harrar. La posizione di Harrar gli 
sembra quanto mai propizia per una grande città. Essa è infatti si- 
tuata a 5400 p. in mezzo ad un paese fertile, industrioso, con clima sa- 
nissimo. Dopo un breve racconto delle vicende a cui Harrar andò sog- 
getta in questi ultimi anni, il B. nan'a il suo arrivo ad Addis-Abeba 
(19 gennaio 1899), mentre Menelik era a Magdala in maixia contro Man- 
gascià: per questo esso fu obbligato a fare una diversione dalla strada 
prefissa per recarsi a presentare i suoi omaggi al re da cui fu ricevuto 
molto cordialmente. Nel ritorno, per variare strada discende dall'altopiano 
che aveva percorso nell'andata a Magdala e prende la strada attraverso 
una serie dì vallate, che separano l'altipiano dal piìi basso paese dei Da- 



Digitized by VjOOQIC 



176 

nnkili. Il 23 febbraio 1899 risale suiraltipiano, visita il monastero di 
Debrafinai poi Ancober che fino a pochi anni fa fu la capitale dell'impero 
Etiopico ed il 28 febbraio è di nuovo ad Addis Abeba. Di qui riparte il 
2 Marzo percorrendo prima la bellissima e pittoresca valle dell'Hauash, 
poi quella del Gibbe affluente dell'Omo. Tutto il paese è molto fertile, 
ed il cotone vi prospera come pure il tabacco. Da Lekenti città di quasi 
40 mila abitanti situata in un verdeggiante piano, il Blundell si dirige 
a nord ovest passa il fiume Didera affluente delPAbai (Nilo Azzurro) e 
dopo una marcia di 48 ore è al confine occidentale delPAbissinia. Es- 
sendo stato obbligato a fermarsi, il B. organizza una caccia agli elefanti 
nella valle del Dabus (Jabus; che scorre lungo la catena di Mendi ed 
ha formato per lungo tempo il confine naturale e riconosciuto tra il 
paese dei Galla (ora Abissinia) ed i Sciangalla o le razze negroidi del 
gran bacino del Nilo. Dal Dabus dopo tre giorni di marcia in mezzo ad 
un paese in cui sono ancor manifesti i segni delle invasioni abissine, la 
spedizione arriva ad Abdeerrahman, capitale di questi paesi. Il 6 maggio 
passato il Nilo Azzurro entrava in Famaca donde in pochi giorni arri- 
vava a Roseres, di qui a Sennaar sopra una cannoniera e poi a Khartum. 
La spedizione si procurò ricche raccolte zo dogi eh e. 

M. CoNWAY, Viaggio di Hudson aflt Spìtzherg, Una della più imbro- 
gliate relazioni degli antichi viaggi alle isole Spitzberg è quella che de- 
scrive il viaggio di Hudson nel 1607. La colpa non è, sembra, dell'Hud- 
son, che è noto come un accurato osservatore, ma di Giovanni Pleyce 
cho fu uno de' suoi compagni di viaggio: esso ne scrisse una relazione 
forse copiando anche qualche estratto di quella dell' Hudson, frainten- 
dendo e alterando nel copiare ciò che Hudson scrisse, collo scopo di far 
credere che in quel viaggio si raggiunse una latitudine più alta delle 
reale e si fecero nuove scoperte, oltre quelle fatte da Barentz nel 1596. 
Il Convay analizza il racconto di Pleyce per conoscere quello che di 
vero v'è in questa credenza. 

U. R. Rbaglby, Nuova fune su alcune carte medievali. L'A. esamina i 
resultati a cui venne il Miller circa alcune delle più antiche carte me- 
dievali e specialmente la « Cotton » o carta Anglosassone del decimo 
secolo, la carta di Enrico di Mains dell'inizio del duodecimo, la carta 
« Girolamo » della stessa età e la « Psalter » del decimoterzo secolo. 

J. Norman Hkathcote, Una caria di S. Kilda, L'A. studiò l'isola di 
Kilda, una delle Ebridi, di cui esegui una carta. 

Studi topografici per la ferrovia del Mashonaland. (Con una carta). 

Hugh Bobkrt Mill, La Finlandia ed il suo popolo. A proposito del- 
l' « Atlas de Finlande » Text. Publié par la Societè de Géographie de 
Finlande. Fennia, voi. XVII. Helsingfors, 1899. 

Viaggi in Cina di Mrs.Bishop. Recensione dell'opera del Bishop, The 
Yangfse Volley and Beyond, Londra, Murray, 1899. 

B. Strachky, Racconto d'un viaggio ai laghi Karas-tal e Monaaarovar 
nel Tibet occidentale fatto nel settembre 1848 Diario di viaggio con nu- 
merose notizie sulla flora delle regioni visitate. 

U esposizione Livingstone. Sotto questo nome il dott. Hartard Batter- 
sbry organizzò un' esposizione in cui raccolse molte reliquie di Livin- 
gstone e di tanti altri viaggiatori, e modelli di equipaggiamenti pei viaggi 
di esplorazione. 



Digitized by VjOOQIC 






Opere pubblicate dalla Società Editrice Dante Alighieri 



E>ott. V. ac. t*Al&anibi 



TE3STO DI GEOQRAFIA 

PER LE SCUOLE SECONDARIE SUPERIORI 

(liioeii latitati Tecnioi, Collegi Militari, Scuole Normali) 
Un grosso Toltune di circa £60 pAg;i illustrato con numerose figure originali L. 5. 

Dello stosso autore: 

ELEMENTI DI GEOGRAFIA 

Per le ScQOle secondarle Inferiori (Ginnasi, Scuole tecniclie, complementarli ecc.) 

tJn elegante volume riccamente illustrato L. 2,75. 

GEOGRAFIA PARTICOLARE DELL'ITALIA 

TESTO PEB LA IV CLASSE GINNASIALE 
Un Tolnme illustrato -di circa 180 pagine, L. 1»50. 



Geografia particolare delle Regioni d' Europa 

TESTO PEB LA V CLASSE GINNASIALE 
Un volume illustrato di «irca 18D pagine Lire ly50. 

ATLAKTE PEL DISEGmT CARTOGRAFICO 

ad uso delle acnoU s econdarie classiche , tecniche e normali 

Introduzione metodica e testo metodico con 26 figure ed 8 carte 

• _______ 

Volume con 1* introduzione metodica L. 2« — Senza Pintroduzione metodica L. 1 50*, 



I»rof. FRANCESCO PORRO 



NOZIONI DI COSMOGRAi'IA 

ptr le scuole secondarie inferiori e per i maestri 
XJit Volume eli oltre oaxito -peiQixie l-iire 1. 



Professor GIOVANNI MABINELLI 
Ordinario di Geografia nel B. Istituto di Studi superiori di Firenzci Dep. al Parlamento 

ZjJB! FRO'VINCIE ly ITALIA. 

Brs9Ì cetani geografici, staUstici e storici raccolti in 69 quaderni per lo studio della geogrc^fia 
patria nelle scuole elementare e complementari^ secondo i programmi governativi 

Ogni quaderno è destinato ad una Provincia e contiene: 
C^nfiìod •— Superficie e popolazione — Circondari o Distretti — Situazione topografica — 
OoÀfignranone orizzontale — Configurazione verticale -- Idrografia — Strade — Clima 

— Culture principali e prodotti — Coltura intellettuale^ previdenza, eoo. — Circosori- . 
siont varie — Cenni sul capoluogo di provincia e sui principali centri di popolazione 

— Jifote speeiikli sulla provincia ~ Cenni storici. 

Ogni quaderno si vende separatamente al pretto di Cent, iO o di Cent. 10 
eecondo il numero dei fogli* 



W» — %€ pubblicazioni qui annunziate si trooano presso i principali librai^ 
é'Mi ÉpecUscono franco di porto a chi le richiede direttamente alla SoeMà 

nitrite BtBte lUi^ileri In Roma, Corto (angolo del Caraiita n. 0). 



Digltlzed by VjOOQIC 



AVVI 8 O 



Per una recente disposizione presa dal Consiglio di Diresione delli 
Società di Studi Geografioi e Coloniali d'accordo con la- Società Editrice 
Dante Alighieri, la collaborazione alla < Rivista Geografica » è limitato, 
di regola^ ai soli Soci di detta Società di Stadi Geografici e agli abbo- 
nati alla « Bi vista ». 

Si raccomanda ai collaboratori la massima brevità conciliabile con la 
trattazione esauriente del soggetto. Di regola le memorie non devono ol* 
trepassare le 16 pagine di stampa. 

Sono gradite le brevi comunicazioni e notizie originali su tutto il vasto 
campo della geografia, le bibliografie^ sia semplicemente obiettive, com^ 
anche critiche. I manoscritti non si restituiscono. 



La Società di Studi Geografici e Coloniali, trovandosi in possesso H 
alcune diecine di copie della Raccolta completa del ^ Bollettino dellft 
Sezione fiorentina della 8oeietù Africana d'Italia ^ (Dieci annata 
1885-1894), ha stabilito di cederle ai propri Soci e a quelli delle altre 
Società Geografiche italiane e straniere, e agli abbonali della « Bivista 
Geografica Italiana » al prezzo di L. 10 per l'intera Raccolta* 

Tale Raccolta consta di 10 volumi, di quasi 8000 pagine complessive, 
arricchiti di carte geografiche, ritratti e fotografie. Contiene numerosi ed 
importanti articoli originali riguardanti l'Africa ed una copiosa e minuta 
rivista del movimento geografico e coloniale africano e specialmente det- 
razione italiana nell'Eritrea e nell'Africa in generale, in tutto il deoea- 
nio 1885-1894. 

Le richieste potranno essere inviate con cartolina vaglia di L. 10 aBa 
presidenza della Società (Piazza S. Marco 2,. Firenze). 



■iese^ oceettaAtl netlemlire «4 •tt«bre« 

L'abbonamento annuo ò di L iO^ oon facoltà di pagarle anohe In dua rata inth 
olpata. Per Veitero L tStm — Un fasolcolo separato L tfiO* 

II. illGM«R M«DO IM JkmmOMAWUaU ti OVEI'V^ l»l «PBDIRfi AMJUk 
••CIBTjIl EniTRICE e nASTB ÀMGHIEmi » Roma, C«rM (ABg^U Csrtt- 
▼lUi, •) VRA CAATOUMA-TAGUA colla sempUoe spesa di oent. 15. 



Google 



Digitized by VjOOQ 



7V^-^z- 



Annata VII. 



Fascicolo IV. 



Aprile 1900. 



iiiiiiiEia iiiiiiii 




LLETTINO 

I STUDI GEOGRAFICI E COLONIALI 

FIRENZE 



I N 



Direttore: Prof. G. MARINELLI, Plaza d'Azeglio, 12''* Firenze. 

BedaUore: ATTILIO MORI, Via S. Gallo, 31, Firenze. 



«.x%%v«>%%wx%ww 



Sommario del presente fascicolo. 

■eai^rie •rl^iiiAli, — M. FtORiM, Proiezioni cartografiche cicloidali. — Umberto 
Pagani, Su alcune sorgenti di gas nel Bologtxese, — Olinto Marinelli, Idee 
morfologiche di Carlo Gemmcllaro. — Pietro Gribaudi, La Patagonia secondo 
recenti studi. — 0. Saija, Eolisse parsiale di Lt*na del i6 Dicctnhre i899, 

■•«•«^■A Cart«gr«fle«. — Nuove pubblicazioni deiristituto Geografico Militare. 
— Pabblicazioni del < Service Géographique de rArmée ». — Pubblicazioni 
dell'Istituto Topografico Militare dei Paesi Bassi. 

Votici». — Geografìa matematica. — Statistica. — Concorsi. — Notizie bibliogra- 
fiche. 

MMI#|irAfla« — Mori Attilio, Come progredì la conoscenza geografica della To- 
scana nel secolo XIX (Filippo Porena). — Revelli P., // viaggio in oriente 
di Vitaliano Donati (Pietro Gribaudi). — Connaissance des Temps etc. pour 
Pan 190^ puhliée par le Bureau des Longitudes (A. M.). — Atlas de Fin^ • 
lande (E. 0.). — P. Revelli, Del sentimento della natura e della sua educa- 
zione (P. G.). — Bullettin de Vlnstitut International de Statisi i que {\, M.). 

BHrfsta del P«ri«dllel. — Bollettino della Società Geografica Italiana (Marzo 1900). -* 
La Géographie (N. 3, Marzo 1900). — Petermanns Mitteilungen (IH, 1900). — 
The Geographical Journal (Voi. XV, N. 3, Marzo 1900). — The Scottish Geogra- 
phical Magazine (Voi. XVI, N. 1, Gennaio 1900). — Idem. (Voi. XVI, N. 2, 
Febbraio 1900). — Idem. (Voi. XVI, N. 3, Marzo 1900). 

Eleaeo del ««el della «eeletà di Studi geogrmUeì e eelenlail In rirense. 



.W%X'%V%X.'V%%.'V%%,%<«%,X'W'WX'« 



ROMA 

SocibtX Editrice Dante Aliohibri 

Cono (angolo del Oaravita N. 6) 



1900 



Digitized by 



Google 



SOCIE TÀ EDÌT RICE D ANTE ALIGHIERI 

PUBBLICAZIONI PERIODICHE PEL 1899 

ti5i3 

Biblioteca storica del Risorgimento Mano 

diretta da T. CASINI e Y. FIORINI. 

Di questa Biblioteca si sono pubblicati i seguenti volumi: 

1. y. Fiorini. — Oli atti del Oon^resso Olspadaiio. Voi. di pag. 206. — L. 2. 

2. G. Carducci. — Xae prime vittime di Franoeaoo IV, duca di Modena. Notixie di A. P«> 

nizzi. Voi di pag. 2S0. — L. 2. 
8. T. Casini. — I*a rivoluzione di BCUano nell'aprile 1814. Kelazioni storiche di L. Annft- 

roli e C. Verri. Voi. di pag. 200. — L. 2. 
4. GioYAVvi SroRZA. — Ckurlbaldi in Tosoana nel 1848. Voi. di pag. 72, L. 1. 
6-6. T. Casiki. — Memoi^e di un veoohio carbonaro ravegrnano. (P. Uccellini). Voi. di 

pag. 800, L. 3. 

7. D. ZAinoHBLLi. — X.O Statuto di Carlo Alberto. Voi. di pag. 150, h^ 2. 

8. P. S. Makciki. — Belazione sol fatti del 13 KaiTfflo 1848* Voi. di pag. 200. L. 2. 

9. Albssakdro liuzio. — I«e oinque grlornate nelle narrazioni anstriaoke* L 2. 

10. Bapfaicle Belluzzi. — Ita ritirata di Cktribaldi da Boma nel 1849. 

11. Lniai Rava. — D. A. Farinl e la sua ^* Men^oria storioa ,» sulla Somasrn* ^^ 17M 

al 1828. 

12. V. FioRiKi. -. Gli aoHtti di Carlo Alberto ani 1821. 

Della BIBLIOTECA STORICA PEL RISORGIMENTO ITALIANO si pubblica un vo- 
lume ogni mese, posto in vendita a prezzo proporzionato alla sua mole. Dodici 
numeri formano una serie. -*- Chi si abbona ad una intera serie pagherà sola- 
mente lire 12 e cioè Lire una per ogni numero, la quale si può ancne versare ai- 
Patto del ricevimento del volume. — Per abbonarsi basta inviare alla Società 
Editrice Dante Alighieri, Via del Corso angolo del Caravita^ n. 6^ Koma, una 
cartolina vaglia di L. 12 con la dichiarazione di associarsi a tutta la 1» serie 
e si riceveranno subito franchi di porto i volumi fino ad ora pubblicati. 

I^I^V^IST^A. ID'IT.A3U:A° 

(GIÀ ITALIA e VITA ITALIANA) 
diretta da DOMEIVICO OIVOLI 

Pubblicazione illustrata mensile nella gita le collaboran o i più illustri scrittori ed artisti ibUaii 

Por r Italia un semestre L. Il ; un anno L. 20. 
Per rUnlono Postalo, tm sem. (oro) L. 13; un anno L. 25. — Fuori dell'Un. postale, un anno L. 02 
Prezio di un fascicolo separato Uro DUE. _ 



ATLANTINO GEOGRAFICO ELEMENTARE 

PEE LE VAEIE REGIONI D'ITALIA 

composto & diretto dal professor GIOVANNI UABINELLI 

Ordinario di Geografia nel B. Istituto di Studi Superiori in Firense 

Disegnato dal cav. G. E. Fbitzsohs 

Un aUantlliO per ciascuna delle seguenti Begioni; 
Pièmontey Liguria-Nizza-Corsicat Lombardia-Ticino, Veneto-Trentino e Litorale, Emdia, 

Toscana, Marche e Umbria, Lazio- Abbruzzi e Molise, Campania, Puglie e B^UicitOf 

Calabria, Sicilia, Sardegna. 

Ogni atlantino contiene le segaenti carte: 
1. Carta topografica, spoelale: pianta e prospetto della Scuola, pianta e prospetto di una 
uiaua principale, pianta della Città principale della regione, tipo di paesaggio ; — 
2. Carta della rooiona divisa per Provincie e relativi confini, scala 1:1600000; — 8. Corti 
fisica d* Italia; — 4. Carta politica d'Italia colle divisioni regionali o per provinole; — 
5, Carta fisica e polKica d'Europa; — 6. Carta fisica e potttlca doir/Uia; — ?. Carta fisieo 
e politica dell'Africa e deU'Australla ; a Carta dell'America Settentrionale o Herltfloiiale; - 
9. Planisfero in proiezione omalografica e in proiezione di Mercatore, profilo di mon- 
tagne, fiumi pricipali, ecc. -^ 10. Carta di eleménti cosmooraflel: sistema punetario, cielo 
stellato, eclissi di sole e di luna, rivoluzione della terra attorno al sole, comete, 
pianeti nella loro grandezza proporzionale rispetto al sole, zone deUa terra, Saturno 
in varie posizioni rispetto alla terra, fasi lanari, sole, luna, la terra nelle quattro 
stagioni, ecc. 

prezza di ciascuno Atlantino: [ i^i^|°?o*'"'': ; ; ; ^» J gg 



Digitized by V^OOQ IC 



«■•.•uy.> 



COLLEGf 



SEP 24 190L' 
RinSTA fiJHWRAFlCA ITAftAIlA/,. . „ Auùo VII. Fase. IV. - Aprile 18 



^^ 



'lìmi, lAj^ 



MEMORIE ORIGINALI 



PROIEZIONI CARTOGRAFICHE CICLOIDALI 



Nota di M. FIORINI Professore nella Università di Bologna 



Sieno, in projezione, P il polo, origine delle colatitudini «, 
e PX il meridiano centrale della regione presa a rappresen- 
tare dal quale s'iniziano le longitudini ^ e su cui s'intendono 
conservate le distanze. E sieno i paralleli altrettante cicloidi, 

^ / & A 




imbasate sulla PY perpendicolare alla PZ, coincidendo, per 
ciascuna di esse, il punto di mezzo della base (deferente) col 
polo P ed essendo il diametro 2R del circolo generatore (ejn- 
cido) uguale all'arco rettificato del meridiano iniziale discen- 
dente dal polo al parallelo di colatitudine u. Il quale diame- 
tro, detto ri il raggio di curvatura del meridiano, è una 
funzione della colatitudine u, espressa da 



(1) 



22? 



r 

= I r^du, 



Digitized by 



Google 



178 

Per tale modo risultano determinati i paralleli. A fissare 
compiutamente la rappresentazione che puossi appellare ciclo- 
idale occorre ancora stabilire il tracciamento dei meridiaDi 
P di cui si dirà in seguito. 

Intanto, è opportuno ricordare qualche proprietà della ci- 
cloide. Essendo g il punto generatore della curva e rotolando 
\ (senza strisciare) l'epiciclo gLPS sul deferente PA fino a giun- 

I gere da P in J, il punto g sarà giunto in M, le cui coordi- 

L nate rispetto agli assi PX e Pì\ detto 9 Parco Gif pari a/ilf' 

4' ed espresso in parti di raggio, sono 

l (2) Z=i?(lH-cos9), r=== ^(9-hsen9). 

y La simultaneità di queste due equazioni fissa la cicloide, che 

1^ può esprimersi unicamente con 

' r= V^RX—I} -h 2i2 are cos ^ . 

Ik' La cicloidCj quando non si tracci con moto continuo come 

\ indica la sua stessa definizione, può descriversi per punti, le 

. cui coordinate si ottengono facendo variare (p per gradi e 

calcolando le espressioni (2). Senza valersi della X=^ QM= Ph 

si può ricorrere, essendo, in generale, il polo collocato fuori 

della Carta, alla a= gh = 2R — Z, data da 

(3) a = i?(l — C0S9). 

E, come la prima delle (2) mutasi in Z =: 2i? cos* ^, cosi 

la (3) si cambia in a=2^sen^^. 

Altro metodo atto a descrivere la cicloide per punti si de- 
sume dalla proprietà che sono uguali le corde degli archi gL 
e GM e che è LM= B>vcgL = PI=^ gG, Divisa la semicircon- 
ferenza PLg dell'epiciclo in un certo numero di particelle (ad 
esempio ne'suoi 180"*) da portarsi sulla PY da P in ^, me- 
glio sulla gjV da g in A\ se si considera l'epiciclo nella po- 



Digitized by VjOOQIC 



179 

gesi come si trovino tanti punti della semicicloide gMA quanti 
sono i punti di partizione della semicirconferenza gLP e del 
segmento gA\ Analogamente dicasi per l'altra metà della ci* 
cloide. 

Chi ricerchi la lunghezza di un arco S della cicloide avente 
l'origine in g, trova 

(4) iS=4J?8en|. 

Ci asteniamo dal dire di altre numerose ed ammirabili pro- 
prietà della cicloide. La letteratura di questa curva, iniziatasi 
sin dal principio del secolo XVII, è amplissima. Fra gli scrit- 
tori che ultimi ne trattarono sono il Proctor (*) e il Tessari (**). 
Ammessa l'esistenza di una data relazione tra (p, t« e f, od 
anche soltanto tra (p e f, le (2) offrono le coordinate ortogo- 
nali del punto generale della rappresentazione espresse per 
mezzo delle coordinate geografiche w e f . E quindi, dicendo in 
riguardo all'ellissoide terrestre: 

a e 6 il semiasse equatoriale e l'eccentricità; 

ri e rg i raggi di curvatura del meridiano e del paral- 
lelo; e nomando: 

5 l'alterfiizione a cui soggiace, in proiezione, l'angolo del 
meridiano col parallelo; 

w' e m" i moduli lineari del meridiano e del parallelo; 

|X* il modulo superficiale; 
in grazia di note formolo si trova (***) 



(5) tanS = 



9 22gDy 



2*^'' 2 



9 
(6) ^<^8 

m 



-^(i+l*'"'-!)' 



Digitized by VjOOQIC 



~f'*:'r»^ 



180 














(7) 






m"= 


2R 


m Do 




(8) 






f.' = 


= m" 


C08|(l-f- 


l-i). 


avvertendo che 


è 












'•. = (! 


a(l 

— e' 


COS- w) - 


i 




asenu 




'•-(1- 


- e* co8« t^) ì ' 



e che la (1) svolta in serie secondo le potenze di e fermate 
al quarto ordine, posto 

, 3e- 45e^ ^ Se* lòe' Ibe' 

somministra 

2i? = a (1 — e') {oLu -f- ^ sen 2m -4- j- san 4w). 

I quadrati dei moduli lineari principali si deducono dalla 

w* — (m''- -{- m"*) m* -f- m" m"* cos* S = 1 ; 

quanto, poij alle direzioni che loro competono rimandiamo 
alle formole esposte nel citato nostro trattato. 

Se air ellissoide si surroga la sfera, assumendone per raggio r 
la media geometrica dei raggi principali di curvatura dell'el- 
lissoide spettanti alla media colatitudine U della Carta, si ha 
ri =rr, r2 = r sen m, 27? = au e 



(9) ^^^-^ 



1—e^coa'U 



II. 



Quale relazione deve esistere tra cp, w e ^ affinchè gli archi 
dei paralleli sieno amplificati nella rappresentazione secondo 
il costante rapporto A? 

Dovendo essere m" = A, dalla (7) si ha 

^^^"2 e>^ = 2^» 



Digitized by VjOOQIC 



181 
la cui integrazione, detta $ una funzione arbitraria, dà 

^^""2 = 1^ "^'^^'*^' 
che, per la coincidenza dell'asse delle X col meridiano iniziale, 
ossia per la rispondenza di<p = oa^ = o, riducesi a 

(10) ««-^1=1^. 

che è la rìchiesta relazione tra <p, u e ^ e che può anche rica- 
varsi seguendo altra via. In vero, l'arco del parallelo obbiettivo 
di longitudine t, pari a rgf, è, in proiezione, Arit, e quindi, in 

grazia della (4), si ha, identicamente alla (10), 4Ji sen -^= ArH, 

Dalla (10), derivata rispetto a w, si ottiene 

9 4)9 
2 Dw 

che, per la nota relazione dT^=^r^ costecJw e per l'altra 2d/2=ri du 
data dalla (1), ponendo 

(11) ^=^^^*'-à» 



At l^dr. dR\ 



8Ì 


cambia 


in 




















9 d^ Afir^t 


E 


però 


le 


(5), 


(6), 


(7) 


e (8) divengono 










tan 1-. 


"~ 9 9 9 












«»'■ 


9 9 9 
co8|-f-|sen| 



cos ^ 
m" = A, 



i.^ = A (co8|+|sen|) 



Nel caso della sfera la (11) si cambia in (3 = cos u — 



sen 2^ 



u 

La costante A uguaglia l'unità quando le distanze sono con- 
servate sui paralleli. 



Digitized by VjOOQIC 



^17P. ':^fr^-* 




182 



in. 

Volendo che la rappresentazione sia quantitativa e cioè che 
le aree subbiettive abbiano il costante rapporto B colle ob- 
biettive, quale legame deve esservi tra <f, u e tf 
p Dovendo essere costante ed uguale a S il modulo superfi- 

ciale [x*, dalle (7) e (8) traesi 

integrando ed osservando che a f = o risponde f = o, trovasi 
la richiesta relazione essere 

2BrA 

(12) 2(p -h 3 sen 9 — 9 cos 9 = — ^ - • 

! Per mezzo della quale equazione, facendo, per ciascun pa- 

rallelo, variare t di grado in grado, si hanno i rispondenti 
valori di (p e quindi quelli di Z e Y, Ma, supponendo già 
tracciati i paralleli con uno dei metodi esposti in principio del 
primo paragrafo, per la loro graduazione in longitudine ba- 
sterà calcolare soltanto una delle due coordinate, od anche 
semplicemente la a espressa dalla (3). 

Dalla (12), avendo riguardo alla (11), si ricava 



quindi 



9 / 9 (p\i>o B^r.t 
2Rd2 B0t 



1(1 +I**'»!)' 

Per ciò si hanno le seguenti espressioni 

3g. + -|-c.-|-(l-t-|.t..-|-) 

■■l-O + f-l)" ' 



tan S : 

008' 



Digitized by VjOOQIC 



- r - y v^JHy ' wi*^ ^ 'f ^ ^ y,. ^ ■ - -■ 



188 



TO' = 



^^«Y^+f^^^iy 



Basta fare B=i per passare dalla proiezione quantitativa 
alla equivalente. 



IV. 

S'è detto che, ammessa una certa relazione tra o, u e t, 
le (2) offrono le coordinate rettangolari del punto generale 
della rappresentazione. Si consideri ora il caso in cui tale 
relazione, non essendovi compresa la w, abbia luogo soltanto 
tra <p e f. Eccone una prima conseguenza. L'equazione 

Y{1 -f- cos 9 ) = Z (9 4- san 9), 

ricavata dalle (2), essendo (f una funzione di t, significa ohe 
i meridiani sono rettilinei e convergenti nel polo. 
La formola (6) si cambia in 

2 o 

cot 5 = h tan -^5-; 

9 J 

permangono le (6), (7) e (8), delle quali la prima può mutarsi 
in 

m'=Vco8«-2-+-2- 86119-+-^= ^ 

Queste due ultime formolo mostrano che per uno stesso me- 
ridiano è costante Tangolo sotto il quale i paralleli lo incon- 
trano e che costante pure n'è il modulo lineare. 

Per descrivere un dato meridiano di longitudine t, essendo 
lo stesso rettilineo, basterà trovarne i punti d'incontro con 
due paralleli (u) e (u'). Al quale fine, calcolate le rispondenti 
a e a' date dalle (3), si segneranno i piedi delle ordinate Y 
e Y' la cui elevazione darà i detti punti. Per tale modo non 
si ricorre al polo P collocato, in generale, fuori della Carta. 



Digitized by VjOOQIC 



184 



Considerando il caso contemplato nel paragrafo precedente, 
domandasi quale relazione deve legare (f a, t affinchè il modulo 
m" dei paralleli, variando bensì al variare della colatitudine 
Wj risulti indipendente dalla longitudine t, riesca cioè costante 

per ogni singolo parallelo. 

Essendo — funzione di w, e 9 funzione di t, dall'equazione (7), 
indicando con Jc una quantità costante, ricavasi 

da cui, osservando che il meridiano iniziale coincide colPasse 
delle Z, deducesi essere la richiesta relazione data da 



p Kt 

sen — 

e che si ha 



'"^ T-^' 



2KR 



Tir 9 



Il grado del parallelo obbiettivo w, uguale a ^ ^, in proie- 

T.r^m" . 'ìKizR . . , ^e^ ix -i 

zione vale ion~ì ossia — -qvc-j pan, cioè, a 2K volte il 

grado deirepiciclo della rispondente cicloide. Dunque, se, a 
partire dal meridiano iniziale, si segnano sopra le due cicloidi 
rappresentative dei paralleli ti e u\ essendone R q R' i raggi 
dei loro epicicli, si segnano, dico, i successivi gradi longitu- 
dinali uguali ai gradi dei detti epicicli moltiplicati per 2^, le 
congiungenti gli omonimi punti di divisione coincidono coi 
meridiani che sappiamo essere rettilinei e convergenti nel polo. 
Le espressioni di Jf e a che (particolarmente la seconda) 
tanto giovano alla costruzione della cicloide ed anche, se 
vuoisi, alla descrizione dei meridiani, divengono 



Digitized by VjOOQIC 



185 

La costante K può assumersi arbitrariamente. Chi faccia 
^==1, trova il grado longitudinale del parallelo della rap- 
presentazione uguale al doppio grado del rispondente epiciclo. 

I due gradi si pareggiano quando e K=-^, Del rimanente, 

la K si determina imponendo qualche peculiare condizione, 
quella, ad esempio, che il modulo abbia un prestabilito valore 
per un dato parallelo. Se questo è il parallelo medio della 
Carta di colatitudine U e l'unità n'è il prestabilito valore del 

modulo, si trova, nel caso della sfera, K = — yr-. 



VI. 

Seguitando a considerare il caso esaminato nel paragrafo IV, 
certo è che può assumersi, ad arbitrio, la relazione tra (p e ^ 
Ciò che di semplice può immaginarsi è di renderla lineare, 
di porre, cioè, (f=pt^ essendo p una coefficiente costante e 
dovendo mancarvi il costante termine, perchè a f = o risponde 
9 = 0. Per maggiore semplicità rendasi il coefficiente p uguale 
all'unità, cioè facciasi 



Allora si ha 



9=<. 



2 t 

cot a = — -f- tan -^ 

t 

008 y 



/ 2 /^ ^ t \ 

^ = V- ( 1 -4- -TT tan -^ ) , 

008 5 \ 2 2 / * 

m" = -—0082", 
f^' = m" cos y (1 -+- ^tan "2) . 
L'arco S del parallelo u di lonsritudine t. secondo la for- 



Digitized by VjOOQIC 



186 

E però l'arco compreso fra le longitudini t' e t'^ vale 

8R sentii' — t") cos i {f + f ")r 



vn. 

La proiezione cicloidale utilizzabile per vaste regioni inter- 
medie al polo e all'equatore è stata ideata da Tommaso Jervis 
che fu Tenente Colonnello nel Genio dell'Esercito delle Indie 
Inglesi. Il suo figliuolo, il cavaliere Guglielmo, Conserva- 
tore del R. Museo industriale in Torino, fu meco tanto cortese 
da indicarmi come il Colonnello Jervis, per la descrizione dei 
paralleli, si giovasse di cicloidi imbasate sopra una retta con- 
dotta per il polo normalmente al meridiano centrale rettificato. 
Quanto al tracciamento dei meridiani mi fu impossibile cono- 
scerne le regole immaginate dal cartografo inglese. Vero è che 
comparve, non è molto, alla luce una Carta col titolo: Nou- 
velie projection cycloidal de feu M. Thomas Best Jervis Lieut. 
Colonel du Genie de Varmée des Indes Anglaises. (Lit. B. Mar- 
chisio e figli. Torino), costruita e pubblicata dal cav. Guglielmo 
Jervis (*). Ma è altresì voro che, non ostante i miei sforzi, 
non potei raccapezzarmi intorno alle regole razionali seguite 
per la descrizione dei meridiani. Ad ogni modo volli, coll'at- 
tuale memoria, indicare vari metodi che si potrebbero prati- 
care per il loro tracciamento e procurai di segnalarne le pro- 
prietà loro inerenti. 

(•) Il meridiano centrale è alla longitudine orientale di 45* gradi da Greeowich. 
La Carta fe compresa fra i meridiani di 25° e 65'' e fra i paralleli settentrionali 
di 30° e 49°. Sono tracciati di grado in grado, tanto i meridiani, quanto i paral- 
leli; questi sono cicloidali, quelli curvilinei alPinfuori del meridiano centrale che 
é rettilineo. 



Digitized by VjOOQIC 



187 



II. 

SU ALCUNE SORGENTI DI GAS NEL BOLOGNESE 



Nota del Dott. UMBERTO PAGANI. 



Nell'Appeunino Emiliano, ove le sorgenti naturali di gas formano 
i noti fuochi, o fontane ardenti (1), ed i caratteristici bollitori^ o 
salse (2), pochi luoghi possono dirsi a questo riguardo tanto favoriti 
come il Bolognese ; di cui quasi ogni valle principale conta buon nu- 
mero di tali manifestazioni. 

Solo la valle del Santerno, la seconda per importanza della regione, 
non annoverava finora che i celebri fuochi di Pietramala (3) al suo 
estremo S. 0.; benché lateralmente la fiancheggino i bollitori dei tor- 
renti Sellnstra, Sillaro (4), Senio (5) e di Bergullo (6). 

Se non che, nella scorsa estate, ebbi la ventura di trovare nel ba- 
cino medesimo del Santerno e precisamente nella sua parte media, 
nn bollitore nuovo, che veniva cosi a colmare questa lacuna. Esso 
apre i suoi orifici presso il punto d'incrocio della mulattiera Pieve 
S. Andrea-Ponticelli con un piccolo affluente di sinistra del Santer- 
no, chiamato Rio dei Ponticelli (V. Carta Tgssignano 1:25000 Ist. 



(1) BiANCorti. Storia Naturale dei terreni ardenti ecc. Bologna 1840. 

(2) Pagani U. Sopra due nuovi bollitori^ o salse^ sul torrente Selluttra. 
« Boll. d. Soc. Geogr. hai. » an. 1899, N.« 5. 

(3) Contano una bibliografia propria, interessante e copiosa; anche Alessandro 
Volta ne trasse argomento per due famosissime memorie. Vedi M. Baratta. A. 

Volta ed i s'uoi studii sulle fontane ardenti ecc. « Boll. d. Soc. Geogr. Ital. » 
an. 1899, N.' 6. 

(4) Pagani U. La salsa di S. Martino in Pedriolo presso Castel S, Pietro. 



Digitized by 



Google 



Vi 





188 

Geogr. Mil. It.). Quivi, a valle del ponte in legno, su cui transita la via 
suddetta, s'eleva dal letto del rio il maggior cono della salsa. Quando 
lo visitai, il giorno 22 luglio 1899, esso aveva la forma d*una cupola 
di quasi 2 m. d'altezza per 3-4 di diametro, compresa fra le due 
sponde. La superficie sua sotto i caldi raggi solari s'era consolidata 

in grosse zolle d'argilla cine- 
o!> \\ il rea, profondamente screpolate, 

le quali poggiavano sulla mel- 
ma scura, che riempiva Tin- 
terno del cono e che s'era tanto 
addensata da non permettere 
remissione del gas dal basso. 
Tuttavia la poca stabilità di 
questa crosta impediva l'av- 
venturarvi si sopra, per cui 
non potei misurare la profon- 
dità del terreno sciolto giù nel 
bollitore, come avevo fatto per 
altre salse. Prosisime al cono 
descritto scorgonbi le traccio d'altri numerosi orifizi minori, disposti 
irregolarmente. 

Per breve tratto lungo la sponda sinistra del rio il terreno si av- 
valla in una piccola conca, la quale può riferirsi con lo Stoppani al 
circo o cratere d'abbassamento della salsa, simile a quello presentato 
dal bollitore della Campagnola sul Sellustra; invece alla destra del 
rio tale zona d'abbassamento, se pure esiste, non riesce evidente al- 
Focohio delTosservatore. 

Lo stato temporaneo d'inattività, in cui trovavasi questo bollitore 
nello scorso luglio, va riferito al periodo d'inerzia comune ad ogni 
salsa nella stagione secca (1) dell'anno; poiché i coloni del luogo as- 
sicurano che nelle stagioni piovose il cono è attivissimo e che anzi 
nella primavera del 1898 ebbe un abbondante sprigionamento di gas 
accensibile con colate di fango, che si spinsero per il letto del Rio 
dei Ponticelli a più che 200 m, di distanza. 

Presso il ciglio della strada mulattiera, lateralmente al bollitore, 
sgorga quieta una fontanella d'acqua dolce, chiarissima, che si man- 



Cartina della Sorgente di gas 
del Bio dei Ponticelli. 



Digitized by 



Google 



F?^ 



189 

tiene anche nelle maggiori siccità; per cui suppongo che la sua falda 
acquifera possa essere diversa da quella alimentatrice del cono. 

Questa salsa per la sua posizione va connessa a quella di Eifìano 
sul Sellustra da me descritta, da cui è lontana poco meno di 2 Km. 
a NNE, in linea retta. 

Nella vallata del Sillaro, forse la più ricca di sorgenti gasose^ ol> 
tre a quelle già note di S. Martino in Fedri olo, di Sassuno (1) e del 
Molinaccio (2), voglio segnalarne un'altra nuova, posta sotto il paese 
di Sasso-Leone (V. Carta Fontana Elice 1:26000 Ist. Geografico 
Mil. It.). 

Essa è Qua vera e propria salsa nel senso inteso dal Bianconi e 
dallo Stoppani e consiste in un cono molto depresso di circa 1 m. d'al- 
tezza su una base ellittica di 6 m. per 8, Tasse maggiore della quale 
dirigesi da S. a N. come il vicino corso del fìame. Ben che nel mese 
d'agosto del corrente anno, quando fui sul luogo, perdurasse da tempo 
un'ostinata siccità, tuttavia la crosta superficiale d*argilla essiccata^ 
che copriva il fianco del cono era ben lungi dal presentare dovun- 
que una resistenza sufficiente a sorreggere il peso dun uomo; poi- 
ché anzi sulla cima del cono, dove da alcune polle piene di belletta 
bigia ribollivano lentamente grosse gallozzole di gas, era assoluta- 
mente pericoloso rimanere a lungo. Il gas non aveva odore di sorta 
e bruciava con bella luce, avvicinandogli una fiamma. 

n sondaggio del cratere non si potò eseguire; che, due lunghe 
pertiche calate, una legata all'altra, entro il cono non vi incontrarono 
resistenza di sorta. L'argilla disseccata sui fianchi del bollitore era 
in molti punti coperta di lieve efflorescenza salina (che aveva sapore 
di comune cloruro sodico) e non differiva in natura dall'ar^zV^a sca- 
gliosa che costituiva il terreno geologico tutto all'intorno. Non potei 
scorgere traccia alcuna di petrolio o di particelle bitumiuose. 

A migliore indicazione per chi voglia accedere a questo luogo ri- 
ferisco che la salsa trovasi sotto la casa colonica detta di Rihano (o 
Dibano), non lungi da un piccolo rio, a circa 200 m. dal Sillaro e presso 
il limite fra l'argilla scagliosa e le marne e molasse del miocene 
medio (3). 



(1) Vedi L. Gatta. Op. e pag. cit. 

(2) Vedi L. BoMBicci. Guida per V Appennino Bolognese, edita dal C. A. I., 
Sezione di Bologna, 1881. 

(3j Debbo alla cortesia ed amicizia del Comm. E. Niccoli, ex ingegnere capo 
del Distretto Minerario di Bologna, la notizia d* un* altra bella sorgente di pas 
nella valle del Sillaro, presso la Villa di Sassonero, non lungi da Sassoleone. 



Digitized by VjOOQIC 



!• 



190 



•V 



In un'altra escursione, compiuta il 14 febbraio 1899, rilevai Tan- 
nessa cartina delle sorgenti gasose del Molinaccio; che si trovano 
presso i casolari di Giugnola e di Belvedere, al punto di confluenza 
nel Sili aro del Rio Moro, suo affluente a destra. 




Cartina delle sorgenti gazose del Moliuaccio. 

Anche qui il luogo è prossimo al limite fra potentissime molasse 
del miocene medio ed inferiore, attraverso cui apresi il corso del 
torrente e le argille scagliose, che occupano tanta parte della val- 
lata media di questo. Le sorgenti non sono più di cinque o sei e le 
più copiose prorompono in vicinanza del Molinaccio o addirittura 
sotto di esso. Infatti nel canale del molinoj e precisamente sotto le 
due ruote motrici, gorgogliano fra l'acqua senza interruzione due po- 
derose polle di gas. 

Il mugnaio le aveva anni sono utilizzate per Pillumìnazione e la 
cucina della casa, raccogliendole con una rozza campana in cotto, da 
cui partiva una conduttura molto semplice di canne. Eppure gli ef- 
fetti ottenuti non orano scoraggianti, poiché un becco acceso nel 
pianterreno del molino dava una fiamma chiara di 20-30 cm. d*al- 
tezza. Ma in seguito, per consiglio prudente d'un ingegnere, questo 
impianto fu distrutto dallo stesso mugnaio, che s'era impaurito del 
pericolo possibile di gravi esplosioni. 

Potei raccogliere mediante bagno idropneumatico da una delle polle 
il gas; il quale da un saggio d'analisi, eseguito nel Laboratorio di 



Digitized by 



Google 



^ • 1 fSr ^^ .—.-,, — , w-^- - vfT ■'^ -. \ijrm 



191 

Ohimica del R. Istituto Tecnico in Bologna per opera del Prof. Ca- 
sali risultò composto quasi assolutamente di metano. Ebbi pure campo 
di misurare la portata d'ognuna delle due sorgenti: mi risultò di 
circa */j lì*iro al minuto primo. A monte del molino esistono altri 
due orifizi di gas; di cui Tuno, meno importante, è sempre coperto 
da alte acque nel canale e l'altro soffia fortemente dal ciglio di que- 
st'ultimo. Esso s'accende prontamente e brucia con fiamma scolorata 
di 10-16 cm. d'altezza, che difficilmente il vento riesce a spegnere. 

H mugnaio mi riferi pure che presso il Molinaccio esistono altre 
due sorgenti: Tuna sulla riva del canale non lungi dalla chiusa co- 
struita attraverso il Sillaro, quasi sempre coperta dalle acque e l'al- 
tra a mezza costa del monte boscoso fra il molino ed il sovrastante 
balzo di Segatura. 

L'interesse a questa località è accresciuto per le scoperte fattevi 
•di lignite e di vene petroleifere. La lignite vi fu riscontrata primie- 
ramente nell'anno 1896 dal Sig. Buscaroli Edmondo d'Imola in com- 
pagnia del Sig. Schneider di Monaco, assistente per la ditta Huber 
e C. di Monaco (Baviera) ai lavori di trivellazione di pozzi a Pe- 
trolio sul rio Canilio (Sillaro). Però il combustibile fossile non ap- 
pariva affatto utilizzabile, costituendo un esile strato di pochi cm. di 
spessore e di qualità friabile e scadente fra le molasse della riva 
sinistra del torrente. Le vene del petrolio oggi non bene avvertibili, 
vennero in luce fin dall'anno 1860 circa, quando si operarono scavi 
sotto il molino per getto di fondamenta. Il proprietario ed il mura- 
tore, che faceva il lavoro, colsero l'occasione per raccogliere una 
certa quantità dell'olio minerale, che galleggiava sull'acqua, e che 
bruciarono per uso domestico, avendone fiamma chiarissima ed esente 
da odori cattivi. È assolutamente deplorevole che l'apatia e l'incu- 
ria degli abitanti abbiano lasciato in non cale una simile scoperta e 
che anzi, in luogo di tentare trivellazioni sul posto, abbiano consen- 
tito che s'otturasse nuovamente, appena rinvenuta, la sorgente di 
petrolio. 

* 
* * 

Anche la salsa di Sassuno, sul versante sinistro del Sillaro a circa 
tre km. in linea retta dal Molino di questo nome (V. Carte Fontana 
Elice e Vabignana Inferiore 1 : 26000 Ist Geogr. Mil. It.) e detta 
« Il Dragone » dagli abitanti del luogo, è accompagnata da sorgenti 
-di petrolio nelle sue vicinanze. 

Essa non ha variato gran che da quando la visitarono il Prof. Bom- 



Digitized by VjOOQIC 



192 ^- 

bicci (1) e ring. Niccoli (2); solo qualche divergenza si rileva dal- 
l'aspetto presente nella descrizione fattane dal Bianconi (3). Qnesti 
infatti lasciò scritto che la salsa nel 1835 circa trovavasi sol fondo 
d^un rio, mentre oggidì il suo cratere è aperto nel fianco d'un colle 
a 20 m. d'altezza sul letto d'un piccolo rio, che li presso conflnisce 
in quello di Sassuno. 

Il terreno, in cui giace il Dragone^ è d'argilla scagliosa, quivi pure 
a contatto con marne ed arenarie mioceniche ed il fango, che in lunga 
colata scende giù per il rio ricordato, si palesa formato dalla stessa 
argilla stemprata nell'acque della salsa. 

Di fronte a quest'ultima, in fondo al burrone, sgorga una fonte 
d'acqua solforosa, analogamente a quanto talora si riscontra nelle 
salse del Modenese ed in alcune della provincia di Bologna. 

Il Dragone poche volte riesce a formare un cono con i suoi pro- 
dotti d'eiezione ; ma più spesso assume la figura d'una grande vasca 
di 15-20 m. dì diametro, piena di fango fra cui ribolle in molti 
punti il gas, e slabbrata a N. E. verso il piccolo rio menzionato. 

Mi fu assicurato che quivi pure, nell'estate, la melma consolidan- 
dosi formi una grossa crosta resistente; ma quando io mi trovai sul 
luogo, cioè il 15 febbraio 1899, il Dragone aveva da poco avuto un 
grande periodo di attività e quasi tutto il cratei*e era ancora molle 
alla superficie (4). 

Con grande precauzione e fatica mi riusci di raccogliere il gas che 
gorgogliava da una pozzetta d'acqua torbida presso Torlo della vasca 
ed esperimentai anche la temperatura del fango mediante un eccel- 
lente termometro ad immersione, che mi risultò di 10^ centigradi 
(mentre quella dell'aria nello stesso giorno nebbioso e nello stesso 
momento raggiungeva solo gli 8®,5). Il gas del Dragone fu già ana- 
lizzato per la prima volta dal Bianconi che lo trovò costituito d'idro- 
carburo con lievi ma sicure traccio di H, S e CO,. Una seconda 



(1) BoMBiccr. Op. citata. 

(2) Rivista del Servizio Minerario, 1891, pag. 7. 

(3) Bianconi. Op. cit. pag. 32. 

(4) Non abbiamo alcuna cronologia delle eruzioni del Dragone precedenti al 
nostro secolo; solo la tradizione dei valligiani ne vela forse una molto antica e 
straordinaria sotto la leggenda d*un dragone infesto al paese, che finalmente da 
un santo uomo fu confinato per esorcismi entro la salsa. Esso però, sogginngono, 
ne usciva talora per lordare la biancheria stesa al sole dal povero curato di 
Sassuno. Siccome dai folkloristi moderni le tradizioni di dragoni o simili mostri 
favolosi si fatino risalire almeno al medio-evo, così alla data di tale eruzione ver- 
rebbe ad assegnarsi questo lontano per quanto largo limite di tempo. 



L 



Digitized by VjOOQIC 



193 

Ito 

analisi di Fouquet e Oorceix vi distinse la presenza dì metano ed 
etano (1), il quale ultimo per detti autori sarebbe di grande inte* 
resse come compagno inseparabile ed annunciatore di giacimenti di 
petrolio. 

Ed in proposito mi piace qui avanzare la proposta che alcuno dei 
nostri chimici italiani s'aocinga a compiere tutta una serie numerosa 
d'analisi chimiche rigorose ed esaurienti sui gas delle salse già note 
da antico o di fresco scoperte (2). Tali ricerche scientìfìche^ mentre 
servirebbero in certa maniera di controllo agli studi dei due dotti 
francesi, non potrebbero non condurre a risultati molto interessanti 
per la scienza e l'industria nazionale. 

Di tutte le sorgenti gasose dell'Appennino Balognese Orientale 
sono però poche quelle, che lasciano speranza d'uno sfruttamento 
vantaggioso: in quanto che spesso la natura medesima del terreno, 
da cui emanano, offre troppa instabilità alle opere murane per gli 
apparati di raccoglimento del gas e talune altre volte la distanza 
eccessiva delle sorgenti dai centri abitati o dalle vie carreggiabili 
frusta i vantaggi dell'impresa. 

A mio parere nelle tre valli del Santerno, Sellustra e Sillaro, solo 
i bollitori di S. Martino in Pedriolo ed i fuochi del Molinaccio si 
prestano ad essere utilizzati. 

In ambedue i luoghi il terreno (d'alluvione fluviale a S. Martino 
e di solida melassa al Molinaccio) non va soggetto a frane, né a 
rammollimenti per opera delle acque del sottosuolo come avviene al* 
l'intorno delle grandi salse. Inoltre l'ubicazione dei singoli orifici e 
la loro emissione gasosa si sono finora mantenute costanti da lun- 
ghi anni. Ciò per altro non può dirsi della loro portata, la quale varia, 
come è noto, con la pressione dell'atmosfera, con la precipitazione dei 
vapori acquei di questa e forse per molte altre cause ancora ignote. 

Riguardo poi al loro impiego industriale sono d'avviso che i gas 
d'ambedue questi luoghi si adattino solo ad uso d'illuminazione. In- 
fatti a S. Martino un unico bollitore, sempre costantemente attivo, 



(1) Vedi Ferretti. Le salse o Vulcani di fango ecc. « Atti della Soc. Ven., 
Trent. d. Se. Nat. » Padova 1878, pag. 13. 

(2) Il Chimico Dott. Alfredo Quartaroli nell'aprile 1898 eseguì anche per in- 
carico dello scrivente l'analisi qualitativa del gas dei bollitori di Ri/fano sul 
Sellustra. in cui rinvenne H, S con CO e CO2. 



Digitized by VjOOQIC 



194 

emette poco meno di un metro cubo di gas (al giorno) ; che raccolto 
accuratamente in un gazometro eoo campana in lamiera di ferro po- 
trebbe — credo — bastare appena alla modesta illuminazione d'una 
qualche stanza nella vicina canonica. Ed al Molinaccio i tre orifìci 
maggiori hanno probabilmente una portata quotidiana complessiva, che 
s'aggira intorno ai due metri cubi. Ora questo volume di gas, aggiunto 
a quelli del quarto orificio presso il mulino e degli altri due più lon- 
tani, s'ha ragione di ritenere che possa salire ai 3,5 m. e, e forse 
più, nelle 24 ore. 







^ 








/ 




Canale 


al Moli netto / 


a S. Martino 






./ . 














: 














• 




o 


1 1 • 








• 




L, 


• ■ ■ "i 




t! 




*^ 




-2 

co 


.11 e 




1 








*i 






• (« 




."^J 




ì^ 
^ 


•Il ^ 

e 1 1 e 

0. . ,g 


T 


• attivo 

• o 








ì ^ 

Vi 


;k 


«8 




s 




2 








« 




^ 


^,y>'Ca7rMÌÌr''' 


"CBinpeStt 


■■^'''Tìr' 


jt 


0f^>'^ Scala di 15 2000 




== 



Cartina delle sorgenti gazose di S. Martino in Pedriolo. 



Certamente in questo caso siamo molto lungi dalla portata pode- 
rosa di 300 m. e, al giorno, che vanta la sorgente di Comilio nel 
Parmense (1), la quale deve servire all'illuminazione di questo paese; 
come del pari siamo sempre inferiori all'emissione della sorgente 
delle Saldine j presso Gaggio Montano nell'ai to Bolognese (2) che 
varia fra i 15 ed i 40 m. e , quotidiani ed è utilizzata pure ad il- 
luminazione domestica con vantaggio. Tuttavia i pochi m. cubi di gas 
del Molinaccio, non potendo d'altra parte servire quale mezzo riscal- 
dante per piccole fornaci da calce a gas, come al Rio Bargone^ presso 



(1) Rivista del Servizio Minerario, 1891, pag. 195. 

(2) Riv, d. Serv, Miner., 1896, pag. 7. 



Digitized by 



Google 






196 

Orecchia (alto Bolognese) (1), o come a Barigazzo (2), potranno al- 
meno impiegarsi all'illuminazione del molino medesimo; se pure in 
nn giorno, che desidero prossimo, non daranno anche moto alle tri- 
velle meccaniche per un nuovo pozzo a petrolio. 

È da augurarsi che nel nostro paese, non ricco certo di combu- 
stibile minerale, tutte queste sorgenti gasose siano con ogni cura 
ricercate, studiate e messe in opera fin dove si possa. Cosi facendo, 
mostreremmo almeno di metterci alla pari, in quanto ad iniziativa 
industriale, con quei Chinesi della provincia di Tse-Ciuan, che (3) 
da migliaia d'anni usano per illuminazione e riscaldamento i fuochi 
naturali d^idrocarburi della loro regione. 

Bozza Imolese (Bologna) IS Dicembre 1899. 



(1) Riv. d. Serv, Miner., 1896, pag. 8. 

(2) JoH Fairman. Trattato sulle zone petroUifere dC Italia (traduz. Donzelli), 
Bologna 1876, pag. 22. 

(3) G. BoccARDO. Fisica del Qlóbo, Genova 1868, pag. 545. 



Digitized by VjOOQIC 



196 



III. 

IDEE MORFOLOGICHE Di CARLO GEMMELLARO 



Nota di OLiINTO f>ìIAT\lT9Sll^l^l. 



Intendo richiamare l'attenzione sai fatto, che alcune idee, rigaar- 
danti i rapporti intercedenti fra geografia e geologia, le quali ven- 
gono in generale considerate del tutto moderne, erano state formulate 
con sufficiente chiarezza, già nel 1828, dal naturalista siciliano Carlo 
Gemmellaro (1). 

Premetto poche e brevi considerazioni sopra V indirizzo assunto 
in questi ultimi anni dalla morfologia terrestre, la quale, per lo svi- 
luppo e V importanza ormai conseguite, ha quasi il diritto di essere 
considerata alla pari colla geologia e la geografia e cioè come una 
vera scienza autonoma, piuttosto che come una branca di una, o 
dell'altra di quelle due discipline. 

Il concetto di morfologia terrestre, come scienza a sé, è sensa 
dubbio del tutto moderno. Esso però venne formulato quasi indi- 
pendentemente in Germania e negli Stati Uniti d'America, regioni 



(1) Il Gemmellaro nacque in Catania nel 1787. Fin da giovane si diede allo studio 
delle scienze naturali, specialmente in riguardo air Etna, sotto la guida del 
fratello Mario. Nel 1809 sì laureò in medicina presso T Università di Catania. 
Nel 1811, aggregato ali* armata britannica in qualità di medico chirurgo, fu a 
Londra, ove frequentò le lezioni del geologo Humphry Davy. Negli anni succes- 
sivi viags:iò buona parte d* Europa, nel 1813 in Spagna e nella costa settentrio- 
nale del Marocco, nel 1814 visitò le fìaleari, Sardegna e Corsica. Nel 1815 studiò 
i Campi Flegrei ed il Vesuvio, nel 1817 le isole Ionie. In questo ultimo anno fu 
di nuovo a Londra. Ritornato in patria, si diede a studiare V isola natale, e spe- 
cialmente r Etna, dai vari punti di vista, ma prevalentemente da quello geolo- 
gico. La maggior parte delle sue memorie furono pubblicate negli Atti deirAc- 
demia Gioenia, di cui, nel 1824, il Gemmellaro fu uno dei fondatori. Dal 1831 
il Gemmellaro occupò la cattedra di geologia all' Università di Catania. Negli 
ultimi anni visse infermo. Morì nella città natale nel 1866. I lavori più notevoli 
del Gemmellaro sono di geologia, tuttavia parecchi hanno carattere ed interesse 
geografico. 



Digitized by VjOOQIC 



■ipvmii. *-*'^.' . 



197 

nelle quali si formarono due scuole ben distinte di cultori di quella 
disciplina. Se non mi inganno, la distinzione fra la scuola ame- 
ricana e quella tedesca^ trova la sua espressione nel fatto, che i 
rappresentanti della prima considerano la nuova scienza da un punto 
di vista, oserei dire j>ra<t co, che sta di fronte all'indirizzo teorico, 
prevalente in Germania. Credo conveniente spiegare con maggior 
chiarezza questo concetto. 

Gli americani si occupano di morfologia terrestre, piuttosto che 
da un punto di vista del progresso di quella scienza considerata 
in sé stessa, come fanno i tedeschi, quasi solo in quanto da essa 
possono trarre ausilio agli studi di carattere geologico. Conseguen- 
temente, oltre l'Atlantico, quasi tutti i cultori di morfologìa ter- 
restre sono geologi, non geografi ed essi parlano, in teoria, di un 
metodo geografico applicato alla geologia ed, in pratica, studiano si- 
multaneamente geografia e geologia delle uniformi regioni deirAme- 
rica del Nord, e fanno procedere di pari passo rilievo topogra- 
fico e rilievo geologico. Mi pare che diverso sia invece il concetto 
ed il metodo di studio della morfologia terrestre in Europa, dove 
normalmente gli studiosi si servono della geologia per le ricerche 
geografiche, piuttosto che viceversa, dove esplorazioni e rilievi geo- 
logici procedono in generale del tutto indipendentemente da quelli 
geografici e topografici, nel mentre d'altro canto, la trattazione della 
nuova scienza è fatta prevalentemente da geografi. Possiamo, in altre 
parole, esprimere il concetto stesso dicendo, che gli americani con- 
siderano la morfologia terrestre piuttosto come metodo, anziché come 
fine a sé stessa. Questo è dimostrato vie meglio dal concetto, prima 
ricordato, che la scuola americana ha formulato e posto come pro- 
gramma della sua attività scientifica ; esso si sintetizza nelle parole: 
metodo geografico nelle ricerche geologiche. Questo è infatti il titolo 
di una importante memoria del Davis, con la quale si iniziò a Wa- 
shington la pubblicazione del « National geographic Magazxne >, bol- 
lettino della « National geographic Society >, fondata nella capitale 
federale degli Stati Uniti, nel 1888. Il Davis, nel suo scritto, consi- 
dera le intime relazioni esistenti fra la storia geologica di una re- 
gione e la sua conformazione geografica attuale, ricavandone come 
conseguenza la opportunità di considerare a sé, col nome di fisiografia 
il complesso delle cognizioni relative alla superfìcie terrestre, le quali 
si possono considerare comuni tanto al campo geografico quanto a quello 
geologico. Lbl fisiografia degli americani, corrisponde perfettamente alla 
nostra morfologia terrestre. Il Davis però enuncia un altro concetto, 
che si può esprimere nel modo seguente: dato il rapporto di causalità 



Digitized by VjOOQIC 



198 

esistente fra la struttura geologica e la forraa superficiale di un paese 
da questa ultima noi possiamo giudicare della prima. Il Davis mo- 
stra con alcuni esempi come questo metodo a priori, come si può 
chiamare, abbia dato nella geologia dei buoni risaltati nei lavori de) 
« Geological Survey >. Questo però, come fu da taluno osservato, 
forse in gran parte si deve alla semplicità ed uniformità, che do- 
mina nel rilievo delP America Settentrionale, dove è facile rimontare 
dagli effetti alle cause e generalizzare a regioni molto estese, ciò 
che si è riscontrato vero localmente. Nella nostra Europa, geografica- 
mente e geologicamente cosi frammentata, le condizioni sono più 
complesse e Papplicazione dei concetto americano avrebbe ben mag- 
giori difficoltà e forse condurrebbe talvolta a risultati di valore di- 
scutibile. 

Queste od altre simili considerazioni non tolgono però il va- 
lore teorico del concetto in parola. Né d'altra parte è di questo 
che intendo di trattare qui, mi interessa invece di far rilevare 
come il concetto dei geologi e geografi americani non sia punto 
nuovo, anzi sia stato espresso 70 anni fa dal nostro Gemmellaro. 
Infatti nella sua nota che ha per titolo « Sopra la fisonomia 
delle montagne di Sicilia » (1) nelia quale V autore cerca di schiz- 
zare un quadro comprensivo della morfologia della sua Isola, in 
due punti esprime chiaramente il concetto altrove formulato. An- 
zitutto in principio della nota, dove cerca di far comprendere lo 
scopo del suo studio, egli osserva che, come nella botanica la de- 
terminazione di una pianta si può fare talora senza l'esame dei ca- 
ratteri specifici del fiore, ma dall'osservazione àeW aspetto complessivo, 
analogamente la struttura geologica di una montagna si può appros- 
simativamente stabilire, senza minuzioso esame diretto, in base alla 
sua fisonomia. Nella chiusa poi del suo scritto, il Gemmellaro, dopo 
aver accennato come le nuove sue vedute, riguardanti la relazione 
esistente fra la forma esterna o fisonomia delle regioni e l'intima 
loro costituzione geologica, non devono far ritenere inutili le minute 
ed esatte ricerche, ma soltanto possono dare una norma preventiva, 
nelle spedizioni scientifiche, le quali non dovrebbero mai essere gui- 
date dalla sorte, fa notare come dai fatti rilevati potrebbero tenere 
il firiusto conto i disef^natori e rilevatori delle carte toDoirrafiche. Anzi 



Digitized by VjOOQIC 



199 

cilia, ai secondi perchè rilevino accoratamente tutte le accidentalità 
del SQolo, in modo che la carta topografica, letta da un occhio un po' 
esercitato, indichi con le differenze morfologiche, anche quelle geo- 
logiche. 

La stessa idea si trova più o meno chiaramente indicata dallo stesso 
Qemmellaro, nella sua memoria < Sulla carta geografica della Crimea p, 
pubblicata nel 1856 (Atti d. Acc. Gioenia, Serie 11% Tomo XII, pag. 
29 e seg.), nella quale l'autore coglie occasione della pubblicazione 
della Carta dalla Crimea del Benoist e Ciceri, edita nel 1855, per 
fare alcuno induzioni geologiche sulla regione e sul Mediterraneo in 
genere, fondandosi specialmente sugli elementi, puramente morfogra- 
fici, ofiferti da quella carta. 

Credo inutile insistere per rilevare ulteriormente la corrispondenza 
fra le idee del Gemmellaro e quelle moderne. Mi pare conveniente 
però aggiungere come, non solo parecchi lavori del Gemmellaro ab- 
biano un contenuto piuttosto morfologico che prettamente geologico, 
ma che non pochi si connettono con questioni spettanti ad altri rami 
della geografia fisica od anche antropica. Di alcuni di essi, special- 
mente trascurati dai moderni studiosi, intendo occuparmi in altra 
occasione, qui mi accontento di far rilevare come il Gemmellaro rap- 
presenti uno dei più notevoli tipi di quei naturalisti^ che ormai sono 
scomparsi, col specializzarsi delle singole scienze. Le loro attribuzioni 
oltreché dai singoli cultori di queste, sono state, in buona parte, 
ereditate dai geografi, di cui essi rappresentano dei precursori. La 
storia della geografia scientifica in Italia nel secolo XIX è ancora 
da farsi, ma si può facilmente prevedere come il capitolo riguardante 
quei naturalisti^ mostrOià come il nostro paese possa contare delle 
glorie geografiche, che nulla hanno da invidiare a quelle estere, anche 
durante periodi, i quali nella sua storia, furono tutt' altro che felici. 

Vorrei che gli studiosi italiani considerassero quasi un dovere 
quello di togliere dall'oblio un gran numero di vecchie pubblicazioni, 
finora più da noi che dagli stranieri trascurate, sia per rendere a 
chi spetta il giusto merito, nella storia del progresso scientifico e 
delle scoperte, sia anche per ricavare elementi per la scienza attuale. 
Poiché, conviene riconoscerlo, nell'argomento che ci interessa, cioè 
nella morfologia terrestre, il contributo portato dagli Italiani è ben 
poca cosa, sia per quanto riguarda studi di carattere speciale, sia 
per le teorie generali, ma anche il poco che si è fatto non risulta 
convenientemente apprezzato. Nella stessa grande opera del Penck, 
(Morphologie der Erdoberflàche) che non solo riassume assai comple- 
tamente tutte le attuali cognizioni di morfologia terrestre, ma anche 



Digitized by VjOOQIC 



T«^ 



300 

è accompagnata dalla più diligente e ricca bibliografia di tale scienza 
finora pubblicata, non si trovano citati né utilizzati alcuni importanti 
scritti del Gemmellaro. Né ricordo questo per fargliene appunto, (1) 
perchè la colpa è tutta di noi italiani, che, non solo non abbiamo 
saputo proseguire sulla via tracciataci da non pochi studiosi, veri 
iniziatori della geografìa scientifica in Italia, ma abbiamo trascurato 
di utilizzare il frutto dei loro lavori ed andiamo a cercare all'estero 
cognizioni (anche relative al nostro paese), le quali furono acquistate 
già precedentemente fra noi e spesso dagli stranieri non ricevettero 
che un nuovo e superficiale rivestimento. 



(l) Piuttosto converrebbe rilevare la trascuranza dello Zittel, che nella recente 
sua opera: Geschichte der Geologie una Palàontologie hìs Ende del 19 Jahr- 
hitndetHs (Munchen und Leipzig, 1899), non ricorda nemmeno T importanza, che 
ebbe il Gemmellaro nello studio geologico della Sicilia e specialmente dell'Etna, 
e nella conoscenza generale del meccanismo delle eruzioni. Del resto Topera dello 
Zitte!, per quanto riguarda il contributo portato dagli Italiani, nello sviluppo 
della geologia moderna, lascia in più punti a desiderare. 



Digitized by VjOOQIC 



201 



IV. 

LA PATAGONIA SECONDO RECENTI STUDI 



Nota del Prof. PEBTRO GRIBAUDI. 

{Continuazione: vedi numero precectente) 



Un popolo che muore. — I Patagonì e le loro lingue. — I Fueghini. — La po- 
polazione bianca della Patagonia. — I missionari italiani. — Acclimatazione 
degli immigrati. 

La storia ci dimostra chiaramente, che quando un popolo selvaggio 
viene portato violentemente a contatto colla civiltà esso è destinato 
a scomparire. Cosi abbiamo assistito alla distruzione completa in 
quest'ultimi secoli di quasi tutte le innumerevoli tribù dell'America 
settentrionale, dell'Australia, della Tasmania; cosi assistiamo al lento 
spegnersi delle tribù che un giorno numerose e forti scorrevano per 
le grandi pianure della Patagonia, formando il terrore dei coloni 
spagnuoli della valle del Piata. Come non impunemente un ammalato 
di petto passa da un'aria molle ad altra forte ed incostante; cosi il 
selvaggio non può vivere nell'atmosfera morale d'un popolo civile, 
senza correre il grave pericolo, a cui per lo più soccombe, di essere 
vittima dei soli danni della civiltà, senza che ne possa intendere i 
vantaggi: sarebbe necessario farlo passare per diversi gradi, senza 
forti scosse, in modo che si venisse acclimatando, per cosi dire, a 
poco a poco al vivere civile; e questo si è appunto quanto tentano 
ora di fare i missionari coi pochi residui di nazioni indigene ame- 
ricane (l) 



(1) « Se cree vulvarmente que para la poblacion de Patagonia es necessario la 
estincion del indio... El dia que el tehuelche.... conozca nuestra civiIizacioD|}rt- 
mero que nuestros vicios y sean tratados corno nueseros semejantes, los tendre - 
mos trabajando en las estancias del Gallegos (Il Moreno parla della valle del 



Digitized by VjOOQIC 



202 

Sul principio di questo secolo v^erano ancora forse 50.000 Indi 
dal Rio Colorado alle Isole Fueghine; ma nel censo del 1879 se ne 
contarono solamente 31.C0O ed in quello del 1898 discesero a meno 
di 20.000. 

I dati più attendibili sul numero dell'attuale popolazione indigena 
della Patagonia sono i seguenti; 





I N 


D I G 


E N I 










A.nTia 1898 


1870 


SCOUPABSI 


I N X> 1 


Q„i ■ Semincì- 


Totale 


Esistenti 


1879-98 


per % 


Patagoni 

Fue^hini 


5500 
3900 


10200 
300 


15700 
2200 


23000 

8000 


7300 
3800 


31.3 
47.5 


Totale. . . . 


9400 


10500 


19900 


31000 


11100 


35.8 



Sarebbe una grave ingiustizia l'attribuire al governo argentino e 
cileno la causa unica della scomparsa delle tribù Patagoniche e Fue- 
ghine: è certo che molte vittime fecero le guerre che i due governi 
suddetti dovettero fare contro gli Indi; ma a questo bisogna ancora 
aggiungere le guerre fra tribù e tribù, che furono sempre ardentis- 
sinie, e poi le siccità prolungate che alla lor volta produssero ter- 
ribili carestie e miserie; le epidemie dello scorbuto e dell'influenza 
specialmente nella Terra del Fuoco, ecc. Le tribù che scorazzavano 
libere per la fertile ed erbosa Pampa furono cacciate più a sud in 
paesi meno fertili e completamente disperse. 

Se si tien conto unicaaiente delle cifre, si è senz'altro indotti a 
concludere che fra pochi anni non si sentirà più parlare di Patagoni: 
ma si spera che, la mutata condizione di cose, le cure dei missio- 
nari e dei governi faranno si che si possa conservare questa razza 
dotata pur sempre di molte buone qualità. Il governo Argentino 



ploraciones y descuhr hnientos en la Patagonia^ Buenos Ayres, 1886; — Melchkrp, 



Digitized by 



Google 



aoa 

considera come cittadini que' Patagoni che sono battezzati ed iscritti 
presso qualche ufficio del Registro civile. Fra qualche anno quindi 
il censo non terrà conto speciale degli indigeni, i quali saranno 
assorbiti nel resto della popolazione. Bisogna notare che i Patagoni 
non sono del tutto refrattari alla civiltà, e già vi sono molte fami- 
glie, che han preso dimora stabile presso i centri abitati, occupan- 
dosi nell' agricoltura e nel tessere lana, secondo il loro uso. Molti 
pure sono occupati nelle estancias come guardiani di greggi; è do- 
loroso però il dover constatare, che purtroppo assai spesso gli Eu- 
ropei si abusano della loro buona fede e della loro miseria, obbli- 
gandoli a lavorare con poca o nessuna mercede. Anche nelle grandi 
città si cercarono per essi occupazioni; ma non fecero buona riuscita 
e soccombettero in breve tempo, parte nei più miseri quartieri delle 
città, parte in mezzo alle stesse agiatezze di malinconia e di nostalgia. 

Non tutti i Patagoni appartengono ad una stessa razza e parlano 
una sola lingua. Si possono infatti distinguere tre razze distinte dì 
indigeni: i Manzaneros o Araucani, i Pampas ed i Tewelches. Tutti 
hanno un colore bruno tendente al giallo: gli occhi sono belli ed 
espressivi. Gli uomini hanno poca barba e sono soliti strapparsela. 
L'insieme dei loro lineamenti è piuttosto brutto, con un'aria quasi 
stupida; ma nel medesimo tempo è più dolce che dispiacente, cosic- 
ché uno si sente disposto a contrarre con loro amicizia. Il collo 
hanno muscoloso, spalle assai larghe, membra solidamente impiantate, 
il tronco sviluppatissimo con ampio torace. A proporzione del tronco 
le loro gambe sono corte, i piedi piccoli e la loro andatura è gros- 
solana e senza grazia, specialmente nelle donne (1). La loro statura, 
benché non sia cosi esagerata, come comunemente si crede, è tutta- 
via al di sopra dell'ordinaria: la statura media dei Patagoni in ge- 
nerale è forse di m. 1,75. Il Moreno trovò pei Tewelches una media 
di m. 1,86 (2). 

Le lingue che parlano affatto dififerenti fra loro, sia pel lessico, 



(1) La Patagonia e le terre australi del continente americano, in « Bollet- 
tino salesiano » (Torino), 1883 p. 64. 

(2) F. MoKBNO, Viojè à la Patagonia Austral emprendido bajo lof atcspicios 
del goviemo nacionaL Buenos Ayres, voi. I, p. 376 e segg. Il Moreno trovò per 
i Tewelches i seguenti dati antropometrici: Indice cefalico naedio, 81,56; Circon- 
ferenza del cranio, 0,595; Altezza totale, m. 1,855; Ampiezza del torace, m. 1,100; 
Lunghezza del piede, m. 0,278. Per nove donne misurate ebbe le seguenti medie 
Indice cefalico, 85,55; Circonferenza del cranio, 0,559; Altezza totale m. 1,002* 
Lunghezza del piede, m. 6,245. Tendono piuttosto alla dolicocefalia. 



Digitized by VjOOQIC 



204 

sìa per la grammatica, come dimostrano chiaramente i seguenti 

esempi (1): 



Italiano 


Arauoano 


Pampa 


Tewelohe 


Acqua 


Co 


Jagùp 


Le 


Albero 


Mamùll 


Wayca 


Karù 


Anima 


Pùllù 


Kùnùca 


Kok 


Aria 


Pimùn 


Eyey 


- 


Cacico 


Lonco 


Ciulila 


Kiyan 


Cane 


Thewa 


Darsù 


Wascin 


Cielo 


Wenu 


Ausna 


Co(? 


Figlio 


Fothum 


Agratz 


Ikalùm 


Lingua 


Kewùn 


Jahun 


Thal 


Luna 


Kien 


Thrumana 


Krewenun 


Mano 


Cuù 


Yakal 


Cien 


Pane 


Cofken 


Tabun 


Pan (sp.) 


Pianura 


Laf-mapu 


Cialach 


Lakùrkù 


Sole 


Antu 


Apiukuk 


Kenkik 


Uomo 


Wenthu 


Pathray 


Al-lùn 


Zio 


Maglie 


Anamùnkia 


Konam 



Di queste lingue la più diffusa è Taraucana, la quale si suddivide 
ancora in vari dialetti, alle volte molto differenti fra loro. La gram- 
matica della lingua araucana è molto semplice e regolare (2). 

Non vi sono articoli, ma una sola declinazione con tre numeri: 
singolare, plurale e duale. 

Ecco come si declina il pronome di prima persona: 





Singolare 


Bnale 


Plurale 


Norn 


In eh e 


Inchu 


Inchifi 


Gen, 


Incbe ni 


Inchu ili 


Inchifi ni 


Dai, 


Incile mo 


Inchu mo 


Inchifi mo 


Acc. 


Incile 


Inchu 


Inchiil 


Voc, 


In eh e 


Inchu 


Inchifi 


Ahi 


luche mu, rao 


Inchu mu 


Inchiii mu 




meu 


meu 





(1) DoM. MiLANEsio. La Patagonia. Lingua^ industrie, costumi dei Patsgoni, 
Buenos Ayres. Scuola Tip. Salesiana, 1898, p. 15 e seg. 

(2) Fra i Patagoni i nomi delle cose muoiono quando muore chi le ha usate; 
portano disgrazia, e debbono perciò essere dimenticate. Quest'uso può rendere molto 
difficile la compilazione d*un Dizionario delle loro lingue. Moreno F., Viaje à la 



Digitized by 



Google 



205 

Nello stesso modo declinansi tatti i nomi, aggettivi e pronomi. 
Qoando il sostantivo di per sé non indica il genere, questo è espresso 
coli' aggiunta della parola venthu, nomo, o zomo, donna, al sostan- 
tivo stesso; es. Wenthu namel, tigre maschio. L'aggettivo precede 
sempre il sostantivo; e per indicare il plorale si prepone la particella 
pu; es. pu wenthu, gli nomini. 

Aggiungendo -n o tun ad un sostantivo si forma un verbo; es. 
Cudan, lavoro, cudaun lavorare; Ciha scrittura, cihatun scrivere; 
Puiu, bevanda, putun, bere. Nello stesso modo da un verbo si forma 
un nome, togliendo il snflBsso-tun. Da un verbo pure, togliendo -n 
ed aggiungendo -foe si formano sostantivi che indicano la persona 
che compie Fazione espressa dal verbo (it., -ore), Es. zugun, par- 
lare zugufoe, parlatore; cilcaurij scrivere, chilcafoe scrittore; cudaun 
lavorare, cudafoe lavoratore; montuln^ liberare, montulfoey liberatore. 

In araucano vi è una sola coniugazione e tutti i verbi sono rego- 
lari. Eccone le desinenze: 







Indicativo. 




Presente e perfetto. 




Imperfetto, 


Singolare 


Duale 


Plurale 


Singolare 


Duale Plurale 


-n 


-yu 


-ifi 


-vun 


-vuyu -vuill 


-ymi 


-ymu 


-ymn 


-vuymi 


-vuymu -vuymn 


-y 


-yga 

Futuro, 


-ygn 


-vuy 


-vuygu -vuygn 
Imperativo, 


-an 


-ayu 


-ain 




2* pers. sing. -gè. 


-aymi 


-aymu 


-aymn 




3* pers sing. -gè 


-ay 


-aygu 


-aygn. 










Congiuntivo. 






Presente, 






Imperfetto, 


-li 


-liu 


-lifi 


-vuli 


-vuliu -vulili 


-Imi 


-Imu 


-Imn 


-vulmi 


-vulmu -viilmn 


-le 


-legu 


-legn 


-vule 


-vulgu -vulgn 




Futuro, 




Futuro anteriore. 


-ali 


-lu 


-alia 


-avum 


-avuliu -avuiii 


-almi 


-almu 


-almn 


-avuymi 


-avulmu -avymn 


-ale 


-algu 


-algn 


avuy 


-avulgu -avuygn 



Digitized by 



Google 



>19HPHfMBiP 




206 

Prendendo quindi il verbo nien, avere, si ottengono pel pres. ind. 
le seguenti forme: 

Singolare Duale Plurale 

Inche DÌe-n Inchu nie-yu Inchiìi nie-ifi 

Eymi nie-ymi Eyrau nie-ymu Eymo nie-ymn 

Teye nie-y Teyegu nie-ygu Teyen nie-ygn ecc. 

Il perfetto si differenzia dal presente, perchè tra la radicale del 
verbo e la desinenza s'interpone la particella Are; es. Nie-ke-n cofken, 
io ebbi del pane. 

Per rendere di significato passivo un verbo basta interporre fra 
la sua radicale e la desinenza la radicale gè- del verbo gen essere. 
Es. iucu-n coprire, tucu-gen essere coperto; ayun^ amare; ayu-ge-n 
essere amati; ayuign^ amano, ayu-ge-ign^ sono amati ecc. 

I pronomi riflessivi mi, ti, si, ci. vi, ed i pronomi che ricevono 
razione indicata dal verbo si rendono colle particelle -n-e-fi-mu-mo- Oj 
che si s'interpongono, secondo varie regolo, fra la radicale e la de- 
sinenza del verbo. 

II pronome relativo « che > si esprime colla particella- lu posta dopo 
la radicale del verbo; es. Pietro che è buono, Pietro cume-ge-ft*; 
colui che ama^ teye ayu-lu; voi che amate^ tamn amu-lu ecc. 

Da queste e da poche altre regole è retta tutta la lingua araucana, 
la quale, come si vede, non è poi molto difficile, essendo il variare 
delle sue forme governato da regole fisse (1). 

La religione dei Patagoni è molto semplice: riconoscono doe 
principi ; uno buono detto dagli Araucani Gne-che « essere supremo », 
o Filpepilfoe cioè onnipotente; e l'altro cattivo Hualicio o loeza-vecufa. 
Il sole è il simbolo della divinità e per esso si giura. Il cacico capo 
civile e religioso fa le preghiere (gigliaiuriy camaricuy) e le ceri- 
monie destinate ad allontanare lo spirito cattivo (machitun). Sacri- 
ficano vitelli, vacche od agnelli, estraegono il cuore della vittima 
e lo adorano come simbolo della divinità. Molto spesso le loro feste 
religiose terminano in risse atroci e micidiali, essendo essi molto 
portati all'ubbriachezza (2). 



(1) La difficoltà più grande consiste nel parlarla, perchfe le lingue patagoni 
hanno molte gutturali ed aspirazioni, e sono piene di suoni che le nostre lettere 
non saprebbero esprimere. {Bollettino Salesiano^ 1884, p. 150). 

/0\ n^'^ì^'^f*.*^ ^ /^^— ,«*,-*^*--. .,«,« ..,.^1 a:*.^ «I. „u* ^- u; li... - 



Digitized by VjOOQIC 




'207 

È in vigore la poligamia, la quale, una volta privilegio dei capi, 
ora si estende anche presso i privati: la fedeltà coniugale è una delle 
più belle prerogative dei Patagoni. Il matrimonio avviene per com- 
pera e lo sposo rimane nella casa della sposa, lavorando per man- 
tenere i suoceri. Nemmeno in quei paesi però (le suocere son suo- 
cere dappertutto!) lo sposo rimane volentieri in tale sudditanza, ed 
è felice quando può mandare a spasso e suocero e suocera. Le donne 
in genere vanno d'accordo fra loro e non conoscono Tinvidia e la 
gelosia. 

Questo popolo ha in generale un carattere molto mite: conserva 
gelosamente le tradizioni del. passato: diventa crudele solo quando 
vuole vendicare qualche offesa. L'occupazione principale dei Patagoni 
è la caccia ai guanachi, agli struzzi, lepri, piche, matacos ecc., che 
ancora abbondano verso il sud. Le donne, oltre i servizi di casa, 
tessono lane di pecora o di guanaco e cuciono i chiglianghi, specie 
di coperte formate di una dozzina di pelle di guanaco e unite in- 
sieme con fili di membrane di struzzo. Alcuni però adesso hanno 
già preso stabile dimora, coltivando il terreno o pascolando le loro 
piccole greggi. Nella valle del Rio Negro vi sono delle famiglie in- 
digene abbastanza ricche (1). 

Anche nella Terra del Fuoco si distinguono tre tribù di indigeni: 
gli Onas, gli Alacalufes ed ì Yaganes. Questi ultimi sono forse i 
più antichi; ad essi tennero dietro poi gli Alacalufes e gli Onas, i 
quali ora sono quelli più numerosi. I Yaganes vivono specialmente 
sul mare su fragili canotti visitando le terre poste al sud del Canale 
di Beagle: si crede che non oltrepassino 1600. Gli Alacalufes, che 
non sono più di 500, abitano la parte occidentale deirisola della 
Terra del Fuoco ed altre isole dell'Arcipelago Fuegbino. La tribù 
degli Onas popola tutta l'Isola della Terra del Fuoco, ma special- 
mente la parte orientale e, come si disse, è la più numerosa delle 
tribù fueghine, constando di circa 9000 individui. Secondo il Norden- 
skjold la lingua degli Onas differisce molto da quella dei Yaganes; 
mentre si avvicina molto a quella dei Tewelches si che si dovrebbe 



moderatamente. Quando però la festa volge al termine h quaii di rito una so* 
lenne sbornia universale da cui non va esente neppure un certo numero di donne. 
Queste sul principio del baccanale procurano di raccogliere i coltelli ed altri og- 
getti pericolosi affine di evitare, nel caso di una rissa, che vi abbia spargimento 
di sangue. Cfr. Milanbsio, La Patagonia^ 43, e Bollettino Salesiano^ annate 
1884-99 patsim. 
(1) Bollettino Salesiano, 1883-84 passim. ~~ Milanesio, La Patagonia, p. 40. 



Digitized by VjOOQIC 



208 

credere ad una comuue non lontana origine de' due popoli (1). H 
Carbajal invece opina, che gli Onas discendano da qualche tribù 
Araucana meridionale, alla quale nnironsi probabilmente alcuni Indi 
Patagoni (2). Invero gli Onas per l'aspetto e per la forma richia- 
mano i Patagoni e, benché siano più piccoli di quelli, costituiscono 
tuttavìa uno de' popoli di più alta statura. 

Gli Onaa sono poi divisi in varie tribù, le quali molto spesso ven- 
gono in lotta fra loro: vanno di paese in paese fermandosi dove 
trovano un po'di riposo o riparo contro il rigore dell'inverno. I loro 
abiti sono molto semplici e consistono in un mantello composto di 
tre o quattro pelli di guanaco cucite insieme, ch'essi gettano sulle 
spalle, trattenendolo sul petto colla mano. Si adornano con ossa 
d'uccello o grani neri infilati insieme, e si dipingono il viso ed il 
petto con righe a vari colori. Mal difesi contro un clima abbastanza 
rigido e molto umido conducono una vita molto misera, dovendo 
spesso lottare anche colla fame. Per nutrirsi essi usufruiscono di 
tutto quello che di commestibile trovano in tutti i regni, dalla na- 
tura, dal guanaco e tuco-tuco (Ctenomys), dalle differenti specie d'uc- 
celli, di pesci e di testacei, fino ai prodotti del regno vegetale come 
VAzorella e la Cittaria. Essi cuociono od arrostiscono, almeno saper- 
ficialmente, ogni loro cibo: non sono né furono mai antropofagi, 
benché qualcuno l'abbia detto. 

La famiglia presso dei Fueghini ha legami molto stretti e saldi^ 
e gli uomini hanno, quasi sempre, per la loro moglie e pei figli 
molta tenerezza e molti riguardi. La poligamia esiste; ma è poco 
sparsa. 

Si è in questi anni incominciato a cercare di ridurli a vita stabile 
e civile: ed a quest'ardua ed umanitaria impresa attendono i missio- 
nari Salesiani di D. Bosco sotto la direzione del P. Fagnano, uomo 
di zelo grandissimo, che rende venerato in quelle estreme terre il 
nome d'Italia (3). 

Molto incerti sono i dati che si hanno circa la popolazione della 
Patagonia: il censo più recente è quello del 1895 i cui risultati fu- 



(1) NoKDENSKJÒLD, U expeditiou Suedoise a la Terre du Feu^ in < Annales de 
Géographie, » 1897, p. 355. 

(2) Carbajal, La Patagonia, I» 206. 

(3) I PP. Salesiani hanno stabilito neirisola Dawson due Riduzioni, quella di 
S. Raffaele e quella del Buon Pastore, ed una terza, la Candelara, nelTIsola 
Grande della Terra del Fuoco. Gli uomini sono occupati specialmente nella pa- 
storizia e nel taglio de boschi; le donne filano e tessono panni grossolani che 
servono per gli Indi. 



Digitized by VjOOQIC 



jcJ,iM^ 



"^^ 



209 
rono resi noti nel 1896; ma non sembra che le cifre da esso forni- 
teci siano in tutto attendibili. 



Popolazione della Patagonia secondo il 


censo del 1895. 


TERRITORI 


Popolazione 
urbana 


Popolazione 
rurale 


TOTALE 


Regione Pata«:onica della pro- 
vincia di Bnenos Aires 


2096 


2615 


8088 


Neuqaen 


903 


13614 


14517 


Rio Ne^ro 


2626 


6615 


9241 


Clmbut 


618 


3l:X) 


3748 


Santa Cruz 


443 


651 


1058 


Terra del Fuoco 


225 


252 


477 


Totale generalo 


(i9il 


»218 


37859 



Come il Carbajal osserva, il censo nella Patagonia fu eseguito 
con grande trascuratezza per parte di molti pubblici funzionari, tanto 
cbe alcuni dipartimenti non furono nemmeno censiti; e poi gli abi- 
tauti accolsero Foperazione del censimento con diffidenza e molti 
fecero tutto il possibile per isfuggirvi, credendo che il governo cen- 
trale volesse sapere il loro nome per meglio poterli arrolare al ser- 
vizio militare od aggravarli d'imposte. 

Ecco la superfìcie e la popolazione della Patagonia Argentina 
secondo i calcoli del Carbajal : 



TERRITORI 



SUPEFICIE IN Kq. 

Kelativa 
Assoluta cliilometrì 
per 1 ab. 



POPOLAZIONE 



Assoluta 



Densità 
abitanti 
per 1 Kq. 



Regione Patagjoiiica della pro- 
vincia di Buenos Aires. . . . 



Neminen 

Eio Xe^ro 

Chubut 

Santa Cruz 

Terra del Fuoco. 



25,700 
107,703 
196,695 
242,039 
282,750 

21,409 



Totale. 



878,386 



2,4 

6,7 

14,3 

58,2 

103,3 

23,9 



10,342 

16,130 

13,6.-2 

4,160 

2,737 

899 



0,402 
0,147 
0,069 
0,017 
0,009 
0,042 



18,3 



47,950 



0,055 



Digitized by 



Google 



210 

Le cifre parlano eloquentemente da sé: la Patagonia è adunqne 
uno dei paesi meno popolati del mondo, tanto che ogni suo abitante 
potrebbe avere una proprietà di Kq. 18, 7. Questa mancanza di po- 
polazione raggiunge il massimo nella Patagonia centrale e meridio- 
nale, ove non v' è neppure un ab. per 100 Kq. 

La popolazione attuale, oltre che degli indigeni di cui già si è 
parlato, è costituita dai discendenti degli antichi Spagnaoli che fin 
dal 1779 cominciarono a colonizzare la Patagonia, poi da numerosi 
Italiani, de^quali i primi giunsero in questi luoghi nel 1854, e infine 
di Anglosassoni (1864), Francesi, Austriaci ecc. Predomina la popo- 
lazione rurale; ma già cominciano a sorgere qua e colà dei centri 
abitati, piccoli villaggi, per ora, ma che in seguito cresceranno certa- 
mente e di numero e d'importanza. 

Carmen de Patagones, o semplicemente Patagones, è il centro più 
importante ed antico, essendo stato fondato da D. Francesco Biedma 
il 17 giugno 1779. Sorge sulla sponda sinistra del Rio Negro, a 
36 Km. dalla foce, sopra colli arenosi alti non più di 35 m. sul li- 
vello ordinario del fiume. La sua popolazione è di circa 2900 abitanti. 
Amministrativamente Patagones è capoluogo del Partido [diparti- 
mento) omonimo, appartenente alla regione sud della Provincia di 
Buenos Aires: nel dipartimento di Patagones vi sono circa 1000 ita- 
liani, ed italiana è pure la ditta Bertorello e Cuneo che è la più 
importante. 

Nel territorio del Rio Negro la capitale è Biedma (1400 ab.) fon- 
data da Francesco Biedma nel 1779: essa è la sede del, governatore 
e del vicario apostolico della Patagonia. Giace in faccia a Patagones 
sulla riva destra del Rio Negro in una pianura superiore di soli 
17 m. al livello minimo del fiume. Gli edifizi più notevoli sono la 
Chiesa, i Collegi Salesiani, l'Ospedale, la residenza del Vicario Apo- 
stolico e poi quelli del Governo e del Municipio: le altre case ge- 
neralmente sono ad un sol piano e senza intonaco. Sulla sponda si- 
nistra del Rio Negro in una fertile valle è Pringles con 500 ab. 
Seguendo il Rio Negro s'incontra prima il piccolo villaggio di 
Conesa abitato in parte da coloni italiani, e poi presso la confluenza 
del Limay e del Neuquen il villaggio di Roca (900 ab.), il quale per 
la sua posizione presso la confluenza dei fiumi suddetti e per es- 
sere capolinea della ferrovia che mette alla Capitale Federale è cer- 
tamente chiamata ad un prospero avvenire. 

Nel Neuquen i due principali centri abitati sono Chos-Malal e 
JuniiT de los Andes. Chosmalal (550 ab.) capitale del territorio è 
posta sulla riva sinistra del fiume Neuquen a 50 leghe dalla con- 



Digitized by VjOOQIC 



B!IBW|IPPfi|BBi»i5''''w^? ■■"•"■, r»"^'' '^.*'' • ' ^tVT^^r-" '"^'^ —-,.....-., :.<-«wurvi^j 



211 

fluenza del Limay e del Neuquen. Junin de los Andes giace sul 
Cbemehain affluente del Collon Cura ed è abitato da una popola- 
zione d'origine arancana (450 ab.). 

La capitale del territorio del Chubut è Rawson fondata nel 1866 
da una colonia anglosassone (500 ab.): nel Chubut notevoli sono 
ancora le colonie Oaiman (140 ab.), Trelew, Porto Madr}^, e « 16 de 
Octubre » in una bella valle della Precordigliera. Tutti i paesi posti 
nelle valli del Rio Negro e del Chubut furono molto danneggiati 
ed in parte distrutti dalla terribile inondazio)ie che sul finire del 
luglio 1899 gettò nel lutto la Patagonia intera. I fiumi patagonici, 
specialmente il Colorado, il Rio Negro ed il Chubut hanno la riva 
destra quasi a livello della pianura circostante e quindi bastano al- 
cuni giorni di pioggia perchè siano obbligati ad uscire dal loro letto. 
La causa prossima e più efficace però delP inondazione del 1899 si 
deve, oltre che a lunghe ed abbondanti pioggie, dopo una prolungata 
siccità, anche ai grandi calori che accelerarono lo sgelo delle nevi 
accumulate sulle giogaie Andine. Una prima forte piena avvenne verso 
la fine di maggio; ma la più terribile e decisiva fu quella tra il 20 
ed il 25 del mese di giugno, per cui i villaggi di Roca, Pringles, 
Biedma, Rawson e Gaiman furono quasi interamente distrutti, e 
molto danneggiati quelli di Conesa, Chosmalal, Carmen de Patago- 
nes, ed altri ancora (1). 

Nel territorio di Santa Cruz noto solo il porto di Santa Cruz 
(700 ab.), e la capitale del territorio, Porto Gallegos (150 ab.); e 
nel territorio della Terra del Fuoco la capitale Ushuaia (225 ab.) 
con un porto sicuro e di facile accesso. 

Includendo la città cilena di Punta Arenas e la capitale delle isole 
Malvine Starley, si otterrebbe per la Patagonia una popolazione 
urbana di 13.000 ab. 

Ho avuto spesso occasione di ricordare i missionari Salesiani 
della Patagonia; essi meritano però una speciale menzione, primie- 
ramente perchè all'opera loro si deve se questo barbaro paese è già 
avviato sul sentiero della civiltà; e poi perchè sono italiani per la 
massima parte e con capitale italiano pure sostengono le numerose 
loro case e missioni. I primi Salesiani e le prime suore di Maria 
Ausiliatrice (opera di D. Bosco) vennero nella Patagonia sul finire 
del 1879 condotti dal R. P. Fagnano di Rocchetta Tanaro (Pie- 
monte), il quale ora è Prefetto Apostolico della Terra del Fuoco 



(1) Bollettino Salesiano^ dicembre 1899, p. 320. — Vinondasione della Pa^ 
tagonia, Lib. Salesiano, Torino, 1900, p. 15. 



Digitized by VjOOQIC 



212 

Ne' primi anni si fermarono in Patagones ed in Biedma, e fonda- 
rono dae collegi per l'educazione dei ragazzi e delle ragazze in cia- 
scuno dei due villaggi: nello stesso tempo facevano escursioni nelle 
valli del Rio Negro, del Colorado, del Limay e del Neuquen e nelle 
valli delle Precordigliere, istruendo i Patagoni. Nel 1885 arrivava a 
Patagones Mons. Giov. Cagliero di Castelnuovo d'Asti per la cui 
opera le missioni salesiane si estesero sempre di più in tutta la Pa- 
tagonia che fu percorsa in tutti i sensi da numerosi missionari: le 
relazioni dei loro viaggi, pubblicate nel Bollettino Salesiano (Torino) 
edito in sei lingue, sono molte volte interessanti, come interessan- 
tissimo, specialmente dal lato etnologico, è il Museo del Seminario 
delle Missioni estere (Valsalice, Torino) in cui sono raccolti molti 
oggetti che riguardano la vita e Tindustria delle tribù sud-americane 
e specie della Patagonia. 

Esistono attualmente nella Missione della Patagonia, Pampa Cen- 
trale e Terra del Fuoco, ben 28 Case salesiane, 14 Parrocchie ser- 
vite da preti salesiani, 2 Scuole di Arti e Mestieri, 23 tra Collegi e 
Ospizi, 2 Ospedali diretti dai medesimi salesiani e dalle Suore di 
Maria Ausiliatrice. 

Ho avuto occasione di trattare con vari emigranti italiani, i quali 
furono concordi nelP affermare che i loro compatrioti i PP. Salesiani 
erano stati per essi veri angeli tutelari. L^ Italia dev'essere orgo- 
gliosa di questi suoi figli che in numero di 20CT e più rendono caro 
e rispettato il nome italiano in quelle estreme terre. 

Conviene ora domandarci: a quale dei diversi, popoli che hanno 
qualche rappresentante fra gli immigrati in Patagonia il clima di 
questo paese si dimostrò più favorevole? Per rispondere riporto in- 
tegralmente alcune parole del Carbajal che ci possono interessare 
molto da vicino: « Delle prime famiglie italiane (1854) ne esistono 
presentemente in Biedma, Patagones ed in tutto il corso del Rio 
Negro, notando che tutto favori a prolungare i loro giorni: il climju 
Talimento, le produzioni, ed i costumi; la maggior parte di esse oc- 
cupano per la loro fortuna un posto ragguardevole e ben poco ne 
sofferse la loro salute e robustezza; poca ne fu la mortalità; e nel- 
l'aumento raggiunsero un numero che per nulla disdice alla nota 
loro prolifica fecondità. La buona salute degli Italiani si distingue 
da quella di altri immigrati Europei ed è superiore a quella degli 
stessi creoli » (1). Anche gli Inglesi facilmente si acclimatarono e 
di 150 che erano nel 1864 diventarono ora 1800. Se si tien conto 



(1) Carbajal, Op. cit. I,.30l. 



Digitized by VjOOQIC 



r-^-v^iVppvMiiimn 



213 

adunque (iella salute che nella Patagonia godono gli Italiani, gUIn- 
glesi, gli Spagnuoli, » Francesi ecc., si deve conchiudere ch'esso 
è un paese quanto mai adatto ad una conveniente immigrazione. 
Non bisogna però nascondersi alcuni inconvenienti: gli Italiani, per 
€8., vanno soggetti alla pinguedine, non però eccessiva, ed i loro 
figli benché sani, non hanno tuttavia grande forza muscolare, e ten- 
dono a prendere una tinta bruna. 

Anche dal lato economico le condizioni degli immigrati non sono 
cattive: degli Spagnuoli % sono proprietari, degli Italiani ^/g, degli 
Inglesi '/^; ed in generale sono proprietari tutti quegli europei che 
arrivarono in Patagonia prima del 1890. 

{Continua) 






Digitized by 



Google 



214 



V. 

Eclisse parziale di Lana del 16 Dicembre 1899 



IVotcì di O. SiVUiV. 



L* eclisse è stata da me osservata nelP Osservatorio di Catania, 
per mezzo dell* equatoriale Cooke, di 0,™ 15 d'apertura, coir ingran- 
dimento 35 ; e del relativo cercatore, di 0,*" 04 d'apertura ed ingran- 
dimento 6 ; e per i tempi ho adoperato il cronometro di marina 
Litherland. 

Gli istanti dei fenomeni osservati sono dati astronomicamente in 
tempo medio di Catania (1). 

12'*. 45." L'eclisse è cominciata: nel cercatore si distingue bene 

la parte oscurata del lembo lunare; nel cannocchiale 
la parte oscurata è più diffusa e sfumata in giallo. 

12.50. 15* Entrata dell'orlo orientale di Aristarco nell'ombra. 

12 . 50 . 52 Entrata del centro di Aristarco nell'ombra. 

12.51. 9 Entrata dell'orlo occidentale di Aristarco nell'ombra. 
12.50.45,3 Media dell'entrata di Aristarco nell'ombra. 

13. 3.15 Entrata dell'orlo orientale di Copernico nell'ombra. 

13. 3.55 Entrata del centro di Copernico nell'ombra. 

13. 4.58 Entrata dell'orlo occidentale di Copernico nell'ombra. 

13. 4. 2,7 Media dell'entrata di Copernico nell'ombra. 

13. 8.25 Ombra sull'estremità orientale dei Monti Appennini. 

13. 13.33 L'ombra arriva a coprire tutto il Mare delle Pioggia. 

13 . 16 Nel cercatore non si distingue nulla della topografia 

della parte eclissata del disco lunare, mentre nel 
cannocchiale tale topografia si distingue abbastanza 
bene. 



(1) Le coordinate geografiche delT Osservutorio di Catania sono: 
Latutudine 37° 30' 13" Nord; 
Loegitudine l*' O" 20",6 Est. Greenwich 



Digitized by VjOOQIC 



iqMPav^H" 



215 

13\20". 7* Il centro della Luna, stimato al cannocchiale, entra 
neir ombra. 

13 . 26 È sensibilissima ad occhio nado ed al cannocchiale, la 

tinta rosso-cenerina della parte eclissata del disco 

lunare. 
13.27.57 L'ombra copre tutto il Mare della Serenità. 
13.34.40 Entrata dell'orlo orientale di Ticone nelF ombra. 
13.37. 13 Entrata del centro di Ticone nell'ombra. 
13.39. 8 Entrata dell'orlo occidentale di Ticone nelP ombra. 
13.37. 0.3 Media dell'entrata di Ticone nell'ombra. 
13.40.35 L'ombra copre tutto il Mare della Tranquillità. 
13.45.40 L'ombra copre il Mare delle Crisi. 

13 . 49 . La parte eclissata mantiene per due terzi la colorazione 

rosso-cenerina, mentre nell'altro terzo, adiacente alla 
parte luminosa, presenta una colorazione verdognola. 

13.54.48 L'ombra copre il mare della Fecondità. 

13.55.31 Occultazione di una stella piccola, in prossimità del 

punto NE. del lembo lunare eclissato. 
L'occultazione della stella è stata istantanea, però per 
circa 4 secondi, prima dell'occultazione, la stellina 
sembrava come penetrata nel lembo lunare, ed appa- 
riva come chiodo luminoso intaccante il lembo oscuro 
della Luna. 

14.00.54,5 Occultazione di una stella (stimata più piccola della 
prima stella occultata) in prossimità del punto E. 
del lembo lunare eclissato. 

14.03.4G Occultazione di una stella (stimata di grandezza uguale 
alla seconda stella occultata), in prossimità del punto 
E N E. del lembo lunare eclissato. 

14 . 16 . 0,5 La parte luminosa del disco lunare è ridotta ad un se- 

gmento, la cui saetta uguaglia la larghezza di Ticone. 

14 . 19 . 33 La parte luminosa è ridotta ad un sottile segmento 

lungo una ventina di gradì, ed ancora diminuisce. 

14.22.42,5 II segmento luminoso sembra allargarsi alquanto nella 
parte centrale. 

14.27. 6 La zona della parte eclissata adiacente al terminatore 
dell'ombra, apparisce, nel cannocchiale, colorata di 
una tinta lucida che in sfumatura va dal violaceo chia- 
rissimo, al verdino, al grigio ed al rosso nella parte 
più oscura. 

14.54.35 Uscita dell'orlo occidentale di Ticone dall'ombra. 



Digitized by VjOOQIC 



■ ^ 



216 

14^56^ 25^^ Uscita del centro di Ticone dairombra. 
14.59. 19 Uscita deirorlo orientale di Ticone dall'ombra. 

14 . 56 . 4G,3 Media delPuscita di Ticone dall'ombra. 

15. 18.54,5 La retta congiungente le due cuspidi, corda del termi- 
natore della parte eclissata, appare a stima nel can- 
nocchiale eguale ad un diametro della Luna: La co- 
lorazione della parte eclissata appare uniforme e di 
tinta rosso-cenerina. 
15.22.48 Uscita dell'orlo occidentale di Copernico dall'ombra, 
15.23.38 Uscita del centro di Copernico dall'ombra. 

15 . 24 . 16,5 Uscita dell'orlo orientale di Copernico dall'ombra. 

15 . 23 . 34.2 Media dell'uscita di Copernico dall'ombra. 

15.25. 15 Emersione del centro della Luna, stimato al cannoc- 
chiale, dall'ombra. 
Da 15''. 30'". a 16'' faccio le osservazioni meridiane allo 
strumento dei passaggi per la regolazione degli oro- 
logi di osservazione. 

16.14 È appena percettibile l'oscuramento del piccolo seg- 

mento in penombra. 

16 . 18 Nel cannocchiale tutto il disco lunare sembra abbia ri- 

preso uniforme splendore, ad eccezione della regione 
di Ticone che spicca luminosissima : ad occhio nudo 
apparisce un leggiero oscuramento nella parte del 
lembo lunare ancora in penombra. 



.t^^ii^. 



Digitized by VjOOQIC 




■Min 



217 



VI. 
RASSEGNA CARTOGRAFICA 



Nuove pubblicazioni dell'Istituto Geografico Militare. 

In occasione della Esposizione fotografica italiana, tenuta a Torino nello 
scorso febbraio, l'Istituto Geografico Militare ha presentato alcuni saggi 
cartografici ottenuti applicando un nuovo sistema dì fotoincisione chimi- 
ca, in so^itituzione del sistema Avet adoperato sin ora per la riproduzione 
della carta d'Italia ad 1:100.000. Con questo nuovo procedimento, dovuto 
al Tenente Colonnello di Artiglieria E. Gliamas, addetto all'Istituto, 
r incisione sulla lastra di rame è ottenuta con una morsura prodotta da 
un agente chimico, laddove nella fotoincisione sistema Avet la lastra 
fotoincisa è ricavata dalla deposizione elettrolitica del rame metallico 
su di una matrice di gelatina indurita. I vantaggi del nuovo sistema 
consistono nella rapidità del procedimento e nella possibilità di ottenere 
un rame che riproduca lo sfumo orografico come si ottiene dal pastello 
sulla pietra. E noto come le pietre disegnate al pastello rapidamente si 
staìwhinOj onde dopo alcune migliaia di fogli tirati si rendono inservi- 
bili. Per persuadersene basta porre a confronto alcuni fogli della bella 
Carta corografica d'Italia ad 1:500.000 delle prime edizioni con quelli 
stampati negli ultimi anni. Le mezze tinte sono intieramente scomparse 
e non è rimasta che una tinta scura uniforme. Si comprende quindi il 
vantaggio del nuovo sistema che pei-mette di ovviare a questo incon- 
veniente. 

Le carte ottenute con questo nuovo procedimento ed inviate all'espo- 
sizione di Torino sono le seguenti: 

Carta Corografica del Begno cV Italia ad 1: 500.000 (Nuova edizione). — 
La prima edizione di questa bella carta fu iniziata nel 1883 e apparve 
nel 1886. Non essendo allora ultimati i nuovi rilievi fu necessario nella 
sua costruzione ricorrere per alcune regioni alle vecchie carte. In questa 
nuova edizione furono introdotte le necessarie coi*rezioni e furono ag- 
giunti anche moltissimi nomi di località abitate. La rappresentazione 
orografica è ottenuta col disegno a sfumo riprodotto, come si disse, colla 
fotoincisione chimica. Della nuova edizione sono allestiti soltanto 22 fo- 
gli che interessano il Tlegno ciascuno dei quali è posto in vendita al 
prezzo di L. 1,50. 



Digitized by VjOOQIC 



218 

Carta Topografica d'altana alta scala dì 1:100.000. — La carta d'Italia 
ad 1:100.000 decretata dalle leggi 10 agosto 1862, 29 giugno 1875 e 
30 maggio 1878, costruita in baso ad appositi rilevamenti eseguiti sul 
terreno, è com'è noto riprodotta in nero col si-sterna di fotoincisione Avet 
e coU'orografìa rappresentata con tratteggio a luce zenitale modificata. 
La Buova edizione di questa carta, di cui alcuni saggi furono mandati 
a Torino, è invece in cromo e Porogi'afìa è rappresentata a sfumo, an- 
ziché a tratteggio, col procedimento di fotoincisione chimica sopra ricor- 
dato. La tinta dell'orografìa è in bistro, le acque sono in azzuiTO e tutto 
il resto in nero. Questa nuova edizione ha altresì la particolarità di 
portare lungo i margini l'indicazione delle quote corrispondenti alle 
curve di livello. Il costo di ogni foglio della carta e di L. 2,00. 

Carta dei dintorni di Firenze alla scala di 1:10.000. — Questa carta 
comprende l'intera tavoletta N-0 del quadrante II del foglio 106 della 
Carta d'Italia, ossia il trapezio limitato dai paralleli 48» 45' e 43® 50' e 
dai meridiani I<»07'30'' o 1" lo' ovest da il. Mario. Contiene quindi la 
regione intorno alla città sino a Sesto, le Caldine, Bagno a Ripoli e il 
Poggio Imperiale. Essa fu costruita in base ad un accurato rilevamento 
tacheometrico e fu riprodotta, sempre col procedimento di incisione fo- 
tochimica, e stampata a 5 colori: il nero per la planimetria e le scrit- 
ture, il bistro per l'orografìa, il rosso per i fabbricati, l'azzurro per le 
acque e il verde per le coltivazioni. Consta di 4 fogli delle dimensioni 
ciascuno di m. 0,50X0,47 i quali vengono posti in commercio pel prezzo 
complessivo di L. 10. 

Pubblicazioni del < Service Géograplirque de TArmée > di Parigi. 

Il « Service Géographique de l'Armée » francese ha di recente pub- 
blicato e posto in commercio le seguenti carte: 

Carta topografica della Tanisia alla scala di 1:50,000. Fogli N.° LXV 
(Djemmal), LXVI (Moknine), LXXIII (Kerker), LXXIV (Mahdia) e 
LXXXII (La Chebba). 

La costruzione di questa carta fu iniziata nell'anno 1889 in continua- 
zione della carta ad eguale scala dell'Algeria, e come questa si compone 
di un numero non ancora precisato di fogli delle dimensioni di m. 0.64 
X 0. 40. La carta frutto di regolari rilevamenti sul terreno, eseguita 
alla scala di 1:40.000 ed appoggiata ad una buona triangolazione è ri- 
prodotta in cromolitografìa a 5 colori: il rosso per le strade principali 
ed i fabbricati, il bistro per l'orografia rappresentata con curve di livello 
all'equidistanza di 10 m. e con ombreggiatura a pastello a luce mista, 
l'azzurro per le acque, il verde per le culture e il nero per le scritture 
e le strade secondarie. Sin ora ce ne pubblicarono 36 fogli che sono in 
vendita al prezzo di L. 1.50 al foglio. 

Carta dei dintorni di SJax alla scala di 1:50.000. — È un foglio spe- 
ciale della carta della Tunisia sopra descritta delle dimensioni di m. 0.64 
X 0.44 (L, 1,50). 



Digitized by VjOOQIC 



21^ 

Carta delV Algeria alla scafa di 1: 200.000. Fogli 32 (Mascara) 43 (Saì'da) 
45 (Zenina). — Questa carta è una riduzione dei rilievi originali ese- 
guiti parte alla scala di 1: 40.000 e parte a quella di 1: 100.000. Essa 
comprenderà 81 fogli dei quali 28 sono sin ora pubblicati. La riprodu- 
zione è fatta in cromo a tre colori: il nero per la rote stradale e le 
scritture, il bistro per l'orografia rappresentata con curve di livello equi- 
distanti 50 metri, e con ombreggiatura a pastello a luce obliqua, l'az- 
zurro per le acque. Ciascun foglio che misura m. 0,48x0,30 è posto in 
commercio al prezzo di L. 0.70. 

Carta della Tunisia alla scala di 1: 100.000. Foglio N.<' LIX (Iles Ker- 
kennah). — Consterà di 86 fogli e questo delle Isole Kerkennah testé 
dato in luce è il primo che se ne pubblica. È una bella carta del tipo 
stesso di quella ad 1:50.000 già descritta, della quale è una riduzione, 
ed è ancor essa stampata in cromo con le stesse tinte. Le dimensioni di 
ciascun foglio sono di m. 0,48 X 0,30 II prezzo di vendita di ognuno di 
essi è di L. 1.20. 

Carta della penisola dei Balcani olla scala di 1: 1.000.000. Fogli Salo- 
nique, Constantinople e Alhènes, — È una carta di cui è stata ora intra- 
presa la pubblicazione coi tre fogli annunziati e consterà complessiva- 
mente di 6 fogli delle dimensioni ciascuno di m. 0.54 X 0.^38. La projezione 
adottata è quella di Bonne e Ja regione rappresentata è compresa presso 
a poco tra i paralleli 34« e 46° e i meridiani 15' e 27° (da Parigi). È stampata 
in cromo a 4 colori: il rosso per le vie ordinarie (rotabili e mulattiere), 
l'azzurro per l'idrografia marittima e terrestre, il nero per le scritture, 
le delimitazioni politiche e le ferrovie, il bistro per l'orografia rappre- 
sentata a pastello a luce obliqua. Seno pure tracciate le curve batome- 
triche marittime di 10, di 50 e di 100 m. di profondità. E in complesso 
una bella cartina molto chiara ed accurata. I 4 fogli da pubblicarsi, tutti 
già in corso di disegno e di stampa, porteranno i nomi di Belgrado^ Bu- 
charesty Corinthe e Athènes. Il prezzo di vendita di ciascun foglio è di 
L. 2.25. 

Carta deWisola di Creta alla scala di 1:400.000. — E in tutto simile 
alla carta dei Balcani precedentemente descritta e per la sua costruzione 
servirono di fondamento vari documenti francesi e stranieri. Dimensioni 
m. 0.71 X 0.25. Prezzo di vendita L. 1,00. 

Carta della Turchia d'Asia {Meno l* Arabia) alla scala di 1: 1.000.000. — 
Ne fu iniziata la pubblicazione nel 1897 e consterà complessivamente 
di 12 fogli delle dimensioni ciascuno di m. 0.405 X 0.70 sviluppati in 
projezione di Bonne; comprende tutta la penisola di Anatolia, la Siria, 
la Palestina e l'Armenia Turca. E stampata in cromo a tre colori: il nero 
per le scritture e le vie di comunicazione, l'azzurro per Tidrografia ma- 
rittima e terrestre e la tinta neutra per 1' orografìa rappresentata a 
pastello a lumeggiamento zenitale con numerose quote altimetriche rife- 
rite specialmente ai centri abitati, bacini lacustri, vette e valichi mon- 
tani. Vi sono unite le piante speciali alla scala di 1:50.0(X) delle città 



Digitized by VjOOQIC 



220 

e dintorni di Gerusalemme, A leppo, Damasco e Beyrut. In ima tabella 
sono riportate le traduzioni in francese di alcune parole turche, arabe 
e persiane più usate nella carta. Prezzo di ciascun foglio L. 1.00. 

Carta dtWAsia alla scala dì 1: UOOOMO 40-120 (Péckin). Fogli 28-126 
(Iles Eiou-Kiou);B2-120(Quelpaert); 36-120, Nankin^; 40-126 (Seoul); 40-132 
(Kang-Neung): 44-132 (Vladivostok); 44-120 (Tcheng-te Fon); 44-126 
(Moukden). Ne è stato teste iniziata la pubblicazione, e da quanto risulta 
da un quadro d'insieme pubblicato T\e\ Ra-pport sur les Trar.aux executés 
en 1S9S del « Service Géographique do PArmée » dovrebbe comprendere 
la zona dolPAsia orientale limitata dai paralleli 24" e 48<' e dai meri- 
diani 108- e 150" (da Parigi). I fogli sin ora pubblicati comprendono tutta 
la penisola di Corea e le regioni adiacenti al golfo di Pei-ce-li. 

La carta è in projezione trapezoidale ed ogni foglio comprende un 
trapezio limitato su due archi di G" di parallelo e di 4" di meridiano. 
Le dimensioni dei fogli in conseguenza variano fra di loro, ma si aggi- 
rano intorno ai m. 0.55 X 0.45. La carta è stampata in cromo a 4 colori: il 
rosso per le vie di comunicazioni ordinarie, il nero per le ferrovie le scrit- 
ture e i confini politici ed amministrativi, l'azzurro per Tidografìa marit- 
tima e terrestre, la tinta neutra per Torografia rappresentata a pastello 
con lumeggiamento obliquo. Sono tracciate le isobato marine di 5, di 10, 
di 20, di 50 e di 100 m. di profondità e indicati colle rispettive quote 
moltissimi punti di scandaglio. Il prezzo di vendita di ciascun foglio è 
di L. 1.25. 

Carta delV America alla scala di 1: 1.000.000, — Fogli Matanza»^ 
Tampa j La Havane, Nassau j San Salvador j Jamaique^ GA^ Inague^ Hatti 
e Porto Rico, 

In tutto simile alla carta dell'Asia ad eguale scala precedentemente 
descritta, questa carta delPAmerica, di cui da poco tempo "fu iniziata 
la compilazione, sviluppata anch' essa in projezione trapezoidale, com- 
prende soltanto le Antille e la penisola Florida della quale i due fogli 
Tallahassée e S^ Augustine sono in pi'eparazione. 

Notiamo nel foglio Matanzas due cartine speciali alla scala di 1: 200.000 
dei dintorni di Santiago di Cuba e di quelli di Cienfuegos; nel foglio 
di Tampa una cartina ad 1: 100.000 dell'isola e città di Key West; nel 
foglio di La Havane una pianta ad 1: 50,000 della Havana e dintorni ed 
una ad 1: 200.000 di Matanzas e dintorni; nel foglio Nassau una piantina 
della città di Nassau (isola della Nuova Provvidenza) ad 1:50.000; nel 
foglio di HaUi una piantina della città di San Domingo ad 1: 35.000 ed 
in quello di Portorico una cartina della città di San Giovanni di Porto 
Rico e dintorni ad 1 : 50.000. 

Pubblicazioni dell'Istituto Topografico Militare del Paesi Bassi. 

Carta Cromo-topografica del Regno d'Olanda alla scala 1: 25.000. — 
È certo una delle più belle carte topografiche europee ed anzi, per la 
finezza dell'esecuzione e la varietà delle tinte può giustamente tenere 



Google - 



Digitized by V^OOQ 



2'5t 

fra tutte il primato. Dovrebbe constare di 776 fogli, ma si intende limi- 
tarla alle sole zone dei canali difesa. Nel corso del 1899 se ne pubblica- 
rono 25 nuovi fogli portando a 237 il numero totale dei fogli pubblicati. 
La carta ò ricavata dai rilevamenti regolari eseguiti sul terreno alla 
stessa scala. I fogli hanno la forma rettangolare delle dimensioni cia- 
scuno m. 0.40 X 0.25 e non portano nessuna indicazione di reticolato 
geografico. La stampa è fatta a colori: il rosso par i fabbricati, le strade 
principali e le opere in muratura in generale, l'azzurro per le acque, il 
verde con diverse intensità di tinta per lo coltux-e, il nero per la scrit- 
tura, confini arginature, ecc. L'orografia è rappi*esentata con curve di 
livello e con tratteggio a luce zenitale. La carta è ricchissima a segni 
convenzionali onde l'intelligenza ne resta alquanto difficile. 

Atlante cromo-litografico delle colonie Olandesi. Foglio N." 13. Distretto 
Sud-Est di Borneo alla scala di 1: 1.500.000. — Negli anni 1883-85 ri«.ti- 
tuto Topografico Militare Olandese pubblicò un beli* Atlante in cromo- 
litografìa delle colonie Olandesi delle Indie Orientali in l-A fogli a di- 
verse scale. Più recentemente l'Istituto stesso ha intrapresa la pubbli- 
cazione di un nuovo Atlante Croraolitografico delle Colonie stesso a 
scala maggiore, del quale sono pubblicati sin ora 5 fogli. L'ultimo testé 
dato in luce rappresenta il territorio della Residenza della regione 
Sud-Est di Borneo, il quale comprende tutta la parte centrale della 
grande isola. Il foglio ha le dimensioni di m. 0.83 X 0-57. La scala è di 
1:1.500.000. La carta molto chiara e nitida è stampata a diverse tinte 
colle indicazioni dello varie circoscrizioni amministrative. 

A. M. 



--M*;^flr^Éft ^ 



Digitized by VjOOQiC 



^ 



NOTIZIE 



Geografia matematica. 

Determinazioni della variazione di latitudine eseguite a Teramo. — Il Dottor 
Giovanni Boccardi durante un soggiorno all'Osservatorio astronomico 
privato di Teramo (fondazione Cerulli) esegui una serie di determina- 
zioni di latitudine col metodo di Talcott, mediante un piccolo ma eccel- 
lente cerchio zenitale di Troughton e Simms. Da una comunicazione 
presentata all'Accademia delle Scienze di Parigi nella seduta del 5 feb- 
bi*aio togliamo in proposito le seguenti notizie. 

Le osservazioni furono eseguite dal 28 giugno 1899 al 23 novembre 
dello stesso anno, valendosi di 23 coppie di stelle, delle quali molte fu- 
rono seguite per 4 mesi allo scopo di constatare una possibile variazione 
di latitudine. Per moltiplicare il numero dello osservazioni ciascuna 
stella di un gi-uppo venne osservata molte volte in posizione prossima 
al meridiano, riferendo a quest'ultimo le distanze zenitali osservate. In 
media ciascuna stella fu osservata sette volte durante la sua culmina- 
zione. Avendo fatto 361 osservazioni complete dei diversi gruppi, i ri- 
sultati ottenuti provengono da oltre 6000 bisezioni di stelle. 

Le stelle osservate appartengono tutte al catalogo fondamentale di 
Auwers. Tenendo conto delle ultime correzioni proposte, egli dedusse la 
latitudine formando la media di tutte le osservazioni dei diversi gruppi 
raggruppandoli per mesi. I risultati ottenuti furono i seguenti: 

latitudine. 

1899 — Luglio 42« 39' 25", 89 

« — Agosto 26, 29 

— Settembre 26, 74 

ì> — Ottobre 26, 84 

^ __ Novembre 26, 82 

Da questo prospetto risulta evidentemente una forte variazione della 
latitudine, che non sarebbe affatto proporzionale al tempo. Il maximum 
sembra aver luogo alla fine di ottobre. Il Boccardi si duole che i lavori 
in corso di ingrandimento dell'Osservatorio non gli abbiano permesso di 
continuare questa serie di osservazioni. 



Digitized by VjOOQIC 



223 

Questa variazione di latitudine si deduce anche da ciascun gruppo di 
stelle paragonando tra loro i valori ottenuti per la latitudine nei diversi 
mesi. 

Sembra che questa variazione sia un po' più forte pei gruppi di di- 
stanza zenitale più considerevole, come risulta da un prospetto all'uopo 
compilato. 

Fatto si è che la variazione di latitudine è incontestabile. « Forse — 
avverte il Dott. Boccardi — si troverà eh 3 la variazione constatata è 
eccessiva; tuttavia farò notare che essa non differisco molto da quella 
constatata a Berlino e a Potsdam e che d'altronde il valore di 0",3 a 0",4 
che si assegna ordinariamente all'escursione non è che una media. D'al- 
tro canto le spire della polodìa tracciata da Chandler e da Helmert vanno 
allargandosi dal 1897. Il valore da me ottenuto per la latitudine in 
ottobi*e è assai prossimo a quello adottato dal Cernili nell'ottobre 189B 
valendosi dello stesso metodo dello stesso strumento e dello stesso gruppo 
di stelle; ciò che starebbe a confermare il periodo di 431 giorno adottato 
ultimamente da Chandler. Per tal modo Cernili ed io avremmo riscon- 
trato il massimo alla fine di ottolire, con un intervallo di cinque periodi 
di Chandler ». 

L'autore annunzia prossima una più diffusa pubblicazione sul soggetto 
che apparrà nel IhiUetin aètronornique. 



Statistica. 



Gli Italiani in Tunisia. ■ — ^^el corso del 18IJ9 fu fatto un nuovo censimento 
generale della popolazione europea (non francese) in Tunisia dal quale 
risultò che i francesi non rappresentano che un solo quinto dell'intiera 
popolazione europea. Il censimento del 1896 aveva dato 16,500 residenti 
francesi che si ha ragione di credere saranno ora ascesi a 20.000 circa. 
Gli stranieri complessivamente raggiungono la forte cifra di 79.497 dei 
quali <}4.866 sono italiani, 12.782 anglo-maltesi, 913 spagnuoli, 527 greci, 
382 austriaci, 302 olandesi, 283 svizzeri. 

Il totale della popolazione europea in Tunisia si aggira quindi intorno 
a 100.000 dei quali il solo 20 ^l^ sono francesi e il 65 "/<, sono italiani. 

La preminenza dell'elemento italiano rimase specialmente rinforzata 
in questi ultimi anni in grazia di una emigrazione molto attiva diretta 
da agenzie stabilite a Napoli ed a Palermo. Siccome invece l'emigrazione 
francese tende piuttosto a diminuire, ne deriva una situazione — scri- 
vono gli Annales de GéograpJn'e da cui togliamo queste notizie — che 
non manca di preoccupare. In Francia si sono costituiti dei comitati per 
promuovere l' immigrazione di francesi in Tunisia, ma sin ora si rac- 
colsero scarsi frutti. 



Digitized by VjOOQIC 



2*24 

Una parte degli immigranti italiani, soprattutto i siciliani, si stabili- 
scono nei dintorni di Biserta e tendono a formare dei villaggi agglome- 
rati mentre i coloni francesi si sparpagliano di soverchio. 

La gi*ande maggioranza degli immigranti italiani si compone di ope- 
rai agricoltori ed industriali più o meno nomadi; la proprietà del suolo 
appartiene in maggioranza ai francesi, tuttavia dall'accertamento fatto 
al 31 dicembre 1807 risultò che gl'italiani posseggono 39.500 ettari di 
terreno contro 467.372 ettari che appartengono ai francesi. La proprietà 
è molto frazionata tra gl'italiani. I proprietari italiani sono 406, mentre 
i francesi 493; dei 406 proprietari italiani 332 posseggono dei piccoli 
lotti inferiori a 10 ettari. 

Una nuova città nel Brasile. — Bello Horlzzonte, nuova capitale dello stato 
brasiliano di Mìnas Geras, non conta che pochissimi anni di esistenza e 
già è sorta a grande prosperità tanto da lasciar credere che in epoca 
non lontana supererà la stessa Rio de Janeiro funestata dalla febbre 
gialla. La nuova città giace in posizione ridente e salubre presso Sahara 
a circa 20" di lat. S. ad 853 m. di altitudine. Essa non conta ora che 
25.000 ab., ma il piano edilizio venne compilato in modo da soddisfare 
le esigenze di una grande capitale. Gli edilizi pubblici ed anche alcuni 
privati sin ora eretti si mostrano già di una grandiosità notevole. Nell'in- 
cremento della nuova capitale l'opera dei tedeschi fu rilevante special- 
mente per quanto riguarda gl'impianti elettrotecnici ed i lavori in ferro. 
{Kolonkde Zeitsckrift, 7, 1900). 

I territori del Niger inglese. — A cominciare dal 1." Gennaio 1900 l'am- 
mìnistrazione dei territori del Niger, che prima era in mano della « Rovai 
Niger Society » fu assunta direttamente dal governo inglese. La suddi- 
visione del paese sarà alquanto diversa dal passato. Il protettorato della 
Costa del Niger (Niger Coast Protectorate) riceve un' aggiunta di teiTÌ- 
torio ed è ora conosciuta sotto il nome di Bassa Nigeria (Lower Nigeria) 
estendentesi dal fiume alle vicinanze di Jdda. Anche la Colonia di Lagos 
guadagna in estensione, essondo spinta ora fin quasi al 9° parallelo. 11 
resto del tei*ri torio ultimamente amministrato dalla Compagnia del Niger 
è ora conosciuto sotto il nome di Nigeria superiore (Upper Nigeria): il 
suo governatore ò il Col. Lugard, e quello della Bassa Nigeria è Sir Ralph 
Moor. {llie Geograph. Journal^ Marzo 1900). 



Concorsi. 



Concorsi a premi per temi di carattere geografico. — Nell'adunanza so- 
lenne dell' IL gennaio decorso del Reale Istituto Lombardo di scienze e 
lettere vennero esposti i risultati dei concorsi chiusi nel 1899 e prccla- 



Digitized by VjOOQIC 




225 

mali i temi dei concorsi per Panno corrente. Riportiamo il testo di 
quelli che hanno riguardo agli studi geografici. 

^ Premio di fondazione Gagnola (L. 2600 ed una medaglia d'oro del va- 
re di L. 500. Scadenza il !.• aprile 1901). 

« Fatto un 'riassunto dei risultati più. certi degli studi fino ad ora 
pubblicati dei temporali sui due versanti delle Alpi, ricercare se esìstono 
caratteri speciali per temporali grandiniferi e circostanze che sembrino 
favorirne in particolar modo la produzione. Determinare tali caratteri e 
studiare le vie più frequenti lungo le quali i temporali grandiniferi so- 
gliono propagarsi. 

Premio di fondazione Kramer L. 4000. Scadenza il 31 Dicembre (1901). 

« Lombardini colla lodata sua Memoria presentata a questo Istituto 
di Scienze e lettere nel 1846 col titolo: Importanza de^li studi sulla sfa- 
Ustica deifiumi, additava l'indirizzo da seguire e le deduzioni che si po- 
trebbero trarre nella trattativa di questo argomento. Riprendere gli studi 
e col corredo dei dati e fatti raccolti e note relative ad uno o più fiumi 
o tronchi di fiumi italiani applicarli specialmente allo sviluppo e alle 
verifiche delle teoriche sulle propagazioni delle piene e sulle modifica- 
zioni deiralveo. > 



N'otizie Bibliografiche. 

— È ultimata la stampa ed incominciata la distribuzione degli Atti 
del Terzo Congresso Geografico Italiano che formano due volumi rispet- 
tivamente di pag. 320 e 672 corredati di numerose carte e tavole. 

— Si annunzia che sarà prossimamente intrapresa la pubblicazione 
dei risultati scientifici della spedizione Nansen. Tale pubblicazione che 
porterà il titolo « Spedizione polare artica norvegese 1893-96 » consterà 
di sei volumi in-4.» e sarà compiuta nel corso di due anni. Per accele- 
rarne la stampa le diverse memorie verranno in luce tosto che siano 
pronte, senza seguire un piano prestabilito. Il 1." volume comprenderà 
le memorie seguenti: U Fram di Colin Archer; Sulla fauna giurassica 
del Capo Flora del dott. Pompecky di Monaco, insieme con uno Schizzo 
geologico del Capo Flora e dintorni di F. Nansen; La flora fossile della 
Terra di Francesco Giuseppe del Prof. Nathorst; Gli uccelli della regione 
polare artica di CoUet e Nansen; I grandi animali del mar polare artico 
del Prof. Sars di Cristiania. Ne uscirà contemporaneamente un'edizione 
inglese a Londra ed una tedesca a Lipsia. 

— 1j Annuario Statistico Italiano per Panno 1899, che non fu ancora 
pubblicato, verrà in luce nell'estate dell'anno corrente. 

— Si annunzia prossima la pubblicazione del l.^* fascicolo degli Annali 
Idrografici per cura del R. Ufficio Idrografico, il quale cambiò di recente 
la sua denominazione in quella più vasta e comprensiva di Istituto Idro- 
grafico della R. Marina. 

— In un grosso volume in-8.» di pag. LXXXii-564 la Direzione Generale 
della Statistica ha pubblicato la Statistica Industriale della Lombardia» 



Digitized by VjOOQIC 



^^.J'Vi'-'-f^'-^^"!*,. 



226 



BIBLIOGRAFIA 



MORI ATTILIO. — Come progredì la conoscenza geografica della Toscana 
nel secolo XIX. (Estratto dagli « Atti del Terzo Congresso Geogra- 
fico Italiano »). — Firenze, M. Ricci, 1899 in-8." di p. 56. 

Nel 1881, l'Illustre Prof. Giovanni Marinelli pubblicava il suo clas- 
sico < Saggio di Cartografìa della Regione Veneta », facendo balenare 
agli occhi degli studiosi la somma importanza che avrebbe nel mondo 
scientifico una storia della Cartografia italiana, ma insieme mostrando 
qual materiale era necessario raccogliere prima di accingervisi, e l'im- 
possibilità che ciò potesse eseguirsi da un solo uomo. Parve allora che 
sarebbe stato più pratico, cercasse ognuno, secondo le attitudini e le 
opportunità portare un qualsivoglia contributo, da impiegarsi a suo 
tempo nella costruzione dell'opera; e d'allora hanuo veduto la luce una 
quantità di lavori, tutti, in diversa misura, giovevoli al grande scopo. 
Cataloghi semplici, o annotati, di globi, di atlanti, di carte, illustrazioni 
di opere cartografiche, o dei loro autori, ricerche sulla produzione e i 
progressi in parziali oìrcosfrizioni, o periodi, ecc.. Per quanto sia desi- 
derabile una maggior alacrità, pure, ormai sarebbe utile un indice dei 
lavori fatti, che qui neppur tento, perchè dovrei troppo dilungarmi e 
temerei d'incorrere in ingiuste omissioni. 

L'autore della citata memoria presenta con essa un importantissimo 
capo a tale indice. Egli ha limitato il suo compito a una regione, la 
Toscana, e a un breve tratto di tempo, il secolo XIX; ma, in compenso, 
è entrato assai addentro nella trattazione, non contentandosi di notizie 
esteriori sui lavori, ma di esporre, dirò così, la storia intima, partendo 
per ciascuno dagli antecedenti, esponendone la preparazione, gl'istru- 
raenti materiali e intellettuali adoperativi, i metodi seguiti, il grado di 
precisione raggiunto, le imperfezioni ancora lasciatevi. Cosicché la let- 
tura e lo studio di tale operetta aiuta potentemente, chi ne avesse bi- 
sogno a comprendere in che consista la costruzione cartografica, i pro- 
gressi che ha fatto, le garanzie sempre maggiori della sua fedeltà ed 
esattezza, per i perfezionati procedimenti che somministrano gli ele- 
menti di essa. 

Riassiimendone brevemente il contenuto, il Mori parte dall'infelicis- 
simo stato in cui versava la conoscenza geografica della Toscana al 



Digitized by VjOOQIC 



227 

'chiadersi del secolo XVIII^ Mentre ne* paesi contermini, nello stesso 
"Stato Pontificio, si erano eseguite numerose determinazioni astronomi- 
che e geodetiche, rilievi topografici mediante triangolazioni, e raccolti 
•elementi ipsometrici coi più. recenti sistemi, in Toscana non si avevano 
che imperfettamente rilevate le posizioni di Firenze, Siena, Pisa e Li- 
vorno, e la triangolazione l'aveva appena toccata lungo la costa, dalla 
•Corsica e dalle isole toscane, per opera del francese Tranchot, che vi 
aveva riattaccato la sua triangolazione di quell'isola, e lungo il confine 
-collo Stato Romano, per la triangolazione fatta di questo dai Fp. Maire 
e Boscovich. Proposte di una triangolazione erano state fatte, fin dal 
1761, da Leonardo Ximenes, e nel 1776 da Francesco (1) Domenico Cas- 
sini, quarto di tale dinastia di astronomi e geodeti, ma non si attua- 
rono. Di determinazioni ipsometriche non si possedevano che poche, prese 
col barometro, dall'inglese Schuckburg, nel 1776-76, e dal P. Ermene- 
gildo Pini, nel 1792. La sintesi della Cartografia toscana, al principio 
del secolo, può dirsi fosse la Carte generale du Théatre de la guerre en 
Italie^ ecc., del Bacler D'Albe, capo del Bureau Topographtque presso il 
generale Bonaparte. 

Il primo lavoro del nostro secolo fu la Carta militare del Regno d'Etru- 
ria e del Principato di Lucca, alla scala di 1:200.000, pubblicata dal De- 
posito della Guerra, in Milano, bellissima dal lato artistico, ma scienti- 
ficamente fondata sulle carte anteriori. Anche durante il predominio e . 
il governo francese non si eseguirono per la Toscana operazioni astro- 
nomiche e geodetiche, come, invece, in Piemonte e in Lombardia. I la- 
vori del genere furono iniziati dal barone De Zach, singolare esempio 
d'un privato, che, per scopo scientifico, con ottimi strumenti, dopo aver 
determinato, colla precisione allora possibile, posizioni in altre parti 
d'Italia e d'Europa, nel 1808 si stabili a Firenze, per intraprendervi ana- 
loghe operazioni. Esso, cosi, fissò le posizioni di Firenze, Pisa, Lucca, 
e dio un saggio di triangolazione di Firenze e dintorni. 

A questi lavori s'ispirò il P. Giov. Inghirami, che del 1813, col sus- 
sidio del governo francese, cominciò finalmente la triangolazione della 
Toscana, e con infinite difficoltà e fatiche la compiè sotto il restaurato 
governo granducale, sottraendo, cosi, la Toscana a quelle condizioni d'in- 
feriorità in cui si trovava sotto l'aspetto geografico riguardo alle altre 
regioni d'Italia. Il Mori segue questa grande operazione in tutte le sue 
fasi, spiegandone i diversi atti per cui ella passò. 

Nel 1817, il granduca Ferdinando III promulgava la legge per la for- 
mazione del catasto, le cui operazioni metriche parziali dovevano ap- 
poggiarsi alla triangolazione dell'Inghirami. Questi, che faceva parte 
della Deputazione direttiva, sulle mappe catastali appunto, intraprese 



(]) Nel testo della Memoria ò detto Gian Domenico; ma è evidentemente uno 
sbaglio, perchè il Cassini, IV della sua famiglia era Francesco Domenico, come 
del resto è riferito nelle « Note ». 



Digitized by VjOOQIC 



a comporre una carta generale della Toscana. Ma, se tali mappe erano 
sufEcieuti per la rappresentazione planimetrica, per quella altimetrica 
erano necessarie molte determinazioni in qnesto senso. L'Inghirami, 
quindi, neireseguire le triangolazioni parziali, attese anche alle deter- 
minazioni zenitali, o alle livellazioni trigonometriche, di quasi tutti i 
punti ai vertici della sua rete. Cosi, nel 1830, apparve la Carla Geome- 
trica della Toscana, alla scala di 1:200.000, la prima, su basi veramente 
scientifiche e coi metodi moderni, della regione. 

Nel 1826, intanto, si fondava la Società Toscana di Geografia^ Stati- 
stica e Storia Naturale Patria^ di cui facevan parte, oltre il P. Inghirami, 
Gino Capponi, Guglielmo Libri, Emanuele Repetti, Attilio Zuccagni- 
Orl andini, e altri. Essa ebbe, pur troppo, brevissima esistenza, ma giovò 
molto all'i ncremento della Geografia in Toscana. Come derivazione di 
questa Società possono considerarsi: V Atlante Geografico fisico e storico 
della Toscana, del Zuccagni Orlandiiii, nel 1832; e la Carta geometrica 
della Toscana, di Gerolamo Segato, nello stesso anno, che è una rida- 
zione alla scala di 1:400.000 di quella deiringhirami, con aggiuntevi 
molte indicazioni, soprattutto stradali. 

Per parlare delle grandi operazioni eseguite dal Governo Austriaco 
nell'Italia Centrale, il Mori è portato a riassumere le vicende di quel- 
Vlstituto Geografico Militare, che fu in principio detto il Deposito della 
Guerra in Milano. La sua origine risale al 1800, cioè alia Repubblica 
Cisalpina, e ne divenne direttore il napoletano (1) Antonio Campana. 
Esso fu conservato dal Governo Austriaco, restandone a capo il Cam- 
pana; nel 1816 prese il titolo di /. B. .Istituto Geografico Militare dello 
Stato Maggiore Austriaco; nel 1839 fu trasferito a Vienna, e si fuse, 
con altri stabilimenti analoghi già esistenti, sotto il nome di K. K. Mi- 
litdr-geographisches Institut in Wien, sotto il quale ancora esiste. Da esso 
fu compiuta, nel 1840, una revisione sul terreno d'una riduzione delle 
mappe catastali, alla scala di 1:86.400, nella Toscana, Lucca e Stato 
Pontificio; inoltre, dal 1841 al 1843, una triangolazione di 1.° ordine di 
tutta l'Italia centrale, aiiidata a Giovanni Marieni. Su queste operazioni 
fu delineata la magnifica Carta deWItalia centrale, pubblicata nel 1851. 

Nel 1849 fu fondato anche a Firenze un Ufficio Topografico Militare 
toscano, sotto la direzione del Maggior Celeste Mirandoli. Da questo fu, 
nel 1850, eseguita la Carta topografica del Compartimento Lucchese, alla 
scala di 1:28.800; la Carta generale del Granducato di Toscana, nel 1858, 
a quella di 1:300.000; una carta dei dintorni di Firenze, a quella di 
1:20.000. 

In seguito air unione della Toscana al Piemonte e alla formazione 
del Regno d'Italia, l'Ufficio Topografico toscano si fuse coli' t/j^to rfeWo 
Stato Maggiore Sardo, che poi trasportato a Firenze vi sta tuttavia 



(1) Era nato a Portici. 



Digitized by VjOOQIC 



229 

■quale Istituto Geografico Militare Italiano, E qui chiude coll'accenuare 
ai lavori di questo, ne' quali la Toscana è compresa, come anche a quelli 
del R. Ufficio Idrografico, nella rispettiva costa. 

Questa esposizione, cosi interessante, condotta colla più perfetta com- 
petenza riguardo alle nozioni scientifiche e tecniche, e corredata delle 
più essenziali notizie storiche e biografiche non vi è bisogno d'insi- 
stere perchè s'abbia a ritenere come uno de' migliori contributi finora 
recati alla Storia della Cartografia italiana. 

Filippo Porrna. 



REVELLI P. — Il Viaggio in oriente di Vitaliano Donati (1759.1762). 
(Estratto dal Cosmos di G. Cora, Serie IL Volume XII). 

€ Vitaliano Donati è uno dei meno conosciuti tra i viaggiatori ita- 
li ani in Egitto e dei più degni di esserlo sopratutto in Italia ed a' tempi 
nostri; giacché il suo viaggio fu fatto per impulso e a spese del Pie- 
monte, allorché questo inaugurava il suo bellissimo secolo di civiltà, 
espansione e coltura » (1). Cosi scriveva pochi anni fa il Lumbroso, e, co- 
nio si vede, le sue parole non furono prive di frutto, poiché finalmente 
Vitaliano Donati ha trovato nel Prof. Kevelli un degno biografo ed il- 
lustratore. 

Il viaggio del Donati si distingue non solo per la natura ed il nu- 
n)<^ro dei paesi percorsi; ma anche pel metodo con cui venne eseguito 
«d il grande numero di osservazioni scientifiche d'ogni genere di cui 
^a fecondo: questo dimostra quanto ben ispirato sia stato il duca Carlo 
Emanuele III nell'affidare al Donati la direzione della piccola spedi- 
zione piemontese. < Naturalista ed archeologo, il Donati non getta uno 
sguardo fuggitivo sui paesi che attraversa: in lui che studia attenta- 
mente la natura del suolo, eseguisce osservazioni barometriche e ter- 
mometriche, raduna ed illustra collezioni mineralogiche, botaniche e 
zoologiche, raccoglie statue, mummie, idoli, monete e medaglie, tra- 
scrive iscrizioni latine, greche e copte, ci fornisce lunghi elenchi topo- 
nomastici, dati etnografici e considerazioni etnologiche notevoli, inco- 
mincia ad apparire il viaggiatore scientifico moderno... » Cosi scrive il 
Revelli nell'introduzione al suo lavoro, e ch'egli non abbia punto esa- 
gerato lo dimostrano i tratti della relazione del viaggio del Donati che 
riporta. 

Il coscienzioso studio del B. si divide in due parti: nella prima si 



Digitized by VjOOQIC 



Oriente, riportando molti tratti considerevoli delle sue relazioni. Ho 
detto coscienzioso io studio del B evelli e tale lo dimostra la completa 
ed erudita bibliografìa che lo precede, ove sono esposte tutte le fonti 
di cui il Revelli si servi per illustrare il suo personaggio: di esse 
molte sono inedite e si conservano neirArcbivio di Stato di Torino,, 
nella Biblioteca Beale e nella Nazionale della stessa città. 

Il Donati nacque in Padova il 5 dicembre 1717, si addottorò in me- 
dicina e verso la fìne del 1741 divenne assistente alla cattedra di ma- 
tematica e di filosofìa sperimentale tenuta dal Poloni. Col Poleni va 
l'anno seguente a Roma, ove ha campo di stringere relazioni con illn- 
stri uomini. Si era intanto in lui accresciuto il desiderio di vedere 
nuovi paesi, ed intraprende vari viaggi nella Regione balcanica, i quali 
gli danno occasione di fare nuovi studi specialmente di geografìa, di 
geologia e di scienze naturali. Divenne quindi ben presto noto nel cam- 
po scientifico, si che con diploma del 6 ottobre del 1750 il Donati venne 
chiamato da Carlo Emanuele III ad insegnare storia naturale e mate* 
ria medica neiriJniversità di Torino; e qui ebbe di nuovo modo di sod- 
disfare al suo desiderio di viaggiare, perchè l'anno dopo fu mandato 
dal Duca a fare studi nella valle d'Aosta, in Savoia, in Provenza eoe 

Nel 1759 Carlo Emanuele III afiida al D. la direzione d'una spedi- 
zione scientifico-commerciale, che aveva per iscopo di eseguire impor- 
tanti raccolte di storia naturale e di studiare le condizioni agricole, 
commerciali ed industriali di vari paesi, dovendosi poi, in base a que- 
ste condizioni, studiare il mezzo di migliorare quelle del regno di Sar- 
degna. 

« La missione deve imbarcarsi a Venezia « per l'Egitto » nel tempo 
dell'inondazione del Nilo deve recarsi « nella Siria e Palestina » ritor- 
nare quindi in Alessandria, risalire il corso inferiore del Nilo visitare 
il Mar Rosso: passato quindi in e Arabia » ed in Persia ed eseguiti 
gli opportuni studi, le opportune ricerche dei prodotti del « Seno Per- 
sico >, deve portarsi « a Decamp (Dekban), Golgonda, al Malabar > per 
acquistare una serie di gioie e pietre preziose» « e quindi Malacca, Ja- 
va, Zeilan e Borneo » per eseguirvi le opportune raccolte botanicbe e 
zoologiche. Lasciato Borneo dove ha da procurarsi e una raccolta delle 
gemme », deve ritornare « verso l'Affrica > di cui deve compiere la. 
circumnavigazione, inoltrandosi nell'interno per quanto è possibile; pas- 
sare il « Distretto di Gibilterra e sbarcare a Nizza ». Molto grandioeo 
era il progetto della spedizione piemontese, il cui capo, il Donati, aveva 
ancora l'incombenza di osservare attentamente quanto si riferisse alla 
coltivazione del tabacco e di altre piante, all'allevamento di pecore 
« di lana più fina » non dimenticando le « miniere di metalli » di pie- 
tre preziose, ecc. La spedizione doveva durare due anni e mezzo e per 



Google 



Digitized by VjOOQ 



231 

sfai timo mori a Venezia ov'era stato lasciato dal Donati perchè gra- 
vemente ammalato. 

La spedizione lascia Venezia il 20 giugno 1759 ed il 18 luglio è in 
Alessandria d'Egitto, ove già cominciò a manifestarsi quella discordia 
tra il D. ed il Ronco, che metterà più volte a duro repentaglio l'esito 
della missione, la quale, pur troppo, non doveva ugualmente essere con- 
dotta a termine, perchè il 27 febbraio 1762 perdeva il capo, morto di 
febbre nella traversata da Mascate a Calicut. 

Del viaggio del D. avevano parlato già più o meno sommariamente 
i principali storici della geografìa e molti eruditi del secolo passato e 
di questo: il lavoro del Hevelli esaurisce il tema e fa in modo che chia- 
ramente si veda qual'alto posto si debba al Donati fra i viaggiatori 
italiani. In lui infatti comincia ad apparire il viaggiatore scientifico 
non solo dal lato delle scienze naturali propriamente dette; ma anche 
dalla geografìa, e Egli raccoglie infatti lunghe note di nomi locali; 
e^iegnisce osservazioni barometriche e termometriche, calcola il peso 
specifìco dell'acqua del Nilo, e dello Shatt el-Arab...; raccoglie dati iti- 
nerari, climatologici, sismologici e meteorologici; confronta le sue os- 
servazioni con quelle dei viaggiatori che l'hanno preceduto; traduce 
nella sua lingua molti vocaboli e molte espressioni indigene ». Che 
quanto dice del D. il Revelli sia completamente secondo verità lo di- 
mostra l'esposizione ch'egli, su documenti originali, fa del viaggio in 
Oriente dell'illustre padovano, riportando molto spesso brani di scritti 
del Donati da cui apparisce quanto fossero attente le sue osservazioni 
e perfetto il suo metodo scientifico di ricerca nel campo delle scienze 
natarali. 

L'esempio del Bevelli è degno d'essere imitato. Quanti sono i viag- 
giatori italiani i quali ancora attendono chi li illustri, dimostrando 
quanto essi hanno fatto pel progresso delle scienze naturali in generale 
e della geografìa in modo particolare! 

Pietro Gribaudi. 



Connaissance Hes Temps etc. pour l'an 1902 publlée par le Bureau des Longitudes. 

— Paris, &authier Villars 1899. 

È questo il 224* volume di un Effemeride astronomica che, come si 
avverte nella Prefazione, non ha mai sofferto interruzioni dalla pubbli- 
cazione del primo volume nel 1679 per opera di Picard. A parte le ta- 
vole dei movimenti degli astri ecc. che rendono questa antica e rinoma- 
tissima pubblicazione cosi accetta agli astronomi ed ai navigatori, la 
« Connaissance des Temps > presenta un interesse speciale per i cultori 



Digitized by VjOOQIC 



^ 



232 

e costituì in ogni tempo la raccolta più completa e attendibile di questo 
genere. 

Attualmente la sua compilazione è affidata al chiaro astronomo 
Bouquet da la Grye, e le località delle quali sono offerte le posizioni 
geografiche, arrotondate al secondo, ascendono a circa 5000 distribuite in 
ogni parte della Terra. Per l' Italia le località registrate sono circa 250 
scelte fra le principali città, osservatori, promontori ecc. 

Ci permettiamo osservare a questo proposito che molte antiche deter- 
minazioni dovute all' Oriani agli Ingegneri Geografi Francesi, al Ma- 
rieni al Lamarmora, air Inghirami eco. che risalgono alla prima metà 
del secolo potrebbero e dovrebbero venir sostituite con quelle più. recenti 
e garantite eseguite dalP Istituto Geografico Militare, sia a scopo di alta 
Geodesia per conto della R. Commissione Geodetica Italiana, sia a solo 
scopo cartografico. 

I nuovi valori differiscono talvolta dagli antichi di vari secondi, e 
senza debbio alcuno sono da preferirsi. E vero che le coordinate geo- 
grafiche di tutti i punti geodetici dell' Italia non sono state ancora pub- 
blicate ; ma lo furono quelle di tutti i punti del Piemonte, della Liguria 
e molti di quelli del Veneto, della Calabria e della Sicilia, senza con- 
tare che i « Rapports sur les Triangulations » compilati triennalmente 
dal Gen. Ferrerò e pubblicati a cura dell'Associazione Geodetica Inter- 
nazionale contengono le posizioni geografiche arrotondate al secondo di 
tutti i 866 vertici della rete di 1^ ordine della Triangolazione italiana. 
Poiché una tale pubblicazione non può essere certamente ignota al Bou- 
quet de la Grye, che pure fa parte dell'Associazione Internazionale, non 
arriviamo a comprendere le ragioni per cui egli non ne tien conto nella 
compilazione delle sue tabelle per quanto riflette l'Italia; come pure 
non vediamo il perchè non si tenga cento di quelle che figurano, espresse 
fino ai millesimi di secondo, negli « Elementi Geodetici della Carta d'Ita- 
lia » dei quali l'Istituto Geografico Militare ha già pubblicato un con- 
siderevole numero di fascicoli. 

A. M. 



Atlas de Finlande. (Société de Géographie de Finlande). — Helsingfors, 
1899. Société Anonime J. Tilgraann. 

Nel 6° Congresso geografico internazionale radunato in Londra nel- 
Tanno 1895, la Società geografica di Finlandia espose un certo numero 
di carte e grafici di vario genere: questi lavori, frutto dell'operosità di 
molte e varie istituzioni, furono completati ed arricchiti con altre ri- 
cerche, e quindi riuniti sistematicamente in un Atlante di Finlandia. 

L'Atlante cosi completo v©nne offerto in omaggio agli ascritti al VII 
Congresso Geografico internazionale di Berlino. Esso è riuscito una pab- 
blicazione pregevolissima e per il numero e valore delle osservazioni 



Digitized by VjOOQIC 



'^L''"W,?^T^ 



233 

fatte in molti e svariati campi, serve a dare un'idea esatta e completa 
della Finlandia, come regione geografica, civile e politica. 

I fogli di questo Atlante sono preceduti da una tavola della città e dei 
paesi divisi per governi. Seguono quattro carte alla scala di 1 : 2.000.000; 
delle quali una è geografica, una ipsometrica a 7 colori, due geologiche 
e petrografìche. I vari fenomeni meteorologici e le molteplici manifesta- 
zioni di ciascuno di essi, sono ampiamente rappresentati in numerosa 
serie di piccole carte della regione. Vengono poi molte carte della ve- 
getazione e due fogli alla scala di 1:2.000.000 i quali, con una ricca 
graduatoria di verde, rappresentano l'estensione, la pertinenza e la qua- 
lità delle foreste. 

Numerosi cartogrammi danno ragione dei dati statistici e dei feno- 
meni etnici: segue una carta a 1:2.000.000, a 10 colori, secondo la den- 
sità della popolazione. Notevoli sono tre carte alla solita scala ; delle 
quali una rappresenta il numero e la forza delle cascate d'acqua, un 
altra la qualità e la quantità delle miniere, e l'ultima le condizioni ge- 
nerali delle industrie. Un'altra serie di cartogrammi rappresenta il mo- 
vimento commerciale. Seguono altri fogli, alla scala di 1:2.000.000, sulle 
comunicazioni generali, sulle poste e sui telegrafi dell'intiera regione. 

Ve pure una carta delle scoperte archeologiche, alla quale tengono 
dietro a piccoli fogli delle varie epoche storiche. Come appendice al- 
l'Atlante sono posti due esemplari dell'antica cartografia finlandese : uno 
è dell' Olaus Magnus (1639), l'altro è Anduas Bureus (162G). 

E. 0. 



P. BEVELLI. Del sentimento della natura e della sua educazione. (Estratto 
dalla Rivista di filosofia e Pedagogia diretta da P. Romano ed A. Val- 
darnini. Voi. Ili, fascio. l-II, 1899). 

L'A. fa giustamente notare quale sia l'importanza dello studio della 
geografia per lo sviluppo del sentimento della natura. Egli vorrebbe 
che per l'educazione in genere e per l'educazione da lui studiata in 
ispecie, si facesse larga parte allo studio della geografia fìsica generale 
e della geografia esploratrice ; ed in ciò ha completamente ragione. Sa- 
rebbe stato, a parer mio, conveniente che avesse pure trattato anche 
brevemente della funzione educatrice delle cosi dette passeggiate geo- 
^afiche, essendo chiaro che il sentimento della natura può essere aiu- 
tato assai nel suo svolgimento nell'animo del fanciullo dalla parola del 
maestro, specialmente quando questa sia ancora resa più efficace dalla 
presenza d'un bel panorama naturale. 

P, G. 



Digitized by VjOOQIC 



ì 



234 



Bullettin de Tlnstitul International de Statìstique. — Tome XI. Première li- 

vraison. St-Petersbourg 1899. 

Il volume testé pubblicato contiene i resoconti delle Assemblee Ge- 
nerali dell'Istituto radunatosi a Pietroburgo nell'estate del 1897. Fra 
le relazioni e le memorie presentate e stampate nel loro testo integrale 
notiamo, come specialmente importanti per i cultori degli studi geogra- 
fici, gli scritti seguenti : Farm Ownership and Tenancy on the United 
States di E. Atkinson ; Rapport sur la statìstique de zemstvos di N. T. 
Annbnsky (I zemstvos sono i consigli generali e distrettuali elettivi 
della Russia, che compiono con molta attività e competenza accertamenti 
statistici dei respettivi territori) ; Le recensement séculaire du monde en 
1900 di J, DB KòRoSY ; Mémotre sar la statìstique dea chemins de fer et 
des voies navigahles de la Russie di J. BORKOVSKY e te. 

A. M. 



RIVISTA DEI PERIODICI 



Bollettino della Società Geografica Italiana. — Mar- 
zo 1900. 
Pasanisi Fr. M. La popolazione dell'Europa (continuazione). Nella se- 
conda parte di questo suo accurato studio l'A. esamina la ripartizione 
della popolazione europea (che alla fine del secolo XIX si può stimare 
ascendere a 382 milioni) per lingue e per razze. — Bkguinot A. Sopra 
un'antica collezione di piante conservata nel Gabinetto di Storia Naturala 
del Liceo E, Q, Visconti di Roma. — Baldacci A, Dal Montenegro al 
golfo di Ambracia, considerazioni etnografiche. È una memoria letta al 
XII Congresso degli Orientalisti in Roma nella quale PA., valendosi delle 
cognizioni acquistate nei suoi ripetuti viaggi nelle regioni, esamina le 
condizioni nelle quali si trovano i Serbi, gli Albanesi, i Greci e i Va- 
lacchi nella Balcania occidentale. — Chinigò F. I Mirdtti, Brevi notizie 
su questa fiera ed interessante tribù montanara del vilayet di ScutarL — 
' ScHOCH G. Una crociera nel mar Polare Artico. Diario di viaggio dell' A., 

) ufficiale della R. Marina, che a scopo di diporto prese imbarco sulla ba- 

I leniera norvegese * Hertha » in una campagna di pesca nei mari della 

I Groenlandia. 



Digitized by VjOOQIC 



235- 

s.:ccinta dei resultati scientifici di un viaggio nella regione sconosciuta 
dell'Alto Sciali, dal porto francese di Gribingui al campo dello Sceik 
Snussi-ben-Abeker (con carta dell'itinerario). — Hulot. Rapporto sui 
progressi della Geografia nel 1899. 

Petermanns Ulitteilun^cen. ~ III. 1900. 

Shahl a. F. TeJieran e dintorni. Negli anni 1890-94 VA. percorse ri- 
petutamente i dintorni di Teheran compiendovi osservazioni geologiche 
e rilievi topografici. I risultati delle sue determinazioni sono consegnati 
in una grande e bella carta dei dintorni di Teheran alla scala di 1:210000 
che accompagna la memoria nella quale si offrono notizie nuovo ed in- 
teressanti sulla morfologia, la climatologia, e i prodotti naturali del 
paese. — Jung C. E. Il sistema idrografico delV India Inglese (continua- 
zione e fine). — PbttbrSSON O. La circolazione delle acque nelV Atlantico- 
settentrionale (continuazione). 

The Geographieal Journal. — Voi. XV, N.« 3, Marzo 1900. 

H. R. MiLL. Frammento della Geografia del V Inghilterra. Il Sussex sud- 
occidentale. Il Mill propose nel 1896 uno schema d' una descrizione geo- 
grafica del Regno unito basata sulle carte deU'Ordnance Survey e consi- 
stente in tante memorie separate per ogni foglio della carta alla scala 
di un pollice (cm. 2,539) al miglio. Ora egli dà un saggio del modo in 
cui dovrebbe essere condotto un tal lavoro, studiando i fogli 317 e 332. 
È da augurarsi che il Mill estenda i suoi studi così ben fatti a tutta 
l'Inghilterra, e che in Italia trovi imitatori per quel che riguarda il 
nostro paese. 

R. CODRINGTON. Viaggio da Fort Jameson ad Old Chitambo e Valtipiano- 
del Tanganica, Il C. lasciò Fort Jameson il 25 Aprile 1899 e giunse il 
4 Giugno a Fife dopo aver percorso 615 miglia. Pubblica una copia di 
un documento datogli dal capo di Chitambo, riferentesi ai resti della 
spedizione Livingstone (con una carta). 

I « sitdd » del Nilo Bianco. Notizie sui « sudd » o barriere di vegeta- 
zione fluttuante del Nilo Bianco che ne impediscono la navigazione. 

J. H. HoLDiCH. Geografia militare. Recensione dell'opera di T. Miller 
Maguire, Outlines of military Geography, 1899. 

R. Strachky. Racconto di un viaggio ai laghi Rakas Tal e Manasarowar^ 
nel Tibet occidentale fatto nel Settembre iS48, (Continua). 

Vile Scottifiili Oeog^aphieal Ma^aacine, Voi. XVI, N.' 1, Gen- 
naio 1900. 
Pasfibldolinrr. ti paese dei pappagalli. Interessante contributo alla 
stoiia delle scoperte delle terre Australi nel secolo XVI. — L'A. esa- 
mina la relazione d'una spedizione francese al Madagascar (1503) e ri- 
produce il mappamondo di Wietfliet (1618) ed una carta della « China 
si ve Patagonica et Australis terra (1697) » (Continua). 



Digitized by VjOOQIC 



236 

I. J. SiMPSON. La nuova Siberia. L'A, descrive a gi'andi tratti la Si- 
beria facendo notare quanto fossero errate le antiche idee sulla sterilità 
e la desolazione della Siberia; la quale invece è una terra molto fertile 
con un sottosuolo ricchissimo. Quando la popolazione sarà cresciuta la 
sua prosperità sarà assicurata. 

Il Calendario. 

Idem. — Voi. XVI, N.« 2. Febbraio 1900. 

Il march, di LoUisan, Necrologia. — Pasfiblb Oliver, Il paese dei Pap- 
2)agalli. Continua Tesarne di antiche spedizioni francesi al Madagascar, 

G. Henderson, Nyasaland settentrionaU. L'Henderson dimorò negli 
anni 1895-99 nel paese posto ad occidente della seconda metà del lago 
Nyassa nell'Africa Centrale Britannica, e di esso ora fa una breve de- 
scrizione. 

A. D. MiLNK, La si'cità estiva nel Nilo superiore. — La Ehodesia. Rap- 
porto nell'amministrazione della Rodesia. Impressioni del Sud- Africa di 
E. Bryce. 

Idem. — Voi. XVI, N.» 8, Marzo. 

H. R. MiLL. Lo sviluppo delle regioni abifahili. Saggio di Antropogeo- 
grafia, lì Mi 11 studia e discute i principali fattori dello sviluppo econo- 
mico dei paesi abitabili, specialmente riguardo all' aumento ed alla di- 
minuzione della popolazione. 

Giustamente nota che è impossibile trasportare una nazione in un 
nuovo paese; gli studi antropogeografìci dimostrano che in un paese 
nuovo si sviluppa una nuova nazione, il cui potere ed influenza nella 
storia del mondo non deriva affatto dal mantenere l'antica nazionalità, 
benché questa serva molto a ritenere le antiche simpatie. 

Geografia militare. Lunga ed estesa recensione dell'opera: Onflines of 
military Geography hy T. Miller Maguire, Cambridge, 1899. 

E, H. Wittenoom. V Australia occidentale nel 1899. 

Studi di P» Tutckowskì sulV origine del Loes. Il T. studia questa que- 
stione in due articoli pubblicati nello S. G. May. (1898, Giugno e Lu- 
glio) intitolati « Le steppe e le tundre dell'Europa preistorica ». 

H. Weld Blundell. Un viaggio al Nilo attraverso VAhissinia. Appen- 
dice. Note geologiche ed antropologiche del Dott. R. Koettlitz. Notizie 
interessanti sui paesi e sui popoli dell'Abissinia meridionale. 

La spedizione danese delV « Ingolfi ». Riassunto dei risultati delle spe- 
dizioni danesi nei mari attorno alla Groenlandia eseguite nel 1895 e 
nel 1896. Il racconto dei viaggi si deve al commodoro G. F. Wandel ed 



i 



Digitized by VjOOQIC 



33T 



ELENCO 
dei Soci della Società di Studi geografici e coloniali in Firenze 



Onorarli. 

BoDio Comm. Prof. Luigi, Consigliere di Stato, Presidente del 
Consiglio superiore di Statistica, Roma. 

Casati Magg. Gaetano, Monticello (Brianza). 

DoRiA March. Sen. Giacomo, Presidente della Società geografica 
Italiana, Roma. 

Maitteoazza Sen. Prof. Paolo, Museo Antropologico, Via Gino Cap- 
poni, j5, Firenze. 

UziELLi Prof. Ing. Gustavo, Via della Colonna, 9, Firenze. 

Benemeriti. 

De Gubernatis Conte Comm. Prof. Angelo, R. Università, Roma. 

Perpetui. 

Della Valle di Monticelli March. Francesco, Cbieti (Abruzzi). 
Loria Cav. Dott. Lamberto, Via Bonifacio Lupi, 9, Firenze. 

direttivi. 

Amici Dott. Filippo, Istituto Tecnico, Camerino. 

Anoreini Dott. Angelo, Istituto Geografico Militare, Firenze. 

Annoni Antonio, Cassa di Risparmio, Uff. Banca, Milano. 

Bartolini March. Luigi, Via dei Benci, 22, Firenze. 

Barzellotti Cav. Avv. Pier Luigi, Via dei Servi, 14, Firenze. 

Bastogi Conte Gio. Angelo, Via Cavour, 20, Firenze. 

Battisti Dott. Cesare, Trento. 

Belforti Prof. Ubaldo. Piazza deirindipendenza, 16, Firenze. 

Bellio Prof. Vittore, R. Università, Pavia. 

Bertacchi Prof. Cosimo, R. Università, Palermo. 

Blasutigh Prof. Maria, Scuola Normale Femminile, S. Pietro al 

Natisene, Udine. 
BoNAZZl Bruto, Istituto Geografico Militare, Firenze. 
Brunicardi Cav. Ing. Adolfo, Via degli Alfani, 74. 

Corsini Princ. Sen. Tommaso, Via del Prato, 68, Firenze. 

Cossu Dott. Angelo, Bonorva (Sardegna). 

CviJC Prof. J., Ècole Techniquo Superieure, Belgrado (Serbia). 



Digitized by VjOOQIC 



.À 



ni 



W Ancona Cav. Prof. Cesare, Piazza d'Azeglio, 20, Firenze 

De Agostini Prof. Giovanni, Via Bellezia, 6, Torino. 

De Nottee Cav. Avv. Prof. Giulio, Via della Pergola, 4, Firenze. 

Ferrucci Arturo, Udine. 

Francolini Palestro, Istituto Geografico Militare, Firenze. 

Garlatti Mario, Forgarin. (Udine). 

Gherardelli Attilio, Istituto Geografico Militare, Firenze. 

GiANNiTRAPANi, Cav. Ing. DOMENICO, Via Leonardo da Vinci, 3, 
Firenze. 

Oiglioli Coinm. Prof. Enrico, R. Museo di Fisica e Storia Natu- 
rale, Via Romana, 19, Firenze. 

Giuliani Prof. Carlo, Via della Spada, 2.2°, Firenze. 

Gribaudi Dott. Pietro, Via Giovanni Angelico, 8, Firenze. 

Istituto Geografico Militare, Via della Sapienza, Firenze. 

LucHiNi, Comra. Avv. Prof. Odoardo, Via Cavour, 8, Firenze. 

Magnaghi Prof. Alberto. Piazza Mercato, 13, Foggia. 

Marinelli Comm. Prof. Giovanni, Piazza d'Azeglio, 12**'*, Firenze. 

Marinelli Prof. Olinto, R. Istituto Tecnico, Ancona. 

Masini Cav. Avv. Enrico, Via S. Gallo, 10, Firenze. 

Matini Prof. Ugo, Via dei Servi, 2, Firenze, 

Modigliani Cav. Dott. Elio, Corso Vittorio Emanuele, 16, Firenze. 

Morasutti Giuseppe, S. Vito al Tagliamento (Udine). 

Mori Attilio, Istituto Geografico Militare, Firenze. 

Moscioni Antonio, Via Cavour, 4, Firenze. 

Oberti Dott. Eugenio, Via Pinti, 53, Firenze. 

Perini Cav. Gap. Ruffillo, Piazza S. Marco, 10, Firenze. 
Pestelli Rogero, Istituto Geografico Militare, Firenze. 
Pico Emilio, Suburbio Aquileia, Udine. 
PiNUCCi Cav. Tebaldo, Via S. Gallo, 76, Firenze. 
Porena Comm. Prof. Filippo, Largo Latilla, 12, Napoli. 
PozzoLiNi Comm. Gen. Giorgio, Via Valfonda 20, Firenze. 
PuLLÈ Conte Prof. Fr. Lorenzo, R. Università, Bologna. 

Regalia Cav. Prof. Ettore, Via Gino Capponi, 3, Firenze. 
Ricci Dott. Leonardo, Via Ambrosiana, 22, Milano. 

Sassi Dott. Luigi, Via S. Gallo, 1."^, Firenze. 
Sensini Prof. Pietro, Viale Principe Amedeo, 14, Firenze. 
SoMMiER Cav. Dott. Stefano, Lungarno Corsini, 2, Firenze. 
Sottini Prof. Giuseppe, R. Università, Pisa. 
Stefanelli Cav. Prof. Pietro, Via Pinti 57, Firenze. 

ViEZZOLi Prof. Francesco, Strada Vittorio Emanuele, 133, Parma. 



Digitized by VjOOQIC 



239 



Aggregati. 

Alfani Cav. Prof. Augusto, Via Ricasoli, 69, Firenze. 

Almansi Cav. Emanuele, Via de* Gondi, Comizio Agrario, Firenze. 

Abtimiki Cav. Prof. Antonino, Via di SoflSano, 31, Firenze. 

Babbenbi Aw. Giuseppe, Via Ricasoli, 6, Firenze. 

Babbisio Ing. Jacopo, Via Pinti, 93, Firenze. 

Babgagli March. Cav. Piebo, Piazza S. Maria oltr'Arno, 1, Firenze. 

Barsanti Sen. Comm. Avv. Olinto, Via Fiesolana, 1, Firenze. 

Babtoloiimei March.* Teresa, Via Archibusieri, 8, Firenze. 

Babzellotti Maddalena, Via dei Servi, 14, Firenze. 

Beni Eugenio, Via Pinti, 93, Firenze. 

Bianchi Cav. Giovanni, Via Faenza, 91, Firenze. 

Bocci Cav. Giuseppe, Soci (Casentino). 

BONAINI Magg. Gustavo, 3.° Artiglieria, Bologna. 

Cambbay Digny, Conte Aw. Tommaso, Corso dei Tintori, 91, 

Firenze. 
Campani Carlo, Piazza della Signoria, Firenze. 
Cabpi Cav. Avv. Abtubo, Via Cavour, 22, Firenze. 
Cecconi Enbico Cablo. Via Luigi Alamanni, 31, Firenze. 
ClOBLiEBi Gbbabdo, Istituto Geografico Militare, Firenze. 
COLLACCHIONI Nob. Mabco, Via dei Pucci, 3, Firenze. 
Conte Cav. Prof. Avv. Lobenzo, Via delle OflBcine, 11, Firenze. 

Del Bianco Teoddlo, Piazza Strozzi, Firenze. 
Della Nave, Dott. Febdinando Via Bufalini, 31, Firenze. 
De Mabi March. Giov. Mabia, Via Venezia, 8, Firenze. 
Devoti Domingo, Via Cherubini, 1, Firenze. 

Faballi Cav. Dott. Giovanni, Via Bufalini, 20, Firenze. 
Feerabi-Cobbelli Conte Leone, Via Ricasoli, 33, Firenze. 
Fbanchetti Cav. Prof. Avv. Augusto, Via deirOrivolo, 22, Firenze. 

GiANNELLi Gustavo, Via Maggio, 20 Firenze. 

GlGLiucci Conte Mario, Piazza Savonarola, 6, Firenze. 

GlOLi Prof. Fbancesco, Via Marsilio Ficino, 8, Firenze. 

GiOLi Cav. Luigi, Via Marsilio Ficino, 8, Firenze. 

Gbati Avv. Abtidobo, Via Pellicceria, IO, Firenze. 

Gbottanelli Conte Gualtiebo. Via Jacopo da Diacceto, 5, Firenze. 

GuEBBiEBi Prof. Leopoldo, Via degli Alfani, 74, Firenze. 

Guidotti Cav. Prof. Dabio, Via dei Renai, 6, Firenze. 

Lapi Cav. Giulio, Tenente Colonnello, 5.** Cavalleria, Venaria Reale, 

Torino. 
Levi Paolina, Piazza dell'Indipendenza, 18, Firenze. 

Mabilli Rag. Cablo, Via Faenza, 66, Firenze. 



Digitized by VjOOQIC 



240 

Mayer Enrico, Via Gino Capponi, 44, Firenze. 
Milani Cav. Prof. L. Adriano, Museo Archeologico, Via della Co- 
lonna, Firenze. 

NiccoLiNi March. Giorgio, Via Scialoia, 19, Firenze. 
Nobili Aw. Carlo, Via Cavour, 50, Firenze. 

Orefice Ing. Ermanno, Ferrovie Adriatiche, Via Pinti, 33, Firenze. 

Pagani Fortunato, Viale Petrarca, 96, Firenze. 

Pampaloni Comm. Avv. Prof. Temistocle, Via dei Tavolini, 10, 

Firenze. 
Petrocchi Dott. Luigi, Massa Marittima. 

Philipson Comm. Ing. Edoardo, Piazza dell'Indipendenza 19, Firenze. 
Piccini Aw. Giovanni, Via Strozzi, 2, Firenze. 
Pilacci Avv. Arturo, Via Pellicceria, 10, Firenze. 
PoNS Dotfc. Enrico, Via S. Niccolò, 106, Firenze. 

Rapi Avv. Angelo, Via Or S. Michele, 2, Firenze. 
Ricci Raffaello, Lung'Arno Serristori, 21, Firenze. 

Sborgi Giovanni, Via del Corso, Cereria Carobbi, Firenze. 
Schiaparelli Cav. Prof. Ernesto, Museo d'Antichità. Torino. 
Spighi Ing. Cesare, Via Guelfa, 10, Firenze. 
Stellini Prof. Flavio, Via Bonifacio Lupi, 9, Firenze. 

Tacchini Angelo, Istituto Geografico Militare, Firenze. 
Targioni-Tozzetti Comm. Prof. Adolfo, Museo di Fisica e Storia 

Naturale, Via Romana, 19, Firenze. 
Testi Arturo, Via Pinti, 27 p.^ p.**, Firenze. 
Tolomei-Baldovinetti March. Giulia, Via Lambertesca, 11, Firenze» 
ToMASi Vittorio, Via San Gallo, 31, Firenze. 
Torrigiani March. Filippo, Via Cavour, 2, Firenze. 
Turri Carlo; Via del Proconsolo, Banco Schmitz e Turri, Firenze. 

Ussi Comm. Prof. Stefano, Via Marsilio Ficino, 4, Firenze. 

Vasari Ing. Francesco, Ufficio del Catasto, Alba (Cuneo). 
ViMERCATi Conte Prof. Ing. Guido, Lung'Arno della Zecca Vec- 
chia, 2, Firenze. 



Digitized by VjOOQIC 



Opere pabblicate dalla Società Editrice Dante Alighieri 

r>ott. F*. M. ^^S^VNISI 



ighieri^^^ <^- 



TE3STO DI aEOaRA.PIA 

PER LE SCUOLE SECONDARIE SUPERIORI 

(Licei, latitati Tecsioi, Collegi Militari, Scuole Normali) 
Un grosso volume di circa 660 pag., illustrato con numerose figure originali L* 5. 

Dello stesso autore: 

ELEMENTI DI GEOGRAFIA 

Per te Scuote secondarie Interiori (Ginnasi, Scuote tecniche, comptementari, ecc.) 

Un elegante volume riccamente illustrato L. 2,75. 

GEOGRAFIA PARTICOLARE DELL'ITALIA 

TESTO PEK LA. IV CLASSE GINNASIALE 
Un volume illustrato di circa 180 pagine, L. 130. 

Geografia particolare delie Regioni d'Europa 

TESTO PEB LA V CLASSE GINNASIALE 
Un volume illustrato di «irca iSo pagine Lire 1,50. 

ATLANTE PEL DISEGNO CARTOGRAFICO 

ad uso delle scuole s econdarie classìche f tecniche e normali 

Introduzione metodica e testo metodico con 26 figure ed 8 carte 

Volume con Pintroduzione met<}dica L. 2. — Senza Pintroduzione metodica L. 1 50* 



TTof. FRANCESCO POFIRO 



NOZIONI DI COSMOGRAEIA 

per le scuole secondarie inferiori e per i maestri 
Un Volume eli oltre cento pagine I^ire 1. 

Professor GIOVANNI MARINELLI 
Ordinario di Geografia nel E. Istituto di Studi si^>eriori di Firenze, Dep. al Parlamento 

LE JPROVINCXE ITITAJLjIA. 

Brevi cenni geogtc^fici^ statistici e storici raccolti in 69 quademiper lo studio della geografia 
patria nelle scuole elementari e complementari, secondo i programmi governativi 

Ogni quaderno è destinato ad una Provincia e contiene: 
Confini — Superficie e popolazione — Circondari o Distretti — Situazione topografica — 
Confiffurazione orizzontale — Configurazione verticale -> Idrografia — Strade — Clima 
"^ Culture principali e prodotti >— uoHura intellettuale, previdenza» ecc. — CircoBcri« 
zioni varie — Cenni sul ca|K>luogo di provincia e sui principali centri di popolazione 
— Note speciali sulla provincia — Cenni storici. 

Ogni quaderno si v^nde separatamente al prezzo di Cent. iQ o di Cent |E 
secondo il numero dei fogli. 



Ht— %€ pubblicazioni qui annunziato »i trocano presso i principali librai, 
« si spediscono franco di porlo a chi le richiede direttamente alla Sodolà 

Mttrfeo 9ÉMU AUcUerl in Rema, Corso (angolo del Cara?ito n. 6). 



Digitized by VjOOQIC 






A. V^ VI S O 



Per uaa recente disposizione presa dal Consiglio di Direzione del 
Società di Studi Geografici e Coloniali d'accordo con la Società EditriI 
Dante Alighieri, la collaborazione alla € Rivista Geografica » è limitaf 
ài regola^ ai soli Soci di detta Società di Stadi Geografici e agli ablj 
nati alla € Rivista ». 

Si raccomanda ai collaboratori la massima brevità conciliabile con j 
trattazione esauriente del soggetto. Di regola le memorie non devono 
trepassare le 16 pagine di stampa. 

Sono gradite le brevi comunicazioni e notizie originali su tutto il va 
campo della geografia, le bibliografie^ sia semplicemente obiettive, coij 
anche critiche. I manoscritti non si restituiscono. 



Ky" x-^ y~\ y~\ ,'^ 



La Società di Studi Geografici e Coloniali, trovandosi in possesso 
alcune diecine di copie della Raccolta completa del ^ BoUctUBO d6l| 
Sezione fiorentina della Società Africana d'Italia ^ (Dieci anna 
1885-1894), ha stabilito di cederle ai propri Soci e a quelli delle alt 
Società Geografiche italiane e straniere, e agli abbonati della « Bivis| 
Geografica Italiana » al prezzo di L. 10 per l'intera Raccolta. 

Tale Raccolta consta di iO volumi, di quasi 3000 pagine comple88Ìf{ 
arricchiti di carte geografiche, ritratti e fotografie. Contiene numerosi 
importanti articoli originali riguardanti l'Africa ed una copiosa e minai 
rivista del movimento geografico e coloniale africano e speeialmente di 
Fazione italiana nell'Eritrea e nell'Africa in generale, in tutto il de 
nio 1885-1894. 

Le richieste potranno essere inviate con cartolina vaglia di L. 10 
presidenza della Società (Piazza S. Marcò 2, Firenze). 



li* BivuiTA al pobblie* m tmueìeolì illuaU*«tl 41 #4 pAglae, va» «sali 
nteae^ eceettuAtt SeUentbre e4 •libbre. 

L'abbonamento annuo è di L iO» con faooitk di pagarle anche In due fate uitl- \ 
olpate. Per l'estero L ±Zw — Un fasoicoh separato L iy50* 

II, MIGLIAR M%m9 DI ABBDMABSI ÌS ^VEULD Bl 0rBBIBB AIAA | 
SOCIETÀ EBITBIOB C BAMTB AI.I«HI£BI » B^MA, C^rtM imm%%\% Cfl 

▼Ita, •) tfif A €ABTBliiiiA-TAGl.iA ooUa semplice si^esa di cent. 16. 

I reolami per mancate spedizioni si xiTOlgano sempre all'i 
Corèo {angolo del Caravita n. e) 



Firenze, 1900. — Tip. M. Biooi. 



Vittorio Toicah, ytr. retj^ 



Digitized by 



Google -■! 



Annata YII. 



Fascicolo V. 



Haggto 1900. 





ETTINO 

DI STUDI GEOGRAFICI E COLONIALI 



IN FIRENZE 



* Direttore: Prof. G. MARINELLI 

Redattore: ATTILIO MORI, Via S. Gallo, 31, Firrnzr. 



Sommario del presente fascicolo. 

La Rivista Geografica, Giovanni Marinelli. —Attilio Mori, Cenni Biogì\ifÌcL 
Bernardino Frescura, Ricordi perdonali. 

Memorie originali. — Filippo Porena, Le scoperte geografiche del secolo XIX. 

— Olinto Marinelli, Conche lacustri dovute a suherosioni nei gessi in Sicilia. 

liotlkie. — Geografia fisica. — Statistica. — Notizie bibliografiche. 

Blbllos>*«flA- — Carta idrografica d^ Italia (Eugenio Oberti). — Gaetano SA^f- 
iriOROio, I primi contorni dì una storia commerciale del Mediterraneo (Guiiio 
Bigoni). 

RtvU»« del Periodici. — The Geograpbical Join-nal (Voi. XV, N. 4, Aprile 1900). 

— Idem (Voi. XV, N. 5, Maggio 19(X>). — The Scotti sh Geographical Magazine 
(Voi. XVI, N. 4, Aprile 1900). — Idem (Voi. XVI, N. 5, Maggio 1900). 

AtU della € SoeletH di Studi geograflcl e coloniali > residente In Firenxe. 



.'%'«-%.^-«.'%'%.%-%'^A.'V<%'%'%'V'«>'«X'%%'W^'t 



ROMA 
SocibtX Editrice Dante Alighieri 

Corso (angolo del C«ravita N. 6} 

1900 



Digitized by 



Google 



SOCI ETÀ EDITRICE DA NTE ALIGHIERI 

PUBBLICAZIONI PERIODICHE PEL 1899 

tj^ 

Biblioteca Storica dei Risorgimento Italiano 

diretta da T. CASINI e V. FIORINI. 

Di questa Biblioteca si sono pubblicati i seguenti volumi: 

1. y. FioBisi. — OU atti d«l OonffreMO Cispadano. Voi. di pag. 206. — L. 2. 

2. G. Garduooi. — Xe prime vittime di Franoeaoo !▼, duca di Modena. Notizie di ▲. Fm- 

nizzi. Voi di pag. 230. — L. 2. 
8. T. A SIITI. ~ Ita rivoluzione di Vtlano nell'aprile 1814. Relaziozii etoriolie di L. Arma- 

roli e C. Verri. Voi. di pag. 200. — L. 2. 
4. GioTASKi Sforza. — Ckiribaldi in Toaoana nel 1848. Voi. di pag. 72, L. 1, 
6-6. T. Casini. — Memorie di nn veoohlo oarbonaro ravennano. (P. Uccellini). Voi. di 

pag. 900, L. 8. 

7. D. Zasighelli. — Lo Statuto di Carlo Alberto, Voi. di pag. 160, L. 2. 

8. P. S. Mancini. — Relazione sui fatti del 15 Bbtffffio 1848. Voi. di pag. 200. L. 2. 

9. Alzssaxdro Luzio. — Z>e oinqne griornate nelle narrazioni austrlaolie. h. 2. 

10. Baffaelk Belluzzi. -> La ritirata di Garibaldi da Boma nel 1848. 

11. Luigi Bava. — D. A. Farini e la sua ** Memoria atorloa,, sulla Somaffna dal 1798 

al 1828. 

12. V. FioRixi. — OU soritti di Carlo Alberto sul 1821. 

Della BIBLIOTECA STORICA DEL RIS0R6IMEHT0 ITALIANO si pubblica un ve- 
lume ogni mese, posto in vendita a prezzo proporzionato alla sua mole. Dodici 
numeri formano una serie. — Chi si abbona ad una intera serie pagherà sola- 
mente lire 12 e cioè Lire una per ogni numero, la quale si può anche versare alp 
Tatto del ricevimento del volume. — Per abbonarsi basta inviare alla Società 
Editrice Dante Aligrhleri^ Via del Corso angolo del Caravtta, n. 6^ Boma, una 
cartolina vaglia di L. 12 con la dichiarazione di associarsi -a tutta la 1' serie 
e si riceveranno subito franchi di porto i volumi fino ad ora pubblicati. 

(GIÀ ITAUA e VITA ITALIANA) 
diretto da DOxMEIVlCO OIVOLI 

Pabblicazlone illustrata mensile nella qna le collaboran o i più iliostri scrtttoH ed artbtl italiaid 

Por PKaUa xm semestre L. Il ; tm anno L. 20. 
Per l'Uidone Potttfet nn sem. (oro) L. 18; \m anno L. 25. — Fnori deU*UB. pOltate, nn axmo L. 88 
Preito di un fatcicolo separate Llrs PilE . 

atuntTno geografico ELCMENTARE 

PEB LE VARIE BEGIONI D'ITALIA 

composto e diretto dal prqfeesor GIOVANNI MARINELLI 

Ordinario di Geografia nel R. Istituto di Studi Superiori in Pirense 

Disegnato dal cav. G. £. Fbitkbcbs 

Un atlantlno per ciascona delle seguenti Begioni: 
Piemonte, lÀguria-Nitza-CorBicay Lombardia-Ticino^ Veneto-Trentino e Litorale, EmiUa, 

Toscana f Marche e Umbria, Lazio-Abbruzzi e Molise, Campania, Puglie e BasiUcata, 

Calabria, Sicilia, Sardegna. 

Ogni atlantino contiene le seguenti carte: 
1. Carta topografica, speciale: pianta e prospetto della Scuola, pianta e prospetto di «sa 
piazza principale, pianta della Città principale della regione, tipo di paesaggio ; — 
2. Carta della regione divìsa per provinole e relativi confini, scala 1 : 1600(X)0; — B. Ctflt 
fisica d'Italia; — 4. Carta politica d'Halli colle divisioni regionali e per provinoie: — 
5. Carta fisica e politica d'Europa; — 6. Carta fisica e poHlica deirAsla; — 7. Carte flsiea 



lIma J«e«is8.fl«.. 



Digitized by VjOOQIC 



■,l'- I » !' ■ ^Plf/ 



m^^m^. 



RIMA mm 




GIOVANNI MARINELLI 



Il lutto gravissimo che ha colpito la Scienza e la Patria 
colla scomparsa di GIOVANNI MARINELLI mancato ai viventi in 
Firenze il giorno 2 del corrente maggio, colpisce in special 
modo questa nostra Rivista alla quale da vari anni egli aveva 
consacrato le sue cure intelligenti ed il suo paterno afietto. 

La Rivista Geografica Italiana piange la perdita del suo 
Direttore come una famiglia quella del suo capo venerato. 
E famiglia sua poteva dirsi veramente questa, che accoglieva 
quanti erano in Italia suoi colleghi e discepoli, accumunan- 
done sotto la sua autorevolissima guida gli studi e i lavori 
volti tutti ad uno stesso intento: il progresso e la diffusione 
degli studi geografici. 

Della vasta e proficua opera da Lui compiuta a vantaggio 
della scienza e a decoro della Patria sarà in queste pagine 
discorso nel prossimo fascicolo con adeguata larghezza. 

Oggi annunziando la tristissima nuova dobbiamo limitarci 
a dame pochi cenni biografici e a pubblicare alcuni ricordi 



Digitized by 



Google 



242 

personali che un nostro attivo collaboratore e suo affezionato 

scolaro ci trasmette. 

Interpetri del comune sentimento dei collaboratori e lettori 

della Rivista, della Società di Studi G-eografìci e Coloniali, 

della Società Editrice Dante Alighieri, percossi dalla grave 

sciagura, spargiamo lacrime e fiori sulla tomba precocemente 

dischiusa del nostro Capo venerato, onore e decoro degli studi 

e d'Italia. 

La RrsrisTA Geografica. 



CENNI BIOGRAFICI^'' 



Dire di Giovanni Marinelli, ritesserne la vita, ahimè non troppo 
Innga, ma operosissima, e volta tutta a vantaggio della scienza e 
della scuola, rilevarne i meriti singolari come educatore e come 
studioso, oggii dopo poche ore appena da che ci fu tolto, sarebbe 
impresa difficile per tutti; più difficile per chi, stretto a lui dai vin- 
coli di un affetto grandissimo, reso più intenso dalla lunga consue- 
tudine, sente profondamente il dolore della sua perdita e meglio 
può apprezzarne la gravità. Onde io, pur volendo pagare questo 
mesto tributo di affetto e di riconoscenza verso il maestro insigne, 
cui mi avvinse un'affezione sinceramente filiale, non potrò in questo 
momento accingermi a dettarne una completa biografia, ma solo li- 
mitarmi a rilevare alcuni tratti della sua vita, cercando di porre in 
evidenza le doti singolari della mente e dell'animo, che egli ebbe 
davvero squisitamente nobili e grandi. 

Perchè di Giovanni Marinelli, geografo illustre, ammirato e cele- 
brato in Italia e fuori d'Italia, più dei pregiati meriti scientifici, pia 
ancora delia sua. veramente straordinaria, attività, durata indefessa 



Digitized by VjOOQIC 



J^ IIMH^ P^frl^ 



243 

per oltre 30 anni a profitto della disciplina da lui coltivata con amore 
intensissimo, sono da ricordarsi le qaalità elette dell'animo, ben più 
pregevoli e rare a riscontrarsi delle qualità delP ingegno, e per le 
quali egli da un capo all'altro della Penisola, e oltre i confi dì stessi 
del Regno, contava dovunque amici fidati, scolari devoti, ammira- 
tori ferventi. 

Nato ad Udine il 28 febbraio dell'anno 1846 dal dottore in me- 
dicina Bartolommeo Marinelli e da Anna Candotti, egli aveva com- 
piuto nella nativa città gli studii secondari, allorché, giovane appena 
di poco più di 16 anni, passò a Padova in quella antica e celebre 
Università inscrivendosi nella facoltà di matematiche pure, i corsi 
della quale egli segui per un anno soltanto. 

Era intendimento del padre avviarlo alla carriera degli impieghi 
pubblici per la quale occorreva seguire invece gli studi giuridici; 
onde Panno di poi dalla facoltà di matematiche passava a quella di 
giurisprudenza in cui rimase per tutti gli anni del corso, sostenen- 
done con plauso i diversi esami e superando felicemente, nell' ago- 
sto 1867, quello cosi detto di assolutoria che non conferiva la vera 
e propria laurea, ma abilitava gli aspiranti a concorrere nelle pub- 
bliche amministrazioni. Non era per altro questo l'ideale del gio- 
vane Marinelli, che, attratto da una decisa passione per l'insegna- 
mento, chiese ed ottenne, ritornato ad Udine, di essere nominato 
assistente volontario alla cattedra di Lettere italiane, di Storia e di 
Geografia in quel R. Istituto Tecnico, che 1' anno prima vi aveva 
istituito Quintino Sella. 

Nell'Istituto Tecnico di Udine egli rimase per undici anni in qua- 
lità dapprima di assistente, poi di incaricato, quindi di reggente e 
finalmente di titolare, avendo ben presto lasciato T insegnamento 
delle lettere italiane per dedicarsi intieramente a quello della Storia 
e della Geografia da lui poi sempre prediletta. 

Era andato frattanto crescendo in Italia un risveglio benefico per 
gli studii geografici. Qui in Firenze era sorta, auspice Cristoforo 
Negri ed altri egregi, una Società Geografica Italiana, il cui com- 
pito era di ravvivare fra noi l'amore e l'interesse per le lontane 
esplorazioni, e ad un tempo per lo studio speculativo della scienza 
del Cosmo. Bartolommeo Malfatti, che doveva precedere il Marinelli 
nella cattedra fiorentina, aveva da poco dato in luce quei suoi aurei 
saggi geografici ed etnografici, che, inspirandosi alle moderne dot- 
trine propugnate in Germania, schiudevano campi novelli alla Geo- 
grafia, non più limitata entro gli angusti confini di una gretta no- 
menclatura od alla raccolta di dati statistici. Giovanni Marinelli subì 



Digitized by VjOOQIC 



f^.^' 



T' 



244 

il fascino di queste nuove dottrine; e, com'egli stesso ebbe ad esprì- 
mersi, gli scritti del Malfatti furono una vera rivelazione al suo 
spirito e gli apersero degli orizzonti vasti ed inattesi. 

Ma della scienza geografica, meglio che la parte brillante ed at» 
traente che si occupa delle ardite esplorazioni in remote contrade, 
egli amò coltivare quella d'intenti più modesti ma più positivi e 
più pratici rivolta allo studio scientifico ed alla illustrazione del 
patrio territorio. 

Camminatore infaticabile ed appassionato alpinista, non meno che 
coscenzioso osservatore, egli trovava nelle montagne del Friuli na- 
tivo campo non ancora sfruttato di osservazioni e di studii. Accom- 
pagnato dal suo barometro si diede quindi a percorrere in ogni senso 
quella bella e varia regione, rilevandone Paltimetria, allora affatto 
manchevole, e raccogliendo dati illustrativi di ogni genere che poi 
dififondeva in descrizioni accurate e vivaci. 

Nò limitava la sua azione all'opera personale; ma spronava ed 
incitava Toperosità altrui rivolgendola sempre al fine medesimo; 
onde in breve tempo il Friuli, per suo merito principalmente, potè 
vantare una bibliografia scientifica quale poche regioni d'Italia pos- 
seggono. 

Dal campo limitato degli studii locali era uscito appena con al- 
cuni scritti di carattere più generale, allorché nell'anno 1878, ban- 
dito il concorso per la cattedra di Geografia all'Università patavina, 
lasciata vacante dall'illustre Dalla Vedova testé trasferito a Roma, 
egli vi prese parte. 

E la Commissione esaminatrice, riscontrando nel giovane profes- 
sore d'Istituto Tecnico le qualità peculiari dello scienziato e del do- 
cente universitario, saviamente volle a lui fosse conferita. 

La sua dotta prolusione Della Geografia scientifica e di alcuni 
suoi nessi mostrò come la Commissione non avesse errato nel suo 
giudizio. Da allora cominciò nella attività scientifica di Giovanni 
Marinelli una produzione più intensa e più vasta. E davvero ripen- 
sando alla cospicua mole degli scritti da lui dati fuori negli anhi 
che seguirono, non si può non rimanere ammirati per tanta copia 
di lavoro, se non tutto originale quanto al contenuto, originale sem- 
pre rispetto alla forma ed al metodo. 

Pur non tralasciando le iniziate determinazioni altimetriche, alle 
quali si dedicava con amore costante nelle vacanze annuali, imprese 
a Padova ad applicarsi con grande attività agli studi, fino allora 
negletti, della storia della Geografia e della Cartografia. Per il Terzo 
Congresso Geografico Internazionale adunatosi a Venezia nel 1881, 



Digitized by 



Google 



»"*i'*ri"--."V-rJ^" 



245 

egli allestì, auspice la Deputazione di Storia Patria delle provincie 
venete, qael suo monumentale Saggio di Cartografia Veneta che non 
trova riscontro in altre pubblicazioni consimili. L'anno di poi alla 
Società Geografica italiana a Roma teneva la sua dottissima confe- 
renza su La Geografia e i Padri della Chiesa, che Sigismondo Glm- 
ther dell'Università di Monaco fece tradurre in tedesco e accompa- 
gnò di una sua prefazione. Ma intanto ad un altro poderosissimo 
lavoro egli andava accingendosi cui doveva legare per un lontano 
avvenire il suo nome e la sua fama e che pur troppo egli non potè 
vedere intieramente ultimato. 

Eliseo Réclus aveva iniziata la pubblicazione della sua grandiosa 
e lodatissima Geografia Universale, quando un coraggioso editore 
italiano deliberò di intraprendere anche in Italia una pubblicazione 
consimile; e ne volle afiSdato l'incarico al professor Marinelli. Dap- 
prima riluttante, egli si accinse poi con impegno grandissimo alPopera. 
Chiedendo il concorso di molti fra i migliori geografi e cultori di 
studii affini esistenti in Italia, egli distribnl le parti del vastissimo 
lavoro, e, riserbandone a sé la parte maggiore, prescrìsse le norme 
e tracciò i modelli ai quali — perchè l'opera serbasse unità di in- 
dirizzo e di metodo — gli altri collaboratori dovessero uniformarsi. 

L'opera, veramente grandiosa, è troppo universalmente nota per- 
chè sia necessario rilevarne qui l'importanza ed i pregi. Non vi è 
ormai Biblioteca né quasi gabinetto di studioso che non ne siano 
provveduti, e ad essa continuamente si è indotti ricorrere per attin- 
gervi una quantità di notizie e di fatti riguardanti la dottrina della 
Terra, che ivi si trovano criticamente esposti e scientificamente 
trattati. 

Un intiero volume è dedicato all' Italia, ed è, si può dire, la prima 
grande illustrazione scientifica della patria nostra che si possegga. 
Non mancò fra noi chi volle rilevarne le deficienze; né certamente 
tutti potranno considerarla opera in ogni sua parte perfetta. A suo 
massimo titolo d'onore ricorderò per altro che Tcobaldo Fischer, 
l'illustre geografo di Gottinga, conoscitore profondo del nostro paese, 
ebbe a scriverne con sincera ammirazione, affermando come nessuna 
letteratura offra un'opera di geografia regionale da starle a confronto, 
e come il volume stesso della Francia del Réclus rimanga, al para- 
gone, di gran lunga inferiore. 

Nell'Università di Padova il Marinelli rimase 14 anni, e cioè 
dal 1878 al 1892. Furono, come già dissi, anni di un' attività scien- 
tifica straordinaria, che egli dispiegò nell'Università e nei locali corpi 
scientifici, primo fra tutti l'Istituto Veneto di Scienze e Lettere, del 



Digitized by VjOOQIC 



-^ .^ . -^ 



248 

quale fu membro operosissimo. E fa appunto nelle sessioni di quel- 
la insigne corpo accademico che egli sollevò la questione dell'area 
del Regno, rilevando le cognizioni imperfette e discordanti che pos- 
sedevamo di quel fondamentale elemento statistico; onde l'Istituto 
Geografico Militare fu poi indotto ad intraprenderne una rigorosa 
determinazione. 

La fama di scienziato che egli andava procacciandosi, le nobili 
doti dell'animo, l'universale simpatia che si era acquistata nella città 
di sua residenza, come nella provincia dalla quale sortiva i natali^ 
lo portarono intanto, benché suo malgrado, a partecipare alla vita 
pubblica. 

La Facoltà di lettere dell' Università lo volle Preside per vari 
anni. Fu consigliere comunale ed assessore del comune di Padova; 
e finalmente, nelle elezioni generali del 1890, venne eletto a deputato 
pel collegio trinomi naie di Udine. Né il Parlamento fu per lui campo 
di intrighi partigiani, né servi a sfogo di personali ambizioni. Egli 
accettò assai volentieri il mandato, confermatogli in ripetute elezioni 
persuaso di potere, dall'esercizio del medesimo, ricavare anche un 
vantaggio per la scuola in genere, per T insegnamento della geogra- 
fìa in specie. Onde ai lavori del Parlamento prese parte attivissima, 
non tanto colla parola nell'Assemblee, quanto coli' utile opera nelle 
Commissioni. Né vi fu questione che avesse rapporto alla scuola 
ed alla sua prediletta Geografia, della quale efficacemente non si 
occupasse. 

Nel 1892 venne a morte fra noi Bartolommeo Malfatti, il geo- 
grafo e poligrafo insigne dalle cui opere, come dissi, il Marinelli 
aveva attinto i primi entusiasmi per la scienza geografica. Della 
cattedra di Geografia e di Etnografia da lui lasciata vacante nel- 
l'Ateneo fiorentino, la Facoltà letteraria del nostro Istituto supe- 
riore pensò che nessuno fosse maggiormente degno che Giovanni 
Marinelli. 

Egli accettò l'invito che la Facoltà gli rivolse; e sebbene dolente 
di abbandonare la sua Padova, d'onde era si prossimo ài Friuli na- 
tivo, venne volentieri a Firenze, professore ordinario di Geografia 
e di Etnografia all'Istituto Superiore e titolare di Geografia com- 
merciale alla Scuola di Scienze Sociali. 

Da circa otto anni egli era quindi fra noi; né fa mestieri ricor- 
dare come in breve divenisse a tutti sommamente caro; come sa- 
pesse presto guadagnarsi le universali simpatie della parte eletta e 
colta della cittadinanza. 

I nostri sodalizi scientifici fecero a gara a volerlo nel loro seno. 



Digitized by VjOOQIC 



247 

La Società Italiana di Antropologia e di Etnografia Io elesse a suo 
▼ico-presidente; l'antica Accademia dei George fili lo nominò suo so- 
cio ordinario a dimostrazione degli intimi nessi esistenti tra le dot- 
trine agrarie ed economiche, che essa coltila, e la scienza geogra- 
fica; lo ebbe fra i suoi la Deputazione Storica; e la Sezione Fio- 
rentina della Società Africana d'Italia lo scelse a suo capo, come 
già aveva scelto il compianto Malfatti. 

Al modesto sodalizio geografico fiorentino il Marinelli dedicò con 
afifettuosa premura le sue vigili cure. Lo volle trasformato in ente 
aatonomo dal titolo più vasto e comprensivo di Società di Studi 
Geografici e Coloniali^ onde apparisse che non alP Africa soltanto 
dovevano indirizzare gl'Italiani i loro studi e le loro tendenze colo- 
nizzatrici; senza disconoscere per altro che in Africa avevamo pure 
interessi morali e materiali da salvaguardare, come attestò con 
molti suoi scritti, conferenze, e discorsi parlamentari. Le dette per 
organo la Rivista Geografica Italiana ^ periodico apprezzatissimo 
anche all'estero, da lui diretto con intenso amore, e lo fece oppor- 
tuna palestra di studi e di osservazioni per geografi provetti e per 
giovani esordienti che egli incitava all'operosità. 

I snoi scolari trovarono sempre in lui una guida amorevole e sol- 
lecita, nn incoraggiatore, forse talvolta anche troppo benevolo. Onde 
da ogni parte d'Italia qui convenivano laureandi e laureati in let- 
tere, pel desiderio di fare il loro perfezionamento in geografia sotto 
la gaida di tanto maestro. Ormai si può dire che in molte Univer- 
sità d'Italia, e in quasi tutti gli istituti di istruzione secondaria 
l'insegnamento geografico è affidato a scolari del Marinelli, sia che 
veramente ne avessero seguiti i corsi nelle aule universitarie, sia 
che tali ambissero a reputarsi per averne accettati ì metodi e l' in- 
dirizzo. 

Nel secondo Convegno dei Geografi italiani tenuto in Eoma nel- 
l' autunno del 1895, il prof. Marinelli a nome della Società di Studi 
Geografici da lui presieduta, propose che il terzo Congresso da te- 
nersi nel 1898 avesse luogo nella città nostra. 

La proposta fu accolta unanimamente. Firenze si apprestava per 
l'epoca stessa a tributare solenni onoranze centenarie a due glorie 
vivissime dell' Italia e della scienza geografica: Paolo dal Pozzo To- 
scanelli ed Amerigo Vespucci. Come presidente del Comitato Ese- 
cutivo del Congresso e come vice-presidente di quello per le ono- 
ranze, ognun sa quale parte attiva ed efficacissima abbia avuta il 
Marinelli. 

Il Congresso fu solenne onor suo. Allorché adunandosene le ses* 



Digitized by VjOOQIC 



w^ 



248 

sioni nell'Aula Magna del nostro Istituto Superiore il senatore mar- 
chese Boria propose che, in omaggio alla scienza, in omaggio ai- 
Top era piena e coscenziosa colla quale egli aveva iniziato i lavori 
della riunione, fosse acclamato a Presidente del Congresso il pro- 
fessor Marinelli, fu un erompere cosi pronto e fragoroso di applausi 
caldi e spontanei da commuovere. 

Erano centinaia di cultori di studi geografici od affini, qui conve- 
nuti da ogni parte d'Italia e delPestero, i quali mostravano in modo 
non dubbio la loro ammirazione e la loro riconoscenza per il mae- 
stro amatissimo. Il Congresso fu il sommo riconoscimento del suo 
valore: ma fu anche il suo testamento. 

I due grossi volumi, pubblicati appunto in questi giorni, fan pa- 
lese la parte preponderante che egli ebbe in quella genialissima 
riunione. 

Doveva per altro essere anche Tultima opera sua. 

All'incessante diuturno lavoro la sua fibra aveva resistito fino al- 
lora, retta dal nobile ideale di diffondere Pamore e l'interessamento 
per la disciplina da lui coltivata e di vantaggiarne il progresso. 
Ma l'eccesivo sforzo di quei giorni lo piegò. 

II giorno che nella sala dei Dugento, dinanzi alle autorità ed alle 
rappresentanze italiane e di America egli pronunziò quel suo magi- 
strale discorso di inaugurazione delle Onoranze, i suoi amici trepi- 
danti gli constatarono, sgomenti, sul volto i segni manifesti di un 
avanzato deperimento. Egli stesso senti per la prima volta bisogno 
del riposo e lo ricercò per alcune settimane nel Friuli nativo. Ma 
tornato a Firenze un grave malore lo colse; né più, gli fu dato di 
riaversene. Invano cercò ristoro nelle sanificanti spiaggie tirrene, 
nel lungo assoluto riposo che egli s'imponeva volentieri, fidente di 
poter poi, con lena cresciuta, riprendere il lavoro. Lo scorso autunno 
parve un poco rimesso, e potè anche riprendere moderatamente le 
sue lezioni. Ma fu cosa di un momento. 

Dal gennaio le sue condizioni si aggravarono sempre più, per ef- 
fetto di una prostrazione grandissima. 

Confidava riacquistare almeno tanta vigoria da potersi ricondurre 
nel suo amato Friuli. Ma questa consolazione non gli fu concessa; 
ed egli si è spento dolcemente fra noi senza sofferenze fisiche, 
senza provare il dolore ineSabile ieV distacco dalla sua famiglia 
adorata, della quale non si potrebbe dire maggiore elogio che essa 
fu in tutto veramente degna di lui. 

Tale per sommi tratti la vita delPuomo che piangiamo perduto; 
la cui malattia tenne per due intieri anni in cruda ansietà i suoi 



Digitized by VjOOQIC 



249 

amici ed ammiratori, la cui dipartita segna un latto profondo per 
la patria e per la scienza. 

Pace ed onore alla sua venerata e cara memoria, che vivrà eterna 
nei nostri cuori! 

Firenze, 4 Maggio 19(H). 

Attilio Mobi. 



GIOVANNI MARINELLI 



Rl€M>rdl personali. 

Del geografo illustre, che meravigliava anche i più indefessi la- 
voratori per la febbrile attività ininterrotta, diranno altri qui. Del 
posto, certo importantissimo, e dell* impulso vigoroso e novatore che 
egli impresse alla geografia, la quale ogni giorno s'a£Ferma più ne- 
cessaria nello sviluppo del pensiero scientifico e nel movimento eco- 
nomico d*ogni paese, si parlerà nei vari periodici e nelle Società di 
coi egli era presidente o membro dei più rispettati. 

In questi giorni tristissimi, in cui più acuto, più acre ci punge 
il dolore vivissimo della sua perdita immatura, io^ che per lunghi 
anni discepolo, vìssi con lui in rapporti di affettaosissima intimità, 
voglio qui ricordarlo solo come maestro. 

Poiché egli fu sopratutto un grande, un insuperabile maestro: ed 
alla scuola, che egli amava con passione, diede la miglior parte di 
sé stesso. 

Qaando dai suoi concittadini fu, con un plebiscito dì stima, eletto 
deputato, non colse quest' occasione, come fanno pur troppo tanti 
deputati-professori, per disertare le aule scolastiche: ma spesso ve- 
niva coi treni della notte da Roma, per non mancare alla sua le- 
zione. £ come dava per primo l'esempio del dovere, esigeva che tutti 
gli studenti facessero il loro. Io mi ricordo di certi appelli impre- 
veduti e improvvisi, che egli faceva inesorabilmente airapprossimarsi 
di qualche vacanza o alla vigilia di qualche festa, alla quale tutti 
erano soliti prender parte. Per cui le sue lezioni erano sempre as- 
sai frequentate, prima pel terrore delPappello e della conseguente 



Digitized by VjOOQ IC . 



mm ■ '• ^ .' *-- 



250 

inevitabile perdita della firma sul libretto universitario, poi per Tin- 
teresse vivissimo che ognuno in seguito prendeva alle lezioni del 
maestro insigne. 

Ed aveva un' arte tutta sua per interessare, per rendere simpa- 
tica questa geografia, che ai più appariva tanto noiosa e inutile, e 
che richiamava solo al pensiero lunghe filze di nomi e di cifre. A 
quanti, tra i ricordi del ginnasio, non viene in mente queir ora di 
geografia, fatta magari al dopopranzo, verso Pestate, in fretta e fu- 
ria, perchè al professore premeva di far apparire, ohe almeno aveva 
sfiorato il programma! 

Sia che lo svolgimento riguardasse la geografia fìsica o quella 
matematica o rantropogeografia, egli si faceva ammirare per la chia- 
rezza cristallina, per la lucidezza del pensiero, come avviene in quelli 
che posseggano interamente la disciplina, che vogliono insegnare. 
Ed anche nei punti più astrusi sapeva trovare l'esempio, che ren- 
deva più facile la spiegazione: e sapeva opportunamente richiamare 
quel fatto d'interesse immediato o che solleticava per l'attualità, 
quasi per dimostrare, che la geografia non era una scienza campata 
in aria, ma, oltreché importantissima per la coltura generale, era 
indispensabile anche nella vita pratica. 

Seguiva con occhio vigile ed amoroso i progressi della sua scienza, 
e gli ultimi risultati erano da lui immediatamente portati nella scuola. 
Ed egli mi diceva, che mai si presentava a far lezione senza essersi 
ben preparato, e che fin da quando insegnava all'Istituto Tecnico 
di Udine, mai aveva lasciato tale abitudine. In questi ultimi anni 
si faceva in un libretto, che mi par di vedere, lo schema d' ogni 
lezione: cosi, egli diceva, l'ordina, l'esattezza e l'armonia tra le varie 
parti non mancano mai. La preparazione, l'ordine, l'esattezza erano 
le cose che ci raccomandava sempre, anche in quelle lezioni di ma- 
gistero, in cui cosi, alla buona, con paterna bonomia, egli ci inse- 
gnava come si deve fare per non diventare dei noiosissimi inse- 
gnanti. 

Ed aveva un intuito finissimo, un buon naso egli diceva scher» 
zando, per capire quei giovani che mostravano serie attitudini alla 
sua disciplina: e questi specialmente coltivava con gran cura ed af- 
fetto. Additava loro quali corsi dovevano frequentare fuori della fa- 
coltà di lettere, per essere ben preparati a comprendere il metodo 
moderno della scienza geografica, la quale, secondo quanto lucida- 
mente in varie riprese sostenne, deve avere una duplice base: na- 
turalistica e fisica da un lato, storica e sociale dall'altro. 

E quando vedeva questi scolari bene avviati, loro suggeriva quei 



Digitized by VjOOQIC 



1 



251 

lavori, che più erano consoni all'ingegno particolare che in ciascuno 
di essi aveva potato riscontrare. E questi lavori rivedeva le prime 
volte con grande severità, e ne mostrava difetti e lacune. 

Cosicché si circondò di molti e valorosi scolari, che oggi insegnano 
nelle più importanti cattedre di geografia dell'Italia, e che amavano 
vivamente il maestro, ora pianto con profondo e sincero dolore. E 
possedeva par l'arte di raccogliere intorno a so quanti si occupa- 
vano della geografia. Non v'era viaggiatore illustre o scienziato con 
cai egli non fosse almeno in relazione epistolare. 

La sua corrispondenza infatti era assai voluminosa. Io lo rivedo 
là, in quell'ampio stadio, pieno di luce e di sole, che guarda sulla 
bella piazza d'Azeglio a Firenze. Generalmente alle 10 gli portavano 
la posta: un mucchio di lettere, cartoline, giornali, opuscoli, libri, 
carte che riceveva in omaggio. Erano scolari che chiedevano consi- 
gli, scrittori celebri o poveri professori abbandonati in qualche lon- 
tano e dimenticato ginnasio della Sardegna e della Sicilia, o amici, 
che aveva in ogni parte d'Europa. A tutti rispondeva con quella sua 
calligrafia rotonda, nitida: e nelle sue lettere rivelava il carattere 
intemerato, la franchezza di dire a tutti quanto pensava, la rettitu- 
dine, la bontà d'un cuor d'oro e quel gran buon senso, che erano 
le sue doti più spiccate. 

Cosi potè raccogliere man mano i vari geografi, che egli diresse 
nella compilazione della sua maggior opera la Terra: e potè dirìgere 
questa nostra € Rivista Geografica Italiana » che ha visto gli scritti 
di quasi tutti quelli che si occupano di geografia in Italia, grandi 
e piccini. 

Quando le sue occupazioni svariate non Io tenevano fuori di casa, 
lavorava ininterrottamente ogni giorno dalle 8 alle 11, dalle 2 alle 6 
o anche alle 7: talora verso le 4 si regalava un momento di sosta. 
Un'occupazione, come si vede, capace di abbattere qualunque fibra 
la più robusta, e che fini col limare la sua vita preziosa. 

Mi ricordo di una passeggiata fatta insieme con lui e la sua fa- 
miglia al castello di Vincigliata, presso Firenze: si tornò verso sera, 
ma siccome mancava qualche po' di tempo al pranzo, si mise a ta* 
volino, subito, senza un momento di riposo. Era questa una sua co- 
stante abitudine dopo qualunque escursione sui monti, che egli amava 
moltissimo e dove soleva recarsi, specialmente durante le vacanze 
autunnali, organizzando le simpatiche gite della Società Alpina 
Friulana. E proprio sui monti del sao Friuli natio, da lui percorsi 
col Fortin per misurarne le altezze, egli aveva cominciato a lavo- 
rare Come il geologo Taramelli, ohe i contadini friulani chiamavano 



Digitized by VjOOQIC 



252 

Vom dai class « Tuomo dei sassi », cosi il geografo Marinelli era 
notissimo nelle valli più riposte, nelle pievi più remote e solitarie 
della Gamia, ove sempre si ricordava con orgoglio il suo nome, che 
oggi si pronuncia con mesto rimpianto! 

Ah! quei picchi delle sue montagne, come li amava! L'illustra- 
zione della piccola patria era per lui un bisogno del cuore. Dei con- 
cittadini rammentava, compiacendosene, i costumi, la fibra, la retti- 
tudine: ne parlava il dialetto volentieri, e qualche volta mi leggeva 
le poesie del Zorutti per provare a me, che ne dubitavo, la dolcezza 
del natio parlare friulano. 

Anche in treno lavorava: io per esempio, e chissà quanti altri!, 
posseggo delle cartoline in cui diceva d'aver letto qualche mio ma- 
noscritto destioato alla « Rivista », o d'averne almeno rivedute le 
bozze, mentre si recava da Firenze a Roma. 

Passava generalmente le sue serate in casa colla sua famiglia e 
con qualche intimo amico. Qui si rivelava quella affabilità di modi 
e di parole, quel tesoro di tenerezza e di affettività, che lo rende- 
vano a tutti caro e simpatico. Non posso far a meno di ricordare 
in questo momento, senza una profonda commozione, la dolcezza del 
suo sguardo e del sorriso: e quella sua conversazione arguta, talora 
frizzante, ma sempre cortese e garbata. 

Povero maestro! Nel saluto che egli rivolse in Palazzo Vecchio ai 
geografi, i quali tanto lo avevano festeggiato durante il Terzo Con- 
gresso Geografico del 1898, egli diceva che molto l'affliggeva < il 
pensiero, sempre doloroso, del distacco e del tempo, sempre lungo 
ai nostri desideri, che scorrerà prima di riunirci ancora.... » 

Ma pur troppo le sue forze, già stremate dal lungo lavoro, pro- 
prio da allora cominciarono a deperire. Non valsero le arie balsa- 
miche di Viareggio e del natio Friuli: non le cure delicate, conti- 
nue de' suoi famigliari, che se lo videro a poco a poco mancare, e 
ne seguirono con ineffabile angoscia la lunga, lentissima agonia.... 
Sagli ultimi d'aprile improvvisamente si aggravò e si spense a Fi- 
renze, in quella città che ne vide e ammirò la feconda, meravigliosa 
operosità degli ultimi anni: in questo maggio profamato, quando la 
Città dei Fiori è ancora più ammaliatrice, com' egli soleva dire.... 

Verranno i Congressi di Milano e di Napoli e di altre città, e 
noi, abituati a vederlo dirigere i nostri lavori e le nostre discus- 
sioni, ci sentiremo stringere il cuore, ricordando eh' egli non è più. 

Io non posso senza lagrime pensare allo strazio della sua fami- 
glia, che nella più intima, nella più tenera intensità dell'amore, aveva 
vissuto tanti anni, senza che una nube di tristezza avesse velato 
l'azzurro dì una tranquilla e serena esistenza. 



Digitized by VjOOQIC 



Povero maestro! Riposa in pace nel sepolcreto, che la memore e 
nobile città di Udine, orgogliosa giustamente d'averti dato i natali, 
ti ha assegnato come a benemerito della patria. Riposa nel tao Friuli, 
che tanto hai amato e illustrato. Non saranno soli i tuoi cari a pian- 
gerti estinto: ma gli amici tutti, quanti hai beneficato, quanti amano 
quella scienza in cui fosti sommo, e sopratutto i tuoi scolari. 

Io credo di interpretare il pensiero di tutti questi, deponendo qui, 
sulle pagine di questo periodico, che tu hai magistralmente diretto, 
an ricordo modesto, ma accompagnato da vive lagrime, memore del 
tao affetto paterno per noi, dell'esempio nobilissimo della tua vita 
operosa, che ci fu scuola di alti sensi civili! 



Per servirmi delle ultime parole, che furono da lui pronunziate in 
pubblico, quando in mezzo alla folla più elegante e intellettuale di 
Firenze si congedò definitivamente dai geografi congressisti del 1898, 
dirò anch'io: Come avviene dei soli, che pur spenti, illuminano an- 
cora la terra < non diversamente avviene dei sommi, di quei fari 
supremi del pensiero, che, dopo aver irradiato intorno a sé la luce 
intellettuale più splendida, anche spenti fisicamente lasciano alle ge- 
nerazioni che seguono traccia di loro in un' onda luminosa, le cui 
vibrazioni hanno virtù rinnovatrice e ravvivatrice e perdurano be- 
nefiche per lungo volger di secoli ». 

Geuova, 5 Maggio 1900. 

Bernardino Frescura. 



Digitized by VjOOQIC 



'^"■mi<t!mi»'y ■ 



254 



MEMORIE ORIGINALI 



I. 

LE SCOPERTE GEOGRAFICHE DEL SECOLO XIX 

del Prof. FILIPPO PORENA della R. Università di Napo'l 



I. 
Elementi introdnttiri — Prime scoperte in Àfrica (1). 

Il secolo di cai siamo giunti al termÌD6 si crede universalmente 
che passerà nella Storia quale il secolo delle scoperte. Però quasi tutti 
cosi la intendono in vista delle scoperte fatte nel campo delle scienze 
fisiche e della meccanica; pochi, invece, sono, forse, quelli che cre- 
dono sia da dirsi lo stesso anche in vista delle scoperte geografiche. 
Eppure, a togliere ogni dubbio in contrario, basta ripensare che nel 
nostro secolo, tirando, per cosi dire, la sonmia in fin d'esercizio, si 
sono scoperte : in tutto il loro interno, due delle cinque parti in cui 
suol dividersi la Terra, cioè l'Africa e l'Australia; l'Asia centrale: 
vasti tratti interni delle due Americhe; quasi tutte le Terre Artiche, 
6 tutte addirittura le Terre Antartiche, oggi conosciute; infine, i 
due passaggi di Nordovest e di Nordest. 

Un'altra età è stata già detta delle scoperte geografiche, la quale 
abbraccia il secolo XV e i due primi decenni del XVI. Il gran pro- 
blema che si propose allora, e servi d'incentivo a tali scoperte, fu 
di giungere dall'Europa, per via di mare, alle Indie e all'Asia orien- 
tale. La prima via per cui si cercò di arrivarvi fu quella intomo 
l'Africa, che si disse, rispetto all'Europa, il passaggio di Sudest, 
Poi, Colombo propose la via per l'O.; ma, scopertasi TAmerica, che 
opponeva da quel lato la sua gran barriera, tale via si divise in 
due, cioè, intorno le due estremità del nuovo continente, che si dis- 
sero i passaggi di Sudovest e di Nordovest. Più tardi si cercò anche 



(1) Conferenza tenuta in Napoli, alia Società per la diffusione della Cultura, 
il giorno 23 Novembre 1899. 



Digitized by VjOOQIC 



255 

la via iatorno l'Asia settentrionale, che si disse, sempre rispetto 
all'Europa, il passaggio di Nordest Di questi quattro paesaggi se 
ne percorsero allora quel di Sudest, da Vasco di Gama, nel 1497-98, 
e quello di Sudovest, da Magellano, nel 1620-21; gli altri due ri- 
masero insuperati fino al nostro secolo. Mettendo a riscontro, e quasi 
in contestazione, le due età, nel secolo XV, sebbene alle scoperte 
marittime se ne accompagnassero e ne tenessero dietro anche molte 
« considerevoli di terrestri, le fondamentali furono indubbiamente 
le prime; in opposto, sebbene nel nostro secolo siensi compiute 
anche considerevoli imprese marittime, quali giusto appunto i due 
passaggi di Nordovest e di Nordest e il raggiungimento delle terre 
polari, pure senza paragone quelle di maggior conseguenza scienti- 
fica e pratica furono le terrestri. Mi pare, quindi, che sì potrebbe con 
più equa sentenza attribuire il titolo di età delle scoperte marittime, 
al secolo XV, prolungato alquanto nel XVI, e quello di età delle 
scoperte terrestri al XIX. 

Ma una terra, una regione, può considerarsi guadagnata alla no- 
stra conoscenza in assai diverso grado. Essa sarà pienamente, ade- 
guatamente, nota, quando ne sieno determinate tutte le condizioni, 
qualità e particolarità topografiche, idrografiche, climatiche, di pro- 
duttività e produzione, ecc.; e prima di giungere a tale passerà per 
infiniti stadii intermedii. I progressivi acquisti della conoscenza per 
questa via diconsi in generale esplorazioni; ma è parso giusto di- 
stinguere fra queste alcune più fondamentali col titolo di scopeHe. 
Tutti comprendono in generale, e sarei per dire in confuso, Top- 
porturnità di tale distinzione : ma non è poi tanto facile tirare un 
taglio netto fra le due, e definire recisamente quale riconoscimento 
d'un paese possa dirsi scoperta, quale semplicemente esplorazione. 

Per far breve, si vuole aver in conto di scoperta la determinazione 
d'un paese nelle sue essenziali forme orografiche e idrografiche; il 
resto appartiene all'esplorazione. La distinzione è, così, di entità o 
qualità, in quanto si fonda sulla natura dei dati da raccogliersi, che 
sono gli orografici e gl'idrografici, e in questo essa è la più asso- 
luta e precisa; ma è anche di misura o quantità, per riferirsi a quei 
dati orografici e idrografici che possano dirsi i più caratteristici e 
rilevanti della regione. Qui il criterio diviene, sarei per dire, meno 
oggettivamente discretivo, e più di soggettiva discrezione. Volendo 
pur dargli una formola teorica, non possiamo che ripetere la già detta: 
la scoperta geografica consiste nei riconoscere le forme oro-idrogra- 
fiche che possano dirsi le costitutive d'una regione. Ma tale formola 
teorica come si fa a tradurla in regola pratica? Ecco. 



Digitized by VjOOQIC 



256 

Dall'in vestigare nna località delle più oircoscritte, come un fondo, 
un podere, ano stabilimento, per enumerarne tutte e singole le forme, 
al contemplare l'intiera superficie terrestre, per riassumerne solo le 
più rilevanti, corre un'infinita serie di ricerche intermedie, su paesi e 
regioni progressivamente più vaste, di forme in loro proporzione 
crescenti. Nel passare da un grado alFaltro si dovrà procedere per eli- 
minazione e semplificazione; sopprimere, cioè, le forme più piccole, e 
nelle più grandi tener conto delle più vistose e caratteristiche par- 
ticolarità. Quest'opera di eliminazione e semplificazione si esplica 
nel modo più effettivo e evidente colle carte, sulle quali, perciò, me* 
glie si può verificare lo stadio a cui si è fermata l'indagine. Quindi, 
per ordinare in qualche modo Tinfinita transizione dall'ignoto al per- 
fettamente noto si sono stabilite delie classi o categorie di carte; 
si sono, cioè, distinte le carte in geografiche e topografiche^ di cui 
le prime si suddistinguono in geografiche generali, o più propria- 
mente geografiche, e geografiche particolari, o corografiche. Siffatta 
classificazione si basa essenzialmente sulla scala, per cui le carte 
dovrebbero distribuirsi fra le geografiche, corografiche e topografiche, 
secondo il valore della frazione che esprime il loro rapporto col paese 
rappresentato. Potrebbero in conseguenza dirsi, per es., geografiche 
quelle fino alla scala di 1:1000.000; corografiche, quelle alla scala 
di 1:100.000; topografiche; quelle dalla scala di 1:100.000 in giù. 

Ciò è molto semplice, ma ancora troppo teorico; perchè in pratica 
acquista più grande valore un altro elemento, cioè l'amplitudine delle 
aree da rappresentarsi, il quale anzi finisce col diventare il criterio 
prevalente e immediato della classificazione. E ciò perchè non tutte 
le aree sono in fatto suscettibili di essere rappresentate nei tre di- 
versi stadii. L'intiera superficie terrestre, se si rappresentasse alla 
scala di 1:1.000.000, occuperebbe, posto che intendiamo sempre di 
rappresentazioni in un solo quadro, una superficie pari alla facciata 
d'un grandissimo palazzo, in modo che per esaminarla occorrerebbero 
delle scale e dei ponti sospesi o ballatoi. 

Lo stesso inconveniente, sebbene in proporzioni alquanto minori^ 
avverrebbe nelle carte rappresentanti una delle cosi dette parti del 
mondo, come l'Asia, l'Africa, ecc., o regioni fisiche e territorii poli- 
tici di grandissima estensione, come l'acrocoro centrale dell'Asia, il 
bacino del Mississippi, o quello del Kio delle Amazzoni, oppure l' Lu- 
pare Cinese, gli Stati Uniti, TLnpero Busso, ecc. Le carte rappre- 
sentanti regioni e territorii più circoscritti, quelle, per es., degli 
altri Stati europei, come l'Italia, la Francia, l'Lighilterra, o di una 
parte considerevole di essi, come il bacino del Po, della Senna, del 



Digitized by VjOOQIC 



257 

Tamigi, possono eseguirsi, sopra nn foglio, d'atlante o murale, in 
scala poco più poco meno di 1:1.000.000, e quindi nei limiti teorici 
fra una carta geografica e una corografica, ma non mai in quelli di 
una topografica. Quelle, finalmente, rappresentanti più parziali cir- 
coscrizioni, quali una provincia, un dipartimento, un distretto, pos- 
sono oscillare tra le proporzioni d'una carta corografica e di una 
topografica a seconda delle misure deiratlante o foglio murale in 
cui siano contenute. Che se si tratti del territorio d'un comune, o 
anche di più breve superficie, perchè occupino un'intiera pagina a 
foglio, saranno sempre di natura topografica. 

In conseguenza di ciò, diviene più pratica la divisione basata sulla 
comprensione delle carte, e si considerano geografiche quelle che 
comprendono o tutta una parte del mondo, o una porzione assai rag- 
guardevole di alcuna di esse, in cui non possono esprimersi che le 
forme più grandiose ne' loro più fondamentali caratteri ; corografiche^ 
quelle che comprendono regioni medie, in cui possono apparire anche 
forme secondarie e secondarie particolarità; topografiche^ quelle che 
comprendono più brevi frazioni, cogli oggetti e le accidentalità più 
minute. 

Applicando tale classificazione a distinguere dalle esplorazioni in 
genere quelle che meritano la qualifica di vere e proprie scoperte, 
possiam dire, che sono soggetto di scoperta tutte le forme oro-idro- 
grafiche le quali mostransi nelle carte geografiche e non lo sono 
quelle che possono apparire solamente nelle topografiche. Quanto a 
quelle che mostransi prima nelle corografiche, ad ammettere o esclu- 
dere che formino materia di scoperta contribuiscono altri riflessi e 
rapporti di esse colla regione in generale: se in alcuna di loro si 
accentrino molte altre forme, o se esercitino una qualche particolare 
funzione fisica, per es. climatica, o antropica, per es. di difesa, ov- 
vero se da esse la regione desuma un particolare carattere, o una 
speciale potenzialità, e perfino se fortuitamente abbiano acquistato 
una grande importanza o notorietà storica. Anzi, per alcuni di tali 
riflessi, di altri che per brevità tralascio di menzionare, può dive- 
nire soggetto di scoperta anche una particolarità topografica, per 
es., la designazione fra più rami sorgentiferi d'un grandissimo e im- 
portantissimo fiume, quale il Nilo, il Mississippi, il Gange, ecc., di 
quello che possa formalmente dichiararsi il capo del gran corso con- 
tinentale. Insomma, avviene di questa come di tutte, forse, le clas- 
sificazioni, distinzioni e definizioni della Geografia, che per la molti- 
plicità e complicazione delle ragioni a cui mira la nostra scienza, 
esse valgono quali regole generali, ma soggette a tante eccezioni, 



Digitized by VjOOQIC 



2B8 

allargamenti e restrizioni, da fornire solo una norma approssimativa, 
applicabile, come dicemmo, colla più cauta e illaminata discrezione. 

A tale determinazione dell'oggetto di queste nostre conferenze 
aggiungerò, rispetto al modo di svolgerlo, come sia necessario che 
io, di regola, tralasci nelle singole imprese tutta la parte aneddotica 
e avventurosa, e solo come eccezione tenga conto, talora, di que- 
grincidenti che contribuiscano a farci apprezzare il valore intimo 
dell'impresa stessa, o del suo risultato. Si comprende come a ciò io 
sia costretto dalla serietà dell'intento a cui mirano queste confe- 
renze, lezioni, che non è certo quello di solleticare e appagare 
una frivola curiosità, ma di fornire una soda coltura; e, inoltre, dai 
limiti del tempo assegnatomi. 

Dovremmo ora, senz'altro, entrare in materia, cominciando dalle 
scoperte in Africa. Però rispetto a questa credo opportuno di prima 
rimuovere due difficoltà, che posso supporre, senza mancar di riguardo 
al mio uditorio, ne preoccupino le menti; poiché esse mi sono state 
più volte obiettate da persone anche coltissime, se non facessero 
professione di geografi. La risposta a questi dubbii mi darà occa- 
sione di notare la grande differenza nella preparazione materiale e 
intellettuale fra i pascati e gli odierni viaggiatori, e in specie di 
quanto valevole sussidio riesca a questi ultimi il modo con cui pos- 
sono contemplare e investigare le forme oro-idrografiche, quando sieno 
informati alla piena istruzione dell'attuale Geografia. Le quali spie- 
gazioni non varranno solo per l'Africa, ma anche per le altre parti 
della Terra, da costituire, quasi, degli elementi introduttivi a tutto 
il corso di queste mie lezioni. È perciò, che, per occuparci di questi 
nella odierna, dovremo rimettere alla futura la più considerevole 
parte delle scoperte africane. 

Le due difficoltà a cui ho alluso sono le seguenti. L'Africa, come 
ha potuto rimanere ignota, quasi interamente, nel suo intemo, fino al 
nostro secolo, mentre in tutta la sua zona settentrionale entrò a far 
parte della civiltà antica, e fu riconosciuta in tutto il suo perimetro 
fin dall'ultimo scorcio del secolo XV? Come è che negli atlanti e 
nelle carte, dal secolo XVI al XVIII, essa appare ripiena di mon- 
tagne, di fiumi, di nomi di popoli e di località, non meno forse, 
dell'Asia e di altre parti? 

Alla prima rispondo, che l'Africa, per la sua configurazione oriz- 
zontale e verticale, era la meno adatta ad esser penetrata, anzi op- 
poneva a ciò difficoltà, insormontabili pei passati viaggiatori. L'Africa 
è una massa tutta chiusa ne' suoi contorni e tutta alta nel suo ri- 
lievo. Sintetizzandola, essa è una compagine d'altopiani, o tutta una 



Digitized by VjOOQIC 



^■•^L^ I" 



259 

gran piattaforma, sparsamente sormontata da ammassi e da tratti 
montagnosi, la quale scende con ripido gradino su strettissime pia- 
nare costiere, che vi si sono aggiunte per alluvioni marittime e flu- 
viali. Siffatta bassissima orlatura, passando con insensibile declività 
nel mare, non offre fondo sufficiente alle navi per abbordarla, e colla 
sua interissima saldatura non apre loro adito acconcio a potervisi 
riparare. 

In altre parole, l'Africa è sprovveduta di porti naturali; salvo ben 
inteso, qualche eccezione, per lo più nelle coste settentrionali, o nelle 
meridionali. Naturalmente, quanto all'accessibilità costiera portano 
qualche rimedio i grandi fiumi, nelle cui foci possono intromettersi i 
navigli. Ma i fiumi stessi, correndo fino quasi al loro termine in 
altopiano, e non, come avviene nelle altre parti della Terra, per tratti 
più o meno lunghi in bassopiano, non possono risalirsi dal mare e 
funzionare quali vie acquatiche all'interno. Essi, invece, come sieno 
giunti al ciglio dell'altopiano, balzano da questo sulle appendici co- 
stiere per cateratte e salti ohe ne troncano la navigabilità. Cosi 
l'Africa, come non ha porti, non ha vie naturali, e si presenta per 
ogni suo lato impenetrabile, meno che ai mezzi della civiltà più avan- 
zata, quale appunto è la nostra. 

A questo s'aggiunga l'estendersi di due deserti, il Sahara e il Ka- 
labari, dietro all'estreme regioni settentrionale e meridionale, che 
sono, come accennammo, le più favorevoli alla navigazione, e inoltre, 
pel loro clima, le più confacenti agli uomini delle razze incivili trici. 

Ma per effetto di tanti ostacoli, è forse vero che nessun uomo 
civile penetrò nell* interno fino a quando cominciarono le recenti sco- 
perte? Tutti quegli ingredienti, mi sia permesso dire, con cai i geo- 
grafi de' secoli passati riempivano le loro carte d'Africa, deve cre- 
dersi che non avessero alcun' ombra di autenticità, che fossero messi 
li, di ripiego pittoresco, per non lasciar de' vuoti che gridassero 
contro l'ignoranza della scienza? Ecco. Il movimento collettivo di 
colonizzazione e di conquista, de' Fenici, de' Greci, e de' Romani, cer- 
tamente fu arrestato, cosi al S. della Mauritania, Numìdia, Cirenaica 
e Marmarica, come all'O. del Nilo, dal Sahara, o, come allora dice- 
vasi, dalla Libia, la quale proprio su que' contorni si presentava con 
alte sabbie e si presumeva dovesse cosi protrarsi airinfinito. Vera- 
mente Erodoto dice che alcuni Nasamoni, popolo della Libia fra la 
Cirenaica e l'Egitto, avanzatisi nel deserto, avevano trovato una città 
abitata da Negri, sopra un fiume, in cui erano coccodrilli, come nel 
Nilo. Tale fiume, designato confusamente dagli antichi col nome di 
Niger, si è poi voluto dai moderni identificare col gran fiume del 



Digitized by VjOOQIC 



260 

Sudan oocidentale, chiamato ne' due principali suoi tratti Gioliba e 
Qaorra^ cai perciò è stato applicato il nome di Niger. Ma probabil- 
mente il Niger degli antichi era qualcuno degli uadij o fiumi inter- 
mittenti, del Sahara, quali il Ghir, o la Sàura, o l'Igargàr. Al tempo 
de' Tolomei si stabilirono delle colonie-porti lungo la costa dell' Etio- 
pia, per ricevere le navi degli Arabi, cariche delle merci che erano 
andate a prendere nei porti delle Indie e dell'Africa orientale. A tempo 
di Augusto i commercianti greco-romani dell'Egitto cominciarono a 
tentare essi stessi questi viaggi marittimi, e dopo la scoperta dei 
monsoni fatta dal pilota Ippalo (47 d. C.) vi riuscirono, facendo con- 
correnza agli Arabi ne' porti cosi delle Indie, come dell'Africa orien- 
tale. In questi ultimi poterono raccogliere notizie dell'interno dalle 
carovane che ne venivano colle merci appunto a tali porti. È da 
supporre, però, che da gente dedita soltanto al traffico e al guadagno, 
non si curassero gran che di domandarne. 

Marino e Tolomeo, invece, geografi quali erano, se ne informarono 
quanto più poterono; e cosi l'ultimo nella sua opera e nelle carte 
menzionò e rappresentò approssimativamente molte forme, tra cui 
quelle delle regioni sorgentifere del Nilo, che si sono recentemente, 
con un po' di buona volontà, trovate rispondere al vero. Quanto a 
viaggi nell'interno da parte dei rappresentanti dell'antica civiltà, si 
ricordano: le spedizioni militari di Petronio (23 a C), nell'Etiopia, e 
di Cornelio Balbo (19 d. C), nella Fazania, sotto Augusto, e quella 
di Svetonio Paolino, sotto Claudio, nella Libia mauritanica, tutte e 
tre per incutere spavento ai barbari che saccheggiavano ai confini del- 
l'Impero; quella dei due centurioni, alle sorgenti del Nilo, ordinata 
da Nerone, per bizzarria pseudo- scientifica da raffinato onnipotente; 
e quella^ infine, per vera curiosità scientifica, di Giulio Materno, 
sotto Domiziano, da Leptis magna all'Agi simba, in cui alcuni vo- 
gliono riconoscere l'Asbèn, alcuni, il Kanèm, o il Bornù, o qual- 
ch^altro paese del Sudan, Nel Medio Evo, gli Arabi continuarono, 
anzi accrebbero il loro commercio colla costa orientale africana, ed 
ebbero cosi occasione di spillar notizie dall'interno, e di farvi pure 
qualche punta. Nel secolo X, poi, l'Islamismo fu portato nel Sudan 
dagli Stati arabi del^Africa settentrionale, e cosi vi sviluppò una 
relativa civiltà. Vi sorsero città, centri commerciali, tra cui capita- 
lissimo Timbuktù, vi si stabilirono sentieri da carovane attraverso 
il Sahara alle coste del Mediterraneo, vi si recarono pellegrini mus- 
sulmani, cui il fanatismo religioso, di veder coi propri! occhi fin 
dove si estendesse la loro fede, teneva luogo di ardore scientifico. 
Tutto quanto, per Fun modo o per Taltro fu risaputo, s'introdusse 



Digitized by VjOOQIC 



261 

nella Geografia degli Arabi, e apparve nelle loro opere e carte. Ma 
costoro ai fatti più o meno autenticamente accertati vollero aggiun- 
gere presunzioni teoriche, con tendenza allo straordinario, o anche 
al meraviglioso, favoleggiando di uomini colla testa di cane, colla 
coda, col viso sotto al petto, ecc.; e quanto alle forme geografiche 
figurarono confusamente e fantasticamente, monti, fiumi, laghi, e, 
quanto per dime una fra le tante, imaginarono un gran lago cen- 
trale, da cui diramassero i fiumi principali delF Africa, chiamati tutti 
Nilo, cioè il Nilo egiziano, il N. ganatico (Niger), il N, etiopico 
(Fiume Azzurro), il N. della costa del Zenzero (Oiub), ecc. 

Tutte queste notizie, o invenzioni, degli Arabi entrarono poi 
nella Geografia nostra? Dai libri, no: giacché, se i nostri scien- 
ziati presto conobbero e studiarono le opere cosmografiche degli 
Arabi, delle propriamente geografiche non si ebbe notizia che assai 
tardi, e di molte solo di recente. Ma dalle carte, si: il che appare 
da tutte le più celebri carte medievali, nelle quali, sebbene con va- 
rianti, sono tutte queste rappresentazioni, che oggi sappiamo deri- 
vate dagli Arabi (1). Fin dal secolo XIII gl'Italiani e i Catalani 
strinsero trattati di commercio cogli Stati arabi della costa setten- 
trionale e ne frequentarono i porti. Ne profittarono essi mai, per 
avanzare nell'interno, colPunirsi alle carovane indigene di ritorno? 
Si è sicuri soltanto che ciò compiesse il fiorentino Benedetto Dei, 
alla metà del secolo XV, il quale giunse attraverso il Sahara fino 
a Timbuktù. Queste relazioni commerciali e le loro benefiche con- 
seguenze furono interrotte nel secolo XVI, col prevalere, anche nel- 
VAfrica settentrionale, dei Turchi, sugli Arabi. 

Un paese che mantenne per maggior tempo, quantunque assai in- 
terrottamente, relazioni colPEuropa fu l'Abissinia, i cui abitanti, pre- 
valendosi dell'inaccessibilità del loro paese, si mantennero cristiani, 
sebbene separati dal resto della Chiesa, per i maomettani che li cir- 
condavano. Essi, però, giungevano fino al mare fra Snàkin e Mas- 
sàua, e di là, in mezzo a mille pericoli, mandavano pellegrini a Ge- 
rusalemme, che s'incontravano cogli Europei, e di tratto in tratto 
qualche ambasciata a Roma e a qualche principe cristiano (2). Fin 
dal principio del secolo XIV, Marin Sanudo rilevò Pimportanza del 
regno cristiano d'Abissinia, per una lega santa contro gl'islamiti, e 
il Marignola annunziò che il Prete Janni non era da cercarsi in 



(1) Soprattutto furono adoperate le carte d'Edrìti (tee. XII); Abulfeda (11^3* 
13^3} ha nella sua opera due carte dell* Africa. 
(S) Una nel 1427 ad Alfonso d*Aragona. 



Digitized by VjOOQIC 



A 



262 

Asia, ma in Àfrica. Molto di quello che nelle carte medievali si 
trova rispetto all'Africa orientale di più giusto e corrispondente al 
vero dev'essere pervenuto per questa via, oltre che per quella degli 
Àrabi. 

À Gerusalemme era un monastero abissino, il quale, nel 1438, spedi 
un'ambasciata al Concilio di Firenze, in seguito della quale il Papa 
fondò a Roma un convento per gli Abissini. Quando i Portoghesi 
ebbero girato il Capo, e si dettero a combattere la preponderanza 
arabo-mussulmana nel Golfo Persico e nel Mar Eosso, strinsero al- 
leanza col Negus, e ne venne per TÀbissinia il periodo che può 
dirsi deirinfluenza portoghese (1). À questo rimontano le opere sto- 
riche e geografiche suIl'Àbissinia delPÀlvarez (1640), del Ludolf (1681), 
del Tellez (1666), del Paez (1618), del Lobo (1625), i quali due ul- 
timi visitarono il lago Tsana e il corso superiore dell'Àbai. 

Ma le discordie suscitate dai Gesuiti, che volevano richiamare gli 
Abissini al Cattolicismo, indebolirono il paese, che fu assalito per 
ogni parte parte dai mussulmani e temporaneamente invaso. Dopa 
lunghe lotte riuscì a liberarsi; ma nel frattempo i Turchi si erana 
impadroniti delle coste, e PÀbissinia rimase del tutto isolata (1560). 
I Gesuiti e i Portoghesi furono poi cacciati (1650), e PAbissinia, 
divenne un paese del tutto fuori d'ogni notizia del mondo civile^ 
come forse non era mai stata dal principio della Storia. 

Quanto ai Portoghesi, essi, com'è noto, stabilirono porti o scali 
in lunghi tratti del perimetro continentale, affermarono la sovranità 
su parecchi degli Stati indigeni, quali il Loàngo, il Congo, l'Angola, 
il Bengnèla, il Mossamèdes, nel lato occidentale, il Mozambico e il 
Sofàla, nelPorientale, vi costruirono qualche città, vi mantennero 
missionarii, vi posero stazioni militari, ebbero relazioni coll'impera 
di Monomotàpa, alPO. del Mozambico e del Sofàla, e commerciarono 
in specie col Sudan; ma gli ostacoli che opponevano le forme del 
suolo e le condizioni del clima resero impossibile una considerevole 
e stabile espansione. Avventurieri e commercianti fecero certamente 
delle punte nell'interno, per il Congo e il Zambèse, ma le relazioni 
uffiziali erano chiuse gelosamente negli archivii, e quanto alle pri- 
vate, basti dire che vi era pena di morte a chi rivelasse segreti 



(1) Nel 1489 il portoghese Pero de Covilham, da Alessandria, per Cairo, giunse 
al Mar Rosso, e di là per mare in India e a Sofala. Mandò a Lisbona notizie su 
tutto quel che aveva veduto e sulla navigazione deirOceano Indiano. Esso pass^ 
poi in Abissinia ove morì. 



Digitized by VjOOQIC 



263 

commerciali. I missionarii, in gran parte frati italiani (1), davano in- 
formazioni, ma per lo più sngli usi, sai prodotti, sulle credenze re- 
ligiose, di scarsa importanza e serietà scientifica, e in cui di vera- 
mente geografico non erano altro che nomi. CoU'ind eboli rsi, poi, del 
Portogallo, dopo la sua annessione alla Spagna (1580), s'arrestò la 
sna azione nelle colonie, e presto ne cominciò la decadenza, lenta, 
ma continua. Insomma, può concludersi che ì Portoghesi ebbero 
de' paesi interni, scarse e confusissime nozioni, da parte degli indi- 
geni e de' missionarii, cui ebber cura più di tener celate che di pub- 
blicare. Proprio al termine del secolo passato e nella prima metà 
del presente, alla vigilia delle vere scoperte scienti fìche, il lumicino 
moribondo guizzò di qualche luce; si fece cioè qualche tentativo dì 
unire i possessi occidentali cogli orientali, e all'uopo mirarono le 
spedizioni: del Lacerda, nel 1798, che da Tote giunse nel Kazèmbe, 
presso il lago Moèro, ma mori prima di raggiunger quest'ultimo; 
quella, ordinata dal Da Costa, di due trafficanti indìgeni, che dal- 
PAngòla giunsero a Tete, nel 1811, ma senza saper dire quasi nulla; 
quella ordinata da Silva Porto, negoziante di l^ihè (1853), che fece 
da tre servi accompagnare una carovana di ritorno dal Ben gu èia 
alla costa orientale, e che riusci del pari infruttuosa, per la com- 
pleta ignoranza degli esploratori. Quando cominciarono a divulgarsi 
in Europa le grandi scoperte del Livingstone, alcuni eruditi porto- 
ghesi trassero alla luce dei documenti per sostenere la priorità 
de' loro compatriotti in alcune di esse, vale a dire mostrarono come 
dei Portoghesi dovessero aver veduto prima del grande scozzese 
taluna delle forme geografiche da lui rivelate; ma, come ben disse 
Vivien de Saint Martin (2): < non vi sono altre scoperte reali che 
quelle che prendono data nella scienza ». 

Pertanto, le rappresentazioni dell'Africa interna prima che se no 
imprendesse la moderna ricognizione si basavano su testimonianze 
cosiffatte, di tanto diverse età, di cosi incerta provenienza, spesso 
fra loro discordanti, con chiari indizii di credulità e di malafede, e 
che il fatto ha in seguito per la massima parte smentito. Soprattutto, 
poi, esse erano assai scarse e oltremodo vaghe. 



(1) Montecuccoli (1600), Francesco da Roma (1650), Baratti (1655), De Carli 
(1668), Proyart (1672), Merolla (16»2), Gavazzi (1687). Zucchelli (1696), Barbot e 
Casteneuve (1700), sul Congo, Angola, Benguela; Degli Angeli (1602;, Bersi (1603), 
suirAbissinia; Pruneau de Pomonegorge (1743), sul Sudan; Tbomaun (1757). sul 
Monomotapa. Sul Congo aveva già scritto Odoardo Lopez, e l'opera di lui era 
stata pubblicata da Filippo Pigafetta, nel 1591. 

(2) Diotionnaire, sotto la voce Afrique. 



Digitized by VjOOQIC 



La ricerca delle sorgenti del Nilo, ordinata da Nerone, è stata 
riferita da Seneca e da Plinio. Ebbene, il primo, che si vanta di aver 
udito i due centurioni capi della spedizione, dice di questa: « dopo 
un lunghissimo cammino giunsero a paludi immense, il cui esito 
neppure gli abitanti conoscevano, e nessuno può sperare di trovarlo, 
poiché le acque sono ingombre di erbe, e non possono praticarsi nò 
a piedi, ne in barca. Quivi videro due rupi da cui precipitava con 
ingente forza il fiume ». Ecco tutto. E Plinio ne dice, pare impos- 
sibile! anche meno. Di Giulio Materno, il cui itinerario può parago- 
narsi ad una delle recenti traversate dell'Africa, su cui quelli che 
le compirono hanno scritto per lo meno un volume, Tolomeo, desu- 
mendolo da Marino di Tiro, dice, che parti da Leptis Magna (l'at- 
tuale Lebda, alquanto all'È, di Tripoli), si recò nella Pkazania 
(Fezzàn), donde con tre mesi di marcia raggiunse una regione assai 
montagnosa, detta Agisimba. E basta cosi. Ossia, detto questo, Ma- 
rino e Tolomeo non si occupano d'altro se non di calcolare, sulle 
marcie, la latitudine a cui Materno dovette arrivare, dubitando se do- 
vesse mettersi a 48® S., o a 24®, o a 20*, nientemeno! Se un filo- 
sofo e tre geografi, in opere scritte, non sanno dire più di questo, 
s'immagini che cosa potesse ricavarsi dalle relazioni orali di mer- 
canti arabi, di frati italiani e di avventurieri o soldati portoghesi. 

Tale estrema povertà e vacuità nell'informazione ed esposizione 
geografica era principalmente una conseguenza delle diverse condi- 
zioni materiali e intellettuali in cui versavano gli esploratori delle 
età passate, le quali li mettevano in uno stato d'inferiorità incalco- 
labile rispetto ai moderni, nel fare osservazioni e poi nel formularle 
e riferirle. Quanto ai sussidii materiali, perché subito risalti la no- 
stra superiorità, mi basta il ricordare tutto quello ohe la dottrina e 
Tesperienza hanno suggerito rispetto al fornimento delle più confa- 
centi vettovaglie, de' più opportuni indumenti, de' più adatti veicoli, 
delle più efBcaci armi, ecc., nonchò rispetto al regime dietetico e 
profilattico. Quanto agl'intellettuali, ò da tener conto degl'istrumenti 
d'osservazione, oggi cosi varii e perfezionati; ma soprattutto della 
preparazione scientifica, sulla quale occorre che più lungamente mi 
fermi, poiché é appunto qui la più essenziale differenza fra essi e noi. 

Avete mai notato fra diverse persone, che alcune, se vanno da 
Napoli a Caserta, o a Sorrento, o a Pozzuoli, o che so dove altro, 
vi sanno intrattenere piacevolmente e forse anche istruttivamente 
su quel che hanno veduto, o è loro occorso, mentre altre possono 
essere state a Parigi, a Vienna, a Londra, senza che mostrino la 
voglia di dirne nulla? E, se interrogati, riferiscono che quelle città 



Digitized by VjOOQIC 



265 

sono più grandi di Napoli, che ci vuol molto ad arrivarvi, che vi si 
parla da tatti francese, o tedesco, o inglese, e altrettali oaratteri- 
stiche novità. Ciò dipende dalla nessuna loro attitudine e propen- 
sione a osservare, e in specie dalla loro coltura. L'idiota, e qui 
adopero questo termine in senso un pò* più largo, se non del pro- 
prio, dell'usuale, non vede, quando le guardi, che generalità. Viag- 
giando distingue solo cielo, terra e mare, monti e piani, £umi e 
laghi, erbe e alberi, e per lo più se ne scorda dopo averli veduti. 
Quindi arrivato che sia non sa dir nulla. Se ha notato qualcosa sarà 
nn particolare il più frivolo e insignificante, come una zucca colos- 
sale, un asino bianco, o un cane senza la coda; che, se abbia 
pretese di buon gusto e di spirito, vi rivelerà qualche segreto di 
cucina, qualche mistero d'alcova. 

Qualche cosa di analogo, col dovuto rispetto, dovevano essere gli 
antichi, per quel riguarda, si noti bene che di ciò solo intendo, le 
forme geografiche. La Geografia stessa era in uno stato quasi d'idio- 
tismo, da non distinguere, giusto, che monti e piani, fiumi e laghi, 
prati, foreste e deserti; e non aveva per determinarli forse altro 
che gli aggiunti ordinarii e comuni di grande e piccolo, ampio e 
ristretto, alto e basso. Con siffatta classificazione e nomenclatura 
e' era poco da dar ad intendere, o spiegare, o descrivere. E di più, 
non sospettando, o non essendo giunti a riconoscere, alcuna con- 
nessione o dipendenza di forme tra loro, essi non potevano appren- 
dere se non quello che direttamente vedevano, cosicché, traversando 
una regione, non ne acquistavano alla conoscenza che la linea del 
loro itinerario. Fu l'Humboldt ne' suoi viaggi e il Ritter nelle sue 
opere che allargarono e arricchirono la classificazione e nomencla- 
tura, il primo contemplando i paesi, il secondo raccogliendone e 
coordinandone le notizie, e cosi distinsero e caratterizzarono una 
quantità di tipi orografici, come gli altipiani e i bassipiani, le mon- 
tagne a catene o a massicci, a creste taglienti o a dorsi spianati, 
a nuclei o a raggiera, e le valli ampie e le forre, e i tavolieri, e i 
terrazzi, e i bacini, e le doccio, e i complessi di queste forme tra 
loro, facendo capace chi se ne istruisse di specificare, osservandola 
da pochi punti, una vasta regione, e di renderne conto approssima- 
tivamente, ma sostanzialmente, con brevi parole. Eppure, anche 
questo sembrò poco, e un più gran progresso fu quello operatosi 
dietro le suggestioni del Peschel e la sistemazione dottrinale del 
Richthofen, per cui si giunse a stabilire una corrispondenza fra le 
forme verticali e la genesi d' un paese, da potere, riconosciuta que- 
sta, dedurre la tettonica, cioè la costruzione fondamentale, e quindi 



Digitized by VjOOQIC 



'.i?*;i.^f«H'J!PM« 



266 

i caratteri specifici di quelle, e viceversa, ravvisati i caratteri spe- 
cifici delle forme, arguire a quali forze generatrici esse debbano ascri- 
versi. 

Con uno studio laboriosissimo la Geologia ha prima analizzato 
e individuato le forze che hanno concorso nel foggiare la superficie 
solida del nostro pianeta, tanto nella sua parte coperta, quanto in 
quella emersa dalle acque, ognuna delle quali forze, siccome agisce 
in modo suo proprio e con suo proprio effetto, deve aver prodotto 
forme di propria natura e di propri caratteri. Alcune di queste forze 
sono intrìnseche allo stesso corpo solido, e diconsi perciò endogene, 
altre sono a quello estrinseche, e diconsi cosi esogene. 

Per toccare il più brevemente possibile delle endogene, senza le- 
gare questo mio cenno ad alcuna delle diverse ipotesi sulla forma- 
zione della Terra, dirò, che tutto il globo è certamente costituito 
nella parte più esterna da uno strato solido, che dicesi la sua cor- 
teccia. Dentro di questa, a maggiore o minor profondità, è pure 
certo che siano delle masse liquefatte dalPenorme calore, cioè in 
istato di fusione ignea, le quali costituiscono complessivamente quel 
che dicesi il magma. Il magma alcuni vogliono che formi tutto 1* in- 
terno del globo, altri che sia tutto uno strato continuo tra la cor- 
teccia e un nocciolo solido, altri che riempia solo grandi cavità 
sotto la corteccia, separate le une dalle altre. Comunque sia, a noi 
basta che anche al presente sotto la corteccia sieno masse di magma, 
le quali per certi segni mostrano pure di essere state assai mag- 
giori nel passato geologico, e di essersi in parte consolidate per 
un rafifredd amento generale e progressivo. Il magma, compresso 
sotto alcun tratto del guscio solido, o per contrazione di questo 
dovuta al rafireddamento, o per il raccogliersi in esso, se confor- 
mato a bacino, di acque profonde, e per Faccumularsi su di esso di 
materiali detritici portativi dalle acque, reagì sotto di altri tratti, 
producendo in essi un sollevamento, quasi una enfiagione, o intro- 
mettendosi e iniettandosi negli strati sovrapposti, o perforando e 
lacerando la corteccia, e erompendone in forma dì lave, solidificatesi 
poi anch' esse per raffreddamento. Il magma potè, pure, essere 
sospinto, e cosi sollevare, insinuarsi e prorompere, per sviluppi in- 
terni di gas e vapore. Gli strati inferiori della corteccia, cacciati 
in maggior profondità dal peso dei sovrapponentisi, poterono anche, 
avvicinati cosi all'interno, riscaldarsi, e perciò dilatarsi, rammol- 
lirsi, e perfino rifondersi in magma; come pure trasformarsi chimi- 
camente, e cosi aumentare o diminuire il loro volume. Dalla contra- 
zione, dalle emissioni, ecc. poterono aprirsi de' vuoti sotto alcuni 



Digitized by VjOOQIC 



--T»T7^7W'»w;i»- - -^ 



267 

segmenti del guscio, rimasti, cosi, senza sostegno, a guisa di volte 
o cupole, che dalla gravità erano tratte ad avvallarsi. 

Per tutti questi fatti, ed altri forse, le diverse porzioni e por- 
zioncelle della corteccia furono mosse verso Talto o verso il basso, 
e per il sostituirsi, cambiando gli aggiunti nel medesimo tratto, di 
una forza operante in un senso in altra operante nelP opposto, esse 
poterono successivamente, alternativamente e ripetutamente salire e 
scendere. In siffatti movimenti, suscitati da pressioni o spinte ra- 
diali, cioè secondo la direzione del raggio terrestre, ossia anche 
verticali, i tratti, che per la forma del pianeta, debbono essere seg- 
menti sferici, salendo o scendendo, subirono delle pressioni orizzon- 
tali o laterali, quando, passando da una curvatura più forte a una 
più debole, si riducevano a un' area o spazio minore, e delle trazioni 
o stiramenti, quando, viceversa, passando da una più debole curva- 
tura a una più forte, stendevansi in una più ampia superficie; come 
pure, nello scendere e salire fra segmenti contermini non animati 
da movimenti identici, li premettero e sospinsero pure orizzontal- 
mente, o, ritraendosene, li lasciarono senza sostegno laterale. I seg- 
menti cosi compressi, per fatto proprio od altrui, se costituiti di 
materiali flessibili e arrendevoli, si compiegarono o incresparono^ 
se di rigidi e fragili, si spezzarono, scendendone alcuni pezzi e re- 
standone altri al loro posto o quasi. Per le trazioni, avvennero 
quasi sempre fratture e affondamenti. 

Ecco i due principali modi di formazione prima de' rilievi terre- 
stri: per piegamenti, che saranno, tettonicamente tante pieghe, e pla- 
sticamente tante catene o dorsali; per fratture e discese, o, come 
dicesi, faglie, che saranno tettonicamente tante zolle, plasticamente 
tanti massicci. Se T incurvamento iniziale d' un' ampia area si sia 
arrestato per fratture periferiche, che abbiano dato luogo a discesa 
de' tratti contermini tutt' intorno ad essa, in modo che V area sia 
rimasta isolatamente più in alto, allora, invece di catena o massic- 
cio, si avrà un altopiano; che se abbian dato luogo a discesa del- 
l'area, portatasi isolatamente più in basso, allora si avrà un basso- 
piano. Catene, massicci, altipiani, hassipiani sono le quattro forme 
più caratteristiche per le forze endogene. 

Ma tali movimenti e le forme che ne derivano non si verificano 
con eguale intensità, e non avvengono appartatamente gli uni dagli 
altri. La compressione può essere più debole, ovvero contro un 
tratto della corteccia più spesso e resistente, da originare pieghe 
più larghe e piatte; o più intensa, ovvero contro un tratto più sot- 
tile e cedevole, da originare pieghe più costipate e quindi più erette, 



Digitized by VjOOQIC 



CX!^ 



268 

e che possono anche inclinarsi e talora adagiarsi le une sulle 
altre. II piegamento e il frattnramento possono incontrarsi, fram- 
mettersi l'uno all'altro; dentro un'area che salga o discenda nel suo 
insieme, possono verificarsi parziali piegamenti e frattare, colla for- 
mazione di corrispondenti tratti a pieghe o a zolle; in una gran 
zona di piegamento possono essere avvenute delle fratture locali 
che frammischino qualche massiccio fra le catene; ecc.. Si aggiunga 
che i movimenti possono essere ripetuti, in diversi tempi, in di- 
versa direzione, con diversa intensità, insomma in diversissime con- 
dizioni. 

Ma vi è di più, che sopra la corteccia, come fu foggiata dalle forze 
endogene, hanno operato le esogene, la cui opera complessiva, so- 
praggiunta alla tettonica, suol dirsi in contrapposto la modellatura. 
L'azione chimica dei gas contenuti o mescolati nelParia e nell'acqua 
sgretola le roccie consistenti; gli shalzi di temperatura le screpo- 
lano; razione meccanica de' venti e delle acque dilavanti e correnti, 
o dei ghiacci, asporta i materiali già cosi stritolati e più o meno 
distaccati, ed essa stessa ne erode e scioglie una maggior quantità, 
allargando e approfondendo le parti concave, o, come dicesi, le doccie 
delle pieghe, e le fessure che per soverchio stiramento si Steno 
aperte nelle parti convesse, o, come dicesi, nelle volte di queste; il 
mare, che, battendo lungo le coste, spezza e consuma, o avanzan- 
dosi e ritraendosi nelle maree e ondazioni, oppure, invadendo talora 
assai ampiamente per oscillazioni di livello, abrade i tratti cosi ri- 
sciacquati ricoperti. E tutto ciò in diverso modo, vale a dire: le 
acque dilavanti, ossia le pluviali non ancora raccolte in letti stabili, 
ma sparse in rivoletti o veli, diluendo e piallando; le correnti, sol- 
cando e quasi segando; i ghiacci, calcando e levigando, e nello stesso 
tempo striando coi massi, scaglie e ciottoli da loro trasportati; le 
acque marine, appianando; ecc. Si arguisca quale altra serie o gar- 
buglio di effetti particolari e quale trasformazione complessiva de- 
vono aver seguito a tutte queste attività. Arrestandomi ancora un 
momento a segnalare qualche più grandioso caso, le acque incam- 
minate nelle screpolature o spacchi lungo le volte o convessità delle 
pieghe possono avere coli* asportazione de' materiali frantumati e 
colla continuata erosione dei consistenti, duplicato una catena, for- 
mata già da una sola piega; altrove, demolendo le culminazioni di 
due pieghe contermini, possono aver fatto di queste una catena sola; 
altrove allargando e approfondendo analogamente le fessure irra- 
dianti sopra un altopiano, possono averlo trinciato e trasformato in 
nn massiccio, o complesso montagnoso a raggiera, eoe. Per quel che 



Digitized by VjOOQIC 



WTffr 



rìgaarda il risultato complessivo, basterà dire, che Fattuale super- 
ficie deve considerarsi un ammasso di ruderi della sua costruzione 
primitiva, per cui, se le forze endogene hanno provveduto i blocchi, 
le esogene hanno da questi scolpito l'effettiva, attuale, sua figura- 
zione. E tutto ciò, notisi, considerando solo Fazione demolitrice e 
asportatrice ; mentre a questa procede da canto la riparatrice, coi 
depositi dei materiali convogliati, vale a dire colle accumulazioni, 
le alluvioni, le morene, le deltazioni, ecc., per cui vennero colmate 
cavità, attenuate o sepolte asprezze, rammarginate aperture, com- 
poste elevazioni, protratte distese, ecc., aggiunta, in una parola, alla 
scolpitura una non meno potente plasmazione e rinsaldatura; alla 
quale, sia detto da ultimo e solo di sfuggita, ebbero grandissima 
parte anche le eruzioni e gli accumulamenti vulcanici. 

Or bene, il geografo moderno deve apprendere dalla Geologia tutte 
queste nozioni, e integrare l'esteriorità delle forme, che è di sua 
propria competenza, colla loro intima ragion d'essere, quale vien sug- 
gerita dalla scienza sorella. Conoscendo, per tal guisa, le correla- 
zioni causali fra le specie plastiche e le ragioni genetiche, potrà 
vicendevolmente arguire dalla presenza delle une quella delle altre; 
ossia, scorto che abbia da quel che vede del paese quali forze ge- 
neratrici devono aver in esso prevalso, si troverà al caso di presu- 
mere in assai maggior estensione le corrispondenti forme. Oggi, 
dunque, un geografo viaggiatore, se sia fornito di tatto il dottrinale 
attinente alla sua scienza, traversando una regione, può facilmente 
acquistare l'idea sintetica coordinatrice di tutti gli elementi orogra- 
fici di questa, e, colla terminologia scientifica, in brevi parole dare 
l'immagine complessiva d*un terreno anche assai vasto e fuori della 
portata della sua visione fìsica. Chiarificando con qualche esempio, 
può riconoscere ed annunziare, che la regione è un'area in cui pre- 
vale l'increspamento, o invece la frattura, che conserva ancora po- 
tente la sua rispettiva tettonica, o che questa è presso che cancel- 
lata dalla modellatura, e che quest'ultima è dovuta al disfacimento 
per l'azione chimica dell'aria o dell'acqua, o all'erosione per Fazione 
meccanica delle acque, o de' ghiacci, ecc. Rivelazioni tutte che val- 
gono ad accertare le forme delle regioni, in un modo, generico bensì, 
ma caratteristico ed essenziale. Il solo itinerario d' un tal viaggia- 
tore vale cosi per moltissimi di quelli d' altri tempi, e la ricogni- 
zione fondamentale d' un paese ne è resa incomparabilmente più ra- 
pida e sicura. 

Riveniamo, dopo ciò, all'Africa, nel cui interno, come vedemmo, 
penetrarono solo, qua e là, a lunghissimi intervalli, qualche guer- 



Digitized by VjOOQIC 



^^ 



270 

riero romano, qualche mercante o pellegrino arabo, qualche avven- 
turiere portoghese, qualche frate italiano. Sulle costoro tutt'altro che 
scientifiche dicerie, e su quelle raccolte dai carovanieri sulle coste, 
vi era da mettere insieme un materiale, che consisteva per lo più 
in nomi di popoli o tribù, di paesi, o in qualche generalità orogra- 
fica idrografica, senza precisione di posto, di misura, di carattere, 
senza alcuna connessione, che s'incalzavano, si soprapponevano, si 
escludevano, a seconda delle diverse fonti da cui provenivano. Di 
questi si servivano i cartografi, arbitrariamente distribuendoli, per 
colmare e rattoppare le lacune e gli strappi delle loro conoscenze 
e rappresentazioni. Alla metà ^el passato secolo sorse il francese 
D'Anville, che introdusse nella Cartografia una critica assai più pro- 
gredita di quella per cui l'Ortelio, nel secolo XVI, si era guada- 
gnato la nomea di fondatore della Cartografia moderna. Ora, giusto 
rispetto all'Africa, il D'Anville si prefisse di rappresentare soltanto 
quello che risultava da chiari e attendibili documenti, e gli riusci 
una carta^ salvo che nei contomi, del tutto vuota. Tu una corag- 
giosa confessione d'ignoranza che divenne la più efficace suggestione 
per la scienza. Tutti gli spiriti curiosi e intraprendenti furono at- 
tratti a scrivere qualche cosa su quella gran pagina bianca, che 
balenò improvvisa sulla faccia della terra. 

Ma i tempi non erano ancor maturi a spedizioni d'intento pura- 
mente scientifico, né a istituir sodalizii che raccogliessero fondi da 
erogarsi solo per andare a vedere cosa ci fosse nell'inesplorato. 
Pure col sussidio di qualche mecenate, negli ultimi decenni del se- 
colo XVIII, si compirono talune imprese, tra cui: quella di Carsten 
Niebhur (1761), fino all'ultima cateratta del Nilo; quella di James 
Brace (1774), lungo il Bahr-el Azrèk, o Fiume Azzurro, che assi- 
curò nella sua uscita dal lago Tsana, forse già indicata da Tolomeo (la 
Coloe palus) e affermata dal Paez e dal Lobo; quella di W. Browne 
(1791), che si propose, nientemeno, di ricercar le sorgenti del Nilo, 
e riusci a penetrare nel Dar Fur; quella di Mungo Park (1796), che 
dalla Gambia raggiunse la Gioliba, a Segù, la discese fino a due 
giornate da Genne, e la risali fino a Bammàko; quella dell'Home- 
mann (1797), che dal Cairo si spinse fino al Bornù, ma dando no- 
tizie del suo viaggio fino a Murzùk. 

Le guerre napoleoniche interruppero questo primo avviamento, 
pel quale, nel 1788, si era fondata la Società Africana di Londra, 
da cui furono inviati gli ultimi due viaggiatori. Tornata la pace, le 
imprese scientifiche furono riprese col viaggio del-^Denham e del 
Clapperton (1820-22), in cui dal Fezzàn fu raggiunto il Bornù e sco- 



Digitized by VjOOQIC 



271 

perto il lago Tsad; il Clapperton solo, poi, spiogendosi pia all' , 
raggiunse Sòkoto, sa an affluente del gran fiume Quorra. Nel 1821 , 
in occasione della spedizione egiziana nel Sènnaar, gli uffiziali fran- 
cesiy Cailliaud, Letorzec e Linaut, poterono determinare la congiun- 
zione del Fiume Azzurro col Bianco (Bahr-el Abiàd). Cinque anni 
dopo, lo stesso Clapperton, accompagnato da Riccardo Lander, pe- 
netrò da Badàgry, sul golfo di Benin, nel Sudan occidentale, e vi- 
sitò pel primo Bussàng, sulla Quorra, Kano e di nuovo Sòkoto. 
Nel 1827, lo stesso Linant, divenuto bey al servizio di Mehemet 
Ali, risali il Fiume Bianco fino ad El-Ais, al 13** 27' N.. Nel mede- 
simo anno il francese Cailló, da Sierra Leone raggiunse la Gioliba 
a Genne, e la discese fino a Timbuktù (1). Congiungendo questo 
tratto con quello visto da Mungo Park, da Bammàko fin presso 
Oenne, si aveva tutto il corso da Bammàko a Timbuktù, e la pro- 
babilità che la Quorra, vista dal Clapperton a Bussàng, ne fosse il 
corso inferiore. Questo gran fiume, Gioliba-Quorra, doveva essere il 
Niger degli antichi e il Nilo ganatico degli Arabi. Ma dove metteva 
egli foce? Cosa strana a dirsi, il gran delta di questo fiume era 
sfuggito ai navigatori lungo la costa, che forse aveano scambiato i 
tanti snoi rami con brevi fiumi costieri. 

A risolvere il gran problema della foce del Gioliba-Quorra, che 
già cominciava a chiamarsi complessivamente il Niger, si accinsero, 
nel 1830, i due fratelli Lander, Riccardo, già detto, e Giovanni, che 
da Badàgry raggiunsero la Quorra a Bussàng, la risalirono fino a 
Jànri, e poi la discesero fino ai suoi molteplici sbocchi neirAtlan- 
tico, tra i golfi dì Benin e di Biàfra. Restava ancora inesplorato il 
tratto da Timbuktù a Jàuri; ma ormai pochi più dubitavano che si 
trattasse di un unico gran fiume da Bammàko al gran delta. Negli 
anni 1839-41 ebbero luogo due successive spedizioni sul Fiume Bianco, 
per ordine di Mehemet Ali, nella seconda delle quali si raggiunse 
il posto di Gondòkoro (5.* N.), e si riconobbe quanto mai si pro- 
lungasse al S. questo fiume. 

Nel 1843 avvenne un fatto che esercitò la più grande influenza 
sniresplorazione del sistema del Nilo e dell'Africa orientale: la So- 
cietà deUe misidoni anglicane fondò uno stabilimento di mìssionarii 
presso Mombàs, a circa 4.° S., sulla costa orientale. Pochi anni ap- 
presso (1847-49) due di questi missionarii, i Rev. Krapf e Rebmann, 
si avanzarono nell'interno, e fecero la capitale scoperta dei due più 
colossali monti dell'Africa, il Kilimangiàro e la Kènia, coronati di 



(1) Propriamente a Kàbara, sobborgo e porto fluviale di Timbuklii. 



Digitized by VjOOQIC 



272 

nevi perpetue quasi sotto P Equatore, e raccolsero, inoltre, notizie 
di grandi laghi interni, press' a poco alla medesima latitudine. Da 
un lato si corse col pensiero a Tolomeo, alle sue indicazioni della 
regione sorgentifera del Nilo, ai due laghi, da lui detti palude orien- 
tale e palude occidentale, e alle nevose montagne della Luna; dal- 
l'altro si pensò potesse essere più facile, e certo più breve, raggiun- 
gere le sorgenti del Nilo dall' E. che dal N. 

Ma qui^ contemporaneamente alle imprese nella regione nilotica e 
nell'Africa orientale, se ne intrapresero e compierono altre moltis- 
sime nell'Africa settentrionale, occidentale e meridionale, cosicché 
diviene inopportuno seguire l'ordine cronologico, come abbiam fatto 
fin qui, e bisogna sostituire a questo il topografico o corologico, col 
quale continueremo nella prossima conferenza. 



Digitized by VjOOQIC 



273 



II. 

Conche lacnstrì doYnte a snberosioni nei gessi in Sicilia 



Appunti di OLINTO MARINELLI. 



Premessa, — Nel rendere conto di una serie di osservazioni ^ rela- 
tive ad alcnne cavità (zubbi) esistenti nei dintorni di S. Ajigelo Mu- 
xaro (1), trattai in generale dell'azione morfologica dei gessi in Si- 
cilia. Mi intrattenni allora specialmente sa fenomeni, i quali stavano 
in relazione genetica immediata coi gessi superficiali^ limitandomi 
ad un breve accenno su quelli dipendenti dai gessi sotterranei* In 
seguito però ad ulteriori ricerche, da me fatte nello scorso anno 
nelle Alpi Orientali e nell'Appennino (2), ho potuto formarmi dei 
concetti generali, abbastanza sicuri, sopra i vari fenomeni di ero- 
sione, che interessano i gessi e le conseguenti azioni morfoge- 
netiche superficiali, tanto dirette (cavità d^ erosione\ quanti indi- 
rette (cavità di sprofondamento). Cosi, mi sono sempre maggiormente 
persuaso che, non solo erano fondate le mie induzioni suirorigìne 
di alcuni laghi siciliani, (che considerai dovute ad avvallamento 
di terreni sovrastanti ad erosioni in ammassi gessosi), ma che il 
fenomeno era più diffuso di quanto dapprincipio io avessi sospet- 
tato. Perciò non credo conveniente di protrarre ulteriormente la 
pubblicazione di alcnni appunti su tali laghi, ricavati in parte da 
note prese in escursioni, (compiute negli anni 1896 e 1897) in parte 



(1) Fenomeni analoghi a quelli carsici nei gessi della Sicilia. Estr. dagli 
« Atti d. Ili* Congresso Geografico Italiano » Firenze, 1899. 

{2) Di tali osservazioni, alcune saranno pubblicate in una mia memorta intito- 
lata « Studi orografici nelle Alpi Orientali » (serie 1899), che uscirà nel Boll, 
della Soc. Geogr. Ital., altre si trovano riferite in una nota (Cai-ita di erosione 
nei terreni gessiferi di Fabriano) comparsa in questa stessa « Rivista > 
(N. 1. 1900) ed altre (relative alfAppennino centrale e settentrionale) formeranno 
fra breve argomento di analogo articolo. 



Digitized by VjOOQIC 



274 

da un esarao comparativo e da una discussione degli elementi, for- 
niti da altre fonti e specialmente dalle carte topografiche e da quelle 
geologiche. Sono ben lontano dal presumere, che le scarse notizie 
da me fornite abbiano grande importanza in se stesse, ma sembrami 
che, per quanto il materiale da me raccolto sia assolutamente in- 
completo, onde fornire gli elementi per una monografia limnologica, 
esso possa però servire a dare una idea sommaria delle condizioni 
genetiche, morfologiche e fisiche del gruppo più notevole dei laghi 
siciliani. 

Il lago di Pergusa, — Comincio col richiamare nuovamente Fat- 
tenzione su questo lago, da me brevemente descritto in una nota 
pubblicata nella nostra Rivista (1). 

In essa, riferivo i risultati di alcune osservazioni, compiute nel 1896, 
dalle quali riuscivano abbastanza evidenti le condizioni morfologiche 
ed idrografiche del lago. Rimanevano però non poche lacune da col- 
mare ed alcuni dubbi da risolvere, specialmente in relazione con la 
storia geologica della cavità lacustre. Perciò credetti opportuno, du- 
rante il 1897, di visitare nuovamente il lago; ciò che feci nei giorni 
4 aprile e 2 maggio di quelPanno. 

Mi occupai anzitutto di ricercare, se, nella disposizione degli 
strati, nei quali era scavata la conca lacustre, si potesse riscontrare 
qualche traccia dell' avvallamento o sprofondamento, che supponevo 
Tavesse causata. Nei poco inclinati banchi di tufo che costitui- 
scono quella regione, riscontrai una leggera inclinazione verso la 
parte centrale del lago, ma constatai pure, non esservi coincidenza 
alcuna fra le pareti della cavità e l' andamento superficiale degli 
strati. Ne dedussi non potersi neppure mettere in discussione Tori- 
gine tectonica (primaria) della conca di Pergusa, idea, del resto, 
che non sarebbe accettabile nemmeno quando si potesse dimostrare 
che un deciso periclinale corrisponde al bacino lacustre. Conse- 
guentemente, mi sembra convenga ammettere, che i tufi superficiali 
fossero non solo emersi, ma stati erosi, quando si formò (proba- 
bilmente per lento, non per rapido sprofondamento) la cavità, conte- 
nente le acque lacustri. L'abbassamento di suolo, il quale le diede 
origine, dovette poi interessare più direttamente le argille sotto- 
stanti ai tufi, forse già quasi scoperte nell'attuale area lacustre, che 
non questi ultimi. È infatti probabile che il fondo del lago, tolti i 



Digitized by VjOOQIC 



m\w\, I 



275 

ovvero, che esse ne sieno separate da un piccolo spessore di tufi. 
Ciò si deduce anche dalle sue condizioni di quasi completa imper- 
meabilità, dimostrata dalla salsedine delle acque del lago. 

Neil' ultima visita al lago di Pergusa potei osservare un altro 
fenomeno, che ha interesse dal punto dì vista della sua storia, 
cioè la presenza, lungo la sponda orientale, di una traccia di ter* 
razzatura, ad una altezza di 7 od 8 m. sopra il livello delle acque 
attuali. Evidentemente tale fenomeno indica una maggiore altezza 
del livello del lago, il quale allora, probabilmente, doveva avere 
emissario superficiale. Perciò Pidea di un antico stato idrografico 
del lago, diverso dall'attuale, già indicata dalla tradizione^ trova 
una nuova conferma. Mancano però gli elementi per fissare quando 
il lago abbia cessato di possedere uno scolo e perciò le acque sue 
sieno divenute, man mano, salate. La salsedine attuale, come indicai 
altra volta, non è molto grande, cioè del 7, 4 °/oo. 

Nella escursione del 2 maggio mi occupai anche di raccogliere 
una certa quantità di acqua, che potesse servire ad una analisi ab* 
bastanza completa, per stabilire quali fossero i sali prevalenti nel- 
l'acqua del lago. Da un esame analitico dell'acqua da me raccolta, 
si occupò il Dott. C. Mabelli, che ne rese conto in una nota pub- 
blicata nel Bollettino délV Accademia Qioenia di Scienze naturali in 
Catania. (Fascicolo XLIX, Luglio 1897). Da essa si ricavano le 
seguenti indicazioni: 

« L'acqua, presa il giorno 2 maggio 1897, era limpida e presen- 
tava reazione leggermente alcalina; 500 cm' di essa, evaporati a 
secchezza in capsula di platino su bagnomaria, diedero un residuo 
bianco che, disseccato a 180^ fino a peso costante, risultò di g. 3,7102, 
cioè g. 7,4204 per litro ». 

< I risultati analitici sono i seguenti: 



i>= 1,007 


Calce 
CaO 


Magnesia 
M^O 


Potassa e 

Soda 
JJ^O-fiVa^O 


Cloro 
CI 


Acido 

solforico 

anidro 

80, 


Silice 

SiO, 


In 100 litri 

di acqua 
si contiene : 


2,80 


74,73 


1,41 


328,26 


65,51 


tracce 



€ Dai quali emerge che l'acqua è ricca di cloruri. La qual cosa 
presenta un certo interesse non solo per la considerevole lontananza 
del lago dal littorale, ma anche per la natura stessa del terreno 



Digitized by 



Google 



276 

su cui esso si trova. Del resto, non mi sembra tanto discosta dal 
vero l'idea del Dr. Marinelli, il quale ammette che la pronunziata 
salsedine sia da attribuire piuttosto alla continua evaporazione del- 
l'acqua, anziché alle sue proprietà originarie. 

« Inoltre, dalla semplice ispezione dei risultati analitici si rileva 
pure che il magnesio non è tutto allo stato di solfato, perchè troppo 
esiguo il percentuale delFacido solforico corrispondente alla quantità 
di ossido di magnesio (per 40 di MgO occorrerebbero 80 di SO,), 
quindi se si ammette che tutto l'acido solforico sia allo stato di 
magnesio, l'eccedenza di MgO deve essere allo stato di cloruro di 
magnesio. 

« Talché è mio parere che la salsedine del lago di Pergusa, sia 
da attribuire non solo ai cloruri alcalini, ma anche, ed in gran parte, 
al cloruro di magnesio. 

« Infine, è degna di nota la mancanza, o quasi, di silice, e mi 
riserbo di chiarire questo fatto, non solo facendo l'analisi completa 
deiraequa, ma anche mercè lo studio del terreno della regione cir- 
costante al Iago x'. 

Ideile due escursioni al lago compiute nel 1897 feci anche qualche 
ulteriore osservazione, sulle condizioni fisiche e biologiche del lago. 
In quanto alle prime nulla di notevole potei rilevare (1). Scarso pure 
il materiale floristico e faunistico raccolto. Esso fu consegnato per 
lo studio al Dott. A. Lorenzi (*J). 



(1) Riferisco qui le misure della temperatura superficiale delTacqua del lago: 

4 I IV I 97, ore 14, temp. aria 16.°3 , acqua 16."0 

2|VI 97, ore 11,10 » » 20. "0 , » ll.'O 
La sorgente, principale alimento del lago, presentò in ambedue i casi una tem- 
peratura di 16\ 

(2) Nel lago Pergusa si osservano dei canneti, in più punti lungo il margine 
e nell'interno, dei viluppi di Potamogeton pectinatus Linn. Nella fanghifflia del 
fondo sono frequenti specialmente le desmidiacee. 

Fra il materiale faunistico raccolto, il dott. Lorenzi mi fa notare finteresse 
di un scaroideo acquatico {Hydrodroma)^ probabilmente nuovo per la scienza. 
Il Lorenzi mi fa osservare anche come se abbiano assai scarse cognizioni sugli 
idracnidi italiani, ed aggiunge: « La presenza di questi animali in un lago iso- 
lato e privu di affluenti e di emissario è spiegabile soltanto con la emigrazione 
passiva per mezzo degli emitteri acquatici, trovati appunto nel lago di Pergusa 
{Naucoris maculata Fabr., Plea minutissima Fabr.) l'azione dei quali nella 
disseminazione degli idracnidi fu già sostenuta dal prof. Tb. Barrois (Note sur 
la dispersion des Ilydracnides « Revue biologique du Nord de la France » 
i. I, p. 220, 1888-89 »). 

Lungo le sponde del lago di Pergusa si trovano, in grandissima quantità, delle 



Digitized by VjOOQIC 



277 

Laghi minori dei dintorni di Castrogiovanni. Negli altipiani plio- 
cenici del centro della Sicilia, come feci notare altrove, accanto al 
lago di Pergusa esistono altri laghetti minori che, già dall'esame 
delle < tavolette » dell'Istituto Geografico Militare possiamo desu- 
mere trovarsi in analoghe condizioni geografiche. 

La carta topografica infatti, segna un « Lago Strello » a SO di 
Castrogiovanni ed un < Lago Stello » a NO. Da visite fatte sul posto 
nel 1897, mi persuasi anzitutto come fossero erronee tali denomina- 
zioni, poiché dalla gente del luogo le due raccolte d'acqua, vengono 
conosciate con la denominazione generica di lagusteddu (lago stello) 
diminutivo di lago, alla quale non viene aggiunta alcuna indicazione 
specifica. Dalle alture più vicine ai due laghetti, l'uno si può chia- 
mare lagostéllo di M. Cannar ella, Taltro di M. Gaspa. Nella tavo- 
letta non vedo segnata poi una terza raccolta d'acqua, molto più 
piccola, una vera pozza, detta lu Sfundatu (lo sfondato), posta poco 
lontano dal primo dei due lagostelli ricordati or ora. 

Il laghetto di M. Cannarella e questa pozza (da me visitati il 
4 aprile 1897) sono certamente connessi con la presenza dei gessi, 
i quali affiorano presso alle due raccolte d'acqua e sono evidente- 
mente la immediata continuazione degli altri sottostanti al non lon- 
tano lago di Pergusa. Il lagostello però, se ha comune origine con 
questo ultimo lago ne diflferisce, oltreché per le dimensioni di gran 
lunga minori (Kmq. 0.09) e per essere quasi totalmente invaso dalla 
vegetazione palustre (un canneto, assai denso, lascia poche acque 
libere centrali) anche per le condizioni idrografiche. Poiché, rice- 
vendo esso alimento da un bacino abbastanza esteso (Kmq. 2.25), 
durante certe stagioni (primavera, epoca in cui io lo visitai), ha 
emissario superficiale e perciò le acque assai meno salate (den- 
sità 1.002) di quelle del lago di Pergusa. 

Debolmente salate, (densità dell'acqua 0.001), sono pure le acque 
dello sfondato, piccola pozza, di forma quasi circolare, con un po' di 
canne marginali, del diametro di una trentina di metri. Essa é giu- 
dicata dalla gente del luogo assai profonda (da ciò forse il nome), 
ma credo erroneamente. Mi fu detto alimenti delle anguille. Ne mi- 
surai con l'aneroide l'altezza in m. 524. Sembra essere normalmente 
senza emissario; certo raccoglie le acque di scolo di un'area limita- 
tissima. 



piccole conchiglie di gasteropodi terrestri {Hélix sp ., Bulimus sp.) la presenza 
delle quali vuole essere spiegata con la fluitazione, per opera delle acque di scolo 
snperflciale. 



Digitized by VjOOQIC 



278 

Il lagustello di M. Gaspa, posto, come indicai altrove, fra alture 
tufacee a NO di Castrogiovanni, all'altezza di 613 m., fa da me vi- 
sitato ril aprile 1897. Non trovai un vero lago, ma un ripiano pa- 
lustre, che mi si disse prosciughi completamente in certe epoche del* 
Panno, Il contorno segnato sulla tavoletta corrisponde, presso a poco^ 
alPestensione massima delle acque (Kmq. 0.13), che ha luogo nella 
primavera. La conca, nel cui fondo si trova il lago, assai somigliante, 
mutate le dimensioni, a quella di Fergusa, ne differisce, a quanta 
credo, per avere il fondo permeabile. Perciò le acque, le quali ali- 
mentano il lago, trovano continuo scolo sotterraneo e, solo quando 
questo è insufficiente, ristagnano nel fondo. Esse conseguentemente 
sono dolci. Evidentemente in questo caso, o manca o fu spezzato 
lo strato argilloso impermeabile, partecipante allo sprofondamento, 
conseguenza delPerosione dei gessi del sottosuolo. 

Altri laghi del centro dell* Isola, — Qui cessano le mie osserva- 
zioni dirette sopra i laghi siciliani, i quali devono la loro origine 
alla presenza dei gessi sotterranei. Ma ciò non mi impedisce di ri- 
cavare ulteriori elementi, per la considerazione del fenomeno, dai 
materiali cartografici e geologici, che possediamo. Una volta stabilita 
la relazione esistente fra alcune speciali cavità esterne (lacustri o no) 
ed i gessi sottostanti noi, applicando i soliti concetti della geografia 
comparata, non abbiamo bisogno di osservazioni dirette per ricavare 
delle conclusioni, le quali abbiano un certo valore di probabilità. 
Quando le carte topografiche e quelle geologiche ci mostrino un lago 
che si trovi in condizioni eguali a quelle delle cavità studiate diret- 
tamente, e manchino altre plausibili spiegazioni genetiche, noi po- 
tremo pensare logicamente ad analoga origine ed ad analoghe circo- 
stanze fisiche. 

Ed anzitutto le « tavolette » ci mostrano, come accennai altra 
volta, che non lontani dai laghetti di Castrogiovanni se ne trovano 
altri, i quali con quelli si possono aggruppare. Questi sarebbero: 

1.°) I gorghi f che si trovano presso le note saline (depositi di 
salgemma) di Alimena, fra i 450 ed i 550 m. di altezza. Il maggiore 
porta il nome (sulla tavoletta) di Gorgo di Venerosa (ha una esten- 
sione di 0.07 Kmq.), un secondo non ha designazione alcuna ed un 
terzo e detto Gorgo del Consiglio. L'esigine di questi tre laghetti sta 
evidentemente in relazione con la natura geologica del terreno in 
cui si trovano, il quale è formato dalle argille sabbiose mioceniche^ 
con lenti di gesso o salgemma. Non saprei se le dissoluzioni sot- 
terranee che, a quanto credo, hanno causato la formazione delle in- 
dicate conche lacustri, abbiano avuto luogo in una o nelFaltra di 



Digitized by VjOOQIC 



279 

queste due roccie; per ciò sarebbe opportuno un esame diretto. Ma, 
comunque sia, non sembrami fuor di luogo, provvisoriamente, porre 
i gorghi di Alimena accanto ai laghi dei dintorni di Castrogiovanni, 
prima descritti. 

2/) Nella tavoletta < Canicatti », trovo segnate due raccolte 
d'acqua, nel territorio di Serradifalco^ una (sup. Kmq. 0.03) a N 
di questo paese nella regione Dragaito, Taltra (sup. Kmq. 0.02) ad 
oriente, non lungi dalla strada conducente a S. Cataldo. Nella ta- 
voletta, non hanno nome, ne indicazione della loro vera natura. Si 
trovano entrambi su dei ripiani, formati dai terreni superiori ai 
gessi (truhi ed argille secondo la carta del Com. Geol.), il primo a 
circa 400 m. s. m., il secondo a 560. Sembra dieno origine a dei 
corsi d'acqua. La loro condizione topografica e geologica, mi in- 
duce a unirli al gruppo di laghi del centro deirisola, del quale 
fanno parte i precedenti. 

3.^ Quantunque, almeno nello stato attuale, non occupata da 
acque lacustri, va posta accanto alle precedenti, una poco estesa 
cavità, segnata sulla tavoletta « Caltani ssetta », a E S E della città, 
sul versante di sinistra delPImera Meridionale con la denominazione 
H lago. Si trova a circa 410 m. sul mare. È circondata da dossi 
abbastanza rilevati, formati (carta del Com. Geol.) da terreni più 
recenti della serie solfifera e da quelli immediatamente superiori 
(trubi). 

Laghi dei dintorni di Grammichele e Vizzini, — Negli altipiani, 
che dal M. Lauro (punto culminante degli Iblei, m. 987) degradano 
verso NO. fino al fiume di Caltagirone, si trovano, secondo le carte 
topografiche, alcune raccolte d'acqua di piccola estensione, di cui due 
sembrano avere i caratteri di laghi. Una di queste si stende fra 
Grammichele e Mineo, a circa 485 m. sul mare, e viene designata 
(tavoletta < Caltagirone ») col nome di Lago Catalaria, Sembra cir- 
condata da colli, che delimitano una cavità idrograficamente chiusa. 
L*altra è segnata nella tavoletta « Vizzini », fra il paese omonimo 
e Buccheri, presso Pizzo del Lago^ a circa 670 m. sul mare. En- 
trambi questi laghi, secondo la carta del Com. Geolog., si trovano 
sulle formazioni plioceniche, le quali poggiano su terreni miocenici 
gessiferì, come è indicato da alcuni affioramenti di gesso, i quali 
compaiono in quella regione. Non mi pare illogico vedere una con- 
nessione fra questi e le. cavità lacustri in parola, tanto più che la 
posizione topografica, in altopiano, dei due laghi deve fare escludere 
qualsiasi fenomeno di sbarramento di valle, di frana od altro comune 
processo limnogenetico. 



Digitized by VjOOQIC 



280 

Non troverei poi strano che, anche altri laghetti segnati sui ripiani 
basaltici a NE. di Vizzini (tav. « Militillo in Val di Catania >), non 
avessero nulla da fare con fenomeni di natura vulcanica, ma piut- 
tosto con sprofondamenti per suberosioni nei gessi; però in mancanza 
di elementi più precisi mi astengo di emettere qualunque giudizio 
in proposito. 

Laghi della zona subcosHera meridionale. — Oltre ai laghi ricor- 
dati, credo di dovere mettere in relazione con la presenza dei gessi 
una abbastaza numerosa serie di cavità, di varia natura, ma in ge- 
nerale con carattere lacustre, le quali si osservano, disposte quasi 
in £la, in uDa zona subparallella alla costa meridionale della Sicilia. 
Molte di tali raccolte d'acqua ad una superficiale considerazione si 
potrebbero prendere per laghi coatierij ma la loro condizione mor- 
fologica appare sensibilmente diversa, quando si esaminino con cura 
le loro condizioni topografiche e geologiche. Tacciamone una breve 
rassegna, partendo da ovest e procedendo verso est, in base ai po- 
chi documenti, che possediamo. 

Un primo gruppo di laghi si trova a SE di Mazzara del Vallo. 
Nella tavoletta (< Mazzara del Vallo >), sono segnati 4 laghi di cui 
il maggiore (Kmq. 0.31) col nome di L. di Preòla, due, più ad 
oriente, con quello di Gorghi Tondi (sup. or. Kmq. 0.15, occ. 0.06) 
ed uno ad occidente senza nome (sup. Kmq. 0.02). L'altezza del 
primo è di circa 5 m.; per gli altri deve essere poco diversa: sono 
poi a non grande distanza dal mare, ma con esso non possono avere 
relazione alcuna, essendone separati da roccia in posto. Dalla carta 
del Com. GeoL risulta infatti, come essi sieno scavati in una breccia 
conchigliare quaternaria. Questa però deve probabilmente poggiare 
sui gessi, i quali (Baldacci, Descrizione geologica delV Isola di Si- 
cillaj Roma 1886, pag. 197) aflBorano presso P. S. Nicola, lontani 
circa 2 km. dal lago. Su questi laghi, alle notizie ora date si pos- 
sono aggiungere quelle, fornite dal Dott. Decio Vinciguerra, il quale 
li visitò nel 1895 (l). Egli afferma che, i laghi di Mazzara sono 5 
(anziché 4 come risulta dalle carte delPI. G. M.), il maggiore dei 
quali si chiamerebbe Praiuola (anziché Preòla). La sua profondità 
massima, secondo il Vinciguerra, è di 1 m., e può ridursi ulterior- 
mente in estate. Allora il lago diviene completamente pantanoso e 



(1) Relazione intorno alla pesca di acqua dolce e di mare in Sicilia e ai 
modi per aumentarne il prodotto. « Boll, di notizie agrarie, del Min. di Agr. 
Ind. e Comm. » Agosto 189d. 



Digitized by VjOOQIC 



' .!■■ 



281 

dà laogo ad esalazioni micidiali. L'acqaa non è bevuta perchè salata. 
Il Vincigaerra trovò una densità di 1.005. Lo stesso autore ìndica 
come, ad oriente del Lago Praiuola, si trovino tre minori raccolte 
d'acqua dette orghi, di cui il più orientale è quasi circolare, gli altri 
di forma irregolare. La profondità del primo dicesi sia di 8 m., 
almeno; la densità è di l.OOB, nel secondo di 1.001. Il lago ad ovest 
della Praiuola, avrebbe acqua potabile (densità 1.000). Il Vinciguerra 
esclude qualunque relazione col mare e crede i laghi alimentati spe- 
cialmente da sorgenti subacquee. Per quanto incompleti siano i dati 
ora riferiti, mi pare risulti evidente che non si tratti di laghi co- 
stieri, ma piuttosto di laghi di sprofondamento per erosioni in gessi 
sottostanti, con acque (almeno in alcuni) salate, perchè manca qua- 
lunque emissario, come nel lago di Pergusa. 

Procedendo verso est, parallellamente alla costa meridionale del- 
l'Isola, ad oriente di Sciacca troviamo un altro lago, il quale va 
posto accanto ai precedenti. Si tratta del lago, che, nella tavoletta 
« C. S. Marco > porta il nome di Oorgo S. Giorgio. Esso è di mi- 
nima estensione (Kmq. 0.02), a circa 25 m. sul mare, senza emis- 
sario, scavato (carta Com. Geol.) nelle argille azzurre del pliocene 
medio. Non lontano si trovano delle cave di gesso. 

Ad oriente del Platani, nei monti Agrigentini, nei quali sono cosi 
sviluppati i fenomeni di cavità di erosione nei gessi superficiali, 
non mancano, nella zona marginale, dei laghi analoghi ai precedenti. 
Due di questi, si trovano poco lungi da Cattolica Eraclea, in una 
regione, nella quale sono segnate nella carta topografica alcune ca- 
vità, che ritengo d'erosione nei terreni gessiferi. Il primo di questi 
laghi, è denominato sulla tavoletta (« Cattolica Eraclea >) Laghetto 
del Oorgo j è abbastanza esteso (Kmq. 0.22) e si trova a 60 m. sul 
livello del mare. Secondo la carta del Com. Geolog., occuperebbe 
una regione alluvionale circondata da gessi, ma non è improbabile 
che il fondo di roccia in posto, sia formato dai terreni argillosi 
pliocenici. Potrebbe però trattarsi anche di una cavità di pura ero- 
sione, dovuta ai gessi superficiali, anziché di una cavità di spro- 
fondamento. In questo caso bisognerebbe ammettere una ostruzione 
delle grotte di sfogo. Per decidere la questione converrebbe proce- 
dere ad un esame diretto e constatare principalmente, 1°) se esiste 
attualmente emissario sotterraneo (pare manchi scolo superEciale, 
giudicando dalla tavoletta), 2.^) se le acque sono dolci o salate. 

Ad oriente del precedente trovasi, secondo le tavolette, il L,^ di 
Buzzano, a m. 195 circa sul mare. E una raccolta d^acqua di piccola 
estensione, (Kmq. 0.02) scavata, anche essa, nei gessi e quindi da 



Digitized by VjOOQIC 



282 

ritenersi, con maggiore probabilità, di erosione diretta, piuttosto che 
di sprofondamento. 

Alcuni chilometri ad oriente del lago di Bazzano verso Girgenti^ 
si troverebbe, secondo la carta topografica (tav. « Girgenti »), un 
altro lago denominato Bagaba, a 146 m. sul mare. È assai poco 
esteso (Kmq. 0.03) come parecchi degli altri laghi prima esaminati. 
Conviene ritenerlo di sprofondamento, poiché si trova nelle solite 
argille plioceniche, superiori ai gessi, assai diffusi, anche alla super- 
ficie, nelle regioni contermini. 

Altri due laghi, sono segnati nelle tavolette a NE di Palma di 
Mont echi aro, nei monti Agrigentini orientali. Sono il lago di Feria 
ed il laghetto della Sanguisuga^ il primo a 302, il secondo a 312 m. 
sul mare. Si trovano, poco discosti l'uno dall'altro, su di un altipiano, 
quasi livellato e portano la segnatura dei terreni paludosi, senza 
margine delineato (estensione approssimativa. Kmq. 0.15 pel primo, 
0.03 per il secondo), secondo la carta del Com. Geologico, si tro- 
verebbero sulle marne a foraminiferi (trìibi) superiori ai terreni gessi- 
feri. Delle loro condizioni idrografiche, si può dedurre, dall'esame della 
carta topografica, solamente che mancano di emissario superficiale. 

Proseguendo nell'esame della zona subcostiera meridionale del- 
l'Isola, si incontrano altre tre cavità lacustri, probabilmente colle- 
gate con i gessi, nei pressi di Scoglitti. Abbiamo anzitutto (tav. € Sco- 
gli tti »), uno Stagno Salito, a circa 5 m. sul mare, esteso appena 
0.03 Kmq., il quale, per quanto assai vicino al mare, ne sembra in- 
dipendente e senza emissario. Si trova (secondo la carta del Com. 
Geolog.) nelle sabbie gialle plioceniche, le quali però, a quanto credo, 
poggiano quasi direttamente sui gessi, che affiorano non lungi nella 
vicina valle delPIpari. 

Quasi addossata alla precedente si trova altra cavità, la quale» 
secondo la « tavoletta » avrebbe carattere palustre e pare si chiami 
di Roccadare. Sarebbe a m. 27 sul mare e di una estensione di 
0.25 Kmq. scavata nel tufo, sovrapposto evidentemente ai gessi non 
lontano affioranti. 

A SE del precedente si stenderebbe, secondo la tavoletta (< Vitto- 
ria »), il Pantano d'Arda, a m. 7 sul mare, ma senza relazione con 
questo e senza scolo superficiale. È esteso Kmq. 0.08. Secondo la 
carta del Com. Geolog., si troverebbe nelle sabbie gialle sovrapposte 
ai gessi (1). 



(1) Non so quale di questi tre, sia il lago di Camarina ricordato, (insieme 
con la omooinfia città, che sorgeva lì presso) dagli scrittori greci e latini. Vedi 
in proposito: Amico, Dizionario topografico della Sicilia, Trad. Dimarzo. Pa- 
lermo 1855 (alla voce Camarina). 



Digitized by VjOOQIC 



P7WP 



283 

Un ultimo lago, il quale si può mettere in relazione coi prece- 
denti, trovo segnato nelle carte topografiche, verso la estremità più 
meridionale della Sicilia. Tutta la regione intomo a Pachino e co- 
spersa dì pantani e paludi, ma la maggior parte sono raccolte 
d*acqua veramente costiere. L'unica, che non credo tale, è quella, la 
quale porta il nome di Pantano Secco, a S. di Rosolini, a m. 27 sul 




Fig. I. — Schizzo della Slollia, rappresentante la distribuzione delle cavità, 
dovute all'azione morfoffenetloa dei ffesai. (Scala 1:2000000). 

In nero sono segnate le cavità lacuttri (di sprofondamento), con tratteggio obliquo 
le aree con fenomeni aimili a quelli carsici. 

{y.B. Data la piccola scala della carta, si dovettero talora esagerare le dimen- 
sioni dei laghi e delle regioni tratteggiate. Alcune di queste adiacenti furono anzi 
insieme fuse) (1). 



(1) Credo conveniente di avvertire, che, in seguito ad un nuovo esame di tutte 
le tavolette della Sicilia, posso aggiungere alle reeioni gessifere con fenomeni 
simili a quelli carsici, altrove elencate (Fen, an. a q. carsici ecc., Estr. Atti 
III.^ Congr. ecc., pag. 12) altre tre, e cioè: un^area (adiacente a quella indicata 
col N. 4) ad ecc. del Pizzo deir Aquila (tav. «Aragona») ed una cavità ad ecc. 
di Cattolica Eraclea (tav. omonima), nei monti Agrigentini; una piccola conca, 
non molto lontana da Cianciaua ftav. « Bivona »), nei monti a N del Platani. 



Digitized by 



Google 



284 

mare. È estesa Kmq. 0.60, entro l'area segnata come palustre. Sem- 
bra senza emissario. La conca è scavata, secondo la carta del Com. 
Geolog. nelle argille salate sabbiose tortoniane, le quali come è noto, 
possono contenere lenti di gesso e salgemma. 

Conclusioni. — Le cose riferite, non rappresentano certamente, come 
ho prima accennato, notizie sicure e tanto meno complete, soprai laghi 
della Sicilia, la cui origine si può mettere in relazione con erosioni 
sotterranee; si potrebbero anzi considerare delle semplici indicazioni 
raccolte preventivamente, per un ulteriore studio diretto del fenomeno. 
È indiscutibile infatti che, in molti casi gli elementi forniti dalle carte 
topografiche e da quelle geologiche, sono non solo insufficienti in so 
stessi, ma la loro esattezza può far sorgere non pochi dubbi, a chi, 
avendo percorso non poche regioni della Sicilia, ebbe a riscontrare la 
comune imperfezione, dei lavori, eseguiti nell'isola, dall'Istituto Geo- 
grafico Militare e da quello Geologico. Tuttavia, se queste conside- 
razioni possono valere, nel fare attribuire scarsa fiducia alle notizie 
fornite per ogni singolo lago e nel far ritenere l'elenco delle conche 
considerate incompleto al segno, che possa essere stata, non solo 
omessa qualche notevole raccolta d'acqua, ma addirittura erronea- 
mente indicata qualcuna, la quale non esiste per nulla; non si può 
assolutamente dubitare che, considerato il fenomeno nel suo com- 
plesso, cioè, per dir meglio, dal punto di vista geografico, risultino 
della massima evidenza alcune importanti conclusioni. 

Affermeremo adunque; che, negli altipiani centrali e sudorientali 
e nelle spianate subcostiere meridionali della Sicilia, costituite, gli 
uni e le altre, dalle formazioni plioceniche le quali, con disposizione 
quasi tabulare, si trovano sovrapposte ai terreni gessiferij si ri- 
scontra un notevole numero di cavità, in generale occupate da acque 
lacustri. 

Per tale carattere, oltre che per altri meno evidenti e con lo stesso 
collegati, esse si distinguono idrograficamente da altre cavità, che si 
trovano nei terreni gessosi e le quali sono generalmente asciutte. 

Queste ultime devono la loro origine, nella massima parte dei 
casi, ad erosione diretta nei gessi affioranti superficialmente, le prime 
ad erosioni sotterranee ed a conseguenti sprofondamenti (incurva- 
menti, avvallamenti, assestamenti) delle sovrastanti formazioni. 

La natura di queste, in generale impermeabili o scarsamente per- 
meabili, spiega la permanenza delle acque e quindi la presenza di 
laghi. 

Le speciali condizioni morfologiche, fisiche e biologiche di questi, 
quali si possono ricavare dalle notizie altrove fornite, sono, per la 



Digitized by VjOOQIC 



285 

massima parte, piuttosto una conseguenza del clima della Sicilia^ 
che della origine loro. Perciò tali condizioni non sono ad essi pe- 
culiari, ma trovano riscontro nell'Isola ed in altre regioni di clima 
analogo, in laghi di origine del tutto diversa. Per ciò su esse qui 
non insisto. 

Mi preme invece far notare come il distacco morfologico e gene- 
tico esistente fra le cavità di erosione e quella di sprofondamento 
per suberosione nei gessi, trovi una evidente esplicazione, nella 
istessa distribuzione topografica del fenomeno. Poiché, se noi badiamo 
a indicare cartograficamente, da un Iato le aree gessifere foracchiate 
da cavità, di tipo carsico, dall'altro i laghi, che si possono connet- 
tere con la presenza di erosioni nel sottosuolo (vedi annesso schizzo) 
noi possiamo osservare: 

1.° che i fenomeni d'erosione superficiali sono specialmente dif- 
fusi in due aree, trapanese Puna, agrigentina Taltra, le quali, ad 
un dipresso, corrispondono a due delle regioni di massima dififusione 
dei gessi superficiali, 

2.° che i laghi di suberosione, sono disposti bensì in tre gruppi, 
ennese il primo, ibleo il secondo, multiplo il terzo meridionale sub- 
costiero, ma che essi stessi si possono, in certo modo, considerare 
riuniti in un'arca unica, tutta estema alle regioni della grande diffu- 
sione dei gessi e dei fenomeni d'erosione superficiale. Tale area^ 
almeno in parte, trova riscontro in quella della massima diffusione 
dei terreni superiori alle formazioni gessoso-solfifere. 

Ulteriori più precise e sicure conclusioni e qualche controllo alla 
bontà di quelle poche da me formulate, si potranno attendere solo 
da nuove ed accurate osservazioni dirette. Mi auguro che, in Sicilia, 
dove si nota un recente risveglio negli studi locali, qualcuno voglia 
occuparsi nuovamente dell'argomento, da me fuggevolmente trattato, 
e possa utilizzare questo scritto, almeno come guida per le sue ri- 
cerche. 



Digitized by VjOOQIC 



NOTIZIE 



Gr-eografLa fisica. 

I ghiacciai del monte Chenia. — Sul monte Chenia vi sono cinque ghiac- 
ciai. Il ghiacciaio Lewis è lungo un miglio, il Gregory è poco più pic- 
colo, e gli altri sono di poca importanza. Il loro punto più basso si trova 
ai seguenti livelli : il Tyndall (nella valle Teleki) a 14510 m.; il Lewis 
(valle Teleki) a 4529 m.; il Darwin (valle Teleki) a 4530 m.; il Gregory 
(valle Mackinder) 4544 m.; il Cesar (valle Hausburg) a 4407 m. La pen- 
denza media del Lewis è di 1 a 4 e quella del Gregory di 1 a 3. Vi sono 
pochi crepacci nel ghiacciaio Lewis, eccetto che in un punto a breve di- 
stanza dal suo più basso termine, ma il Gregory aveva molte fessure. 

Ovunque e ad ogni ora la superfìcie era secca e friabile. Comparativa- 
mente poca era l'acqua che scorreva dalle bocche e i letti delle correnti 
davano poche indicazioni di straripamenti. Il ghiaccio era molto duro e 
formato da bella grandine più che da neve. 

Memorie di passati fenomeni glaciali si trovarono nelle valli Gorges 
ed Hausburg, in cui le roccie furono ovunque bellamente arrotondate 
dal ghiaccio fino ad un livello di 4260 m. Glaciazioni trovansi in grande 
scala due miglia sotto il principio della valle Georges, sulla roccia piana 
in cui fu scavata la gola Michaelson. Un ghiacciaio ultimamente passò 
sopra al colle Tvvo Tares, dirigendosi verso occidente e diede cosi alla 
sua faccia occidentale una forma curva a guisa d'arco e lo levigò come 
il vetro, dandogli quasi l'apparenza d'una gran cascata. A più bassi li- 
velli, sotto i 2740 m., vi sono larghi ciottoli; antiche morene furono os- 
servate a 366 m. (Preliminary notes hij Alba, Mackinder on the scientific 
Mesults on the Mount Kenia expeditton in « The Geog. Journal », Mag- 
gio, 1900, 483). 

Risultati idrografici delia spedizione " Jngolf „ nell'Atlantico settentrionale 
(1895-96). — Il Dott. Pettersson rende conto delle osservazioni idrogra- 
fiche fatte nello stretto di Davis e poi nei dintorni dell'Islanda. A sud 
dell'Islanda vi sono due categorie d'acque profonde: le une provengono 
dall'Oceano Artico dopo aver superato il banco delle Faroe ; le altre più 
calde vengono dall'Atlantico: il limite fra queste due categorie d'acque 
è tra il 17^ ed il 18^ di long. O. da Green. Dallo studio dei gas risulta 



L_ 



Digitized by VjOOQIC 



287 

che l'acqua marina è satura di ossigeno là dove si trova in abbondanza 
del plankton vegetale, cioè ad est e a nord dell* Islanda. Del resto questo 
fatto, dovuto alla respirazione ed all'assimilazione da parte di quegli 
organismi, ha il suo riscontro nell'azione del plankton animale e degli 
animali marini superiori: la presenza od il passaggio di un banco di 
aringhe, per es., ha per effetto di diminuire nell'acqua marina la com- 
prensione dell'ossigeno e di aumentare l'acido carbonico. {Petermann'a 
Mìtiheilungen, I, 1900). 

Risultati della spedizione antartica belga. — Mentre nel Belgio si sta pre- 
parando la pubblicazione dei resultati della spedizione antartica del De 
Gerlache (1) il sommario del lavoro fatto è comunicato agli studiosi dal 
Racovitza, naturalista della spedizione, nel secondo numero della Geo- 
graphtej la nuova rivista pubblicata dalla Società Geografica di Parigi. 
Esso è accompagnato da una riproduzione della carta del Luogo t. Le- 
cointe pubblicata dalla R. Società Geografica Belga; in cui si dimostrano 
le scoperte fatte dalla spedizione nella regione a nord della terra di 
Graham, colle diverse traccio della nave nello stretto Belgica, come fu 
chiamato il passaggio trovato fra la Terra Dance e l'arcipelago Palma. 
Le sponde dello stretto sono montuose, tagliate da piccole vallate. I ca- 
nali che separano le varie isole sono profondi, e tutto presenta l'appa- 
renza di un paese affondato le cui vallate furono invase dal mare. Il 
paese è composto di antiche rocce cristalline. La Terra Danco (cosi chia- 
mata in onore del luogotenente Danco che faceva parte della spedizione 
e che mori il 6 giugno 1898) e l'isola più grande, è coperta di uno 
strato di ghiaccio come la Groenlandia, ma un esame delle morene prova 
che i ghiacci si vanno ritirando. Altra importante scoperta fu quella di 
un rialto sottomarino a sud-ovest della Terra di Graham, tra 75*^ e 103 O. 
e 70® e 71*36 S. con una media profondità di 500 m., mentre al nord vi 
è un improvviso sprofondamento di 1500 m. L'esistenza di questo rialto 
continentale conforta l'idea del carattere continentale delle terre antar- 
tiche, mentre la sua profondità maggiore, comparata con altri rialti con- 
tinentali, è un altro indizio dell'abbassamento di queste regioni, I se- 
dimenti ottenuti in questi luoghi consistono oltre che in fango grigio, 
in una larga porzione di sabbia, ghiaia, e ciottoli arrotondati, che pos- 
sono essere derivati da una spiaggia marina. I risultati del viaggio 
provano che non esiste la terra immaginata dal Walker, ed anche quella 
supposta da Cook circa 150* E. 11 Racovitza dà pure un breve cenno dei 
risultati ottenuti circa il magnetismo, la meteorologia, l'oceanografia, 
la zoologia e la botanica. Dopo aver notato l'estrema scarsità della flora 
e della fauna dei paesi visitati (eccettuando le piante e gli uccelli ma- 
rini che sono molto abbondanti nello stretto Belgica) egli esprime Topi- 



ci) Per altre notizie vedi Riv. Geog, ItaL, 1899, pag. 438. 



Digitized by VjOOQIC 



288 

uione che la fauna antartica che esisteva prima dell' invasione del ghiaccio 
dovette essere interamente distrutta durante le seguenti epoche glaciali. 
Anche le specie esistenti, non possono, egli pensa, datare da un periodo 
preglaciale, ma furono introdotti dall'America. 

La spedizione antartica Borchgrevink. -- Nel mese di aprile u. s. giunse 
alla Nuova Zelanda la spedizione equipaggiata da G. Newnes e coman- 
data dal Borchgrewink. Telegrafando da Campbell town, nell'isola South, 
il comandante annunziava che la più alta latitudine raggiunta su slitte 
fu 78"50', che costituisce un vero record nella scoperta antartica, perchè il 
più alto punto finora raggiunto era 78* 10' (Ross nel febbraio 1842). Il ri- 
sultato più importante fu quello d'aver fissata la posizione del polo magne- 
tico meridionale. L'unica disgrazia al personale sembra essere stata la 
morte del zoologo, Nicolai Hansen, esperimentato collettore che lavorò 
per alcuni anni nel British Miiseum. La spedizione è giunta ad Hobart 
nella Papuasia. 



Statistica. 

L'emigrazione italiana nel 1899. — Durante il decorso anno 1899 emi- 
grarono dal regno 308,339 persone; è questa la più alta cifra che l'emi- 
grazione italiana abbia raggiunto nell'ultimo ventennio. L'aumento, ri- 
spetto agli anni precedenti, fu per altro più sensibile per quanto riguarda 
l'emigrazione periodica o temporanea (177,031 persone nel 1899) mentre 
l' emigrazione permanente, o a tempo indefinito (131,308 persone) sebbene 
superiore a quella dell'anno precedente (126,787) si mantiene molto al 
. disotto della cifra raggiunta negli anni 1897, 96, 96, 91 e 88 nel quale 
ultimo anno V emigrazione italiana permanente raggiunse il massimo 
(195,993 persone). 

Si può dunque affermare che l' emigrazione pennanente del Regno 
tenda in questi ultimi a diminuire mentre per quanto riguarda l'emi- 
grazione periodica o temporanea si nota un crescente aumento. 

L' emigrazione permanente si recluta più specialmente nelle provincie 
meridionali del Regno (tranne le Puglie) ed in Sicilia e in minor pro- 
porzione nei compartimenti settentrionali, nell'Emilia e nella Tosccma; 
scarsissima è nell' Umbria, nel Lazio e quasi nulla nella Sardegna. Li 
quasi tutti i compartimenti si nota un aumento rispetto all' anno pre- 
cedente ; notevolissima è invece la diminuzione che si verificò nel Ve- 
neto, ueir Emilia, nel Lazio ed in Sicilia. All' emigrazione temporanea 
danno alimento quasi esclusivamente il Veneto, che da solo ne fornisce 
il 60 7o » ^ ili assai minor proporzione il Piemonte, la Lombardia, 
1' Emilia, la Toscana, la Campania e la Sicilia. In tutti questi compar- 
timenti, tranne il Piemonte, si notò ovunque un aumento rispetto al- 
l' anno precedente. 



\ 



Digitized by VjOOQIC 



ipiil PI vii M ^^ 



289 

Tenendo conto della sola emigi*azione permanente si ha che nel periodo 
di 24 anni dal 1876 al 1899 uscirono dal Begno, per non più rientrarvi, 
2,365,220 persone. 

L'Australia occidentale. — Fondata nel 1829, con una superficie di quasi 
100.000 miglia quadrate, l'Australia occidentale è una delle più antiche 
colonie dell' Australia, intomo alla quale E. H. Wittenoon pubblica 
nello Scottish Geog. Mag. (Marzo, 1900) importanti notizie che noi rias- 
sumiamo. 

La popolazione in questi ultimi anni crebbe assai, specialmente dopo 
che si scopersero notevoli miniere aurifere: nel 1890 vi erano 46000 ab., 
nel 1898 già 168000. In pari grado crebbero le rendite della colonia che 
nel 1890 erano di 10 milioni di lire e nel 1898 di ben 55 milioni. L'oro 
che nel 1890 rappresentava un valore di 86 mila sterline, diede un pro- 
fitto di 4 milioni di sterline nel 1898. 

Il clima del paese è sanissimo e piacevole, specialmente nel distretto 
sud-ovest. Le parti settentrionali, poste oltre il tropico, sono piuttosto 
calde, e nell'interno, anche alla distanza di qualche centinaio di miglia 
dal mare, il termometro raggiunge eccezionalmente nell'estate da 100 a 
43 gradi (C); ma l'afa non è cosi oppressiva o snervante come a Lon- 
dra a 32o. La stagione si divide in asciutta e piovosa, e la media della 
pioggia varia da 0,447 mm. presso Geraldton a 1,016 mm. nelle vici- 
nanze di Albany. 

La parte più produttiva del paese è il distretto sud-ovest, che com- 
prende circa 24 milioni di ettari di terreno. La popolazione essendo ancora 
molto scarsa, sono quindi ben accetti gli emigranti, specialmente gli 
agricoltori e gli orticoltori a cui il governo dà 65 ettari di terreno, oltre 
le altre cose, coll'unica condizione di abitarvi e di coltivarne un tratto 
ogni anno. In seguito si possono, con spese minime, ottenere altri tratti 
di terreno anche estesissimi. I distretti interni di York, Northam, Too- 
day ecc. sono quanto mai acconci alla produzione del frumento, dell'orzo, 
dell'avena, ed altri vegetali, e specialmente della frutta (uva, mele, pere, 
fichi, ecc.). Un grande avvenire, nota il Vittenoon, è qui riserbato alla 
viticoltura; la massima parte del paese ove ora prospera la ben nota 
Jarrah è adatta alla coltura della vite, tanto più che la richiesta del vino 
è ora cosi grande, ed il prezzo anche si alto, che pochi si danno pen- 
siero di aspettare la completa maturazione dell'uva. 

Il pollame vi si propaga meravigliosamente e forma una potente fonte 
d'entrata per chi ne prende cura. Essendo il consumo dei viveri nelle 
miniere d'oro molto maggiore della produzione, i prezzi per i pollicultori 
si mantengono molto alti e cresceranno col crescere del lavoro delle mi- 
niere. Ecco alcuni prezzi correnti: un paio di polli da lire 7 a lire 8,50; 
la farina lire 250 per ton.; il frumento lire 5 a 6 allo staio; le patate 
lire 200 per tonnellata; le uova lire 1,25 la dozzina, ecc. 

La prima scoperta di terreni auriferi avvenne nel distretto di Kim- 



Digitized by VjOOQIC 



290 

berley nel 1885: ed allora fu un accorrere da ogni parte di avidi cerca- 
tori d'oroj gran parte de'quali tuttavia fu costretta a ritornarsene dalle 
difficoltà del paese e dalla conseguente carezza del vivere. Altre scoperte 
si fecero in seguito a Yilgorn, a Mollina, a Ballaballa, a Pilbarra, a Be- 
rin ed in molte altre località. Nel 1897 un tale Hannan scopriva 1 gia- 
cimenti auriferi di Kalgoarlie, i più ricchi di tutta l'Australia occiden- 
tale, ed ora quella località è già abitata da circa 16 mila individui. 

Nel 1891 si scoprivano accidentalmente le miniere di Londondery e 
nello stesso anno in luglio quelle di Wealth of Nations da un cerca- 
tore di nome Dun, il quale in pochi giorni scavò tanto oro pel valore di 
300000 lire. 

La produzione, dell' oro che nel 1890 rappresentava un valore di 
lire 9.150.000, nel 1898 sali a lire 99.776.975; e nei nove mesi fino alla 
fine del settembre 1899 a ben 110 milioni di lire: nel solo mese di set- 
tembre si scavarono 167.076 oncie di oro valutate 16.872.250 lire. 

È evidente che cotesto sviluppo delle miniere porta con sé l'incremento 
di moltissimi generi ed articoli necessari per la vita ed il benessere in 
questi paesi. 

Il carbone è un altro prodotto molto importante per la colonia. L'area 
probabile del terreno carbonifero è di circa 233 miglia quadrate : il carbone 
poi è di ottima qualità e già lo si usa nelle ferrovie australiane in so- 
stituzione di quello importato, e più di 1500 tonnellate per settimana 
sono esportate da He miniere aperte recentemente. Queste si trovano a solo 
trenta chilometri da un porto di mare, e sono le più vicine all'India. 

Oltre a ciò la Colonia è ricca di depositi di piombo stagno e rame: si 
pescano perle e madreperle sulle coste nord-ovest : e negli immensi piani 
ricchi di pascoli non vi sono meno di due milioni ed un quarto di pecore 
che producono una lana di prima qualità. 

Nel 1898 le importazioni salirono a lire 131.049.125 e le esportazioni 
a lire 124.000.150. Il fatto del maggior valore delle importazioni si spiega 
facilmente, pensando che il crescere improvviso della popolazione fece si 
che i produttori non poterono soddisfare a tutte le richieste: una gran 
quantità di merci venne quindi dai paesi circonvicini. Considerando la 
fertilità e ricchezza del paese, il clima salubre, le buone leggi che lo 
governano è evidente che questo è uno dei luoghi più indicati per l'im- 
migrazione specialmente degli agricoltori. 

Il totale delle importazioni provenienti dalla Gran Bretagna fu di 
lire 51.296.800, e quelle delle colonie australiane rappresentarono un va- 
lore di lire 68.716.975: quest'ultime consistettero specialmente in generi 
commestibili, o panni, drappi ecc., avendo la Colonia poche manifatture. 

Nei porti della Colonia nel 1898 entrarono 54 navi a vela (45.140 tonn.) 
e 500 piroscafi (1,104.360 tonn.). Le navi delle Messageries Maritimes 
approdano alla baia Re Giorgio (King George's Sound); mentre per ora 
il porto di Freeraantle è interamente monopolizzato dal North German 
Llyod, il quale si è cosi assicurato larga parte del commercio. 



Digitized by VjOOQIC 



291 

Nell'Australia occidentale vi sono ora 1785 miglia di ferrovie di cui 
1365 miglia appartengono al governo, 430 miglia sono di privati: si ha 
cosi una media di 105 miglia ogni 10.000 ab. I guadagni di queste fer- 
rovie, fino al termine del Giugno 1899, furono tali che dopo aver pagato 
tutte le spese ed interessi di una somma di 6.427.390 sterline, si ebbe 
un residuo di 70862 sterline, cosi che si richiedono solamente altre 57.180 
sterline per pagare l'annuo interesse del prestito totale di 10 milioni. 

Quando le linee in costruzione saranno terminate, questo risultato 
sarà anche migliore, diminuendo sempre più le spese di lavoro. 

Senza dubbio il debito di 10.000.000 di sterline è grave per una popo- 
lazione di 170.000 ab., ma si deve considerare che in un paese in forma- 
zione son necessarie tante spese che in paesi da lungo tempo costituiti 
si fecero a poco a poco. Il governo nell'Australia occidentale dove co- 
struire e mantenere ferrovie, telegrafi, telefoni, scuole; provvedere le 
acque alle città e sussidiare i municipi. 

Le entrate pel 1899 salirono a 2.478.800 sterline, somma rilevante per 
una popolazione di 170.000 ab. Grandi opere si stanno eseguendo nel 
porto di Freemantle che è il principale della Colonia ed a Bumbury, Il 
porto di Freemantle lo si ridurrà ad essere sicuro e comodo per le più 
grandi navi. Bumbury alla sua volta è lo sbocco naturale di una estesa 
regione e delle miniere carbonifere di Collie, Gerald ton è un eccellente 
porto naturale al nord per le miniere aurifere di Murchison. 

Nella Colonia abbondano le ferrovie, le poste, i telegrafi, le scuole, gli 
istituti minerari e meccanici ed il telefono è in opera fra Perth, Free- 
mantle, Coolgardie, Kalgoorlie ed Albany. La città di Perth è bellamente 
situata sullo Swan River che in quel punto è largo un miglio. La vita 
sociale della comunità è buona ed attraente, perchè abbondano i diver- 
timenti d'ogni maniera. 

Il Wittenoon conchiude, che quello è un paese quanto mai adatto al- 
l'emigrazione di coloni forti ed industriosi, e per l'impiego di capitali. 



t^Totizie Bibliografiche. 

L' Istituto Geografico Justus Porthos di Gotha ha pubblicato la prima 
parte del XXII volume (1899) del reputatissimo Geographisches Jahrbuch 
redatto sotto la direzione di E. Wagner. Il fascicolo contiene le seguenti 
memorie : Progressi deW Oceanografia 1897 e 1898 di 0. Krummel; I pro- 
gressi metodici nei rilevamenti geografici di E. Hammer; Nuovi dati sulla 
costituzione geognostica della superficie terrestre di F. Toula; Belazione sulla 
corografia l' etnografia del mondo antico di T. Oberhusimer. 



Digitized by VjOOQIC 



292 

— Il R. Istituto Idrografico di Genova ha dato in luce il !.• volume 
degli annunziati « Annali Idrografici » Raccolta di documenti e noiisk 
circa V idrografia e la navigazione. E una bellissima pubblicazione 
contenente scrìtti di molto interesse geografico e della quale ci occu- 
peremo. 

— La Direzione Generale della Statistica ha pubblicato: Movimento 
dello Stato Civile^ Anno 1898, (un fase, di pag. LVil-69) e Statistica ddU 
cause di morte nelV anno 1898. « Introduzione » (un fase, di pag. LXVI). 

La stessa Direzione ha pure dato in luce una nuova edizione della 
Statistica industriale per la provincia di Lucca. 

— Nei « Rendiconti del R. Istituto Lombardo di Scienze e Lettere » 
(Serie II, voi. XXXIII, 1899) il nostro collaboratore Prof. G. Grasso ha 
pubblicato una interessantissima Nota: Sul significato geografico del nome 
e Serra » in Italia, 



k 



Digitized by VjOOQIC 



r^ifi -T^'j^ 



293 



BIBLIOGRAFIA 



Carta idrografica d'Italia. — Tevere {con atlante), — (Pubblioazione del 
Ministero di Agricoltura industria e commercio. — Direzione ge- 
nerale dell'Agricoltura) Roma Bertero 1899. Un voi. in 8, di p. XII- 
299 con Atlante di 2 carte e XyiII tavole (L. 4). 

La memoria che illustra il Tevere viene a completare e, in certo qual 
modo, a riassumere gli studi già fatti dal compianto ing. Zoppi sul- 
PADÌene e sul Nera. L'ordine seguito in questa monografia è quasi quello 
medesimo che fu adottato nelle precedenti memorie: essa consta di nove 
capitoli e di un'appendice distribuiti nel modo seguente: 

I. Orografia e geologia. — In questo capitolo vengono tratteggiati ra- 
pidamente i bacini del Tevere e dei suoi affluenti principali, la natura 
e la struttura dei loro terreni, i fenomeni idrografici che si presentano 
in essi, le sorgenti etc. e te. 

II. Pluviometri. — Prendendo per base i dati dell'Ufficio centrale me- 
teorologico, vengono calcolate la media pluviometrica delle varie zone 
del bacino del Tevere, la media speciale delle regioni più. interessanti 
pel regime e una media generale per l'intiero bacino. 

III. Idrometri. — Dopo aver dimostrate le differenze fra gli elementi 
fomiti dall'idrometro di Bipetta prima, durante e dopo la costruzione 
degli argini, l'autore cerca di stabilire dei punti di ragguaglio per mezzo 
dei quali sia possibile riconoscere le variazioni del fiume. Vengono 
forniti gli elementi per una scala idrometrica del Tevere, dedotta da 
75 anni di osservazioni: vengono anche esaminati e discussi i valori 
delle osservazioni fatte in tutti gli altri idrometri della gran rete plu- 
viale del bacino del Tevere. 

IV. Misura delle portate. — Questo capitolo ha una grandissima im- 
portansa per quello che riguarda le applicazioni industriali: in esso 
sono riportate tutte le determinazioni fatte sul Tevere e sugli affluenti, 
e, per mezzo di calcoli, sono dedotte le massime magre ohe possono 
verificarsi. 

y. Pendente. — Esse sono tratte in parte dalle quote altimetriche 
delle carte del B. Istituto geografico, in parte da livellazioni eseguite 
appositamente. 



Digitized by VjOOQIC 



294 

VI. Forza motrice. — Con gli elementi stabiliti nei due capitoli prece- 
denti viene calcolata la minima forza motrice sviluppabile nei vari 
tratti, sia a pendenza regolare, sia con forti dislivelli; e si dà un qua- 
dro sintetico della forza disponibile. 

VII. Uso delle acque, — Si espongono rapidamente gli usi ai quali 
sono attualmente destinate le acque del Tevere e dei suoi al&uenti, e 
si accenna ad alcune .vedute sulla loro sistemazione in avvenire. 

Vili. Torbide. — Questo capitolo presenta una importanza singolare, 
poiché riassume, per la prima volta, tutte le esperienze fatte sulle 
torbide del Tevere, esaminando in qual parte del suo bacino si formino 
più specialmente e quale sia la loro azione diretta sulle colmate, sugli 
interrimenti e suU'avanzarsi della foce. 

IX. Regime, — A questo non si è data l' esatta interpretazione che 
dovrebbe avere, o, meglio, non si è potuto dargliela; ma, pur astraendo 
dai vart stati del fiume o delle sue parti, si sono abbracciati tutti quei 
fenomeni che influiscono sulle vicende di un corso d'acqua, e che ri- 
guardano più specialmente Fidrografia pratica. 

Il regime pertanto è discusso non solo in rapporto col modulo, ma 
anche con gli stati di piena e di magra. Quindi, studiato il regime di 
ogni affluente e sorgiva perenne, viene esaminato in complesso tutto il 
sistema montuoso calcareo, che dà vita alle sorgenti principali, ed ò chia- 
ramente dimostrata Tarmonia che esiste fra i dati meteorologici e l'idro- 
logia e la geologia del sistema. Analogamente è esaminato il gruppo 
vulcanico dei Laziali. 

Nell'Appendice sono riferiti i resultati degli studi fatti ai prati di 
Castello, onde riconoscere il sottosuolo e studiare l'andamento dello ac- 
que di circolazione e di filtrazione. 

Con la presente memoria è unito un atlante, il quale contiene una 
carta litologica dell'intiero bacino del Tevere, ed una carta idrografica, 
ambedue alla scala di 1:500.000; segue poi una copiosa serie di disegni 
rappresentanti le sezioni trasversali del Tevere e dei suoi affluenti più. 
importanti. 

Nel suo complesso la presente Memoria non è* certo un lavoro geo- 
grafico, perchè in esso ai prendono in considerazione e in esame solo 
quei problemi che hanno un rapporto diretto con l'idrografia pratica e 
con l'idraulica; ma, nei particolari, essa ha un valore singolare anche 
nel campo scientifico. E un lavoro da ingegneri; e, dirò anche, non po- 
teva essere condotto e compiato altro che da un ingegnere; ma certe 
osservazioni, certe deduzioni e certe determinazioni hanno una grande 
importanza per. chi volesse fare uno studio geografico sul Tevere; e 
questo per due motivi: primo, perchè sono fatti per la prima volta sul 
bacino del Tevere, secondo, e questo importa ancor più, perchè sono ba- 
sati su metodi rigorosamente pratici. É notevole anche il fatto, che ia 
questa memoria si e no stati presi in considerazione alcuni laghi di grande 
importanza. 



Digitized by VjOOQIC 



f^9t '^'\^ I 



296 

Mi piace di riferire qui alcune misure lineari e superficiali, eseguite 
sulle carte dell'Istituto Geografico (25 e 60.000) col planimetro e con 
metodi non meno pratici e sicuri. Ecco alcune supcrfìci: 

Bacino generale del Tevere Kmq. 17.1t!9 

mentre secondo il Baccarini si avevano ... > 16.726 

secondo i Cenni Monografici si avevano ... » 16.726 

secondo lo Strelbitsky si avevano » 17.753,8 

Bacino del Paglia . 1.302 

» Nera » 4.276 

9 > Aniene » 1.414 

» » lago Trasimeno » 294 

» » > di Bracciano » 149 



Ecco poi lo sviluppo chilometrico di alcuni corsi d'acqua e 
metro di alcuni laghi: 

Piume Tevere Kil. 

(Secondo il Baccarini e i Cenni Monografici 893 e se- 
condo lo Strelbitsky 320). 

Fiume Paglia » 

Nera > 

» Aniene > 

Lago Trasimeno . » 

> di Bracciano . » 



il 



pen- 



403 



64 

116 

102 

54 

30 



In apposita tabella sono poi riportate le profondità dei laghi del ba- 
cino, ammesse prima del 1895, poste a oonfironto collo recenti ed accurato 
determinazioni eseguite negli anni 1996-97 dal Dott. De Agostini. Mi 
permetto osservare a questo proposito che pel lago di Piedi luco viene 
data come di incerta fonte la profondità di m. 28, mentre il Riccardi 
aveva misurato prima del 1825 m. 23 25 (1) e il Mori nel 1893 otteneva 
per profondità massima m. 19.60(2), determinazione delle quali non tiene 
conto l'autore della memoria. 

Hanno poi un grande valore anche le medie pluviometriche di Roma 
e di Perugia, per le quali stazioni si conservano dati fino dal principio 
del nostro secolo. Per Roma si hanno mm. 783.0, per Perugia mm. 937.0. 

Per quello che riguarda la portata del Tevere, le determinazioni ese- 
guite nella presente monografìa, fra apprezzamenti tanto disparati 
quanto lo sono quelli che si avevano prima^ hanno un certo valore, per- 
chè redatte in base ad un numero maggiore di esperienze dirette. Si 
avrebbe dunque una portata massima di me. 3500 e una mìnima di 
me. 90 (idrometro di Ripetta). 

Altro elemento di gran valore negli studi idrografici con indirizzo 
scientifico sono le torbide: a nessuno può sfuggire Timportanza della 
dieterminazione della media quantità di materiale trasportato in sospen- 



(1) Riccardi G. Ricerche storiche e fisiche svila caduta delU Marmare ed 
osservazioni sulle adiacenze di Temi. — Roma, 1825. 

(2) Mori Attilio. Alcune notizie sui laghi velini con carta batimelrtca del 
lago di Piedilnco (in « Rivista Geografica Italiana » Anno II. 1895 pag. 217). 



Digitized by 



Google 



sione e poi depositato da un corso d'acqua; infatti esso, secondo il po- 
tere colmante, interrisce variamente l'alveo e fa avanzare in mare la 
foce; e questi sono fenomeni che concorrono potentemente, a modificare 
la morfologia terrestre. Ora, secondo la presente memoria, il Tevere, 
in media, convoglia ogni anno 10.618.802 tonnellate di materiali, i 
quali, avendo un peso specifico medio di 2, equivalgono a me. 5.309.401 
di sedimento. Queste torbide manifestano intensamente la loro azione 
negli insabbiamenti alla foce del Tevere, la quale si sarebbe avanzata 
di 12 Kil. nel modo seguente. Ai tempi di Anco Marzio (633, a Cr.) la 
foce del Tevere era già pervenuta ad Ostia; quindi si era avanzata di 
7900 m. in epoca ignota. All'epoca di Traiano (110 d. Cr.) essa si era 
avanzata per altri 950 m. (m. 1.28 all'anno); nel 1569 per 1750 m. 
(1.20 m. all'anno); nel 1662 di 650 m. (6.91 m. all'anno); nel 1773 di 
450 m. (m. 4,06 all'anno); nel 1876 di 400 m. (3.88 m. all'anno). 

Fra tutti i capitoli di cui si compone la presente monografìa, hanno 
grande importanza quelli nei quali è presa in esame la natura e la 
struttura del terreno in rapporto con l'andamento dell'idrografia sotter- 
ranea, (I e IX) perchè in essi è riconosciuto e provato assai bene che 
la natura dei terreno, rispetto alla infiltrazione delle acque ed alla 
loro circolazione interna, unita colla sua struttura, rispetto al grado di 
resistenza agli agenti esterni, sono un ottimo criterio per studiare e 
spiegare certi fenomeni idrografici nel loro complesso e nelle loro par- 
ticolarità: per es. il regime di un fiume e l'andamento delle sue piene. 
A tal proposito è assai notevole il capitolo nono, il quale tratta del re- 
gime del bacino Tiberino. 

Il modulo annuo del Tevere a Bipetta risulta di, me. 230 : ora, es- 
sendo la superficie del bacino a monte di questa località uguale a 
Kmq. 16592, per alimentare tal modulo occorre una media di precipi- 
tazione uguale a mm. 437 per anno; ma questa media annua è invece 
di mm. 1073, dunque gran parte di essa non scorre nel fiume. Tale è 
la prima osservazione generale che fa l'autore sul regime del bacino 
del Tevere ; e, esclusa ogni possibilità d'errori, viene ad ammettere che 
il fenomeno sìa dovuto a tre fattori. 1.^ Assorbimento delle roccie per- 
meabili per alimentare sorgenti esterne al bacino. 2.* Evaporazione 
della superficie delle acque. 3.° Evaporazione del terreno e assorbimento 
per parte della vegetazione. Ma, anche considerati i primi due fìitti, si 
avrebbe un modulo medio di 242 m. cai bastano mm. 460 di precipita- 
zione media: dunque vanno dispersi mm. 613, e questa dispersione è 
dovuta al terzo fattore. 

Per ultimo, passate in rassegna le sorgive dei monti calcarei com- 
presi nel bacino del Tevere, si esaminano le loro funzioni complessive. 
La superfìcie totale di quelle masse è uguale a Kmq. 3874, e aggiun- 
gendo la metà della superfìcie delle rocce semipermeabili, si avrebbe un 
totale di Kmq, 4500. 

Ora la media portata dell'intiero sistema idrografico di questa regione 



Digitized by VjOOQIC 



297 

è ugnale a me. 108.40; per alimentare questo modulo occorrerebbe una 
precipitazione di mm. 634 e 730; si può ammettere che la media della 
regione da noi considerata sia ugnale a mm. 1250: quindi resulta evi- 
clente Tarmonia fra la pioggia caduta e quella convogliata dai corsi 
d*acqua. Questo dimostra che, mentre i bacini esaminati parzialmente 
presentano delle anomalie, il loro complesso palesa evidentemente la 
regolarità della circolazione sotterranea delle acque, le quali perven- 
gono alle più facili sorgive, indipendentemente dalla conformazione 
esterna dei bacini, dopo aver percorso lunghe e tortuose vie. 

In mezzo ai tanti pregi che riassume in se questa monografìa, ho 
notato due mancanze: un pò* di storia delle trasformazioni idrografiche e 
lo studio del rivestimento vegetale in rapporto con le torbide ed il re- 
gime del Tevere. Il primo difetto può trovare scusa nelTindole stessa 
del lavoro; ma il secondo no, perchè anche nei precedenti lavori di ca- 
rattere uguale a questo, tale fattore, anziché essere omesso quasi total- 
mente, viene studiato con molta cura. 

Dott. Eugenio Oberti. 



GAETANO Dott. SANGIORGIO. — I primi contorni di una storia commer- 
ciale del Maditerraneo. — Roma, Soc. ed. Dante Alighieri, 1900. 

Ricca di dottrina e di utili insegnamenti è questa conferenza del pro- 
fessore milanese il quale, più. rapidamente scorrendo sulle vicende del- 
l'evo antico, soffermasi a preferenza su quelle dell'età di mezzo e dei 
tempi a noi più. vicini. La funzione storica del Mediterraneo vi è con- 
siderata con novità d'osservazioni e raffronti, e la condizione dell'Italia 
attuale di fronte al grande problema è indicata con sicurezza, e ricorda- 
tole il suo debito con quel calore che non manca mai agli scritti del S. 

Porse la chiarezza vi guadagnerebbe se lo stile fosse più sobrio di 
quello che è; ma ò inutile ora ripetere ciò che ha detto il Direttore dì 
questa « Rivista » riferendo nel 1898 (p. 330 dell' anno V) sul bel vo- 
lume del S. stesso intitolato « Il commercio del mondo >. 

Guido Bigokj. 



RIVISTA DEI PERIODICI 



Tlte Geosraplilcal Journal. — Voi. XY, N.' 4, Aprile 1900. 
I. Murray e Fbd. Pullar. Studi hatimetrid sui laghi d* acqua dolce 
della Scozia, Questo lavoro, che riassume una grande quantità di risul- 
tati di attente osservazioni batimetriche sui laghi scozzesi Katrìne, 
Arklet, Achray, Vermachar, Drunkie, Lubnaig, Voli e Doine, è della 
massima importanza, anche pel metodo tenuto nelle osservazioni che fu- 
rono eseguite con un apparato speciale disegnato dal signor Pullar e 



Digitized by VjOOQIC 



298 

descritto in questo articolo. Bellissime le incisioni e le sette splendide 
carte (Orografia ed area di scolo, Superficie geologica, Precipitazione an- 
nua media, Laghi Katrine ed Arklet, Laghi Achray Vennachar e Drun- 
kie, Lago Lubnaig, Laghi Doine e Voil). 

H, R. MiLL. Frammento della Geografia delVInghiìierra. Il Susaex sud- 
occidentale. Il M. continua il suo interessantissimo studio sul Sussex 
sud-ovest, parlando dei boschi e dell'agricoltura, delle parrocchie, dei 
nomi di luogo, della distribuzione della popolazione e de' suoi movimenti, 
delle città e dei villaggi, delle industrie. 

C. Raymond Beazlev. Nuova luce su alcune carte medievali. In questa 
parte del suo studio il B. tratta delle tre carte che vanno sotto il nome 
di Lamberto di S, Omer, delle carte illustrative di Sallustio e di Ma- 
crobio, delle < C limata » e poi delle cosi dette carte T-0 secondo quanta 
scrisse il nostro Dati: 

u Un T dentro a un O mostra il disegno 
« Come in tre parte fa diviso il mondo ». 

La spedizione di Moore al Tangagnica. Il magg. Malcolm Fergusson, 
che fa parte della spedizione Moore, dà alcune notizie del viaggio e nello 
stesso tempo la posizione astronomica di alcuni luoghi sul Tangagnica, 
per cui la delineazione di questo lago si deve trasportare notevolmente 
verso ovest. Ugigi, per es., che secondo il Cameron era a 30® 4' 30' di 
long. E si trova invece, secondo i calcoli del Fergusson, a 29»40'30". 

G. E. Church. Le rovine di città delV America centrale. Recensione di 
« A Glimpse at Guatemala and some Notes on the Ancient Monuments of Cen- 
tral America di Anne Cary Mandslay ed Alfred Pbrcival Mandslay 
(Murray, 1899). 

R. Strachey. Raooonfo di un viaggio ai laghi Rakas^Tal e Manasarowar^ 
nel Tibet occidentale^ fatto nel Settembre 1848. 

Idem. — Voi. XV, N." 5, Maggio 1900. 

I. Mackinder. Viaggio alla vetta del monte Chenia^ Africa orientale in- 
glese. Il M. dopo un lungo e penoso viaggio eh' egli racconta proprio ar- 
tisticamente, potè mettere il piede sulla vetta del monte Chenia il 17 set- 
tembre 1899 a mezzogiorno preciso. La vetta misura un'altezza di 5250 
metri sul livello del mare. Due belle carte e splendide incisioni accom- 
pagnano il racconto del Mackinder, il quale riassume poi in fine i risul- 
tati cartografici, altimetrici, geologici, meteorologici, geologici, botanici 
e toponomastici del suo interessante viaggio. 

Fred. W. Carey. Viaggi negli Stati cinesi Scian. Descrizione dei di- 
stretti J-Bang, Jwun, Meng, Lien ecc. Il C. andava in cerca di materiali 
per la sezione Semao (Junnan) dell'Esposizione di Parigi. 

G. ScHOTT. L'opera oceanografica e meteorologica della spedizione tedesca 
« Valdivia ». Scandagli, temperatura delle profondità marine, ghiaccio 
antartico, meteorologia. 

M. Conway. Note sopra una carta d'una parte della CordUiera Beale 



Digitized by VjOOQIC 



299 

della Bolivia. Alcune note altimetriche della parte più alta della Cordi- 
gliera Reale della Bolivia. 

The Scottish Oeog^raphloal Mai^azine» Voi. XYI, N.« 4, 
Aprile 1900. 

I. Murray e Fbd. P. Pullar. Studi hatimetrici sui laghi adacqua 
dolce della Scozia. Lo stesso studio comparso nel Geog. Journal. 

Patrick Robertson. // possibile sviluppo commerciale delVAfrù^a Cen- 
trale Inglese. La capitale commerciale dell'Africa centrale inglese è Blan- 
tyre, situata sull'altipiano del Sci rè all'altezza di 3400 piedi : essendo 
difesa da un anfiteatro di colline dai venti malarici del paese basso, è 
un luogo di sana residenza anche per Europei. II paese è tutto coperto 
di boschi e foreste densissime e le precipitazioni atmosferiche abbondanti 
favoriscono qualunque prodotto vegetale. Abbondano il ferro, il carbone, 
la piombaggine e tutti i minerali più. utili. Molto profittevole sarebbe 
la coltivazione del riso, dello zucchero ed anche del tabacco qualora 
questa si potesse affidare specialmente ad operai indiani o cinesi. Altro 
prodotto di grande avvenire è l'aloe sansoviera, pianta tessile la cui col- 
tivazione si potrebbe alternare con quella del caifò. 

La mano d'opera non manca, essendo gli indigeni docili ed intelligenti; 
ma si sente molto la deficienza delle comunicazioni e specialmente la 
mancanza di una ferrovia, tanto più quando si consideri che l'altopiano 
del Scirè è la chiave dell'Africa Centrale non solo Inglese, ma Tedesca, 
Portoghese e dello Stato Libero del Congo. 

Idem. — Voi. XVI, N.° 6, Maggio 1900. 

Helgi Pjbtursson. La formazione glaciale palagonitica delV Islanda. 
L'A. parla di alcune recenti osservazioni sul tufo e la breccia o la cosi 
detta formazione palagonitica dell'Islanda. Mentre i geologi fino a qui 
ritennero che questa formazione sia di origine antichissima egli crede 
di potere venire ad una conclusione molto differente; cioè che sia un 
prodotto di varie successive glaciazioni. (Si cfr. A. Penck, Ueher Pala- 
gonit'Und Basalt-tuffe in « Zeit. d. deutsch. Geol. Ges. », 1879, pp. 668). 

I premiati della Società Geografica Scozzese. Ebbero la medaglia il 
cap. Adriano de Gerlache ed il luogoten. Giorgio Lecointe della Belgica^ 
il prof. Chun ed il cap. Adalberto Krech della Valdivia. 

La spedizione antartica belga. 

La conferenza intemazionale per ricerche marittime. Stoccolma, 1899. 
Programma per ricerche idrografiche e biologiche nelle parti settentrio- 
nali dell'Oceano Atlantico, nel Mare del Nord, nel Baltico e nei mari 
circonvicini. 

O. Pettersson. Rapporto al governo della commissione idrografica sve- 
dese riguardante V organizzazione e la spesa del contributo svedese alla in- 
vestigazione internazionale cooperativa dei mari settentrionali. 



Digitized by VjOOQIC 



l&OO. X.» 



DELLA " SOCIETÀ DI STUDI GEOGRAFICI E COU)NIALI „ RESIDENTE IN FIRENZE 

(già Sez. fiorentina della « Soo. Africana d'Italia ») 



L'ufficio di Presidenza della Società di Studi Geografici e 
Coloniali non appena ebbe notizia della sciagura gravissima 
che colpiva la Società per la perdita del suo illustre Presi- 
dente Prof. Comm. GIOVANNI MARINELLI provvedeva perchè la 
Società stessa partecipasse in largo modo alle onoranze che 
si sarebbero rese alla memoria di Lui. Tutti i componenti il 
Consiglio Direttivo ed un gran numero di soci intervennero 
quindi al funebre trasporto, ed una corona di fiori freschi fa 
deposta sul feretro a nome della Società. Alla stazione ferro- 
viaria ove la salma venne deposta per essere trasferita ad 
Udine, il Vice Presidente della Società Prof. Carlo Giuliani 
pronunziava le seguenti parole di ultimo commiato: 



Consoci carissimi j Illustri Signori, 

Alle autorevoli voci di preclari scienziati e di civili dignitari debbo 
unire la mìa umile parola come rappresentante della Società di Stadii 
geografici e coloniali, di cui il venerato e carissimo estinto fu Pre- 
sidente, 

Io lo ricordo, quando in occasione del Primo Congresso nazionale 
geografico in Genova, ricevuti gli ossequi della Sezione fiorentina 
della Società africana d'Italia, cosi allora e* intitolavamo, mentre di- 
ce vasi lietissimo di portare in questo centro eletto di studii la sua 
cattedra, si dichiarò pur ben contento di apprendere che qua tro- 



Digitized by VjOOQIC 



301 

▼ava un manipolo di fervorosi e fedeli amanti delle discipline geo- 
grafiche. Tntti Io avete presente qaando, esaminata T umile, ma per- 
severante, opera nostra, consenti d'entrare nelle nostre file e poco 
dopo di accettarne la presidenza; indi ci aperse la via a più sicuro 
indirizzo, rendendo autonoma e più praticamente utile la Società che 
assunse il presente titolo. Ed ora che, dopo la cooperazione da noi 
prestata al Terzo Congresso nazionale geografico, mercè la iniziativa 
nostra, da lui presentata e sostenuta, radunato a Firenze, si pro- 
poneva di esplicare e far fiorire più rigoglioso e fruttuoso che mai 
il nostro sodalizio, crudele ed immatura morte ce lo rapisce! 

Ben più amaramente, per certo, lo piange la famiglia amatissima 
che tanto lo riamava; ma insieme alle lacrime degli amici, dei col- 
leghi, dei discepoli che lo amarono qual padre, calde e sincere si 
mischian le nostre, e il rimpianto cui partecipiamo, lo seguirà nelle 
patrie terre, ove la sua salma va a ricercare l'ultimo asilo. Viva e 
perenne rimarrà però la memoria fra noi del suo fervente amore 
alla scienza, delle delicate e leali maniere con le quali trattava con 
tntti, della miracolosa operosità che, ahi!, troppo presto lo ha logo- 
rato, n più grande onore perciò che potremo rendere alla sua me- 
moria, sarà quello di battere la via da lui segnataci, d'infervorarci 
negli studii suoi prediletti, d'emularne l'utile attività. 

Ed ora, vale, o Maestro e duce; aleggi tra noi il sereno tuo spi- 
rito, infonda conforto nei cari tuoi desolati, e in tutti coloro che ti 
portarono stima ed affetto per l'elettissime doti della mente e del- 
l'animo. 

Firenze a dì 4 Maggio 1900. 

C. Giuliani 

Vice-presidente doUa Soc. di St. geogr. e col. 



— Il giorno 7 maggio adunavasi il Consiglio Direttivo della So- 
cietà e deliberava che fossero manifestati alla famiglia del com- 
pianto Presidente i vivi sentimenti di cordoglio del Consiglio e 
di tutti i consoci; che ad iniziativa della nostra associazione fosse 
tenuta in Firenze una solenne commemorazione dell' illustre estinto, 
possibilmente nei primi giorni di giugno, affidando T incarico del 
discorso commemorativo al chiarissimo professore Giuseppe Pen- 
nesi della R. Università di Padova, il quale cortesemente accettava 
l'invito rivoltogli. 



Digitized by VjOOQIC 



302 



CONFERENZE. 



Per iniziativa della Società furono tenute durante il corso dei 
mesi di aprile e maggio alcune pubbliche oonferenae di carattere 
geografico-coloniale. 

La prima di dette conferenze ebbe luogo la domenica 22 aprile 
nel salone del Circolo Artistico gentilmente concesso e nella quale 
l'egregio nostro consocio Gap. RuflBllo Perini {Gabre Negus) trattò 
delle Milizie Coloniali nelV Eritrea; la seconda conferenza fu tenuta 
la domenica successiva nella stessa sala ed in essa il chiarissimo 
Comm. Pietro Barbèra disse della Capitale delV Argentina, Ambedue 
le conferenze furono lette dal Sig. B. Kodermann ed illustrate da 
numerosissime proiezioni fotografiche luminose per cortese opera 
dell'egregio nostro consocio Dott. L. Sassi. 

Domenica 13 maggio nell'Aula Magna del R. Istituto Superiore, pre- 
sente un pubblico oltremodo numeroso e con l'intervento di S. A. R. 
il Conte di Torino, fu tenuta la terza conferenza dal titolo: In Alto 
dal Colonnello Giuseppe Giacosa il quale brillantemente descrisse 
alcune scene della vita sulle Alpi. Prima della Conferenza il Vice 
Presidente della Società Prof. Carlo Giuliani pronunziò le seguenti 
parole : 

« Altezza reale^ Signore e Signori, Consoci carissimi, 

« Il convocarvi oggi in nome della Società per sette anni presie- 
duta dal teste defunto Prof. Giovanni Marinelli, ed in quest' aula 
ove, due anni or sono, per l' unanime consenso di più centinaia di 
cultori della scienza geografica, Egli fu acclamato Presidente del 
Terzo Congresso geografico italiano, nel quale la sua acuta e pronta 
intelligenza, la instancabile attività personale, la parola fluida, grave 
insieme e scintillante, non meno che felice, impressero cosi speciale 
carattere, parve al Consiglio direttivo che non potesse eflfettuarsi 
senza che del compianto Presidente si facesse uno speciale ricordo. 
Ma poiché la brevità del tempo tra il ferale 2 Maggio ed oggi non 
permetteva che niuno potesse approntare un discorso commemorativo 
che riuscisse meno indegno della persona che si doveva onorare e 
più rispondente al sincero e caldo rimpianto che s' inalza dai nostri 
cuori, pur ricevendo V annunzio che una solenne commemorazione 



Digitized by VjOOQIC 



303 

sarà tenuta per conto della Società da uno dei Professori universi- 
tari di Geografia che per la dottrina e per V affetto al defunto sia 
a ciò meglio idoneo, permettete cli4o compia P incarico affidatomi di 
salutar la memoria del Prof. Marinelli nella prima pubblica nostra 
riunione dopo la immatura sua dipartita. 

« Né meglio saprei fargli onore che additandolo a noi stessi e alla 
gioventù studiosa quale modello di amore agli studii dapprima^ poi 
alla scienza geografica divenutagli prediletta, e come esemplare d'at- 
tiva e pertinace operosità spiegata a conseguire il fine impostosi, 
r avanzamento e la diffusione tra noi dello studio della Geografia 
pel progresso della scienza e pel bene della gioventù e della patria. 

« Noi lo vediamo infatti sempre fervoroso nelKamor dello studio, 
sia che attenda agli studii classici come preparazione, o che inizi 
prima il corso di Matematiche pure, o per ossequio ai paterni di- 
segni si volga Tanno di poi alla Giurisprudenza, quale avviamento 
ai maggiori impieghi civili, oppure, a sodisfazione della naturale ten- 
denza, si dia nel patrio Istituto tecnico di Udine alP insegnamento 
di Lettere italiane, Storia e Geografia. 

< Gli undici anni in questo ufficio impiegati furono altresì spesi nel 
prepararsi autodidatticamente all'insegnamento della Geografia per 
la quale si era decisamente spiegata la sua vocazione, che ricevè 
impulso a più vasti concepimenti del fine e del valore di questa 
scienza dagli scritti di Bartolommeo Malfatti, suo predecessore nella 
Cattedra di questo illustre Ateneo occupata dal nostro per circa 
otto anni 

« Maturo oramai intellettualmente, rimesso da una crisi fisica subita 
per il soverchio strapazzo del notturno studiare, consegue la succes- 
sione nella Università di Padova nella cattedra lasciata dal Nestore 
dei geografi italiani, il Prof. Dalla Vedova, chiamato a Roma. Mi- 
rabile e degnissima d' imitazione appare, a chi ne ripercorra il cam- 
mino, V operosità scientifica dei quattordici anni ivi trascorsi dal 
Marinelli. 

« Né la sola scienza più lo occupava: ma i meriti suoi e le sva- 
riate attitudini gli procuravano uffici civili e, finalmente nel 1890, un 
seggio nel Parlamento nazionale. Ed anche in questo altissimo uf- 
ficio trovò modo di esercitare V apostolato suo per la Geografia di- 
fendendone gl'interessi e la dignità, affinché le fosse concesso nei 
diversi gradi di scuole il posto che le competeva, e venisse inse- 
gnata secondo i programmi e i metodi più adatti. 

« Nei sodalizi cui appartenne, o di cui ebbe la Presidenza, come 
nella Società alpina friulana e nella nostra, si studiò di far preva- 



Digitized by VjOOQ IC 



304 

lere il concetto che dovessero servire alla conoscenza scientifica del 
paese e delle sue condizioni geografico economiche, affinchè più as- 
sennatamente si ricercassero alFinterno ed all'estero i mezzi di av- 
vantaggiarne gl'interessi e la grandezza. 

« Dette nuovo e sempre più luminoso saggio d'eccellenza d*ingegn<> 
e d'animo nella parte che prese attivissima si al Terzo Congresso 
geografico internazionale tenutosi nel 1881 a Venezia, sì ai tre na- 
zionali di Genova, Eoma, Firenze. Quest'ultimo fu, come felicemente 
si è espresso il nostro carissimo collega Mori, la sua apoteosi e il 
suo monumento. Infatti le prove di pratico senno, vasta dottrina, 
operosità amorosa, fornite nel prepararlo e dirigerlo, le testimonianze 
di stima e di aifetto ricevute, ne ingigantirono agli occhi d'ognuno 
la estimazione e la rinomanza, giudizio confermatosi ora appunto 
per la pubblicazione compiuta degli Atti del Terzo Congresso geo- 
grafico italiano. 

« La fatica corporea che si era cosi procacciata, eccessivamente au- 
mentata dalPaver contemporaneamente portati a termine due altri 
poderosi lavori, la Guida della Carnia, prezioso modello di studio 
metodico d'una regione, e le ultime parti del volume sull'Italia nella 
sua classica opera La terra, logorò siffattamente l'organismo suo da 
non gli permettere d'aver vittoria sul morbo che lo ha tratto di soli 
54 anni alla tomba. 

« Ma viva perennemente ne resterà la memoria, fra i cultori non 
solo delle discipline geografiche, ma fra quanti hanno in pregio 
l'ingegno sposato alla bontà, all'affabilità, e ad ogni altra più splen- 
dida, più gradevole umana dote. 

< Il compianto universale sollevatosi al suo scomparire, il ricordo 
dell'affetto suo, possa lenire la ferita che morte aperse nel cuore 
della sua degna famiglia e di quanti lo ammirarono e gli portarono 
amore. 

« Ed ora cedo la parola all'egregio conferenziere che, come nel 
decorso anno, si compiace intrattenerci con la sua vivace ed elevata 
parola, e ci ha procurato coi suoi meriti personali l'onore insigne 
d'accogliere fra noi TAagusto Principe, graditissimo ospite della no- 
stra Firenze, ed al quale rinnovo pubblicamente le più vive azioni 
di grazie per la sua degnazione >. 






Digitized by VjOOQIC 



Opere pnbblicate dalla Società Editrice Dante Alighieri 

Doti. F*. M. PA.SANISI 



TESTO DI aEOaRAFIA. 

PER LE SCUOLE SECONDARIE SUPERIORI 

(Lioeii latitati Teooioi, OoUegi ICilitari, Soaole Normali) 
Un grosso Tolame di oiroa 6S0 pag., illustrato con numerose figure originali L. 5. 

Dello stesso autore: 

CLEMENTI DI GEOGRAFIA 

tu le Scuole secondarle Inferiori (Ginnasi, Scuole tecniebe, complementari, ecc.) 

Un elegante volume riccamente illustrato L.' 2,75. 

GEOGRAFIA PARTICOLARE DELUITALIA 

TESTO PEB LA IV CLASSE GINNASIALE 
Un volume illustrato di oiroa 180 pagine, L. 1,50. 

Geografia particolare delle Regioni d'Europa 

TESTO PER LA V CLASSE GINNASIALE 
Un volume illustrato di siroa 180 pagine Lire 1,50. 

ATLANTE PEL DISEGNO CARTOGRAFICO 

ad U80 delle ecuole e econdarie claniche, tecniche e normali 

Introduzione metodica e testo metodico con 26 figure ed 8 carte 

Volume oon P introduzione metodica L. 2. — Senza Pintroduzione metodica L. 1 50* 
I>rof. I^RAlN^CaBSaO PORRO 



NOZIONI DI COSMOGRAFIA 

per le ecuole secondarie inferiori e per i maestri 
Un. Vol-uncxe di oltre oexito pag-lzxe ILiird 1. 

Professor GIOVANNI MARINELLI 
Ordinario dì Geografia nel B. Istituto di Studi superiori di Firenze; Dep. al Parlamento 

LE JPROVINOUE D'ITALIA. 

Bretd cenni geografici, etalietici e storici raccolti in 69 quaàemiper lo studio della geografa 
patria nelle scuole elementari e cov^ìementari, secondo i programmi governativi 

Ogni quaderno è destinato ad una Provincia e contiene: 
Confini — Su^rficie e popolazione — Circondari o Distretti — Situazione topografica — 
Configurazione orizzontale — Configurazione verticale — Idrografia — Strade ~ Clima ' 

— Culture principali e prodotti — Coltura inteUettuale, previdenza, eoo. — Circosori- 
■ioni varie — Cenni sul capoluogo di provincia e sui principali centri di popolazione 

— Note speciali sulla provincia — Cenni storici. 

Ogni quaderno $i vende separatamente al preceo di Ceni» iO o di Cent» |B 
eecondo U nwmero dei fogli* 



DL — %e pubblicazioni qui annunziate si trooano presso i principali librai» 
e si spediscono franco di porto a chi le richiede direttamente alla 

Mttrtoe Diate AUgUeri In K9ÌIU1, Gorgo («ngolo dal CaraiiU a. •). 



Digitized by VjOOQIC 



•*>w 



A.'WÌ& O 



Per una recente disposizione presa dal Consiglio di Diresione della 
Società di Studi Geografici e Coloniali d'accordo con la Società Editrice 
Dante Alighieri, la collaborazione alla « Rivista Geografica > è limitata, 
di regola^ ai doli Soci di detta Società di Stadi Geografici e agli abbo- 
nati alla « Ei vista ». 

Si raccomanda ai collaboratori la massima brevità conciliabile con la 
trattazione esaariente del soggetto. Di regola le memorie non devono ol- 
trepassare le 16 pagine di stampa. 

Sono gradite le brevi comunicazioni e notizie originali su tutto il vasto 
campo della geografia, le bibliografie^ sia semplicemente obiettive, come 
anche critiche. I manoscritti non si restituiscono. 



La Società di Studi Geografici e Coloniali| trovandosi in possesso di 
alcune diecine di copie della Raccolta completa del ^ Bollettino dells 
Sezione fiorentina della Società Africana d'Italia „ (Dieci annate 
1885-1894), ha stabilito di cederle ai propri Soci e a quelli delle altre 
Società Geografiche italiane e straniere, e agli abbonati della e Bivista 
Geografica Italiana » al prezzo di L. 10 per l'intera Baccolta. 

Tale Raccolta consta di 10 volumi , di quasi 8000 pagine complessive, 
arricchiti di carte geografiche, ritratti e fotografie. Contiene numerosi ed 
importanti articoli originali riguardanti l'Africa ed una copiosa e minuta 
rivista del movimento geografico e coloniale africano e specialmente dd- 
l'azione italiana nell'Eritrea e nell'Africa in generale, in tutto il decen- 
nio 1886-1894. 

Le richieste potranno essere inviate con cartolina vaglia di L. 10 alls 
presidenza della Società (Piazza S. Marco 2, Firenze). 



La miiTMTA «I iiatolillea m, tam^kfll Illustrali di «4 [M^B«f «•• •«•! 
mesei eeeettaaH Setteaibre ed Ottalire. 

L'abbonamento annao e di L IO» oon facoltà di pagarle anche In due rate ènti- 
olpate. Per resterò L i[^» — Un fasolooh separato L, l^SO* 

III MIGLIOR HllDO l»l AméOMAWkmi È QUELLO UM SPJBMMB AIAA 
SOCIETÀ EDITRICE e DAUTE ALIGHIERI » Roma, Carso (angolo Cara» 
Vita, O) VIVA CARTOLIMA-TAGLIA colla semplice sposa di cent. 15. 

I reclami per mancate spedisioni si rirolgano sempre all'AnHRiiiiSlnaioat in 
Corto {angolo del Carovita n. e) 



Firenze, 1900. — Tip. U. Blooi. Vittorio ToxAti, ^er. r««p. 



Digitized by VjOOQIC 






Annata VII. 



Fascicolo VI-VII. 



Giugno-Luglio iSOO. 




BOLLETTINO 

DELLA SOCIETÀ DI STUDI GEOGRAFICI E COLONIALI 

IN FIRENZE 



* Direttore: Prof. G. MARINELLI 

RedaUore: ATTILIO MORI, Via S. Gallo, 31, Firenze. 



Sommario del presente fascicolo. 



«{•▼aiittl Marinelli. — Commemorazione letta il 14 Giugno 1900 dinanzi air As- 
semblea generale della Sociei;i di Studi Geografici e Coloniali nell'Aula Magna 
di Studi Superiori in Firenze da G. Pennesi. — Elenco delle pubblicazioni di 
G. Marinelli. 

■•■larle «ri^ Inali. — Filippo Porena, Le scoperte geografiche del secolo XIX. 

— Olinto Marinelli, Primi materiali per la storia della cartografia mar- 
chigiana. — G. LoD. Bertolini, Della linea e dei fiumi di resorgiva in rela" 
sione al territorio veneto. — Pietro Gribaudi, La Patagonia secondo recenti 
studi. — Giuseppe Toni, La Lunda e i suoi popoli. — B. Gilardi, La Corsica. 

— Lavori dello « Scilla * e pubblicazioni del R. Istituto Idrografico durante 
Canno i899. 

■•Male. — Geografia fisica. — Geografia coloniale. — Concorsi. — Notizie biblio- 
grafichcu 

MMIa^raaa. — Annali Idrografici. Raccolta di documenti e notizie circa Vidro- 
grafia e la navigazione (Olinto Marinelli). — T. Taramelùi, Relazione sulle 
condizioni geologiche del Colle Montello in rapporto alla circolazione sotter- 
ranea delle acque (Olinto Marinelli). 

iUrtaia del PeHedlel. — Annales de Géographie (IX, Marzo 1900). — La Géogra- 
phi« (N. 4, Aprile 1900).— Revue de Gèographie (Aprile 1900). — Idem (Mag- 
gio 1900). 

Atti «ella e «aeiel* di Sf adi seograliei e coloniali » residente In FIrenBe. — 
Adunanza generale amministrativa del 26 Maggio 1900. — Adunanza generale 
solenne del 14 Giugno 1900. 



.x'%%:%«v%wx%<«.x%«.x<«Mwxx'«.<« 



ROMA 
Società Editrice Dante Alighieri 

Corso (angolo del Carayita K. 6) 

1900 



Digitized by 



Google 




DCIETÀ EDITRICE DANTE ALIGHIERI 



.^r.V PUBBLICAZIONI PERIODICHE PEL 1899 

Biblioteca Storica del Risorgimento Italiano 

diretta da T. CASINI e V. FIORINI. 

Di questa Biblioteca si sono pubblicati i seguenti volumi:, 

1. V. FioRim. — Oli atti del CongrreftftO Cispadano. Voi. di pag. 206. — L. 2. 

2. 0. Carducci. — !•« prime vittime di Franoesoo ZV, duca di Xodena. Notule di ▲. Pap 

nizzi. Voi di pag. 230. — L. 2. 
8. T. Casihi. — Zia rivoluzione di Milano nell'aprile 1814. Kelazioni storxohe di L. Arma- 

roli e C. Verri. Voi. di pag. 200. — L. 2. 
4. GioYANHi Sforza. — Garibaldi in Toscana nel 1848. Voi. di pag. 72, L. 1. 
5-6. T. e' ASINI. — Memorie di nn veoohio carbonaro rave^nctno. (P. UccelUni). Voi. di 

[lag. 300, L. 3. 

7. D. ZAXICUKI.LI. — Zio Statuto di Carlo Alberto. Voi. di pag. 150, L. 2. 

8. P. 8. Mancini. — Belaxione sui fatti del 16 Xaflririo 1848. Voi. di pag. 200. li. 2. 

9. Alessandro Luzio. — Zie oinqne griornate neUe narrazioni anstriaohe. L. 2. 

10. Baffaelr Bellijzzi. >- Iia ritirata di Garibaldi da Roma nel 1849. 

11. LuKii liAVA. — D. A. Farini e la sua '' Memoria storioa „ snlla Homa§ma dal 1796 

al 1888. 

12. V. Fiorini. - OU soritti di Caiio Alberto sul 1821. 

Della BIBLIOTECA STORICA DEL RISORGIMEHTO ITALIANO si pubblica un vo- 
lume ogni mese, posto in vendita a prezzo proporzionato alla sua mole. Dodici 
numeri formano una serie. — Chi si abbona ad una intera serie pagherà sola- 
mente lire 12 e cioè Lire una per ogni numero, la quale si può anche versare al- 
l'atto del ricevimento del volume. — Per abbonarsi basta inviare alla Società 
Editrice Dante àligfiieri^ Via del Corso angolo del Caravita, n. 6^ Boma, una 
cartolina vaglia di L. 12 con la dichiarazione di associarsi a tutta la 1* serie 
e si riceveranno subito franchi di porto i volumi fino ad ora pubblicati. 



^ ' (GIÀ ITALIA e VITA ITALIAHA) 

diretta da DOilIBrVlCO ONTOU 

Pubblicazione illustrata mensQe nella qua le collaboran o i più Illustri scrittori ed .artisti Italiani 

.A.BBON'.A.MEWTZ : 

Por l' Italifl un semeitre L. Il ; im anno L. 20. 
Per l'Unione Postale, nn sem. (oro) L. 18; un anno L. 20. — Fuori dell'Uà, postale, nn anno L. tS 
Prezzo di un fascicolo acparato Lire DUE . 

ATLANTINO GEOGRAFICO ELEJIHENTAR 

PEB LE VABIE BEGIONI D'ITALIA 
composto e diretto dal pr(ifeé8or GIOVANNI MARINELLI 
' .^ " ' Ordinario di Geografia nel B. Istituto di Studi Superiori in Firenze 

Disegnato dal oav. G. E. Fbitzbche 

Un atlantlno per ciascuna delle seguenti Begioni : 
Piemontet Liguria-Nizeip-Corsica, Lombardia-Ticino, Veneto-Trentino e Litorale^ 

Toscana, Marche e Umbria, Lazio- Abbruzzi e Molite, Oampunia^ Puglie e Ba 

Calabria, Sicilia, Sardegna. 

Ogni atlantino contiene le seguenti carte: 
'S.-y - 1. Carta topografica, spsciale: pianta e prospetto della Scuola, pianta e prospetf 
piazza principale, pianta della Citt^ principale della regione, tipo di paes 
2. Carla della regione divisa per provinole e relativi confini, scala 1:1600000; - 
fisica d' Italia; — 4. Carta politiea d'Italia colle divisioni regionali e per prov 
r>. Carta fisica e politica d'Europa; — 6. Carta fisica e politica dell'Asia ; — 7. Ct . 

e politica dell'Affrica e delt'Avstralla ; 8. Carta dell'America Settentrionale e Merir. 
9. Planisfero in proiezione omalografica e in proiezione di Mercatore, profil. 
taglie, fiumi prióipali, eco. » 10. Carta di elementi cosmografici : sistema pianeti 
stellato, eclissi di sole e di Itm», rivoluzione della terra attorno al spi* 
piaiieti nella loro grandezza proporzionale rispetto al sole, zone della terrt . 
in varie posizioni rispetto alla terra, fasi lunari, sole, luna, la terra noli 
stagioni, ecc. 

Prezzo di clascimo Atlantino: { ^^i^g'^fo^"; ; ; ; ^T \ §8 

\ 

; Digitizedby VjOOQIC, 



Digitized by 



Google 




Da ana foto^. dei Fratelli Alinari Irtitatd G«>grafico ICSlitare 



Digitized by VjOOQIC 



^'W 



RIVISTA GEOOBAFICA ITALIANA Aido Yll. Fase. VI-YII. - Giugno-Luglio 1900 



GIOVANNI MARINELLI 



Gozxizziezxiorazion.e letta il 14 Oiug^ino 1900 dinanzi all' A.s- 
sexzlblea generale della Società dì Studi Oeo^r^aflci e 
Coloniali nell'A.\ila Magna di Studi Superiori in Firenze 
da O. PSNNBSI. 



Signore e Signori, 

Otto anni fa — consentitemi in grazia questo breve ma per 
me cosi vivo ricordo personale — otto anni fa, a Padova, nel 
salire la cattedra per inaugurarvi il corso delle mie lezioni di 
geografia, tra i colleglli e i discepoli, venutimi d' innanzi e 
d'intorno ad ascoltare le cose che avrei dette in favore della 
disciplina e dell' insegnamento, che ero stato chiamato a pro- 
fessare in quell'augusto Ateneo, io ebbi V inaspettato conforto 
di vedere assidersi, in atto di grande amorevolezza, anche il 
maestro insigne che su quella cattedra mi aveva preceduto 
con tanto nome di operosità e di dottrina. Fosse amicizia per 
me che da lungo tempo aveva appreso ad amarlo nella comu- 
nanza del lavoro e fra le reiterate manifestazioni della sua 
benevolenza; fosse tuttora in lui quel memore affetto, quel- 
r indicibile senso di desiderio che ci accompagna anche lon- 
tano dai luoghi nei quali abbiamo trascorso con intima com- 
piacenza qualche parte della nostra vita; fossero Tuna e l'altra 
cosa insieme, egli, il maestro insigne, per assistere a quel mio 
modesto esordio nello studio di Padova, s' era partito di qui, 
da Firenze, da questa culla di sapere e di gentilezza, dove 



Dlgitized by VjOOQ IC 




3(K> 

la fama delle sue pubblicazioni e de' suoi insegnamenti gli 
aveva meritato Fonore d'esser chiamato per continuarvi, più 
vigorosamente che mai, la sua missione che direi d'apostolo 
e d' insegnante, l'opera sua indefessa di scrittore e di scien- 
ziato. 

E chi mai — povero collega e amico mio! — chi mai mi 
avrebbe detto allora che un giorno, e un giorno non lontano, 
mi sarei dovuto a mia volta partire io di lassù, da Padova 
per venir qui nella sua ultima dimora a rendergli così triste 
e penoso contracambio? Chi mai farmi presentire che, per 
commemorare le sue benemerenze scientifiche e le sue pub- 
bliche e private virtù, si sarebbe cosi presto degnata di pen- 
sare a me quella stessa Società di Studi Geografici e Colo- 
niali, in seno alla quale egli mi aveva voluto, un giorno, pre- 
sentare con tanta cortesia di modi e di parole? Essa che ha 
perduto in lui il suo presidente, la sua guida solerte, illumi- 
nata, sicura, e ne rimpiange e ne dej)lora amarissimamente la 
fine precoce, essa si è degnata di pensare a me senza nem- 
meno un sospetto del mio sgomento dinanzi alla solennità del- 
l'ufficio pietoso che ha voluto affidarmi. Ma io sento di do- 
verla ringraziare a ogni modo, anche qui nel cospetto di quanti 
son venuti per partecipare alla mesta cerimonia; anche qui 
in mezzo ai rappresentanti del suo Consiglio direttivo che più 
specialmente m' ha voluto compagno in questa pubblica ma- 
nifestazione di lutto e di onoranze. Sento d'averla a ringra- 
ziare perchè cosi soltanto mi è dato di sciogliere il supremo 
debito d'affetto e di riconoscenza alla memoria dell'amico e 
del collega desideratissimo, alla memoria dell'uomo che per 
più di un quarto di secolo volle perseverare nella sua mis- 
sione e seppe colla parola, cogli scritti, coli' esempio contri- 
buire cosi largamente alla rinascenza, alla diffusione, al pro- 
gresso degli studi geografici in Italia. 



Digitized by VjOOQIC 



m-* .".< 



807 

di virtù e di lavoro, esempi tanto più vivi per lui ed efficaci 
inquantochè gli venivano dal padre suo, che era medico, e da 
sua madre che alla squisita bontà dell'animo accoppiava una 
istruzione davvero non comune fra le donne del suo temi30. 
Compiuto il tirocinio dell'educazione classica nelle scuole se- 
condarie della sua città — dove tra i condiscepoli aveva sa- 
puto svegliare affetti ed amicizie che poi tenne care fino alla 
morte — egli era tuttora giovanissimo, potremmo dir quasi 
adolescente, allorché nel 1862 gli fu dato d' inscriversi alla 
facoltà di matematica nello studio di Padova. L'anno appresso 
dovette, nondimeno, abbandonarla e chiedere senz' altro il suo 
tramutamento alla facoltà di giurisprudenza della quale segui 
i due primi corsi in qualità di alunno privato — eccezione per- 
messa a quei tempi, anzi quasi favorita dalle disposizioni go- 
vernative — e gli ultimi due da studente pubblico. Potè dun- 
que conseguire la sua laurea quando già la contrada natale 
aveva veduto realizzarsi il sogno di tanti patrioti, la suprema 
visione di tanti martiri, caduti nel nome di Venezia e per la 
redenzione delle provincie consorelle. Né gli sarebbe stato al- 
lora difficile il dedicarsi subito e con frutto all'esercizio di 
una delle varie professioni alle quali la pratica delle disci- 
pline giuridiche e politiche serve di preparazione e di fonda- 
mento (1). Ma l' indole sua, le sue speranze, la cultura che, 
indipendentemente dalle esigenze della scuola e dagl' imme- 
diati bisogni degli esami universitari, s' era venuto procac- 
ciando nel raccoglimento della sua famiglia, nell'assidua fre- 
quenza delle biblioteche, nella lettura e nella meditazione dei 
nostri classici, avevano ormai cominciato ad attrarlo su di un 
cammino di gran lunga diverso da quello cui pareva dapprima 
destinato. Egli s' era, insomma, sentita nascere nella mente e 
nel cuore la vocazione dell' insegnamento, e fu appunto nel 
desiderio di appagare questa sua inclinazione, diventata a un 
tratto irresistibile, che, non ancora spirato un semestre dal 
giorno della laurea, chiese la nomina di assistente gratuito 



(1) Dalla facoltà di matematica egli era passato a quella di giurisprudenza ap- 
punto perchè suo padre sperava di poterlo così avviare più facilmente alla car- 
riera degli impieghi pubblici. 



Digitized by VjOOQIC 



308 

alla cattedra di lettere italiane, storia e geografia nell'istituto 
tecnico di Udine. La chiese e l'ottenne, e in quel modesto 
ufficio rimase, zelantissimo del suo dovere, per un intiero bien- 
nio di prova, finché da ultimo ebbe l'ambite, sodisfazione di 
vedersi remunerato nell'opera sua colla promozione a profes- 
sore effettivo (1). Eccolo dunque sulla via eh' egli saprà per- 
correre con tanta salda costanza di propositi, massimamente 
dopo appagato il voto suo ardentissimo d'esser preposto al solo 
insegnamento della geografia e della storia (2); eccolo, per una 
continuata serie di dieci anni, educatore e maestro circondato 
dalla stima e dall'affetto dei colleghi, dalla riconoscenza dei 
discepoli, dal plauso degli amici p dei concittadini, che in 
tutto quel tempo si volsero a lui più volte per affidargli le 
cure di qualche ufficio o di qualche insegnamento anche nelle 
scuole del comune e della provincia (3). 

Furono quelli, altresì, gli anni della sua educazione più 
larga, più sicura, più sistematica nel campo delle discipline 
che era stato eletto a professare; gli anni in cui vide schiu- 
dersi dinanzi agli occhi della mente e ampliarsi man mano 
l'orizzonte degli studi e delle ricerche; in cui — sopra tutto 
per una parte del suo duplice insegnamento — senti il biso- 
gno di andare integrando la sua coltura anche nel dominio 
di quelle scienze che, germogliate nel grembo della geografia, 
pervennero dipoi a rendersi indipendenti e a prosperare nella 
loro autonomia, pur sempre rimanendo ausiliarie indispensa- 
bili de' suoi procedimenti e della sua stessa essenza. Ed è fa- 
cile intendere come questo bisogno, quest' aspirazione a una 
propedeutica sempre più sicuramente fondata su talune parti 



(1) Air intento di conseguire più legalmente questa promozione egli, nel frat^ 
tempo» s'era procurata anche una patente di abilitazione all'insegnamento delle 
lettere italiane, storia e geografia nelle scuole tecniche. 

(2) La riforma degl' Istituti tecnici per la quale si dava più ampio sviluppo 
alle materie riguardanti la cultura generale, e quindi si separava T insegnamento 
della geografia e della storia da quello delle lettere italiane, avvenne soltanto 
nel 1871. 

(3) Per invito del Consiglio scolastico locale egli assunse, ad esempio, fin dal 



.j - 1 ^an^ 



Digitized by VjOOQIC 



309 

delle scienze naturali e delle dottrine astronomiche, egli, ol- 
treché nelle diuturne indagini, alle quali applicava l'ingegno, 
trovasse l'opportunità di appagarla, quasi diremmo, ora per 
ora fin' anco nella paziente e immediata preparazione da cui 
soleva far precedere ogni suo insegnamento. È facile inten- 
dere come, perseverando nel suo metodo e nel suo indirizzo, 
egli dovesse giungere per la via più diretta e più luminosa 
al riconoscimento che la geografia non era né poteva esser 
davvero quella disordinata registrazione, quel farraginoso re- 
pertorio di nomi e di cifre cui Tavevano ridotta presso di noi 
certi suoi sedicenti cultori. Essa dovette, insomma, finire col 
rivelarsi anche alla sua mente quale un perfetto organismo 
scientifico sia pur vario nelle sue pertinenze, ma altrettanto 
saldo nella sua compagine. 

Non sembra ugualmente agevole il chiarire come mai il no- 
stro conscienzioso autodidatta subisse così presto l'evoluzione 
che gli fece dimenticare quasi del tutto — almeno fuori del- 
l'ambito scolastico — certe sue antiche e forse troppo esclu- 
sive propensioni verso le discipline storiche e sociali, per 
quanto gli sforzi da esso durati nella integrazione, teste ri- 
cordata, della sua cultura naturalistica, ci mettano in grado 
di sospettare che ormai la sua scelta era fatta e la sua meta 
segnata. E, nondimeno, certo che a promuovere siffatta con- 
versione 0, almeno, a confermarlo nel proponimento che avesse 
ormai a consacrare la parte migliore di se stesso a un ordine 
di studi cosi bene incominciati e condotti, dovette contribuire 
assai fortemente anche l'eco d'una voce che s' era levata, qual- 
che tempo innanzi, in questa Firenze medesima « là dove — 
son parole sue — più vivo che altrove in Italia ferve il culto 
dell'arte e di ogni cosa bella » (1). Era sorta qui appunto, fin 
dal 1867, quella Società Geografica Italiana che, sotto l'auspi- 
cio di Cesare Correnti e Cristoforo Negri, aveva raccolto il 
primo manipolo di precursori e di araldi; era partito di qui 
il grido che la nostra patria non potesse ulteriormente « ri- 
nunciare ai suoi titoli di nobiltà geografica, che sono i piti 



(1) V. la commemorazioDe di C. Negri letta davanti la K. Accademia di Scieuze 
di Torino e pubblicata nel voi. XLVII, Serie II, delle sue Memorie. 



Digitized by VjOOQIC 



310 

gloriosi del mondo » (1); di qui l' incitamento a spiegare ala- 
crità nuova nel campo delle indagini e dei fatti; di qui la 
campagna contro gì' ignavi e gli ostinati. 

E agi' incitamenti, alle rampogne s' aggiunsero spesso i con- 
sigli e le promesse, non di rado i precetti e gli esempi di 
(juanto s'era fatto, di quanto s'era progredito, di là dai monti 
e dal mare, nel campo della teoria e della pratica per l'in- 
cremento e la diffusione degli studi e dei metodi che la no- 
stra Società era sorta a propuguare di fronte alle aspirazioni 
della scuola, ai postulati della scienza, e agli stessi bisogni 
della vita. S'aggiunse l'eco, in quegli anni cosi clamorosa pel 
mondo da ripercuotersi anche in Italia, l'eco delle molteplici 
imprese promosse da governi, da sodalizi e perfino da privati 
per una più estesa e più esatta ricognizione della superficie 
del nostro pianeta. Eran trionfi riportati segnatamente nel 
carpire i loro segreti alle plaghe più riposte della zona tor- 
rida, nel penetrare il mistero delle più impervie contrade 
polari e degli abissi oceanici: eran sacrifizi, eran martirii se- 
renamente affrontati nel nome della scienza e destinati, quanto 
le vittorie, a guadagnarle sempre nuovi e più ardenti prose- 
liti e fautori. 



Ho creduto d'avere ad accennare a questa fase tanto me- 
morabile nel risorgimento della cultura geografica presso di 
noi, anche per coglier subito l'opportunità di soggiungere 
che forse non s'apporrebbe a torto chi volesse tener conto di 
un altra circostanza la quale dovette concorrere nella mente del 
Marinelli ad eliminare ogni ulteriore esitazione dinanzi alla 
nuova meta che s'era prefissa. Vogliamo alludere all' amore, 
eh' egli ebbe intensissimo e conservò fino all' ultimo giorno 
della sua esistenza, per la « piccola patria » come i nativi 
del Friuli soglion qualificare, con un senso di tenerezza, il 
loro paese al paragone della « patria grande » cioè a dire 



(1) V. il discorao di C. Negri nel fase. 1.° della Soc. Geogr. Ital. pag. 40. 



Digitized by VjOOQIC 



F^riVF 



BU 

deiritalia. Al qual proposito si potrebbero, anzi, ricordare 
persino le escursioni e le raccolte di osservazioni e di notizie 
che, nelle varie parti della sua contrada natale, era andato 
facendo pur negli anni del suo tirocinio universitario; escur- 
sioni e raccolte destinate in seguito — massimamente col fa- 
vore delle vacanze estive e autunnali — a diventare tanto più 
frequenti e meglio indirizzate a conseguire una più larga 
conoscenza e forse a preparare una più minuta descrizione 
dell'intera « patria del Friuli ». Come chi dicesse che dun- 
que l'ispirazione, il consiglio per la sua condotta intellettuale 
ei non lo chiese soltanto ai libri e alla scuola, ma lo ebbe 
non meno eloquente dalla distesa delle sue pianure, dall' an- 
fiteatro delle sue Alpi, dai valloni, dai torrenti, dai fiumi che 
correva a rivedere con desiderio sempre nuovo e sempre 
nuovo profitto. Fu nel salire l'erta faticosa dei monti, o sul- 
l'orlo di qualche ghiacciaio; fu tra l'imperversare d'una tor- 
menta, o nel riposo cercato al limitare di qualche bosco; fu 
nel cospetto, insomma, della natura medesima che, insieme 
col proposito d'illustrare la sua provincia, dovette nascergli 
finalmente l'idea e forse la speranza di raccontare un giorno 
anche i fenomeni di tutta la terra. 

Sta intanto il fatto che datano dai primi anni del suo in- 
segnamento certe note, ch'egli scrisse, e certe memorie quasi 
esclusivamente dirette a far meglio conoscere la regione friu- 
lana dal punto di vista della geografia e delle scienze affini. 
Ne altro scopo s' era proposto allorché, nel 1872, lesse di- 
nanzi all'Accademia Udinese un discorso intorno alla oppor- 
tunità di fondare un osservatorio meteorologico sulle vicine 
Alpi, riuscendo pochi mesi dopo a ottenere il contributo del 
governo e di qualche ente locale amministrativo per crearlo 
realmente a Tolmezzo. L'anno seguente ebbe nuova facoltà e 
nuovi mezzi per fondare quello di Pontebba, come più tardi 
gli venne concesso d'istituirne un terzo non meno importante 
nella borgata di Ampezzo, oltreché nel frattempo gli era 
venuto fatto di poter disseminare parecchie stazioni pluvio- 
metriche negli alti bacini del Tagliamento e àel Torre. 
Donde la cura e il compito, ch'egli si assunse, di raccogliere 
altresì le osservazioni incominciate per sua iniziativa, e di 



Digitized by VjOOQIC 



312 

calcolarne fin' anco le medie per inviarle alla presidenza della 
Società meteorologica, o per pubblicare le ime e le altre in 
separate relazioni: cura gravosa più di quanto non sembri, 

V ma che non gli tolse di trovare il modo e l'energia per met- 

tere insieme qualche lavoro di maggior momento. A una dis- 
sertazione, già divulgata precedentemente, sui nomi propri oro- 
grafici e sulle vicende e i limiti delle denominazioni di « Alpi 

I; Gamiche e Giulie » egli ne fece seguire un altra non meno 

diligente nel riassumere i risultati geografici ed etnici delle 
sue ricerche personali sulla Valle di Resia e sul soprastante 
colosso del Canino (1). Poi, preso a soggetto della sua opero- 

K sita e delle sue esplorazioni il territorio donde sgorga improv- 

viso il Livenza e che si sviluppa e s'aderge a pianoro col 
Bosco del Cansiglio, stampò su di esso una memoria anche 
meglio particolareggiata, degna in tutto e per tutto del favore 
col quale venne accolta dagli intelligenti. Si volse da ultimo 
air Antelao, la più eccelsa vetta delle Alpi Orientali che s'in- 
nalzi intera entro i confini politici dell'Italia, e la sua rela- 
zione cosi ordinata e precisa, cosi densa di dati e di notizie, 
meritò l'onore di veder la luce, quasi a modello ed eccita- 
mento per investigazioni dello stesso genere, nel primo vo- 
lume delle « Memorie » che la nostra Società Geografica si 
dette a pubblicare dopo trapiantata la sua sede a Roma. 

Potremmo facilmente indugiarci a ricordare non pochi altri 
scritti, sia pure di minor conto, che il Marinelli venne met- 
tendo insieme in questo primo periodo della sua attività scien- 
tifica, se non ci premesse di accennare sopra tutto a un' altra 
particolarità che deve porgere un' idea sempre più precisa e 
caratteristica de' suoi intendimenti e del modo da esso seguito 
per appagarli (2). Ciò è a dire che, procedendo nelle ricerche, 



^; 



(\) A quel tempo s'era ridesiaio, specialmente neiriialiu seitentriouale, uu 
grande amore per Talpinismo, e il Marinelli ne divenne entusiasta così che li 
dette subito a vagheggiare la fondazione di una « Sezione friulana del Club Al- 
^ pino italiano ». Istituita nel 1874, si rene in seguito indipendente col nome di 

'*■ di « Società Alpina friulana » ed egli la diresse per oltre vant'anni cod sin- 

golare energia. 

(2) Per questi minori scritti come per altri, ai quali abbiamo accennalo o avre- 
mo ropportunità di accennare in seguito, veggasi infine l'appendice bibliografica 



Google 



Digitized by V^OOQ 



313 

dovette accorgersi ben presto della lacuna che a {{ueì tempi, 
si notava nella trattazione geografica del suo paese — forse 
non meno che in quella di altri compartimenti della peni- 
sola — per rispetto all'altimetria e al complesso e alla serie 
delle sue quote che mancavano aflFatto o erano pur sempre 
difettose ed incerte. Avvertire la grave lacuna e proporsi di 
colmarla, come gli sarebbe stato possibile, sia pure colle sole 
sue forze e coi mezzi dei quali poteva disporre, dovette es- 
sere per la sua mente un unico pensiero e diventare a un 
tratto una preoccupazione delle più sentite e più tenaci. 
Tanto è vero che nelle escursioni e nelle ascensioni montane, 
di cui abbiamo or ora tenuto parola, come in quelle assai 
più numerose, che andò facendo per molti anni di seguito 
in ogni senso del territorio friulano, ebbe compagni insepara- 
bili i barometri a mercurio e gli aneroidi, coU'aiuto dei quali 
pervenne a raccogliere tal copia di dati ipsometrici da farci 
sospettare che meditasse a dirittura uno dei più minuti ri- 
lievi orografici della contrada. Quando più tardi s'accinse a 
riassumere le note, che non aveva mancato di pubblicare in 
proposito successivamente, e a inserirne i risultati numerici 
nel Saggio di altimetria della regione veneto-orientale^ egli po- 
teva bene avere il diritto di compiacersi che di tutte le 38G4 
indicazioni — quante ne aveva registrate facendo tesoro an- 
che del lavoro altrui per riferirle a 2768 località diverse — 
se ne dovesse considerare almeno una terza parte come il 
frutto dell'opera sua individuale. Che se poi verrà il giorno de- 
stinato alla determinazione di quote più precise, perchè rica- 
vate con mezzi meglio appropriati, ma ch'egli non ebbe, né 
poteva avere a sua disposizione, e con procedimenti nei quali 
non gli era consentito menomamente di cimentarsi da solo; 
non per questo dobbiamo esser meno grati alla memoria di 
chi, neir impazienza deirindugio, volle ostinarsi a raccogliere 
un contributo tanto cospicuo di dati, siano pure approssima- 
tivi e provvisori, ma che han servito per cosi lungo tempo a 
farci conoscere sempre meglio la plastica e l'aspetto gene- 
rale di una delle nostre più belle regioni subalpine. 

Che quelle sue fatiche, del resto, e quelle sue indagini spe- 
ciali venissero allora meritamente apprezzate e gli procaccias- 



Digitized by VjOOQIC 



f 



314 

sero o gli crescessero subito la simpatia e la considerazione 
de' suoi concittadini, lo mostra il fatto che l'Accademia Udi- 
nese, della quale era stato chiamato a far parte appena ven- 
tiquattrenne, pensò di dovere affermare, ancora una volta util- 
mente, davanti al paese la propria esistenza, giovandosi 
appunto dell' opera sua e de' risultati delle sue molteplici 
investigazioni corografiche, ch'essa volle raccolte in una me- 
moria sintetica sul « territorio e le strade » della provincia (1). 
Che i suoi lavori e le conseguenti pubblicazioni, fatte in que- 
gli anni, gli accaparrassero il favore dei critici anche in altre 
parti della penisola, è indiscutibilmente attestato dalle fre- 
quenti parole di approvazione eh' ebbero per lui le nostre ri- 
viste scientifiche e letterarie men facili alla lode (2). Gli man- 
cava soltanto un incoraggiamento ed un premio che forse era 
venuto sognando e intra vvedendo nel corso delle sue diuturne 
ricerche tra i libri e nel cospetto della natura; ma nemmeno 
questa remunerazione doveva farsi attendere a lungo, e l'ebbe 
infatti allorché, nel 1878, compiuta anche la costruzione e il 
disegno di una carta assai particolareggiata di tutto il Friuli, 
si presentò al concorso bandito per la cattedra vacante nel- 
l' ateneo di Padova (3) ottenendo non solo d'essere il prescelto, 
si pure di vedersi, quasi diremmo, ufficialmente segnalato 
come una bella speranza e una sicura promessa per l'avvenire 
della scuola e della scienza. 



(1) Venne stampata npgli « Annuari statistici » (1876, 1878) per la provincia 
di Cdine, editi dalla stessa Accademia. Vedi inoltre lo stesso annuario pel 1881 
e 1887. 

(2) Giudizi assai lusinf^hieri su talune di quelle pubblicazioni apparvero Hbì- 
V Archivio storico Italiano^ nella Nuova Antologia^ nel Bollettino della Società 
Geografica etc. etc ; oltre di che furono, a volte, ricordate benevolmente nel- 
VAccademy e neW Athenaeum di Londra, nella Mittheilungen del Petermann, 
e nelle Mittheil. des deutsch. und òsterr Alpenvereins etc. 

(3) Di questa carta, costrutta alla scala 1 : 200000 in collaborazione col prof. Ta- 



Digitized by VjOOQIC 



'." '•■'li^'i' '"'-' • 



815 



All'università, sulla cattedra che aveva desiderata e vinta 
con indicibile compiacimento delFanimo suo e de' suoi nume- 
rosi estimatori, Giovanni Marinelli trovò subito il modo di 
provare che il patrimonio intellettuale, messo insieme con 
tanta perseveranza di propositi e di lavoro, era di gran lunga 
più ricco e vistoso di quanto si potesse desumere da' suoi 
scritti di carattere un po' troppo locale. La prolusione, che 
lesse dinanzi ai nuovi discepoli, sulla Geografia scientifica e 
su alcuni suoi nessi collo sviluppo degli studi astronomici e 
geologici, è tal documento da lasciar poco dubbio ch'egli non 
si sentisse già padrone di quasi tutto il campo che era stato 
eletto a percorrere, e dell'indirizzo e dei metodi predicati alla 
scuola dei maestri, dei critici, dei novatori più insigni. Essa, 
più che un programma, è un atto di fede a dirittura che poi, 
a intervalli più o meno lunghi, sia oralmente, sia con qual- 
che altro scritto d'indole metodologica, sarà da lui ripetuto 
e sviluppato con manifesta simpatia (1); ma che intanto ri- 
vela, con singolare evidenza, la profonda consapevolezza dei 
sani criteri che fin da allora aveva abbracciati e seguiva 
circa il concetto e i limiti da assegnare alla geografia per la 
sua duplice natura di scienza fisica e storica, ormai ricono- 
sciuta e solennemente proclamata da' suoi più strenui e più 
autorevoli patrocinatori. Gli avvenne, è vero, o gli piacque 
di dedicarsi, pur sempre con una tal quale preferenza^ a 
quelle parti della professata disciplina che cadono più diret- 
tamente sotto il dominio naturalistico; ma ciò non vuol dire 
affatto eh' egli mostrasse mai di accostarsi alle dottrine di 
certi esclusivisti, pei quali si sarebbe dovuto bandire dal 
campo della investigazione geografica nient' altro che V ele- 
mento umano. Non era in una mente, come la sua, che po- 



Digitized by VjOOQIC 



816 

teva radicarsi V idea d' avere a sottrarre alla speculazione 
scientifica tutta la serie dei problemi concernenti gli scam- 
bievoli rapporti di azione e di reazione fra l'uomo e la terra. 
Non alla sua coscienza poteva balenare il desiderio, sia pure 
lontano, di una sconfessione, teorica o pratica, all'ammoni- 
mento del sommo Humboldt che anche la storia per molti 
rispetti si debba riguardare come un episodio della grande 
epopea del cosmo. 

Durante il primo biennio d' insegnamento superiore egli si 
trovò, a ogni modo, talmente sopraffatto dalle occupazioni 
impostesi nel nuovo ufficio — e per la brama di rendere le 
sue lezioni sempre più attraenti e fruttuose quanto alla forma 
e al contenuto (1) — che gli rimase appena il tempo di con- 
tinuare un po' sistematicamente la serie delle misurazioni al- 
timetriche istituite per le sue montagne. Bandito però V an- 
nunzio del Terzo Congresso Geografico Internazionale, che 
doveva adunarsi a Venezia nel 1881, s' affrettò a presentare 
e a fare accogliere dalla locale Deputazione di storia patria 
una sua proposta ]>er mettere insieme il catalogo ragionato 
di tutte le carte di terraferma, manoscritte o stampate, ri- 
guardanti il territorio veneto entro i suoi limiti naturali., che 
è quanto dire sino al golfo del Quarnero. E bastarono pochi 
mesi di un lavoro intenso, svolto sotto la sua guida, ma colla 
partecipazione di altri valentissimi colleghi, per preparare 
quel Saggio di Cartografia della regione veneta che fini per 
riscuotere i più vivi elogi da molti fra gli intervenuti al 
Congresso. Elogi tanto più meritati in quanto che l' interesse 
destato da quel magnifico volume venne dipoi crescendo fino 
al segno da far sentire V opportunità, anzi il bisogno di esten- 
dere all' intera nazione un inventario dello stesso genere, il 
quale contemplasse anche il tesoro delle carte nautiche mo- 
derne insieme colla raccolta e l' indice dei cimmelii, dei mo- 
numenti, e di tutto il multiforme quanto molteplice materiale 



Digitized by VjOOQIC 



817 

Forse si deve a questo primo successo nel campo dell'eru- 
dizione bibliografica e storica — non meno che a qualche al- 
tro precedente tentativo di indagare il periodico sviluppo delle 
dottrine della Terra (1) — la cura che il nostro indefesso ri- 
cercatore mise a un tratto nella illustrazione della cosiddetta 
geografia patristica, o meglio, dei sistemi cosmologici profes- 
sati dai padri della Chiesa e da taluno di essi, anzi, escogi- 
tati o corretti perchè nelFapprendere la natura e le cose di 
questo mondo, non s'avesse a incorrere in eresie che avreb- 
bero potuto compromettere la felicità dell'altro. La conferenza, 
che tenne in proposito alla Società Geografica di Roma, me- 
ritò davvero il plauso onde l'accolsero gli uditori, e, dopo la 
pubblicazione che ne venne fatta, l'altro assai più duraturo 
dei critici nazionali e stranieri (2). Ne lodi minori dovettero 
coronare la comunicazione ch'egli fece subito dopo — esem- 
pio quanto altro mai eloquente della sua mirabile e svariata 
operosità — intorno a una recente valutazione areometrica 
del nostro paese, per la quale si sarebbe dovuto ridurre di 
poco meno che ottomila chilometri quadrati la cifra, ufficial- 
mente registrata, della sua superficie. Segnalare una contro- 
versia di cosi straordinaria importanza, discuterla e procla- 
marne la soluzione come una urgente necessità per gl'interessi 
e il decoro nazionale, dovette sembrargli, più che un deside- 
rio e una pretesa da geografo, un vero e proprio dovere di 
cittadino. Di qui la costanza colla quale ritornò più volte a 
trattare lo stesso argomento; di qui l'ardore spiegato per pro- 
muovere sempre nuovi e più rigorosi computi areometrici o 



ferma e delle carte nautiche moderne^ non che il Saggio di cartografia ita- 
liana ossia Catalogo ragionato di carte geografiche^ piante e prospetti di città, 
plastici ecc. riguardanti la regione italiana nei suoi congni geografici e storici. 
V incarico di compilare questo nuovo catalogo venne naturalmente aOìdato al 
Marinelli ed egli vi stava lavorando alacremente allorché Io colse la malattia 
e la morte. 

(1) V. ad esempio la sua nota intorno alla monografia del Giinther sulla storia 
della geografia matematica e fìsica. 

(2) Il Giinther, testé ricordato, la fece tradurre in tedesco e ristampare con 
una sua prefazione. 



Digitized by VjOOQIC 



H^ 




yi8 

per divulgarli man mano che erano stati eseguiti colla voluta 
circospezione (1). 

Eppure in tanto affannarsi di studi e di ricerche, per loro 
natura cosi disparate nel metodo e nel fine, egli non si ri- 
trasse nemmeno dinanzi all' idea di doversi assumere imme- 
diatamente anche la compilazione di un'opera che forse gU 
avrebbe potuto costare il lavoro di tutta la vita. Eppure tra 
le occupazioni e gli scritti — testé ricordati a preferenza di 
altre note e memorie similmente considerevoli — gli nacquero 
i primi entusiasmi per dare air Italia una trattazione di geo- 
grafia universale, destinata a costituire l'espressione, quanto 
più possibilmente esatta e particolareggiata, delle conoscenze 
attuali suir insieme del globo terracqueo. Bisognava seguire 
i viaggiatori nelle loro corse sfrenate e nelle loro odissee per 
continenti e })er mari, gli esploratori nelle lotte gloriose, pur 
dianzi accennate, contro gli ostacoli opposti dagli uomini e 
dalla natura al loro ardimento, e gli studiosi, gli eruditi, i 
dotti nelle loro molteplici investigazioni e nelle loro conqui- 
ste contro l'incertezza o l'ignoto. E non può cader dubbio 
che ricavare da così gran mole di lavoro e di pubblicazioni 
il complesso delle notizie meglio acquisite al patrimonio 
della scienza dovette sembrargli un' aspirazione tanto più de- 
gna del suo fervore quanto più gravi sarebbero state le dif- 
ficoltà colle quali si poteva trovare alle prese, quanto più 
lunghe le fatiche e le veglie che avrebbe dovuto durare nel 
superarle. Fidente, com'era, nelle proprie forze, egli avrebbe 
voluto e, di certo, anche saputo bastare da solo a conseguire 
l'altissimo intento; ma convenne riflettere anche a lui che 
forse non gli sarebbe stato possibile evitare ai lettori Timpa- 



(1) La questione, sui dati esposti dal generale Strelbitsky nella sua Superficie 
d'Europe, venne da lui primamente dibattuta, nel decembre del 1882, dìnanti 
airistituto Veneto di Scienze, lettere ed arti del quale era diventato membro ef- 
fettivo; ma fra le note e le memorie susseguenti crediamo opportuno di segoa- 



Digitized by VjOOQIC 



zienza di un'attesa troppo lunga nella composizione e nel 
compimento dell'opera poderosa (1) e fu costretto a chiedere, 
senz'altro, il concorso di colleghi e specialisti, a ciascuno dei 
quali volle, naturalmente, affidata la parte che gli spettava 
per la sua inclinazione e la maggiore competenza. E se più 
tardi — malgrado queste sue cure e la diligenza dei singoli 
collaboratori per mettere insieme quella serie di volumi che, 
salvo la forma e la disposizione, si potrebbe considerare come 
una vera e propria enciclopedia geografica — se più tardi 
non doveva mancare a ogni costo chi si facesse uno scru- 
polo di rilevarne a preferenza i difetti e le lacune, non sa- 
remo certamente noi a volerne indicati soltanto i pregi. 
Vorremmo unicamente che ai facili censori non accadesse di 
dimenticare un po' troppo come si debba appunto e, forse, 
in più particolar modo a quell'opera collettiva se non sem- 
brerà a taluno di potersi pur sempre ripetere, a scherno 
della nostra patria, ciò che il Goethe vuoisi dicesse della 
Francia quando per ritrarne le più spiccate caratteristiche 
nazionali, non si peritava di segnalare sopra tutto quella della 
sua grande ignoranza nel campo della geografia. 



L'opportunità del momento e del luogo, che finora ci ha 
<5onsigliato di procedere appena per cenni fuggevoli nella 
rassegna di pubblicazioni tanto importanti, purtroppo non ci 
consente di sofiermarci a trasceglieme delle altre, meno co- 
spicue, certo, per mole ma che sarebbero ugualmente da ricor- 
dare avuto riguardo al loro valore. Tali, per modo d'esempio, 
le note intomo ad alcuni ghiacciai d'Italia (2); tali, a nostro 
avviso, una discussione sul concetto degli sviluppi costieri, 



(1) Come ò noto, La Terra, trattato popolare di geografia universale ecc. ecc. 
in cominciata a pubblicare nel 1883 e in quel primo anno ne vennero alla luce 



Digitized by VjOOQIC 



320 

uno studio idro-talassografico sul Mediterraneo, una nuova dis- 
sertazione orografica ^ulle Alpi della Gamia, una guida del 
Canal del Ferro o Valle del Fella (1), per tacere di tutta la 
moltitudine degli altri scritti e delle relazioni, delle confe- 
renze, degli articoli che il Marinelli, nella sua febbre di la- 
voro, quasi contemporaneamente alla trattazione dei capitoli 
dell'opera sua maggiore, venne accumulando e diffondendo 
via via anno per anno, si potrebbe dire mese per mese, nei 
bollettini delle varie società scientifiche, nelle riviste perio- 
diche e persino nelle gazzette quotidiane (2). Ah! Signori, 
l'aveva meritata bene quella sua grande popolarità e quella 
generale estimazione che — tenuto conto anche delle singo- 
lari virtù dell'animo suo e del suo carattere — lo portavono 
finalmente a partecipare alla cosiddetta vita pubblica e nel 
Consiglio del comune di Padova e nell'Assemblea nazionale 
quando, il 1890, venne eletto la prima volta a deputato nel 
collegio trinominale della sua provincia. 

Lieto di quel mandato che i suoi conterranei gli confer- 
marono più volte, sinché da ultimo dovette abbandonarlo 
definitivamente per la cecità della sorte (3), egli prese parte 



(1) In collaborazione con altri e con una carta del Canale medesimo, nonché 
delle vallate circostanti. Questa delle guide — d'indole scientiflca, s* intende — 
fu una delle sue più care occupazioni. Ne pubblicò, da ultimo, e sempre in 
collaborazione con altri, anche una sulla Carnia. 

(2) Ripetiamo anche a proposito di questi scritti ciò che abbiamo dovuto av- 
vertire più sopra, vale a dire che se ne può vedere una diligente enumerazione 
nell'appendice bibliografica fornitaci da suo figlio. Quanto poi ai capitoli della 
« Terra » — dell'opera, cioè, da esso diretta e cosi universalmente nota — ci 
piace ricordare che la trattazione della Geografia matematica h totalmente sua, 
ed è sua. per buona parte, anche quella di Geografia fìsica generale, come si 
può subito desumere anche dai solo indice premesso al primo volume. Nel vo- 
lume seguente il suo nome é ripetuto per i capitoli di Etnografìa (razze, lingue, 
religioni ecc.) per la trattazione della geografia generale dell'Europa, di quella 
speciale del bacino del Danubio (Austria^Ungheria, Rumanìa ecc.) e della Re- 
gione russa. Collaborò, da ultimo, assai largamente — sopra tutto per quanto 
concerne la parte orografica ~ al quarto volume che è dedicato intero alPItalia 
e che, per giudizio di dotti critici, costituisce la migliore illustrazione scienti- 
fica del nostro paese. 

(3) Ciò avvenne nel 1897; ma era stato sorteggiato, come «suol dirsi, ed era 
rimasto fuori della Camera anche in un* al tra precedente legislatura. Ristabilito 
lo scrutinio universale, lo aveva rieletto a suo rappresentante politico il colle- 
gio di Gemona. 



Digitized by VjOOQIC 



821 

attivissima al lavoro legislativo senza mai venir meno alla 
suprema sanzione dei principi liberali che comanda il rispetto 
di tutte le opinioni, se sinceramente confessate, e che al di 
sopra delle lotte di partito, delle turbolenze della politica e 
della vanità personale pone i sacri diritti della patria e 
l'amore operoso d' ogni bene. Con questo fondamento, con 
questi propositi in ciascun atto della sua missione parlamen- 
tare, volle più specialmente rivolgere V attenzione e il con- 
tributo della sua esperienza, dell'opera sua, della sua parola 
a quesiti e discussioni che riguardassero il pubblico insegna- 
mento e il progresso degli studi in genere, ma sopra tutto 
gl'interessi della disciplina scientifica di cui, naturalmente, 
si sentiva come il rappresentante ufficiale anche tra i colle- 
ghi dell'alta assemblea (1). La sua insistenza nel patrocinio 
di questi interessi, troppo a lungo negletti da chi avrebbe 
dovuto averli altrettanto a cuore, divenne tale che un giorno, 
quando più profondo era il lutto e più aspre duravano le 
recriminazioni per il disastro d'Abba Garima, egli non seppe 
trattenersi dal proclamare che, forse, la sventura toccata al- 
l' Italia era la più diretta conseguenza della insufficiente pre- 
parazione geografica da parte degl' Italiani. Né v' ha dubbio 
che le sue parole non si ripercuotessero come un penoso ri- 
sentimento in quanti le ascoltarono o le appresero, ma più 
specialmente nella coscienza di quanti non son portati a sco- 
noscere che spesso il sommo della sapienza e il segreto della 
profezia consistono — secondo ebbe ad esprimersi un nostro 
geniale pensatore — nel saper leggere e interpretare i gero- 
glifici del mappamondo (2). 

E qui, dovrei, finalmente, intrattenermi anche sugli anni 
che il Marinelli trascorse nella prediletta Firenze dove, ap- 



(1) Vedi negli « Atti Parlameotari » i suoi discorsi sulle scuole italiaue al- 
Testerò (tornata del 16 maggio 1891); sulle scuole universitarie di Magistero 
(29 id. id.); sul bilancio del Ministero della guerra per la solita questione della 
valutazione areometrica del Regno (14 giugno id.); sulla carta topografica d* Ita- 
lia e sull'Istituto geografico militare (23 maggio 1896); sul bilancio del mini- 
stero deUa Pubblica Istruzione (24 giugno id. e 5 giugno 1897); suU* insegna- 
mento della geografia nei collegi militari (2 giugno id«) etc. etc. 

(2) V. il discorso tenuto da C, Correnti air assemblea generale della Società 
Geogr. italiana nel 1872. 



Digitized by VjOOQIC 



■i^ 



punto nel frattempo, era venuto a occupare la cattedra di 
geografia presso la Scuola di Scienze sociali e in questo cele- 
bratissimo Istituto di Studi Superiori che si è degnato ospi- 
tarci per la nostra pietosa cerimonia (1). Ma che altro mai 
mi sarebbe concesso all' infuori di porgere delle parole a voi 
che avete sperimentati i fatti ? Che potrei dirvi che non sap- 
piate e non possiate attestare, assai meglio di me, voi che 
foste da ultimo i colleghi, gli amici suoi; che lo vedeste, 
come suol dirsi, alla prova sulla cattedra e nella vita; che 
lo voleste onorato di tanti uffici e di tante dignità nei di- 
versi sodalizi cittadini (2) per significargli a gara la vostra 
ammirazione ? A me, tutt' al più, può spettare di aggiungere 
che la fama de' suoi insegnamenti e dell' operosità sua, qui 
in mezzo a voi, ebbe un' eco anche al di fuori, anche al di 
là dei confini del nostro paese; e che non poche accademie 
e istituti e associazioni scientifiche, italiane o straniere, vol- 
lero iscritto il suo nome tra quelli dei più benemeriti cultori 
della geografia, specialmente dopo ch'egli ebbe assunta la 
direzione della Rivista Geografica Italiana per trasformarla 
in quella palestra di studi e di ricerche cosi bene auspicata 
ed aperta a tutti gl'ingegni (3). Bene auspicata poiché pre- 
luse anche alle cure, eh' egli si dette, per rivendicare in ente 
autonomo la Sezione fiorentina dell'Associazione africana d'Ita- 
lia e per volgerne gì' intenti e le mire su di un campo di 
gran lunga più vasto e più fecondo (4). Spetta a me il com- 



(1) Si trasferì a Firenze del 1892, dopo la morte di B. Malfatti che vi arerà 
tenuto per parecchi anni Io stesso insegnamento. Alla Scuola di scienze sociali 
impartiva più propriameute quello di geografia commerciale. 

(2) Oltre a presidente della Sezione fiorentina della Società Africana d* Italia, 
egli venne eletto, subito dopo, Vice-presidente della Società Italiana di Antro- 
pologia ed Etnografia, non che socio ordinario dell'Accademia dei Georgofili e 
membro della Deputazione storica. 

(3) Fra le onorificenze venutegli dall'estero aveva avuto carissime le nomine 
a membro onorario della Società geografica olandese e della Società di topo- 
grafìa di Francia, non che quelle di membro corrispondente delle Società geo- 



£_I JZ Ti 1* Jll XS 



Digitized by VjOOQIC 



828 

pito di confennare — appunto in questo giorno cosi mesto, 
ma pure tanto solenne — che la Società di Studi Geografici 
e Coloniali, da esso promossa, costituita e presieduta, ha sa- 
puto rispondere, come più degnamente non si poteva, alla 
speranza e agli auguri onde ne venne salutata la trasforma- 
zione e l'esordio. 

Quando il vostro sodalizio non avesse altri titoli alla gra- 
titudine degli studiosi, basterebbe nondimeno a farlo segnalare 
tra le società consorelle quel suo € Bullettino » che propugnò 
per più di un decennio, sia pure entro limiti determinati, 
gl'interessi della nostra disciplina (1) e che il Marinelli seppe 
fondere opportunamente nella Bivista mensile da esso diretta 
e destinata a diventare via via una collezione di note e di 
memorie scientifiche della più alta importanza (2). Basterebbe 
avvertire come si dovesse in principal modo alla fama che 
la vostra Associazione si era andata acquistando, se nel se- 
condo convegno dei geografi italiani — adunati a Eoma an- 
che per celebrare il giubileo della sua gloriosa redenzione — 
venne accolta con unanime consentimento la proposta, fatta 
a nome vostro dal vostro compianto presidente, perchè il terzo 
Congresso geografico nazionale avesse luogo in questa patria 
inamortale di Paolo Toscanelli e di Amerigo Vespucci (3). 

H Congresso fu, in gran parte, merito vostro; come riusci 
ad onore altissimo di colui che lo aveva chiesto e, dipoi, or- 
ganizzato con una sagacia pari alla solerzia che soleva met- 
tere in ogni sua impresa. E chi non ricorda le acclamazioni, 
end' egli venne fatto segno, quando in quest' aula medesima, 
dinanzi alla folla degli accorsi da ogni città d'Italia e dal- 



(1) Esso venne diretto con molta alacrità ed amore del Prof. P. Stefanelli ed 
ebbe la collaborazione attiva di B. Malfatti che fu per vari anni anche presi- 
dente del sodalizio. 

(2) Come dapprima aveva partecipato assiduamente ai lavori della Sezione 
Africana e del « Bullettino » — nel quale pubblicò» fra Taltro, una bella me- 
moria su Eugenio Ruspali e i suoi viaggi nella Somalia e fra i Galla — 
così nella « Rivista » il suo direttore venne inserendo taluni scritti non meno 
lodati (quali la Commemorazione di Antonio Cecchi, V Accrescimento del delta 
^^l^^Z^^^') ^^^^^ * frequentissime note didattiche, critiche, bibliografiche. 



Digitized by 



Google 



324 

l'estero, sorse la voce che lo designava a presidente generale 
dell'assemblea? Chi non ricorda i suoi magistrali discorsi di 
inaugurazione e di chiusura che la vostra società raccolse nei 
due splendidi volumi testé pubblicati per coronare sempre più 
degnamente le aspirazioni di quella solennissima festa della 
scienza? 

« All'orgoglio della sorte che m' è toccata — egli vi diceva 
cosi nella sua schiettezza — contrasta il dubbio di riuscire 
inferiore al compito che m' avete commesso » ; ma voi vedeste, 
o Signori, con quanta dignità e con che sprazzi di luce in- 
tellettuale, malgrado le non liete condizioni della sua salute, 
seppe tenere l'altissimo ufficio. Voi udiste con quale con- 
vincimento, anzi con che senso d' indignazione volle tornare 
ancora una volta ad insistere sulla disdetta che, malgrado le 
frequenti proteste e le lunghe promesse, malgrado le disillu- 
sioni e i disastri, pesa tuttora sulla sorte degli studi geogra- 
fici quasi in ogni ordine delle nostre scuole e, conseguente- 
mente, nei riguardi della coltura nazionale. L' inno eh' egli 
levava alla memoria dei nostri morti, delle nostre vittime ge- 
nerose, cadute in lontane esplorazioni, e le sue parole inspi- 
rate in onore dei superstiti e dei reduci che, nella loro lotta 
contro l'ignoto, avevano avuto la fortuna pari all'ardimento, 
le coronaste voi pure della vostra calda approvazione. Voi 
pure sentiste in quelle lodi e in quell' inno la persuasione, 
eh' egli ebbe profonda, incrollabile, circa la necessità che i 
nostri obiettivi scientifici e, insieme, la nostra missione poli- 
tica e sociale non rimangano circoscritti entro gli angusti 
limiti che ci vorrebbe assegnati il dispetto o l'imprudenza di 
certi oppositori a qualunque costo, per giudizio dei quali il 
nostro raccoglimento, la nostra remissione, dinanzi al febbrile 
agitarsi dei popoli più progrediti e previdenti, dovrebbero tro- 
vare un compenso ed un premio più che sufficiente nello studio 
esclusivo del nostro paese. 

E chi la nega, chi la contende l'utilità di questo studio? 
Chi può sconoscerne magari l'urgente bisogno, a patto, tutta- 
via, che nella foga della esagerazione e della retorica non ci 
si venga a scambiare la nostra contrada con qualche malnoto 
territorio dell'Africa equatoriale? Diamo pure l'opera nostra 



Digitized by VjOOQIC 



sopra tutto a illustrare la patria in ogni suo momento fisico 
ed etnico; ma « troppo ci premono d'ogni intomo le memorie 
d'un glorioso passato, perchè si possano cancellare d'un tratto; 
troppo ci premono d' intorno i fati presenti, perchè si possa 
loro resistere: per troppo lunga distesa le onde del Mediter- 
raneo, il mare delle nostre fortune, il mare delle nostre glo- 
rie, accarezzano le portuose spiaggie d'Italia, perchè non 
dobbiamo cedere alle sue attrattive e gittarci di nuovo e lar- 
gamente a quei traffici che furono la fonte principale delle 
nostre ricchezze passate: troppo s' affoUan fitte le nostre genti 
sulle glebe di questa terra, non più parens magna frugum^ 
perchè non subiscano la legge fatale che le obbliga ad abban- 
donarle: troppo, finalmente, tutti questi problemi si presentano 
incalzanti e vitali, perchè non li dobbiamo costantemente te- 
nere davanti gli occhi, davanti il pensiero, e perchè non ci 
s' imponga, quale un urgente dovere, la più larga ed accorta 
preparazione, che permetta di provvedere al presente e di tro- 
varsi pronti agli eventi che l'avvenire matura ». 

Tutto questo ed altro assai vi andava dicendo il vostro com- 
pagno di lavoro, la guida vigile dell'opera vostra; ma fu 
quello — purtroppo — l' estremo legato eh' egli lasciava in 
omaggio alla scienza che era stata il culto e l'ideale di tutta 
la sua vita. Il giorno che nella sala dei Duegento mandava 
commosso il saluto dell'addio a quanti eran venuti per par- 
tecipare alla discussione e ai voti delle singole adunanze, egli 
aveva già sul volto la tristezza di un deperimento da strin- 
gere il cuore. La sua fibra, che aveva resistito al peso delle 
occupazioni faticosamente durate nel corso di decenni interi^ 
apparve a un tratto come fiaccata dagli eccessivi sforzi di 
quell'ultimo mese. Senti egli stesso un bisogno supremo di 
rivedere i monti, che erano stati la passione della sua giovi- 
nezza, per chieder loro un nuovo beneficio d'energia e di sa- 
lute. In poche settimane credette rinfrancarsi. Tornato invece 
quaggiù in mezzo a voi, che lo attendevate nell'ansia, fu colto 
da quel più grave malore che dopo quasi due anni di trepi- 
dazione e di lagrime nascoste da parte della sua famiglia, 
dopo una sequela inenarrabile d'angoscio fisiche e morali da 
parte sua, lo trasse inesorabilmente al sepolcro. 



Digitized by VjOOQIC 



I 



Lo trasse al sepolcro di soli cinquantaquattro anni, ma il 
suo spirito illuminato e forte è rimasto pur sempre con noi. 
Non è la sua scomparsa dal mondo che potrà cancellare il ri- 
cordo delle sue virtù, delle sue benemerenze, del suo aposto- 
lato in favore della scienza: la stessa morte non potrà mai 
farci dimenticare la sua buona e cara immagine fraterna, cosi 
presente, in questo momento, e cosi viva nell'animo nostro. 
L*han portato a riposare lassù, nella sua « piccola patria >; 
ma la patria grande sentirà lungamente l'onore d'avere avuto 
un tal figlio e di poterlo additare in esempio. 



i 

I 



Digitized by VjOOQIC 



327 



ELENCO DELLE PUBBLICAZIONI DI G. MARINELLI 

(disposte per ordine cronologico) (1) 



1. A Pompei! In voi. e La Margherita » Strenna delle buone fanoiuUej 

ed. da R. Rossi, Anno I. — Udine, Della Vedova, 18ti7. 

2. Elementi di Statistica, In « Sentinella Friulana >, 1867. 

3. Notizie di Statistica italiana per gli stud, del R. I. tecnico di Udine, 

— Udine, 1868. 

4. Cenni geografici e topografici fsul distretto di Palmanova). In Palma- 

nova e suo distretto — Udine, Seitz, 1809. Ivi. Statistica ed Istru- 
zione. 

5. Programma, regolamento ed elenco con note hihliografiche per la rac- 

colta di libri nei comuni rurali della prov. di Udine. — Udine, 
Seitz, 1869. 

6. Nomi propri orografici. Alpi Carniche e Giulie. In « A, I. T. U. ». — 

Udine, 1873. 

7. Per la distribuzione dei premi agli allievi ecc. della Soc. Operaia in 

Udine. — Udine, Jacob e Colmegna, 1872. 

8. Dell'opportunità di fondare un osservatorio meteorologico sulle nostre 

Alpi. In « A. A. U. », 1873. 

9. DelV istruzione tecnica in generale e del suo sviluppo in Friuli. (Ano- 

nimo — però la 1.* parte, pag. 1-8 è di G. Marinelli, la 2." di 
M. Misani). In « B. A. A. F. », 1873. 

10. Sugli ultimi scavi di Zuglio, — Udine, Doretti, 1874, 1." ediz. (2.® ediz., 

in « A. A. U. », Serie II, voi. 3.»). 

11. Un'ascensione al Canino (22 luglio 1874) dal « G. di Udine », 1874. 

12. La stazione meteorica di Tolmezzo nelVanno 1818-14. In « B. A. A. F. », 

1876. 

13. Intorno olle stazioni pluviometriche fondate nella prov. di Udine nel- 

Vanno 1814. Relazione al Min. di Agr. Ind. e Comm. Ivi. 



(1) Abbreviazioni 

Annali del B. Ist. Teon. di Udine . . . . . . . := A. I. T. U. 

Atti dell*Aooademia di Udine = A. A. U. 

Bollettino Agsociazione Agraria Friulana = B. A. A. F. 

Cosmos di O. Cora == C. 

Memorie Società Qeogr. Ital = M. S. G. 

Boll. « » n . . • = B. S. G. 

Atti d. B. Igt. Veneto = A. T, V. 

Cronaca della Società Alpina Friulana • = C. S. A. F. 

In Alto. Cronaca bimestrale d. S. A. Fr = I. A. 

Bivista Geografica Italiana =: B. G. I. 

Geografia per Tutti = G. P. T. 



Digitized by VjOOQIC 



328 

14. Due parole sulla storia deW Alpinismo, pag. 6-20 della cron. Dal Pe- 

ralha al Canino, Anno I, 1876. 

15. La sezione di Tolmezzo nel 1874. Ivi. 

16. Relazione intorno all'escursione fatta al monte Tersadia, Ivi. 

17. Le stazioni meteoriche di Tolmezzo e di Pontebba nel 1874-75. In 

» B. A. A. F. », 1876. 

18. Bocca Moscarda, Ricordi storici. — Udine, Seitz, 1876. 

19. La 'calle di llesia e un^ascesa al monte Canino, 2.* ed., dal « Boll, del 

C. A. I. *, 1876. 

20. Rilievi allimetrici pratici mediante il barometro nei bacini del Taglia- 

mento e del Piave, nel 1874. In < A. I. T. TJ. », 1876. 

21. Territorio e Strade comunali, provinciali, nazionali e ferrovie, e Ann. 

statist. » per la prov. di Udine, Anno I. — Udine, 1876. 

22. Riassunto delle osservazioni praticate nella staz, meteor, della zona alp. 

friuL negli anni 1813-74, 1874-75 e 1875-76. In annuar. « Dal 
Feralba al Canino », Anno II, 1877. 

23. La neve rossa del 15 maggio 1876. Ivi. 

24. U7ia visita alle sorgenti del Livenza e al Bosco del Cansiglio, e un'ascesa 

al Cimon della Palantina (Monte Cavallo;, « Boll, del C. A. I. », 1877. 

25. Proposta di pubb. Valtim. della Penisola (fatta al IX Congr. Alp. di 

Pistoia). Ivi. 
26 Sull'altezza del m. Coglians. Nota. « C. », 1877. 

27. Materiali per V altimetria italiana. (Regione Veneta-Orientale). Rac- 

colta di 222 quote d'altezza rilevate mediante il barom. nei ba-- 
Cini del Tagliamento, delFIsonzo, del Livenza, del Piave e del 
Gail negli anni 1874, 76 e 76. « C. », 1877. 

28. E IX Congresso degli Alpinisti italiani (ed escurs. nelle A. Apuane 

— m. Sagro). Lettera al « Giornale di Udine », 1876. 

29. La sezione di Tolmezzo (del C. A. I.) nel 1875. Nella cron. « Dal Pe- 

ralba al Canino », Anno II, 1877. 

30. La sezione di Tolmezzo nel 1876. Ivi 

31. Primo elenco di escursione e ascese. Ivi. 

32. Altezza sul liv. marino di 100 punti culminanti delle Alpi Fiutane, Ivi. 

33. Escursione al lago di Raibl e nella valle di Raccolana, Nel giornale 

« Il Tagliamento », Sett.-Nov. 1876. 

34. VAntelao (m. 3256) nelle Alpi del Cadore. « Boll, del C. A. I. », 1878. 
36. SulV altezza del m. Antelao. In « M. S. G. ». 

36. Territorio (pag. 11-59) e Strade com. prov. nazionali e ferrovie. In 

< Ann. stat. per la provincia di Udine », Anno II. — Udine, 
Seitz, 1878. 

37. Le prime alphiiste svila vetta del m. Canino. Lettere 4, alla signorina 

I. P. -- Udine, Seitz, 1878. 

38. Note sulle condizioni degli abit. di Sauris e Collina. Append. 4.* del 

voi. « Pensiero e meteore » di Cks. Lombroso. — Milano, Du- 
molard, 1878. 

39. Carta del Friuli tra i fiumi Livenza ed Isonzo, disegnata da G. Mari- 

nelli e T, Taramblli ecc.; con due profili altimetrici. Se. 1 : 200,000. 

— Udine, Passero, 1879. 

40. Della Geografia scientifica e di alcuni suoi nessi collo sviluppo degli 

.studi astronomici e geologici. Produzione. In « B. S. G. », 1879. 



Digitized by VjOOQIC 



329 

41. Materiali per Valtimetria italiana. Serie IL Race, di 169 quote rilev. 

nei bac. del Tagliamento, dell'Isonzo, del Livenza e del Piave 
nell'anno 1877. — Torino, e C. », 1879. 

42. Ferrovia Pontebbana. In « B. S. G. », 1879. 

43. Materiali per Valtimetria italiana. Reg. ven. orìen.. Serie III. Raccolta 

di 97 quote d'altezza, rilevate, nei bacini del Tagliamento del 
Corno-btella, del Livenza e del Piave nell'anno 1878. — Torino, 
« C. », 1880. 

44. Materiali ivi. Serie IV. Race, di 98 quote ecc. nei bacini del Taglia- 

mento del Livenza e del Piave nel 1879. Ivi. 

45. Stìidi altimetrict intomo al lago d^ Alesso e alla vetta del m. Simeone. 

In « A. A. U. ., 1880. 

46. Le casére in Friuli secondo la loro altezza sul liv. del mare. In 

« B. A. A. F. », 1880. 

47. L'alpinismo in Friuli nel biennio 1878-79, — Udine, 1880. 

48. Intorno agli studi del dott. GUnther sulla storia della geografia matem, 

e fisica. In « B. S. G. », 1880. 

49. Studi Straboniani. In « C. », 1880. 

50. I due astrolabi arabi scoperti in Valdagno e descritti dal co. A, da 

Schio. « C. », 1880. 

51. Proposta di pvhl. Valtimetria d' Italia fatta al Congr. intem. di me- 

teor. nel settembre 1880. — Venezia, 1880. 

52. Ascesa e misuraz. del Jof del Montasio. — Torino. < C. », 1880. 

53. Lettere dalla Sicilia^ dalVEtna, dal Vesuvio, alla Dir. della « Patria 

del Friuli », 1880. 

54. Dal Canino alVEtna. — Udine, 1881. 

55. Territorio e Opere modificatrici del suolo. In « Ann. stat. della prov. 

di Udine », Anno III, 1881. 

56. Saggio di cartografia della regione Veneta. (In collaborazione con altriV 

Miscellanea negli « Atti della Dep. Ven. di St.* Patria », 1880. 

57. Lettere dalla Corinzia alla • Patria del Friuli », 1880. 

58. Materiali per Valtimetria italiana. Reg. ven .-or. e veneta propria. 

Serie V. Raccolta di 100 quote ecc. rilevate nel 1»80. In 
« A. I. V. », 1882. 
(Id., coll'aggiunta delle misure ad aneroide). Race, di 176 quote ecc. 
« C. », 1882. 

59. Salita del Sernio. In « I. A. ». — Udine, 1882. 

60. Salita cU Jof del Montasio. Ivi. 

61. SulValtezza assoluta della stazione meteorolog. di Pontebba. Ivi. 

62. Prospetto di 232 vette appartenenti alle Alpi Friulane e superiori a 

1000 m. d'alt, ass., Ivi. 

63. Elenco delle stazioni meteorologiche della zona delle Alpi Friulane. Ivi. 

64. Riassunti delle osservazioni praticate nella staz. meteor. della zona Al- 

pina Friulana, dal 1873 al 1879. Ivi. 

65. Aw. Michele Grassi. Commemorazione. Ivi. 

66. La Geografia ed i Padri della Chiesa. In e B. S. G. », 1882. 



Digitized by VjOOQIC 



'^^ J17W' 



330 

69. La superficie dd B. d* Italia secondo t più recenti studi. In « A. L V. », 

1882. (Altra ediz. in < Ann. Stai, italiano », 1884). 

70. Ancora svila superficie del R, d^ Italia, In « A. I. V. », 1883. 

71. SulVarea dd Regno d'Italia, In e B. S. G. », 1883. 

72 Aspetto fisico della Reg, Venata. In « Atti dell'Inchiesta Agraria ». — 
Roma, 1883. 

73. / più orientali ghiacciai d'Italia. In « Atti della Soc. Ven. trent. di 

Se. Nat. », 1883. 

74. Al Consiglio, In e I. A. », 1883. 

75. Giacomo di Brazza e i suoi lavori nella valle di Raccolana, Ivi. 

76. Prospetto di 102 selle o passi appartenenti alle Alpi Friulane, Ivi. 

77. Determinazioni altimetriche compiute colV aner. della S. A, Friulana 

nel 1882. Ivi. 

78. Gog e Magog. Leggenda geografica. — Torino, « C. », 1883. 

79. La terra, trattato popolare di geografia universale, — Milano, Val- 

lardi, 1883. (Quest'anno si inizia la pubblicazione). 

80. Materiali per Valtimetria italiana. Reg. ven-or., Serie VI, Raccolta di 

135 quote, rilevate nel 1881. In « A. I. V. », 1884. 

81. Escursione nelVAlpago, In « I. A. », 1884. 

82. Salita del Gross Gloekner. Ivi. 

83. L'orizzonte del castello di Udine, Ivi. 

84. Determinazioni altimetriche compiute coWaner, della S. Alp, Friulana 

nel 1883. Ivi. 

85. / ghiacciai del Canino. Ivi. 

86. Sulla bibliografia storica Friulana del prof, G. Occioni Bonaffona, 

Parole. In « A. I. V. », 1884. 

87. Sulla nuova carta della prov. di Padova; recensione. — Roma. In 

€ B. S. G. », 1884. 

88. Il concetto del cosidetto « sviluppo di coste ». — Padova. In « Boll. 

Soc. Ven. Trentina », 1884. 

89. Notizie intorno alla qv^estione della superficie d'Italia. In « A. I. V. », 1884. 

90. La nuova valutazione areometrica del Regno d' Italia eseguita dall' Ist, 

geogr. mUit. ital. nel 1884. In e A. I. V. », 1885. 

91. Slavi, Tedeschi, Italiani nel cosiddetto « Litorale Austriaco ». Ivi. 

92. Recenti studi idrografici e talassografici nel Mediterraneo. In « Atti e 

Memoria della R. Accad. di Padova ». Voi. I, 1883. 

93. Materiali per Valtimetria ital. Serie Vili. Saggio di altimetria della 

Regione Veneto-orientale e paesi confinanti tra il Piave, il Dravo, 
1* Isonzo e il mare. Race, di 3864 quote, in buona parte origin., 
rifer. a 2768 locaUtà differenti. 1.' Suppl. al • C. », 1885. 
94 Materiali per Valtimetria ital, Reg. ven. or. e ven. propria. Serie VII 
raccolta di 74 quote d'alt, rilev. med. il bar. nei bacini del Bac- 
chiglione nel 1882. In e A. I. V. », 1886. 

95. Deterim'nazioni altimetriche compiute coW aner. della Soc. Alp. fruì. 

nel 1884. In « C. S. A. F. », 1886. 

96. Il passo delle Comelle fra le Dolomiti Agordine, in XII « Ann. della 

Soc. degli Alpin. Trident. », 1886. 

97. Atlante geografico elementare per le scuole e per le famiglie, in 16 carte. 

— Torino, Loescher, 1886. 



Digitized by VjOOQIC 



331 

98. Piccolo atlante geografico ecc. in 8 carte. Id. 

99. Saggio di Orometria delle Alpi Friulane. In e Ann. Stat. deirAcc. di 

Udine », 1886. 

100. Udine. Territorio e clima, Aria e suolo. In < Guida Ulustraz. di 

Udine ». — Udine, 1887. 

101. Principali laghi d* Italia ed altre tabelle. In « Ann. Stat. ital. pel 

1886 ». — Roma, Botta. Ivi in « Ann. del 1887 ». 

102. Note topografiche ed altimetriche sulle Pale di S, Martino. In « Boll, 

del Club Alp. ital. », 1886. 

103. La carta murale etnografica delVAsia del sig. Haardi. In « B. S. G. », 

1886. 

104. Materiali per VaUim^tria italiana. Reg. Veneta. Serie VIII. Race, di 

56 quote ecc. nel 1883. In « A. I. V. », 1887. 

105. Un'ascesa al Civetta. In « C. S. A. F. », 1888. 

.106. Relazione alla Soc, Alp, Friul. intorno alV alpinismo in Friuli nel de^ 
cennio 1875-1884. Ivi. 

107. L'Opera del prof . Federico Umlaufl sulle t Alpi ». In « B. S. G. >, 1888. 

108. Bibliografia storica friulana dal 1861 al Ì885 ecc. di Gius. Occìoni- 

Bonaffons. In t A. I. V. », 1888. 

109. Jacopo Zanella. Discorso avanti il feretro, pronunciato il 19 mag- 

gio 1888. In € Giornale di Vicenza » del 20-21 maggio 1888. 

110. Le Alpi Gamiche, Nome, limiti, divisioni nella storia e nella scienza. 

In « Boll, del Club. Alp. it. », 1887. 

111. / colli Euganei. Note altimetriche. In e Atti della R. Acc. di Pa- 

dova ». 1887-88. 

112. Articoli vari sulla Vaile di Zoldo nei giornali: t il Veneto » e « l'Al- 

pigiano », 1889. 

113. La piiu alta montagna del Friuli, In « Pagine friulane », 1889. 

114. Il regresso dei ghiacciai. In e C. S. A. F. », 1889. 

115. La valle e il passo della Valentina, Ivi. 

116. Limiti e divisioni delle Alpi Camiche, Ivi. 

117. La pili alta giogaia delle Alpi Gamiche. Appunti vecchi e nuovi. In 

€ Boll, del Club alp. ital. », 1888. — Torino, 1889. 

118. Materiale per Valtimetria italiana. Reg. Veneta. Serie IX. Race, di 64 

Quote d'altezza ri lev. mediante il barom. nei bacini del Brenta, 
del Piave, del Tagliamento, e nella regione morenica friulana, 
durante l'anno 1885. e A. I. V. », 188^. 

119. Venezia nella storia della geografia cartografica ed esploratrice. Ivi. 

120. Articoli nel giornale « l'Adriatico » di vari argomenti. 

121. Tre brani (descriz. di salite). In < Levasseur, Les Mpes et les gran- 

des ascensions ». — Paris, Delagrave, 1889. 

122. Parole al IX congresso della S. A. friul. 8 agosto 1889, a Gividale, 

€ I, A. », 1890. 

123. Per Emesto d'Agostini, Ivi. 

124. Novità altimetriche riguardanti le Alpi Friulane. Ivi. 

125. Il Friuli nella « Carta corogr, 1:600000 del E. d'Italia e delle reg. 

adiacenti ». Ivi. 

126. Ancora sulle « Novità altimetriche riguardanti le Alpi Friulane ». Ivi. 

127. Ancora t II Friuli » nella « Nuova carta d'Italia al 600000 ». Ivi. 



Digitizedby VjOOQIC , 



332 

128. Un nuovo lavoro (Krktschmer, Die physische Erdìcunde im christli- 

chen Mittelalter, Wien, Hdlzel, 1®9) eulla storia della geografia 
medievale. « B. S. G. », 1883. 

129. Le prov, venete nella nuova « Carta corog. del R. d'Italia » neUa scala 

di 1:500000, In « Adriatico », 9 luglio 1890. 

130. Ancora della « Carta corogr, del B, d^ Italia » nella scala di 1:600000. 

Ivi, 23 agosto. 

131. La statistica delle lingue nella Venezia Giulia, Nella « Nazione Ita- 

liana », 1890. 
182. Il bacino del Fella e le sue genti. Ivi. 

133. Parole pronunciate a Studena V8 Settembre 1890 (ai soci della Soc. 

Alp. Friulana). « I. A. », 1890. 

134. Di iiìi' interessante iscrizione romana esistente nel Museo di Udine, Nelle 

« Pagine Friulane », 1891. 

135. Leonardo da Vinci in Friuli, Ivi. 

136. Da Resia a Tarcento pel passo di Tasajauron (m. 1620 e.*). Ascesa 

del Cazarjuvaz (m. 1820 e.*) nella caiena del Musi, Tanamia e sor- 
genti del Torre. < I. A. », 1891. 

137. La cima dei Preti (2703 in.) punto culminante delle prealpi Camiche. Ivi. 

138. La prima ascesa alla cima dei Preti (Holzmann, 23 settembre 1874). 

Ivi. 

139. La questione délV isola di Pelagosa. In « Adriatico », 9 luglio 1891. 

140. Nuovo contributo alValtimetria della Reg, Veneta. « A. I. V. », 1891. 

141. Scuole italiane alV Estero. Discorso pronunciato alla Camera nella tor- 

nata del 16 maggio 1891. — Roma, 1891. 

142. Ije scuole universitarie di Magistero, Discorso pronunciato alla Ca- 

mera dei deputati nella tornata del 29 maggio 1891, discutendosi 
il Bilancio dell'Istruzione. < Atti parlam. », 1891. 

143. Discussione sul bilancio della Guerra, Discorso pronunciato alla Ca- 

mera dei deputati nella tornata del 14 giugno 1891. Ivi. 

144. IJ istituto geografico deW Università di Vienna e i suoi lavori, « B. S. 

G. », 1891. 

145. Plastigrafie della Reg, Veneta, Nella « G. P. T. », 1891. 

146. Prima traversata ed ascesa al m. Musi (1851 m.). « I. A. », 1891. 

147. Parole pronunciate al XI Congr, della Soc, Alp, friul. a Tarcento, Ivi. 

148. H pertugio del Prestrélenic, Leggenda slovena. (Per nozze). Con nota. 

— Padova, Prosperini, 1891. 

149. Nuove misurazioni delVarea d^ Italia. In < Almanacco (Geografico ». — 

Bergamo, 1892. 

150. La questione della superficie del Regno. Nuove determinazioni e raf- 

li-onti. « A. I. V. », 1892. 

151. La questione deW isola di Pelagosa. In « Natura ed Arte », n. 6, 1892. 

152. Umbilicus Terrae, Ivi. 

153. Il nome d^ Italia attraverso isecoli.'Note ài un geografo. « A. I. V. », 1892. 

154. L'area del Regno d^ Italia, per circondari, provincie e compartimenti. Ivi. 

155. Parole del Presidente del XII Convegno della Soc. Alp, Friulana a 

Caneva di Sacile. « I. A. », 1892. 

156. Il Congresso e la i.** Mostra geografica italiana. « Almanacco Geogra- 

fico .» 1892. 



Digitized by VjOOQIC 



a33 

167. Da Cuneo a Ventimiglta, attraverso al Col di Tenda (1872 m.). Estr. 
dair € I. A. », 1893. 

158. ConceUi e limiti della Geografia, « R. G. I. », 1893. 

159. Avvertenze utili (Lettera al prof. Ghisleri). « G. P. T. », 1893. 
IGO. Confini naturali,,,, e confini naturali. Ivi. 

161. Un^ ascesa al monte Epomeo [m, 789) nelV isola d'Ischia. < I. A. », 1893. 

162. Sull'utilità di estendere a tutta l'Italia un catalogo ragionato delle 

carte di terraferma e delle carte nautiche moderne, « Atti del 1." Con- 
gr. Geogr. ital. », 1893. 

163. Parole del Presidente al XIII Convegno della S. A, F. a Moggio, 

€ I. A. », 1893. 

164. Saggio di cartografia italiana, ossia Catalogo ragionato di Carte geo- 

grafiche, piante e prospetti di Città, pUistici ecc. riguardanti la Re- 
gione italiana nei suoi confini geografici e storici. — Programma 
dell'Opera, Schema ed esemplari. — Firenze, Ricci, 1894. 

165. Zm penisola italica di Teobaldo Fischer. « B. S. G. », 1894. 

166. Materiali per la storia della cartografia italiana, « R. G. I. », 1894. 

167. Le dissertazioni dottorali in geografia nelle Univ, Tedesche. Ivi. 

168. L'ufficio Idrografico della R. Marina. Ivi. 

169. Le alpi del Friuli e Luigi Pinelli, e I. A. », 1894. 

170. C, Czdmig, Leop. de Stefanis, Necrologie. Ivi. 

171. Ancora degli errori geografici intorno al Friuli, Ivi. 

172. Un'' altra ascesa al Canin dal lato dei gJnacciai, Ivi. 

173. Parole del Presidente al XIV Congr, della Soc, Aìp, friul, a Pin- 

zano, Ivi. 

174. Ancora 3 giorni nei paraggi del m, Canin, Ivi. 

175. Guida del Canal del Ferro o valle del Fella, (Tagli amonto). In col- 

laborazione con altri. [Monti e acque; Aria e temperie; Le genti; 
Statistica intellettuale; Descrizioni locali ed itinerario], — Udine, 
Doretti, 1888. 

176. Eugenio Ruspoli e i suoi viaggi nella Somalia e fra i Galla. Comme- 

moraz. tenuta il 13 gennaio 1895, nell'Aula Magna del R. I. di 
Studi Superiori. — Firenze 1895. 

177. Gli Amhara Burgi, « R. G. I. », 1896. 

178. Se e come l'università italiana possa provvedere al fine di preparare 

insegnanti di geografia per ce Scuole secondarie, t A. C. G. ». — 
Roma, 1896. 

179. Coglians o Kellerspitzf t I. A. », 1895. 

180. Discorso del Presidente al XV Convegno della S. A, friul. Ivi. 

181. Atlantino Geografi, Elementare per le varie regioni d^ Italia. — Roma, 

Soc. Edit. Dante Alighieri, 1896. 

182. Le Provincie d'Italia. Brevi cenni geografici, statistici e storici per 

lo studio della geografia patria nelle Scuole Elementari, secondo 
i programmi (16 provinole furono compilate da G. Marinelli). 

183. SuUa carta topografica d'Italia e sull'Istituto Geogr. mil. Parole.... 

pronunciate nella Camera dei Deputati, 23 maggio 1896. In 
« Atti parlamentari » e e R. G. I. », 1896. 

184. Discorso — sul bilancio dell' Istruz, pubblica — pronunciato alla Ca- 

mera dei Deputati, 24 giugno 1896. In « Atti parlamentari », 1895, 



Digitized by VjOOQIC 



334 

186. Una nuova carta delle reg. polari antartiche. « B. S. G. ». 1896. 

186. Il punto più settentrionale del Regno d^It^lia. < A. I. V. », 1895-96. 

187. Riordinamento delle Scuole Complementari e Normali. Belaz. parla- 

mentare il l.*» giugno 1896. < Atti parlamentari », 1896. 

188. Antonio Cecchi. « Vita Italiana », 1896. 

189. Riccardo Enrico Budden; Giulio Andrea Pirona. « I. A. », 1896. 

190. Le Ambe Abissine. Ivi. 

191. Errori intorno al Friuli. Nuova serie. Ivi. 

192. Parole del Presidente al XVI Convegno della Soc, Alp, friul. al m. 

Nevada. Ivi. 

193. Antonio Cecchi « R. G. I. », 1897. 

194. Variazioni nella Valutazione della superficie del Regno d^ Italia, e A. 

I. V. », 1896-97. 

195. Un incendio a Udine nel 1560, XVIII genn. MDCCCVIL Nozze 

Pitotti-Pretto. — Firenze, Ricci, 1897. 

196. Cristoforo Negri, Comm. letta il 28 febb. 1897 davanti TAcc. Reale 

delle Scienze di Torino. « Memorie della Reale Acc. di Scienze >, 
1896-97. 

197. In memoria di Cristoforo Negri, 1809-1896. < Vita Italiana », 1897. 

198. Per V insegnamento della Geograf. negli Istituti tecnici. « R. G. I. », 

1897. 

199. Recente ritrovamento di carte nauticlie e planisferi. Ivi. 

200. Cronachetta di Baldassar de Rivo. Per Nozze Elti-Stroili. — Udine, 

Doretti, 1897. 

201. Parole del Presidente al XVII Convegno della S.Alp.friuh a Rara- 

scleto, « I. A. », 1897. 

202. Discorsi parlamentari: Sul Bil. della P, Istr.: 6 giugno 1897, sul- 

V ispettorato scolastico, 6 giugno, intomo al Cast, di Udine. Sul 
Bilancio della Guerra, 2 giugno 1897, per svolgim. di un ord, del 
giorno sidVInsegn, della Geogr. nei Collegi militari. In « Atti par- 
lamentari ». 

203. Per V Insegnamento della Geogr. negli Istituti tecnici, t R. G. I. » , 1897. 

204. Lo studio del movimento dei ghiacciai in Italia nel 1897, < R. G. L >, 

1898. 

205. Guida della Camia (con altri collaboratori). Soc. Alp. friul. editrice. 

— Firenze, 1898. 

206. Intorno al III Congresso Geografico Italiano. • A. I, V. », 1898. 

207. L'accrescimento del delta del Po nel secolo XIX, « R. G. I. », 1888. 

208. Lo studio del movimento dei ghiacciai in Italia nel 1898, « R, G. I. >, 

1899. 

209. La Commissione internazionale per lo studio dei ghiacciai, « Atti del 

III Congresso Geografico Italiano ». — Firenze, Ricci, 1899. 

210. Discorsi di inaugurazione e di chiusura del III Cong. Geografico Ita- 

liano. Ivi. 



Digitized by VjOOQIC 



330 



MEMORIE ORIGINALI 



I. 

LE SCOPERTE GEOGRAFICHE DEL SECOLO XIX 

dal Prof. FIUPPO PORENA della R. UnlvaraiU di Napoli 



II. 
Scoperte in AfHca.(l) 

Dobbiamo contiunare oggi deirAfrica, non più segaendone le sco- 
perte in ordine cronologico, ma aggruppandole in ordine corologico. 
E cominceremo dal Sahara. Come dicemmo, gli antichi, dagli estremi 
lembi che solo ne conoscevano, al N., si erano formati il concetto 
che fosse tutto un* immensa pianura sabbiosa. La tendenza all' uni- 
ficazione, propria dello spirito umano, e la fantasia, che scambia vo- 
lentieri per realtà quanto le arride, fecero accogliere e mantenere 
fino quasi ai di nostri Timmagine d*un mare di sabbia, sollevato ta- 
lora da tempeste, analogamente alle acque del mare, da cui non di 
rado restassero seppellite le carovane. La presenza di alcuni gusci 
di specie viventi ancora nel Mediterraneo, trovati in qualche can- 
tuccio, sempre alPestremità settentrionale, forni il fondamento scien- 
tifico all'ipotesi, che il Sahara fosse il fondo d'un mare emerso di 
recente. Dopo i già menzionati Homemann, Denham e Clapperton, 
che lo avevano traversato, per recarsi al Bornù, i principali esplora- 
tori del Sahara furono : il tedesco Enrico Barth, che nel 1850-55, da 
Tripoli, per Murzùk, Ohat giungeva all'Air donde per Kuka e Mur- 
zùk, tornava a Tripoli, rivelando, cosi, ne' suoi principali tratti il 



Digitized by VjOOQIC 



336 

Sahara centrale; il francese Duveyrìer, che, nel 1859, rilevava colla 
più gran diligenza tatto il quadrilatero Biskra-El Oolèa-Ohadamès- 
Ohat, e si spingeva nelI'Ahaggàr; il Beurmann (1862), che da Ben- 
gazi, per Augila e Oebàdo, giungeva a Euka; il Nachtigal, che, 
nel 1869-70, vi riconosceva i Monti del Tibèsti e del Borkù e il 
fiume delle Gazzelle (Bahr-el Ohazàl), che termina nella depressione 
del Bodele; e infine Gherardo Rohlfs, che nel 1878 completava la 
ricognizione del Sahara centrale, e dal 1873 al 1878 rivelava tatto 
l'orientale, ossia il Deserto Libico. Neirocotdentale sono da ricordare 
tre francesi : il già menzionato Cailliò, che nel ritomo da Timbkutb 
a Tangeri lo traversò; il Panet (1850), che lo perlustrò dal Senegal 
alla Dràa; e il Vincent (1860), che riconobbe soprattutto l'Adràr. 
Per tali scoperte, il Sahara non fu più l'ideale del deseiiio, ma rimase 
sempre nel suo complesso il più gran deserto reale ; non fu più tatto 
un' uniforme bassura, tutta sabbiosa, tutta sterile e disabitata, meno 
che in poche, disseminate oasi; ma, invece, una vastissima piatta- 
forma, sormontata qaa e là da gruppi montagnosi e traversata anche 
da qualche catena, con tratti sabbiosi, ma alternati con altri rocciosi, 
assolutamente sterile solo in questi ultimi, e nvestita di vegetazione, 
sebbene rada e dura, ne' primi, interrotta non pure da singole oasi, ma 
anche da ampi aggruppamenti di esse, con popolazione scarsissima, 
che però oltrepassa certo il milione. E quanto alla sua origine, è indub- 
biamente esolaso che sia di recente emersione; anzi dall'esser costi- 
tuito quasi tutto di roccie arcaiche q paleozoiche, deve conchiudersi 
che nel suo insieme sia uno dei tratti di terraferma più antichi, sog- 
getto posteriormente a qualche invasione, o, come più scientifica- 
mente dicesi, trasgressione, del mare, in qualche estremo suo lembo, 
e che le sabbie sieno un prodotto dell'erosione de' venti sulle aride 
e nude arenarie, che vi sono estesissime. 

I grandi viaggi di scoperta nel Sudan furono quelli dei già men- 
zionati Barth e Nachtigal. Il primo (1851-55), giunto, come vedem- 
mo, a Kuka, percorse tutto il paese intorno al lago Tscd, ricono- 
scendone gl'influenti, di cui principale lo Sciarl, e poi le regioni del 
Baghlrmi, del Bornù e dell' Adamaùa, del Sòkoto, ove scopri il corso 
del fiume Benne, del Oando. e, raggiunto il Niger a Sai, lo risali 
fino a Timbuktù. Insomma può dirsi che egli rivelasse nelle sue linee 
fondamentali tutto il Sudan occidentale e gran parte del centrale, e 
coll'aver protratto la conoscenza della Oioliba da Timbuktù a Sai, 
presso cui comincia a chiamarsi Quorra, tolse ogni dubbio sull'iden- 
tificazione di questi due fiumi. Per finirla col Niger, aggiungerò che, 
nel 1889, l'inglese Winwood Beade ne riconobbe il corso superiore 



Digitized by VjOOQIC 



337 

fino alle sorgenti, che furono nel 1879 rigorosamente precisate dai 
francesi Zveifel e Moastier. Il Nachtigal (J 869-74), dal Borkù, ove 
lo abbiamo già accompagnato, penetrò nel Uadài, vi si trattenne a 
lungo, e quindi passò nel Dar Far, e da questo nel Kordofàn, com- 
piendo cosi l'esplorazione di tutto il Sudan orientale. 

Per le carte arabe e per le notizie raccolte dai negozianti italiani e 
catalani sulle coste del Mediterraneo, e dai Portoghesi sulle coste 
della Guinea, dal secolo XVI in poi, si aveva la contezza che nel 
Sudan (che in arabo vuol dire paese dei Negri e fu perciò volgarizzato 
in Nigrizia) vi fossero dei regni popolosi e ricchissimi, e di taluni 
se ne diceva e iscriveva sulle carte il nome (1). Mano mano poi che 
ebbero luogo le spedizioni dell* Hornemann, del Denham, del Clap- 
perton e del Bartb, si seppero i nomi di anche altre regioni^ oltre 
le visitate da essi, di cui però non deve far specie se appaiano nei 
libri e nelle carte prima che se ne facesse l'efiPettiva esplorazione. 

Col progredir della conoscenza del Sudan si modificò sempre più 
il concetto che si aveva di esso, e per presunzione e deduzione an- 
che quello dell'Africa interna in generale. Oli antichi, che non cono- 
scevano di questa neppur l'intiero perimetro e il suo prolungarsi al 
S., inclinavano a ritenerla tutta, o presso che, inabitata e inabita- 
bile (2). Quanto si seppe in seguito, per la suddetta trafila degli 
Arabi, degli Italiani, de' Catalani, de' Portoghesi, era troppo incerto 
e generico, perchè vi si potesse fondar sopra un qualunque computo 
congetturale della sua popolazione, e, ad onta delle supposte ed an- 
che esagerate ricchezze della Nigrizia, in conclusione, l'Africa^ quasi 
per abitudine, si riteneva, se non si sosteneva, assai scarsamente 
popolata, da genti estremamente barbare, o anche in gran parte sel- 
vaggie. Colle positive ricognizioni del Sudan, e in seguito coli' esten- 
dersi di queste più al S., si è sempre più chiarito e rinforzato il 
concetto, che l'Africa al S. del Sahara fino al Kalahàri, sia un mondo 
mantenutosi segregato dal nostro, ma in cui la ricca produttività 
abbia cresciuto una popolazione abbastanza numerosa e sviluppata in 
mezzo ad essa una civiltà, inferiore di gran lunga alla nostra e a 
quelle delle regioni periferiche dell'Asia, ma quasi d'altrettanto su- 
periore a quella indigena dell'America (eccettuati il Messico e il Perù) 
e a quella dell'Australia. 



(1) Il Molli, il Mandinga, il Z«gzeg, il Zerfara, quel di Timbuktu, di Zanfara, 
di Burnu, di Gange, di Qoran; più tardi appaiono il Sennaar, il Cordofan, il 
Darfur, TOnadi (Uadai), il Baghermeh, ecc. É chiaro come parecchi di tai nomi 
rispondano a dei moderni, leggermente modificati, o più corretti. 

(2) Eratostene metteva il limite della terra abitabile al 12* N. 



Digitized by VjOOQIC 



338 

Balla parte settentrionale trasportiamoci alla meridionale. Quivi 
la nostra civiltà fissò il suo punto di partenza colla Colonia del Capo, 
fondata dagli Olandesi, al principio del secolo XVII. Lentamente 
avanzandosi ne' territorii degli Ottentotti, e ))iù tardi dei Cafri, essa 
in quasi due secoli giunse al gradino dei Nieuweveld e degli Snnee- 
uerbergen, di poco oltrepassandolo in alcun punto (1). Impadroniti- 
sene nel 1806 gl'Inglesi, i suoi incrementi ripresero più celeri. Però 
i discendenti de' coloni olandesi, cioè i Boeri, emigrarono in gran 
numero, e a più riprese, neirinterno, a NE., fondandovi le due co- 
lonie d'Orange e del Tran svaal. GÌ' Inglesi si avanzarono, invece, a 
NO., e giunsero, nel 1830, al fiume Orange, e nel 1842 tolsero ai 
Boeri il territorio di Port-Natal. Per il clima confacente ai Bianchi, 
esso divenne un paese d'emigrazione e di civiltà europea, e servi 
di base a questa per invadere da quel lato la barbarie africana. 
Missionarii e scienziati ne furono gli antesignani. 

Fra questi si eleva a incomparabile altezza un uomo, che accop- 
piava le doti e le virtù cosi dei primi che dei secondi, lo scozzese 
David Livingstone, uno dei più straordinarii esploratori, non solo 
dell'Africa, ma d'ogni altra parte della Terra, non solo dei nostri 
ma di tutti i tempi. Egli era insieme naturalista e teologo; due ele- 
menti che i più ritengono incombinabili, ma che pure costituirono la 
mente di lui, non certo delle comuni. Si recò al Capo fin dal 1840, 
in qualità di medico e di missionario, e per diciassette anni percorse 
tutto il vastissimo territorio dei Beciuàna, scoprendovi il lago Nga- 
mi, i molti componenti del Zambèse, il lago Dilòlo e l'alto Kassài; 
giunto a Loànda, retrocedette, percorrendo tutto il Zambèse fino 
a Quilimàne, e compiendo, cosi, la prima traversata di tutta l'Afri- 
ca (2). Scorgendo lo scarso profitto delle sue prediche, si convinse 
che prima di convertire l'Africa facea d'uopo rigenerarla, e che 
perciò bisognava anzitutto conoscerla. Cosi egli, che ne' primi anni 
era stato più apostolo che esploratore, divenne principalmente esplo- 
ratore per preparare la via all'apostolo, e, in compagnia di appena 
qualche servo, seguitò a viaggiare, arrestandosi in questo o quel 
villaggio, attingendo il più possibile notizie e acquistandone di 
propria veduta, curando i corpi e consolando le anime coll'ispirarvi 



(1) A questo tempo appartengono le escursioni fatte dallo Sparmaon e dal 
Thurnberg, fra gli Ottentotti (1772-76). e dal Patterson (1777-79), nella Coloni*, 
come pure quelle del Levaillant (1780-85) ; ma tutte con intenti più naturalistici 
che propriamente geografici. 

(2) Quasi contemporaneamente la compirono i tre servi di Silva Porto, ma, 
come si disse, senza alcun frutto per la scienza. 



Digitized by VjOOQIC 



più i sentimenti che le dottrine del Cristianesimo. Tornato per poco 
in Inghilterra, ne riparti il 1857, e in un secondo viaggio, dal 1858 
al 1864, risali il Zambèse dalla foce, scopri il lago Niàssa, il lago 
Sciraa e il fiume Scire e tutta la regione tra il Zambèse e la Ro- 
vtima. Dopo un altro ritorno e soggiorno in Inghilterra, avendo quivi 
appreso le grandi scoperte che si erano fatte dal Burton, Grant, 
Speke e Baker, di cui fra poco diremo, per le quali sembrava pros- 
sima a esser risoluta la questione delle sorgenti del Nilo, si per- 
suase che il compimento di esse si doveva ricercare più al SO., e 
con tale scopo parti, nel 1866, per un terzo viaggio. Giunto in Africa, 
si avanzò alPO. del Niàssa, inviando tratto tratto comunicazioni fìno 
al 1869; dopo il quale anno, non ricevendosene più notizie, si cre- 
dette che fosse morto o sperduto. Nel 1871, il Gordon Bennet, pro- 
prietario del New-York Herald, chiamò il suo reporter, Enrico Stan- 
ley, e gli commise di andare a cercare il Livingstone neir interno 
dell'Africa; niente altro! E lo Stanley lo ritrovò, a Ugigi, e ne in- 
viò le carte in Europa, dalle quali si seppe che nel frattempo egli 
aveva scoperto il fiume Ciambèsi, influente del lago Bangueòlo, da 
cai usciva la Luapùla, che poi formava il lago Moéro, e dopo lungo 
tratto il lago Kamolòndo, o Langi, da cui usciva col nome di Lua- 
làba, e diretto, come a lui parve, aNNE., giungeva a Niàngue, oltre 
il qual punto non potè seguitarlo. Eitenendo che tutto questo siste- 
ma di fiumi e laghi dovesse riferirsi al Nilo, credette e afiPermò di 
avere scoperta nel Ciambèsi, la più lontana e quindi la più vera e 
propria sorgente del gran fiume. Ma qui avvenne il fatto più straor- 
dinario della moderna Geografia. Da una piccola città della Germa- 
nia, un geografo professore, che non aveva mai posto piede in Afri- 
ca, Emesto Behm, si fé a sostenere che il sistema idrografico 
scoperto dal Livingstone non era già il sorgentifero del Nilo, bensì 
del Congo, cioè di quel grandissimo estuario, che sboccava nel- 
l'Atlantico, detto dal paese che traversa il Congo, e di cui non co- 
noscevasi che Testremo corso inferiore. Ed ecco come, per un mo- 
mento, le scoperte relative a questi due massimi sistemi fluviali 
dell'Africa s'intrecciarono fra loro; donde è necessario, per intender 
come ciò potesse accadere, trasportarsi alla regione del Nilo e alle 
mirabili scoperte che in questo tempo si erano quivi ottenute. 

Ma prima, per finirla coli' Africa meridionale, rendiamo brevissimo 
conto delle altre importanti imprese che furono in questa condotte, a 
ricolmare i vuoti fra le regioni riconosciute dal Livingstone. Con- 
temporaneamente all'ultimo dei tre grandi viaggi di questo, cioè dal 
1865 al 1872, il tedesco Carlo Mauch aveva percorso tutto il paese 



Digitized by VjOOQIC 



n 



3J0 



dei Matabèle; dal 1872 al 1879, il boemo Emilio Holab riconosceva 
il gran deserto del Sud, cioò il Kalahàrì; l'inglese Erskine se- 
guiva, nel 1868, tutto il corso inferiore del Limpòpo; nel 1878-79, il 
portoghese Serpa Finto, traversando l'Africa da Bengnèla al Zam- 
bòse, compieva il riconoscimento dell'Africa meridionale nella sua zona 
più a Occidente, fra il Knnòne, la KnànEa, il JZambòse e il Congo^ 
in specie dell'altipiano di Bihò e del corso del Kaàndo, mentre i 
suoi compagni, Brito Capello e Ivens, compievano quello dell'alto 
Kuàngo; nel 1884, lo Schulz assicurava il termine del Kubàngo nella 
depressione del lago Ngami. 

Lasciammo il Nilo esplorato fino al posto di Gondòkoro (5^ N.) 
e alla scoperta del Kilimangiàro, della Kènia, colla notizia di grandi 
laghi a O., che si credeva potessero appartenere alla regione sor- 
gentifera di esso fiume. Questa appariva cosi assai più breve a rag- 
giungersi dal Zanzibar che non col lunghissimo risalimento dal delta, 
e s'immaginò un nuovo piano di viaggio, che, coi sussidii della So- 
cietà Geografica di Londra e dello stesso governo inglese, esegui- 
vano, nel 1857-59, i due uffiziali Burton e Speke. Il risultato di 
tal viaggio fu la scoperta del lago Tangagnica; nel ritomo, poi, 
lo Speke, deviando a N., vide le rive meridionali d'un altro gran 
lago, l'Ukerevò, cui chiamò Vittoria. Due grandi laghi eran cosi tro- 
vati; ma appartenevano essi, e come, al Nilo? Lo Speke si propose con 
un secondo viaggio di risolvere il ben avviato problema. Ma, intanto^ 
ritaliano Miani, nel 1859, aveva ritentato la vecchia via lungo il 
Nilo, e si era spinto oltre fino a 3.^ 82' N., dirimpetto al posto ove 
poi sorse Dufilè, a distanza di tre o quattro tappe dal lago, che poi, 
scoperto dal Baker, fu detto Alberto. Qui non posso frenare una 
parola di rimpianto suiravversa sorte di questo nostro viaggiatore, 
ohe. per la sua intrepidezza e costanza, merita il confronto coi pri- 
mi, a cui mancò solo il successo. Del suo carattere forse troppo espan- 
sivo si servi la gran turba dei piccoli malevoli, per accusarlo di 
vuota millanteria, sebbene egli alle abbondanti parole accompagnasse 
due fatti, grandissimi pei pochi che intendono, non apprezzati dai 
moltissimi ignari, perchò per fatali incidenti non riuscirono a sem- 
plificarsi nella conquista d' una gran forma o d'un gran dato geo- 
grafico, che si esprima con un nome e si rappresenti con una spic- 
cata figura. Ma i due illustri, che raggiunsero felicemente gli scopi, 
da cui esso rimase distante solo pochi passi, il Baker, cioè, e lo 
Sohweinfnrth, superiori a qualunque sentimento di gelosia, testiBio- 



Google 



Digitized by VjOOQ 



341 

avanti toccheremo del secondo suo viaggio; qui noteremo, come egli, 
con mezzi scarsissimi, non so se meglio dire alla fratesca o all'ita- 
liana, rifece tutto il cammino delle due spedizioni egiziane, e Toltre- 
passò di quasi due gradi di latitudine. Rifinito di salute e di forze, 
domandò alla sua guida e ii)terprete quanto era ancora distante il 
gran lago, di cui correva la notizia dintorno, e che doveva costituire 
la meta della sua gloria, e questi, come poi confessò al Baker, sa- 
pendo che la scorta era sul punto di ribellarsi per non voler cam- 
minare più avanti, lo ingannò, dicendogli che occorrevano ancora 
quindici giorni di marcia, e che era a temere un attacco da parte 
degli indigeni. Egli si rassegnò, incise il suo nome sul tronco di un 
tamarindo, che chiamasi ancora 8cedder-el Sonar (l'albero del viag- 
giatore), e se ne segna in talune carte il posto, colla nota albero 
del Mianiy e die volta per Gondòkoro. Ancora un piccolo sforzo, ed 
era raggiunto il lago, che si sarebbe chiamato per tutta la storia, 
invece di Alberto, Vittorio Emanuele. 

Lo Speke, in compagnia del Orant, attuò il suo disegno nel 1860-63, 
esplorando tutte le rive orientali del Vittoria, riconoscendone il prin- 
cipale influente da quel lato, lo Scimigiù, e vedendo dal suo lato set- 
tentrionale uscire il fiume, che evidentemente doveva esser quello se- 
guito dagli Egiziani fino a Gondòkoro e dal Miani fino a Dufìlè, cioè 
il Fiume de' Monti (Bahr-el Gebèl), che poi diviene il Fiume Bianco 
(£ahr-el Abiàd), ossia il ramo principale del Nilo. Ma per l'ostilità 
degrindigeni non potè verificare tale continuazione de visu; seppe che 
il fiume, uscito dal Vittoria, entrava a NO. in un altro gran lago, 
ascito dal quale incamminavasi al N. Egli e il Grant dovettero, in- 
vece, dalla cascata di Karùma, dove il fiume piega all'O., tirar dritto 
al N., fino a raggiungere il Nilo alF Albero del Miani, e poi, scendendo 
tutto il gran fiume, giunsero ad Alessandria. A Gondòkoro si erano 
incontrati col Baker, che, risalendo il Nilo, andava a scoprire il lago 
indicato già dal Miani ed ora anche dallo Speke. Pure il Baker dovette 
deviare all'Albero del Miani, e recarsi dritto al Vittoria, ma qui, dopo 
lunghe insistenze, artifizi e minaccio, potè ottenere una scorta che lo 
condusse al lago Mvutan, o Luta Nzighe, cui egli chiamò Alberto. Il 
Baker compi questo viaggio, cosi lungo, penoso e pericoloso, accom- 
pagnato dalla sua signora, invitto esempio di coraggio e di costan- 
za, la quale perciò giustamente divide con lui la gloria della 
scoperta. 

Torniamo ora al sistema idrografico scoperto dal Livingstone. 
Questi, sembrandogli che la Lualàba si dirigesse verso il lago Al- 
berto, sì persuase di aver scoperto la più lontana sorgente e quindi 



Digitized by VjOOQIC 



342 • 

il vero capo del Nilo. U Behm, come dicemmo, sosteaeva fosse in- 
vece quello del Congo, basandosi sai velame delle acque del Lua- 
làba all'uscita dal lago Langi, superiore a quello del Bahr al Gebèl 
alla sua uscita dalTAlberto, e su quanto si sapeva o poteva presu- 
mersi dei livelli e delle pendenze dei vari paesi circostantii per le in- 
dicazioni de' diversi viaggiatori da lui raccolte e considerate. Era una 
lotta tra Pempirismo e la dottrina, e questa volta la vittoria rimase 
a quest'ultima. A soccorrere il Livingstone era stato, nel 1873, spe- 
dito dal governo inglese il Cameron; ma questi, essendo nel frat- 
tempo morto il grande scozzese, continuò per sao conto l'esplora- 
zione. Verificò che il Tangagnika, per la Lukùga, si scaricava nella 
Lualàba; discese questa fino a Niàngue, ove anche a lui non fu 
possibile proseguirla, ma ne determinò meglio la direzione, forte- 
mente piegata a NO. invece che a NNE., com'era sembrata al Li- 
vingstone, e raccolse sulla sua continuazione notizie da render quasi 
sicuro che essa fosse veramente l'alto Congo; poi, retrocedendo al 
Iago Langi, vi fece l'importantissima scoperta di un altro influente, 
che porta il nome di Lualàba, lo stesso cioè del fiume emissario del 
lago, come se gl'indigeni, seguendo la medesima nostra regola, vo- 
lessero designare esser questo il ramo principale, e la Luapùla, il 
secondario. Egli lo risali tutto, e lo vide traversare, o formare, come 
dir si voglia, un vero rosario di laghi, ma più piccoli di que' della 
Luapùla, a cui, inoltre, rimane inferiore per lunghezza. Giunto alle 
sorgenti, volse airO., percorse lo spartiacque fra il Congo e il Zam- 
bèse, e riusci all'Atlantico, alla foce della Katombela, presso Ben- 
guèla, compiendo, cosi, la terza traversata dell'Africa. 

Ed eccoci a una delle più straordinarie imprese geografiche che 
ricordi la storia; al percorso, cioè, di tutto il Congo, da Niàngue 
airestuario, eseguita dallo Stanley nel 1874-76. Prima, però, di ac- 
cingerci a questa, egli completò la scoperta del Vittoria nel suo lato 
occidentale, e de' suoi influenti da questo lato, di cui il più impor- 
tante è la Kaghèra, cui egli chiamò il Nilo-Alexandra, e che oggi 
sappiamo essere il vero Caput Nili, Ma in allora non poteva ciò 
affermarsi, restando ancor dubbio che qualche ramo laterale, tuttora 
non esplorato, risultasse nel suo sviluppo più lontano dalla foce di 
questo diretto. Di più egli vide anche il lago Muta Nzigbe, cui 
chiamò Alberto Eduardo, rimanendo, però, incerto, se questo fosse 
un prolungamento a SO. del lago Alberto. Dopo questo importan- 
tissimo contributo alla conoscenza del Nilo, egli si recò a Niàngue, 
per risolvere d'un colpo la gran questione del Congo. Compose una 
gran carovana armata, quasi un piccolo esercito, raccolse una qoan- 



Digitized by VjOOQIC 



343 

tità di barche, quasi una piccola flotta, e percorrendo in acqua i 
tratti navigabili, in terra, colle barche sulle spalle, i tratti innavi- 
gabili, scese tutto il gran fiume fino alP Atlantico (1). 

Lo Stanley può dirsi Tantitosi del Livingstone. Mentre questi 
viaggiava quasi solo, a piccole tappe, arrestandosi amichevolmente 
di villaggio in villaggio, di capanna in capanna, curando e cocsolando, 
quegli, scortato da 300 armati, sostenne ben trentadue combattimenti, 
tra terrestri e navali, contro flottiglie perfino di 54 legni, uccidendo, 
forse, qualche migliaio di barbari e perdendo circa due terzi de* suoi; 
quegli perir ansiit benefaciendo, questi a modo di flagellum Dei. Ma, 
s'intenda bene, io noto soltanto il fatto, non lo giudico; espongo due 
diversi sistemi, non ne impongo alcuno. Le regole generali, in azioni 
e congiunture cosi complesse, sono vane e imprudenti. La condotta, 
deve uniformarsi alle circostanze, soprattutto airindole, al grado di 
civiltà, alla disposizione d'animo dei barbari tra cui si passa. E 
nel caso nostro è da sapere che i Beciuàna sono miti e non so- 
spettosi degli Europei, i rivieraschi del Congo sono fieri e diffi- 
denti. Infine, anche lo Stanley si recò in Africa col proposito di 
procedere senz'alcuna violenza, e ai primi curiosi che lo circonda- 
rono si mostrò con volto benevolo e sorridente. Ma quelli gli s'ac- 
costarono sempre più, cominciarono a palparlo, poi a tirargli i panni» 
i capelli, la barba, infine a dargli degli spintoni, e sarebbero arrivati 
ad accoltellarlo, per vedere se ne usciva sangue, quando egli, affer- 
rato un randello, tirò giù una tempesta di colpi, e quelli allora, 
persuasi da cosi sensibili prove che a stuzzicarlo troppo non se ne 
cavava buon conto, non lo toccarono più. 

La scoperta del Congo e de' suoi affluenti, alcuni de' quali segna- 
lati dallo Stanley ne' loro sbocchi, mentre passava loro dinanzi, al- 
cuni visti già da altri scopritori ne' loro alti corsi, in regioni cir- 
cuenti la gran valle, e quindi con tutta probabilità a lui attribuiti, 
rivelò l'Africa sotto una diversa natura geografica. Anch'essa pos- 
sedeva un gran fiume navigabile, che co' suoi affluenti, pure naviga- 
bili, offriva un sistema di vie naturali. Non era più la gran massa 
similare, in cui non potesse circolare la vita, ma un corpo organico, 
colle sue arterie fluenti, per le quali poteva infondersi il movimento 
della civiltà. Solo che tale sistema non era allacciato al mare, per- 
chè, come tutti gli altri fiumi dell'Africa, stante la conformazione 



Digitized by VjOOQIC 



«w I 



344 

verticale di questa, si spezzava nello scendere dalla piattaforma in- 
tema alla bassura costiera, in 82 salti, che furono denominati le 
cascate di Livingstone. 

Nello stesso tempo che essa si mostrava adatta ad esser praticata, 
rivelava le sue insospettate dovizie in svariatissime, e talune speciali, 
produzioni, della quale ricchezza il più sicuro indizio era la sua popola- 
zione, assai superiore a quella fin li supposta. A tal proposito mi basti 
riportarne le cifre che si sono ritenute successivamente prossime al 
vero dai più accreditati geografi. Al principio del secolo, Adriano 
Balbi dava quale probabile popolazione dell'Africa quella di 96.000.000; 
ma nel 1854 essa si ritenne generalmente di soli 46.000.000. Nel 1860, 
il Lavallóe la portava a 60.000.000; nel 1870, il Behm e il Wagner 
la facevano salire a 150.000.000; ed ora si crede almeno di 166.000.000. 

Insomma agli Stati Europei si presentò improvvisamente aperta 
quasi una nuova America, da incivilire, da colonizzare, da sfruttare. 
Bastava superare restacelo delle cascate di Livingstone, da Matàdi, 
fin dove possono risalire i più grandi navigli, dal mare a piedi de- 
gli scaglioni con cui degrada Taltopiano, allo Stanley-Pool (specie 
d'allargamento del fiume, cosi chiamato), sul ciglio di questo, ove 
comincia libera la navigazione intema. Lo Stanley propose subito 
una ferrovia fra i due punti. Il costo di essa, che doveva salire 
in brevissimo tratto un dislìvello di 280 m., fece pensare ad altri 
progetti, di cui è inutile ch'io parli, poiché furono tutti abbando- 
nati; mentre la ferrovia fu costmita in quindici anni, ed entrò in 
servizio nel 1898. 

n pericolo che nascessero confiitti fra i diversi Stati d'Europa 
nella concorrenza a questo nuovo immenso mercato, fé' adunare, 
nel 1885, la Conferenza di Berlino, che fondò lo Stato libero del 
Congo, il quale fu accordato al Re del Belgio, sotto hi condizione 
che il commercio vi fosse aperto a tutti. Alla fondazione dello Stato 
libero del Congo segui una esplorazione sistematica di tutti gli af- 
fluenti, condotta principalmente da uffiziali belgi, cui la ristrettezza 
del tempo m'obbliga a solo indicare in complesso, e ad annunziare 
com'essa ormai possa dirsi, in senso geografico, compiuta. Segnalerò 
dolo come meglio rispondenti al concetto di scoperta le esplorazioni 
del Wissmann, del Van der Velde e del Le Marinel, nel bacino del 
Kassài; del Yan Oele, in quel dell'Ubàngi; del Delcommune, in quel 
del Lomàmi. 

Contemporanea alla scoperta del Congo fu quella dell'Ogouò, rico- 
nosciuto in quasi tutto il suo corso da Pietro Brazzà (1875), italiano 
di nascita, ma naturalizzato francese. L'importanza di questo fiume, 



Digitized by VjOOQIC 



345 

navigabile dal mare fin quasi alle sorgenti, parve anche maggiore, 
quando, più tardi, si pensò, di servirsi di esso per risalire in proa- 
simità dell' Alima, affluente navigabile del Congo, che sbocca al di- 
sopra dello Stanley-Pool. Una ferrovia dall'estremo punto navigabile 
deirOgouè e il primo delPAlima avrebbe girato l'ostacolo delle ca- 
scate di Livingstone, con una spesa infinitamente minore di quella 
diretta, da Matàdi allo Stanley-Pool, proposta dallo Stanley. Ma, 
come dicemmo, questa fu preferita, tra perchè tale giro sarebbe 
riuscito più complicato, tra perchè appartendo la regione deirOgouè^ 
alla Francia, la ferrovia sarebbe stata fuori del territorio dello 
Stato del Congo. 

n riconoscimento del bacino del Congo valse a limitare, in grande^ 
quelli che con lui confinavano, cioè i bacini del Nilo, del lago Tsad e del 
Niger. Del primo, dopo le riferite scoperte, dello Speke, del Baker e 
dello Stanley, rimanevano ancora indeterminati: il lago Alberto, ove 
potevano influire altri rami dall'O. e dal S., il Bahr-el Ghazàl, o Fiume 
delle Gazzelle, a sinistra, e il Sòbat, a destra. Fin dal 1855, il mal- 
tese Andrea De Bono, aveva esplorato il corso inferiore di que- 
st'ultimo, mostrando che esso poteva essere Tesito d'un vasto bacino, 
che allargasse fortemente all'È, e SE. le pertinenze del Nilo. Quasi 
contemporaneamente (1856), il Brunn Eollet otteneva lo stesso ri- 
spetto al Fiume delle Gazzelle; e l'anno appresso, Giulio Poncet, 
percorreva, intomo all'S.** N., il tratto fra il Fiume de'Monti e quello 
delle Gazzelle. Più di lui si avanzarono, nel 1860, i nostri Piaggia 
e Antinori, che dai suoi rami di destra, furono condotti alle fron- 
tiere dei Niam-niam. Nel 1863 65, entrò fra questi ultimi il Piaggia (1), 
altro singolare tipo di viaggiatore, semplice operaio, incolto tanto, 
da doversi negli uffizii della Società Geografica Italiana rifare, quanto 
alla forma, i rapporti pieni di spropositi che mandava; ma oltre ogni 
dire animoso, avveduto e capace di valutare empiricamente quel che 
vedeva. Egli era, cosi, giunto anche da questo Iato al limite del 
bacino del Nilo, e a porre il piede in quello dell'Uèlle. Si avanzò 
in questo, nel 1871, il Miani, che traversò il Mombottù, giungendo 
fino a Bakangài, nell'Amaràka; altro viaggio meraviglioso, per cui 
fu ad un punto di sistemare da questo lato l'intrigatissima idrografìa, 
ma da cui la scienza non ritrasse quasi alcun profitto, perchè il di- 



(1) Nel 1858-59 vi era penetrato, da Rek, sul Giur, il Peterik, nelT estremità 
orientale, ma il racconto di lui è così confuso, che talune ha dubitato dell'au- 
tenticità del fatto. 



Digitized by VjOOQIC 



346 

sgraziato fa colto dalla morte prima forse che potesse ordinare nella 
mente, certo prima che riferisse, quanto aveva veduto. Quegli che 
fortunatamente, ma meritatamente, raccolse la palma della vittoria 
in questa regione, qua e là toccata e traversata dai nostri, fu il te- 
desco Schweinfurth, vero tipo del viaggiatore scienziato, il quale, 
dal 1868 al 1871, ricollegò tutte queste parziali esplorazioni, le 
allargò notevolmente, e determinò tutto il bacino del Fiume delle 
Gazzelle e tutto il corso superiore delPUèlle (1). 

Quanto al lago Alberto, esso fu quasi esattamente circoscritto dal 
nostro Romolo Gessi (1876), il quale, circumnavigandolo, riconobbe 
che non si estendeva tanto a SO. quanto il Iago visto dallo Stanley, 
l'Alberto Eduardo, e da allora si fa certi essere questo da quello di- 
stinto. Egli, però, annunziò anche ohe nell'Alberto non entrava alcun 
considerevole fiume, e quindi che esso segnava da quel lato il limite 
del Nilo, non avvertendo lo sbocco del Semliki, emissario dell'Al- 
berto Eduardo, che cosi va incorporato anch'esso nel sistema nilotico. 
Ciò non deve far meraviglia, perchè fiumi e laghi, in questa regione, 
sono nelle loro sponde, e talora anche nel mezzo, nascosti dalle 
piante acquatiche. Quanto al Sòbat, esso fu soltanto risalito dì poco 
oltre il punto del De Bono, dal russo dott. Jtincker, nel 1876. Re- 
stava insoluta la questione dell'Uèlle, che lo Schweinfurth riteneva 
fosse il corso superiore dello Sciari, il Nachtigal del Benuè, il Ca- 
meron d'uno degli afiSuenti del Congo. Solo nel 1881, il Juncker 
trovò che aveva ragione quest'ultimo, poiché, entrato neirUèlle, lo 
percorse in tanta parte, da assicurare che esso fosse il corso supe- 
riore dell'Ubàngi, il che fu, poi, verificato dal Van Gelo, nel 1888. 

Ma qui alla civiltà, che procedeva vittoriosa da ogni lato, sì oppose 
una rivolta della barbarie. Avrete notato, o Signori, che io mi ostino 
a chiamar le cose colla nomenclatura che usava ai tempi della mia 
gioventù, in cui si riteneva, grossamente, ohe le nostre istituzioni 
europee, malgrado le loro deficienze, avanzassero di molto le asia- 
tiche ed africane. Ma non so se mi trovo in accordo col più profondo 
e sottile pensamento attuale, che va ogni giorno meglio rilevando, in 
nostro discapito, il valore degli uomini gialli, neri, rossi e turchùu, 
se ve ne fossero, tanto che vien la voglia di passarsi una tinta per 
il corpo, come venne a Voltaire quella di camminare a quattro zampe, 



Digitized by VjOOQIC 



847 

condo la mia intenzione. Fin dal 1868, il governo egiziano, servendosi 
di affiziali europei, tra coi il Baker, il Gordon, il Gessi, avea con- 
quistato dell'Africa tutta la zona a S. del suo impero, incorporando 
in questo il Sudan orientale, cioè il Kordofàn e il Dar Fur, e tutti i 
paesi fino ai laghi Vittoria e Alberto, giustificando tale conquista 
col proposito di abolire la tratta dei Negri. Si può dubitare della 
perfetta sincerità delle sue intenzioni, o piuttosto se tutti i suoi fun- 
zionarii si regolassero in modo da attuare immediatamente la van- 
tata riforma. Ad ogni modo, tutti que' paesi, soggetti già a despoti 
feroci, e tanto pericolosi e fatali ai nostri esploratori, erano dive- 
nuti accessibili a tutti, e praticabili con sicurezza quasi eguale a 
territorii europei. Vi dimoravano parecchi Italiani, Tedeschi, Inglesi 
e Bussi; alcuni in qualità di uffiziali del governo egiziano, tra cui 
Io Schnitzer, più noto sotto il nome di Emin Bey, più tardi Emin 
Pascià, il Lupton, lo Slatin; altri come liberi esploratori, quali lo 
Jùncker, già detto, e il nostro Casati. 

Nel 1881 scoppiò quella che fu detta la rivolta del Mahdi^ per cui 
l'Egitto perde tutte le sue conquiste al S. della seconda cateratta. 
Solo all'estremo Sud, nella cosi detta provincia d'Equatoria, intomo 
ai grandi laghi, si mantenne, colle sue truppe egiziane, Emin, e quivi 
accorsero da ogni lato tutti i viaggiatori che non caddero nelle mani 
dei mahdisti, tra cui appunto lo Jùncker e il Casati. Essi, però, ri- 
masero, cosi, tagliati fuori dal mondo civile, e non se ne ebbe più 
notizia per cinque anni. Nel 1886, improvvisamente, arrivò a Zanzi- 
bar lo Juncher, riuscito a fuggire, che rivelò all'Europa l'esistenza 
e la resistenza de'nostri nelPEquatoria. Si fecero molti progetti per 
soccorrerli, e taluno se ne tentò inutilmente. Ma, infine, Io Stanley, 
dal 1887 al 1889, compiva l'altra strepitosa traversata dell' Africa (1), 
dalla foce del Congo a Bagamòio (dirimpetto a Zanzibar), riconda- 



(1) Essa fu la tredicesima. CrediHmo interessi raggiungerne qui il catalogo, 
dopo le prime cinque, già menzionate: 6.^ Matteucci e Massari (1880-81), da Sua- 
kin alle foci del Niger; 7.» Wismann (1881-82), da S. Paolo di Loànda a Pan- 
gàni; 8.* Arnot (1881-84), da Dùrban a Benguèla; 9.* Brito Capello e Ivens (1884-86), 
da Mossamèdes a Quilimàni; 10.^ Lenz (1884-85), da Embòmma a Bagamòio; 
11.^ Gleerup (1885-86), pure da Embòmma a Bagamòio; IS.'' Wismann (1886-87), 
da Embòmma a Quilimàni; 13.^ Stanley (1887-89^, da Embòmma a Bagamòio; 
14.» Trivier (1888-89), da Loàngo a Mozambico; 15,» Von G6tzen (1893-94), da 
Dar-es-Salàm a Embòmma. In seguito se ne sono compiute parecchie altre, tra 
cui menzioneremo: quella del Foà (1894-97), dalla fo^e del Zamhèse a quella 
del Congo, non che la famosa, ma pfù per importanza politica che scientifica,. 
del Marchand (1896-99), da Loàngo a Gibiiti. 



Digitized by VjOOQIC 



348 

ceado sani e salvi Emin e Casati. Tale impresa fratto alla Geografia 
la conoscenza di tutta la gran foresta dell' Arahuimi, del fìome Sem- 
liki, già detto, e del grappo del Rubenzòri) che sembra il meglio 
corrispondere alle Montagne della Luna, di Tolomeo. Ultima sco- 
perta in questa regione fa quella del Von Gòtzen, il quale, nel 1894, 
incontrò un altro lago, il Kivti, fra l'Alberto Edoardo e il Tangagnika, 
cui, però, riconobbe in comunicazione col secondo, e, quindi appar- 
tenente al sistema del Congo. 

Pertanto, nel 1890, il Nilo non conservava altro segreto che quello 
del Sòbat. Ma l'esplorazione di questo si connette a quella di tutta 
TAfrica medio-orientale, in cui si spicca dal corpo del continente 
quella specie di figliazione, che è la cosi detta Penisola de^Somàli, 
Questa fu l'ultima regione dell'Africa ad essere espugnata, e nella 
sua esplorazione avrebbero meritato gFItaliani le più belle palme, 
ma che furono loro negate dall'Italia, in cui i superstiti rientrarono, 
non in trionfo, come sarebbe avvenuto dovunque altrove, si bene 
inavvertiti, o di soppiatto, per ordine ricevuto, e i morti furono af- 
fìzialmente sconfessati, fra l'approvazione della rappresentanza na- 
zionale e il plauso delle popolazioni, quelle in specie che diconsi le 
più civili. 

L'unico dato propriamente geografico, ottenuto dalla sfortunata 
spedizione della Società Geografica Italiana, nel 1876-79^ fu quello 
raccolto dal Cocchi, che il fiume Ghibiè, nascente dalla sponda me- 
ridionale dell'Altipiano Etiopico, correva al S., nel paese dei Galla, 
ove prendeva il nome di Omo, e dimensioni tali, da render possibile 
fosse il corso superiore di un assai considerevole fiume. Da quel 
giorno, questo benedett'Omo fu per venti anni la più gran tribola- 
zione della Geografia. Alla radice proprio della grande sporgenza 
de'Somàli, quasi esattamente sotto l'Equatore, da moltissimi anni 
aveva attratto l'attenzione la foce del Giuba, anch'essa per le sue 
dimensioni presumibilmente l'esito di un qualche gran corso flaviale, 
che, in conformità degli altri fiumi africani, si spezza nello scendere 
dall'altopiano interno, presso Barderà. Sembrò a molti probabile che 
l'Omo fosse appunto il corso superiore del Giuba; ma ad altri sembrò 
piuttosto che fosse quello del Sòbat. Nel 1865 prese a risalire il Giuba 
il Von der Decken, che giunto a Barderà fu miseramente trucidato dai 
nativi. Ma, oltre all'esplorazione particolare dell'Omo e del Giuba, 
s'imponeva, da questo lato, alla Geografia quella generale della Pe- 
nisola dei Somali, non traversata mai da alcun moderno, e, oome 
sembra, neppure da alcun antico. Assunsero quest'impresa i fratelli 
James, nel 1875-77, riccamente provveduti dalla Società Geografica 



Digitized by VjOOQIC 



349 

di Londra, e, parteado da Bèrbera, poterono giungere fino a Faf^ 
sul Fafan, afiBuente di sinistra dell'Uèbi Scebòli; ma le ostilità de- 
gl'indigeni lì costrinsero a dar volta. 

Cosi si creò la fama dell'assoluta intransitabilità della penisola. 
Passarono dieci anni, in cui nessuno dei tre problemi fu ritentato. 
Nel 1887, il francese Borelli segui l'Omo assai più avanti del Cec- 
chi, e raccolse la voce dagl'indigeni che esso, traversato un lago, 
sboccasse, dopo un corso sotterraneo lunghissimo, in un altro assai 
più vasto, che fece pensare al Vittoria. L'Omo avrebbe, così, appar- 
tenuto al sistema del Nilo, ma non al suo ramo il Sòbat. Nel 1888, 
la spedizione austro-ungherese del conte Teleki e del tenente di va- 
scello Hohnel, da Pangàni, pel Kènia, il Kilimangiàro e il paese dei 
Niems, riusci alla considerevole scoperta dei due laghi, che furono 
denominati Rodolfo e Stefania, e dello sbocco di un grosso fiume, il 
Nianàmm, nell'estremità settentrionale del primo. E cosi si aggiun- 
geva una quarta probabilità delFOmo, che potesse cioè essere questo 
influente del Rodolfo. 

Tre anni dopo (1891), il Bandi di Vesme e il Candeo, da Bèrbera, 
per Milmil, giunsero, assai più avanti dei fratelli James, sul fiume 
Uèbi Scebèli, lo risalirono fino ad Ime, e per un suo affluente, il Su- 
lùt, retrocedettero all'Haràr. Ma l'anno stesso aveva luogo una im- 
presa di assai maggior importanza, e tale da far epoca nella storia 
dei viaggi, cioè la prima traversata dell'intera penisola dei Somali, 
compiata dal nostro Bricchetti-Robecchi. Partendo da Magadiscio, 
egli piegò a SO., per esaminare il corso inferiore deirUèbi Scebèli; 
poi, retrocedendo lungo la costa, si recò ad Òbbia, donde a NO, si 
cacciò neirignoto, e poi, piegando a SO., per regioni del tutto ver- 
gini da esplorazione europea, raggiunse le rive deirUèbi Scebèli 
medio, che risali per lunghissimo tratto fino a Barri, in modo che 
fra il tratto inferiore, questo medio, e quello superiore, esplorato dal 
Bandi di Vesme e dal Candeo, fu assicurato nella sua direzione ge- 
nerale tutto il corso di questo considerevole fiume. Volgendo, quindi, 
a N. raggiunse Faf, e poi a NO. fece una punta verso FHaràr, e, 
ripiegando all'È., raggiunse Milmil, da cui, per una via più occiden- 
tale di quella del Bandi di Vesme e del Candeo, rivide il mare a 
Bèrbera. Quando giunse a questo posto, gl'Liglesi ivi residenti non 
volevano credere che egli provenisse da Magadiscio, e che fosse 
riuscito in un'impresa ritenuta impossibile. 

Nel 1892-93 ebbe luogo la prima spedizione del Bottego, in com- 
pagnia del Orixoni. diretta a riconoscere il corso e le sorgenti del 
Giuba. Da Bèrbera, diretti a SO., tagliarono tutti i rami deirUèbi 



Digitized by VjOOQIC 



350 

Scebèli, e raggiunsero PUèb, primo affluente orientale del Giuba; poi 
tagliarono tutti i rami deirUelmàl, che in seguito videro esser uno 
dei due componenti il Giuba stesso, i quali rami chiamansi tutti 
Ganàle, e sono specificati ciascuno da un altro nome che è vera- 
mente il loro proprio. Passarono, poi, all'altro componente del Giuba, 
detto anch'esso Ganàle, coiraggiunto di Guddà, e che il Bottego de- 
nominò il Ganàle Doria, dairillustre Presidente della nostra Società 
Geografica. Quivi i due esploratori si divisero. Il Grixoni, direttosi 
al S.^ incontrò e segui lungamente un grosso fiume, la Dàua, che 
affluiva in un fiume anche più grosso, la Ganàna, seguendo la quale 
egli fu condotto a Barderà, verificando, cosi, che questa Ganàna era 
il Giuba. Il Bottego, giustamente congetturando che il Ganàle Doria 
fosse il corso principale del presunto Giuba, lo risali fino alle soi^ 
genti, nei Monti Faches, e così raggiunse lo scopo principale del 
viaggio, la scoperta cioè delle sorgenti del gran fiume; poi, riscen- 
dendolo, riconobbe la congiunzione di lui colPUelmàl, poi quella col- 
V Uèb, infine quella colla Dàua, già vista dal Grixoni. D mistero 
del Giuba era svelato; ma non quello dell'Omo, che poteva essere, 
non più il Giuba, ma, in sostituzione di questo, la Dàua. Poco ap- 
presso (1893), il Ruspoli, avanzando all'O. e NO. della Dàua. incon- 
trava un altro fiume, il Sagàn, che poteva anch'esso essere l'Omo. 
Anzi egli cosi credette; tanto più quando intese esser vicino un gran 
lago, detto Abbaia o Abbaia. Mentre si disponeva a visitar questo, 
rimase vittima, com'è noto, d'un incidente di caccia all'elefante. L*anno 
seguente, l'americano Donaldson .Smith riprese il viaggio del Ruspoli, 
al punto ove questi era morto; rinvenne un lago Abbaia, e, seguendo 
il Sagàn, detto anche la Galàna Amhàra, lo vide sboccare nel lago 
Stefania. 

La gran matassa idrografica della regione galla-somala non arri- 
vava a dipanarsi. Dopo il viaggio dello Smith, il Sòbat non poteva 
più essere il Sagàn, ma l'Omo poteva ben essere la Dàua, o il Sa- 
gàn, il Nianàmm, o il Sòbat stesso; e il Sòbàt, se non era l'Omo, 
dove nasceva e dove correva nel suo tratto superiore? 

A tutte queste domande rispose trionfalmente la seconda spedi- 
zione Bottego, nel 1896-97. Da Brava, per una via del tutto nuova, 
parallela, a sinistra, del Giuba, attraverso i ricchi paesi dei Dubarrè 
e dei Rohanuin, raggiunse Lugh, già toccata nella prima spedizione; 
poi, volgendo airO., parallelamente alla Dàua, attraverso la regione 
dei Bòran, fino a Sankuràr, e poi, ancora all'O., abbandonando la 
Dàua, per la parte ancora ignota del Paese dei Bòran, a Igo; qui, 
salito al N., traversata la catena dei Badditù, che limita il bacino 



Digitized by VjOOQIC 



B51 

della Dàua, entrò in quello del Sagàn, al N. del quale ritrovò il lago 
del Donaldson Smith, ma apprese che quello di Abbaia, o Abbaia, 
non ne era il nome proprio, bensì quello comune, con cui grindigeni 
significano una gran massa d'acqua, e che, invece, il nome proprio ne 
era Ciamò. Al N. di esso scopri un altro abbina, più assai ampio, e 
di rive incantevoli, chiamato Pagadè, cui il Bottego dette il nome 
di Regina Margherita. Passato airO. dei due laghi, percorse la sponda 
montuosa del bacino di essi e del Sagàn, che cosi riconobbe chiuso, 
e rimosse Pipotesi che il Sagàn fosse POmo. Procedendo all'O., at- 
traverso una formidabile catena, detta dei Gamò, entrò, finalmente 
nel bacino dell'Omo, cui riprese in prossimità del punto ove lo aveva 
lasciato il Borelli, e, scendendolo, lo vide correre tra due enormi 
catene, e verificò che anche TOmo aveva il suo bacino chiuso, e che, 
identificandosi col Nianàmm, terminava nel lago Rodolfo. E final- 
mente il mistero dell'Omo era svelato. Percorso, poi, tutto il lato 
occidentale del Rodolfo, solamente avvistato, dalla riva opposta, dal 
Teleki, ne riconobbe l'insospettata lunghezza, e vide, nella sua estre- 
mità settentrionale, parallelamente all'Omo, entrare un altro fiume, 
cui i superstiti Vannutelli e Gitemi proposero di nominare Maurizio 
Sacchi. 

Volse, quindi, a NO., per esplorare il Sòbat, e presto incontrò un 
grosso fiume, il Oiubà, cui costeggiò nella sua direzione di NO., e 
poi passò a un altro fiume, l'Upèno, cui denominò Saint Bon, e ri- 
conobbe che di questo e del Giuba si componeva il Sòbat. Rimaneva, 
quindi, a risalire il Saint Bon, per determinarne le sorgenti, che è 
quanto dire quelle del Sòbat, e le uniche che ancora rimanessero 
ignote del sistema del Nilo. Nell'eseguire quest'ultima parte del 
l»rogramma, egli si trovò condotto a Gobò, sul ciglio sud occidentale 
dell'Altopiano Etiopico, dal declivio del quale scaturiseono appunto 
quelle fonti. E qui proprio il Bottego colse a un punto la palma 
della vittoria e del martirio. 

Strano, crudelissimo decreto del destino! Il Bottego non soprav- 
visse possiam dire un istante a quello in cui vide la sua grande 
opera compiuta. E questa, se la valutiamo col criterio positivo del- 
l'attualità geografica, fu la vera e propria scoperta, cioè la determi- 
nazione ne*suoi carattestici lineamenti d'una delle regioni più com- 
plicate e ricche di forme; se v'aggiungiamo il riflesso dell'idealità 
storica, fu la risoluzione d'un problema che negli ultimi anni avea 
più d'ogni altro affaticata la scienza, quello dell'Omo, e l'ultima pa- 
rola sull'enigma che la sfinge egiziana da quaranta secoli avea pro- 
posto alla consciente Umanità, quello del Nilo. Purtroppo la luce di 



Digitized by VjOOQIC 



f 



352 

tanta gloria gitta un'ombra sinistra sall'Italia, pel contegno spiegato 
e dal paese e dal governo, in quel momento per sempre memorabile 
nella storia della Geografia. Ma restino chiuse nel mio cuore le pa- 
role che mi spingerebbe sulle labbra V indignazione. Egli, sacrifi- 
cando la vita per la scienza e per la patria, mi dà l'esempio, per 
carità di questa, di comprimere il risentimento di scienziato e di 
patriota. Sia quel che debba essere di chi l'ha rinnegato, io v'invito 
ad applaudire alla memoria di Vittorio Bottego. 



I Digitized by VjOOQ IC 



mmw » ■ li I ' 



353 



II. 

Primi materiali per la storia della cartografia larcliigiaDa 



di OI^ZNTO I^ARINSI^l^Z 



Nelle biblioteche e musei marchigiani esiste un gran numero dì 
vecchie piante e prospetti di città, di carte regionali e di altro ma- 
teriale cartografico, che merita di essere tratto dall'oblio in cui ge- 
neralmente si trova. Dacché, per ragione di ufficio, dimoro in questa 
regione, sono andato man mano esaminandolo, allo scopo di contri- 
bnire, secondo le mie deboli forze, a qael catalogo ragionato della 
cartografia Italiana, la cui esecuzione venne votata dal Primo Con- 
gresso Geografico Italiano ed assunta dalla Società Geografica Ita- 
liana (1). Nel dubbio deva ancora passare qualche anno prima che 
si possa mettere insieme ed iniziare la pubblicazione di una tale 
grandiosa opera, credo opportuno fin d'ora descrivere il materiale 
cartografico da me trovato nella città di Ancona, dove venne rac- 
colto, per la massima parte, nel Museo Archeologico, per merito del 
prof. Ciavarini il quale impedi andasse sperso e distrutto, insieme 
con tanti altri preziosi resti provenienti dalle biblioteche delle sop- 
presse corporazioni religiose. 



I. — ALeDIE PIARE DI AICOIA. 

Seguendo le norme contenute nel programma prima citato in nota, 
nel raccogliere il materiale per la cartografia italiana, ho creduto 
opportuno tener conto non solamente delle vere carte geografiche, 
ma anche di quelle topografiche e semplici piante e prospetti di città. 
Questi infatti presentano un certo interesse, tanto per la storia dei 



Digitized by VjOOQIC 



654 

processi cartografici (di rilievo e di riproduzione) in generale, quanto 
per quella della trasformazione edilizia di ogni singolo centro urbano. 
Comincio col descrivere le piante di Ancona, che ho potato qui esa- 
minare, limitandomi però a quelle che stanno a sé, cioè non formano 
parte di grandi atlanti e raccolte cartografiche, sia per attenermi alle 
istruzioni dettate da G. Marinelli (programma citato), sia per non 
ripetere cose già dette in uno studio dell* avv. Enea Costantihi, 
pubblicato nel 1884 (sotto lo pseudonimo di E. D'Anchise) col titolo 
Una pianta d'Ancona del secolo XVIy (per nozze Mariotti-Baldassari, 
tip. Morelli, Ancona 1884). L*autore illustra in questo scritto, una 
pianta (1) annessa all'opera di Cornelio Meteb: Uarte di restituire 
a Roma la tralasciata navigazione del suo Tevere (Roma, Lazzari 
Varese ed. 1685) che egli ritiene costruita fra il 1567 ed il 1575 e 
ricavata da un vecchio rame a cui il Meyer non aggiunse che le ini- 
ziali del suo nome (C. M. F.). Per esaminare la provenienza di tale 
carta il Costantini ha però occasione di trattare di parecchie altre, 
a quella più o meno connesse. Cosi ricorda (pag. 8): una pianta di 
Ancona, attribuita al conte Francesco Ferretti, disegnata nel 1565, 
che si ritiene perduta, ma viene ricordata da alcuni scrittori di cose 
anconitane; altra carta, che pure si crede smarrita, del senese Fiorini, 
quasi contemporanea a quella del Meyer. Descrive inoltre breve- 
mente (pag. 9) la veduta di Ancona (che ritiene del 1572) annessa 
all'opera del Braun e Hogenberg, intitolata: Civitates orbis terrarum 
(Colonia 1594), quella in: Scoto, Itinerario d'Italia (Padova 1654), 
ridotta probabilmente dalla precedente e quella del Blaeu nel: Thea- 
trum civitatum et admirandorum Italiae ad aevi veteris et praeseniis 
temporis faciem. (Amsterdam 1663). Il Costantini crede che tutte 
queste piante sieno ricavate da un nnico tipo, che fu probabilmente 
la citata carta del Ferretti. 

Di carattere e provenienza ben diversa sono invece quasi tutte le 
piante da me esaminate e di cui offro l'elenco qui di seguito, per 
ordine di data: 

1. (Veduta di Ancona nel 1510). — Nella galleria del mar- 



(1) Il Costantini ci offre, annesso alla sua raennoria, un fac-siraìle di questa 
carta. Noto qui come un^altra pianta d^Ancona modernamente riprodotta è quella 
del 1701, facente parte di un codice cartaceo, esistente nella Biblioteca Vaticana. 
Una riproduzione eliotipografìca di tale codice, col titolo « Forze e Fortezze 
pontifìcie alla fine del secolo decimosettimo » venne fatta dai signori Oibelli, 
Brunamonti e Danesi nel 1888, nella ricorrenza del giubileo sacerdotale di 
Leone XIII. Le tavole eliotipiche (dim. 35 X 23 cm.) rappresentano tutte piante 
prospettiche di fortezze e città. Fra cui (tav. 9) quella di Ancona. 



Digitized by VjOOQIC 



865 

chese Nembrini-Oonzaga esiste un quadro, attribuito al Lilli (pittore 
anconitano, conosciuto anche col nome di Andrea d'Ancona, nato 
nel 1555, morto ad Ascoli nel 1610), che in nna targa centrale porta 
la seguente indicazione: Antico Prospetto della città di Ancona nel- 
l'anno 1510. Non si ha alcuna notizia della veduta originaria, dalla 
qaale fu tratta questa copia, la quale non può essere anteriore al 
1590 o 1600. H quadro largo m. 2.45, alto m. 0.45, è dipinto ad olio 
sa legno, con ricerca di imitare i colori naturali. Xel Museo Nazio- 
nale esiste una copia posteriore, tratta evidentemente da quella del 
Lilli, dipinta ad acquerello su carta, di dimensioni un po^ maggiori, 
cioè di m. 2.82 per 0.50. Essa porta la seguente scritta: Quadro 
del Lillij esistente nella galleria dei marchesi Nembrini- Gonzaga^ del- 
Vanno 1510. 

La veduta rappresenta l'intera distesa della città e dei colli cir- 
costanti. La città appare tutta circondata da mura merlate, anche 
verso il mare. Essendo la più antica rappresentazione di Ancona, ha 
grande importanza per conoscere la estensione della città in quel- 
l'epoca (1). 



(1) Relativamente alla estensione della citti\ dì Ancona, nelle successive e[)o- 
che storiche, esiste una nota deiring. Gusta vp Bevilacqua, inserita nel volume 
Ancona descritta nella storia e nei documenti. (Ancona, tip. Cherubini, 1870), 
di cui forma un capitolo col titolo: Gli allargamenti di Ancona dalle origini 
sino a noi. Questo capitolo h accompagnato da due carte topografiche illustra- 
tive. Per quanto possano sembrare discutibili e poco fondate buona parte delle 
affermazioni del Bevilacqua, specialmente per ciò che riguarda l'estensione della 
città nelle epoche più antiche, tuttavia risultano dal suo studio alcuni fatti ab- 
bastanza notevoli, che trovano conferma nelle carte e prospetti da me elencati. 
Importa specialmente notare come la estensione della città ben poco abbia mu- 
tato dal secolo XIII al principio del XIX, trattandosi in generale quasi soltanto 
di territori poco estesi acclusi man mano da nuove fortificazioni, piuttosto che di 
naturale ed effettivo ampliarsi del caseggiato. Credo del resto che la popolazione 
di Ancona dal secolo XIII alla metà del XVIII sia stata sempre inferiore ai 10 
o 15 mila abitanti e, pur subendo delle alternative di aumenti e diminuzioni, 
non sia andata nel complesso crescendo numericamente. Uno straordinario aumento 
tanto in estensione del caseggiato quanto della cinta cittadina, corrispondente ad 
analogo accrescimento della popolazione, subì Ancona nel secolo attuale e spe- 
cialmente nella sua seconda metà. All'allargamento della città, che avvenne spe- 
cialmente nella direzione della Piana degli Orti da un Iato, della Stazione 
ferroviaria e della Piana di S. Lazzaro dall'altro, corrisposero non poche modi- 
ficazioni neirinterno del caseggiato e nel porto, nonché lo spostamento delle arterie 
principali. Questo spostamento fu iniziato con la apertura della Porta Pia [av- 
venuta nel 1787) che trovò la sua continuazione da un lato della strada che 
conduce al piano S. Lazzaro (terminata nel 1789) e dairaltro alla via marittima 
della Palombella (completata nei primi anni di questo secolo verso il 1S03). Que- 



Digitized by VjOOQIC 



à 



856 

2. (Pianta di Ancona del 1570 circa), — Senza nome di aatore, 
né data. Piuttosto che una vera pianta è uno schizzo o minuta di 
un rilievo della città e specialmente delle fortificazioni e completa- 
menti di queste. Dallo stato dei forti e dalle indicazioni che si leg- 
gono in più punti, si deve giudicare della seconda metà del secolo XVI 
e probabilmente disegnata intorno al 1570. In un solo foglio largo 
cm. 77, alto 57, di carta bambagina, disegnato in penna. La seguente 
leggenda : Le muraglie bise dimostra le muraglie moderane cioè da 
Papa Paolo terzo in qua e le gialle le vecchie e le ombre le porte 
vecchie^ indica che la pianta era disegnata con inchiostri diversi. Ora 
però tutto il disegno è di un colore gialliccio uniforme e sbiadito in 
modo che non sempre si possono leggere le varie indicazioni scrìtte, 
di cui talune però furono, non si sa da chi, rinfrescate con inchio- 
stro nero. 

Non viene segnata la scala numericamente, ma da una scala grafica 
indicante la lunghezza di 10 canne, si deduce che essa òdi circa 1:3100. 

La carta è orientata col nord a destra. Comprende la sola città, 
con speciale riguardo alle opere portuali ed alle fortificazioni, sulle 
quali evidentemente doveva esserci qualche progetto di modificazioni 
restauri. 

Questo è il piano (1) più antico, finora noto, di Ancona. {Si trova 
nel Mtiseo Nazionale), 



sta strada sostituì la vecchia che, con continue salite e discese, corre ad essa 
parallela entro terra e mette capo in città alla porta di Capo di Monte. D*altro 
canto solo neirultima metà del secolo fu costruito il Corso V. Emanuele, dive- 
nuto Tarteria principale della città. 

(1) A proposito deiruso di questa voce mi pare convenga porre mente al fatto 
che la nomenclatura delle rappresentazioni in grande scala di piccole parti della 
superfìcie terrestre h ancora poco sicura e poco chiara. In mezzo ad un grandis- 
simo numero di varie denominazioni [descrizione iconografloay disegno prospet- 
tico., iconografia^ mappa, panorama, panorama prospettico^ piano, pianta prò- 
spettica, pianta topografica, pianta iconografica, pianta scenografica^ pianta 
elevata, planimetria, prospetto, prospetto geometrico, prospettiva, rappresenta- 
sione iconografica, topografia, veduta prospettica, veduta a volo d'uccello ecc. ecc.) 
è difficile comprendere il preciso valore a ciascuna di esse attribuito dai vari 
autori. Prima anzi di procedere alla compilazione del grande catalogo carto- 
grafico italiano, sarebbe bene mettersi d'accordo in proposito, poiché dalFesame 
del Saggio di Cartografia Veneta (Venezia, 1881, dir. da G. Marinelli) sul quale 
dovrebbe essere modellata la nuova opera, non risulta vi sia fissato chiaramente 
il signifìcato di ciascuna denominazione. Naturalmente bisogna per fare ciò par- 
tire da una classificazione delle varie rappresentazioni per procedere poi alla 
loro nomenclatura. A me sembra che, escludendo le rappresentazioni solide o 



Digitized by VjOOQIC 



357 

3. (Modello della Cittadella di Ancona anteriore al 1575?). — 
Modello, scolpito in noce, rappresentante la cosi detta € Cittadella » (1) 
di Ancona o forte di Capodimonte. Senza data né indicazione di autore. 
Si può presumere fosse nn modello per il progetto di ampliamento 
del forte, eseguito nel 1675. In tal caso sarebbe precedente a que- 
sta data. La scultura è fatta con grande diligenza e sono indicati 
tatti i dettagli delle fortificazioni. Il modello ha forma poligonale 
irregolare e presenta le seguenti dimensioni massime: cm. 72 X 50. 

La scala del modello è presso a poco di 1 a 950 (giudicando da 
alcone misure da me prese) per le distanze, è più che doppia per 
le altezze. (Si trova nel Museo Nazionale), 

4. (Veduta della spiaggia da Ancona a Sinigallia del 1631), — 
È dipinta in colori ad olio (con ricerca di imitare i colori naturali) 
sopra un architrave in legno, che faceva parte del convento di 8. Do- 
menico ed ora si trova conservato nel « Museo Nazionale » di An- 
cona. La faccia della trave, misurante m. 3.75 per 0.35, è completa- 
mente occupata dalla veduta prospettica, anzi una parte di questa 
(duomo di Ancona) è dipinta su un frammento (connesso alla trave 
principale) di una delle due travi inclinate che si univano superior- 
mente. 

Il dipinto comprende la spiaggia fra Ancona e Sinigallia, le due 

città sono rappresentate in maggiori proporzioni e con più dettagli. 

Nel porto di Ancona è segnata la data: 21 genaro 1631, Nella parte 

• dove si trova Tinserzione fra la trave orizzontale e quella obliqua il 



modelli (plaatici, in rilievo), le carte in grande scala di aree limitate si possano 
chiamare tutte piante, disti ogueDdo anzitutto : 
1.* quelle fatte con concetti geometrici in: 
a) piceni, proiezioni ortografiche su di un piano orizsontale, 
6) vedute a volo d'uccellOy proiezioni scenografiche su di un piano oriz- 
zontale, 

e) prospetti geometrici, proiezioni ortografiche su di un piano verticale, 
d) vedute prospettiche, proiezioni scenografiche su di un piano verticale, 
con un punto di vista qualsiasi, 

2.* quelle, e sono numerosissime, fatte senza concetti geometrici. Queste sì 
devono avvicinare ai tipi precedenti e sono da distinguersi in genere in due 
gruppi, secondo che assomigliano ai piani od alle vedute (o prospetti). Abbiamo 
anche frequenti le forme miste come sarebbero i piani con edifici in prospettiva. 
Quando si parla (nel comune significato) di scala (anche approssimativa) ci tro- 
viamo nel primo gruppo. 

(1) La cittadella di Ancona, già esistente e più volte ristaurata prima del se- 
colo XVI, fu in questo ultimo e durante i pontificati da Clemente VII a Gre- 
gorio XIII ridotta a condizioni poco diverse da quelle che presenta anche at- 
tualmente. 



Digitized by VjOOQIC 



a58 

dipìnto è un pò rovinato, nel rimanente abbastanza bene conser- 
vato. Nel mare sono indicate alcune navi. (Si trova nel Museo Na- 
zionale). 

5. {Quadro di Ancona del 1631). — Grande quadro in tela, co- 
lorito ad olio. Dimensioni: larghezza m. 2.77, altezza m. 1.74. Senza 
data né indicazione di autore. Su di un nastro, nel mezzo (in alto) 
del quadro, sta scritto « Imbarco della Ser.^^» Regina d'Ungheria 
nel Porto d'Ancona »; quindi la pittura doveva servire a comme- 
morare tale solennità (che ebbe luogo nel 1631) a cui si riferisce 
anche la veduta indicata al numero precedente e quella seguente. Il 
quadro comprende la prospettiva dell'intera città, col porto ed i colli 
immediatamente circostanti. Nel porto si vedono numerose galere e 
in mezzo una specie di gettata provvisoria, a guisa di ponte, con 
archi di trionfo, destinata all'imbarco della regina. Sono segnati dai 
pennacchi di fumo, che si dipartono dai cannoni delle galere e dei 
porti della città, evidentemente per indicare gli spari fatti in segno 
di festa. Gli angoli superiori del quadro sono adornati da due stemmi, 
a sinistra quello della città di Ancona, a destra altro di cui non co- 
nosco il significato. {Il quadro è di proprietà degli eredi di Eriberto 
Garavanij presso i quali si conserva). 

6. {Veduta di Ancona del 1631). — Incisione in legno, su carta 
bambagina. In quattro fogli, i quali nella copia che ho sott' occhio 
sono stati uniti in un quadro unico di m. 1.46 per 0,50, dopo rita- 
gliati i margini. Perciò non so se esistesse o meno il nome dell'in- 
cisore e il luogo e la data dell'edizione, che è probabilmen^ del 
1631, servendo questa stampa, come le pitture precedenti, a ricor- 
dare una festa di quell' anno. Questo si ricava da quanto sta scritto 
su di una fascia ondeggiante, distesa nella parte superiore del quadro, 
che rappresenta un nastro interrotto in tre punti da stemmi. Su 
questo si legge : « Imbarco della ser.ma regina di Ungheria nel bel 
porto di Ancona sule galere venetiane il di XXIIII genaro del 
MDCXXXI nel pontificato di N. S. papa Urbano VIIP >. È inte- 
ressante osservare come questa data sia di soli 3 giorni posteriore 
a quella segnata sul dipinto dell' architrave di cui al numero 5. 

La forma della città corrisponde a quella del prospetto precedente 
da cui probabilmente è ricavata. Sono, come in quella, segnate nel 
porto parecchie galere, coi pennacchi di fumo ed il ponte d' imbarco. 
Si trovano inoltre accanto ad edifìzi alcune lettere e numeri che non 
hanno riscontro in spiegazioni, le quali però forse esistevano sui 
margini ritagliati di ciascun foglio. 

Questa veduta come le due precedenti hanno importanza, fra altro. 



Digitized by VjOOQIC 



I««P" ■ ■ 



359 

per far vedere le condizioni del porto di Ancona (1). (Si trova nel 
Museo Nazionale), 

7. « Pianta elevazione della Città di Ancona fatta neWanno 1754 ». 
— Il titolo sta scritto su d'una fascia ondeggiante, a guisa di nastro, 
che si trova nel mezzo del quadro, in alto. In basso, a destra si 
legge: Franciscus Paulus De Ciardinis anconitanus delineavit. 

Dipinto ad olio su tela, formante un quadro largo m. 1.65, alto 
m. 1.20. Dalla scala grafica di 1500 palmi romani, si ricava quella 
numerica di 1 : 1100 circa. Orientata col nord-ovest in alto. 

Comprende la città ed il porto. E lavoro finissimo ed assai ben 
conservato, dipinto con ricerca di imitare i colori naturali. Le case 
sono segnate in prospettiva, con grande diligenza. Gli edifìci pria- 
cipali, le abitazioni dei nobili e le chiese portano un numero, che 
trova riscontro in tre tabelle di spiegazioni, disposte artisticamente 
neir area stessa del quadro (Si trova nella Biblioteca Comunale), 

8. € Veduta da Posatore del novo Lazzaretto di Ancona ». — Senza 
nome di autore né data, ma questa ultima si può presumere con ab- 
bastanza approssimazione (dallo stato del molo nord e di altre co- 
struzioni) essere non molto diversa dal 1780. La veduta forma un 
quadro largo cm. 103, alto cm. 32, in carta, incollata su tela, colo- 
rito ad olio. Nel titolo stesso è indicato il punto da cui è presa 
la veduta (il Posatore, località a SO. della città) la quale non rap- 
presenta solamente il Lazzaretto, costruito come è noto dal Vanvi- 
telli (1773), ma nello sfondo tutto il porto e buona parte della città. 
(Si trova nella Capitaneria di Porto). 



(1) Sulla estensione del porto di Ancona, sui lavori successivamente fatti per 
la sua sistemazione, sul movimento commerciale ecc. si trovano notizie special- 
mente nella nota indicata del Bevilacqua ed in una memoria del prof. Bruzzo G. 
intitolata: Il porto di Ancona (Bologna, Zanichelli, 1898). 

Qui, a delucidazione e complemento delle poche indicazioni, che vengono date 
nella descrizione di alcune delle piante e prospetti elencati, basti dire poche pa- 
role. E noto come già Traiano fece costruire un piccolo molo (che giungeva fino 
ali* attuale capitaneria) ed il porto romano fu poco modificato ed ampliato, du- 
rante il medio evo. Pochi pure i lavori fino a tutto il secolo XVII, soltanto 
nel XVIII fu dato principio alla costruzione del nuovo molo con V apertura del- 
r Arco dementino fatta dal Vanviteili nel 1735. Questo molo negli anni succes- 
sivi veniva prolungato e nel 1784 si costruì la « Torre della Lanterna », demo- 
lita nel 1862 ed ora sostituita dalla « Batteria Molo ». L*ultimo tratto di questo 
molo è opera del tutto moderna. 

Verso S. e SO. il porto cominciò ad avere riparo dalla costruzione del Laz- 
zaretto del Vanviteili, che data dal 1778 e negli anni successivi questo edificio 
fu circondato da una prima scogliera, prolungata poi in direzione NNO di circa 
600 m. nel 1791, e ridotta poi in posteriori lavori proseguiti ancora negli ultimi 
anni, alle condizioni attuali. 



Digitized by VjOOQIC 



360 

8. € Pianta del porto di Ancona e scandaglio del medesimo im- 
presso dal sig, Giuseppe (il cognome non si può leggere 

essendo logora la carta) comandante delle barche guarda coste pon- 
tificio nel Settembre dell'anno 1782 e confrontato con altro scanda- 
gito preso dal sig. Comandante nelV Aprile dell'anno 1772 con l'ag- 
giunta di vart lavori che egli crede necessari da farsi tanto per la 
maggior sicurezza e comodo de' bastimenti quanto per impedire che 
i venti e le correnti non vi portino dentro le terre della costa ». — In 
un foglio, largo cm. 90, alto 60, disegno a mano in penna, con in- 
chiostro nero per tutte le indicazioni topografiche e per gli scanda- 
gli del 1782, in rosso per quelli del 1772, i numeri però indicanti 
questi ultimi sono sbiaditi in modo da essere spesso illeggibili. 

Dalla scala grafica in palmi romani si deduce il rapporto nume- 
rico 1 : 1750 circa. 

La carta abbraccia il solo porto, è orientata col nord presso a 
poco a destra. Oltre agli scandagli sono segnate nel porto delle 
freccie indicanti la corrente radente. Lo scopo della carta risulta 
evidente dal titolo. {Si trova nel Museo Nazionale), 

9. « Pianta di Ancona ». — Sta a sé. Stampata ad Ancona da 
Michelarcangelo Sartorj, disegnata da Scipione Daretti. Dedicata a 
Pio VII, in data 16 dicembre 1784. 

In un foglio, largh. cm. 42, alt. cm. 33, in carta bambagina, inci- 
sione in legno molto fina. 

Non è indicata scala numerica, ma dalla scala grafica (in palmi 
romani) si può ricavare che questa è di circa 1 : 6200. 

Comprende la città nei limiti d'allora ed il porto. Gli edifici più 
importanti della città sono numerati ed ai numeri corrispondono 
delle spiegazioni in margine alla carta. 

È segnato il molo nord, che arrivava fino alla attuale « batteria 
molo » dove allora sorgeva la torre con fanale demolita moderna- 
mente, d'altro canto è segnata la scogliera contornante il Lazzaretto, 
che occupava il posto dell' attuale molo sud, fino ai magazzini ge- 
nerali del petrolio. 

Nel porto sono indicate le secche e numerose quote di profondità 
in palmi romani. Le profondità massime segnate non raggiungono 
. 8 m., nemmeno verso la bocca del porto e nel centro in pochi punti 
eccedono i 6 m. Alcune freccie indicano il decorso della nota cor- 
rente radente dell'Adriatico. La carta non ha l'orientazione normale 
però approssimativamente il N viene a trovarsi a sinistra. Ad una 
linea segnata nel porto, è aggiunta questa indicazione « meridianus 
verus », ad un'altra, formante angolo (9^) con la precedente € meri- 
dianus quem den. hodie acus magnetice ». 



Digitized by VjOOQIC 



361 

Secondo questa indicazione la declinazione magnetica ad Ancona 
sarebbe stata nel 1784 di circa 9^ verso oriente. Ciò contrasterebbe 
con quanto finora era noto relativamente ai valori delle declinazioni 
magnetiche osservati in Europa negli ultimi secoli. In Ancona la ds- 
clinazione 9® 0. non si deve aver avuta dopo il secolo XVII e forse 
solo nel precedente. Come si spiega questo ? 

Probabilmente l'autore della carta (architetto e pittore) o si servì 
di un piano molto più antico, che si limitò ad aggiornare per alcuni 
elementi, trascurando di fare ciò per ^indicazione magnetica, ovvero 
usò, senza critica, di qualche portolano di uno o due secoli ante- 
riore da cui riportò il dato. Noto come la declinazione orientale di 
9^ sia indicata per esempio nell' « Arte navicatoria > del Mauro 
FiORENTii!(0 (Venezia 1537) senza precisa indicazione del luogo di 
riferimento e della data (G. Marinelli, La Terra, Voi. I, 865). 

La pianta della città è accompagnata in basso da una veduta pro- 
spettica, pure di accurata esecuzione, nella quale si può notare spe- 
cialmente il molo con la sua torre e il lazzaretto. {Si trova nel Museo 
Nazionale). 

10. € Idea del assedio di Ancona veduto per scorcio posto dalle 
truppe alleate, nel mese di agosto, settembre, ottobre nel anno 1799 ». 
— Carta isolata, incisa d^ Bart. Ricci ed edita dallo stesso in Ma- 
cerata, in un sol foglio in carta bambagina largo 34 cm. alto 28. In- 
cisione in legno molto rozza. È una veduta prospettica della città e 
dintorni, col porto. Lo scopo del disegno è indicato nel titolo. Nel 
porto sono disegnate alcune navi assedianti e nelle colline circo- 
stanti ad Ancona i principali trinceramenti francesi. Alcune lettere 
e numeri segnati nel prospetto, trovano la loro spiegazione a piedi 
della carta. {Si trova nel Museo Nazionale). 

11. « Pianta topografica della Città e del Porto di Ancona capi- 
Cale della provincia della Marca. {Stato Pontificio), formata e incisa 
da D. Luigi litografo in Ancona >. — Senza data, probabilmente 
pubblicata verso il 1830. Un foglio di cm. 44 di larghezza, per 26 di 
altezza (fra i margini interni), in litografia, su carta bambagina. 
Scala 1 : 7000. Comprende il porto, la città ed i dintorni entro i li- 
miti, presso a poco, della cinta attuale. Orientata col N. in basso a 
sinistra. Ai due lati della carta in due colonne si trovano rappresen- 
tate (colorite a mano) le bandiere dei più importanti stati e ripor- 
tati alcuni dati statistici delle parti del mondo. Sotto il titolo è in- 
cata anche la popolazione di Ancona (in città 22569, nel circondario 
12720). La incisione è assai fina e minuta. Sia nell'abitato, sia nelle 
strade esteme, si leggono parecchi numeri, lettere e segni. I numeri 



Digitized by VjOOQIC 



3G2 

sono dati altimetrici ovvero indicano Tanno di costruzione di edi- 

fizì od esecuzione di altri lavori. 

Le lettere e segni trovano riscontro in un lungo elenco di case 
di notai, strade, chiese, scuole, stabilimenti, caserme, consolati, case, 
alberghi. (Si trova nel Museo Nazionale), 

12. « Carta topografica della Città di Ancona delineata ed incisa 
dal dicastero generale del censo neUa proporzione di 1 a 4000 per 
ordine di sua eccellenza reverendissima Mons, Gasparo Chrassellini 
prò presidente nell'anno MDCCCXLIV >. — In un foglio di cm. 79 
per 58.5, incisione finissima in rame. Comprende la città e gli imme- 
diati dintorni. Nel porto sono segnati numerosi scandagli. Sotto il 
titolo si trovano alcune indicazioni sulla storia di Ancona e sulle 
sue condizioni geografiche ed amministrative. 

Fra altro si trova assegnata ad Ancona una popolazione di 28141 
abitanti (compresi i borghi), una superfìce di Kmq. 0,65 (rubia ro- 
mane B5,2), pel territorio un' area di Kmq. 96,40, una sup. acquea 
del porto di Kmq. 0,71 ed una massima profondità all'imboccatura 
di m. 10. [Si trova nel Museo Nazionale), 



IL — UNA CARTA MAHOSGRITTA DELLA LESAZIOHE DI DRBIIO 

Fra il materiale cartografico, raccolto nel Museo Archeologico di 
Ancona, dal prof Ciavarini si trova pure una carta manoscritta della 
Legazione di Urbino, che mi sembra di una certa importanza per 
la storia della cartografia marchigiana. Essa è lavoro del padre C. 
Maire (1), ben noto perchè, insieme col Bosco vich (2), compi, fra 



(1) Nei grandi dizionari biografici mancano in generalo notizie sul padre Cri- 
stoforo Maire o si danno assolutamente insufficenti. Trovai delle indicazioni ab- 
bastanza complete soltanto in: Bacher, Bihliotheque des écrtvains de la Com- 
pagnie de J^fòus. Cinquième sèrie. Lìège 1859. Ivi si dice il Maire nato in 
Inghilterra il 6 marzo 1697. Entrò nella compagnia di Gesù nel 1715. Dopo 
avere insegnato umanità a Saint-Omer e la filosofia e teologia a Liegi, fa nomi- 
nato rettore del collegio degli Inglesi a Roma. Occupava appunto questo ufficio 
quando nel 1756 venne scelto del cardinale Valente a compagno del P. Bosco- 
vich, nella nota spedizione scientifica attraverso l'Appennino. Dopo compiuta 
questa e una complementare nel ducato di Urbino, di cui si dirà, ritornò a 
Saint-Omer e quindi si fissò a Gand, ove morì il 22 febbraio 1767. Oltre che 
una parte della relazione fatta col Boscovich e le carte, delle quali si tratta nel 
presente scritto, si conoscono di lui, 3 note relative ad osservaxioni di ecclissi. 

(2) Quasi tutti i dizionari biografici parlano a lungo del Boscovich. Di lui 
abbiamo poi molti elogi (Bizzarro, Ricca, Baiamonti, Zamagna) e biografie in- 



Digitized by VjOOQIC 



pi" nm.m 



363 

il 1750 ed il 1762, una delle più memorabili misure del grado, che 
sieno state eseguite nel secolo scorso. Credo conveniente di fare 
una breve descrizione di questa carta, tanto che essa rappresenta 
il completamento di altra, assai conosciuta, dello stesso autore, com- 
prendente l'intero Stato della Chiesa e che rappresenta uno dei primi 
monumenti della nuova cartografia in Italia. 

La carta della Legazione di Urbino del Maire ha il seguente 
titolo : 

Nuova delineazione della legazione di Urbino. Intrapresa per 
correggere li molti errori scorsi nelValtre precedenti carte geografiche 
sin qui impresse^ e formata bordine delVE.^^ e Rev,'^^ Signore Car- 
dinale Stoppani Legato di detta Provincia dal P. Cristoforo Maire 
della Compagnia di OesiL aW occasione delV osservazioni da esso fatte 
unitamente col P. R. Boscovich nello Stato pontificio per misurare 
esattamente un grado del meridiano^ e dalVE. S. dedicata alla S.^ di 
N. S, papa Bened.^ XIV insigne Benefattore, L'anno i7/>7. 

n titolo qui riferito sta scritto in una targa, sormontata dallo 
stemma pontificio e con altri ornamenti. In basso della carta e' è 
questa altra iscrizione: « Ecco qui la carta geografica della Lega- 
zione d'Urbino promessa già nell'opuscolo 3.° della spedizione lette- 
raria pag. 183. Nello spazio d'un mese che s'impiegò a scorrere 
questa provincia, il tempo spesse volte fu assai contrario special- 
mente sopra le due montagne dette M. Nerone e Sasso di Simone, 
donde senza quel contrattempo si avrebbe potuto determinare il sito 
d'una gran parte della Legazione. I luoghi, de' quali la giusta posi- 
zione non è ben assicurata, non hanno qui annessa nota alcuna, 
perché ne saranno parecchi, i quali, posto che sieno stati ben ad- 



aerite in raccolte di uomini illustri (Fabroni, Cantù, ecc.). Il Boscovich fu ef- 
fettivamente un uomo d^ingegoo superiore; batta per persuadersene leggere la 
discussione da lui fatta a proposito della forma della Terra, nella relazione, che 
sarà altrove citata. Qui però sarebbe fuor di luogo trattare a lungo della sua 
vita e delle sue opere. Bastino poche indicazioni biografiche. Nacque a Ragusa 
il 18 maggio 1711. A 14 anni entrò nell'ordine dei gesuiti di Roma. Venne 
eletto professore di filosofia e matematica nel Collegio Romano, ancora prima 
di finire gli studi. Occupava questo ufficio (dove venne sostituito dal gesuita 
Carlo Benvenuti [n. 1716, 1 1789] prof, a Fermo, durante la sua assenza) quando 
intraprese la triangolazione attraverso lo Stato Pontificio col Maire. Fu poi pro- 
fessore a Pavia e quindi a Milano. Durante questo tempo si occupò specialmente 
di ricerche di astronomia ed ottica, talché nel 1773 fu chiamato a Parigi, come 
direttore di ottica per la marina. Lasciò poi la Francia per ritirarsi a Milano, 
dove ebbe Tincarico di dirigere la misura di un grado di latitudine in Lombar- 
dia, operazione che poi non venne eseguita. Morì a Milano il 12 febbraio 1787. 



Digitized by VjOOQIC 



364 

ditati da chi m'accompagnò, avranno il loro vero sito, altrimenti no, 
benché con poco divario. S'avvisa di più che nel catalogo che si 
trova in fine di qnelP opnscolo la latid. di Città di Castello va sce- 
mata di un minato, non essendosi dalla vicinanza di quella città 
scoperta la cima più alta di M. Nerone. Il sito dunque di Città di 
Castello sta meglio nella Carta generale che bel Catalogo ». 

La carta del Maire è manoscritta (in penna) in un sol foglio. H 
campo disegnato misura un' altezza di cm. 47,5, una larghezza di 
cm. 38. Non è indicata la scala numerica, ma dalle due grafiche (una 
in miglia romane, l'altra in miglia di Bologna) e dalla lunghezza 
dei minuti di latitudine segnati sui margini, si deduce essere quella 
di circa 1:250000. 

La carta non porta indicato il metodo di projezione adottato. Il 
reticolato è costituito da paralleli rettilinei equidistanti e da meri- 
diani pure rettilinei convergenti verso il N. Sembra quindi si tratti 
di una proiezione pseudocilindrica equidistante (che si può conside- 
rare anche pseudosinusoidale). 

Sono segnati per intero i paralleli ed i meridiani 10' in 10', le 
estremità sul contorno per quelli di T in 1'. H meridiano scelto come 
iniziale è quello dell'isola del Ferro. I limiti del disegno sono de- 
terminati dalle latitudini: 43°6' e 44°9',5, dalle longitudini 29*40, e 
30*50' or, dal Ferro. La carta comprende perciò una regione che a 
nord giunge fino a Cesena, ad est fino a Sinigaglia e monte Mar- 
ciano, verso sud raggiunge Perugia e Nocera, verso ovest Borgo 
S. Sepolcro (quasi smarginato). Sono indicati i seguenti nomi regio- 
nali : Parte della Romagna , S. Marino rep. Rettorato di S. Agata^ 
MontefeltrOf Contado di Pesaro, Contado di Urbino, Massa Tra- 
baria, Contado di Fossombrone, Governo di Fano, Vicariato Vecchio^ 
Contado di Cagli, Contado di Senigallia, Parte del Governo di Città 
di Castello, Contado di Grebbio, Parte della Marca. Disegno in 
penna, assai diligente; segnati chiaramente i corsi d'acqua. I monti 
rappresentati un pò* saltuariamente, con tratteggio, alquanto imper- 
fetto. I confini della Legazione con una grossa linea interrotta. Con 
segni speciali, che trovano spiegazione in una leggenda, posta sotto 
le scale grafiche, sono introdotte le seguenti distinzioni: CITTA, Ar- 
civescovato, Vescovato, Badia o Convento, Terba, Castello o Villa, 
Feudo, Strada, Posta, Luogo distrutto. 

Prima di trattare dell'importanza di questa carta, conviene spie- 
gare alcune indicazioni contenute nel titolo e nella nota preceden- 
temente riferiti per disteso. Come è noto, nel 1750 papa Bene- 
detto XIV ordinava a padri gesuiti Cristoforo Maire e Ruggero 



Digitized by VjOOQIC 



PT™»^ — •■ ww' -^ - '-'^'ptì Kiv^:^,'i^Li^wm i .«^ jp^^iiy,-* 



365 

Bosco vich di misarare un arco di meridiano da Roma al nord, verso 
Rimini, e di fare servire la corrispondente triangolazione alla rettì- 
fìcasione della carta dello Stato Pontificio. Qaesta operazione fu 
eseguita dal 1750 al 1754 e dei risultati da essa ottenuti il Maire 
ed il Boscovich resero conto nell'opera : X>e Zt^^eraria expeditìone per 
pontificiam ditionem ad dimetiendos duos meridiani gradus et corri- 
gendam mappam geographicam jussu et auspiciis Benedicti ILIV su- 
scepta a patriìms ecc. (Roma 1755), alla quale si riferisce una indi- 
cazione contenuta nella carta e prima riferita. Della memoria dei 
due padri venne pubblicata nel 1770 una traduzione francese, col 
titolo € VoyagBf astronomique et geographique, dans VEtat delVE- 
glisCf entrepris par Vordre et 80U8 les auspice du pape Benoit XIV ^ 
pour mesurer duex dégrés du méridien et corriger la carte de VÉtat 
ecclésiasiique, par les PP. Maire et Boscovich de la Compagnie de 
Jesus > (Paris. Tilliard 1770). 

Accanto a questa importantissima relazione del viaggio intrapreso, 
venne costruita dal padre Maire, una carta dello Stato della Chiesa, 
pubblicata dalla R. Calcografia Camerale Apostolica, col seguente 
titolo : 

Nuova Carta Geografica dello Stato Ecclesiastico , Delin.ta dal 
P. Oristof,ro Maire d\ O. di Gesù sulle comuni Osservazioni sue e 
del P. Ruggero Oius.^ Boscovich d.* wcrf.* C*. 

Qaesta carta è dello stesso tipo di quella della Legazione di Urbino, 
prima descritta. Consta di 3 fogli delle dimensioni ciascuno 0,62 X ^^t 
stampati in rame. Manca la scala numerica, ma dalle scale grafiche 
si ricava il rapporto di circa 1 : 375000. Non è neppure indicato il 
metodo di proiezione, ma, per quanto si può dedurre dal reticolato, 
sembra si tratti di uno sviluppo conico equidistante. Porta un dif- 
fuso avvertimento^ in cui sono esposti i procedimenti seguiti nella 
costruzione di questa carta. In esso il Maire dice di avere pure 
allestito una carta speciale della Legazione di Urbino, che sarà 
pure data alle stampe. 

Dall' esame del Catalogo della R. Calcografia, non risulta che la 
carta del Maire sia stata pubblicata. Non ne ho poi notizia da altra 
fonte. L'originale invece, è, secondo ogni probabilità, quello esistente 
nel Museo di Ancona e da me precedentemente descritto. 

Nella relazione del loro viaggio scientifico, tanto il Boscovich 
quanto il Maire accennano alla carta in parola. Il primo, lamentando 
la incompletezza dei dati, che poterono essere utilizzati, per la to- 
pografia del ducato di Urbino, nella carta dello Stato della Chiesa, 
osserva: 



Digitized by VjOOQIC 



\^w^r'ifvi j 



366 

« Ma per quanto concerne questo Ducato, noi ne avremo ben pre- 
sto una topografìa esatta, grazie alle cure ed alla liberalità del Car- 
dinale Stoppani, legato di Urbino, che chiama attualmente presso di 
se il P. Maire per farne il rilievo sul posto > (pag. 119 ed. lat.). 
Nella edizione francese della Memoria del Boscovich e Maire, si 
trova (pag. 120) aggiunta la seguente nota: 

« In fatti P. Maire ha dato (a donne) nel 1767 una nnova carta 
della legazione di Urbino », dalla quale non si può desumere se la 
carta sia stata stampata e dove, ovvero sia sempre rimasta mano- 
scritta. 

Né altre indicazioni più precise si possono, su questo argo- 
mento ricavare, dal cenno sulla carta della Legazione, nella re- 
lazione del viaggio, fa lo stesso P. Maire, nel libro IIP, dove, 
accennando alla incertezza nella determinazione della posizione di 
alcune poche città, aggiunge: « Se è vero tuttavia che, per difetto 
di osservazioni, ci sono ancora degli errori nella posizione di queste 
tre città, si sarà ben tosto in grado di supplirvi con una nuova 
carta della legazione di Urbino, che io spero, con T aiuto di Dio di 
rilevare fra breve con osservazioni esatte, fatte in posti più favore- 
voli e che mi sono oggi perfettamente noti: questa carta potrà an- 
cora servire a rettifìcare una parte della carta generale ed a col- 
marvi qualche lacuna > fpag. 183 della ed. lat.). Nella edizione fran- 
cese a questo punto (pag. 175) venne apposta una nota che dice: 
<c Noi abbiamo già detto che ci siamo serviti di questa nuova carta 
per correggere quella che si trova in testa a questa traduzione >. 

Infatti l'edizione francese dell'opera del Boscovich e Maire, è ac- 
compagnata da una Carie de VEtat de VEglisey la quale, come è in- 
dicato xìqW Avverti88ement sottostante al titolo, non è che una ridu- 
zione ad 7i di scala, della carta del Maire e Boscovich. Ciò appare 
evidente tanto per il disegno, quanto per le località segnate (solo 
pochissime farono omesse) e per la proiezione. 

Dalle scale grafiche si deduce che quella numerica è circa di 
1:1130000, (corrispondente quasi esattamente ad '/s ^i quella origi- 
nale 1 : 375000). I nomi delle località principali sono in francese. 

La incisione, in rame, assai accurata e migliore di quella della 
edizione italiana corrispondente. 

Sia stata o meno riprodotta per le stampe, la carta della Lega- 
zione di Urbino, non cessa di essere di grande importanza, perchè 
essa ci rappresenta il completamento dell'opera cartografica intra- 
presa dei due insigni gesuiti. Per apprezzare l'importanza della quale, 
bisogna pensare alle condizioni della cartografia nello St^to della 



Digitized by VjOOQIC 



1367 

Chiesa, alla metà del secolo scorso ed alla entità delle nuove os- 
servazioni. Né è difficile farsi onMdea di una cosa e deir altra, solo 
leggendo la memoria dal Boscovich e del Maire più volte citata (1). 
Infatti, tanto nel libro I, quanto nel III, dovuto al Maire, si tratta a 
lungo pei metodi adoperati per il rilievo della nuova carta che co- 
stituiva uno degli scopi del viaggio, e il vario grado di esattezza 
delle sue diverse parti. Anzitutto gli autori insistono più volte sul 
fatto che essi non intendevano per nulla di fare una carta topogra- 
fica di tutto lo Stato della Chiesa, ciò che sarebbe stato superiore 
alle forze ed' ai mezzi di cui disponevano, ma soltanto di costruire 
una carta generale. 

Di questa evidentemente il fondamento doveva essere una buona 
triangolazione, e tale era certamente, data P epoca, quella eseguita 
fra Roma e Bimini, la quale poggiata, su due basi, diligentemente 
misurate (base della via Appia e base di Rimini, presso la foce 
dell'Ausa, misurate nel 1751) e su un certo numero di punti trigo- 
nometrici assai bene scelti (S. Pietro, M. Gennaro, M. Soriano, 
M. Fionchi, M. Tesio, M. Pennino, M. Catria, M. Carpegna, M. Luro, 
oltre le estremità delle due basi) attraversava quasi per metà il ter- 
ritorio, che interessava rappresentare. Tutte le carte generali della 
regione, precedenti a questa triangolazione, non potevano in alcun 
modo essere esatte nei loro tratti generali, perchè non poggiavansi 
che su scarsissime determinazioni astronomiche di una relativa esat- 
tezza, giammai su un vero reticolato trigonometrico. Anche le mi- 
gliori perciò, risultavano composte dall'imperfetto raccordamento di 
parziali rilevamenti, male orientati ed affatto indipendenti l'uno dal- 
l' altro, i quali non erano inquadrati entro una regolare rete astro- 
nomico-geodetica. 

Questa invece veniva ora fornita dalle nuove determinazioni del 
Maire e Boscovich. Essi, air inizio del loro lavoro, si lusingavano di 
poter trarre un certo profitto dalle carte particolari di ciascuna pro- 
vincia, poiché non presumevano, che si trovassero dei grandi errori, 
per piccole distanze. Ma, come affermano essi stessi, dovettero disil- 
ludersi. Il difetto in queste carte non era solamente, come presuppo- 
nevano, di essere male orientate, ma erano imperfettissime ed erronee 



(1) Sopra Io stato della cartografìa nel Dominio della Chiesa, precedente- 
mente alla pubblicazione della carta del Maire e Boscovich, accanto alle indrca- 



Digitized by VjOOQIC 



368 

in tutti ì loro particolari perchè quasi mai basate su qualche rilievo 
i strumentale. 

Del numeroso materiale cartografico preesistente ben poco quindi 
potè essere utilizzato. Il Maire indica due sole carte costruite sa base 
trigonometrica, una delle diocesi di Tivoli, pubblicata dall'abate Re- 
villas ed una, inedita, dei dintorni di Fabriano^ del padre Magnalbi, 
due rilevate alla bussola e tavoletta, cioè una del territorio di Pe- 
rugia, l'altra di quello di Camerino. Perciò il Maire od il Boscovich 
si persuasero ben presto, che il lavoro doveva essere fatto quasi 
del tutto ex novo. Essi cominciarono con la misura geodetica di 
alcuni pochi angoli complementari a quelli della loro triangolazione; 
fissarono in tal modo esattamente la posizione di pochi altri monti 
(M. dell' Ascenzione, M. Cornerò, M. di Cotona) più notevoli e lon- 
tani dalla rete originaria. Quindi per riempire gli spazi intermedi, 
dove non potevano in alcun modo utilizzare il materiale preesistente, 
si accontentarono di una determinazione spicciativa della posizione 
dei luoghi più notevoli (specialmente abitati, poiché non potevano in 
alcun modo pensare ad un rilievo di dettaglio, ciò che usciva anche 
dallo scopo del viaggio intrapreso). Perciò in generale gli autori cer- 
cavano di fare da luoghi elevati ed opportunamente scelti, dei par- 
ziali rilievi aiutandosi con una specie di tavoletta con regolo. Com- 
pletavano poi le osservazioni dirette con notizie avute da persone 
del luogo e con il materiale cartografico, che credevano degno di una 
certa fede. 

Ne risultò quindi un lavoro, certamente imperfetto per la incom- 
pletezza delle osservazioni e per un grande numero di di£5coltà, che 
gli autori indicano in più punti, ma ben più esatto di tutti i proce- 
denti e di valore certamente superiore a quanto, modestamente afiPer- 
mino in più occasioni tanto il Maire che il Boscovich. 

Nel caso della carta della Legazione di Urbino, che qui ci inte- 
ressa, per persuaderci della sua relativa perfezione basta confrontarla 
con quella pubblicata nel 1697 all'abb. Filippo Titi (< Legatiane del 
Ducato d'Urbino con la diocesi j e governo di Città di Castello et alM 
governi, e stati confinanti Descritta, e Dedicata alV Em.^^ e Rev.*^ 
Pr.P^ il 8.^^ Cardinale Gasparo Carpegna Vicario di N, S.^^ Hj^ 
Div.'^<> et Obb.^o Ser.re Filippo Abb. Titi > (1). Nella stamperia di Do- 



(ì) Non 80Q0 riuscito, ad onta di diligenti ricerche, a trovare alcuna indica- 
zione biografica suir abbate Filippo Titi, autore di altre carte regionali dello 
Stato Pontificio, oltre a quella ricordata. Esse si trovano in vendita presto la 
R. Calcosrrafia. 



V 



Digitized by VjOOQIC 



369 

menico de Rossi. Roma). Qaesta carta che, a quanto credo, è la 
migliore delle precedenti rappresentazioni della regione non basate 
sopra ana triangolazione, non regge, per uessnn rapporto, al con- 
fronto con la carta del Maire. Essa è orientata obliquamente, col N E 
in alto; dei paralleli e meridiani sono segnate solamente le estremità, 
per cui non si può giudicare del sistema di proiezione impiegato. 
L'orografia è rappresentata coi soliti allineamenti di monticali in 
prospettiva, senza alcun concetto di tener conto del diverso loro 
aspetto od elevazione. Nella carta del Maire invece, i monti sono 
indicati con un disegno che si può considerare un vero tratteggio 
topografico sebbene di forma radimentale. 

La scala della carta del Titi, quale si può dedurre dai rapporti 
grafici, è di circa 1: 245000. È rappresentato il territorio fra Rimini 
(in alto), il Casentino (a sinistra), Cortona, il Trasimeno e Gualdo 
Tadino (in basso), Sinigaglia e Jesi (a destra). Discreta incisione in 
rame, sa carta bambagina, in un foglio alto cm. 54, largo 43. 

Sono posteriori alla pubblicazione di questa carta le osservazioni 
geodetiche eseguite dal Bianchini (1), le sole che, prima di quelle del 
Maire e Bosco vich, fossero state eseguite nel ducato di Urbino. Questi 
due autori ne fanno parola a pag. 120 (ed. francese) della loro rela- 
zione, indicando come esse fossero relativamente poco esatte. Essi 
però riconoscono al Bianchini il merito indiscutibile « di avere fatta 
una prima correzione al meridiano di Roma, che ne aveva gran bi- 
sogno; poiché sopra le antiche carte, questo meridiano, prolungato 
solo fino al golfo di Venezia, devia già dalla vera direzione di più 
di 60 miglia ad oriente ». Infatti da questo errore ne deriva un sin- 
golare torcimento della penisola, il quale si nota in tutte le carte 
anteriori alle determinazioni del Bianchini (2) ed anche in alcune 
posteriori, quando gli autori non tennero conto dei nuovi elementi. 
Le osservazioni del Bianchini, per quanto riguarda il ducato di Ur- 
bino, vennero fatte tra il 1817 ed il 1823. Esse si trovano riferite 
nel volume « Memorie concementi la città di Urbino » (Roma 1724) 



(1) Bianchini Francesco, veronese (nato il 13 die. 1662), fece numerosissimi 
studi di archeologia e di astronomia. Concepì T idea di condurre una linea 
meridiana dal Tirreno airAdriatico, ed incominciò le operazioni nel ducato di 
Urbino, occupandosene per parecchi anni a sue spese; la insufficienza dei mezzi 
gli impedì di fare un lavoro completo. Morì a Roma il 2 marzo 1729. Del Bian- 
chini si ha una diffusa biografia: Mazzolbni P. A.: Vita di F. Bianchini ecc. 
Verona 1735; e di lui si parla anche in molte raccolte biografiche; per cui non 
aggiungo qui altre indicazioni. 

(2) Esso è ancora forse, un ricordo tolemaico. 

6 



Digitizedby Google j 



370 

sotto il titolo: Notizie e pruove della Corografia del Ducato di Urbino^ 
e della Longitudine Geografica della Città medesima^ e delle vicine, che 
servono a stabilire quelle di tutta Italia. Oltre ad alcune determina- 
zioni astronomiche il Bianchini fece pare nna sommaria triangolazione, 
fra alcuni punti del ducato, come risalta anche dalla tavola annessa 
alla citata memoria, che porta il titolo : « Figure per la Corografia di 
Urbino ». Di queste figure (di cai alcune semplici prospettini) la più 
importante è la 4^, perchè rappresenta lo schizzo di un frammento 
del ducato di Urbino (fino a Rimini verso N., a Fano verso E., a 
Cagli verso S., a S. Marino verso 0.) alla scala 1: 210000 circa (de- 
sunta da elementi grafici). Vi è indicato T andamento della meridiana 
nuovamente determinata. 

Maggiori notizie sopra l'importanza dei lavori geodetici del Bian- 
chini, si trovano probabilmente nelP opera: « Francisci Bianchini 
veronensiSj Astronomicae ac geograpkicae observationes selectae, Romae 
afque aliter per Italiani kabitae, ex eju^ autograpkis excerptae, una 
cum geographica meridiani romani tabula a mari supero ad inferum 
ex iisdem observationibus collecta et concinnata, cura et studio EUSTA- 
CHii Manfredi. (Verona, 1737), > che io non potei consultare (1). 

Comunque sia, lasciando pure al Bianchini il merito di avere, fra 
i primi, contribuito allo studio geodetico del nostro paese, si deve 
considerare, soltanto con l'opera del Maire e Boscovich iniziato ve- 
ramente il periodo scientifico della cartografia, nello Stato Pontificio 
in genere e nel ducato di Urbino in ispecie. 



(1) Questa pubblicazione h citata dal Riccardi (Biblioteca Matematica) e dal 
MoNTFERRiER {Dizionario di Matematica). Il Riccardi la dice rara e pregiala 
« informa che le va unita una carta geografica. 



Digitized by VjOOQIC 



871 



III. 

DELLA LINEA E DEI FIUMI DI RES0R6IYA 

IN RELAZIONE AL TERRITORIO VENETO 

del Prof. G. LOD. BERTOLINI 



(Cfr. Biv, Oeogr, R,, Anno IV, fase. 8 e 9; Anno V, fase. 4; Anno VI, fase. 2 e 3). 



Dal fatto dimostrato nella precedente pan tata di questi studi, che 
la strada naturale della valle padana corre superiormente alla lì- 
nea delle sorgive, consegue una considerazione che è utile esporre 
perchè smentisce un'affermazione erronea troppo spesso ripetuta, 
che cioè le vie seguono il thalweg delle valli. Ciò potrà avvenire 
appena nelle valli montane semplici, nelle quali è impossibile non 
seguire il thalweg, ma quando la valle comincia ad allargarsi e a 
farsi complessa per l' impluvio di affluenti, allora la via si stacca 
dal fiume principale per portarsi in linea al guado degli affluenti. 
Cosi è della nostra valle padana, della quale la strada non ha mai 
seguito il corso del Po, ma se ne è staccata per sovrapporsi, come 
ne abbiamo discorso, alla linea delle sorgive collegando i guadi flu- 
viali. Un fiume reale come il Po offrirà sempre una buona via flu- 
viale, ma non segnerà una buona via terrestre che in un periodo 
primitivo e di esplorazione della regione, non più in un successivo 
perìodo di assetto, in cui le strade si allontaneranno dal suo corso. 
Cosi si può affermare che, se ancor oggi l'Amazzone segna la via 
di penetrazione nella grande valle americana, quando tutta la re- 
gione sarà ridotta a coltura la strada abbandonerà il fiume. 






Passando poi a un esame più particolare delle condizioni delle 
gaadabilità dei fiumi nella regione veneta trovo di poter venire alle 
seguenti conclusioni: 



Digitized by VjOOQIC 



A 




372 

Ho detto precedentemente che i fiumi sono guadabili sopra alla 
lìnea delle sorgive, ma è necessario distinguere la semplice guada- 
bilità naturale, la quale è compatibile con una certa quantità d'ac- 
qua e con vie profonde, da quella che chiamerò guadabilità stradale 
o commerciale^ la quale invece esige un letto asciutto e a livello 
del suolo approdante, perchè possa effettuarsi con carri e senza 
sforzi o disagi. 

Questa guadabilità commerciale si trova precisamente appena so- 
pra la linea delle sorgive, perchè quivi le ghiaie convogliate dai 
fiumi alFarrestarsi della pendenza del suolo si soffermano ed acco- 
mulano in maniera da coprire l'acqua trascorrente sotto e da man- 
tenersi a livello del suolo circostante. Ancora oggi nel Veneto ab- 
biamo parecchi di questi guadi stradali traversati comunemente; il 
fiume Torre viene transitato tra Soleschiano e Trivignano, altri guadi 
passano il Meduna e la Cellina; prima che si costruissero i relativi 
ponti, si transitava, il Piave a Lovadina ed Ospitai di Piave, la 
Brenta a Fontanivo dove si crede seguita la sconfitta di Berengario. 

Ma alquanto sopra la linea delle sorgive i nostri fiumi, pur man- 
tenendo la guadabilità naturale, non hanno la guadabilità commer^ 
ciaie o stradale perchè scorrono incassati più o meno profondamente 
nel letto e mantengono una certa quantità d' acqua superficiale. H 
che avviene precisamente in quel tratto della pianura più vicina alla 
montagna, la quale è costituita di quel terreno ghiaioso cementato 
che è ritenuto del periodo geologico appena anteriore all'epoca nostra, 
il pliocenico. 

Questo fatto che costituisce un attacco fra T elemento antropo- 
geografico e il geologico è espresso nella seguente legge: 

La guadabilità stradale o commerciale ha luogo sui terreni recenti. 

Oltre a queste cause naturali, a trattenere la strada sulla lìnea 
delle sorgive s'aggiunge l'opportunità di ritrovare lungo il suo per- 
corso nelle sorgive copia d'acqua potabile, la quale se può essere 
una circostanza trascurabile nel transito degli individui, non lo è più 
pel passaggio delle masse. 

Di tutte queste condizioni naturalmente favorevoli bisognava te- 
ner conto, come già dissi, nei tempi barbari del medio evo, in cui 
mancava l'opera della collettività sociale, infranta e spezzata dal re- 
gime feudale. Mancavano allora le opere stradali, mancavano i ponti; 



Digitized by VjOOQIC 



^ — i»jl»»*.i- 't^^^^m 



378 
di S. Qiovanni = S. Giovanni del Tempio al passaggio della Li- 
venza presso Sacile, Chiesa di S. Giovanni di Rodi presso Ronchìs 
di Latisana, atterrata dal Tagliamento nel 1698) e di monasteri si 
istituirono quegli Ospitali che ricoveravano i pellegrini, specialmente 
quando per le piene del finme, il guado era impossibile o pericoloso. 
A Valvasone sul Tagliamento, fin dal X secolo era stato stabilito 
UDO di cotesti Ospitali, che un documento posteriore, del 1464, re- 
cato dal Degani nella Storia della Diocesi di Concordia, ci dice espres- 
samente eretto per ospitare i viandanti i quali fossero impediti al 
passaggio del fiume dalle sue piene: < quod cum prope Locum de 
Valvasonum laberatur quoddam Flnmen Tolimentum nuncupatum, 
quod aliquando adeo propter inundaiiones aquarum tempestosum et 
pericolosum efficiebatur^ ut inibì multi utriusque sexus fideles per^ 

transeuntes graviter ledebantur fuit fundatum in dieta loco de 

Valvasono prò dictis pauperibus, et aliis inde declinantiòus quoddam 
Hospitale sub invoca tiene SS. Petri et Pauli >. (Degani can. Er- 
nesto, La Diocesi di Concordia, San Vito al Tagliamento, 1880, 
pag. 57). Tale è l'origine di tutti quegli Ospitali che si trovano dis- 
seminati nella nostra regione, e al guado dei fiumi, presso la linea 
delle sorgive noto i seguenti: Ospitai di Brenta, 0. di Piave (se- 
gnato solo sulla Carta Austriaca del Lombardo- Veneto a indicare la 
campagna perchè mancano caseggiati, e non più segnato sulla nostra 
carta a 100 m.) Ospitaletto al nord-est di Vicenza al passaggio del 
Tesina. Ho detto che specialmente nel medio evo la strada doveva 
essere segnata naturalmente sopra la linea delle resorgive; ma an- 
che nei tempi romani la regione veneta era traversata da una via 
consolare per grandi tratti sullo stesso tracciato, la Postumia, la 
quale da Verona alla Piave (veramente da Verona a Vicenza col 
nome di Gallica) correva tutta sopra le sorgive, e poi nuovamente 
da Codroipo a Palmanova e Ronchi ad Adelsberg {Arae Posiumiae in 
slavo Postoina). Dal Piave a Codroipo sarebbe passata sotto le sor- 
give per Oderzo, Motta di Liverza, Annone Camino di Codroipo (1). 



(1) Le ricerche sul tracciato della via Pastumia in relazione alla linea delle 
sorgive mi hanno condotto a rilevare un errore del Saggio di un glossario geo- 
grafico friulano dal VI al XIII secolo del co. Antonino di Prampero (Venezia, 
Antonelli, 1882). Alla voce Postumia é quivi detto: « strada fra Madri sio di 
Varmo e Teor. 1214. Actum in Càmpomollo iuata Postoimam (/.). I luoghi in- 
dicati di Varmo e Teor sono alla sinistra del Tagliamento, dove appunto una 
località è detta in dialetto friulano Ciamp-muel e sulle carte Càmpomollo. Credo 
che dairesistenza di questa località l'autore sia stato tratto neirerrore di credere 
Postumia il tratto di strada indicato, mentre nessun altro documento rivele- 



Digitized by VjOOQIC 



374 

Questo secondo l'opinione più accettata, benché io trovi strano, che, 
codesta strada dalla Piave, sotto le sorgive scendesse a Oderzo, ed 
Annone per poi risalire a Codroipo, mentre pare più naturale che, 
se la strada scendeva a Oders^, avesse poi a seguire per Motta ed 
Annone ad Aquileia, o non scendesse ad Oderzo e allora raggiun- 
geva il tronco Codroipo — Adelsberg mantenendosi sopra le sorgive. 
La questione trova elementi di raffronto anche attualmente. Quei di 
Motta di Livenza oggi richiedono che la loro linea faccia capo a Porte- 



rebbe m quella località una strada Postumia. Il documento citato e riferito ia 
coUezioDe Joppi (J.) è lo stesso pubblicato dal Verci nella Storia degli Eccellini 
(Voi. Ili, doc. n. 83, pag. 158), come mi dichiarò lo stesso dottor Joppi; ma 
non si riferisce affatto al Ciamp-muel di Varmo e Teor., sì bene a un Campo- 
mollo oggidì non più esistente, presso Sacile, e del quale sono date maggiori 
indicazioni nel documento seguente (n. 84) del Verci stesso. Il primo documento 
« Actum in Campomollo iuxta Postoimam^ in data del 19 settembre 1214, porta 
il giuramento del fratelli Oabriele e Federigo di Prata che avrebbero obbedito 
alla sentenza di Eccelino da Romano eletto arbitro; e il secondo, appena di due 
giorni dopo, 21 settembre, dà la sentenza di Ezzelino, secondo la quale sarà 
di Oabriele da Prata tutto: Quod a strata que excit del Brugnaria et pergit 
versus Villadoltum et secundum quod designatum est per candem stratam et ni- 
trat in viam, que tendit de Orsaria versus Sacillum usque ad pratum Almerici 
q. domini Olardi de Porciliis, et ab codem prato usque ad fossam, que dicìtur 
Sansucariam secundum quod designatum est, et secundum quod dieta fossa ten- 
dit usque ad Postoymam^ que est super colli majori de Campomollo^ et ab 
eadem Postoyma secundum quod designatum est desuper villa Tajedi, usque ad 
fossam Fontis, qui fons nascitur desuper villa Tajedi et a dicti terminis secun- 
dum quod designatum est versus meridiem et versus villam Tamai et Orsa- 
riam ». 

Confesso che da tutta questa descrizione non sono ancora riuscito a localizzare 
precisamente quel Postoima^ né quel Campomollo^ ma non vi ha dubbio trat- 
tasi di quei luoghi situati fra Sacile e Pordenone, in quella regione che nei do- 
cumenti è chiamata Campus moUis e che oggi é comunemente detta Ca-moi 
nota anche per la battaglia vinta nel 1809 dairArciduca Giovanni sul Vice-Re 
Eugenio. E inutile soggiungere che mentre sotto T influenza veneta il Campo 
mollo è stato trasformato in Ca-moi nel friulano s' ò fatto Ciamp-muel^ osservo 
che generalmente Ca^noi si trova scritto come se fosse tutt* una parola, mentre 
a rigore va scritto con la lineetta congiuntiva. 

Quanto alla strada Postumia se il nome Postoima riferito bastasse ad affer- 
marne il passaggio presso Sacile, ecco che sarebbe provato che anche nel tratto 
fra la Piave e Codroipo correva sopra le sorgive. Ma un nome solo non basta, 
e tanto meno quando non sia ancora precisamente identificato. Se avrò ia for- 
tuna di poter portare in seguito qualche elemento più preciso sulla situazione 
di questa Postoina non mancherò di farlo. 

Sono poi obbligato ai prof. A. Wolf di Udine che in queste ricerche mi ha 
giovato indicandomi il secondo documento riferito il quale mi ha condotto ai 
susseguenti raffronti. 



Digitized by VjOOQIC 



375 

gruaro per proseguire a Trieste e cosi mettersi sulla grande arteria 
Trieste Milano; ma quando Portogruaro non era ancora congiunta a 
Trieste, gli stessi di Motta volevano riunirsi a Casarsa alla linea 
Udine-Treviso. 

Anche nel primo tracciato delle nostre ferrovie la strada naturale 
parve abbandonata; ciò avvenne per la natura stessa delle comuni- 
cazioni ferroviarie le qaali mirano ad allacciare nelle minime di- 
stanze i grandi centri, senza troppo badare alle spese d'opere, ma 
oltimamente si è in parte ritornato su essa quando si imprese la 
costruzione di minori linee fra paese e paese con costruzioni a base 
economica. Oggi la linea Treviso-Vicenza, per Castelfranco e Citta- 
della segue appunto un tracciato sopra le sorgive. 

Che nella discussione del tracciato della strada napoleonica (1812) 
fra Pordenone e Casarsa fosse salda opinione che non si sarebbe 
abbandonata la via naturale per Valvasone, secondo l'indicazione 
e il disegno che, a merito dell' amico prof. U. Rinaldi, ho potuto 
presentare nell'ultima puntata, ce l'attesta un monumento dura- 
toro di cui mi ha dato notizia monsignor E. Degani, dotto illustra- 
tore di storie friulane, e che mi piace riferire per il suo valore 
dimostrativo. « Il ramo principale dei conti Panciera di Zoppola, 
Patrizi veneti, ora estinto, possedeva lo stabile di Murlis (all' in- 
contrarsi del Cellina col Meduna) attraversato dalla grande via com- 
merciale. Sperando che il percorso di questa via dovesse rimanere 
intatto, pensarono essi di erigervi proprio a fianco il loro palazzo. 
E quando appunto si dibatteva la questione della scelta del trac- 
ciato della nuova via, eressero con magnificenza veneta un' ala del 
medesimo e la Chiesa. Ma poi essendo stata scelta la linea più bassa, 
lasciarono incompiuto il lavoro ». 



air 
He i]c 



In armonia alla relazione dimostrata ancor nella prima puntata di 
questo studio fì*a le lagune e i fiumi alpini e di resorgiva per cui 
nelle lagune mettono foce solo i fiumi di resorgiva, mentre i fiumi 
alpini le separano una dall'altra, sta anche il sistema stradale del- 
l'estuario. 

Dalla terraferma si scende al lido marino attraverso Testuarìo sol- 
tanto lungo i fiumi alpini, i quali perciò costituiscono l'unica via ter- 
restre al lido marino e ai quali si dovrà ricorrere quando teoricamente 
si ricerchi una via di terra al mare. La via lungo i fiumi di resorgiva 
non giunge mai al lido, perchè è interrotta (pedestria itinera aestua- 



Digitized by VjOOQIC 



'^mgm 



376 

ris concisa, come con acuta esattezza s'esprime Cesare) più o meno 
estesamente dalla laguna od estuario. Ma anche lungo i fiumi di resor- 
giva la via sarà più solida e più si protenderà al lido quanto più forte 
è il fiume che essa segue. Cosi ad esempio quei di Portogruaro in 
tempi ordinari scendono a Caorle lungo il Lemene, ma nella cattiva 
stagione trovano più comodo seguire il Livenza da S. Stino o Ceg- 
gia(l). 

Una volta poi sul lido si è giunti ad un'altra grande strada tra- 
sversale, percorsa più specialmente nei tempi passati, sulle varie 
isole che costituiscono il cordone litorale. Naturalmente il passaggio 
dall'una all'altra si deve effettuare per via acquea; tuttavia alle foci 
dei fiumi è facile trovare il guado perchè le foci dei nostri fiumi sono 
interrate dalle loro alluvioni respinte dal mare. E per questa ragione 
che i fiumi alpini benché mettano foce direttamente al mare, pure 
non conducono ad esso, perchè le barche ne sono impedite dai bas- 
sifondi. Invece dal mare si accede alle lagune per i porti^ ossia per 
le bocche onde la marea entra in laguna, e le quali stanno fra le 
isole litorali. E per ciò come esprime una frase felice, che il porto 
del Po è a Venezia. 

Le naturali comunicazioni dell'estuario sono le acque; e però la navi- 
gazione interna fra una e l'altra laguna è interrotta dal letto dei 
fiumi alpini, onde alla navigazione interna fra l'una e l'altra laguna 
bisogna provvedere con l'arte, aprendo sulle sponde di quei fiumi 
tagli e costruendo conche o porte quando si tratti di dislivelli. Cosi 
la comunicazione fra la laguna di Caorle e quella di Venezia è 
mantenuta attraverso la Piave dalle porte di Revedoli e Cavazuc- 
cherina, mentre per mancanza d'opere attraverso il Tagliamento non 
vi ha comunicazione fra la stessa laguna di Caorle e quella di Ma- 
rano e di Grado. 

Andamento deUe strade sidle conoidi di deiezione. — E curioso os- 
servare l'andamento delle strade sulle conoidi di deiezione, che ab- 
biamo già visto elevarsi sulla nostra pianura con forma più o meno 
regolare a monte della linea delle sorgive. Notammo già che il cono 
o conoide tipico della nostra pianura è quello del Cellina che da 



/i\ Tr~.» 



Digitized by VjOOQIC 



B77 

Montereale, al vertice, si abbassa per oltre chlm. alla base altret- 
tanto larga segnata dalla linea delle sorgive da Polcenigo a Fonta- 
nafredda e Cordenons onde costituisoe parte cospicua della regione. 

Questo cono, grazie alla sua estensione, è traversato da numerose 
strade, le quali risentono l'andamento del rilievo del suolo e vi si 
dispongono in relazione, come in tante linee concentriche. Nel por- 
tarsi da un lato all'altro del cono per evitare la salita della dorsale, 
le strade seguono una curva, la quale corrisponde press'appoco a una 
ourva di livello. Nel disegno schematico che presento, è reso evi- 
dente questo andamento delle strade, dal confronto con le quote e 
linee di livello che si sono segnate. Cosi la strada da Cordenons a 
Polcenigo seguendo il percorso per Fontanafredda e Vigonovo si 
mantiene sensibilmente allo stesso livello, mentre se fosse andata in 
linea diritta, avrebbe dovuto elevarsi di ben 50 metri. 

Cotale particolarità è resa ancora più caratteristica ed apprezzabile 
dal corso delle acque o roggie che attraversano il cono con lo stesso 
arco delle strade, dando cosi luogo a quella < singolarità degna di 
rimarco, come osservava il Cleoni nella sua illustrazione della Pro- 
vincia di Udine (1862), che l'acqua della roggia di Aviano (cfr. disegno) 
sembra correre a ritroso, perchè diretta verso le radici dei monti », 

Analogo andamento delle strade si osserva in altre conoidi^ ad 
esempio su quella di Oemona, ma l'accennato è il più notevole sia per 
il suo grande sviluppo, sia anche perchè corre in una regione distesa 
cosi da apparire sensibilmente piana. Nella Guida allo studio della 
Geografia Militare del col. C. Porro, è riportato (pag. 96, fig. 41) 
uno schizzo della conoide di Vinadio (vai della Stura), dove è evi- 
dentissimo l'andamento della strada e della corrente fluviale in rela- 
zione alla conoide. 

• 

Sulla linea delle sorgive e quella delVestuaria o prelitorale si fonda 
anche la distribuzione delle forze idrauliche e dell* acqua potabile. 

Premettiamo che la linea delle sorgive segna un passaggio del 
livello del suolo: il territorio esteso superiormente ha una pendenza 
del 5-10 °/oo, quello sotto non supera l'I °/oo. 

£ quindi passiamo alla distribuzione della forza idraulica nelle 
tre diverse zone: 

1. Zona dell'estuario, È priva di forze idrauliche perchè la quasi 
insensibile pendenza del livello è annullata dal flusso e riflusso cui 
tatto l'estuario è soggetto, e del quale prese il nome — aestus ed 



Digitized by VjOOQIC 



378 



aestuaria (1). Noi non conosciamo ancora il mezzo di trar profitto 
delle forze sviluppate dalla marea; o, meglio dirò noi l'abbiamo di- 
menticata. Il molino che nei nostri paesi rappresenta la più generale 



Monf ertale fellinù 




Forihinafredtìa 



'PORDENONE 



Andamento delle strade snl conoide di deiezione del Gellina, 
confrontate con lo linee e quote di livello. 



(1) La voce Estuario ci avvia a una di quella investigazioni di filosofia delle 
parole, di cui fu iniziatore il Vico nell'opera: De autiquissima Italorum sapieo- 
tia ex linguae latinae originibus emenda. 

Nella voce ae.stu-arium^ e più usato il plur. aestueria^ riscontriamo quel 
suffisso aggettivale arius che in latino, come in italiano, esprime pertinenza, 
proprietà, attività; onde aestuariwni ed aestuaria può ritenersi un aggettivo 
sostantivato (come adversarius). Però non m' è noto a qual sostantivo fosse ori- 
ginariamente aggiunto, probabilmente a loca^ per cui aestuaria loca avrebbe 



Digitized by 



Google 



37& 

atilizzazione delle forze idrauliche manca affatto nell'estuario. Ricordo 
che quei di Caorle. fino ad alcuni anni addietro doveano concorrere 
al molino di Portogruaro a una distanza di circa trenta chilometri. 
Recentemente si sono introdotti nella zona molini a vapore. Però in 
antico, come ne fanno fede il Filiasi e il Galliccioli, a Venezia anda- 
vano molini a corrente di marea. Ma noi codest'arte l'abbiamo di- 
menticata e trascurata. Mi consta che Tingegnere Ant. Contln di 
Castel seprio, testé defunto, conoscitore profondo deiridraulica la- 
gunare, insisteva sulla possibilità e opportunità di valersi della forza 
di marea, e con lui s'accompagnava, per l'Emilia il Filopanti. Nelle 



indicato quei luoghi che avevano natura di essere effervescenti, di presentare 
un certo ribollimento e rimescolamento delle acque (aestus-aestuare). 

Così ^K)ssiamo ar<;omentare che il fenomeno della marea fu concepito origina- 
riamente dagli antichi, come fenomeno locale, proprio e pericolare di alcuni 
tratti di costa. E infatti solo sulle coste che la marea è segnata direttamente, 
mentre in alto mare sulla nave che galleggia non è avvertibile. L* ipotesi trova 
argomento di maggior valore nel fatto che le maree, furono note tardi ai Greci 
e Romani. Aristotile che pur parla chiaramente (Meteor., lib. II) delle correnti 
dalla Meotide airEusino e all'Egeo, nulla dice delle maree; e un passo di Ce- 
sare ci attesterebbe che esse nelle loro relazioni con le fasi lunari erano ijinoto 
al suo tempo « Eadem nocte accidit ut esset luna piena, quae dies marìiimos 
aestus maximos in Oceano efficere consuevit, nostrisque id erat incognitum »» 
(B. G., IV, 29). Dopo Cesare, Plinio descrive le maree nel pieno significato mo- 
derno, come movimento esteso a tutto l'Oceano e in relazione alla luna e al sole 
(H. N., lib. Il, 97). Da allora la nozione scientifica si mantenne sino a noi, va- 
riandone però la spiegazione con il prevalere delle differenti teorie scientifiche 
generali. 

Ma il primitivo concepimento del fenomeno fu rinnovato nei tempi bui del 
medio evo, in quel ritorno — come direbbe il Vico — della mente Mmana alla 
primitiva barbarie. Secondo Paolo Diacono (lib. I, 6) il flusso e riflusso sulle 
coste della Norvegia proveniva da quell'immenso gorgo o voragine denominato 
allora comunemente {usitato nomine) Umbilicus maris e a noi noto coi nome 
di Mael-strom, il quale assorbiva e rimandava le acque. Altro gorgo o voragine 
aveva P. D. notizia che esistesse fra le coste della Britannia e della Gallia; e 
infine ci dice dell'Estuario Veneto: « Nostrum quoque, id est Adriaticum mare, 
quod licet minus, similiter tamen Venetiarum Histriaeque litora pervadit, credì- 
bile est, parvos huiusmodi occultosque habere roeatus, quibus et recedentes 
aquae sorbeantur et rursum invasurae litora moveantur ». — Così in Paolo 
Diacono la concezione del fenomeno delle maree torna ad essere limitata e lo- 
calizzata, il che tornerebbe a conforto dell'ipotesi nostra. 

Gli antichi avevano un'altra cagione d'errore. Essi avevano osservato che ne- 
gli stretti {f return, di fremere o fervere?) l'acqua era più agitata che altrove, 
con gorghi (Scilla) o correnti (come appunto quella del Bosforo in Aristotile), e 
furono tratti a confondere un fenomeno coli' altro, confusione alla quale mi jtare 
non siasi del tutto sottratto nemmeno Plinio appunto nel capitolo dove tratta 
delle maree. 



Digitized by VjOOQIC 



A 



380 

Memorie Venete del citato Galliccioli trovo cenno, senza dire se riu- 
scito meno, di un tentativo di molino a vento; io però so di un 
recente tentativo mancato presso Cavazuccherina (8. Dona di Piave). 

2. Nella zona fra V estuario e la linea delle sorgive abbiamo invece 
la massima diffusione delle forze idrauliche nei numerosi fiumi di re- 
sorgiva, i quali come un sistema vascolare, coprono la zona di una 
rete di corsi d'acqua sempre costante ed eguale. Se la loro pendenza 
è minima, non superando il 0,6 ^<*/oo (la Livenza da Sacile a Porto Buf- 
folè = 0,3 '^^/oo) la massa d'acqua abbastanza considerevole da in ogni 
salto una discreta quantità di forza, che solo in casi eccezionali 
supera i 100 cavalli. I salti di 2-3 metri s'incontrano frequen- 
temente sul corso dei fiumi a distanza di 2-5 chilometri; cosi il 
fiume Marzenego sul corso di 40 chlm. ha 24 molini, e il Lemene 
su 50 cblm. ne ha sette, 

I molini costruiti sui fiumi di resorgiva presentano un tipo carat- 
teristico e uno dei tratti più geniali del paesaggio della regione (1). 
II corso lento e regolarissimo dell'acqua che non va mai soggetta a 
piene violenti, e la sua larghezza permettono di fabbricare i molini 
sul letto stoHso del fiume in due fabbriche, cosi che la corrente ne 
viene tripartita e le roste o ruote sono collocate ai due fianchi delle 
fabbriche. Non m'inganno se dico che di questi molini il più carat- 
teristico è quello di Portogruaro, nel centro proprio della città, col- 
legato per il suo buon andamento a fosse di regolazione che servono 
poi a fosse di circonvallazione della città. Quasi sempre al molino 
va accompagnato un ponte stradale a m«)nte di esso, perchè per l'in- 
canalamento dell'acqua del molino, si costruiscono a monte due mu- 
raglioni che possono poi costituire le spalle del ponte. 

Presentemente la nostra regione è in via di allargare l'uso delle 
numerose forze d'acqua, e parecchi molini sono stati trasformati per 
altri usi industriali assieme alla prodazione di luce elettrica, di giorno 
lavorando per la particolare industria e di notte per l'illuminazione. 



(1) I molini offrono un elemento dei più geniali per la ricostruzione del pae- 
saggio, con cui specialmente Tarte si fa strada nella geografia. I nostri mo- 
lini ad acqua si possono aggruppare in quattro tipi: 1.* quello dei fiumi di re- 
sorgiva fabbricati sul letto stesso del fiume, 2." quello dei molici galleggianti, 
proprio dei fiumi alpini (molini delKAdige), 3.* molini di montagna nei quali 
Tacqua h raccolta anche in rozzissime condutture di legno e fa girare le ruote 
per caduta, 4.* molini fabbricati sul fianco della corrente d*acqua, propri della 
2ona superiore alle sorgive, dove Tacqua h incanalata nelle così dette rote. 

Sarebbe certo interessante e graziosa una raccolta di fotografie di molini. e 
meriterebbe che qualche giornale illustrato se ne facesse promotore. 



Digitized by VjOOQIC 



MIP mi f \ ', 



381 

Invece nello stesso tratto dei fiumi alpini si incontrano molini 
galleggianti^ ma difficilmente altri impianti, perchè l'impianto non 
può farsi, come nei fiami di resorgiva direttamente sul letto, che 
r impeto delle piene travolgerebbe troppo spesso ogni opera, né 
conviene farne nna derivazione quando la minima pendenza non 
compenserebbe la spesa e quando d'altra parte a poca distanza si 
può direttamente utilizzare un fiume di resorgiva. 

È da notare infine riguardo agli impianti che in questa zona le 
cadute soffrono variazioni di livello a valle per il rimontare del ri- 
gurgito marino, onde nella scelta di una turbina, è d*aver presente che 
sia a reazione. 

Il numero dei molini andò diminuendo nello acomparire delle di- 
visioni feudali, e ultimamente anche nell'applicazione della legge sul 
macinato, e specialmente poi per il sorgere di molini a vapore e per 
il naturale assorbimento degli organismi più piccoli. Tuttavia resta 
sempre che il molino è la forma industriale geograficamente più 
diffiisa. 

3. Nella zona superiore alla linea delle sorgive la circolazione 
acquea scompare sotto la superficie dello strato ghiaioso permeabile; 
alla superficie restano solo i solchi segnati dai grandi fiumi alpini, 
ma questi come abbiamo visto specialmente nel tratto corrispon- 
dente alla guadabilità stradale, hanno carattere torrentizio, onde non 
si prestano alle opere per forza idraulica; qualche impianto si potrà 
fare nel tratto superiore, in cui il corso è incassato e quindi si pre- 
sta a costruir delle dighe di presa; — notevoli forze si potranno 
invece ricavare proprio nel punto in cui 11 fiume esce dalla valle 
montana per imboccare la pianura, come si ha nel Collina a Mon- 
tereale, nel Torre a Tarcento e nell'Alto Vicentino. 

Anche a questo proposito possiamo enunciare la legge idraulico- 
geologica: nei terreni recenti non si riscontrano cascate notevoli. 

È opportuno poi soggiungere che in questa zona ogni opera di de- 
rivazione di forza idraulica, dovrà anche aver in mira l'irrigazione 
del territorio, anzi, inversamente, diremo che la buona irrigazione 
quivi esige di essere accompagnata dagli impianti di forza idraulica 
perchè i salti frequenti avranno per effetto di rallentare il corso 
dell'acqua. Si è osservato che per una buona irrigazione, la pen- 
denza deve essere minore dell'I °**/oo, quale è appunto quella sotto 
le sorgive. Le relazioni sullo stato dei canali del Consorzio del Le* 
dra in Friuli segnalano tutte la necessità di provvedere con salti ad 
allentare il corso di quei canali adibiti alFirrigazione < essendoché 
l'acqua polla troppa pendenza acquista una velocità tale da corrodere 



Digitized by VjOOQIC 



382 

le sponde e guastare i manufatti, e in tale condizione è impossibile 
la deposizione di quel lezzo, che a lungo andare ottura i meati che 
per la natura del sottosuolo ghiaioso sono tali e tanti da assorbire 
un enorme quantità di acqua ». (Il Consorzio Ledra-Tagliamento per 
ring. E. Rosmini, Udine, Seitz, 1883). 



^ Ut 

Viene ovvia una distribuzione analoga deW acqua potabile: 

1. — ì^elV Estuario le acque alla superficie sono salate o sta- 
gnanti, quindi mancanza di acqua potabile. Le popolazioni dell'Estuano 
si recano ancora oggi ad attinger acqua nei fiumi più vicini. Da ciò 
una circostanza che colpisce V inesperto visitatore di dover pagar 
l'acqua da bere, e che meritò peggior fama di mercanti ai Veneziani: 
< omnia mercantur numo, etìam potum » rimproverava fr. Enrico nel 
libro delle quattro virtù cardinali (e. Galliccioli — Delle Memorie 
Venete Antiche). 

2. — Zona fra V Estuario e la linea delle sorgive: abbondanza 
d'acqua potabile dappertutto alla superficie del suolo; però appunto 
perchè scorrente alla superficie e in corsi d'acqua che attraversano 
abitati numerosi è facilmente inquinabile. 

3. — Zona sopra la linea delle sorgive: scarsezza d'acqua, pei' 
la Sita scomparsa sotto la superficie permeabile, Neil' alto Friuli « fino 
a quando non fu fatto il canale del Ledra (1878-81), nei periodi di 
siccità, una sessantina di villaggi situati sopra la stradaUa (ossia 
fiopra la linea delle sorgive), accorrevano con carri e botti al Taglia- 
mento od alle sorgenti percorrendo talora molte miglia » {Le acque 
sotterranee in Friuli del prof. A. Tellini, Udine, Seitz, 1898). 

Lo studio qui citato del prof. A. Tellini dell* Istituto tecnico di 
Udine, mi conduce all' esame della distribuzione dei pozzi nelle zone 
considerate. 

1. — Sopra la linea delle sorgive, in generale non si trovano po«i 
abissini a sistema americano Northon, o comunemente a pompa 
semplice perchè in questa zona lo strato acquifero corre troppo pro- 
fondo nel suolo cosi che la pressione atmosferica non può far salire 
r acqua per tutta l'altezza del tubo. Noto che, secondo quanto rife- 
risce lo stesso prof. Tellini, nella stessa zona del Friuli, non h 
nemmeno possibile l' escavazione dei pozzi artesiani o a getto sponta- 
neo, perchè non si potè attraversare lo strato impermeabile, trovato 
troppo resistente. 



Digitized by VjOOQIC 



883 

In qaesta zona si trovano solo i pozzi comuni, in generale tanto 
pili profondi qaanto più lontano dalla linea delle sorgive. 

2. — Nella zona sotto alle sorgive e sopra l'estuario, si ri- 
scontra ogni maniera di pozzi, quei comuni, quelli a pompa e gli 
artesiani. 

3. — ì^eWEstuario non v'hanno pozzi propriamente detti, ma 
Cisterne che tuttavia prendono comunemente il nome di pozzi. L'acqua 
è o piovana o levata dai fiumi prossimi. Cosi quei di Caorle vanno 
a prender l'acqua nella Livenza, e a Venezia la portavano dalla 
Brenta. Si sono sperimentati anche i pozzi artesiani, ma con poco 
esito portando l'acqua tracce di solfuro e sapore ferruginoso. 

Sull'evoluzione suhita dai vari sistemi di attinger acqua, della 
quale tocca anche il prof. Tellini, io ho opinione che i pozzi abhiano 
preso particolare sviluppo nei tempi feudali, nei quali ogni più pic- 
colo territorio, quasi podere, aveva necessità di costituirsi effettiva- 
mente sovrano ed a riparo dalle rappresaglie dei vicini, e fra le 
prime procurava di avere entro i propri confini, nel castello, una 
fonte d'acqua inattaccabile. 

È codesta una questione che merita maggior sviluppo e che porta 
a considerare quanta parte abbia avuto nelle divisioni territoriali 
dei feudi il riguardo di costituirli indipendenti nei corsi d'acqua. È 
nn branco cospicuo della < Legislazione delle acque ». Eicorrono 
di frequente nella storia le questioni sorte per diritti d'acque. In 
questa Rivista il magg. Lod. Marinelli ha parlato delle secolari que- 
rele fra i Reatini e i Ternani per il corso del Velino; la deviazione 
del Po nel 1151 avrebbe avuto origine in una rappresaglia di quei 
di Ficarolo su quei della Stellata; «]uante volte Padova non dovette 
ricuperare a viva forza le acque del Bacchigliene che i Vicentini 
deviavano a Longare nel Bisatto, finché nel 1314 a provvedere defi- 
nitivamente alla bisogna tolsero l'acqua dal Brenta a Limena, con- 
ducendola colla Brentella al Bacchigliene presso Brusegana. 

Il citato Galliccioli a proposito dei pozzi notava che a Venezia 
ogni campo ha il suo pozzo, situato davanti la Chiesa, e che in an- 
tico il pozzo era indizio di contrada o parrocchia. Al mantenimento 



Digitized by VjOOQIC 



384 



■ ''"'^ 



Ma ritornando più direttamente air argomento osserverò dapprima 
che la linea delle sorgive segna il limite superiore di una zona idrau- 
lica indipendente, vale a dire che le acqoe correnti sotto la linea 
delle sorgive non sono superficialmente e in via normale attaccate 
né dipendenti dalla zona saperìore, cosi che la piannra nostra è sol- 
cata in tante zone longitudinali dal monte al mare dai fiumi alpini, e 
ognana di queste zone dalla lìnea delle sorgive è divisa in due in- 
dipendenti nelP idraulica superficiale. 

Ignoro per quali ragioni storiche e feudali, e non so quanto al 
riguardo ci possa entrare codesta indipendenza idraulica della re- 
gione sotto alla linea delle sorgive, ma è un fatto che noi abbiamo 
due documenti di donazione ed investitura feudale che prendono a 
limite la linea delle sorgive. L'uno che è un documento ben noto 
nella storia del Friuli, ci apprende che nel 1029 Pimperatore Cor- 
rado II donò al Patriarca d' Aquileia Popone : e Quandam sylvam 
sitam in pago Forojulii in Comitatu Varienti s Comitis, incipieutem 
a fiumine Sentii usque ad mare et sic sub stratam quae vulgo dici- 
tur Valsetta Hungarorum, usque in illum locum ubi flumen Flmnen 
nascitur et ita deorsum per flumen usque Liquentiae introitum in 
mare. » Faceva dunque dono l' imperatore al Patriarca Popone di 
quella selva che si stendeva dalP Isonzo al fiume Fiume (1) e al 
Livenza e dalla strada degli Ungheri al mare. Ora è consenso degli 
studiosi di riconoscere in questa strada degli Ungheri P odierna 
strada alta che corre appena sopra la linea delle sorgive. 

Entro lo stesso territorio Ottone III nelPanno 996 in Verona li- 
mitava i diritti della Sede Concordiese al vescovo Bennone nei se- 
guenti termini: « concedimus Benhoni (sancte) Concordiensis Eccle- 
sie Episcopo suisque successoribus sylvam quae sita est sicut orìtor 
aqua, que vocatur Lemen et defluit in mare, et sicut ori tur aqot 
que dicitur Flumen et defluit in Medun, et aqua Meduna in Liqnen- 
tiam et fluvins Liquencie defluit in mare, sicut hiis terminibns circum- 
datur ipsa sylva cum omnibus rivulis vel fluminibus in ipsa sylvt 
fluentibus Lencone, Isone, Aqua nigra, Tango, Fossa gallo, Be- 
gena ». 



(l) Molti chiosatori di questo documento, ignoraDdo che esiste un fiume FiuM, 



Google 



Digitized by V^OOQ 



385 

n lìmite settentrionale di questa donazione è segnato cosi alla 
sorgente dei fiumi di resorgiva Lemene, Fiume e Meduna e il ter- 
ritorio designato comprende altri fiumi di resorgiva più bassi, dei 
quali avrò in seguito occasione di parlare. 

I due documenti citati intanto offrono un positivo punto di vista 
storico alla linea delle sorgive, che mi sono studiato in questi scritti 
di illustrare., e sono inoltre una chiara conferma di quanto già af- 
fermai (Riv., Ann. IV, fase. X) che il rivestimento vegetale arboreo 
della nostra regione si estendeva fino alla linea delle sorgive, 

Dissi sopra trattando delle forze idrauliche, che è d'aver presente 
neirimpianto delle turbine che nei fiumi di resorgiva si hanno va- 
riazioni di livello a valle del salto. Questo che è un fatto capitale 
nel regime di quei fiumi ci conduce a dimostrare la funzione del- 
Vestuario nel regime fluviale. Ho ripetuto addietro parecchie volte 
che i fiumi di resorgiva non apportano violenti inondazioni, qui però 
è il caso di precisare meglio il fatto. 

I fiumi di resorgiva non hanno un bacino collettore molto esteso, 
anzi spesso sono corsi d'acqua isolati che vivono unicamente del- 
l'acqua fornita dalle sorgenti, limitata e misurata. Tuttavia alcune 
volte il livello delPacqua sale cosi da sorpassare le rive e allagare 
il paese. Ciò avviene non solo in seguito a continuate piogge, ma 
più effettivamente per opera del mare quando per l'azione concorde 
dei forti sciroccali e delle alte maree le sue acque rimontano nel- 
Testuario e non lasciano sfogo a quelle fluviali, nelle quali perciò si 
inizia un progressivo rigurgito che risale man mano il corso del- 
l'acqua certe volte anche fino alle sorgenti (p. es. il Livenza a Ba- 
cile e il Sile a Treviso). Allora nei luoghi più bassi l'acqua del fiume 
sale e monta sopra le rive e produce VaUagamento, un allagamento 
che si allarga ed espande lentamente, quasi direi dolcemente, che 1 

nulla somiglia alle inondazioni dai fiumi alpini. Ora siccome l'effetto 
del rigurgito si manifesta specialmente nella zona dell'estuario, nella 
quale anzi esso trova la sua sede naturale, cosi si comprende come 
importi lasciar sussistere le lagune per il buon regime dei corsi 
d'acqua che vi mettono foce, i quali possono espandervi le loro 



ì 



Digitized by VjOOQIC 



386 

vale per il regime dei fiumi alpini, i quali mettendo direttamente al 
mare più fortemente risentono il rigurgito, contro del quale poi con- 
trastano le piene che scendono dalla montagna. Ora se i fiumi e 
torrenti alpini in tale crìtica circostanza trovassero uno sfogo late- 
ralmente neir estuano sarebbe di molto mitigata la furia della lotta 
e tolto il pericolo di rotte violenti e devastatrici. 

Per queste ragioni la funzione delle lagune si può considerare ana- 
loga a quella dei laghi prealpini, con questa differenza che i laghi 
prealpini, come ha ampiamente dimostrato il Lombardini, funzionano 
da serbatoi per piene montane, mentre le lagune funzionano da ser- 
batoio o bacino di sfogo per le montane d^ acqua prodotte dal rigur- 
gito marino. 

Non esamino ora le condizioni idrauliche dei nostrì fiumi in rap- 
porto a questo principio, noto solo che il Tagliamento ha mantenuto 
aperte poco sopra all'estuario due rotte o sfoghi delle piene: quella 
del Cavratto sulla riva destra e quella del Masatto sulla sinistra: 
gli altri fiumi sono invece arginati. 

Dalla pendenza del suolo e dal regime dei fiumi di resorgiva qui 
sopra delineato, e dalle speciali condizioni termiche, ne deriva un^al- 
tra importante proprietà di essi fiumi che li distingue dagli Alpini. 

a) Il fondo dei fiumi di resorgiva è in generale coperto di vege- 
tazione erbacea in tutte le stagioni, 

b) Al contrario il fondo dei fiumi alpini è in generale sprovvi- 
sto di vegetazioni erbacea. 

Nel tratto della « Relazione sul canale Ledra- Tagliamento > più 
sopra riportato è già detto che una pendenza del corso d'acqua su- 
periore air 1 per mille agisce sul letto corrodendolo e quindi aspor- 
tandone il materiale (1 % In tale condizione si trovano i nostri fiumi 
alpini superiormente alla linea delle sorgive e cosi non potranno dare 
un fondo vegetale erbaceo; inferiormente alla linea delle sorgive, 
benché vi sia la voluta pendenza, tuttavia le piene violenti, cui tutto il 
corso dei fiumi alpini va soggetto, asportano e rimaneggiano il fondo 
cosi da non permettere alle erbe di svilupparsi nemmeno qui. Io 



(1) Il sìg. Dubuat ha compilato una tabella del limite di velocità oltre il quale 
nella varia natura del fondo le correnti fanno corrosione. É pubblicata a pag. 101 
di uno Btudio dell'ing. G. Chizzolini negli « Annali di Agricoltura, » Anno 1879 
Ricerca ed utilizzazione delle acque di sorgente. 



Digitized by VjOOQIC 



387 

realtà nessano dì codesti fiumi: Isonzo, Tagliameoto, Flave, Adige e 
Po, hanno il fondo erboso; ma puramente ghiaioso nel tratto superiore 
alle sorgive, e poi misto di ghiaia e sabbia e infine semplicemente 
sabbioso nel tratto inferiore. H Livenza nel bacino sorgentifero, che 
come esposi, è a considerare di resorgiva, ha fondo erboso, ma nel 
seguito del corso per opera di alcuni affluenti (Meschìo, Monticano, 
Meduna) assume carattere di fiume alpino, ond' è che il suo fondo 
resta sprovvisto della vegetazione. 

Invece i fiumi di resorgiva, di pendenza minima, corso d'acqua e 
piene lente e dolci, senza materiale di trasporto, hanno tutte le con- 
dizioni per formare quel fondo melmoso sul quale poi cresce quella 
vegetazione erbosa cosi caratteristica. 

E cosi Targomento ci avvierebbe a una trattazione naturalistica 
ed agraria del territorio da noi studiato, trattazione che ormai si 
scorge troverà una base sugli stessi limiti; ma questo in seguito. 
Accenno qui soltanto a un'applicazione di cui ebbi a occuparmi in 
altra sede. Lo scorso anno, nel numero di Luglio della « Venezia 
Agricola » ho dimostrato che la coltura della barbabietola da 
zucchero trova il terreno più favorevole nella zona fra le sorgive e 
Testuario, siccome quella che presenta un terreno generalmente 
sciolto, non troppo umido ne ghiaioso; mentre superiormente alle 
sorgive il terreno è ghiaioso, alle sorgive è umido e paludoso di 
paludi sortumose, ossia formate d'acqua sorgente, e nell'estuario torna 
paludoso. La mia nota fu riportata nel « Bollettino delV Associazione 
Agraria Friulana » del seguente Settembre; e Tesperimentato Se- 
gretario di questa, il prof. Ted Viglietto, mi soggiungeva che la 
zona designata è anche la più opportuna nei riguardi economici per- 
chè ivi si riscontrano i maggiori latifondi. 



Digitized by VjOOQIC 



.1 



38S 



IV. 

LA PATAGONIA SECONDO RECENTI STUDI 



Nota del Prof. PIETRO OBZBAUDI 



Il progetto di colonizzazione italiana della Patagonia. 

« Gobernar es poblar ". •— L'emigrazione italiana. — Il progetto di E. Garibaldi — 
Osservazioni sul 1.^ articolo. — Critica delle critiche. — Necessità di vie di co- 
municazione. — Le ferrovie patagoniche secondo il progetto di F. Moreno. — 
Vantaggi che verrebbero alla Repubblica Argentina dall'esecuzione del progetto. 
— Conclusione. 

« Gobernar es poblar » vanno ripetendo gli uomini di Stato della 
Repubblica Argentina, e, conseguenti alla loro raassima, cercano in 
tutti i modi di attirare nei vasti territori della loro repubblica il 
maggior numero possibile di emigranti, perchè col lavoro dei campi 
e colle industrie in qualche modo risveglino le ricchezze e le forze 
latenti del paese (1). Essi, ciò facendo, mentre obbediscono ad un 
giustissimo ed importante assioma economico, cercano pure di rial- 
zare le finanze dello Stato, esauste per le molte spese che la giovane 
repubblica dovette fare in breve lasso di tempo ed anche in parte 
p2r la cattiva amministrazione. 

Tutto ciò che si riferisce alla Repubblica Argentina e special- 
mente alla sua colonizzazione è delia massima importanza per noi 



(1) L'aumento della popolazione nella Repubblica Argentina portò sempre con 
sh un aumento delfesportazione. Nel periodo 186S-1872, T immigrazione aumenta 
dal doppio al triplo di quella corrispondente al periodo 1863-1867 e le esporta- 
zioni si raddoppiano. Negli anni 1873-1877, T immigrazione supera del doppio 
le precedenti, e le esportazioni alla loro volta, salgono pure al doppio di quelle 
presentate dal periodo immediatamente. Quando diminuisce l'immigrazione 
(1878-1882) diminuiscono io pari grado le merci esportate. 

Secondo i dati esportati dal Pai* (giornale fondato dal Dott C. Pellegrini 
ex-presidente della Repubblica Argentina e geniale fondatore dello sviluppo eco- 



Digitized by VjOOQIC 



Italiani, cbe abbiamo laggiù tanti fratelli stimati ed operosi, e dove, 
pare, molti altri potrebbero trovare onesto lavoro e benessere. Men- 
tre da una parte trovo che sono mille volte nel vero quelli che di- 
cono che prima di pensare a colonizzare paesi stranieri dovremmo 
pensare a questa nostra Italia, dove vi sono tante terre incolte, tante 
forze latenti di cui nessuno si cura, son pure d*opinione ohe, mentre 
si pensa a quel che dovrebb'essere, è pure necessario pensare a 
quello che è. Ed ora l'Italia si trova dinnanzi al problema di una 
crescente emigrazione la quale, perchè male o punto diretta, va di- 
spersa qua e colà, e mentre potrebb' essere un potente fattore di 
benessere economico alla madre-patria, non serve invece molte volte 
che a renderne vituperato ed odiato il nome oltremonte ed oltremare. 
E questo un triste stato di cose che vivamente addolora chi senta 
dentro di se alquanto di amor patrio e chi veda negli emigranti 
Italiani dei disgraziati fratelli, i quali il più delle volte dal bisogno 
del pane quotidiano, sono spinti ad abbandonare la terra che li vide 
nascere e ch'essi amano certo molto più di tanti Italiani che vanno 
predicando il loro amor patrio ne'sontuosi banchetti e poi si disin- 
teressano di tutto quello che potrebbe in qualche modo giovare ai loro 
fratelli che emigrano. 

È inutile che mi perda a fare ulteriori considerazioni sul crescere 
dell'emigrazione italiana, di cui molto si parla; ma non sempre con 
qualche frutto. Mi basta ripetere con molti altri, che la nostra emi- 
grazione non dev'essere considerata, come nel passato, una quantità 
trascurabile, o come un'accozzaglia di spostati e di cenciosi, dei quali 
è meglio liberarsi per misura di pubblica sicurezza, e neppure 
quale diserzione in massa minacciante la fertilità de'nostri campi; 
ma è, e dev^essere ritenuto per tutti, una funzione normale del no- 
stro popolo, un fenomeno che ristabilisce l'equilibrio fra l'aumento 



oomico del suo paese) e riassunti dal Gleudi (Rassegna Nazionale^ \,^ mag- 
gio 1900) si ricava che dal 1857 al 1897 immigraroDO nella Repubblica Argen- 
tina 2,700,000 individui; tra questi vengono prima gli Italiani 1.051,000 dal 1867 
88,000 nel 1899); poi gli Spagnoli (302,000 dal 1867, e 72,000 nel 1899), ed i Fran- 
cesi (151,000 dal 1867 e 27,000 nel 1899). 

Così la popolazione Argentina nel suo complesso aumenta del 300 % ^?>^i 
quarto di secolo: Taumento della popolazione urbana rappresenta il 371 %• Nel 
1871 si calcolavano 580,000 ettari coltivati a grano; nel 1888 erano già 815,000 e 
nel 1895 2.950,000. Secondo il censimento del 1895 vi erano 7,500,000 animali 
ovini; 21,700,000 bovini e 4,400,000 cavalli. Le ferrovie nel 1867 erano lun- 
ghe 2,073 km., 14,800 nel 1898. Il progresso dell* Argentina è dunque grande, 
malgrado le numerose e gravi crisi finanziarie a cui andò soggetta. 



Digitized by VjOOQ IC a 



390 

vegetativo della nostra popolazione e la capacità nutritiva del sno 
saolo; una valvola di sicurezza sociale che si traduce in benessere 
individuale e collettivo, un fatto insomma che se non ci fosse, bi- 
sognerebbe, per carità di patria crearlo (1). Affinchè, però, Temigra- 
zione porti tutti que^rutti che sarebbe capace di produrre per Tin* 
dividuo e per lo stato, è assolutamente necessario che sia diretta ed 
aiutata. E diretta ed aiutata non solo dal governo, nelle cui mani 
noi pur troppo siamo soliti abdicare ogni iniziativa, riservandoci 
solo il diritto di brontolare e di dime male, ma da tutti quelli, i 
quali per la loro coltura o pei loro beni di fortuna fanno parte delle 
cosidette classi dirigenti. Si dovrebbe specialmente mirare a dirigere 
gli emigranti italiani in quei luoghi che più si confanno alla loro 
vita ed ai loro costumi, ed a mantenere sempre vivo in essi Tattac- 
camento alla madre patria, affinchè non siano per essa una forza 
interamente perduta, ma un vero centro d'irraggiamento della civiltà 
e della coltura italiana: si dovrebbe aiutarli a comperar terre e ad 
impiantare industrie, per impedire che l'operaio italiano sia ignobil- 
mente sfruttato, non per l'incremento dell'industrie della sua patria, 
ma per arricchire stranieri che lo considerano non come fratello, ma 
solo come eccellente macchina di produzione a buon mercato. 

Purtroppo l'Italia manca di territori nazionali fuori da*8uoi confini 
a cui dirigere l'esuberanza della sua popolazione, né sembra ornai 
che a questo danno, che farà ogni giorno più sentire la sua triste 
influenza, si possa riparare, perchè tanto la Colonia Eritrea quanto 
quella parte dell'Africa settentrionale, che dovrebbe divenire italiana 
sono affatto insufficienti aUo scopo di accogliere una densa popola- 
zione. Ciò non toglie però nulla alla necessità di una savia direzione 
della nostra emigrazione, anche quando questa si riversi su paesi 
su cui non isventoli la bandiera italiana; anzi direi che si rende 
allora tanto più necessaria, in quanto che più facilmente il nostro 
emigrante in paesi stranieri può andare incontro ad inganni ed & 
disillusioni, e più facilmente corre pericolo di essere assorbito, rima- 
nendo cosi affatto perduta per la madre-patria una forsa preziosa. 

Ad evitare questo male, che sarebbe gravissimo, e grave lo è dì 
già per l'Italia, conviene fare il possibile per indirizzare l'emigrazìte, 
in dati luoghi, formando insomma delle vere colonie. Perchè, come 
nota il Eatzel « è colonizzazione lo Stabilirsi e il crescere di parte 
della popolazione di uno stato sopra un territorio non prima oceu- 



Digitized by VjOOQIC 



891 

pato oppure scarsamente abitato, in modo che per tale popolazione 
immigrata si origina un legame fra i due territori, antico e nuovo » (1). 
Finora colonie italiane, nel vero senso della parola, sono solo quelle 
stabilite nelle Eepubbliche del Sud America. Molto si è già fatto 
quasi per naturale impulso; e questo ci lascia facilmente supporre 
quanto maggiori e migliori sarebbero stati i frutti, se la natura fosse 
stata sovvenuta dall'arte. Se tanti capitalisti italiani invece di tenere 
il loro denaro a marcire negli scrigni avessero aiutato gli emigranti 
Italiani nell'acquisto di terre, ove queste costano pochissimo, forse 
che non ne avrebbero ricavato un lauto frutto? E intanto il conta- 
dino italiano non sarebbe stato costretto a quel lavoro a giornata 
che lo mette alla pari col giumento ed avrebbe mangiato un pane 
frutto de'suoi campi. 

Ma finalmente si nota un confortante risveglio, foriero, speriamo, 
di tempi migliori: vari capitalisti si proposero di aiutare l'emigra- 
zione italiana in diversi paesi; ma sopratutti notevole è il progetto 
di colonizzazione italiana della Patagonia studiato e formulato dal 
generale Ricciotti Garibaldi per incarico di alcuni capitalisti stra- 
nieri e nostrali rappresentati dal principe Odescalchi e dal mar- 
chese Medici. Appena se ne seppe qualcosa, il progetto, come sem- 
pre suole avvenire, fu da alcuni giornali portato a cielo da altri 
gettato a terra : si fraintesero, si falsarono le intenzioni, tanto che 
il Garibaldi si vide costretto a rendere noto il suo operato, pubbli- 
cando il testo del progetto presentato al governo della Repubblica 
Argentina, cosi che ora si può dare su di esso un giudizio meno 
precipitato e più oggettivo. 

Prima di venire all'esposizione del progetto, noto che il gen. Ga- 
ribaldi dice d'avere studiato per diciassette giorni di seguito i do- 
cumenti relativi alla Patagonia messi a sua disposizione dal Governo 
Argentino. Per quel che riguarda la legislazione non v'è, credo, nulla 
a notare: non è cosi però per quel che riguarda i rapporti di com- 
missioni spedizioni mandate dal Governo in quelle terre, per la 
loro esplorazione e misurazione. Si può infatti domandare, anche 
senza voler essere eccessivamente maligni e scettici, se quei rap- 
porti dicano il vero e siano redatti con coscienza. Non voglio né 
posso fare insinuazioni: mi permetto però di notare che il Moreno, 
l'illustre fondatore e direttore del Museo della Piata, colui che forse 
di tutta la Repubblica Argentina conosce meglio scientificamente la 



(1) Ratzel. Polttische Geographie^ 1897, pagg. 118 e 181. 



Digitized by VjOOQIC 




392 

Patagonia, diceva due anni or sono che il governo non ha assoluta- 
mente dati precisi circa i terreni fiscali della Patagonia, anzi che lo 
stesso Atlas de la$ Coloni is oficiales de la Repubblica Argentina pub- 
blicato nel 1894 e quindi, relativamente, molto recente, è nna ver- 
gogna per ristituto da cui esce (1). Suppongo però che il Garibaldi 
coi dati governativi abbia qua e là messo a confronto i dati otte- 
nuti dagli esploratori e che quindi si sia formato delle cose un 
giusto concetto, sufficiente almeno per uno studio iniziale della que- 
stione. 

Veniamo ora alPesame del grandioso progetto: mi limiterò agli 
articoli più importanti e di indole prevalentemente geografica (2). 

ColFart. 1." la nazione argentina riserba alla colonizzazione, che 
sarà promossa dal gen. R. Garibaldi, tutti i terreni demaniali, mi- 
niere, saline, cave, forze idrauliche e boschi compresi sui territori 
nazionali seguenti (secondo i limiti della legge 18 ottobre 1884): la 
parte del dominio o governazione del Rio Negro al sud del fiume 
omonimo e del fiume Limay; la parte della governazione del Neiiquen 
che si estende al sud del fiume omonimo e del fiume Agrio: tutta 
la governazione del Qhubut; tutta la governazione di Santa Cruz; 
tutta la governazione della Terra del Fuoco, L'estensione dei terri- 
tori concessi è davvero immensa, comprendendo, quasi tutta la Pa- 
tagonia e la Terra del Fuoco Argentina, cioè, secondo i dati deDa 
Oficina de Tierras y Colonias e àeW Officio di Geodesia, ben 34.607 
leghe quadrate, pari a 85.268.600 ettari. Però, come nota il Garibaldi, 
il Governo ha già venduto a terzi vaste estensioni di terreno, cioè 
7.700.000 ettari, pari a 3080 leghe quadrate; per cui i territori con- 
cessi all'impresa sarebbero ridotti a 31.027 leghe: dalle quali to- 
gliendo, ancora quei terreni concessi in affitto, su cui l'impresa non 
può contare che alla scadenza dei contratti, e la parte della Gover- 
nazione del Neuquen posta al nord del fiume omonimo e delPAgrio, 
si avrebbe una cifra netta di 29.000 leghe quadrate. Secondo gli 
studi dello stesso Garibaldi i terreni utilizzabili rappresenterebbero 
solo il 20 ^/o della superficie totale, e se si considera che i terreni 
già dal Governo venduti a terzi rappresentano evidentemente le 






Digitized by VjOOQIC 



BUS 

parti migliori, cioè circa il 10°/o dei terreni coltivabili, cosi solo il 
l^**/o> poco più, è quello di cui potrebbe disporre Plmpresa per 
poter iniziare senza grave dispendio le sae prime operazioni. Del 
resto, ammettendo anche che i terreni colonizzabili affidati airimpresa 
rappresentassero il 20**/o della superficie totale si avrebbe una su- 
perficie di circa 5700 leghe quadrate (1), non già unita, ma costi- 
tuita dalla somma di piccole superficie di terreno, che si estendono 
per la maggior parte, lungo il piede orientale della Cordigliera, e 
quindi lungi dai punti che dovrebbero servire di base alle prime 
operazioni coloniali. Di ciò bisogna tener molto conto, per com- 
prendere le principali difficoltà che incontra un'intensa colonizzazione 
della Patagonia. 

Lo studio che precedentemente abbiamo fatto della Geografìa della 
Patagonia ci ha dimostrato che i soli luoghi atti sia alla pastorizia 
sia all'agri col tura sono le coste dell'Atlantico, in diverso grado, s'in- 
tende, secondo i luoghi, le valli dei grandi fiumi, il Rio Negro, il 
Rio Chubut col Chico, il RiO Santa Cruz, ed in parte anche quella 
del Rio Gallegos, e finalmente le valli delle Precordigliere e spe- 
cialmente i dintorni dei laghi e le diverse valli dei fiumi minori. 11 
resto del paese è arido, senza alberi e non suscettibile di coltiva- 
zione senza grandi opere di canalizzazione, ed in gran parte anche 
di natura vulcanica e quindi affatto sterile (2). La natura del ter- 
reno spiega quindi molto bene l'attuale paleografia della Patagonia; 
anche qui, come in tutti i paesi, i centri abitati sorgono in quei 
luoghi che abbondano di acque e dove le comunicazioni non sono 
troppo difficili. Se i paesi più fertili della Patagonia invece di tro- 
varsi ai piedi delle Cordigliere si trovassero lungo le coste del- 
l'Atlantico, certo la Patagonia non sarebbe ancora cosi povera di 
popolazione. 

Il principio fondamentale che ha retto sempre, e regge qualunque 
colonizzazione che si tenti in un territorio, sia questa dovuta all'ini- 
ziativa ufficiale all'impulso del capitale privato, è quello che sta- 
bilisce che la popolazione di una zona comincia sempre dai terreni 
buoni, si estende ai mediocri e finisce per invadere quelli che prima 
hanno presentato delle difficoltà che sembravano insormontabili (S). 
Dunque, se nella zona di territorio che si estende ai piedi della 
Cordigliera delle Ande vi sono terreni di gran lunga superiori a 



(1) Ricordiamo che la lega quadrata equivale a 2500 ettari circa. 

(2) Vedi Rivista Geografica It„ 1900, Numeri I, II, III e IV. 

(3) R. Garibaldi. Progetto di eoloniz iasione eco. pag. 26. 



Digitized by VjOOQIC 



jj'^^j^,^y^r 



394 

quelli della costa, che possono essere dati immediatamente alla col- 
ti vazì od e, che presentano difficoltà minime al colono, che non difet- 
tano di acqua e che, in conseguenza, possono formare in brere ana 
nuova sorgente di produzione, perchè non si dovranno utilizzare pei 
primi? Certo la risposta non può essere che affermativa a questa 
domanda del Garibaldi; ma ecco che si presenta la questione punto 
facile delle vie di comunicazione. Ne tratteremo di qui a poco. 

Quale è il costo dei terreni che il Governo Argentino venderebbe 
all'impresa? II valore delle 5700 leghe quadrate è di circa 37,000,000 
lire. Una società però che possedesse solo questa somma sarebbe 
affatto inadeguata alFimpresa, avendo essa non solo l'obbligo della 
compera del terreno, ma dovendo ancora creare basi di esportazioni 
legandole ai centri abitati con una larga rete di strade. 

£ il Garibaldi molto assennatamente conchiude che un'Impresa che 
assuma la responsabilità di una colonizzazione cosi vasta non può 
operare se non con un capitale quattro volte superiore (1). 

I terreni demaniali che si concederebbero all'Impresa (art. 15) sa- 
ranno divisi nelle seguenti categorie: a) terreni coltivabili; ò) ter- 
reni a pastorizia; e) terreni industriali. Ciascheduna delle due prime 
categorie è suddivisa in altre tre, secondo la maggiore o minore po- 
tenza di produzione (art. 16, 17) ed i terreni industriali secondo il 
loro genere di sfruttamento (art. 18). I terreni coltivabili di 1.* ca- 
tegoria possono essere dall'Impresa acquistati al prezzo di circa 
lire 4,50 l'ettaro, quelli di 2.* categoria a lire 2,25 l'ettaro, quelli di 
3.' a lire 1,15 l'ettaro (art. 20). I terreni a pastorizia saranno pa- 
gati al Governo a titolo di affitto al prezzo seguente: di 1.* catego- 
ria, lire 450 ogni lega (2500 ettari); di 2.*, lire 337,50 la lega; di 
3.^, lire 225 la lega (art. 22). I terreni che l'Impresa occuperà per 
strade urbane e rurali o per edifici pubblici saranno ceduti dallo 
Stato gratuitamente (art. 25), come pure tutti i terreni per la co- 
struzione di ferrovie, canali di navigazione e di scolo e di irrigazione, 
riserve d'acqua ed altre opere di servizio pubblico (art. 26) per i 
quali lavori il governo dovrà pure concedere il diritto esclusivo di 
costruzione (art. 42). 

Le colonie fondate dall'Impresa sono considerate, come di sua pro- 
prietà (art. 78) e finchò resteranno sotto l'ingerenza di essa (100 anni, 
art. 2) i coloni sono obbligati a pagare una sola tassa allo Stato, 
tassa che in ogni caso non potrà eccedere il 5^/o (art. 39). I porti 
adibiti dall'Impresa all'esportazione da e per le colonie, sono dichia- 



(1) R. Garibaldi. Progetto eoe, pag. 29. 



fc Digitized by VjOOQ IC 



rati porti franchi, finché dora la sua gestione (art. 40): essa avrà 
pnre il diritto di costruire una ferrovia che unisca qualunque punto 
de^saoi territori più prossimi con la capitale federale (art. 42). 

L'impresa non può introdurre nessun colono ne' terreni scelti per 
le colonie se prima non avrà costruito le strade maestre, misurato 
e diviso i terreni in lotti, tracciato le strade vicinali, provveduto 
pel ricovero de'coloni (art. 50). Le colonie s'intendono formate di 
gruppi di 1000 famiglie circa (art. 49) sopra nn terreno di 18.000 
ettari di superficie (art. 53) diviso in lotti di 6 ettari ciascuno se i 
terreni saranno di L* categoria; di 10, se di 2.*, e di 15, se di 3.* 
(art. 54). Nello stabilire Testensione di questi lotti si è tenuto conto 
specialmente della capacità del colono al momento in cui abbandona 
l'Europa, cercando di impedire ch'esso, mirando com'è naturale, ad 
acquistare la maggior estensione di terreno possibile, non sia per 
ciò stesso spinto ad unicamente sfruttare il suolo senza miglio- 
rarlo (1). 

L'amministrazione delle colonie in tutti i suoi rami è riservata 
all'Impresa, la quale può organizzarle amministrativamente nel modo 
che crederà migliore (art. 62): però, per lo stato civile e per l'am- 
ministrazione della giustizia, il governo nominerebbe funzionari pro- 
pri dell'Impresa debitamente autorizzati ed idonei (art. 63). La 
posizione politica dei coloni introdotti dall'Impresa e dei suoi im- 
piegati residenti nel territorio è regolata dalla legge del ì:' otto- 
bre 1889. Il Governo Argentino dovrà provvedere alla sicurezza 
generale della colonia, anche valendosi di funzionari della colonia: 
le spese relative saranno a carico della Società (art. G7). Le opera- 
zioni dell'Impresa dovranno cominciare entro il termine di due anni 
dalla data in cui gen. R. Garibaldi o l'Impresa, che si formi, abbiano 
ottenuto l'approvazione di questo contratto da parte del Congresso 
Nazionale, sotto pena dell'annullamento (art. 79). 

Come si vede il progetto è grandioso, e, almeno nelle sue linee 
generali, coscienziosamente studiato. Prima di esporre il nostro pa- 
rere vediamo quali furono le critiche principali che vennero mosse 
contro di esso. 

Dapprima non mancarono quelli che, com'era naturale, senz'altro 
dissero che la Patagonia non era un paese capace di colonizzazione. 
Alla leggerezza ignorante di anonimi giornalisti si può fare a meno 
di rispondere; ma certo merita un serio esame un articolo dell'ono- 



(1) R. Garibaldi. Progetto ecc. pag. 36-37. 



Digitized by VjOOQIC 



'1 



306 

re voi e Branialti, valente economista e benemerito geografo (1). 

^ L'on. Brunialti se non si mostra benevolo alla colonizzazione della 

Patagonia deve, in verità essere scusato, pensando ch'egli già ven- 
ticinque anni fa aveva proposto per l'immigrazione italiana nel Sud 
America un paese certo più bello e fertile della Patagonia, cioè 
l'Uruguay e lo Stato di Rio Grande do Sul (Brasile): la sua propo- 
sta (e fu certo un gran male) non ebbe seguito. Mi pare però, con 
tutto il rispetto che devo all'illustre professore, che fra il dire che 
i terreni da lui proposti anni or sono, erano migliori della Patago- 
nia^ ed il dire che questa è un deserto arido e sterile con qualche 
oasi solamente verso le Cordigliere ci corra di molto. La Patagonia 
è molto meno felice dell'Uruguay e della regione di Rio Grande do 
Sul, ma non si può affatto dire incapace di colonizzazione; non è un 
deserto arido e sterile come non è una terra promessa; anche qni 

* « sunf bona mixia malis ». Il Brunialti si servi per fare il sno 

studio specialmente dell'opera recentissima del Carbajal: La Pata- 
gonia f2): ora il Carbajal, direttore dell'Osservatorio Meteorologico 
di Patagones, e quindi in grado di conoscere molto bene il paese, 
non è punto d'opinione che la Patagonia sia un deserto arido e ste- 
rile : ciò si può facilmente rilevare dal suo libro e ciò pure mi ripetè 
più volte in private conversazioni ch'ebbi la fortuna di avere con lui. 
L'ing. CipoUetti, romano, il quale attualmente trovasi nella Pata- 
gonia a servizio del Governo Argentino, scrisse, com'è noto alla 
Tribuna di Roma (20 settembre 1899) un articolo in cui descrive 
quel paese coscienziosamente ed in modo molto lusinghiero. Si leg- 
gano le relazioni che i numerosi missionari della Congregazione sa- 
lesiana di D. Bosco pubblicarono nel Bollettino Salesiano, descrivendo 
la Patagonia, ch'essi per doveri di missione percorsero in lungo ed 
largo e ci faremo di quel paese un'idea chiara e precisa. Non man- 
cano del resto anche le pubblicazioni scientifiche: ho già ricordato 
l'opera geniale del Carbajal e potrei citare tutte le relazioni dei viag- 



(1) A. Brunialti. La Patagonia e la sua colonizzazione^ in Rassegna Sa 
I 2Ì07ìale, 1900 fase, del febbraio pag. 506-594. 

I (2) È uscito in questi giorni il II volume della grande opera del prof. Lino 

Del Valle Carbajal: La Patagonia. Esso tratta della CZimato/o^ta e della Storia 



Digitized by VjOOQIC 



^97 

giatori che per conto del Governo Cileno o del Governo Argerjtino 
percorsero specialmente la regione Andina, in occasione delle que- 
stioni di confine fra le dae repubbliche. Ma non posso tacere delle 
numerose pubblicazioni relative alla Patagonia comparse nelle varie 
annate della Revista del Museo de la Piata diretta dal Moreno, il 
quale si può dire che fu l'anima di tutte le esplorazioni scientifìcbe 
ch'ebbero per iscopo la parte meridionale del Sud America. 

Il suo Viaje a la Patagonia Austral (1) in cui descrive un viag- 
gio compiuto in quel paese nell'anno 1871-77 è una pittura fedele 
delle parti meno felici della Patagonia, eppure qua e là il suo stile 
alle volte si fa sin troppo vivace. Il suo amore per la Patagonia 
crebbe sempre quanto più ne conobbe le bellezze e le ricchezze. Ecca 
come descrive la Vega do Pulmari: « Esa region de Pulmary y sus 
alrededores es una de lasmas hermosas que he visto en mi vida y 
bien aprovechada par la Nacion seria, a no dudarlo, en breve tiempo 
un centro de activitad si la colonizacion si hiciera con elementos 
que correspondan al suelo. Pero, para esto es indìspensable rehacer 
nuestras leyes de colonizacion, que si bien pudieron tener su apli- 
cacion cnando se creia que el territorio argentino fiscal terra el tipo 
general de la Pampa — el Llano — boy que felizmente se sabe que 
tenemos territorios tan variados en su costitucion fisica que permeti* 
ran nuestra mayor riqueza, es necesario estira ular el aprovechamento 
racional de la tierra y sus recorsus naturales » (2). Ed a splendidi 
colori dipinge il paese da Chasmalal a Norquìn, la valle dell'Albu- 
mine, i dintorni di Junin de los Andes (3), della Colonia 16 Ot- 
tobre (4), del lago Nalsuel Kuapi (5) ecc. ecc. 

G. Glendi infine, parlando nella stessa Rassegna Nazionale del 



(1) F. MoRKNO. Viaje a la Patagonia Austral emprendido bajo lor auspicio 
del Gohiemo nacional 1876 78. Buenos Ayres, 1879. Voi. I. Non so se sia pub- 
blicato anche il secondo. 

(2) F. Moreno. Apuntes preliminare» ecc. pag. 233. 

(3) A Junin de los Andes dei proprietari che comperarono il terreno dal Go- 
verno Argentino a meno di un pezzo Tettaro, lo rivendettero ora facendolo pa- 
gare 400 pezzi l'ettaro. Apuntes ecc.^ pag. 238. 

(4) « Verdaderamente aquella tierra es una meravilla de ferii liiad ». Apun- 
tes eci?,^ pag. 279. 

(5) « Alli los borques son immensos, abuntantea en maderas de construction; 
la lozania de la vegetacion es esplèndida; las llanuras de frutìllos embaUamaa 
el aire de los Andes que pierde sa crudeza entre los àrboles; y los belecho» 
elegantes, preciosos geranios, calceolarias y adesroias de coiores tìvos, matizau 
las orillas del bosque y de los torrientes »... Viaje a la Patagonia Australt 
pag. 37. 



Digitized by VjOOQIC 

^ à 



wm 



398 

Progetto di colonizzazione del Gen. Garibaldi faceva ad esso vari 
appunti d^indole diversa; raa si opponeva assolutamente alle idee dei 
Brunialti circa la sterilità della Patagonia, ove il Glendi, giovane 
salesiano di bell'ingegno, si trova da otto anni. Egli termina il suo 
articolo, dicendo che i territori del Rio Negro, del Limay e del Nen- 
quen una volta che fossero eseguiti i lavori di cui si parla nel pro- 
getto alTart. 50, e quando gli Italiani avessero dei buoni rappresen- 
tanti, i quali facessero rispettare i loro diritti conculcati dalle autorità 
inferiori, sarebbero degni di essere colonizzati, e sarebbero una fonte 
preziosa di prosperità nazionale (1). 

Concliiudo adunque col Giannitrapani che « la Patagonia non è 
quella leggendaria terra di desolazione degli antichi geografi, perchè 
ormai valenti esploratori ci assicurano ch'essa possiede zone favorite. 
le quali si prestano ad una proficua colonizzazione agricola ed indu- 
striale, anche per le sue condizioni climatiche che, in generale, non 
sono tanto dissimili da quelle dell'Italia settentrionale e centrale (2; 

Ma ecco che si presenta spontanea una questione: se la Patago- 
nia è un paese in parte fertile e quindi colonizzabile, come si spiega 
che, malgrado tanti tentativi fatti dal Governo Argentino e da pri- 
vati, la colonizzazione vi si trova solo agli inizi e, bisogna dirlo, non 
ovunque in prospere condizioni? 

Rispondo primieramente che la mala riuscita di tante colonie im- 
piantato dal Governo Argentino si deve al fatto ch'esse molte volte, 
per la poca conoscenza del paese, erano mandate in luogbi inadatti, 
sia per la mancanza di mezzi di comunicazione sia per mancanza dei 
generi di sussistenza più necessari. Il Moreno ricorda a questo pro- 
posito la colonia Sargente Cabrai e la colonia indìgena S. Martin 
che furono situate in terreno fertile è vero, ma senza legna, mentre 
poco lungi v'erano luoghi ricchi di alberi, che ben presto caddero 
in mani private (3) Un'altra colonia pastorizia inglese dovette es- 
sere abbandonata, perchè, dopo la tosatura delle pecore, trattandosi 
di mandare la lana al mare, si calcolò che il costo del trasporto 
era superiore al prodotto della lana, la quale fu quindi abbandonata 
in mezzo ai pascoli. 



/Tv r\ n —«..,..,, 



Digitized by VjOOQIC 



^ SI m^m 



899 

Quest'ultimo fatto c'invita a trattare di un'altra causa della mala 
riuscita di tentativi finora fatti di colonizzazione, cioè della man- 
canza di strade e di mezzi di comunicazione. I terreni più fertili 
della Patagonia si trovano al piede orientale della Patagonia^ sepa- 
rati dall'Oceano Pacifico dall'alta catena Andina, divisi dairAtlantico 
per largo spazio di terreno arido e di mesete. Ora, a che scopo col- 
tivare un paese, i cui prodotti poi non si possano esportare e met- 
tere in commercio? 

Le vie di comunicazioni sono, adunque, la condizione più necessa- 
ria per la prosperità delle colonie che si volessero impiantare nella 
Patagonia. È vero che non mancano i fiumi navigabili: ma sono 
troppo pochi pel bisogno e non sempre sicuri: in ogni caso è neces- 
sario organizzare una navigazione regolare con vapori rapidi, perchè 
il tratto di paese fra i terreni fertili e la costa atlantica, ove sareb- 
bero i depositi di esportazione, non è breve. Comunque sia sono da 
farsi preventivamente grandi spese, rendendosi necessaria la costru- 
zione di numerose strade interne fra le varie parti del territorio 
capaci subito di coltivazione intensiva, e più ancora la costruzione 
di ferrovie fra l'interno o la costa. 

Il Moreno, che è colui, ripeto, che conosce meglio le condizioni ed 
i bisogni della Patagonia, considerando appunto la necessità dì 
ferrovie fra la regione Andina e l'Atlantico progettò alcune ferrovie 
di cui espongo ora il tracciato. 

Due sarebbero le principali linee ferroviarie che dovrebbero co- 
struirsi: esse avrebbero per base rispettivamente Porto S. Antonio 
e Tilly Eoad. 

Il Porto S. Antonio (Golfo di S. Mattia) oltre a essere ben ripa- 
rato è pure abbastanza profondo si che potrebbero trovar rifugio 
navi che peschino fino a sei metri e mezzo: per ottenere buona 
acqua potabile basta scavare fino a 5 metri di profondità. Da Porto 
S. Antonio a Biedma sul Rio Negro la ferrovia sarebbe di facile 
costruzione attraverso campi fertili ed abbondanti di acqua: non con- 
vien fare Biedma centro di esportazione, perchè il Bio Negro per- 
mette Tentrata solo a quelle navi che pescano non oltre tre metri 
e mezzo e con bel tempo. Da Porto Antonio un altro ramo correrebbe 
sempre lungo la riva destra del Rio Negro fino all'isola fluviale 
Choele-choel : e questo tronco sarebbe più utile di quello che unisse 
Ohoele-choel con Bahia Bianca, primieramente, perchè la distanza 
sarebbe più breve (170 Km. contro 600), e poi perchè il porto San 
Blas è molto meno sicuro di quello di 8. Antonio. Da Cboelechoel 
la linea continuerebbe sempre lungo la riva destra del Rio Negro, 



Digitized by VjOOQIC 

ò ^ 



^^nT 



400 

costeggerebbe per un tratto il Limay, quindi per Junin de los 
Andes e Villarica andrebbe a terminare a Valdivia, unendo cosi i 
due Oceani. Un tronco importantissimo attraverso a splendidi pa- 
scoli la unirebbe al lago Nahuel Huapi i cui dintorni sono special- 
mente favorevoli ai bovini, mentre i folti boschi fornirebbero grande 
quantità di legname per l'esportazione. 

L'altra ferrovia partendo da Tilly Read attraverso terreni belli e 
fertili del Chubut, specie lungo le rive del Rio Chico (Chubut) rag- 
giungerebbe i laghi Musters e Colhuapi, quindi per la valle del Rio 
Sanguerre si spingerebbe verso occidente poi verso nord-ovest (1) 
fino a raggiungere Taltra linea al lago Nahuel Huapi, non senza prima 
aver mandato due tronchi rispettivamente ai laghi Buenos Ayres e 
Fontana (2). 

Queste due grandi linee sarebbero di prima necessità, come ho 
detto, per portare i prodotti della fertile regione al mare, ma in pro- 
gresso di tempo, col crescere dei centri abitati, si renderanno pure 
necessarie molte altre linee interne. 

Ora è molto ovvio conchiudere che opere pubbliche cosi grandiose 
come quelle di cui abbiamo parlato, possono unicamente esser fatte, 
come nota anche lo Scalabrini, o da un governo che spende i denari 
di tutti a beneficio comune, o da un'impresa che lavori per se, che 
sia certo che il denaro speso ritornerà a suo vantaggio. Un vantag- 
gio dunque di capitale importanza, si realizzerebbe con una coloniz- 
zazione complessiva e contemporanea della Patagonia, da parte di 
una unica società; e cioè si sopprimerebbero di un colpo i due più 
forti ostacoli, contro cui urterebbe una colonizzazione frazionata e 
alla spicciolata, e che consistono nella mancanza di viabilità e nella 
lontananza dei centri di consumo. Infatti, una colonizzazione fatta sa 
larghissima scala e simultaneamente in diversi punti, non sarebbe 
soltanto produttrice, ma largamente consumatrice de'sooi prodotti, e 
per un buon numero di anni la maggior parte della produzione agri- 
cola o pastorile sarebbe assorbita dai nuovi immigrati e dai terreni 
che la società dovrebbe mettere a pascolo (3). 

La grandiosità delPimpresa sarebbe adunque, più che una difficoltà, 
un'arra sicura di riuscita. 

Non credo poi, come l'amico Glendi, che il Governo Argentino 



(1) Percorrereltbe in questo tratto la bellissima valle del Genua fino alle sor- 
genti. Cfr. Carbajal, La Patagonia^ Voi. I, pag. 186. 

(2) Moreno. Apuntes ecc. pag. 344 e segg. 

(3) Scalabrini A,, La nostra emigrazione ecc, pag. 81. 



Digitized by VjOOQIC 



401 

debba temere di vedere menomata la sua autorità sopra un terreno 
cosi esteso (1) quando i coloni Italiani che intendessero stabilirsi in 
quei luoghi per sempre, prendessero la cittadinanza Argentina, come 
il Garibaldi crederebbe conveniente, osservando che la Germania, 
molto più pratica di noi, quasi obbliga i coloni Tedeschi stabiliti nel 
Brasile a diventar Brasiliani (2). Grande, del resto sarebbe il vantag- 
gio per la Repubblica Argentina di vendere integralmente i terreni 
fiscali della Patagonia a prezzi diversi, secondo il loro valore e non 
in blocco ed alla cieca, come ha fatto pel passato, ed a contanti. 

Ma non basta. La vendita fatta non toglierebbe alla Repubblica 
Argentina un capitale, e sarebbe la causa dell'importazione di molti 
altri capitali produttivi, poiché secondo i calcoli fatti da eminenti 
statisti nord-americani, ogni lavoratore immigrante fa aumentare la 
ricchezza del paese ospitale di lire 5000 circa. 

La Repubblica Argentina accolse sempre come propri figli gli Ita- 
liani: noi quindi siamo in dovere di amarla come seconda patria 
ospitale di tanti nostri fratelli: siamo in dovere di augurarle e di 
procurarle colla concordia e col lavoro un avvenire prospero e lieto. 

Il progetto del Garibaldi non è forse privo di difetti e di lacune (3), 
ma anche cosi com'è dimostra ch'esso è frutto d'uno studio coscien- 
zioso, ed è ispirato al bene comune dell'Italia e dell'Argentina. Non 
dev'essere dunque preso alla leggera, ma ponderato da chi è di ra- 
gione, né cosi presto dimenticato, come troppo spesso succede in que* 
sto nostro paese. 

Sarebbe davvero doloroso che sparisse il sogno cosi caro di veder 
sorgere nella ospitale Argentina una nuova Italia, la quale forte dei 
gloriosi ricordi del passato, non si sentisse, come l'antica, ridotta da 
quelli all'immobilità, ma ne fosse anzi spinta alle più alte radiose 
cime del progresso economico e civile. 



(1) G. Olendi. La Patagonia e la sua colonizzazione^ pag. 457. 

(2) R. Garibaldi. Progetto ecc. Alcune osservazioni preliminari, pag. 6. 

(3) Sarebbe primieramente necessario chiarire bene le relazioni fra la società 
ed i coloni: questa è una delle parti più deboli dell'attuale progetto. 



Digitized by VjOOQIC 

ò ^ 



40i 



V. 

LA LUNDA E I SUOI POPOLI 

di Mons. OIUSEPPE TON*! 



Ai giorni nostri si fanno degli stadi profondi non solo sulla sto- 
ria dei popoli antichi e moderni d'Europa e d'Asia, calla del genere 
umano e della sua storia primitiva, ma eziandio delle Americhe e 
perfino dell'Africa. 

Si ora è venuta la volta dell'Africa, e non solo dell'Africa che 
gode di qualche civilizzazione cioè TAfrica maomettana, specialmente 
del Nord, (e certamente una certa civiltà godette l'Africa punica e 
romana); ma altresì dell'Africa più o meno barbara e selvaggia lito- 
ranea e interna, e più interna che litoranea. 

La storia dell'Africa selvaggia è tuttora bambina e in fascie; per- 
chè è opera della giornata. Intorno a quest'opera della storia del- 
l'Africa selvaggia lavorano in modo particolare i viaggiatori e i mis- 
sionarìi del Continente nero, man mano che si avanzano nelle sue 
sterminate e ignote plaghe. 

Il fatto storico che venne da tutti constatato nell'Africa selvaggia 
è quello delle grandi migrazioni de'suoi popoli, come quelle dei po- 
poli primitivi dell'Asia e d'America, che ora appena sono cessate, 
se pure sono cessate affatto, coll'apparire delle genti civili, inglesi, 
tedeschi, italiani, portoghesi, spagnuoli, in mezzo a loro. Per cui si 
può dire, che le grandi migrazioni sono in generale una delle prin- 
cipali caratteristiche dei popoli privi di civile coltura. 






Uno degli scrittori, che si distingue oggidì nelle ricerche storiche 
e storografiche e diciamo anche linguistiche dell'Africa selvaggia è 
il generale portoghese Enrico Diaz de Carvalho, che ci onora della 
sua preziosa amicizia. Il Carvalho passò, si può dire, tutta la sua 
vita in Africa nei possedimenti portoghesi specialmente dell'Africa 
occidentale nella qualità di ufficiale del suo governo passando pei 



Digitized by VjOOQIC 



403 

diversi gradi della milizia coloniale del suo paese, nella quale arrivò 
al grado di generale attualmente da lui posseduto. 

n Carvalho studiò con cura particolare le popolazioni, tra le quali 
egli visse o che vennero da lui visitate; le popolazioni di Angola, 
Loango e della Lunda. E in questo il (Oarvalho) noi non esitiamo 
a chiamarlo il prìncipe e il padre della storia di quelle popolazioni, 
tanta è la diligenza da lui usata per venire a capo di risultati posi- 
tivi ed attendibili. 

Carvalho sparse il frutto delle sue perseveranti ed attente osser- 
vazioni nelle svariate e voluminose sue pubblicazioni, tra le quali 
primeggia quella splendida e grandiosa che ha per titolo; « Expe- 
dÌ9ào Portugueza ao Muatiànvua 1884-88 » Il gen. Carvalho si ad- 
dimostra nelle sue opere uno dei primi dotti dell'età nostra per quello 
che si riferisce in ispecie all'Africa interna e selvaggia; e noi deplo- 
riamo che le sue opere non siano conosciute come si meritano fuori 
del Portogallo, meravigliandoci, come, per quanto ci consti, non ne 
sia stata fatta traduzione alcuna almeno in francese od inglese. 
L'ultima opera pubblicata da Carvalho nel 1898 è una storia parti- 
colareggiata e documentata del distretto di Cassanje. 

Noi in questo articolo vogliamo richiamare Tattenzione di chi legge 
sulla storia delle popolazioni della Lunda in base al materiale rac- 
colto da Carvalho. 

* * 
La Lunda occupa una estesissima zona interna dell'Africa australe 
fra il 6° e 12^ lat. Sud e il 16° e 26° long. Est Greenv^rich, in con- 
dizioni speciali di stagioni e clima 

La Lunda è abitata da diverse e svariate tribù, circondate tuttora 
di oscurità, non essendosi finora potuto raccogliere i dati indispen- 
sabili all'intento di squarciare i veli, che ne coprono le condizioni 
antropologiche ed etnografiche, la storia e la lingua. Mancano altresì 
i documenti di raflEronto delle razze dell'Africa centrale con quelle 
del Nord e del Sud e degli altri continenti. 

Carvalho però non si scoraggiò di fronte a queste difficoltà e ad 
altre incontrate, e, col soccorso della lingua, delle armi, degli istru- 
menti d'industria, delle abitudini e costumi potè mettere assieme, 
oltre la storia naturale, anche una storia tradizionale di quelle popo- 
lazioni abbastanza conforme alle esigenze della critica storica. 



Digitized by VjOOQIC 



404 

all'epoca delle scoperte portoghesi, dovevano essere più estesi, e che 
possono anche fare sapporre vere le informazioni del portoghese 
Duarte Lopes circa V esistenza di un mare nell'Africa centrale di 
mezzodì in tempi remoti. A tale proposito Carvalho si domanda se 
non sarà forse questo mare interno africano, ora scomparso, il vero 
Calunga, di cai le popolazioni di quelle plaghe d'Africa hanno molte 
volte fatto cenno agli esploratori ? Il vocabolo, Calanga, fu nelle 
esplorazioni ultime dei laghi equatoriali d'Africa, trovato presso i 
naturali come significativo di grande lago. Questo fatto non è a tra- 
scurarsi nello studio della geologia dell'Africa centrale interna. 

* 
* * 

Le tribù che formano la popolazione della Lunda non devono co- 
stituire una razza particolare della regione, ma hanno tutta l'appa- 
renza di gente venuta da luoghi diversi e lontani con successive 
migrazioni in tempi relativamente moderni. 

Carvalho non aflFronta la quistione circa la precisa provenienza 
di quelle tribó. Egli opina, che derivino dalle latitudini settentrio- 
nali e precisamente dal Nord- Est dei laghi equatoriali, piuttosto, che 
dal Sud, ma dichiara assolutamente di non avere in mano dati posi- 
tivi per sostenere con solidi argomenti questa sua opinione. Neppure 
crede che provenghino dalle plaghe lacustri subequatoriali, dalle quali 
si distacca il Nilo. 

Causa impellente di tali migrazioni è il sistema generale, del vi- 
vere sociale dei negri fra quali la tribù, che si crede e può an- 
che essere più delle altre svegliata e forte, move guerra alle altre 
per impadronirsene coll'imposizione della schiavitù. In questi casi si 
verificano delle grosse migrazioni dai propri territori di tribù intere 
per altri paesi per sottrarsi dalla schiavitù nemica. 

Altra causa d'emigrazione nei popoli barbari e selvaggi è anche 
la lotta per l'esistenza. Quando in una regione mancano assoluta- 
mente i viveri per campare che fanno i rispettivi abitanti? Abban- 
donano il luogo natio perfino in massa per andare in cerca di pane 
in altri luoghi. È ciò che avvenne ed avviene tuttora in Africa. Le 
tribù più forti si slanciano sulle più deboli, come già fecero i bar- 
bari di tutti i tempi sui popoli dell'Europa orientale e questi sopra 
quelli dell'occidentale. 

Del resto sono note a tutti le lotte feroci, in cui vivevano i po- 
poli della Lunda quando vennero scoperti dai Portoghesi, e più o 
meno vivono tuttora. Costituisce questo un degradamento tale da 



Digitized by VjOOQIC 



405 

farli discendere assai al basso nei gradini della civiltà e della scala 
sociale. Essi sono pronti alla lotta al primo pretesto, che si presenta. 

Fatto da non trascurarsi nella storia delle popolazioni della Lunda 
è Io stato d'isolamento, in cui vivevano, come viene provato dal- 
Pinfima loro cultura e dai processi più primitivi per la pesca e la 
caccia fra di loro in uso. 

Un simile stato sociale delle tribù della Lunda è conseguenza 
eziandio della vita nomade, che conducono. 






Le tribù della Lunda nelle loro lotte intestine, che furono sem- 
pre la causa principale del loro estremo degradamento, ci richiamano 
alla memoria le lotte e le successive devastazioni dei popoli d^Eu- 
ropa, unitamente ai barbari d'Asia invasori durante la caduta delPim- 
pero romano. Quei popoli ottennero il loro svolgimento col ferro e 
nuotando nel sangue, finché al contatto delle leggi di Roma e de'suoi 
cittadini, che non tutti avevano perduto le avite virtù, e .special- 
mente sotto la salutare influenza del cristianesimo, abbracciarono la 
coltura e diedero origine alle presenti nazioni civili d' Europa. 

Per tal maniera anche i popoli barbari e selvaggi della Lunda, 
posti in relazione coi Portoghesi e cogli altri popoli d'Europa ai 
venuti ai loro confini ed anche in mezzo ad essi penetrati, e col- 
l'azione efficace dei Missionari, potranno entrare nelle vie del pro- 
gresso cristiano e cosi civilizzarsi. 



* * 



Intanto le trasformazioni morali e sociali, per le quali passarono 
quelle popolazioni, si perdono nella notte dei tempi. Al proposito 
Carvalho dice che unicamente le tradizioni popolari congiunte alla 
lingua possono eventualmente condurre alla ricostituzione di quello 
stato od impero africano, altre volte tanto rinomato del potente 
Muatianvua, che ebbe per punto di partenza la Lunda, colla quale 
ora anche si confonde, e che passava come un mito presso i vicini 
ed è per tale ritenuto ancora da molti. 



* * 



Chi furono le genti prime abitatrici della Lunda e donde vennero 
già l'abbiamo toccato. Si congettura, che siano popoli provenienti 
dal Nord-Est dei laghi equatoriali d'Africa, e più su ancora unita- 
mente ai loro confratelli, i Bangalli, i Bendi, i Songo, i Quiochi, gli 
Xingi, ecc. spinti ad abbandonare le proprie terre, da popoli più forti 



Digitized by VjOOQIC 



406 

ed agguerriti di loro, alle loro spalle, forse dagli Etiopi antichissimi^ 
a migrare verso il Zaire, o Congo, nella direzione di Sod-Ovest. I 
Lunda sarebbero arrivati nei territori poscia da essi occupati se- 
guendo il Cassai, grosso affluente di destra del Congo. 

Quello, che pare certo è che nelle popolazioni della Lunda esiste 
un miscuglio di tribù soggette all'influsso dell'azione lunga, perni- 
ciosa e deleteria dei terreni alluvionali e pantanosi dei piani, dove 
si formarono e d'onde talora e spesso risultano modificazioni non 
solo nel fisico, ma altresì nel morale delle genti, che vivono in tali 
ambienti. Questo è certo, che il mezzo, come si dice, in cui l'indi- 
viduo vive, esercita molta azione sull'individuo stesso o in meglio 
o in peggio. Qui abbiamo il peggio. . 

* 

Una volta peraltro stabilitisi i Lunda nei loro territori viene na- 
turale domandarsi come vivessero e qual genere di vita menassero. 

Che 1 Lunda primitivi fossero pastori non si hanno sufficienti in- 
dizi per provarlo, né si sa di quale alimento preferito si nutrissero 
prima, che si introducesse fra di loro la manioca. Certamente si 
esercitavano nella pesca e nella caccia, ma con mezzi, che si man- 
tennero sempre gli stessi primitivi fino ai giorni nostri, o giù di li. 

Non vi è neppure argomento, che provi, come i Lunda passassero 
per un'età premetallica. Con tutto ciò sembra, che certe popolazioni 
abitatrici dei luoghi elevati prima dell'arrivo dei Lunda, che si sta- 
bilirono nei piani, conoscessero il ferro e il fuoco. Del ferro face- 
vano delle punte e dei coltelli rudimentali per perforare e preparare 
gli utensili della casa e le armi, utensili e armi di legno. 

Il vestiario dei Lunda era di semplici foglie d'albero per coprire 
appena le principali nudità; perchè il sentimento del pudore era 
presso di loro sconosciuto o quasi. 

Quanto a religione nelle tribù della Lunda Carvalho notò che essi 
si pascolano delle più grossolane superstizioni colla credenza nei fe- 
ticci, che le portano a commettere le crudeltà più rivoltanti e anche 
più assurde. 

L'arma primitiva degli abitatori della Landa, specie dei Bonghi, 
prima della costituzione dello stato del Muatiauvua deve essere stata 
la fionda. 

Carvalho, assunse minute informazioni di ciascuna tribù della Lunda 



Digitized by VjOOQIC 



407 

e si convinse che tutte hanno preso a svilupparsi progressivamente; 
ciò che è sopratutto dovuto al contatto delle popolazioni portoghesi 
di Angola, come gli abitanti di Angola progredirono pel contatto dei 
Portoghesi di questa provincia. 

Ora diamo qualche notizia dello stato di Muatiuanvua, al quale già 
accennammo, e che esistette nei territori dei Lunda, quantunque non 
manchi chi ancora, come dicemmo disopra, lo giadichi favoloso. Car- 
valho ha il merito, se non altro, di avere raccolte tutte le tradizioni 
al riguardo di questo stato africano ora scomparso. 

Queste tradizioni almeno, a nostro giudizio, devono possedere 
qualche fondo di vero. Dirle un completo ammasso di falsità ci sem- 
bra troppo. Anche la storia primitiva dei Greci e dei Romani si 
confonde nella mitologia; ma pure ha un fondo di verità. 

* 

He Ht 

Lo stato di Muatianvuo originò dalla tribù Bonghi, tra i fiumi Rn- 
bilaxi e Ruiza e fu sul principio abitato da diversi gruppi di popo- 
lazioni indipendenti e ciascuno col proprio capo chiamato « Signore 
di stato », che portava per distintivo il lucano (braccialetto di nervi 
umani). Però i capi, che erano tutti parenti udivano e rispettavano 
il più vecchio, Jala Màcu, residente a Galanhi tra i fiumi Calanhi e 
Cajidixi. Jala Màcu significa « madre delle pietre » ed un tal nome 
fu dato al capo per essere lui valente tiratore delle pietre colla 
fionda. 

Jala ebbe dalla sua prima moglie Conti o Condi due figli, Quin- 
gùri e Jala e una figlia Lueji, che presero il cognome comune di 
Jala, il nome paterno. 

Non essendosi dimostrati i figli di Jala abili al governo pei loro 
vizi e i maltrattamenti da essi inflitti al proprio genitore, questi 
prossimo a morire chiamò erede ed unica padrona de*suoi stati la 
figlia Lueji, che godeva la benevolenza degli altri capi, chiamati 
Muata. A questi Jala raccomandò di farla da consiglieri alla figlia e 
che nulla si deliberasse pel bene dello stato, senza prima essersi 
tutti intesi colla manifestazione ciascuno del proprio voto. Lueji però 
non doveva regnare direttamente; doveva nominare un successore al 
trono del genitore dotato delle qualità necessarie ad un buon go^ 
verno, udito il parere dei muata. 

La nomina del successore di Jala non fu fatta prontamente, che 
Lueji mostrandosi saggia nel regime dello stato, era rispettata da 



Digitized by VjOOQIC 



FT™pcr^irw^ 



403 

tutti quale sovrana, Lueji n eli' amministrazione dello stato seguiva 
costantemente il parere della maggioranza del consiglio dei muata, 
i quali avevano alla corte tutti un rappresentante. 

S'incominciò allora a dare allo stato il nome di ^ Landa » o 
« Runda », ohe deriva da ruda, amicizia, a denotare l'amicizia do- 
minante nei capi con Lueji, ed a perpetuarne la felice memoria. 

II titolo per altro conferito a Lueji, la sovrana, era di Suana 
Murtmday che significa « Signora delle terre ». 

Il tempo passava, quando un giorno le donzelle di Lueji, mentre 
si bagnavano nel Cajidixi videro arrivare al porto della sponda de- 
stra del fiume un gruppo di cacciatori armati, che dimandavano sale. 
Ne avvertirono esse la padrona Lueji, la quale ordinò al suo cana- 
punga (maggiordomo) di servire alla comitiva dei nuovi venuti nel 
regno abbondanza di viveri e da bere. 

La mattina del giorno appresso Lueji ricevette solennemente il 
capo dei cacciatori, Ilunga, nella sua residenza facendolo sedere a 
suoi fianchi su di una grande pietra adossata ad un albero in forma 
dì origliere, sulla quale usava sedersi suo padre, come su trono per 
udirne la storia. 

In seguito a ciò, è presto detto, Lueji affezionatasi a Ilunga per 
le sue belle qualità lo scelse in isposo trasmettendogli, consenzienti 
i capi, il braccialetto del potere ereditato dal padre. 

La cerimonia della consegna del lucano, ossia braccialetto, a 
Ilunga fu eseguita alla presenza di tutta la parentela di Lueji e di 
tutti i muata, plaudenti al nuovo sovrano, che si era acquistate le 
simpatie uui versali, e con grande solennità intorno alla pietra ed al- 
l' albero nominati, che si mostrano ancora oggidì al viaggiatore quali 
monumenti perenni del fatto. Queste cerimonie si ripetono le me- 
desime anche oggidì nella nomina dei capi della Lunda, meno qual- 
che variazione, conseguenza del progresso relativo fatto da quelle 
popolazioni. Gli augurii ed i precetti dati a Lunga nella sua assun- 
zione al trono pel buon governo dello Stato sono pur quelli che si 
davano sempre nella proclamazione d' ogni Muatianvua. 

Ilunga era figlio minore di Mutumbo, potentato della Luba, Stato 
vicino a quello della Lunda, che davasi alla caccia. 

A Lueji nacque presto un figlio, cui fu imposto il nome di Janvo, 
donde 3Iuatiauvua, Signore Janvo: Muata, Signore e Janvo nome 
proprio di persona. 



Digitized by VjOOQIC 



409 






Se nonché entrò presto la discordia nel regno della Lunda; che 
Qaingurì, fratello di Lueji, pigliando a pretesto le cerimonie troppo 
nmilianti, che Laeji esigeva doversi usare nel trattare con Ilunga e 
il figlio Janvo, cui fu dato il titolo di Muitia, titolo tanto antico 
quanto quello di Muatianvua, inalzò la bandiera della rivolta. 

Però Luingùri, sebbene avesse molti partigiani Lunda e Cassonga, 
preferi davanti al forte partito in favore di Lueji lasciare la Lunda 
e andarsene altrove, nei territorii di Muene Puto, dove col favore 
eziandio dei Portoghesi di Loanda costituì uno Stato vassallo di 
Muene Puto. 

Dalle circostanze, che accompagnarono V arrivo di Quingùri nei 
territorii di Loanda, si deduce che il fatto deve essere avvenuto o 
fra il 1606 e 1609 nel tempo di Emanuele Pereira Forjaz, governa- 
tore di S. Paolo, oppure fra il 1630 e 1633 al tempo del governa- 
tore Emanuele Pereira Oontinho. 

Conseguenza di queste date è la costituzione dello Stato africano 
di Muatianvua sul cadere del secolo XVI o sul principio del XVII. 






La partenza di Qaingùri destò molto rumore nella Lunda, specie 
nella regia. Lueji, preso motivo d' inseguirlo co' suoi, allargò i con- 
fini dello Stato dalla parte di Ovest, mentre gli altri suoi parenti 
pigliando diverse direzioni fecero lo stesso verso Nord e il Sud. 

Cosi ebbero origine gli Stati, che ingrossarono in seguito i' ira- 
pero di Muatianvua, e che finirono per essere assorbiti ai giorni 
nostri dal Congo Libero e dai possedimenti portoghesi dell' Africa 
occidentale. I Portoghesi vantarono sempre dei diritti sulla Lunda 
e il gen. Carvalho pubblicò al proposito un suo libro « A Lunda ». 

Ilunga sebbene venisse considerato come straniero nella terra dei 
Bongo pure fu sepolto sulla sponda diritta del Cojìdixi nel luogo 
stesso, in cui dormi la prima notte del suo arrivo nella Lunda. 

La successione al trono venne regolata in maniera che passasse 
per ordine di età a tutti i figli di Ilunga incominciando dal più an- 
ziano, e cosi si continuasse dopo coi figli dei più vecchi. Con que- 
sto sistema si rendeva impossibile la successione di padre in figlio. 



* « 



In altri articoli successivi ci riserviamo di ritornare sulP argo- 
mento delle popolazioni dell'Africa centrale di Sud per studiarle 
particolarmente dal lato linguistico ed etnografico. 



Digitized by VjOOQIC 



rf^^ ■ li^ ^r^ 



'^* "r "■ ■ 



410 



VI. 

LA CORSICA ^^^ 



studio antropogeografìco del Prof. F. TKATZlEil^ 

RIASSUNTO DA BARTOLOMEO GILARDI 



Il Ratzel ebbe nel 1880 occasione di trovarsi nella Corsica col 
Gregorovius, il quale gli fece osservare come sarebbe stato assai 
interessante uno studio sull'influenza che la natura insulare ebbe 
sulla storia dell'isola. Due soggiorni abbastanza lunghi in Corsica 
nel 1898 e nel 1899, fornirono al Ratzel l'occasione di tentare l'im- 
presa. 

I. Situazione ed estensione. — La Corsica (él*» 22' e 43** l' lati- 
tud. N.) è la più settentrionale delle grandi isole del Mediterraneo 
al cui allineamento è collegata da un'elevazione sottomarina, che 
non permette, fra la Corsica e la Sardegna, profondità superiori 
ai 100 m., e dal gruppo delle piccole isole Cavallo, Cai vezzi poste 
nello stretto di Bonifacio. Al nord ed all'ovest s'incontrano invece 
delle grandi profondità che giungono fino a 3000 m. circa, mentre ad 
oriente, tra la Corsica e Livorno, non si trovano profondità superiori 
ai 200 m. che raggiungono poi anche i 1000 m. procedendo verso sud. 

La Corsica è separata dalla Sardegna da uno stretto di 12 Km. e 
dalla Toscana da poco più di 80 Km. di mare; tanto poi colla prima 
che colla seconda essa ha molte affinità. La Corsica e la Sardegna 
formano coi loro assi longitudinali un angolo di quasi 52** coir asse 
della penisola appenninica, ed hanno come l'aspetto di una muraglia 
insulare che separa il mar Tirreno dalla metà spagnuola del Medi- 
terraneo. Il mare Tirreno risulta cosi, essendo anche chiuso dalla 



(1) Annales de Géographie, 15 luglio 1899, pp. 306-330. 



Digitized by VjOOQIC 



411 

Sicilia a sud, un mare interno, la cui importanza, per queste isole^ 
fu in ogni tempo molto più grande che la metà del Mediterraneo 
posta ad occidente che diventa alPopposto un mare interno. Quindi 
si spiega la differenza fra le due coste della Corsica che prendono 
il nome di banda di dentro e banda di fuori rispetto al Tirreno ed 
all'Italia. 

La Sardegna più vicina all'Africa ed alla Spagna subì fin dai 
tempi preistorici l'influenza punica ed iberica ; influenza che poi si 
fece sentire anche in altri tempi. La sua maggiore ampiezza poi, la 
facilità degli approdi, fece si che ad essa si rivolgessero con pre- 
valenza gli sguardi dei conquistatori, mentre la Corsica quasi non 
era curata, lasciata nell'ombra, e considerata solo come un'appendice 
della prima, più fertile e ricca. I loro destini furono pure separati; 
la Sardegna passò in potere dell* Aragona e della Spagna e più tardi 
del Piemonte, mentre la Corsica appartenne ai Pisani ed ai Geno- 
vesi; del resto anche oggi le relazioni fra le due isole non sono 
molte. La Sardegna è divenuta il rifugio di tutti i Corsi che dopo 
avere eseguito la loro vendetta non si trovano sicuri in patria.